John Cena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John Cena
John Cena July 2018.jpg
John Cena nel luglio del 2018
NomeJohn Felix Anthony Cena Jr.
Ring nameJohn Cena
The Prototype
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaWest Newbury[1]
23 aprile 1977 (41 anni)
ResidenzaTampa[2]
Residenza dichiarataWest Newbury[1]
Altezza184[3] cm
Altezza dichiarata185[1] cm
Peso dichiarato114[1] kg
AllenatoreUltimate Pro Wrestling[4]
Ohio Valley Wrestling[5]
Debutto5 novembre 1999[6]
FederazioneWWE[1]
Progetto Wrestling

John Felix Anthony Cena, noto semplicemente come John Cena (West Newbury, 23 aprile 1977[7]), è un wrestler, attore e rapper statunitense sotto contratto con la WWE.

Cena è il "volto" e l'uomo di punta della WWE sin dal 2005;[8][9] è una figura polarizzante tra i fan di wrestling, nonostante abbia interpretato un personaggio babyface (buono) per la maggior parte della sua carriera.

Nel 1999 ha iniziato la sua carriera nel wrestling con la Ultimate Pro Wrestling (UPW), dove ha detenuto l'UPW Heavyweight Championship; ha poi firmato un contratto di sviluppo con la World Wrestling Federation (WWF, in seguito ribattezzata WWE) nel 2000, debuttando nel roster principale nel giugno 2002. Cena ha vinto tredici volte il WWE Championship e tre il World Heavyweight Championship: ciò lo rende un sedici volte campione del mondo (record condiviso con Ric Flair). Ha inoltre ottenuto in cinque occasioni lo United States Championship e per quattro volte una cintura tag team (due regni con il World Tag Team Championship e due regni con il WWE Tag Team Championship). Ha vinto il Money in the Bank nel 2012, la Royal Rumble nel 2008 e nel 2013 e lo Slammy Award come Superstar of the Year nel 2009, 2010 e 2012. Cena vanta il quarto più alto numero di giorni combinati con il WWE Championship (dietro solo a Bruno Sammartino, Bob Backlund e Hulk Hogan) e ha lottato nel main event dell'evento di punta della WWE, WrestleMania, in cinque occasioni (XXII, XXIII, XXVII, XXVIII, XXIX).

Al di fuori del wrestling, Cena ha pubblicato l'album rap You Can't See Me, che ha debuttato al numero 15 della Billboard 200 degli Stati Uniti, e ha recitato nei film Presa mortale (2006), 12 Round (2009), Legendary (2010), The Reunion (2011) e come voce del protagonista nel film Ferdinand,[10] Un disastro di ragazza (2015) e Le sorelle perfette (2015). Cena ha anche fatto diverse apparizioni in programmi televisivi tra cui Mahunt, Deal or No Deal, MADtv, Saturday Night Live, Punk'd e Psych, oltre a essere stato ospite al Festival di Sanremo 2006, dove ha dichiarato di essere di origine italiana. Secondo Forbes è il wrestler più pagato al mondo: il suo contratto con la WWE si aggira sui 9.5 milioni di dollari annui.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cena nasce a West Newbury, una piccola città del Massachusetts distante cinquanta chilometri da Boston. I suoi genitori sono Carol e John Cena Sr, quest'ultimo originario del Sud Italia, come affermato dallo stesso Cena a Sanremo del 2006; inoltre è il secondo di cinque fratelli: Ben, Matt, Steve e Sean.[11] Dopo il diploma alla Cushing Academy, Cena frequenta lo Springfield College di Springfield, Massachusetts.[12] Negli anni del college indossa la maglia numero 54[12] della Divisione III All-American, la squadra di football del college: tale numero sarà successivamente utilizzato sul merchandise WWE di Cena.[13][14] Si laurea a Springfield nel 1998 con una laurea in fisiologia,[15] dopo di che persegue una carriera nel culturismo,[16][17] lavorando pure come autista per una società di limousine.[18]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ultimate Pro Wrestling (1999–2001)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 Cena inizia ad allenarsi per diventare un wrestler nella Ultimate Pro Wrestling piccola federazione californiana di proprietà di Rick Bassman, affiliata alla WWE. In questa federazione Cena assume la gimmick e il nome di "Prototype", un heel convinto di incarnare "il prototipo umano".[19][20] Debutta su un ring il 16 febbraio 2000 e nell'aprile di quello stesso anno vince il UPW Heavyweight Championship, mantenendolo per poco più di un mese.

Ohio Valley Wrestling (2001–2002)[modifica | modifica wikitesto]

John Cena firma un contratto con l'allora World Wrestling Federation (WWF) nel 2001. Entra nella Ohio Valley Wrestling (OVW), altra federazione satellite della WWF, dove viene messo in coppia con Rico Costantino. I due conquistano gli OVW Southern Tag Team Championship dopo aver vinto un torneo per assegnare i titoli vacanti, ma li perdono verso la fine dell'anno. Nel 2002 Cena si lancia alla conquista dell'OVW Heavyweight Championship detenuto da Leviathan (il futuro Batista, in WWE). Il 20 febbraio 2002 a Jeffersonville in Indiana, sconfigge Leviathan e ottiene il titolo che perde, tuttavia, il 18 maggio dello stesso anno per mano di Nova (Mike "Simon Dean" Bucci).

World Wrestling Federation/World Wrestling Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

Prime faide (2002–2003)[modifica | modifica wikitesto]

Cena esegue una F-U (ora Attitude Adjustment) su Kurt Angle

Cena debutta a SmackDownǃ da face il 27 giugno 2002, accettando una open challenge di Kurt Angle. Nonostante la sconfitta disputa un buon match, uscendo da un tentativo di Olympic Slam e arrivando vicino alla vittoria: per questo, negli spogliatoi, riceverà i complimenti addirittura da Undertaker.

La prima, importante rivalità di Cena è contro il più esperto Chris Jericho, che a sorpresa viene sconfitto a Vengeance 2002 tramite roll-up. Per John, si tratta della prima vittoria per schienamento in un match uno-contro-uno, dal momento che nelle settimane precedenti aveva, in successione, perso contro Chris Jericho (4 luglio), vinto con Undertaker contro il canadese e Kurt Angle (11 luglio) e vinto per squalifica contro lo stesso Jericho (18 luglio).

Dopo Vengeance, nonostante la vittoria, Cena viene spostato nel mid-carding. Il 10 ottobre partecipa assieme a Billy Kidman in un torneo per decretare i primi detentori dei WWE Tag Team Championship, ma i due perdono al primo turno contro Kurt Angle e Chris Benoit. John non accetta la sconfitta e incolpa Kidman, effettuando un turn heel. Cena e Kidman si affrontano a SmackDown!, Velocity (lo show secondario di SmackDown) e nel PPV Rebellion, in un mixed tag team match con il coinvolgimento di Dawn Marie - all'angolo del bostoniano - e Torrie Wilson, che si conclude con la vittoria dei face.

Nella puntata di SmackDownǃ del 31 ottobre, ispirata quindi alla festa di Halloween, Cena si presenta vestito come Vanilla Ice, cimentandosi in un freestyle per Stephanie McMahon nel corso di un promo nel backstage.[21] È la nascita di una nuova gimmick, quella del rapper che esegue i suoi promo in rima.

Il 21 novembre, al termine di un match contro Rikishi, fa la sua comparsa Bull Buchanan, nel frattempo "ribattezzato" come B-2 (scritto anche B² e pronunciato "B-Squared"): i due formeranno un duo rap di breve durata, visto che Cena, il 16 gennaio 2003, al termine di una sfida di coppia persa contro Eddie e Chavo Guerrero, tradirà Buchanan alleandosi con "Redd Dogg" Rodney Mack. Anche questo tag team non avrà vita lunga, poiché Redd Dogg verrà trasferito nel roster di Raw dopo due settimane. Per John, che intanto partecipa senza successo al Royal Rumble match del 2003, è dunque pronto il ritorno alla carriera da singolo: il 6 febbraio sfida apertamente il WWE Champion Brock Lesnar, il quale però lo infortuna a una gamba (kayfabe).

Il periodo di stop permette a Cena di mostrare tutte le sue capacità al microfono, regalando ai fan vari promo in attesa del rientro sul ring. Che avviene nella puntata di SmackDown! precedente a WrestleMania XIX, nella quale, presentandosi con una nuova theme song (Word Life), sconfigge Rikishi con una nuova finisher: la Fireman's Carry Powerslam, meglio conosciuta come F-U, presa in giro della F-5 di Lesnar. È in questa fase che John sviluppa in maniera decisiva il suo personaggio, iniziando ad indossare dei jeans corti e adottando come propri simboli il logo anni ottanta della WWF, privato della "F", e la frase "Word Life".[22]

Cena con il titolo personalizzato dello United States Championship

A WrestleMania XIX non lotta, ma trova comunque il modo di partecipare al PPV, cimentandosi in un rap nel pre-show. Nell'episodio di SmackDown! successivo a WrestleMania inizia la sua corsa al WWE Title, sconfiggendo Eddie Guerrero nel primo turno di un torneo sancito dalla GM Stephanie McMahon. Sette giorni dopo batte Undertaker grazie al fondamentale aiuto di Nunzio, Johnny Stamboli e Chuck Palumbo, all'epoca in rivalità con Taker e il suo "protetto" Nathan Jones. Cena ottiene finalmente la title shot battendo Chris Benoit, ma a Backlash viene ancora sconfitto da Lesnar.[23]

A Judgment Day 2003 affronta e batte Chris Benoit, Rhyno e Brian Kendrick (Spanky) assieme a Johnny Stamboli e Chuck Palumbo, poi inizia un feud con The Undertaker. Tutto nasce durante lo SmackDown! del 31 luglio, nel quale Cena, per festeggiare il suo primo anno in WWE, organizza una open challenge alla quale risponde il debuttante Orlando Jordan. Undertaker salva Orlando dall'attacco di John, ma quest'ultimo gli ricorda la stretta di mano dell'anno prima, accusandolo di non aver dato seguito a quel gesto. A Vengeance l'esperienza del "becchino" ha la meglio, e allora Cena punta al titolo degli Stati Uniti detenuto da Eddie Guerrero. Anche in questo caso il match decisivo si conclude con una sconfitta: in un violentissimo Parking Lot Brawl, disputatosi nella puntata di SmackDown! dell'11 settembre, il messicano schiena John e mantiene la cintura.

A No Mercy perde per sottomissione contro Kurt Angle, ma nonostante i ripetuti ko, il pubblico inizia a sostenerlo in maniera importante. In questi mesi John ha infatti dimostrato di saper dividere il ring contro mostri sacri della disciplina, deridendoli, inoltre, con dei promo freestyle a dir poco fantastici. La dirigenza capisce che il momento del turn face è ormai arrivato, e nello SmackDown! del 6 novembre del 2003, dopo aver battuto Rey Mysterio, subisce l'attacco di A-Train, suo compagno, la settimana precedente, nel match perso contro Kurt Angle e Chris Benoit. L'occasione per vendicarsi, per John, arriva già alla fine della puntata, quando giunge sullo stage in soccorso di Kurt Angle e dei suoi compagni.

Ascesa al vertice (2003–2005)[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 novembre accetta di far parte del team Angle in vista di Survivor Series: il turn face è ormai compiuto. Nel PPV Cena si rivela l'elemento chiave della sua squadra, portandola alla vittoria con Chris Benoit. A fine match, stringe la mano al suo compagno, consolidando ulteriormente il suo passaggio tra le file dei face. Questo turn segnerà in modo definitivo l'esplosione del fenomeno John Cena tra i fan, che lo accoglieranno come nuovo beniamino.[24][25]

Tra la fine del 2003 e l'inizio del 2004 prova invano a ottenere una shot al WWE Title di Lesnar. Prima perde un #1 contender match contro Chris Benoit, poi viene eliminato da Big Show sia dal Royal Rumble match[26] che dalla rissa reale a 15 uomini organizzata a SmackDown! dopo il passaggio di Benoit a Raw. A No Way Out viene sconfitto da Kurt Angle in un #1 contender triple threat match comprendente pure Big Show. Proprio con il gigante, Cena inizia il feud che lo porterà a vincere a WrestleMania XX il WWE United States Championship, suo primo titolo in carriera.[27]

Cena difende con successo la cintura a Judgment Day contro René Duprée, e a The Great American Bash in un match a quattro contro Booker T, Rob Van Dam e ancora Duprée. Il suo regno termina l'8 luglio in maniera molto controversa, poiché il GM di SmackDownǃ Kurt Angle (turnato heel qualche mese prima) decide di togliergli il titolo dopo essere stato colpito accidentalmente dallo stesso Cena durante un match contro Booker T.[28] Questa situazione viene risolta dal nuovo GM Theodore Long, che sancisce un match ad eliminazione a otto uomini vinto con astuzia da Booker T. John non molla l'assalto al titolo degli Stati Uniti, messo quindi in palio in una serie al meglio delle cinque vittorie: il bostoniano vince il primo match a SummerSlam, va sotto 2-1, ma a SmackDown! prima e No Mercy poi riesce a portarsi definitivamente sul 3-2, riconquistando la cintura.

La gioia di Cena non dura a lungo, perché nello show successivo al PPV il debuttante Carlito riesce a strappargli il titolo colpendolo, non visto dall'arbitro, con la catena d'acciaio. Nella settimana seguente viene comunicata la notizia secondo la quale Cena è stato accoltellato ad un rene in un club di Boston da Jesús, bodyguard di Carlito (kayfabe):[29][30] la realizzazione di tale angle permetterà a Cena di stare lontano per circa un mese dagli show della federazione per girare il suo film di debutto, Presa mortale.[31]

Torna sul ring a Survivor Series, sconfiggendo il Team Angle come membro del Team Guerrero. Nello SmackDown! successivo riconquista per la terza volta lo United States Championship, ma a fine match viene attaccato e nuovamente infortunato (kayfabe) da Jesús. John si prenderà comunque la sua vendetta ad Armageddon, distruggendo Jesus in uno street fight match e presentando una versione personalizzata della cintura: una spinner belt (cintura rotante) con la scritta "Word Life" e "John Cena".[32][33]

Dopo essersi sbarazzato senza problemi di Rene Duprée e Kenzo Suzuki, Cena partecipa alla Royal Rumble del 2005 resistendo sul ring fino alla fine, sconfitto solo dal vincitore Batista. Di conseguenza, Theordore Long lo inserisce in un #1 contender tournament al WWE Championship, che John vince battendo Orlando Jordan, Booker T e, a No Way Out, Kurt Angle. Proprio dal match con Kurt Angle nascerà una di quelle caratteristiche che in futuro causeranno a John Cena diversi problemi con i fan presenti nelle arene: l'impossibilità di farlo cedere dal dolore, e dunque di sconfiggerlo per sottomissione.

Conquista del WWE Championship (2005–2007)[modifica | modifica wikitesto]

Cena di fronte a Edge in un house show della WWE

Al termine di No Way Out, Cena attacca il WWE Champion John Bradshaw Layfield, iniziando la faida con il texano e la sua stable - il "Cabinet" - formata da Orlando Jordan, Danny e Doug Basham. Proprio Orlando Jordan riesce a battere Cena grazie all'aiuto di JBL, conquistando il titolo degli Stati Uniti (3 marzo).

