Baron Corbin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
King Corbin
Baron Corbin as constable of Monday night raw.jpg
Baron Corbin nell'agosto del 2019
NomeThomas Pestock
Ring nameBaron Corbin
King Corbin
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaLenexa
13 settembre 1984 (35 anni)
Altezza dichiarata203 cm
Peso dichiarato129 kg
AllenatorePerformance Center
Debutto2012
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Thomas Pestock, meglio conosciuto con il ring-name di King Corbin (Lenexa, 13 settembre 1984), è un wrestler ed ex giocatore di football americano statunitense attualmente sotto contratto con la WWE, dove lotta nel roster di SmackDown.

In WWE ha vinto la terza edizione dell'André the Giant Memorial Trophy (2016), il Money in the Bank (2017) e il King of the Ring (2019); ha inoltre detenuto una volta lo United States Championship.

Carriera nel football americano[modifica | modifica wikitesto]

Pestock ha frequentato la Northwest Missouri State University giocando come offensive guard nella squadra di football dell'ateneo, militante nel campionato Division II. Nel 2007 diventa un titolare della squadra e nello stesso anno viene nominato nella All-MIAA; l'anno successivo viene scelto per la prima squadra All-MIAA. In tutta la sua carriera è stato parte di squadre che sono arrivate per quattro anni consecutivi alle finali del torneo della Division II.

Dopo essere rimasto senza chiamate al Draft NFL 2009 viene messo sotto contratto dagli Indianapolis Colts il 27 aprile 2009 e rimarrà in squadra fino al 5 settembre dello stesso anno. Il 18 gennaio 2010 viene messo sotto contratto dagli Arizona Cardinals dopo essere stato notato per aver colpito con un montante un compagno durante una rissa scoppiata in un allenamento. Il 2 settembre 2011 viene ufficialmente rilasciato dalla squadra.

Carriera nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

World Wrestling Entertainment (2012–presente)[modifica | modifica wikitesto]

NXT (2012–2016)[modifica | modifica wikitesto]

King Corbin nel marzo del 2015

Nel 2012 Pestock viene messo sotto contratto dalla WWE e viene mandato nel territorio di sviluppo, NXT. Debutta nella puntata dell'8 maggio perdendo contro Damien Sandow. Il 5 giugno prende parte alla Battle Royal per decretare il primo sfidante all'NXT Championship, ma viene eliminato da Bo Dallas.

Ritorna dopo una lunga assenza nell'estate 2014 con un nuovo look da biker. Sconfigge quindi vari avversari, tra i quali Bull Dempsey, e prende anche parte al torneo per decretare il number one contender all'NXT Championship, eliminando lo stesso Dempsey ai quarti ma perdendo in semifinale contro Adrian Neville anche a causa dell'interferenza di Dempsey stesso. I due si sfidano ad NXT TakeOver: RIVAL, dove a vincere è ancora una volta Corbin, in maniera netta.

Nel mese di maggio 2015 effettua un turn heel e inizia una rivalità con Rhyno, che batterà in un match singolo a NXT Takeover: Unstoppable. Il 12 agosto, dopo aver sconfitto rapidamente un suo avversario, viene interrotto da Samoa Joe, con il quale avrà un match a NXT Takeover: Brooklyn, nella quale perderà. Nella stessa serata viene annunciato dal general manager di NXT William Regal un torneo di coppia in onore dell'appena scomparso Dusty Rhodes, il Dusty Rhodes Tag Team Classic, torneo nel quale perderà con il suo parter Rhyno in finale contro Finn Bálor e Samoa Joe ad NXT Takeover: Respect. Il 14 ottobre prende parte ad una Battle Royal per determinare chi avrebbe sfidato la settimana successiva Finn Bálor per l'NXT Championship, nella quale viene eliminato per ultimo dal vincitore Apollo Crews. La settimana successiva durante il match tra Bálor e Crews attacca quest'ultimo per vendicarsi di ciò che era accaduto la settimana precedente, e lo sfida ad un match a NXT Takeover: London dove lo sconfigge.

