Jeff Hardy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jeff Hardy
Jeff Hardy July 2019.jpg
Jeff Hardy nel 2019
NomeJeffrey Nero Hardy
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
Luogo nascitaCameron, Carolina del Nord
31 agosto 1977 (43 anni)
Ring nameBrother Nero
Itchweed
Jeff Hardy
Keith Davis
Wildo Jynx
Willow
Residenza dichiarataCameron, North Carolina[1]
Raleigh, North Carolina[1]
Altezza dichiarata185[1] cm
Peso dichiarato102[1] kg
AllenatoreDory Funk Jr.
Michael Hayes
Debutto1994
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Jeffrey Nero Hardy (Cameron, 31 agosto 1977) è un wrestler statunitense sotto contratto con la WWE, dove lotta nel roster di Raw.

È un tre volte campione del mondo, avendo vinto in WWE una volta il WWE Championship e due volte il World Heavyweight Championship, cinque volte l'Intercontinental Championship, una volta lo United States Championship, una volta l'European Championship, una volta il Light Heavyweight Championship, tre volte l'Hardcore Championship, sei volte il World Tag Team Championship, una volta il WCW Tag Team Championship, una volta il Raw Tag Team Championship e una volta lo SmackDown Tag Team Championship (con Matt Hardy); ciò lo ha reso il nono wrestler nella storia della WWE ad aver completato il Grand Slam ed uno dei soli cinque ad averlo fatto in entrambi i formati. In TNA ha invece detenuto tre volte il World Heavyweight Championship e due volte il World Tag Team Championship (con Matt Hardy).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (1994–1998)[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella Carolina del Nord, Jeff ha vissuto un'infanzia normale, in una famiglia benestante, fino alla morte della madre a causa di un cancro alla testa, da cui ha faticato a riprendersi. Jeff sognava, sin da piccolo, di calcare un giorno un ring di wrestling professionistico insieme al suo fratello maggiore Matt; si divertivano, infatti, ad inventare personaggi e mosse nel giardino di casa loro, fondando una sorta di federazione chiamata TWF (Trampoline Wrestling Federation).

Il loro sogno divenne realtà prima ancora di raggiungere la maggiore età: i due riuscirono a debuttare giovanissimi nel mondo del wrestling professionistico, con Jeff sul ring a soli 16 anni. Nel 1997, i fratelli Hardy aprono anche una loro personale federazione l'OMEGA, di cui faranno parte anche wrestler come Shannon Moore, Gregory Helms, Joey Mercury e Lita. Ad ogni approdo dell'allora WWF in North Carolina gli Hardy venivano ingaggiati come jobber, finché, raggiunta una discreta fama, i due entrarono in pianta stabile nella federazione di Vince McMahon.

World Wrestling Federation/Entertainment (1998–2003)[modifica | modifica wikitesto]

The Hardy Boyz/Team Xtreme (1998–2002)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Hardy Boyz.

I fratelli Hardy riuscirono a catturare l'attenzione della World Wrestling Federation. Dopo aver firmato un contratto nel 1998,[2] vennero allenati da Dory Funk Jr. nel suo Dojo con altri aspiranti wrestler come Kurt Angle, Christian, Test e A-Train. Dopo aver svolto il ruolo di jobber e aver combattuto alcuni incontri negli house show, Jeff e Matt formarono un tag team acrobatico chiamato Hardy Boyz. Nella puntata di Raw del 17 maggio 1999, gli Hardy Boyz debuttarono nello show rosso, insieme al loro manager Michael Hayes, sconfiggendo il Brood (Gangrel, Edge e Christian) per squalifica. Nella puntata di Raw del 24 maggio gli Hardy Boyz sconfissero Sho Funaki e Taka Michinoku. Il 27 giugno, a King of the Ring, gli Hardy Boyz sconfissero il Brood (Edge e Christian). Nella puntata di Raw del 5 luglio gli Hardy Boyz sconfissero gli Acolytes (Bradshaw e Faarooq), conquistando così il loro primo WWF Tag Team Championship.[3] Nella puntata di Raw del 12 luglio gli Hardy Boyz furono sconfitti da The Godfather e Val Venis per squalifica ma mantennero comunque i titoli. Nella puntata di Raw del 19 luglio gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli in un Fatal 4-Way Tag Team Elimination match che comprendeva anche Droz e Prince Albert, gli Acolytes e The Godfather e Val Venis. Il 25 luglio, a Fully Loaded, gli Hardy Boyz persero i titoli di coppia contro gli Acolytes dopo 20 giorni di regno.[4]