Il ko e la perdita della cintura non intaccano la considerazione del pubblico verso John, indiscutibilmente il face più acclamato di SmackDown!. La dirigenza, allora, decide di innalzarne ancora di più lo status, sfruttando l'ondata di popolarità del wrestlers e l'uscita dell'album musicale "You Can't See Me": in poco tempo, Cena diventerà il top face di tutta la WWE. Il 17 marzo, impegnato in un 6-men tag team match con Eddie Guerrero e Rey Mysterio contro JBL e i Basham Brothers, si presenta con una nuova theme song: "My Time is Now". La gimmick del rapper, già ridotta gradualmente dopo il suo passaggio tra i face, viene totalmente abbandonata.

A WrestleMania 21 Cena vince il WWE Championship per la prima volta nella sua carriera sconfiggendo JBL.[34] Dopo WrestleMania, John rende anche il WWE Title una spinner belt, difendendolo a Judgment Day, sempre contro JBL, in un "I Quit" match.

L'ultimo match a SmackDown! è la vittoria, assieme a Big Show, contro Carlito e il suo nuovo bodyguard Matt Morgan. Il 6 giugno 2005 passa infatti nel roster di Raw, nel corso dell'annuale draft lottery, portando con sé il WWE Championsip.[35] Fa l'esordio nel roster rosso intervenendo nell'Highlight Reel (un talk show) di Chris Jericho, e insieme al canadese, nella stessa sera, batte Christian e Tyson Tomko. A fine match subisce l'attacco di Jericho, per questo a Vengeance affronterà con successo Christian e lo stesso Jericho in un triple threat match. Nel frattempo, John inizia una faida parallela con Eric Bischoff, visto il suo rifiuto di appoggiare il GM e partecipare alla "guerra" contro i wrestler della ECW a One Night Stand. Nelle puntate successive al PPV, Bischoff tenta in vari modi di ostacolare Cena, che tuttavia riesce a battere Jericho sia a SummerSlam sia in uno You're Fired! match a Raw, dopo il quale lo stesso Jericho viene licenziato.

Nel corso della rivalità, sebbene Cena ricoprisse il ruolo del face e Jericho quello dell'heel, una parte dei fan presenti nelle arene inizierà a fischiare John (heat) a causa del suo stile da underdog (un wrestler che raggiunge la vittoria nonostante venga dominato dall'avversario per gran parte del match). Per questo motivo, Cena verrà presto definito, in senso dispregiativo, un "supereroe" ('SuperCena') capace di uscire sempre vittorioso dai suoi incontri. Verrà inoltre criticato anche il suo atteggiamento troppo buonista, simile a quello di Hulk Hogan negli anni ottanta.[36] Nella successiva faida con Kurt Angle, più della metà del pubblico appoggerà l'eroe olimpico nonostante il suo stato da heel.[37]

Angle attacca Cena già dopo lo You're Fired! match contro Jericho. Ad Unforgiven, John perde il match per squalifica, colpendo Angle con la cintura dopo una serie di scorrettezze dello sfidante. A Raw Homecoming batte Eric Bischoff, mentre a Taboo Tuesday supera Angle e Shawn Michaels in un Triple threat match.[38] Bischoff nomina Daivari arbitro personale di Kurt Angle, ma a Survivor Series Cena riesce ancora a battere il #1 contender dopo aver messo ko Daivari.[39] Essendo il conteggio decisivo stato effettuato da Charles Robinson, all'epoca arbitro di SmackDown!, Bischoff decide di dare una nuova chance ad Angle, sancendo un Submission Triple Threat Match tra Cena, Angle e Chris Masters. A sorpresa, Cena vincerà anche questo incontro, presentando una nuova finisher, la STF-U, con la quale costringerà Masters alla resa. Bischoff, che per evitare il licenziamento aveva puntato tutti i suoi sforzi sulla perdita del titolo di John Cena, viene licenziato il 5 dicembre 2005 dal chairman Vince McMahon.[40]

Cena apre il 2006 trionfando nell'Elimination Chamber di New Year's Revolution e stabilendo il record di vincerla partendo per primo. Al termine del match, tuttavia, Edge decide di incassare il suo Money in the Bank, battendo e mettendo fine al primo regno di Cena con due Spear.[41] Tre settimane dopo, alla Royal Rumble, Cena riesce comunque a prendersi la rivincita, conquistando per la seconda volta il WWE Title.[42] Nel Raw del 6 febbraio vince con Maria Kanellis un mixed tag team match contro Edge e Lita che metteva in palio la possibilità, per il vincitore, di scegliere l'arbitro speciale del WWE Championship match della settimana seguente. John sceglie Mick Foley, il quale, dopo aver diretto la sfida - vinta da Cena -, inizierà con Edge la faida che porterà i due a scontrarsi in quel di WrestleMania 22.

Il nuovo avversario per John è quindi Triple H, che vince un #1 contender tournament battendo nella finale del 20 febbraio Big Show e Rob Van Dam. Al Saturday Night's Main Event del 18 marzo Cena e Triple H vincono contro Rey Mysterio, Randy Orton e Kurt Angle, i tre in lotta per il World Heavyweight Title. Nel main event di WrestleMania 22 (2 aprile), Cena sconfigge il Re dei Re contro ogni pronostico,[43] difendendo con successo la cintura anche a Backlash (30 aprile), in un Triple Threat match contro Triple H ed Edge.

Nelle settimane precedenti a WrestleMania 22, la faida tra Cena e Triple H si lega a quella tra Shawn Michaels e Vince McMahon. Tutto comincia il 20 marzo, quando John interrompe un promo di Mr. McMahon. Il chairman mette Cena ed HBK contro Triple H e Shane McMahon, in un tag team match che finisce in no contest. Il 27 marzo è allora lo stesso Vince ad affrontare Cena, che vince per squalifica ma subisce l'attacco di HHH nel post match. Il feud si riaccende nel Raw post-Backlash (1 maggio), quando Vince McMahon mette Triple H ad arbitrare il WWE Championship match tra John Cena e Kenny Dykstra, vinto dal primo dopo l'intervento di Shawn Michaels e l'abbandono del ring da parte di HHH. L'8 maggio la Spirit Squad batte HBK e Cena, e al termine del match Triple H esegue il Pedigree su quest'ultimo. Viene quindi sancito un incontro valido per il titolo tra Cena e HHH per il Raw del 15 maggio, ma Vince cambia le carte in tavola e trasforma il match in un handicap due-contro-tre con in palio sia il titolo WWE che quello Intercontinentale. John Cena e Rob Van Dam perdono contro Triple H, Shelton Benjamin e Chris Masters, ma lo schienamento decisivo è quello di Benjamin su RVD, che si laurea nuovo campione intercontinentale. Questa situazione porterà all'alleanza tra Triple H e Shawn Michales, che riformeranno la D-Generation X per affrontare la famiglia McMahon, mentre John Cena verrà sfidato da un Rob Van Dam (22 maggio) pronto ad incassare il Money in the Bank vinto a WrestleMania 22.

L'incontro tra i due è fissato per l'11 giugno, a One Night Stand. Sei giorni prima, Cena subisce un attacco di Sabu, il quale viene sconfitto per squalifica nello special event WWE vs. ECW Head-to-Head del 7 giugno. A One Night Stand, con il pubblico dell'Hammerstein Ballroom di New York totalmente avverso, John perde l'Extreme Rules match e il titolo mondiale per colpa di un intervento di Edge.[44]

Cena sconfigge Sabu in un Extreme Rules Lumberjack Match a Vengeance,[45] poi nel Raw successivo, in una rivincita di One Night Stand, batte Rob Van Dam per squalifica dopo l'intervento di Edge. Il 3 luglio non riesce a riconquistare la cintura WWE in un triple threat vinto da Edge, che dunque si laurea nuovo campione del mondo. Cena fallisce anche le due successive opportunità vincendo solo per squalifica contro Edge a Saturday Night's Main Event (15 luglio) e perdendo contro lo stesso canadese a SummerSlam (20 agosto), colpito da un tirapugni.

Di conseguenza, Cena decide di alzare la posta in gioco arrivando a mettere in palio la sua permanenza a Raw. Ad Unforgiven,[46] dopo un bellissimo TLC match, il bostoniano conquista per la terza volta il titolo WWE schiantando Edge su due tavoli con un F-U dalla cima della scala. Il 2 ottobre, a Raw, John batte Edge in uno steel cage match mettendo fine alla rivalità. Da questo momento in poi, parte del pubblico comincerà a rispettare Cena come atleta, pur continuandolo a fischiare per i suoi atteggiamenti da buonista e i suoi match da 'superman'.

A Cyber Sunday affronta il World Heavyweight Champion King Booker e l'ECW Champion Big Show per determinare il "Champion of Champions"[47]. Il match viene vinto da King Booker a causa di un'interferenza del cantante Kevin Federline, che affronterà e batterà Cena - con l'aiuto di Umaga - nella prima puntata del 2007. La faida con il samoano nasce nel Raw post-Cyber Sunday, quando John salva Maria Kanellis da un attacco dello stesso Umaga. Nel frattempo, a Survivor Series, il Team Cena batte il Team Big Show, mentre ad Armageddon John affianca Batista e batte King Booker e Finlay.

Cena si rivolge ai fan durante una puntata di Raw

Cena e Umaga si affrontano per il WWE Championship a New Year's Revolution[48] e alla Royal Rumble in un Last Man Standing match. Entrambe le sfide si chiudono con la vittoria del campione.[49] Dopo la Royal Rumble, Cena viene sfidato da Shawn Michales. In piena rivalità, i due sconfiggono a Raw i Rated-RKO (Edge e Randy Orton), conquistando il World Tag Team Championship,[50] e a No Way Out addirittura Batista e Undertaker. A WrestleMania 23 Cena batte Michaels per il WWE Championship, ma la sera successiva HBK si vendica eliminando il suo partner durante un 10-Team Battle Royal Match, che si conclude con la vittoria dei nuovi campioni di coppia, gli Hardy Boyz (Jeff e Matt Hardy). Cena riesce comunque a manterere il titolo a Backlash in un Fatal Four Way Match contro Randy Orton, Shawn Michaels ed Edge.[51]

Nel Raw post-Backlash, è The Great Khali a candidarsi come #1 contender, distruggendo i tre sfidanti della sera precedente. Il gigante indiano batte John in un match non valevole per il titolo al Saturday Night's Main Event del 28 maggio, ma poi è costretto a capitolare sia a Judgment Day che a One Night Stand, in un Falls Count Anywhere Match.[52] A Vengeance: Night of Champions (2007) sconfigge Bobby Lashley, Randy Orton, King Booker e Mick Foley in un Fatal-5 way match valido per il WWE Championship. A Great American Bash sconfigge Lashley. A SummerSlam John Cena supera Randy Orton,[53] ma ad Unforgiven, perde il match con lo stesso Orton per squalifica.[54]

Cena con il World Tag Team Championship durante il suo regno con Shawn Michaels

Si arriva così alla puntata di Raw del 1 ottobre, quando durante un match contro Mr. Kennedy Cena subisce uno strappo al grande pettorale. Nel corso dello show ECW del 2 ottobre, Vince McMahon dichiarerà che Cena sarebbe stato costretto ad uno stop forzato per un periodo stimato tra i sei e i dodici mesi; McMahon renderà ufficialmente vacante il WWE Championship, ponendo fine ad un regno rivelatosi il secondo più lungo degli ultimi ventuno anni, nonché settimo regno più duraturo della storia della WWE.[55]

Regni da campione del mondo (2008–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Cena torna a sorpresa il 27 gennaio 2008 durante la Royal Rumble, molto prima dei tempi di recupero previsti. Entrato con il numero 30, porta a casa la vittoria eliminando per ultimi Batista e Triple H, guadagnando un incontro valido per uno dei tre titoli mondiali a WrestleMania XXIV.[56] Senza di aspettare il 30 marzo, John decide di utilizzare la sua title shot contro Randy Orton a No Way Out, vincendo solamente per squalifica. A WrestleMania XXIV lotta allora contro Triple H (che a No Way Out era diventato #1 contender) e Randy Orton in un Triple Threat Match, ma dopo aver subito un pedigree dal Re dei Re, viene schienato da Randy Orton.[57] A Backlash compete in un Fatal Four Way Elimination Match contro Triple H, Randy Orton e JBL: una volta sottomesso il texano, Cena viene colpito ed eliminato da Orton. John batte JBL anche a Judgment Day e One Night Stand, in un First Blood match, prima di incassare due ko: il primo arriva a Night of Champions 2008, contro il campione Triple H; il secondo a The Great American Bash, in un New York Parking Lot Brawl ancora contro JBL, desideroso di vendetta dopo l'interferenza di Cena nel suo title match contro CM Punk a Raw.

La sera successiva a The Great American Bash batte JBL, Cody Rhodes e Ted DiBiase Jr. assieme al Cryme Time (JTG e Shad). Poco dopo, sia Cena che JBL interferiscono nel main event tra Batista e CM Punk, e John colpisce accidentalmente Batista. Sette giorni dopo, la situazione sembra rientrare, ma il nuovo GM di Raw Mike Adamle sancisce a sorpresa una sfida tra Cena e Batista per SummerSlam. I due conquistano comunque le cinture di coppia nella puntata di Raw del 4 agosto 2008 sconfiggendo i detentori del World Tag Team Championship Cody Rhodes e Ted DiBiase jr., ma il regno durerà appena una settimana, visto che Cena e Batista perderanno la rivincita contro Rhodes e DiBiase. Ciò inasprisce il loro rapporto, con i due ex campioni che iniziano a colpirsi subito dopo la sconfitta. A SummerSlam, Batista batte Cena grazie a due Batista Bomb, che infortunano al collo il bostoniano, costretto di conseguenza a saltare Unforgiven.[58]

John torna tre mesi dopo a Surivivor Series dove, in un match contro Chris Jericho, vince per la prima volta il World Heavyweight Championship davanti ai suoi concittadini. Jericho verrà sconfitto anche ad Armageddon,[59] mentre al pay-per-view Royal Rumble Cena schienerà JBL nonostante l'interferenza di Shawn Michales (al tempo costretto all'alleanza con il miliardario texano), mantenendo il World Heavyweight Championship.[60] Al PPV No Way Out, Cena perde il titolo nell'Elimination Chamber match, venendo eliminato dal nuovo campione Edge, superstar di SmackDown.[61] John decide quindi di recarsi nello show blu, ma viene sconfitto da Big Show a causa dell'interferenza dello stesso Edge. La GM Vickie Guerrero nomina a sorpresa Big Show #1 contender, ma Cena ottiene ugualmente la sua chance, riuscendo a entrare nel match previsto per WrestleMania XXV e facendolo trasformare in un triple threat. Nel "Grandaddy of Them All" Cena riconquista la cintura schienando Big Show,[62] tuttavia, nel Last Man Standing match di Backlash, lo stesso Big Show interviene in favore di Edge gettando Cena in un riflettore posizionato sullo stage, facendogli perdere il titolo.[63] Cena sconfigge quindi Big Show a Judgment Day e poi anche a Extreme Rules in un Submission match.[64] Successivamente, il bostoniano fallisce la vittoria del titolo WWE a Fatal 4-way, in un omonimo match con Randy Orton, Triple H e Big Show. Dopo aver concluso una breve faida con The Miz, culminato al pay-per-view The Bash con la vittoria di Cena, viene inserito nel triple threat Match per il WWE Title di Night of Champions, contro il campione Randy Orton e Triple H, senza riuscire però a trionfare.