Il 27 gennaio prende parte ad un Triple Threat Match per determinare il prossimo sfidante all'NXT Championship, dove sfiderà Sami Zayn e Samoa Joe, ma questo match finisce in no-contest, perché il Lone Wolf ha ceduto sia alla Sharpshooter, effettuata da Sami Zayn, sia alla Crossface, effettuata da Samoa Joe, tutte e due su di lui. Il 2 marzo attacca alle spalle il debuttante Austin Aries, da cui viene sconfitto a NXT TakeOver: Dallas.

Roster principale (2016–2017)[modifica | modifica wikitesto]

King Corbin con l'André the Giant Memorial Trophy nell'aprile del 2016

Corbin ha fatto il suo debutto nel roster principale a WrestleMania 32, apparendo come un partecipante non annunciato dell'André the Giant Memorial Battle Royal, riuscendo a vincerla eliminando per ultimo Kane.[1] Nella puntata di Raw successiva a WrestleMania, Corbin ha fatto il suo debutto nello show rosso affrontando Dolph Ziggler in un match terminato in un doppio count-out. Dopo il match, Corbin ha colpito Ziggler con la End of Days.[2] Il 18 aprile a Raw sconfigge Fandango, mentre il 28 aprile a SmackDown batte facilmente Damien Sandow. A Payback del 1º maggio Corbin ha fatto il suo esordio in pay-per-view proprio contro Ziggler, venendo sconfitto tramite roll-up. Nella puntata di Raw del 2 maggio Corbin ha preso parte ad una 20-Man Battle Royal per determinare il contendente nº1 allo United States Championship detenuto da Kalisto ma è stato eliminato dal rivale Dolph Ziggler; Corbin tuttavia si vendica colpendo Ziggler e permettendo a Rusev di eliminarlo dalla contesa. Corbin ottiene la sua rivincita sconfiggendo Ziggler nella puntata di Raw del 9 maggio. Il 22 maggio a Extreme Rules Corbin ha sconfitto Ziggler in un No Disqualification match. Il 9 giugno a SmackDown ha sconfitto Kalisto. Il 19 giugno a Money in the Bank Corbin ha sconfitto Ziggler.[3] Nella puntata di Raw dell'11 luglio Corbin ha partecipato ad una Battle Royal per determinare il contendente nº1 all'Intercontinental Championship, detenuto da The Miz, ma si è involontariamente eliminato insieme ad Apollo Crews.

Con la Draft Lottery avvenuta nella puntata di SmackDown del 19 luglio, Corbin è stato trasferito nel roster di SmackDown. Nella puntata di SmackDown del 26 luglio Corbin ha partecipato ad un Six-Pack Challenge match che comprendeva anche AJ Styles, Apollo Crews, Bray Wyatt, John Cena e Dolph Ziggler per decretare il contendente nº1 al WWE Championship detenuto da Dean Ambrose, ma il match è stato vinto proprio dal suo ex-rivale Ziggler. Nella puntata di SmackDown del 2 agosto ha preso parte ad un Triple Threat match che comprendeva anche Apollo Crews e Kalisto per decretare il contendente nº1 all'Intercontinental Championship di The Miz ma il match è stato vinto da Crews. Dopo aver attaccato Kalisto in numerose occasioni nel backstage, Corbin ha affrontato Rhyno nella puntata di Main Event del 19 agosto, sconfiggendolo. Nella puntata di SmackDown del 27 agosto ha sconfitto il WWE World Champion Dean Ambrose per squalifica a causa dell'intervento di AJ Styles. Nel Kick-off di Backlash, l'11 settembre, Corbin ha sconfitto Apollo Crews. La scena si è ripetuta anche nella puntata di SmackDown del 20 settembre, quando Corbin ha sconfitto Crews per la seconda volta. Nella puntata di SmackDown del 4 ottobre è stato sconfitto da Jack Swagger (sotto decisione arbitrale sbagliata, poiché l'arbitro era convinto di aver visto Corbin cedere alla Patriot Lock di Swagger ma così non è stato). Il 9 ottobre a No Mercy Corbin si è preso la sua rivincita sconfiggendo Swagger. Nella puntata di SmackDown dell'8 novembre Corbin avrebbe dovuto affrontare il rientrante Kalisto ma, a causa di un infortunio al ginocchio (kayfabe), il match non è nemmeno iniziato. Di conseguenza il suo posto nel Team SmackDown per Survivor Series è stato preso da Shane McMahon. Corbin è tornato inaspettatamente il 20 novembre a Survivor Series, interferendo nel match tra Kalisto e The Brian Kendrick (atleta di Raw) per il WWE Cruiserweight Championship attaccando quest'ultimo, facendo così perdere Kalisto per squalifica e impedendogli non solo di vincere il titolo ma anche di trasferire l'intera divisione Cruiserweight da Raw a SmackDown. Il 4 dicembre a TLC: Tables, Ladders & Chairs Corbin ha sconfitto Kalisto in un Chairs match.