Dopo lo scioglimento del Brood, gli Hardy Boyz unirono le forze con Gangrel e iniziarono una rivalità con Edge e Christian. Il 22 agosto 1999, a SummerSlam, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Tag Team Turmoil match per determinare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship ma furono eliminati dagli Acolytes (Bradshaw e Faarooq), i quali si aggiudicarono poi l'incontro. Nella puntata di SmackDown del 9 settembre gli Hardy Boyz furono sconfitti da Edge e Christian. Nella puntata di SmackDown del 30 settembre gli Hardy Boyz furono sconfitti nuovamente da Edge e Christian. Nella puntata di SmackDown del 7 ottobre gli Hardy Boyz sconfissero Edge e Christian. Nella puntata di Raw dell'11 ottobre gli Hardy Boyz affrontarono Edge e Christian ma l'incontro terminò in doppia squalifica (e senza quindi un vincitore). Il 17 ottobre, a No Mercy, gli Hardy Boyz sconfissero Edge e Christian in un Ladder match per assicurarsi i servizi manageriali di Terri Runnels, concludendo quindi la loro alleanza con Gangrel.[5] Nella puntata di SmackDown del 21 ottobre gli Hardy Boyz affrontarono Crash Holly e Hardcore Holly per il WWF Tag Team Championship ma furono sconfitti. Nella puntata di SmackDown del 28 ottobre gli Hardy Boyz sconfissero Viscera e Mark Henry. Nella puntata di SmackDown del 4 novembre gli Hardy Boyz sconfissero i Too Cool (Scotty 2 Hotty e Grand Master Sexay). Nella puntata di SmackDown dell'11 novembre Jeff lottò il suo primo incontro singolo in carriera, venendo però sconfitto da Grand Master Sexay. Il 14 novembre, a Survivor Series, gli Hardy Boyz parteciparono ad un 4-on-4 Traditional Survivor Series Elimination match, in coppia con Edge e Christian, contro i Too Cool e Crash Holly e Hardcore Holly ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di SmackDown del 18 novembre gli Hardy Boyz affrontarono i New Age Outlaws (Billy Gunn e Road Dogg) per il WWF Tag Team Championship ma furono sconfitti. Nella puntata di Raw del 22 novembre Jeff venne sconfitto da X-Pac. Nella puntata di SmackDown del 25 novembre gli Hardy Boyz affrontarono i New Age Outlaws in uno Steel Cage match per il WWF Tag Team Championship ma furono sconfitti. Il 12 dicembre, ad Armageddon, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Tag Team Battle Royal match per determinare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship ma furono eliminati per ultimi dagli Acolytes. Nella puntata di Raw del 13 dicembre gli Hardy Boyz furono sconfitti da Edge e Christian in uno Steel Cage match. Nella puntata di SmackDown del 16 dicembre Jeff venne sconfitto da suo fratello Matt. Nella puntata di Raw del 20 dicembre Jeff e Christian sconfissero Matt e Edge. Nella puntata di Raw del 27 dicembre Jeff venne sconfitto da X-Pac. Nella puntata di SmackDown del 30 dicembre Jeff vinse il suo primo incontro singolo, sconfiggendo Al Snow.