Nella puntata di Raw dopo il PPV, torna #1 contender al titolo di Orton battendo The Miz all'interno di una Beat the Clock Challenge. A SummerSlam perde dopo un finale piuttosto controverso (arrivato dal pubblico, il lottatore FCW Brett DiBiase attacca l'arbitro mentre Cena sta eseguendo la STFU su Orton), ma a Breaking Point John riesce a sconfiggere il campione Randy Orton in un I Quit match, tornando così WWE Champion. La rivincita, in un Hell in a Cell disputato nell'omonimo PPV, vede Randy imporsi su Cena, e allora per Bragging Rights viene sancita una definitiva resa dei conti: un 60 Minutes Iron Man Anything Goes match che viene vinto 6-5 da Cena, nuovamente WWE Champion. John Cena difende con successo il suo titolo alle Survivor Series contro Triple H e Shawn Michaels, in un Triple Threat match,[65] ma fallisce contro Sheamus a TLC, perdendo il Table match e la cintura.[66]

Cena costretto a leggere un indirizzo pubblico da Wade Barrett, come membro del Nexus

La sera dopo si riscatta, battendo prima CM Punk e poi Randy Orton, vincendo così lo Slammy come Superstar del 2009. Il 28 dicembre non riesce a riconquistare il titolo, battendo Sheamus solo per squalifica. Il 25 gennaio riaffronta il lottatore irlandese, ma anche questa volta il match finisce in squalifica, stavolta in favore di Sheamus, attaccato dal #1 contender Randy Orton. Alla Royal Rumble, Cena partecipa al Royal Rumble match entrando con il numero 19, ma viene eliminato per ultimo dal rientrante Edge.[67]

La rincorsa al WWE Tilte di John inizia a legarsi alla rivalità tra Vince McMahon e Bret Hart. Il 25 gennaio è proprio il Chairman a sancire il match tra Sheamus e Cena, dopo che questi aveva interrotto il suo discorso. Il 1 febbraio batte Cody Rhodes e si qualifica all'Elimination Chamber match, ma poco dopo, al pari di Bret Hart, viene attaccato dal vecchio rivale Batista. Al pay-per-view Elimination Chamber, Cena vince match e titolo WWE eliminando per ultimo Triple H, ma il suo regno dura solo pochi minuti, dal momento che McMahon si presenta sul ring annunciando un match tra John e Batista. Più fresco del suo avversario, Batista riuscirà a sconfiggere Cena in appena trenta secondi, conquistando il titolo.[68]

Nel Raw successivo a Elimination Chamber, il bostoniano ottiene un rematch per WrestleMania XXVI, e nel suddetto PPV riesce a prendersi la sua rivincita, tornando campione del mondo. Il 5 aprile ha due opportunità per laurearsi anche campione di coppia, tuttavia viene tradito prima da Batista e poi da David Otunga, wrestler di NXT e per l'occasione Special Guest della puntata. Cena, allora, si vendica su Otunga nel Raw seguente, e a Extreme Rules, in un Last Standing match, supera anche Batista. La resa dei conti è fissata ad Over the Limit, dove John sconfigge il suo avversario in un "I Quit match".

Il 7 giugno, a Raw "Viewer's Choice", durante il suo match contro CM Punk, Cena riceve un brutale assalto dal gruppo dei rookies di NXT, ribattezzato Nexus. Proprio l'interferenza del Nexus costa a John il WWE Championship, al PPV WWE Fatal 4-Way, in favore di Sheamus. Al PPV successivo, Money in the Bank, John Cena ottiene il suo rematch contro il guerriero celtico in uno Steel Cage Match, ma a vincere è ancora Sheamus per via di una nuova interferenza dei rookies di NXT. Al termine della sfida, Cena attacca Darren Young e Michael Tarver (due dei sette membri del Nexus) e successivamente dichiara guerra al Nexus, sfidandolo a SummerSlam in un 7 vs. 7 Elimination match. Il team di John è composto da Edge, Chris Jericho, John Morrison, The Great Khali, R-Truth e Bret Hart, ma dopo l'attacco del Nexus a Khali, questi viene sostituito dal rientrante Daniel Bryan, ex ottavo membro del Nexus, licenziato due mesi prima dalla WWE per un atto giudicato eccessivamente violento dalla federazione: l'aver tentato di strangolare l'annunciatore Justin Roberts con la sua stessa cravatta. A Summerslam il team WWE sconfigge il Nexus, con John Cena che rimane l'unico superstite della squadra eliminando gli ultimi rimasti Justin Gabriel e Wade Barrett.

Nel Six Pack Challenge di Night of Champions, Cena viene eliminato dalla contesa per terzo da Wade Barrett. Si arriva così a Hell in a Cell, dove John, pur di far sciogliere il Nexus, accetta di entrare nel gruppo dei rookies in caso di sconfitta. Grazie alle interferenze di Husky Harris e Michael McGilligutty, il match si conclude con la vittoria di Wade Barrett e Cena è dunque costretto a entrare nel Nexus con un giuramento eseguito la sera successiva a Raw. Il GM anonimo dello show ordina a Cena di obbedire agli ordini di Barrett, pena il licenziamento: per questo, in un #1 contender battle royal match, il bostoniano è costretto ad autoeliminarsi e far vincere il suo capo.

A Bragging Rights conquista assieme a David Otunga (membro del Nexus) i titoli di coppia. Al termine del match mette KO Otunga e nel main event colpisce Barrett, facendogli vincere, ma solo per squalifica, il WWE Championship match contro Randy Orton. Nel Raw seguente viene costretto a perdere i suoi titoli contro gli "alleati" Justin Gabriel e Heath Slater; nella stessa puntata, è nominato arbitro speciale della sfida di Survivor Series tra Orton e Barrett. John è ora a un bivio: con la vittoria di Orton, verrebbe licenziato dalla WWE, mentre, con il successo di Barrett, sarebbe finalmente escluso dal Nexus.

Il match di Survivor Series viene vinto da Orton e quindi Cena viene licenziato. John, però, continua gli attacchi ai membri del team, affermando di voler mantenere la promessa di distruggere l'intero team. Per proteggere se stesso e i suoi compagni, Barrett è quindi costretto a riassumerlo all'interno del Nexus e ad affrontarlo a TLC, dove viene sconfitto da Cena in un Chairs match. In virtù di questo successo, John mette fine alla faida con Barrett e soci, uscendo definitivamente dalla stable.

Doppie rivalità con The Rock e CM Punk (2011–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Cena e The Rock accettano di affrontarsi a WrestleMania XXVIII con un anno di anticipo

John Cena partecipa alla Royal Rumble del 2011 venendo eliminato da The Miz, che non era nemmeno in gara in quanto WWE Champion. Nel pay-per-view Elimination Chamber vince il match omonimo per la terza in volta carriera, diventando primo sfidante al titolo WWE detenuto ancora da Mizanin.[69] Nel frattempo, The Rock viene annunciato come host di WrestleMania XXVII, e questi inizia una faida con John Cena, basata sulle brutte parole usate da quest'ultimo poco dopo il suo esordio (si parla degli anni 2002 e 2003, quando Cena era un heel). Nella puntata del 21 febbraio Cena risponde con un rap a The Rock e poi vince il WWE Tag Team Championship insieme a The Miz, sconfiggendo Heath Slater e Justin Gabriel. Perderà però i titoli pochi minuti dopo, nel rematch sancito dal General Manager anonimo, a causa dell'attacco perpetrato dal suo stesso compagno e rivale The Miz. Cena e Rock discutono anche attraverso i social network e John, nella puntata che precede Wrestlemania XXVII, esegue la sua mossa finale ai danni di The Rock.[70]

A WrestleMania XXVII viene sconfitto da The Miz a causa della Rock Bottom di The Rock, che aveva ordinato di far ripartire il match senza squalifiche o conteggi fuori dopo che il main event si era concluso in doppio count-out.[71] Nella puntata di Raw successiva a WrestleMania Cena sfida The Rock ad un match: Rocky risponde accettando l'incontro, ma soltanto per WrestleMania XXVIII. Di conseguenza, John rimette il WWE Championship nel mirino, conquistando la cintura già ad Extreme Rules, in un Triple Treath Steel Cage match contro The Miz e John Morrison.[72] Con questa vittoria, Cena diventa un dieci volte campione del mondo, avendo vinto in otto occasioni il titolo WWE e in due il titolo dei pesi massimi. A Over the Limit, John sconfigge The Miz in un "I Quit" match,[73] conservando il titolo anche a Capitol Punishment, contro R-Truth.[74]

In seguito ha una spettacolare faida con CM Punk. Tutto inizia il 27 giugno, nella puntata speciale "Raw Roulette", quando CM Punk, già #1 contender nonostante il contratto in scadenza, dopo essere stato irriso dal Guest Host Shawn Michaels, decide di interferire nel rematch tra Cena e R-Truth e di lanciare la prima delle sue cosiddette "pipe bomb" (promo contro la federazione), insultando, oltre allo stesso Cena, The Rock e Vince McMahon. Nelle settimane successive, il Chairman è spaventato dalla possibilità di perdere il titolo WWE e, considerate le proteste di John, che vuole disputare ugualmente il match, dice al bostoniano che in caso di sconfitta sarebbe stato licenziato. A Money in the Bank, mentre Cena sta eseguendo la STF su CM Punk, Vince McMahon e il dirigente John Laurinaitis interferiscono mel match nell'intenzione di replicare lo Screwjob di Montréal:[75][76][77] John ferma i due, ma la distrazione permette a Punk di vincere match e titolo.

Nell'episodio di Raw del 18 luglio Mr. McMahon sta per licenziare Cena quando viene interrotto dal rientrante Triple H, che informa Vince di una mozione di sfiducia dal Consiglio d'Amministrazione (kayfabe). Triple H prende provvisoriamente le redini della federazione e non licenzia Cena, ma lo nomina #1 contender al WWE Title vinto da Rey Mysterio in un torneo. Il 25 luglio, John batte Rey Mysterio vincendo per la nona volta il titolo WWE Championship,[78] ma la stessa sera fa il suo ritorno CM Punk, con il titolo WWE che aveva portato con sé dopo il match di MITB. Nella Raw del 1º agosto Triple H dichiara Cena e CM Punk co-campioni e annuncia un match per SummerSlam fra i due per decretare l'Undisputed WWE Champion. A SummerSlam, John perde in favore di Punk a causa di Triple H, che non vede il piede di Cena sulle corde e decreta CM Punk come unico WWE Champion.[79] Dopo il match, tuttavia, Alberto Del Rio sfrutta la valigetta del Money in the Bank per strappare il titolo a Punk, precedentemente colpito da Kevin Nash.

Con CM Punk che si avvia verso una faida con Kevin Nash (e successivamente con Triple H), è John Cena ad affrontare Alberto Del Rio. E a Night of Champions, John ritorna WWE Champion,[80] titolo che deterrà fino a Hell in a Cell, quando, in un Triple Threat Hell in a Cell match che coinvolgeva anche CM Punk, perderà il titolo in favore di Alberto Del Rio.[81]

Cena e The Rock si affrontano a WrestleMania XXVIII

A Vengeance Cena perde contro Del Rio in un Last Man Standing match per il WWE Championship, grazie ad un'interferenza degli Awesome Truth (The Miz e R-Truth), che avevano attaccato Cena pure nel post match di Hell in a Cell.[82] Nel Raw del 24 ottobre combatte un Handicap match contro gli Awesome Truth vincendo per squalifica. Nella stessa serata il nuovo GM John Laurinaitis annuncia un Tag team match alle Survivor Series fra gli Awesome Truth e il team di Cena, con un partner a sua scelta. Cena seleziona The Rock e i due, a Survivor Series, sconfiggono i loro avversari. Dopo il match, però, John subisce una Rock Bottom dal compagno di squadra.[83]

Nella puntata di Raw del 12 dicembre, dedicata agli Slammy Awards, durante un incontro contro Mark Henry fa il suo ritorno Kane, che effettua una Chokeslam proprio ai danni del bostoniano[84]. Il Big Red Monster, tornato alle origini con la sua nuova-vecchia maschera, continua ad attaccarlo nelle settimane successive,[85] volendo far capire a Cena di dover "abbracciare l'odio" per vincere (in contrapposizione con la nuova maglia di Cena, riportante lo slogan "Rise Above Hate", "innalzarsi sopra l'odio").[86] Cena affronterà Kane alla Royal Rumble, terminando il match in un doppio count-out,[87] e a Elimination Chamber, dove lo sconfiggerà in un Ambulance Match.[88]

Cena di fronte a Brock Lesnar, prima che quest'ultimo lo colpisca con la F-5

Tutto è quindi pronto per la sfida contro The Rock. Il match di WrestleMania XXVIII è bello e molto combattuto, ma a vincere è il People's Champion, che schiena John dopo una Rock Bottom.[89] La sera seguente, a Raw, John chiama sul ring The Rock per complimentarsi per la vittoria, ma sullo stage si presenta invece Brock Lesnar, ritornando in WWE dopo otto anni d'assenza: fingendo di chiedere una stretta di mano, Brock esegue la sua F-5 ai danni di Cena, lasciandolo al tappeto.[90][91][92] Nella puntata di Raw del 9 aprile 2012, Laurinatis annuncia che al pay-per-view Cena affronterà Lesnar in un Extreme Rules match: Cena appare inerme di fronte alla forza dell'ex campione di arti marziali miste, che arriva addirittura a spaccargli il labbro durante una rissa. Ma ad Extreme Rules, dopo aver subìto le mosse dell'avversario per tutto l'incontro, John riesce a eseguire una Attitude Adjustment sui gradoni d'acciaio, vincendo il match.[93]

Nella puntata di Raw del 30 aprile viene attaccato dal General Manager John Laurinaitis (affiancato da Lord Tensai e dal suo manager Sakamoto) che voleva fare di Lesnar il nuovo volto della WWE. Laurinaitis si nomina sfidante di Cena a Over the Limit[94] e al PPV riesce addirittura a sconfiggerlo, grazie all'interferenza di Big Show (licenziato precedentemente da Laurinaitis).[95] Nella puntata del 21 maggio viene annunciato dal GM John Laurinaitis un Cena vs Big Show, in un Steel Cage match da disputarsi a WWE No Way Out. Nel PPV John vince, e a fine match rifila una Attitude Adjustment sul tavolo dei commentatori a John Laurinaitis, appena licenziato da Mr. McMahon [96] in virtù della stipulazione del match (Cena sarebbe stato licenziato nel caso di una sconfitta, Laurinaitis lo sarebbe stato in caso di sconfitta di Big Show).