Nella puntata di SmackDown del 20 dicembre Corbin ha affrontato Dolph Ziggler per ottenere una title shot al WWE Championship di AJ Styles ma il match è terminato in un doppio count-out; questo ha fatto sì che il general manager Daniel Bryan annunciasse un Triple Threat match tra Corbin, Ziggler e Styles per il WWE Championship per la puntata successiva. Nella puntata di SmackDown del 27 dicembre Corbin non è riuscito a conquistare il WWE Championship in un Triple Threat match contro Dolph Ziggler e AJ Styles poiché quest'ultimo si è aggiudicato la contesa, mantenendo il titolo.[4] Nella puntata di SmackDown del 10 gennaio Corbin è stato sconfitto da John Cena; si tratta della sua prima sconfitta per schienamento avvenuta nel main roster (esclusa quella per roll-up contro Dolph Ziggler nel Kick-off di Payback).[5] Il 29 gennaio Corbin ha partecipato al Royal Rumble match dell'omonimo pay-per-view entrando col numero 13 ed eliminando Braun Strowman ma è stato eliminato da The Undertaker dopo trentadue minuti e ventinove secondi di permanenza.[6] Il 12 febbraio a Elimination Chamber Corbin ha partecipato a un Elimination Chamber match per il WWE Championship che comprendeva anche il campione John Cena, AJ Styles, Bray Wyatt, Dean Ambrose e The Miz ma è stato eliminato da Ambrose, mentre Wyatt si è aggiudicato il match e il titolo.[7] Nella puntata di SmackDown del 21 febbraio Corbin ha partecipato ad una 10-Man Battle Royal per decretare lo sfidante di Bray Wyatt a WrestleMania 33 per il WWE Championship, ma è stato eliminato da Dean Ambrose.[8] Nella puntata di SmackDown del 21 marzo Corbin è stato sconfitto da Randy Orton a causa di una distrazione di Dean Ambrose. Il 2 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 33, Corbin ha affrontato Dean Ambrose per l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto, fallendo l'assalto al titolo.[9]