Nella puntata di Raw del 3 gennaio 2000, dopo essersi riconciliato con suo fratello Matt, Jeff sconfisse Al Snow in uno Steel Cage match. Nella puntata di Raw del 10 gennaio gli Hardy Boyz sconfissero Kurt Angle e Steve Blackman. Nella puntata di SmackDown del 10 gennaio gli Hardy Boyz sconfissero Prince Albert e Big Boss Man. Nella puntata di Raw del 17 gennaio Jeff sconfisse Bubba Ray Dudley. Il 23 gennaio, alla Royal Rumble, gli Hardy Boyz sconfissero i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley) in un Tables match. Nella puntata di Raw del 24 gennaio gli Hardy Boyz affrontarono i New Age Outlaws (Billy Gunn e Road Dogg) per il WWF Tag Team Championship ma li sconfissero solamente per squalifica (e senza quindi conquistare i titoli). Nella puntata di Raw del 14 febbraio Jeff partecipò ad un Triple Threat match che comprendeva anche Edge e D-Von Dudley ma l'incontro fu vinto da quest'ultimo. Il 27 febbraio, a No Way Out, gli Hardy Boyz affrontarono Edge e Christian per determinare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship ma furono sconfitti a causa del tradimento di Terri Runnels. Nella puntata di SmackDown del 2 marzo Jeff venne sconfitto dal Light Heavyweight Champion Essa Rios. Nella puntata di SmackDown del 9 marzo Jeff venne sconfitto da Steve Blackman. Nella puntata di SmackDown del 16 marzo gli Hardy Boyz affrontarono Chris Benoit e Perry Saturn per determinare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship ma l'incontro terminò in doppio count-out. Nella puntata di Raw del 20 marzo gli Hardy Boyz sconfissero la D-Generation X (Road Dogg e X-Pac); poco dopo, Jeff e Matt parteciparono ad un Battle Royal match che comprendeva anche Edge e Christian, Al Snow e Steve Blackman e i Too Cool (Scotty 2 Hotty e Grand Master Sexay) per determinare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship ma, dopo che loro ed Edge e Christian erano rimasti nel ring, l'incontro terminò in no-contest (e senza quindi dei vincitori). Il 2 aprile, a WrestleMania 2000, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Triangle Ladder match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche Edge e Christian e i campioni Dudley Boyz ma l'incontro fu vinto da Edge e Christian. Nella puntata di SmackDown del 27 aprile Jeff affrontò suo fratello Matt per l'Hardcore Championship ma l'incontro non si concluse poiché Crash Holly interferì, schienando Matt per conquistare il titolo. Il 30 aprile, a Backlash, Jeff partecipò ad un 6-Way Hardcore match per l'Hardcore Championship che comprendeva anche suo fratello Matt, Hardcore Holly, Perry Saturn, Tazz e il campione Crash Holly ma l'incontro fu vinto da quest'ultimo. Il 6 maggio, a Insurrextion, gli Hardy Boyz affrontarono Edge e Christian per il WWF Tag Team Championship ma li sconfissero solamente per squalifica (e senza quindi conquistare i titoli). Nella puntata di Raw del 15 maggio gli Hardy Boyz parteciparono ad un Triple Threat Tag Team match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche gli APA (Bradshaw e Faarooq) e i campioni Edge e Christian ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di Raw del 25 maggio gli Hardy Boyz reclutarono Lita, loro amica nella vita reale, come nuova manager; i tre assunsero poi il soprannome di "Team Xtreme". Nella puntata di SmackDown del 1º giugno gli Hardy Boyz sconfissero i WWF Tag Team Champions, i Too Cool, per squalifica in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown dell'8 giugno Jeff affrontò Chris Benoit per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw del 12 giugno Jeff sconfisse Christian nei sedicesimi di finale del torneo King of the Ring. Nella puntata di Sunday Night Heat del 18 giugno Jeff venne sconfitto da Val Venis negli ottavi di finale del torneo King of the Ring. Nella puntata di Raw del 19 giugno gli Hardy Boyz furono sconfitti da Kane in un 2-on-1 Handicap match. Il 25 giugno, a King of the Ring, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Fatal 4-Way Tag Team Elimination match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche i campioni Too Cool, Edge e Christian e T & A (Test e Albert) ma l'incontro fu vinto da Edge e Christian. Nella puntata di Raw del 3 luglio Jeff venne sconfitto da Val Venis. Il 23 luglio, a Fully Loaded, gli Hardy Boyz e Lita sconfissero T & A e Trish Stratus in un Mixed Tag Team match. Nella puntata di Raw del 24 luglio gli Hardy Boyz parteciparono ad un Triple Threat Tag Team match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva i Dudley Boyz e i campioni Edge e Christian ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di Raw del 31 luglio gli Hardy Boyz affrontarono Edge e Christian per il WWF Tag Team Championship ma li sconfissero solamente per squalifica (e senza quindi conquistare i titoli) a causa dell'intervento dei Dudley Boyz. Il 27 agosto, a SummerSlam, gli Hardy Boyz parteciparono al primo Tables, Ladders and Chairs match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche i Dudley Boyz e i campioni Edge e Christian ma l'incontro fu vinto da questi ultimi.[6]