Nella puntata di Raw del 25 giugno annuncia la sua presenza al Money in the Bank ladder match, nell'omonimo PPV di luglio.[97] A Money in the Bank riesce a conquistare la valigetta con all'interno il contratto per affrontare quando vorrà il WWE Champion:[98] Il 16 luglio avverte il campione CM Punk che sfrutterà la sua possibilità nella settimana successiva, a Raw 1000. Cena vince per squalifica il match contro CM Punk a causa dell'interferenza di Big Show (ancora in faida con il leader della "Cenation"), diventando così il primo vincitore del Money in the Bank a non portare a casa il titolo.[99][100] Nel post match, Big Show continua ad attaccare Cena: CM Punk non interviene e allora accorre sul ring The Rock, il quale ferma il gigante, ma subisce poi l'attacco a sorpresa di Punk, schieratosi incredibilmente tra le file degli heel. Nella puntata di Raw del 30 luglio la nuova GM AJ Lee sancisce per SummerSlam un Triple Threat Match fra Cena, Punk e Big Show valido per il WWE Championship,[101] ma nel PPV di agosto, dopo aver eseguito la Attitude Adjustment su Big Show, Cena viene gettato fuori dal ring da Punk, che schiena Big Show e vince il match.[102] John e il WWE Champion si affrontano un match uno contro uno a Night of Champions, ma la sfida termina in pareggio per doppio schienamento.

Nella giornata di martedì 18 settembre, la WWE, tramite il proprio sito internet, riporta che John Cena ha eseguito un importante intervento a un braccio dopo essere stato ferito durante il suo match contro CM Punk a Night of Champions.[103] A WWE Hell in a Cell 2012 John lascia dunque spazio a Ryback, che non riesce però a conquistare il titolo.[104] Nella puntata del 5 novembre viene inserito da Vince McMahon nel match a tre per il WWE Championship contro CM Punk e Ryback. Alle Survivor Series, Punk rimane campione schienando proprio Cena, in seguito al debutto dello Shield, una stable formata da Dean Ambrose, Roman Reigns e Seth Rollins.

John inizia poi una rivalità con Dolph Ziggler e Vickie Guerrero[105], con quest'ultima intenzionata a prendere il posto di AJ Lee come General Manager. Nella puntata di Raw del 3 dicembre viene annunciato che a TLC Cena affronterà Dolph in un Ladder Match valido per la valigetta Money in the Bank di Ziggler. Tuttavia, a TLC fallisce l'assalto alla valigetta a causa dell'interferenza di AJ, che tradisce Cena alleandosi con Ziggler.[106] Il giorno dopo, a Raw, fa coppia con Vickie Guerrero contro AJ Lee e Ziggler, ma durante il match viene attaccato dal debuttante Big E Langston, nuova guardia del corpo di Ziggler ed AJ Lee. Cena apre il 2013 sconfiggendo Dolph Ziggler e successivamente chiude la faida nella puntata di Raw 20th Anniversary, dove sconfigge nuovamente Ziggler in uno Steel Cage match, nonostante le interferenze in suo sfavore di Big E Langston.

Cena durante il suo undicesimo regno con il WWE Championship

Alla Royal Rumble vince il Royal Rumble match con il numero 19 ed eliminando per ultimo Ryback.[107] Il giorno seguente, a Raw, annuncia che a WrestleMania 29 avrebbe affrontato il WWE Champion, sia che esso fosse stato The Rock oppure CM Punk. Al termine del discorso, viene attaccato dallo Shield.[108] Nella puntata successiva attacca il trio con Ryback e Sheamus, e viene quindi ufficializzato per Elimination Chamber il match tra lo Shield e il Team Cena, composto appunto da Cena, Ryback e Sheamus.[109] I tre face vengono però sconfitti.[110]

Il 25 febbraio, a Raw, riesce a mantenere il suo stato di primo sfidante al WWE Championship sconfiggendo CM Punk, che a Elimination Chamber aveva perso il rematch contro The Rock.[111] La rivincita con il People's Champion è fissata per WrestleMania 29, e nello show più importante dell'anno, Cena sconfigge The Rock per vincere il suo undicesimo regno da campione WWE.[112]

Altri regni titolati e varie faide (2013–2015)[modifica | modifica wikitesto]

La notte seguente a Raw, Cena inizia una rivalità con Ryback, che lo attacca al termine del match contro Mark Henry.[113] Durante la faida con Ryback, Cena subisce una lesione al tendine di Achille, ma riesce comunque a combattere sia a Raw che in PPV[114][115][116][117]. Il 19 maggio, a Extreme Rules, Cena mantiene il WWE Championship contro Ryback in un Last Man Standing match terminato in no contest, dopo che Ryback ha speronato Cena e se stesso in un contesto elettronico in cima alla rampa.[118] Il 16 giugno a Payback, nella resa dei conti, Cena sconfigge Ryback in un Three Stages of Hell match: Cena perde il Lumberjack match, ma vince sia il Tables che l'Ambulance match.[119][120] La notte seguente, a Raw, Mark Henry attacca a tradimento Cena con la World Strongest Slam, scatenando un feud tra i due[121] che culmina a Money in the Bank, dove Cena sconfigge Henry sottomettendolo con la STF.[122]

Il 15 luglio, il nuovo GM Brad Maddox concede a Cena di scegliersi l'avversario per SummerSlam, e il bostoniano decide di selezionare Daniel Bryan.[123] A SummerSlam, in un match arbitrato da Triple H, Cena viene battuto in maniera pulita da Daniel Bryan. Al termine della sfida, lo stesso Bryan viene tradito da HHH e sconfitto dal possessore del "Money in the Bank contract" Randy Orton, che si laurea quindi nuovo WWE Champion.[124] Quest'episodio coinciderà con la nascita dell'Authority, una stable formata inizialmente da Triple H, Stephanie McMahon, Randy Orton e i tre membri dello Shield, Ambrose, Reigns e Rollins. Nello stesso periodo, Cena si sottoporrà ad un intervento chirurgico ai tricipiti e resterà lontano dalle scene dal Raw post SummerSlam, dove avrebbe annunciato il suo infortunio, fino a Hell In a Cell.[125]

Bray Wyatt (sinistra) e John Cena (destra) durante il loro match a WrestleMania XXX.

Nella puntata di Raw del 7 ottobre, Vickie Guerrero annuncia un World Heavyweight Championship match tra John Cena e Alberto Del Rio per Hell in a Cell.[126] Cena riesce a sconfiggere Del Rio al pay-per-view dell 27 ottobre, vincendo così il suo terzo World Heavyweight Championship.[127] La notte seguente a Raw, Damien Sandow incassa il contratto del Money in the Bank, ma Cena è bravo a non farsi sorprendere e a vincere l'incontro;[128] John difende poi con successo il titolo anche nel rematch contro Del Rio alle Survivor Series.[129] La sera successiva, l'Authority sancisce un TLC match, da disputarsi nell'omonimo pay-per-view, tra Cena e Randy Orton per l'unificazione dei titoli mondiali. A TLC[130] Cena perde il match e quindi anche il suo titolo, mentre Orton si laurea WWE World Heavyweight Campion.[130] Alla Royal Rumble è ancora Cena vs. Orton, ma John viene sconfitto dopo essere stato distratto da un intervento della Wyatt Family.[131]

La notte seguente a Raw, Cena, Sheamus e Daniel Bryan battono per squalifica lo Shield, a causa dell'interferenza della Wyatt Family, in un match di qualificazione all'Elimination Chamber match valevole per il titolo. A Elimination Chamber, la Wyatt Family interviene nuovamente ai danni di Cena, provocando la sua eliminazione dall'incontro.[132][133] Inizialmente intenzionato a partecipare alla Battle Royal a 30 uomini in onore di André the Giant, John modifica il suo obiettivo sfidando Bray Wyatt a WrestleMania. Nelle settimane successive, Wyatt spiega il motivo dei suoi attacchi a John: vuole infatti dimostrare che gli atti eroici di Cena sono solo una facciata di quest'epoca piena di menzogne. Nonostante questo, a WrestleMania XXX, è Cena a trionfare.[134] La faida prosegue anche dopo WrestleMania, basandosi sulla capacità di Wyatt di catturare e confondere i fan di Cena (fatto esemplificato da un gruppo di bambini guidati da Wyatt sul ring nella puntata di Raw del 28 aprile). A Extreme Rules, Cena viene sconfitto da Bray Wyatt in uno Steel Cage match dopo l'interferenza di un bambino demoniaco, anch'egli sotto il controllo di Wyatt.[135] Nel Last Man Standing match di Payback, Cena ha però l'ultima parola seppellendo Wyatt sotto molteplici casse di apparecchiature e vincendo l'incontro decisivo.[136]

Dopo la rivalità con Bray Wyatt, John inizia ad avere differenze di vedute con l'Authority. Se, durante la faida con Orton, Triple H aveva comunque rispettato Cena, scegliendo di non favorire il suo alleato, la situazione cambia radicalmente nelle settimane precedenti a Money in the Bank, dopo che Daniel Bryan è costretto a rendere vacante il titolo a causa di un infortunio. Triple H annuncia due Ladder match: uno valevole per il WWE World Heavyweight Title e l'altro per il Money in the Bank contract. John Cena si qualifica al primo incontro battendo Kane in uno Stretcher match a Raw, ma l'Authority, intenzionata a far conquistare la cintura a Randy Orton, inserisce nel match titolato anche il Big Red Monster. Ma nonostante la presenza di Orton e Kane, oltre a quelle di Roman Reigns, Bray Wyatt, Alberto Del Rio, Sheamus e Cesaro, al pay-per-view, Cena vince sia il match che il titolo del mondo, per la quindicesima volta.[137] Cena mantiene la cintura a Battleground in un fatal four-way match contro Roman Reigns, Randy Orton e Kane,[138] perdendola a SummerSlam contro Brock Lesnar. La sconfitta è di quelle brucianti: Lesnar colpisce Cena con sedici German suplex e due F-5, è uno squash match in tutto e per tutto.[139] John si riscatta battendo Bray Wyatt e successivamente tutta la Wyatt Family assieme a Big Show e Mark Henry. Invoca la sua clausola di rivincita contro Lesnar a Night of Champions, andando a un passo dalla conquista del titolo, negatagli solo dall'intervento di Seth Rollins. Il possessore del Money in the Bank contract attacca infatti Cena causandone la vittoria per squalifica, senza però riuscire a sfidare Lesnar per l'attacco del redivivo John.[140] Essendo Rollins già coinvolto in una faida con Dean Ambrose, Cena affronta quest'ultimo per il diritto di affrontare Rollins a Hell in a Cell, perdendo un No Holds Barred Contract on a Pole match. A Hell In a Cell, di conseguenza, Cena sfida e batte Randy Orton in un Hell in a Cell match per determinare il #1 contender al titolo di Lesnar.[141]

Nel Raw del 27 ottobre, l'Authority tenta invano di convincere Cena ad allearsi al gruppo. Ciò porta a un 5-on-5 Traditional Survivor Series elimination tag team match tra il Team Cena (John Cena, Dolph Ziggler, Big Show, Ryback ed Erick Rowan) e il Team Authority (Seth Rollins, Kane, Mark Henry, Rusev e Luke Harper), con il licenziamento del Team Cena o la privazione del potere dell'Authority in caso di sconfitta.[142] Alle Survivor Series, Cena viene schienato dopo il tradimento di Big Show, ma Dolph Ziggler riesce ugualmente a vincere il match grazie all'aiuto di Sting, all'esordio in WWE: come da stipulazione, l'Authority viene privata dal potere.[143] Al PPV TLC, Cena sconfigge Rollins mantenendo il suo status di primo sfidante per il titolo del mondo,[144] ma nella puntata di Raw del 29 dicembre Seth Rollins e Big Show tengono l'ospite speciale Edge in ostaggio (minacciando di colpirlo al collo), costringendo Cena a richiamare l'Authority per salvare l'Hall of Famer.[145] Triple H e Stephanie McMahon compaiono sullo stage già nei minuti successivi al fatto e sette giorni dopo licenziano Dolph Ziggler, Erick Rowan e Ryback. I tre torneranno in WWE grazie alla vittoria di Cena in un handicap match contro Seth Rollins, Big Show e Kane, nel Raw del 19 gennaio.

Nel frattempo, al match titolato tra Cena e Lesnar della Royal Rumble, viene aggiunto Seth Rollins. Il triple threat viene vinto dal campione Brock Lesnar, che schiena lo stesso Rollins al termine di un match bellissimo.[146] Subito dopo l'incontro, Cena inizia una faida con lo United States Champion Rusev, scontrandosi con lui nel backstage. A Fastlane, Rusev si aggiudica il primo match colpendo illegalmente Cena con un low blow e facendolo poi svenire con la sua mossa finale, la Accolade.[147] Cena costringe Rusev e la sua manager Lana ad accettare il rematch per WrestleMania 31[148] e nello stesso PPV vince l'incontro, infliggendo all'avversario la prima sconfitta per schienamento nel main roster e conquistando lo United States Championship per la quarta volta, dieci anni dopo l'ultimo regno.[149]

La notte seguente a Raw, Cena annuncia la nascita della US Open Challenge: una sfida aperta a cadenza settimanale con lo United States Championship in palio. In questo modo, nei mesi successivi, John difenderà con successo il titolo contro i vari Dean Ambrose, Stardust, Bad News Barrett, Kane, Sami Zayn, Neville, Zack Ryder, Cesaro, Rusev e Seth Rollins.