Opportunità titolate (2017–2018)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che Ambrose è stato trasferito a Raw il 10 aprile (e con lui anche l'Intercontinental Championship), Corbin si è concentrato sullo United States Championship detenuto da Kevin Owens (appena passato a SmackDown); nella puntata di SmackDown dell'11 aprile Corbin ha partecipato a un triple threat match che includeva anche AJ Styles e Sami Zayn per determinare il primo sfidante allo United States Championship detenuto da Kevin Owens, ma è il match è stato vinto da Styles. Il 21 maggio a Backlash, Corbin è stato sconfitto da Sami Zayn. Nella puntata di SmackDown del 23 maggio Corbin è stato annunciato come uno dei sei partecipanti al Money in the Bank ladder match. Il 18 giugno a Money in the Bank Corbin si è aggiudicato la valigetta nell'omonimo ladder match sconfiggendo AJ Styles, Dolph Ziggler, Kevin Owens, Sami Zayn e Shinsuke Nakamura. Il 23 luglio a Battleground Corbin è stato sconfitto da Shinsuke Nakamura per squalifica. Nella puntata di SmackDown del 15 agosto Corbin, dopo aver attaccato John Cena, ha incassato il Money in the Bank sul WWE Champion Jinder Mahal ma, a causa dello stesso Cena, Corbin è stato beffato da un roll-up di Mahal, fallendo così nel tentativo di conquistare il WWE Championship; Corbin è il terzo wrestler nella storia della WWE ad aver fallito l'incasso del Money in the Bank dopo Damien Sandow e lo stesso John Cena. Il 20 agosto, a SummerSlam, Corbin è stato sconfitto da John Cena.

Nella puntata di SmackDown del 22 agosto Corbin ha arbitrato il Last Chance match valevole per lo United States Championship tra il campione AJ Styles e lo sfidante Kevin Owens ma, stufatosi, ha lasciato il posto al Commissioner Shane McMahon; il match è stato infine vinto da Styles, che ha così mantenuto il titolo. L'8 ottobre, a Hell in a Cell Corbin ha conquistato lo United States Championship, il suo primo titolo in WWE, vincendo un Triple Threat match che includeva anche il campione AJ Styles e Tye Dillinger. Nella puntata di SmackDown del 10 ottobre Corbin ha difeso con successo il titolo contro AJ Styles. Nella puntata di SmackDown del 17 ottobre Corbin è stato sconfitto da Sin Cara per count-out in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 24 ottobre Corbin è stato nuovamente sconfitto da Sin Cara, questa volta per squalifica. Nella puntata di SmackDown del 31 ottobre il terzo match tra Corbin e Sin Cara è terminato in no-contest. Nella puntata di SmackDown del 14 novembre Corbin ha difeso con successo il titolo contro Sin Cara. Il 19 novembre, a Survivor Series, Corbin ha sconfitto l'Intercontinental Champion The Miz (appartenente al roster di Raw). Nella puntata di SmackDown del 5 dicembre Corbin è stato sconfitto da Bobby Roode per squalifica a causa dell'intervento di Dolph Ziggler ai danni dello stesso Roode. Nella puntata di SmackDown del 12 dicembre Corbin è stato sconfitto da Dolph Ziggler per squalifica a causa dell'intervento di Bobby Roode ai danni dello stesso Ziggler. Il 17 dicembre, a Clash of Champions, Corbin ha perso il titolo contro Dolph Ziggler (dopo 70 giorni di regno) in un Triple Threat match che includeva anche Bobby Roode. Nella puntata di SmackDown del 26 dicembre 2017 Corbin è stato sconfitto da Bobby Roode nei quarti di finale di un torneo per la riassegnazione dello United States Championship (reso vacante da Dolph Ziggler). Nella puntata di SmackDown del 23 gennaio 2018 Corbin è stato sconfitto da Shinsuke Nakamura per squalifica a causa dell'intervento di Randy Orton ai danni dello stesso Nakamura. Il 28 gennaio, alla Royal Rumble, Corbin ha partecipato all'omonimo match entrando col numero 4 ma è stato eliminato da Finn Bálor. Nella puntata di SmackDown del 30 gennaio Corbin ha sconfitto facilmente Tye Dillinger. Nella puntata di SmackDown del 13 febbraio Corbin avrebbe dovuto affrontare Dolph Ziggler in un match in cui il vincitore si sarebbe aggiunto al Triple Threat match per il WWE Championship a Fastlane (assieme al campione AJ Styles, Kevin Owens e Sami Zayn) ma tale incontro non è nemmeno iniziato a causa del brutale attacco di Owens e Zayn ai danni sia di Corbin che di Ziggler; quella stessa sera, per decisione del Commissioner Shane McMahon, Corbin ha affrontato e sconfitto Kevin Owens, guadagnando l'accesso al Fatal 5-Way match per il WWE Championship a Fastlane. Nella puntata di SmackDown del 20 febbraio Corbin è stato sconfitto dal WWE Champion AJ Styles al termine di un incontro molto combattuto, in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 27 febbraio Corbin ha sconfitto Sami Zayn. Nella puntata di SmackDown del 6 marzo Corbin ha partecipato ad un Fatal 5-Way match che includeva anche AJ Styles, Dolph Ziggler, Kevin Owens e Sami Zayn ma il match è stato vinto da quest'ultimo. L'11 marzo, a Fastlane, Corbin ha partecipato ad Six-pack Challenge match per il WWE Championship che comprendeva anche AJ Styles, Dolph Ziggler, John Cena, Kevin Owens e Sami Zayn ma il match è stato vinto da Styles, il quale ha mantenuto il titolo. Nella puntata di SmackDown del 20 marzo Corbin ha sconfitto facilmente Tye Dillinger. Nella puntata di SmackDown del 3 aprile Corbin, Dolph Ziggler, Mojo Rawley e Primo Colón hanno sconfitto i Breezango (Tyler Breeze e Fandango), Tye Dillinger e Zack Ryder. L'8 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 34, Corbin ha partecipato all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal ma è stato eliminato per ultimo da Matt Hardy, il quale si è aggiudicato la contesa.

