Heel (wrestling)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel mondo del wrestling con il termine heel (il cui significato letterale in inglese è quello di "tallone" e che in senso gergale può anche significare "mascalzone" o "furbastro"), si intende l'atteggiamento dei wrestler che (come stabilito dalla promotion e nelle storyline scritte dai booker[1]), devono comportarsi in maniera presuntuosa, scorretta, stupida, crudele, rude, o vigliacca al fine di risultare invisi al pubblico[2] e sono solitamente opposti ai face che (viceversa a loro) hanno l'atteggiamento di buoni e un comportamento corretto ed onesto.

Un wrestler heel in genere non rispetta le regole di combattimento, oppure distrae l'arbitro per avvantaggiare un compagno e spesso tende a comportarsi in maniera immorale od anche cerca di avvantaggiarsi nelle stipulazioni dei match contro un avversario face. Uno heel può anche colpire l'avversario con un foreign object (un oggetto contundente) od anche avvantaggiarsi di un enforcer che rimane a bordo ring ed il suo modo scorretto di agire emerge anche quando interviene nei match del suo nemico giurato (solitamente un face con cui ha in corso una faida), distraendolo od attaccandolo.

Le storyline del wrestling prevedono anche che un face e beniamino del pubblico possa effettua un 'turn' per divenire heel e questo può avvenire anche all'interno di una stable o di tag team e dove il face tradisce il compagno durante un combattimento per allearsi con gli avversari.

Anche nei promo uno heel può fare qulcosa per rendersi sgradevole al pubblico, può ad esempio tessere le sue lodi in maniera eccessiva ed arrogante oppure denigrare il suo avversario con insulti ma anche può rivolgersi verso il pubblico manifestando gli stessi atteggiamenti (cheap heat).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling
  1. ^ Foley, Mick. Have A Nice Day: A Tale of Blood and Sweatsocks (p.2)
  2. ^ (EN) Heel, PWTorch. URL consultato l'11 aprile 2017.