Nella puntata di SmackDown del 2 aprile, Rusev invoca la sua clausola di rivincita per affrontare Cena per il titolo a Extreme Rules;[150] in un Russian Chain match. Cena riesce a mantenere il titolo, battendo lo sfidante sia a Extreme Rules che a Payback, in un "I quit" match, poi[151] nel Raw successivo al PPV, viene attaccato dall'NXT Champion Kevin Owens. A Elimination Chamber, Owens sconfigge Cena in un match non titolato;[152] tuttavia, a Money in the Bank,[153] John si prende la rivincita. La sfida decisiva è fissata a Battleground, dove Cena sconfigge Kevin Owens, mantenendo lo United States Championship e concludendo la loro faida.[154]

Nel Raw del 20 luglio, Cena sfida Seth Rollins per il WWE World Heavyweight Championship, ma questi rifiuta.[155] La settimana successiva, Cena sfida nuovamente Rollins: l'Authority interviene e sancisce un match tra Cena e Rollins, valevole però per lo United States Championship; durante il match, Cena si rompe il naso dopo una ginocchiata di Rollins, ma riesce comunque a vincere.[156][157] In seguito a ciò, viene sancito un incontro tra Cena e Rollins a SummerSlam, con in palio sia il WWE World Heavyweight Championship che lo United States Championship: nel PPV di agosto è Rollins a trionfare, dopo che Cena viene attaccato a tradimento, con una sedia d'acciaio, dall'ospite speciale dell'evento, Jon Stewart.[158]

Il 31 agosto, a Raw, Cena invoca la sua clausola di rivincita per affrontare Rollins a Night of Champions: nella stessa serata, Rollins dovrà quindi affrontare prima Cena e poi Sting, mettendo contro quest'ultimo il titolo mondiale in palio.[159] A Night of Champions, John Cena riesce a conquistare per la quinta volta in carriera lo United States Championship battendo Seth Rollins (che si rifarà sconfiggendo Sting).[160] In seguito, Cena difende con successo il titolo in due occasioni, sempre contro Rollins: la prima già nell'episodio di Raw successivo al PPV, la seconda in uno steel cage match all'evento WWE Live from Madison Square Garden.[161] Ad Hell in a Cell, tuttavia, Cena viene sorpreso dal rientrante Alberto Del Rio, che gli strappa il titolo nel corso di una US Open Challenge.[162]

Impegni part-time e conquista del sedicesimo titolo mondiale (2016–2017)[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro di Hell in a Cell rappresenta uno spartiacque nella carriera di John Cena, che, già accordatosi qualche mese prima con la WWE, a 39 anni smette di essere un wrestler a tempo pieno. Nei due mesi successivi conduce il reality show American Grit, poi il 28 dicembre torna a Raw per sfidare Alberto Del Rio con lo United States Title in palio, vincendo il match solo per squalifica, a causa dell'intervento di Rusev e Sheamus. Durante un successivo match contro lo stesso Del Rio in un live event, però, John si infortuna alla spalla ed è costretto a sottoporsi a un'operazione chirurgica.[163]

Ancora convalescente, appare a WrestleMania 32, il 3 aprile 2016, aiutando il vecchio rivale The Rock durante l'attacco della Wyatt Family.[164] Il 25 aprile, annuncia su Twitter il suo ritorno, in occasione dell'episodio di Raw del 30 maggio.[165] In questa puntata, Cena viene sfidato da AJ Styles, il quale compie un turn heel attaccando il bostoniano assieme a Luke Gallows e Karl Anderson (i tre formeranno la stable denominata Club).[166] L'incontro tra i due è fissato per Money in the Bank, e al PPV è AJ Styles a prevalere, a causa dell'intervento dei due alleati nonostante il contratto vietasse la loro interferenza (al momento dell'entrata nel ring da parte di Gallows e Anderson, l'arbitro era però a terra).[167] La notte seguente, nella puntata di Raw del 20 giugno, Cena affronta Karl Anderson in un incontro che vince per squalifica a causa dell'intervento di AJ Styles e Luke Gallows. Sempre il Club gli costa il match con Seth Rollins, nel Raw del 27 giugno; la stessa sera, però, Cena causa la sconfitta di AJ Styles contro Dean Ambrose. Nella rivalità tra Cena e il Club si inserisce anche la coppia formata da Enzo Amore e Big Cass, entrambi schieratisi con John. Nella puntata di Raw del 18 luglio, Cena, Enzo Amore, Big Cass e il New Day vengono sconfitti dal Club e dalla Wyatt Family; in seguito, nello SmackDown del 19 luglio, John Cena batte Luke Gallows. Proprio nel corso del draft avvenuto in questa puntata, John viene trasferito per la prima volta dal 2005 nel roster di SmackDown (in realtà era stato spostato nello show blu nella draft lottery del 2011, salvo poi venire sorteggiato per il ritorno a Raw nello stesso episodio). Il 24 luglio, a Battleground, John Cena, Enzo Amore e Big Cass sconfiggono il Club in un six-man tag team match.

Ancora in rivalità con AJ Styles, allo SmackDown del 26 luglio non riesce a vincere un six-pack challenge match per diventare #1 contender al titolo del mondo di Dean Ambrose (è Dolph Ziggler a prevalere nei confronti di John, AJ Styles, Apollo Crews, Baron Corbin e Bray Wyatt). Il 21 agosto alla resa dei conti disputata a SummerSlam, Cena viene sconfitto da AJ Styles in un match uno contro uno.[168] La vittoria su Cena lancia AJ Styles, che a settembre vince il titolo mondiale. John si prende una piccola pausa, salta Backlash ma il 9 ottobre, a No Mercy, con lo stesso AJ e Dean Ambrose è uno dei partecipanti al Triple threat per il WWE World Championship, vinto dal campione in carica.[169]

Cena abbandona temporaneamente la WWE, facendo il suo ritorno solo nella puntata di SmackDown del 27 dicembre e sfidando AJ Styles, per il WWE Championship, in un match da disputare alla Royal Rumble del 2017.[170] Nella puntata di SmackDown del 10 gennaio sconfigge Baron Corbin,[171] mentre alla Royal Rumble (il 29 gennaio) riesce finalmente ad avere la meglio su AJ Styles, laureandosi per la sedicesima volta campione del mondo.[172]

Con Randy Orton, all'epoca alleato di Bray Wyatt, vincitore della Royal Rumble, iniziano i primi screzi tra detentore del titolo e #1 contender. Nella puntata di SmackDown del 31 gennaio, Cena e Luke Harper (da poco estromesso dalla Family) vengono sconfitti da Bray Wyatt e Randy Orton;[173] sette giorni dopo, John sconfigge Randy in un incontro non valevole per la cintura. Cintura che Cena perde il 12 febbraio, venendo sconfitto ad Elimination Chamber in favore di Bray Wyatt, capace di aggiudicarsi il match nella camera dell'eliminazione a scapito pure di AJ Styles, Baron Corbin, Dean Ambrose e The Miz.[174] Bray Wyatt si ripeterà anche due giorni più tardi, a SmackDown, quando batterà Cena e AJ Styles in un triple threat match.[175]

L'unica opportunità per John di lottare a WrestleMania contro Wyatt sarebbe quella di vincere la 10-Man Battle Royal del 21 febbraio, ma il bostoniano, dopo aver eliminato The Miz, viene buttato fuori dal ring dallo stesso Mizanin.[176] Proprio il 21 febbraio, la fidanzata di John Cena, Nikki Bella, entra in rivalità con la moglie di The Miz, Maryse, che interferisce nel match di Nikki contro Natalya provocando la vittoria della canadese. Il match tra le due coppie viene sancito per WrestleMania 33, e durante la strada per il PPV più importante dell'anno, John e Nikki si allenano battendo prima James Ellsworth e Carmella e poi Fandango e Tyler Breeze (anche se in realtà l'incontro è tra John Cena e Fandango, Nikki Bella ha comunque l'occasione di eseguire la sua mossa finale su Breeze).[177][178] Il 2 aprile, a WrestleMania 33, Cena e Nikki Bella riescono a battere The Miz e Maryse in un Mixed Tag Team match; al termine della sfida, al centro del ring, John chiede a Nikki di sposarlo e la ragazza accetta.[179]

Free-agent (2017–presente)[modifica | modifica wikitesto]

John Cena riappare su un ring WWE solo nello SmackDown del 4 luglio. Qualche settimana prima, nel promo che annunciava il suo ritorno, era stato indicato come Free-agent, e dunque in grado di apparire in entrambi i roster. Cena viene subito sfidato da Rusev:[180] l'11 luglio John e AJ Styles battono Rusev e Kevin Owens,[181] poi, a Battleground, Cena sconfigge Rusev in un Flag match.[182] Nella puntata di SmackDown del 1º agosto Cena viene schienato da Shinsuke Nakamura in un match per determinare il contendente n°1 al WWE Championship di Jinder Mahal per SummerSlam.[183] Sempre a SmackDown, il 15 agosto, il bostoniano affronta Jinder Mahal in un match non titolato, battendolo per squalifica per l'intervento di Baron Corbin; lo stesso Corbin incassa il Money in the Bank su Mahal ma, a causa dell'interferenza di Cena, viene incredibilmente sconfitto.[184] Per questo motivo, a SummerSlam, Cena affronta e batte Baron Corbin.[185]

Il 21 agosto, Cena fa il suo ritorno a Raw con la volontà di affrontare Roman Reigns, colui che i dirigenti, secondo John, hanno scelto di far diventare il nuovo volto della WWE. Cena e Reigns fanno comunque squadra per battere The Miz e Samoa Joe[186] e successivamente Luke Gallows e Karl Anderson,[187] ma gli incontri di coppia non impediscono alla rivalità di sbocciare. Già prima del tag team match contro Gallows e Anderson, va in scena la firma del contatto tra John e Roman per la loro sfida a No Mercy, con Cena che annichilisce verbalmente Reigns grazie alle sue abilità al microfono. Nella puntata di Raw del 4 settembre Cena supera Jason Jordan e dopo il match ha un nuovo diverbio con Roman Reigns.[188] L'11 batte Braun Strowman per squalifica, dopo essere stato colpito con una Running powerslam sui gradoni d'acciaio.[189] A No Mercy, tuttavia, Cena viene schienato da Roman Reigns, che riesce a resistere addirittura a quattro Attitude Adjustment.[190]

Il 30 ottobre viene annunciata da Shane McMahon la presenza di John Cena come membro del Team SmackDown in occasione di Survivor Series.[191] Il 5-on-5 Traditional Survivor Series Elimination match è però vinto dal Team Raw, con John che viene eliminato per quarto da Kurt Angle.[192] Cena torna a Raw il 25 dicembre, sconfiggendo Elias.[193] Il 28 gennaio, alla Royal Rumble, partecipa al match omonimo entrando col numero 20 ma venendo eliminato da Shinsuke Nakamura come terzultimo.[194] Nella puntata di Raw del 29 gennaio Cena sconfigge Finn Bálor e si qualifica di conseguenza per il #1 contender Elimination Chamber match nell'omonimo pay-per-view.[195] Il 5 febbraio lotta in un Triple Threat match contro Braun Strowman e Elias, con in palio la possibilità di entrare per ultimo nella camera dell'eliminazione. L'incontro, tuttavia, viene vinto con furbizia da Elias.[196] La settimana successiva sconfigge The Miz costringendolo, come da stipulazione, a entrare per primo nell'Elimination Chamber match.[197] Il 19 febbraio va in scena un Gauntlet match tra i sette partecipanti al match del PPV, ma John viene eliminato per secondo da Seth Rollins.[198] Le cose non vanno meglio ad Elimination Chamber, dove viene eliminato per terzo da Braun Strowman (l'incontro sarà poi vinto da Roman Reigns).[199]

La sera successiva annuncia al pubblico la volontà di sfidare Undertaker a WrestleMania 34, aggiungendo però di considerare impossibile una risposta positiva da parte del Deadman. Così, Cena decide di sfruttare il suo stato di free-agent per comparire a SmackDown, chiedendo di venire inserito nel Fatal 5-Way match valido per il WWE Championship a Fastlane. Nello show blu sconfigge il WWE Champion AJ Styles in un match non titolato, ottenendo dunque il diritto di partecipare al match di Fastlane.[200] John torna poi a Raw affrontando per la prima volta in carriera Goldust, sconfiggendolo.[201] A Fastlane, però, nel Six-pack Challenge match valevole per il WWE Title, non riesce ad avere la meglio su Baron Corbin, Dolph Ziggler, Kevin Owens, Sami Zayn e AJ Styles, con quest'ultimo che si conferma campione.[202] Impossibilitato a competere per i titoli mondiali, Cena tenta in tutti i modi di provocare Undertaker, senza riuscire a ottenere una risposta. Nella puntata di Raw del 26 marzo sconfigge Kane in un No Disqualification match, ma il Phenom continua a rimanere fuori dagli show:[203] per questo motivo, John prende la decisione di guardare WrestleMania assieme ai tifosi. L'8 aprile, a WrestleMania 34, Cena si presenta effettivamente tra il pubblico ma poi ha un alterco con Elias, al quale rifila l'Attitude Adjustment. Subito dopo, invocato per l'ennesima volta dal bostoniano, The Undertaker arriva sul ring e batte clamorosamente John in poco meno di tre minuti.[204]

Il 27 aprile, nello special event Greatest Royal Rumble, Cena sconfigge Triple H.[205] Nel mese di agosto, viene annunciato un match tra John Cena e Kevin Owens in occasione di Super Show-Down, in Australia. Vista, però, la rivalità del canadese con Bobby Lashley (tornato in WWE ad aprile e appena uscito dal feud con Elias), l'incontro viene modificato in un due contro due: Cena e Lashley vs. Kevin Owens ed Elias. Il 1 settembre, complice un house show tenutosi in Cina, dove John sta lavorando alla riprese del film "Project X" assieme a Jackie Chan, Cena torna nel ring al fianco di Lashley e Finn Bálor battendo Baron Corbin, Elias e Jinder Mahal e usando una nuova mossa finale, il "Lightning Fist" (un semplice Uppercut preceduto una lunga preparazione), per pubblicizzare il film in uscita. Il 6 ottobre, a Super Show-Down, utilizza ancora il Lightning Fist per schienare Elias e vincere il già citato match di coppia.[206] Nel Raw dell'8 ottobre viene annunciato che John Cena sarebbe stato uno degli otto partecipanti al "WWE World Cup Tournament", un inedito torneo a eliminazione diretta in programma a Crown Jewel, in Arabia Saudita. In seguito all'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi da parte di alcuni uomini dei servizi segreti sauditi, Cena, come Daniel Bryan, decide di non prendere parte allo show, venendo sostituito da Bobby Lashley.

Personaggio nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

John Cena nel 2008.

La gimmick di debutto di John Cena era quella di un lottatore pronto a scalare le gerarchie grazie alla sua ruthless aggression (aggressione spietata), caratteristica richiesta da Vince McMahon durante un promo a Raw realizzato tre giorni prima dell'esordio on screen di Cena (giugno 2002).

Il personaggio di John viene maggiormente definito in seguito al suo turn heel. Nell'ottobre del 2002 si esibisce in un freestyle davanti a Stephanie McMahon, dando inizio alla gimmick del rapper. La bravura al microfono di John viene definitivamente fuori nei primi mesi del 2003, quando sfrutta un infortunio per dare sfoggio delle sue abilità. In questo periodo cambia anche l'attire: Cena comincia a presentarsi sul ring con un paio di jeans corti, dei polsini, un cappellino e una maglietta/canottiera di un giocatore di football o di basket solitamente appartenente alla squadra del luogo. Malgrado l'essere heel, la popolarità del bostoniano crescerà tra il pubblico soprattutto grazie al modo originale usato per prendersi gioco dei suoi avversari: ricordiamo il gesto dello "You can't see me" e la sua mossa finale ribattezzata F-U (acronimo di "F**k you"), in contrapposizione alla F-5 di Brock Lesnar.

Con il turn face del novembre 2003 e la vittoria del WWE United States Championship contro Big Show a WrestleMania XX (2004), John diventa il lottatore più popolare di SmackDown. La gimmick del rapper viene abbandonata nel 2005, dopo la conquista del suo primo WWE Championship, a WrestleMania 21 (2005), e il passaggio a Raw. Da quel momento inizierà a usare il saluto militare e, soprattutto, verrà considerato il volto della federazione per gli anni successivi.

Il character di Cena è da sempre criticato per l'esagerato buonismo e l'aspetto da supereroe. Emblemi del personaggio di John sono l'imbattibilità negli "I Quit" match (combattuti e vinti, in ordine cronologico, contro John "Bradshaw" Layfield, Randy Orton, Batista, The Miz e Rusev) e il fatto che egli abbia perso per sottomissione soltanto quattro volte in carriera (contro Chris Jericho, Chris Benoit e due volte contro Kurt Angle), esclusivamente negli anni antecedenti alla sua ascesa. In storyline, la resistenza "sovrumana" di Cena si nota per la prima volta a No Way Out 2005, nel match con Kurt Angle.