Nella puntata di Raw dell'11 settembre 2000 gli Hardy Boyz sconfissero i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley), diventando i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship di Edge e Christian. Il 24 settembre, ad Unforgiven, gli Hardy Boyz sconfissero Edge e Christian in uno Steel Cage match conquistando così il WWF Tag Team Championship per la seconda volta. Nella puntata di Raw del 25 settembre gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro Edge e Christian in un Ladder match. Nella puntata di Raw del 2 ottobre gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro i Too Cool (Scotty 2 Hotty e Grand Master Sexay). Nella puntata di Raw del 9 ottobre gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro i Lo Down (Chaz e D'Lo Brown). Nella puntata di SmackDown del 12 ottobre gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro Raven e Tazz. Il 22 ottobre, a No Mercy, gli Hardy Boyz persero i titoli di coppia contro i Los Conquistadores (Edge e Christian sotto mentite spoglie) dopo 28 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 23 ottobre gli Hardy Boyz, travestitisi a loro volta da Los Conquistadores, sconfissero il solo Edge in un 2-on-1 Handicap match per riconquistare il WWF Tag Team Championship per la terza volta. Nella puntata di SmackDown del 26 ottobre gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro i Dudley Boyz, sconfiggendoli per squalifica. Nella puntata di Raw del 6 novembre gli Hardy Boyz persero i titoli di coppia contro i Right to Censor (Bull Buchanan e The Goodfather) dopo appena 14 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 13 novembre gli Hardy Boyz e Lita affrontarono i Right to Censor e Ivory in un Winners Take All Mixed Tag Team match per il WWF Tag Team Championship e il Women's Championship ma furono sconfitti. Il 19 novembre, a Survivor Series, gli Hardy Boyz e i Dudley Boyz vinsero un 4-on-4 Traditional Survivor Series Elimination match contro Edge e Christian e i Right to Censor. Il 2 dicembre, a Rebellion, gli Hardy Boyz affrontarono i Right to Censor per il WWF Tag Team Championship ma furono sconfitti. Nella puntata di Raw del 4 dicembre gli Hardy Boyz affrontarono i Right to Censor per il WWF Tag Team Championship ma furono nuovamente sconfitti. Il 10 dicembre, ad Armageddon, gli Hardy Boyz e Lita sconfissero i Radicalz (Dean Malenko, Eddie Guerrero e Perry Saturn) in un Intergender Elimination Tag Team match. Nella puntata di Raw del 18 dicembre Jeff affrontò Chris Benoit per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di SmackDown del 28 dicembre Jeff affrontò Raven per l'Hardcore Championship ma venne sconfitto. Il 21 gennaio 2001, alla Royal Rumble, Jeff partecipò all'omonimo match entrando col numero 1 ma venne eliminato da suo fratello Matt Hardy. Nella puntata di Raw del 29 gennaio gli Hardy Boyz vinsero un Triple Threat Tag Team match che comprendeva anche gli APA (Bradshaw e Faarooq) e i Right to Censor (Bull Buchanan e The Goodfather) per diventare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship. Nella puntata di SmackDown del 1º febbraio gli Hardy Boyz affrontarono i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley) in un Tables match per il WWF Tag Team Championship ma furono sconfitti. Nella puntata di Raw del 19 febbraio gli Hardy Boyz furono sconfitti da Haku e Rikishi. Nella puntata di SmackDown del 22 febbraio Jeff venne sconfitto da Rikishi. Nella puntata di Raw del 5 marzo gli Hardy Boyz sconfissero i Dudley Boyz, conquistando così il WWF Tag Team Championship per la quarta volta. Nella puntata di SmackDown dell'8 marzo gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro i Dudley Boyz. Nella puntata di Raw del 12 marzo gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro Justin Credible e X-Pac, sconfiggendoli per squalifica. Nella puntata di Raw del 19 marzo gli Hardy Boyz persero i titoli di coppia contro Edge e Christian dopo 14 giorni di regno. Il 1º aprile, a WrestleMania X-Seven, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Tables, Ladders and Chairs match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche Edge e Christian e i campioni Dudley Boyz ma l'incontro fu vinto da Edge e Christian.[7] Nella puntata di SmackDown del 5 aprile Jeff sconfisse Big Show grazie all'aiuto di Matt Hardy e Lita. Nella puntata di Raw del 9 aprile gli Hardy Boyz e Lita sconfissero i Two-Man Power Trip (WWF Champion Steve Austin e Intercontinental Champion Triple H) e Stephanie McMahon in un Mixed Tag Team match.