Direttore generale di Raw (2018–2019)[modifica | modifica wikitesto]

Con lo Shake-up del 16 aprile Corbin è passato al roster di Raw. Nella puntata di Raw del 23 aprile Corbin ha fatto la sua prima apparizione in tale show attaccando brutalmente No Way Jose. Il 27 aprile, a Greatest Royal Rumble, Corbin ha partecipato al Royal Rumble match a 50 uomini entrando col numero 38 ma è stato eliminato da Randy Orton. Nella puntata di Raw del 30 aprile Corbin è stato sconfitto da No Way Jose a causa della distrazione di Titus O'Neil. Nella puntata di Raw del 7 maggio Corbin e i Revival (Dash Wilder e Scott Dawson) hanno sconfitto No Way Jose e il Titus Worldwide (Apollo Crews e Titus O'Neil). Nella puntata di Raw del 14 maggio Corbin ha partecipato ad un Triple Threat match di qualificazione al Money in the Bank Ladder match che includeva anche Bobby Roode e No Way Jose ma il match è stato vinto da Roode. Nella puntata di Raw del 21 maggio Corbin ha sconfitto No Way Jose. Nella puntata di Raw del 4 giugno Corbin è stato nominato rappresentante (constable) della Commissioner Stephanie McMahon, oltre anche ad aver cambiato look rasandosi a zero i capelli e lottando sempre vestito elegantemente. Nella puntata di Raw del 18 giugno Corbin e Kevin Owens hanno sconfitto Braun Strowman e Finn Bálor. Nella puntata di Raw del 25 giugno Corbin e Finn Bálor sono stati sconfitti da Braun Strowman e Kevin Owens per count-out. Nella puntata di Raw del 9 luglio Corbin e Elias hanno sconfitto Bobby Roode e Finn Bálor. Il 15 luglio, a Extreme Rules, Corbin è stato sconfitto da Finn Bálor. Nella puntata di Raw del 30 luglio Corbin ha sconfitto Finn Bálor. Nella puntata di Raw del 6 agosto Corbin è stato sconfitto da Roman Reigns. Nella puntata di Raw del 13 agosto Corbin ha sconfitto facilmente Tyler Breeze. Il 19 agosto, a SummerSlam, Corbin è stato sconfitto in pochissimo tempo da Finn Bálor. Nella puntata di Raw del 20 agosto Corbin è stato sconfitto da Bobby Lashley; più tardi, quella sera, Corbin è stato nominato General Manager temporaneo di Raw da Stephanie McMahon. Nella puntata di Raw del 27 agosto ha deciso di indire un match tra se stesso e Finn Bálor. Inizialmente si fa squalificare colpendo l'avversario con una sedia, poi, approfittando del suo nuovo potere, fa ripartire l'incontro come No Disqualification match e lo vince grazie al vantaggio acquisito. Nella puntata di Raw del 17 settembre si auto-inserisce in un match titolato contro l'Universal Champion Roman Reigns, e tenta la stessa scappatoia del match con Bálor, ma non vi riesce e tra un'interferenza e l'altra perde il match. Nella puntata di Raw del 10 dicembre Corbin ha affrontato Seth Rollins in un Tables, Ladders and Chairs match per l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto. Il 16 dicembre, a TLC: Tables, Ladders & Chairs, Corbin è stato sconfitto da Braun Strowman in un TLC match, venendo dunque privato di ogni suo potere come General Manager di Raw. Nella puntata di Raw del 18 dicembre Corbin ha avuto la possibilità di tornare General Manager dello show qualora avesse sconfitto Apollo Crews, Bobby Roode, Chad Gable e Kurt Angle in un 4-on-1 Handicap No Disqualification match ma è stato sconfitto. Nella puntata di Raw del 24 dicembre Corbin è stato sconfitto da Seth Rollins. Nella puntata di Raw del 31 dicembre Corbin ha partecipato ad una Battle Royal per determinare l'avversario di Dean Ambrose per l'Intercontinental Championship per quella stessa sera ma è stato eliminato da Apollo Crews.