Con il passaggio della WWE a una linea editoriale dedicata maggiormente alle famiglie (la cosiddetta "PG Era"), anche il personaggio di John Cena ha subìto diverse modifiche. Il gruppo dei suoi tifosi, inizialmente chiamato "Chain Gang", è riconosciuto dal 2008 come "CeNation", mentre le due mosse finali (la F-U e la STF-U, quest'ultima acronimo di "Shut the f**k up"), a partire dal 2009 sono state ribattezzate Attitude Adjustment e STF. Nonostante le critiche che assieme alle tante dimostrazioni d'affetto hanno accompagnato la sua carriera, al 2018 Cena rimane uno dei wrestler più importanti della WWE e l'idolo dei fan più piccoli ed occasionali.

Ad oggi, aggiornando una statistica pubblicata qualche mese fa da WWE.com, John Cena ha combattuto 717 incontri ripresi dalle telecamere, l'ultimo di questi quello contro Kewin Owens ed Elias, in coppia con Bobby Lashley, a Super Show-Down. Ne ha vinti 482, persi 203 e pareggiati 32. Il suo score a WrestleMania è invece di 10 vittorie e 4 sconfitte.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 2009, durante la promozione del film 12 Round, Cena annuncia il suo fidanzamento con Elizabeth Huberdeau, che sposa l'11 luglio dello stesso anno. Il 1º maggio 2012, tuttavia, la coppia chiede e ottiene il divorzio[207], formalizzato il 18 luglio seguente.

Subito dopo, John ha una lunga relazione con la collega Stephanie Nicole Garcia-Colace, meglio conosciuta con il ring-name Nikki Bella. Intenzionato a non sposarsi e a non avere dei figli a causa delle loro carriere lavorative, Cena cambia idea chiedendo a Nikki di sposarlo, facendole la proposta di matrimonio all'interno del ring di WrestleMania 33, il 2 aprile 2017. Tuttavia, il 16 aprile 2018, la coppia si separa dopo sei anni di fidanzamento a causa della volontà di John di non avere figli. I due riallacciano i rapporti tornando insieme a maggio, salvo poi lasciarsi definitivamente a fine luglio. Nonostante ciò, John e Nikki sono stati fotografati all'interno di un centro commerciale di Melbourne nell'ottobre del 2018, in occasione del tour australiano della WWE. Non sembra però che i due siano tornati assieme.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Cena esegue l’Attitude Adjustment su Kane
Cena esegue la STF su Mark Henry
Cena esegue il Five Knuckle Shuffle su Dolph Ziggler
Cena mentre esegue una Protobomb su Alex Riley

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

  • AAAttitude Adjustment / F-U (Fireman's carry slam, a volte da una posizione sopraelevata) – 2003–presente
  • Killswitch / Protobomb / Protoplex (Spin-out powerbomb) (OVW/UPW) – 1999–2003; usata in seguito come mossa caratteristica
  • STF/STFU – 2005–presente

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "The Cenation Leader/The Leader of the Cenation" – dal 2008
  • "The Chain Gang Soldier"[208][209] – fino al 2008
  • "The Champ"
  • "The Doctor of Thuganomics" – fino al 2005
  • "The Face of WWE"
  • "The Face that Runs the Place"[210]
  • "Fruity Pebbles"[211][212][213] – datogli ironicamente da The Rock; 2011-12
  • "Mr. Money in the Bank" – 2012

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Slam Smack" di R. Hardy (dal 27 giugno 2002 al 7 novembre 2002)
  • "Insert Bass Here" di DJ Case (dal 14 novembre 2002 al 13 febbraio 2003)
  • "Basic Thuganomics" di John Cena (dal 27 marzo 2003 al 10 marzo 2005; usata anche il 5 aprile 2009, in occasione di WrestleMania 25, e il 12 marzo 2012, per il "John Cena Rap vs. The Rock Concert")
  • "My Time is Now" di John Cena e Tha Trademarc (dal 17 marzo 2005)
  • "We Are One" dei 12 Stones (dal 3 ottobre 2010 al 21 novembre 2010, usata come membro del Nexus)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Cena con il WWE Championship, titolo che ha detenuto per un record di tredici volte
Cena ha avuto tre regni con il World Heavyweight Championship, portando il suo totale di regni come campione del mondo a sedici
Cena detiene il record del maggior numero di regni (cinque) con lo United States Championship nella versione WWE del titolo

Altri riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore trofeo K.R. (2015)
  • Springfield College Athletic Hall of Fame (Classe del 2015)[247]
  • Make-A-Wish Foundation Chris Greicius Celebrity Award
  • Make-A-Wish Foundation Special Recognition Awardper essere stato il primo a realizzare 300 richieste/desideri[248]
  • Sports Social TV Entertainer of the Year (2014)[249]
  • Susan G. Komen Race for the Cure Grand Marshal (2014)[250]
  • USO Legacy of Achievement Award (2016)

1 Durante il suo dodicesimo regno, nel giugno 2014, il titolo era noto come WWE World Heavyweight Championship.

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Da diversi anni John Cena collabora con la "Make-A-Wish Foundation", un'associazione che raccoglie i desideri dei bambini più bisognosi del mondo per realizzarli.[251] Nel 2015 celebra il traguardo dei 500 desideri esauditi.

Nell'ottobre 2012 indossa cappello, maglietta e polsini rosa con la scritta "Rise Above Cancer" in sostegno delle donne che hanno o hanno avuto il cancro al seno, consegnando l'intero ricavato delle vendite degli indumenti all'associazione Susan G. Komen for the Cure.[252] Nel 2014 indossa una maglia con scritto "Keep Calm and Never Give Up" di colore rosa, sempre in sostegno delle donne affette da cancro al seno.[253]

Five Questions[modifica | modifica wikitesto]

Tra l'agosto del 2005 e il dicembre del 2006, Cena è stato protagonista del "Five Questions with The Champ" ("Five Questions with John Cena" quando non era campione), un programma in webcast a cadenza settimanale in cui rispondeva a domande mandategli dai fan. Durante il segmento, ogni volta che Cena imprecava, appariva un'immagine di The Brooklyn Brawler e la parola incriminata era "sostituita" con un'espressione dello stesso wrestler, come "Brawler", "Brooklyn Brawler", "No, no, no" o "Nu-Uh!".[254]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cena durante le riprese sul set di 12 Round

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

DVD dedicati a John Cena[modifica | modifica wikitesto]

  • John Cena: Word Life (2004)[255]
  • John Cena: My Life (2007)[256]
  • The John Cena Experience (2010)
  • Best of WWE Volume 2 - John Cena (2010)[257]
  • WWE Superstar Collection - John Cena (2012)[258]
  • Rock vs. Cena: Once in a Lifetime (2012)[259]
  • John Cena's Greatest Rivalries (2014)[260]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, John Cena è stato doppiato da:

Come doppiatore, è sostituito da:

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Cena firma il merchandise per un giovane fan

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 – My Time is Now
  • 2005 – Bad, Bad Man
  • 2005 – Right Now
  • 2014 – All Day (feat. Wiz Khalifa)
  • 2014 – Breaks (feat. Wiz Khalifa)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 – Bad, Bad Man
  • 2005 – Right Now
  • 2014 – All Day

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Cena insieme a un fan

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e John Cena, WWE. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  2. ^ William Keck, A new action star/femme fatale pairing?, in USA Today, 8 ottobre 2006. URL consultato il 27 marzo 2007.
    «At his Tampa home, Cena maintains a humidor that holds more than 300 cigars.».
  3. ^ (EN) celebheights.com, https://www.celebheights.com/s/John-Cena-3529.html. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  4. ^ UPW: John "Prototype" Cena, UPW. URL consultato il 13 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2008).
  5. ^ John Cena profile, Online World of Wrestling. URL consultato il 3 luglio 2007.
  6. ^ John Cena « Wrestlers Database « CAGEMATCH – The Internet Wrestling Database, Cagematch.net. URL consultato il 7 febbraio 2015.
  7. ^ (EN) SLAM! Sports biography, CANOE, 6 febbraio 2005. URL consultato il 5 maggio 2007.
  8. ^ Richard Hoy-Browne (17 Aprile 2014), John Cena: 'Cenation' or Cena nuff? The baffling case of WWE’s Top Star, The Independent. URL consultato il 3 agosto 2015.
  9. ^ Top 50 Wrestlers of All Time., Ign.com. URL consultato il 3 agosto 2015.
  10. ^ Patrick Luce, WWE Superstar John Cena bust onto DVD with The Marine, Monster & Critics, 4 gennaio 2007. URL consultato il 12 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2008).
  11. ^ IGN - John Cena: The Champ is Here - by Edgar Arce (April 26, 2005)
  12. ^ a b Springfield College - Home of the Pride / 1998 Football Roster Archiviato il 3 febbraio 2014 in Internet Archive.
  13. ^ John Cena Bulldog Basketball Jersey, su shop.wwe.com.
  14. ^ John Cena Personalized Beware of Dog Football Jersey, su shop.wwe.com.
  15. ^ Tribute.ca - John Cena biography
  16. ^ Whatever Happened to Manhunt's "Big Tim"?. Reality News Online.
  17. ^ Perkins, Brad (February 2001). "Training Ground". Nel 2005,ha raggiunto 5.346.877 fan,da cantautore,grazie alla canzone ThuganomicsWrestling Digest. Archived from the original on February 24, 2009
  18. ^ "Inside WWE's New Magazine". WWE. "Who would have guessed John Cena was once a limo driver"
  19. ^ John Cena's WWE History, UPW. URL consultato il 4 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2007).
  20. ^ Ultimate University/UPW alumni, UPW. URL consultato il 29 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2007).
  21. ^ *(EN) Ian Hamilton, Wrestling's Sinking Ship: What Happens To An Industry Without Competition, Lulu.com, 2006, p. 67, ISBN 1-4116-1210-8.
  22. ^ La variante del logo WWF di John Cena, WWEOzShop.com. URL consultato il 12 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2007).
  23. ^ Report di WWE BACKLASH 2003, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  24. ^ WWE SmackDown! results - 13 novembre 2003, Online world of wrestling, 13 novembre 2003. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  25. ^ [http://www.prowrestlinghistory.com/supercards/tsa��wf/survivor.html#2003 Survivor Series 2003][collegamento interrotto], Prowrestlinghistory.com, 16 novembre 2003. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  26. ^ Report di WWE ROYAL RUMBLE 2004, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  27. ^ Report di WWE WRESTLEMANIA XX, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  28. ^ Albo d'oro WWE United States Title, Tuttowrestling.com. URL consultato il 12 febbraio 2008.
  29. ^ SmackDown! results – October 14, 2004, Online World of Wrestling. URL consultato il 10 maggio 2007.
  30. ^ SmackDown! results – November 11, 2004, Online World of Wrestling. URL consultato il 10 maggio 2007.
  31. ^ John Cena profile, Online World of Wrestling.
  32. ^ SmackDown! results – November 18, 2004, Online World of Wrestling. URL consultato il 10 maggio 2007.
  33. ^ John Cena's Second Reign as US Champion, WWE. URL consultato il 10 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2005).
  34. ^ Albo d'oro WWE Title, Tuttowrestling.com. URL consultato il 12 febbraio 2008.
  35. ^ Louie Dee, Picks of the past, WWE.com, 7 giugno 2007. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  36. ^ Erik Ganzerli, WWE SummerSlam 2005 Report, Tuttowrestling.com. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  37. ^ Jim Ross descrive Cena un "controversial champion", JrsBarBQ.com, 21 settembre 2006. URL consultato il 24 febbraio 2008.
  38. ^ Report di WWE Taboo Tuesday 2005, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  39. ^ Report di WWE Survivor Series 2005, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  40. ^ Kendra, WWE RAW Report (12/5/05) - North Charleston, South Carolina, Rajah.com, 6 dicembre 2005. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  41. ^ [http://www.tuttowrestling.com/ppv-nyr2006.html Report di WWE New Year's Revolution 20��], Tuttowrestling.com. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  42. ^ Report di WWE Royal Rumble 2006, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  43. ^ Report di WWE WrestleMania 22, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  44. ^ Report di ECW One Night Stand 2006, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  45. ^ Report di WWE Vengeance 2006, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  46. ^ Report di WWE Unforgiven 2006, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  47. ^ Report di WWE Cyber Sunday 2006, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  48. ^ Report di WWE New Year's Revolution 2007, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  49. ^ Report di WWE ROYAL RUMBLE 2007, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  50. ^ Albo d'oro World Tag Team Title, Tuttowrestling.com. URL consultato il 12 febbraio 2008.
  51. ^ Report di WWE Backlash 2007, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  52. ^ Report di WWE One Night Stand 2007, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  53. ^ Report di WWE Summer Slam 2007, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  54. ^ Report di WWE Unforgiven 2007, Tuttowrestling.com. URL consultato il 22 febbraio 2008.
  55. ^ John Cena, lungo stop, It.eurosport.yahoo.com, 4 ottobre 2007. URL consultato il 4 febbraio 2008.
  56. ^ Cena! La Rumble che non ti aspetti, It.eurosport.yahoo.com, 1º febbraio 2007. URL consultato il 4 febbraio 2008.
  57. ^ Cena non trionfa a WM XXIV, it.wwe.com, 11 aprile 2009. URL consultato il 6 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2008).
  58. ^ Cena: Stop di tre mesi, it.wwe.com, 10 settembre 2008. URL consultato il 4 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2008).
  59. ^ Cena torna dall'infortunio e vince e difende il World Heavyweight Championship, it.wwe.com, 10 settembre 2008. URL consultato il 4 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2008).
  60. ^ Cena vince alla Rumble, it.wwe.com, 10 gennaio 2008. URL consultato il 10 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2008).
  61. ^ Cena perde il titolo, it.wwe.com, 21 febbraio 2009. URL consultato il 21 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2009).
  62. ^ Cena campione del mondo per la quinta volta, it.wwe.com, 4 aprile 2009. URL consultato il 4 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2009).
  63. ^ Cena perde nuovamente il titolo, it.wwe.com, 1º maggio 2009. URL consultato il 1º maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2008).
  64. ^ Cena regna supremo su Big Show, su it.wwe.com. URL consultato il 7 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2009).
  65. ^ WWE Champion John Cena def. Triple H & Shawn Michaels (Triple Threat Match), WWE.com. URL consultato il 1º novembre 2011.
  66. ^ Caldwell's WWE TLC PPV Report 12/13: Complete PPV report on Cena vs. Sheamus, DX vs. JeriShow, Taker vs. Batista, PWTorch. URL consultato il 1º novembre 2011.
  67. ^ Edge wins 30-Man Royal Rumble Match, WWE.com. URL consultato il 1º novembre 2011.
  68. ^ Batista, Jericho and Michaels capitalize on Elimination Chamber opportunities, CANOE. URL consultato il 1º novembre 2011.
  69. ^ Greg Adkins, It's good to be "King", World Wrestling Entertainment, 31 gennaio 2011. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  70. ^ Dale Plummer, RAW: One last push toward Wrestlemania, su Slam! Sports, Canadian Online Explorer, 28 marzo 2011. URL consultato il 4 aprile 2011.
  71. ^ Results:WWE Champion The Miz def. John Cena, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 5 aprile 2011.
  72. ^ John Cena won a Triple Threat Steel Cage match (New WWE Champion), WWE. URL consultato il 2 maggio 2011.
  73. ^ James Wortman, WWE: Homepage > TV Shows > WWE Over The Limit > WWE Over The Limit 2011 > WWE Champion John Cena vs. The Miz ("I Quit" Match), WWE. URL consultato il 14 maggio 2011.
  74. ^ James Wortman, WWE Champion John Cena vs. R-Truth, WWE. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2011).
  75. ^ WWE Chairman Vince McMahon suspends CM Punk, World Wrestling Entertainment, 28 giugno 2011. URL consultato il 28 giugno 2011.
  76. ^ James Wortman, Raw results: Stars and gripes, WWE, 4 luglio 2011. URL consultato il 5 luglio 2011.
  77. ^ Craig Tello, Homepage > TV Shows > Money in the Bank > Money in the Bank 2011 > CM Punk def. John Cena (New WWE Champion), WWE, 17 luglio 2011. URL consultato il 4 settembre 2011.
  78. ^ Rey Mysterio relinquishes belt on Raw, Story:Title Glory for Cena, Sky Sports, 26 luglio 2011. URL consultato il 4 settembre 2011.
  79. ^ John Cena vs. CM Punk – Undisputed WWE Championship Match, WWE. URL consultato il 1º agosto 2011.
  80. ^ Ryan Murphy, John Cena def. Alberto Del Rio (New WWE Champion), WWE. URL consultato il 5 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2012).
  81. ^ WWE Championship Triple Threat Hell in a Cell Match, WWE. URL consultato il 20 settembre 2011.
  82. ^ WWE Championship Last Man Standing Match, WWE. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  83. ^ The Miz and R-Truth vs. John Cena and The Rock, WWE. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  84. ^ James Caldwell, Caldwell's WWE Raw Results 12/12: Complete "virtual-time" coverage of live three-hour Raw – Henry vs. Cena, Slammys, final TLC hype, Pro Wrestling Torch, 12 dicembre 2011. URL consultato il 5 giugno 2012.
  85. ^ RAW Results – December 19, 2011, WWE. URL consultato il 20 dicembre 2011.
  86. ^ Ryan Murphy, WWE Raw SuperShow results: Kane rises to hate, WWE.com, 26 dicembre 2011. URL consultato il 9 giugno 2012.
  87. ^ Mitch Passero, John Cena vs. Kane (Double Count-Out), WWE, 30 gennaio 2012. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  88. ^ Alex Giannini, John Cena vs. Kane (Ambulance Match), WWE, 6 febbraio 2012. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  89. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE WRESTLEMANIA 28 PPV REPORT 4/1: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV – Rock-Cena, Taker-Hunter, Punk-Jericho, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 2 aprile 2012.
  90. ^ James Caldwell, Caldwell's WWE Raw results 4/2: Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw - WM28 fall-out, how will Cena respond to Rock loss?, two big title matches, su Pro Wrestling Torch, 2 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2012.
  91. ^ Eric Larnick, WWE Raw Recap: Brock Lesnar Returns, The Rock Wants World Title, The Huffington Post, 3 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2012.
  92. ^ Scott Fishman, Brock Lesnar back in WWE; Daniel Bryan emerges, The Miami Herald, 4 aprile 2012. URL consultato l'11 aprile 2012.
  93. ^ James Caldwell, Caldwell's WWE Extreme Rules PPV Report 4/29: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV - Brock-Cena, Punk-Jericho in Chicago, su Pro Wrestling Torch, 29 aprile 2012. URL consultato il 30 aprile 2012.
  94. ^ FCW Star Asks For Help, Cena Vs. Laurinaitis News, Extreme Reunion Attendance, Taker Shirt, WrestlingInc.com, 4 maggio 2012. URL consultato il 9 giugno 2012.
  95. ^ May 21, 2012, WWE Over the Limit Recap: John Laurinaitis Defeats John Cena In Main Event, Midwestsportsfans.com, 21 maggio 2012. URL consultato il 9 giugno 2012.
  96. ^ No Way Out 2012 results|WWE.com
  97. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 6/25: Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw #995 - Cena vs. Jericho, MITB hype, su pwtorch.com.
  98. ^ Money in the Bank Ladder Match for a WWE Championship Contract, su WWE. URL consultato il 25 giugno 2012.
  99. ^ Joey Styles, Was CM Punk justified?, WWE, 23 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  100. ^ Todd Martin, Raw 1000th Episode Report, Wrestling Observer, 23 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  101. ^ Raw results: Raw General Manager AJ Lee gets the last laugh on WWE Champion CM Punk, WWE. URL consultato il 30 luglio 2012.
  102. ^ SummerSlam | Matches, Results, Videos, Photos, and More, WWE.com. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  103. ^ John Cena undergoes arm surgery, WWE.com, 18 settembre 2012.
  104. ^ Alex Giannini, Did John Cena 'pass the torch' to Ryback on Raw?, WWE.com, 16 ottobre 2012. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  105. ^ WWE Championship Triple Threat Match, WWE. URL consultato il 5 novembre 2012.
  106. ^ Irfan Nasir Styles, WWE.com: Dolph Ziggler def. John Cena (Ladder Match for the World Heavyweight Championship Money in the Bank contract), WWE, 16 dicembre 2012. URL consultato il 16 dicembre 2012.
    «Dolph Ziggler def. John Cena (Ladder Match for the World Heavyweight Championship Money in the Bank contract)».
  107. ^ Full list of Royal Rumble Match participants and eliminations, WWE, 28 gennaio 2012. URL consultato il 28 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2013).
  108. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 1/28: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Lesnar returns, Rock's first night as champ, Heyman-McMahon (updated w/Box Score), su pwtorch.com.
  109. ^ WWE Raw Report CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 2/4: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - WWE explains many things, Punk-Jericho main event, Bruno HOF Video, su pwtorch.com.
  110. ^ Risultati: WWE Elimination Chamber 2013 - ZonaWrestling.net Archiviato il 20 febbraio 2013 in Internet Archive.
  111. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 2/25: Complete "virtual-time" coverage of live & loaded Raw - Cena vs. Punk Instant Classic, Heyman-McMahon "fight," big returns, but did Taker return?, su pwtorch.com.
  112. ^ WWE WrestleMania 29 - Risultati|Wrestling Italia Archiviato l'11 aprile 2013 in Internet Archive.
  113. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 4/8: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - WM29 fall-out, new World Champ, no Rock, Taker live, crowd takes over, su pwtorch.com.
  114. ^ WWE NEWS: Update - John Cena injured according to WWE, su pwtorch.com.
  115. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 4/29 (Hour 3), su pwtorch.com.
  116. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 5/6 (Hour 3), su pwtorch.com.
  117. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 5/13 (Hour 2), su pwtorch.com.
  118. ^ CALDWELL'S WWE EXTREME RULES PPV RESULTS 5/19 (Hour 3): Cena vs. Ryback starts third hour, Lesnar-Hunter cage match, su pwtorch.com.
  119. ^ Benigno, Anthony, Raw results: "Hit Man" honored as Jericho plays Heyman, Axel rolls on and Ryback drags Cena to "Hell", WWE, 27 maggio 2013. URL consultato il 28 maggio 2013.
  120. ^ CALDWELL'S WWE PAYBACK PPV RESULTS 6/16 (Hour 3): Cena vs. Ryback main event, Tag Title match, su pwtorch.com.
  121. ^ Richard Trionfo, WWE RAW REPORT: TOO McMANY McMAHONS?; WHAT HAPPENS WHEN YOU ARE NO LONG A HEYMAN 'CLIENT'; MARK HENRY GIVES AN EMOTIONAL SPEECH; A SCARE FOR DANIEL BRYAN; IS STEPHANIE MCMAHON THE NEW KAREN JARRETT?; WHAT IF PEOPLE DON'T COME OUT DURING PROMO SEGMENTS, HOW WOULD WE GET MATCHES?; AND MORE, PWInsider. URL consultato il 20 giugno.
  122. ^ CALDWELL'S WWE MITB PPV RESULTS 7/14 (Hour 3): Ongoing "virtual-time" coverage of live PPV - Cena vs. Henry, MITB All-Stars, su pwtorch.com.
  123. ^ Daniel Bryan def. WWE Champion John Cena; Randy Orton cashed in his Money in the Bank contract on Bryan to become WWE Champion | WWE.com
  124. ^ CALDWELL'S WWE SSLAM PPV RESULTS 8/18 (Hour 3): Cena vs. Bryan WWE Title main event, did Orton cash in?, su pwtorch.com.
  125. ^ RAW NEWS: Cena gone 4-6 months, Triple H explanation, WWE Title & World Title pictures, RVD, new tag team, more, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 20 agosto 2013.
  126. ^ (EN) CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 10/7 (Hour 3): Cena's return announced, Triple H finally gets KO'ed, Shield vs. Team Bryan & Rhodes main event, Miz TV, more, su pwtorch.com.
  127. ^ (EN) CALDWELL'S WWE HIAC PPV RESULTS (Hour 2): Cena returns in World Title match, Punk vs. Ryback HIAC match, su pwtorch.com.
  128. ^ (EN) CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 10/28 (Hour 1): Cena opens Raw, Sandow attempts MITB cash-in, Shield, su pwtorch.com.
  129. ^ (EN) World Heavyweight Champion John Cena def. Alberto Del Rio, su wwe.com.
  130. ^ a b WWE Survivor Series 2013: WWE Is Smart to Start Randy Orton vs. John Cena Feud|Bleacher Report
  131. ^ WWE World Heavyweight Champion Randy Orton def. John Cena
  132. ^ Raw highlights: Jan. 27, 2014 - Daniel Bryan, Sheamus and John Cena vs. The Shield - Elimination Chamber Qualifying Match: Raw, Jan. 27, 2014
  133. ^ "WWE World Heavyweight Championship Elimination Chamber Match BY John Clapp - wwe.com".
  134. ^ PPV REPORTS - WRESTLEMANIA 30 PPV RESULTS (Hour 2): Complete "virtual-time" coverage of Cena vs. Bray, big moment for Cesaro in the Andre Battle Royal, Shield vs. Outlaws
  135. ^ WWE Extreme Rules 2014: John Cena vs. Bray Wyatt (Steel Cage Match)
  136. ^ (EN) Matthew Asher, Shield gets suicidal and Cena looks for some Payback against Wyatt, su slam.canoe.ca, SLAM! Wrestling. URL consultato il 2 giugno 2014.
  137. ^ (EN) WWE Money in the Bank 2014 results, WWE. URL consultato il 30 giugno 2014.
  138. ^ (EN) WWE Battleground 2014 results, WWE. URL consultato il 20 luglio 2014.
  139. ^ (EN) SummerSlam 2014 results: Brock Lesnar decimates John Cena, wins WWE World Heavyweight Championship, SB Nation. URL consultato il 18 agosto 2014.
  140. ^ (EN) Jason Namako, WWE Main Event Results - 8/19/14 (Big Show vs. Rowan), su wrestleview.com, WWE. URL consultato il 20 agosto 2014.
  141. ^ John Cena def. Randy Orton inside Hell in a Cell for a future WWE World Heavyweight Title Match against Brock Lesnar - By MICHAEL BURDICK
  142. ^ Tedesco, Mike. "WWE RAW Results – 10/27/14 (John Cena vs. Seth Rollins)". wrestleview.com. Retrieved October 28, 2014.
  143. ^ Murphy, Ryan. "Team Cena def. Team Authority". wwe.com. WWE. Retrieved November 23, 2014.
  144. ^ Murphy, Ryan. "John Cena def. Seth Rollins (Tables Match)". wwe.com. WWE. Retrieved December 14, 2014.
  145. ^ Keller, Wade. "Keller's WWE Raw report 12/29: Lesnar and Heyman show up, Ziggler vs. Rusev in a champion vs. champion match, Edge & Christian host, Bryan's big announcement". PWTorch.com. Retrieved December 31, 2014. Archiviato il aprile 2, 2015 Data nell'URL non combaciante: 2 aprile 2015 in Internet Archive.