Nella puntata di Raw del 7 gennaio 2019 Corbin ha sconfitto Elias. Nella puntata di Raw del 14 gennaio Corbin ha partecipato ad un Fatal 4-Way match che includeva anche Drew McIntyre, Finn Bálor e John Cena per determinare lo sfidante di Brock Lesnar per l'Universal Championship alla Royal Rumble ma il match è stato vinto da Bálor. Il 27 gennaio, alla Royal Rumble, Corbin ha partecipato al match omonimo entrando col numero 23 ma è stato eliminato da Braun Strowman. Nella puntata di Raw del 28 gennaio Corbin ha sconfitto Kurt Angle. Nella puntata di Raw del 4 febbraio Corbin e Drew McIntyre hanno sconfitto Braun Strowman e Kurt Angle per squalifica. Nella puntata di Raw dell'11 febbraio Corbin, Bobby Lashley e Drew McIntyre sono stati sconfitti da Braun Strowman, Finn Bálor e Kurt Angle. Il 17 febbraio, ad Elimination Chamber, Corbin ha sconfitto Braun Strowman in un No Disqualification match. Nella puntata di Raw del 18 febbraio Corbin è stato sconfitto da Braun Strowman in un Tables match. Nella puntata di Raw del 4 marzo Corbin, Bobby Lashley e Drew McIntyre hanno sconfitto Braun Strowman, Finn Bálor e Kurt Angle.

King of the Ring (2019–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 marzo, a Fastlane, Baron Corbin, Bobby Lashley e Drew McIntyre sono stati sconfitti dallo Shield (Dean Ambrose, Roman Reigns e Seth Rollins). Nella puntata di Raw del 18 marzo Corbin è stato sconfitto da Apollo Crews. Nella puntata di Raw del 25 marzo Corbin ha sconfitto Crews. Nella puntata di Raw del 1º aprile Corbin ha sconfitto Rey Mysterio (appartenente al roster di SmackDown). Il 7 aprile, a WrestleMania 35, Corbin ha sconfitto Kurt Angle nel match di ritiro di quest'ultimo. Nella puntata di Raw del 15 aprile Corbin, Bobby Lashley e Drew McIntyre sono stati sconfitti da AJ Styles, Roman Reigns e l'Universal Champion Seth Rollins. Nella puntata di Raw del 22 aprile Corbin ha vinto prima un Triple Threat match contro Drew McIntyre e The Miz, ma quando poi ha affrontato AJ Styles per determinare lo sfidante di Seth Rollins per l'Universal Championship è stato sconfitto. Nella puntata di Raw del 29 aprile Corbin e Drew McIntyre sono stati sconfitti da Braun Strowman e Ricochet. Nella puntata di Raw del 6 maggio Corbin e Bobby Lashley hanno sconfitto AJ Styles e l'Universal Champion Seth Rollins. Nella puntata di Raw del 13 maggio Corbin ha sconfitto Ricochet. Il 19 maggio, a Money in the Bank, Corbin ha partecipato al Money in the Bank Ladder match che comprendeva anche Ali, Andrade, Drew McIntyre, l'Intercontinental Champion Finn Bálor, Randy Orton e Ricochet ma il match è stato vinto dal rientrante Brock Lesnar. Nella puntata di Raw del 20 maggio Corbin e Bobby Lashley sono stati sconfitti dal WWE Champion Kofi Kingston (appartenente al roster di SmackDown) e dall'Universal Champion Seth Rollins. Nella puntata di Raw del 27 maggio Corbin ha vinto un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Bobby Lashley, Braun Strowman e The Miz, diventando il contendente nº 1 all'Universal Championship di Seth Rollins. Il 7 giugno, a Super ShowDown, Corbin ha affrontato Seth Rollins per l'Universal Championship ma è stato sconfitto. Il 23 giugno, a Stomping Grounds, Corbin ha affrontato nuovamente Seth Rollins per l'Universal Championship in un No Disqualification match arbitrato da Lacey Evans ma è stato sconfitto. Il 14 luglio, a Extreme Rules, Corbin e Lacey Evans hanno affrontato Seth Rollins e Becky Lynch in un Winners Takes All Extreme Rules Mixed Tag Team match per il Raw Women's Championship e l'Universal Championship ma sono stati sconfitti. Nella puntata di Raw del 15 luglio Corbin ha partecipato ad una 10-man Battle Royal per determinare lo sfidante di Brock Lesnar per l'Universal Championship a SummerSlam ma è stato eliminato da Seth Rollins. Nella puntata di Raw del 19 agosto Corbin e Drew McIntyre sono stati sconfitti da The Miz e Ricochet. Nella puntata di Raw del 26 agosto Corbin ha sconfitto The Miz negli ottavi di finale del King of the Ring. Nella puntata di Raw del 2 settembre Corbin ha sconfitto Cedric Alexander nei quarti di finale del King of the Ring. Nella puntata di Raw del 9 settembre Corbin ha sconfitto Ricochet e Samoa Joe in un Triple Threat match, qualificandosi alla finale del King of the Ring. Nella puntata di Raw del 16 settembre Corbin ha sconfitto Chad Gable (appartenente al roster di SmackDown) nella finale del torneo, divenendo il nuovo King of the Ring (assumendo di conseguenza il nome King Corbin). Nella puntata di Raw del 23 settembre Corbin è stato sconfitto da Chad Gable per squalifica nella rivincita della finale del King of the Ring dopo che il re l'ha colpito brutalmente con il suo scettro. Il 6 ottobre, a Hell in a Cell, King Corbin è stato sconfitto da Chad Gable. Nella puntata di SmackDown dell'11 ottobre Corbin ha sconfitto Shorty Gable.