  146. ^ McCauley, Kevin. "Brock Lesnar retains WWE title in classic at Royal Rumble, beating John Cena, Seth Rollins". SB Nation. Retrieved 26 January 2015.
  147. ^ Caldwell, James. "WWE Fast Lane PPV results 2/22: Complete "virtual-time" coverage of Bryan vs. Reigns, Cena vs. Rusev, Sting-Hunter confrontation, final PPV before WM31". Pro Wrestling Torch. Retrieved 23 February 2015.
  148. ^ Tedesco, Mike. "WWE RAW Results - 3/9/15 (Orton gets revenge on Rollins)". wrestleview.com. Retrieved 10 March 2015.
  149. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WM31 PPV RESULTS 3/29: Ongoing "virtual-time" coverage of WWE World Title match, Taker's return, Sting vs. Triple H, Cena vs. Rusev, more big matches, su Pro Wrestling Torch, 29 marzo 2015. URL consultato il 29 marzo 2015.
  150. ^ Vaccaro, Robert, United States Champion John Cena def. Rusev (Russian Chain Match), WWE. URL consultato il 2 aprile 2015.
  151. ^ Bobby Melok, United States Champion John Cena vs. Rusev ("I Quit" Match), WWE. URL consultato il 17 maggio 2015.
  152. ^ Melock, Bobby, NXT Champion Kevin Owens def. United States Champion John Cena (Champion vs. Champion Match: Non-Title), WWE. URL consultato il 31 maggio 2015.
  153. ^ Jeff Laboon, John Cena def. Kevin Owens, WWE. URL consultato il 14 giugno 2015.
  154. ^ James Wortman, United States Champion John Cena def. Kevin Owens, WWE. URL consultato il 19 luglio 2015.
  155. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/20: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Battleground fall-out, Taker-Lesnar pullapart, big six-man tag main event, Divas, more, PWTorch.com. URL consultato il 1° agosto 2015.
  156. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/27: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Cena vs. Rollins for U.S. Title, SSlam hype, Owens vs. RKO, two Divas matches, more, PWTorch.com. URL consultato il 1° agosto 2015.
  157. ^ WWE Staff, John Cena suffers broken nose on Raw, WWE. URL consultato il 1° agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2015).
  158. ^ Artus, Matthew, WWE World Heavyweight Champion Seth Rollins def. United States Champion John Cena in a Winner Takes All Match, WWE. URL consultato il 24 agosto 2015.
  159. ^ Tedesco, Mike, WWE RAW Results - 8/31/15 (Sting/Cena challenge Rollins), wrestleview.com. URL consultato il 1º settembre 2015.
  160. ^ Melok, Bobby, John Cena def. Seth Rollins to win the United States Championship, WWE.com. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  161. ^ Staff, WWE.com, WWE.com, from MSG: Lesnar vs. Big Show results: The Giant takes a trip to Suplex City; Demon Kane sends Rollins straight to hell http://Live from MSG: Lesnar vs. Big Show results: The Giant takes a trip to Suplex City; Demon Kane sends Rollins straight to hell. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  162. ^ Artus, Matthew, Alberto Del Rio def. U.S. Champion John Cena in the U.S. Open Challenge, WWE. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  163. ^ Nason, John, John Cena Likely out for WrestleMania due to shoulder injury, f4wonline.com.. URL consultato l'8 marzo 2016.
  164. ^ Dylan Diot, Diot’s WWE WrestleMania 32 Review, 411MANIA - WRESTLING/TV REPORTS, 4 aprile 2016. URL consultato il 26 aprile 2016.
  165. ^ John Cena, John Cena su Twitter, Twitter.com, 25 aprile 2016. URL consultato il 26 aprile 2016.
  166. ^ Mike Tedesco, WWE RAW RESULTS – 5/30/16 (LIVE RESULTS FROM GREEN BAY, AJ STYLES AND THE CLUB ATTACK JOHN CENA, SIX MAN TAG MAIN EVENT), Wrestleview, 30 maggio 2016. URL consultato il 2 giugno 2016.
  167. ^ (EN) James Caldwell, 6/19 WWE MITB PPV Results – Caldwell's Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 19 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  168. ^ Greg Adkins, AJ Styles def. John Cena, su WWE. URL consultato il 21 agosto 2016.
  169. ^ Bobby Melok, WWE World Champion AJ Styles def. Dean Ambrose and John Cena, su WWE. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  170. ^ (EN) Ryan Pappolla, WWE, 27 dicembre 2016, http://www.wwe.com/shows/smackdown/2016-12-27/article/john-cena-returns-to-smackdown-live. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  171. ^ (EN) Ryan Pappolla, John Cena def. Baron Corbin, WWE, 10 gennaio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  172. ^ Greg Adkins, John Cena def. AJ Styles to win the WWE Championship, su WWE, 29 gennaio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  173. ^ (EN) Ryan Pappolla, Bray Wyatt & Randy Orton def. John Cena & Luke Harper, WWE, 31 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  174. ^ (EN) Bray Wyatt def. John Cena, The Miz, Baron Corbin, AJ Styles and Dean Ambrose in an Elimination Chamber Match to win the WWE Championship, WWE, 12 febbraio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  175. ^ (EN) Ryan Pappolla, WWE Champion Bray Wyatt def. John Cena and AJ Styles in a Triple Threat Match, WWE, 14 febbraio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  176. ^ (EN) The 10-Man Battle Royal to determine the No. 1 Contender to Bray Wyatt’s WWE Championship at WrestleMania ended in controversy, WWE, 21 febbraio 2017. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  177. ^ (EN) Ryan Pappolla, John Cena & Nikki Bella def. James Ellsworth & Carmella, WWE, 7 marzo 2017. URL consultato il 7 marzo 2017.
  178. ^ (EN) John Cena def. Fandango, WWE, 21 marzo 2017. URL consultato il 21 marzo 2017.
  179. ^ Michael Burdick, John Cena & Nikki Bella def. Miz & Maryse; Cena asks Nikki to marry him, su WWE. URL consultato il 2 aprile 2017.
  180. ^ (EN) John Cena’s return to SmackDown LIVE was interrupted by Rusev, WWE, 4 luglio 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  181. ^ (EN) John Cena & AJ Styles def. Kevin Owens & Rusev, WWE, 11 luglio 2017. URL consultato l'11 luglio 2017.
  182. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Rusev (Flag Match), su WWE, 23 luglio 2017. URL consultato il 24 luglio 2017.
  183. ^ Ryan Pappolla, Shinsuke Nakamura def. John Cena to earn opportunity to challenge WWE Champion Jinder Mahal at SummerSlam, su WWE. URL consultato il 1º agosto 2017.
  184. ^ Ryan Pappolla, WWE Champion Jinder Mahal def. Baron Corbin after cash-in, su WWE. URL consultato il 15 agosto 2017.
  185. ^ WWE Staff, John Cena def. Baron Corbin, su WWE, 20 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2017.
  186. ^ Anthony Benigno, John Cena & Roman Reigns def. Intercontinental Champion The Miz & Samoa Joe, su WWE. URL consultato il 21 agosto 2017.
  187. ^ Anthony Benigno, John Cena & Roman Reigns def. Luke Gallows & Karl Anderson, su WWE. URL consultato il 28 agosto 2017.
  188. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Jason Jordan, su WWE. URL consultato il 4 settembre 2017.
  189. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Braun Strowman via Disqualification, su WWE. URL consultato l'11 settembre 2017.
  190. ^ Anthony Benigno, Roman Reigns def. John Cena, su WWE. URL consultato il 24 settembre 2017.
  191. ^ Michael Burdick, Men’s 5-on-5 Traditional Survivor Series Elimination Match, in WWE. URL consultato il 30 ottobre 2017.
  192. ^ James Wortman, Team Raw def. Team SmackDown in a Men’s 5-on-5 Traditional Survivor Series Elimination Tag Team Match, in WWE. URL consultato il 19 novembre 2017.
  193. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Elias, su WWE. URL consultato il 25 dicembre 2017.
  194. ^ Anthony Benigno, Shinsuke Nakamura won the 2018 Men’s Royal Rumble Match, su WWE, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  195. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Finn Bálor to qualify for the Men’s Elimination Chamber Match, su WWE. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  196. ^ Anthony Benigno, Elias def. John Cena and Braun Strowman to earn the No. 6 entry position in the Men’s Elimination Chamber Match, su WWE. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  197. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Intercontinental Champion The Miz (loser enters the Men's Elimination Chamber Match first), su WWE. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  198. ^ Anthony Benigno, Braun Strowman won a Gauntlet Match among the Men's Elimination Chamber Match competitors, su WWE. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  199. ^ Anthony Benigno, Roman Reigns won the first-ever Seven-Man Elimination Chamber Match to challenge Universal Champion Brock Lesnar at WrestleMania, su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  200. ^ Ryan Pappolla, John Cena def. AJ Styles to be added to the WWE Title Match at WWE Fastlane, su WWE. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  201. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Goldust, su WWE. URL consultato il 6 marzo 2018.
  202. ^ Anthony Benigno, WWE Champion AJ Styles def. John Cena, Kevin Owens, Sami Zayn, Dolph Ziggler and Baron Corbin (Six-Pack Challenge), su WWE. URL consultato il 12 marzo 2018.
  203. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Kane (No Disqualification Match), su WWE. URL consultato il 27 marzo 2018.
  204. ^ Anthony Benigno, The Undertaker def. John Cena, su WWE. URL consultato il 9 aprile 2018.
  205. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Triple H, su wwe.com. URL consultato il 29 aprile 2018.
  206. ^ James Wortman, John Cena & Bobby Lashley def. Kevin Owens & Elias, su wwe.com. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  207. ^ "Petition for Dissolution of Marriage"
  208. ^ John Cena And Method Man: Thuganomics 101, su MTV News, 12 marzo 2004. URL consultato il 26 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2005).
  209. ^ John Cena, su wwe.com. URL consultato il 15 novembre 2013.
    «See the Cenation leader at his most extreme in these video clips that push the envelope.».
  210. ^ Blake Oestriecher, WWE SmackDown And Raw Mock Draft, Featuring John Cena, Roman Reigns, AJ Styles And More, Forbes, 25 maggio 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
    «Prior to his injury last year, Cena was having arguably the best year of his career as an in-ring performer, and as WWE’s top merchandise mover and most polarizing star, he’s still “the face that runs the place” and someone who adds instant intrigue and credibility to Raw.».
  211. ^ Zach Linder, The Rock's 15 rare Raw moments, su wwe.com, 16 luglio 2012.
    «The Rock has had many memorable moments on Raw, including identifying John Cena as a bowl of Fruity Pebbles».
  212. ^ The Rock's rare Raw moments: photos, su wwe.com. URL consultato il 27 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
    «You might know about The Great One calling John Cena a bowl of Fruity Pebbles».
  213. ^ WWE Staff, John Cena replaces Fred Flintstone on the cover of Post Pebbles cereal, su wwe.com, 8 gennaio 2013.
    «The Rock saddled Cena with the nickname “Fruity Pebbles” due to his bright-colored assortment of T-shirts.».
  214. ^ WWE World Heavyweight Championship history, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  215. ^ World Heavyweight Championship history, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  216. ^ United States Championship history, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  217. ^ World Tag Team Championships history, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  218. ^ WWE Tag Team Championships history, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  219. ^ WWE Royal Rumble Winners, su wrestleview.com, Wrestleview. URL consultato il 16 giugno 2016.
  220. ^ History of the Money in the Bank, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling. URL consultato il 16 giugno 2016.
  221. ^ (EN) What's A Slammy?, su wwe.com, WWE. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  222. ^ 2011 Slammy Award Winners, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  223. ^ 2015 Slammy Award Winners, su wrestlezone.com, Wrestlezone. URL consultato il 16 giugno 2016.
  224. ^ a b 2010 Slammy Award Winners, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  225. ^ a b c 2012 Slammy Award Winners, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  226. ^ 2013 Slammy Award Winners, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 giugno 2016.
  227. ^ 2014 Slammy Award Winners, su bleacherreport.com, Bleacherreport. URL consultato il 16 giugno 2016.
  228. ^ 2009 Slammy Award Winners, su wrestlezone.com, Wrestlezone. URL consultato il 16 giugno 2016.
  229. ^ a b c d (EN) John Cena's Titles, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 giugno 2016.
  230. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (EN) John Cena's Awards, su cagematch.net. URL consultato il 16 giugno 2016.
  231. ^ Feud of the Year, Wrestling Information Archive. URL consultato il 12 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2007).
  232. ^ Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 74–75.
  233. ^ Match of the Year, Wrestling Information Archive. URL consultato il 17 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2008).
  234. ^ Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 80–81.
  235. ^ Most Improved Wrestler of the Year, Wrestling Information Archive. URL consultato il 12 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2007).
  236. ^ Most Popular Wrestler of the Year, Wrestling Information Archive. URL consultato il 12 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2007).
  237. ^ Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2006, su profightdb.com, The Internet Wrestling Database. URL consultato il 16 giugno 2016.
  238. ^ Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2007, su profightdb.com, The Internet Wrestling Database. URL consultato il 16 giugno 2016.
  239. ^ Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2013, su profightdb.com, The Internet Wrestling Database. URL consultato il 16 giugno 2016.
  240. ^ a b c d WWE Wrestler(s) of the Year, Rolling Stone. URL consultato il 17 giugno 2016.
  241. ^ a b c d e Dave Meltzer, Biggest issue of the year: The 2011 Wrestling Observer Newsletter Awards Issue, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, CA, 26 gennaio 2011, pp. 1–40, ISSN 10839593 (WC · ACNP).
  242. ^ a b Dave Meltzer, January 30 Wrestling Observer Newsletter: Gigantic year-end awards issue, best and worst in all categories plus UFC on FX 1, death of Savannah Jack, ratings, tons and tons of news, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, CA, 30 gennaio 2012, ISSN 10839593 (WC · ACNP).
  243. ^ (ES) William Beltrán, Según el Wrestling Observer... ¿Quiénes son los mejores los mejores de la década?, su SuperLuchas Magazine, 3 agosto 2010. URL consultato il 5 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2010).
  244. ^ a b Dave Meltzer, The 2012 Wrestling Observer Newsletter Annual Awards Issue, in Dave Meltzer, Wrestling Observer Newsletter, Campbell, California, 23 gennaio 2013, ISSN 10839593 (WC · ACNP).
  245. ^ Dave Meltzer, Jan. 26, 2015 Wrestling Observer Newsletter: 2014 awards issue w/ results & Dave’s commentary, Conor McGregor, and much more, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, CA, 26 gennaio 2015, pp. 1–30, ISSN 10839593 (WC · ACNP).
  246. ^ Dave Meltzer, Nov. 12, 2012 Wrestling Observer Newsletter: WON Hall of Fame 2012 double issue, six men inducted, all the news and info from around the world and more!, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, California, 12 novembre 2012, p. 8, ISSN 10839593 (WC · ACNP).
  247. ^ Larry Csonka, Cena inducted into Springfield College Athletic HOF., 411 Mania. URL consultato il 3 agosto 2015.
  248. ^ Announces Wish Granter Awards (2012), Make-A-Wish. URL consultato il 3 agosto 2015.
  249. ^ 2014 Sports Social TV Awards winners, Sports Social TV. URL consultato il 3 agosto 2015.
  250. ^ JOHN CENA IS GRAND MARSHAL FOR THE 2014 SUSAN G. KOMEN GLOBAL RACE FOR THE CURE IN WASHINGTON, D.C., WWE. URL consultato il 3 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2015).
  251. ^ I wish to meet John Cena, Wish.org. URL consultato il 27 settembre 2012.
  252. ^ John Cena rise above cancer, Shop.wwe.com. URL consultato il 27 settembre 2012.
  253. ^ WWE, Susan G. Komen Tag Team for Third Year to Fight Breast Cancer variety.com
  254. ^ Five Questions di John Cena, WWE.com. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  255. ^ Reviews & Ratings for John Cena: Word Life, su imdb.com, IMDb. URL consultato il 5 giugno 2016.
  256. ^ John Cena: My Life DVD Review, su prowrestling.about.com, Prowrestling.about. URL consultato il 5 giugno 2016.
  257. ^ WWE - Best Of WWE Volume 2 - John Cena, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  258. ^ EXCLUSIVE: Match Listing for WWE John Cena Superstar Collection DVD, su wrestlingdvdnetwork.com, Wrestlingdvdnetwork. URL consultato il 5 giugno 2016.
  259. ^ REVIEW: WWE The Rock vs. John Cena “Once in a Lifetime” DVD, su wrestlingdvdnetwork.com, Wrestlingdvdnetwork. URL consultato il 5 giugno 2016.
  260. ^ John Cena: Greatest Rivalries' DVD Review, su wrestlinginc.com, Wrestlinginc. URL consultato il 5 giugno 2016.
  261. ^ WWE WrestleMania XIX, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  262. ^ WWE Raw 2, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  263. ^ WWE SmackDown! Here Comes the Pain, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  264. ^ WWE Day of Reckoning, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  265. ^ WWE SmackDown! vs. Raw, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  266. ^ WWE Survivor Series, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  267. ^ WWE WrestleMania 21, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  268. ^ WWE Day of Reckoning 2, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  269. ^ WWE SmackDown! vs. Raw 2006, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  270. ^ WWE SmackDown vs. Raw 2007, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  271. ^ WWE SmackDown vs. Raw 2008, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  272. ^ WWE SmackDown vs. Raw 2009, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  273. ^ WWE SmackDown vs. Raw 2010, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  274. ^ WWE SmackDown vs. Raw 2011, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  275. ^ WWE All Stars, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  276. ^ WWE '12, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  277. ^ WWE '13, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  278. ^ WWE 2K14, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  279. ^ 2K svela il gioco di carte online WWE Supercard, su spaziogames.it, Spaziogames. URL consultato il 5 giugno 2016.
  280. ^ WWE 2K15, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  281. ^ (EN) WWE Immortals, su wwe.com, WWE. URL consultato il 7 giugno 2016.
  282. ^ WWE 2K16, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 giugno 2016.
  283. ^ (EN) WWE 2K17, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 marzo 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario De Angelis, 2005, John Cena, Lo Vecchio.
  • Ian Hamilton, 2007, Wrestling's Sinking Ship: What Happens To An Industry Without Competition.
  • Stefano Benzi, 2007, Five Knuckle Shuffle, Murcia Editore.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22466298 · ISNI (EN0000 0001 1606 6213 · LCCN (ENn2005064146 · GND (DE135352215 · BNF (FRcb15658149g (data)