Nella puntata di Raw del 14 ottobre 2019 Corbin è passato al roster di SmackDown per effetto del Draft. Nella puntata di SmackDown del 18 ottobre Corbin ha interferito nel match valevole per l'Intercontinental Championship fra il campione Shinsuke Nakamura e lo sfidante Roman Reigns attaccando proprio quest'ultimo con il suo scettro; più tardi, nella serata, Corbin e Nakamura sono stati sconfitti da Daniel Bryan e lo stesso Reigns. Nella puntata di SmackDown del 25 ottobre Corbin, Cesaro e Shinsuke Nakamura sono stati sconfitti da Ali, Roman Reigns e Shorty G. Il 31 ottobre, a Crown Jewel, Corbin, Bobby Lashley, Drew McIntyre, Randy Orton e Shinsuke Nakamura sono stati sconfitti da Ali, Ricochet, Roman Reigns, Rusev e Shorty G. Nella puntata di SmackDown dell'8 novembre Corbin ha sconfitto Roman Reigns (grazie anche all'aiuto di Dolph Ziggler e Robert Roode). Il 24 novembre, a Survivor Series, Corbin ha partecipato al tradizionale 5-on-5-on-5 Survivor Series Elimination match contro il Team Raw e il Team NXT ma è stato eliminato da Tommaso Ciampa.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni duemila, dopo essere uscito dal college, Thomas Pestock ha lavorato alla Clarinda Academy.

Suo padre è morto nel 2008 a causa di alcune complicazioni legate alla malattia di Creutzfeldt–Jakob; per ricordarlo, Pestock indossa la sua fede nuziale in una catenina al collo.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

King Corbin mentre esegue la Deep Six su Seth Rollins

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Constable
  • The King
  • The Lone Wolf
  • Mr. Money in the Bank

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • Superhuman dei CFO$ (16 ottobre 2014–1º agosto 2017)
  • New Rules di Jim Johnston (8 agosto 2017–19 settembre 2017)
  • I Bring the Darkness (End of Days) di Jim Johnston e Tommy Vext (26 settembre 2017–16 settembre 2019)
  • I Bring the Darkness (End of Days) in mash-up con King of the Ring (23 settembre 2019–presente)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Baron Corbin con lo United States Championship, titolo che ha detenuto una volta
  • Revolver
    • Most Metal Athlete (2016)
  • Wrestling Observer Newsletter
    • Most Overrated (2018)
    • Worst Gimmick (2018)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) James Caldwell, 4/3 WrestleMania 32 PPV Results – CALDWELL’S Complete Live Report on Main PPV, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 3 aprile 2016. URL consultato il 2 maggio 2016.
  2. ^ (EN) James Caldwell, 4/4 WWE Raw Results – CALDWELL’S Complete Report on post-WM32, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 4 aprile 2016. URL consultato il 2 maggio 2016.
  3. ^ (EN) James Caldwell, 6/19 WWE MITB PPV Results – Caldwell's Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 19 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  4. ^ (EN) Ryan Pappolla, WWE Champion AJ Styles def. Dolph Ziggler & Baron Corbin in a Triple Threat Match, WWE, 27 dicembre 2016. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  5. ^ (EN) Ryan Pappolla, John Cena def. Baron Corbin, WWE, 10 gennaio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  6. ^ Anthony Benigno, Randy Orton won the 30-Superstar Royal Rumble Match, su WWE, 29 gennaio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  7. ^ (EN) Bray Wyatt def. John Cena, The Miz, Baron Corbin, AJ Styles and Dean Ambrose in an Elimination Chamber Match to win the WWE Championship, WWE, 12 febbraio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  8. ^ (EN) The 10-Man Battle Royal to determine the No. 1 Contender to Bray Wyatt’s WWE Championship at WrestleMania ended in controversy, WWE, 21 febbraio 2017. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  9. ^ Ryan Pappolla, Intercontinental Champion Dean Ambrose def. Baron Corbin, su WWE. URL consultato il 2 aprile 2017.
  10. ^ Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2019 - The Internet Wrestling Database, in profightdb.com. URL consultato il 25 novembre 2019.
  11. ^ Mitch Passero, Baron Corbin won the 3rd annual Andre the Giant Memorial Battle Royal, WWE. URL consultato il 3 aprile 2016.
  12. ^ Anthony Benigno, Baron Corbin wins the 2017 Money in the Bank contract, su WWE, 18 giugno 2017. URL consultato il 18 giugno 2017.
  13. ^ Anthony Benigno, Baron Corbin def. Chad Gable to win the 2019 King of the Ring Tournament, su wwe.com. URL consultato il 16 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]