Nella puntata di SmackDown del 12 aprile 2001 Jeff ricevette un push e sconfisse Triple H per conquistare l'Intercontinental Championship, suo primo titolo singolo in WWE.[8][9] Nella puntata di Raw del 16 aprile Jeff perse tuttavia il titolo contro lo stesso Triple H dopo solo 4 giorni di regno. Nella puntata di SmackDown del 3 maggio Jeff affrontò Triple H per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto. Il 5 maggio, a Insurrextion, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Fatal 4-Way Tag Team Elimination match che comprendeva anche Edge e Christian, i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley) e Justin Credible e X-Pac ma l'incontro fu vinto da Edge e Christian. Il 20 maggio, a Judgment Day, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Tag Team Turmoil match per determinare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship ma furono eliminati da Justin Credible e X-Pac. Nella puntata di SmackDown del 24 maggio gli Hardy Boyz parteciparono ad un Tables, Ladders and Chairs match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche Edge e Christian, i Dudley Boyz e i campioni Chris Benoit e Chris Jericho ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di Raw del 4 giugno Jeff sconfisse suo fratello Matt Hardy negli ottavi di finale del torneo King of the Ring. Nella puntata di SmackDown del 7 giugno Jeff sconfisse Jerry Lynn, conquistando così il Light Heavyweight Championship per la prima volta.[10] Nella puntata di Raw del 18 giugno Jeff venne sconfitto da Kurt Angle nei quarti di finale del torneo King of the Ring. Il 24 giugno, a King of the Ring, Jeff difese con successo il titolo contro X-Pac. Nella puntata di Raw del 25 giugno Jeff perse tuttavia il titolo contro X-Pac dopo 20 giorni di regno. Nella puntata di SmackDown del 28 giugno gli Hardy Boyz affrontarono i Dudley Boyz in un Tables match per il WWF Tag Team Championship ma l'incontro terminò in no-contest (e senza quindi il cambio di titoli) a causa dell'intervento dei WCW Tag Team Champions Chuck Palumbo e Sean O'Haire. Nella puntata di Raw del 9 luglio Jeff venne sconfitto da Big Show. Nella puntata di SmackDown del 12 luglio Jeff sconfisse Mike Awesome in un Hardcore match, conquistando così l'Hardcore Championship per la prima volta.[11] Il 22 luglio, a InVasion, Jeff perse il titolo in un Hardcore match contro Rob Van Dam dopo 12 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 13 agosto Jeff riconquistò l'Hardcore Championship per la seconda volta, schienando Rob Van Dam mentre questi stava combattendo contro Kurt Angle. Il 19 agosto, a SummerSlam, Jeff perse nuovamente il titolo contro Rob Van Dam in un Ladder match dopo solo 6 giorni di regno.[12] Nella puntata di SmackDown del 23 agosto Jeff affrontò Rob Van Dam per l'Hardcore Championship ma l'incontro terminò in no-contest (e senza quindi il cambio di titolo). Nella puntata di Raw del 17 settembre Jeff venne sconfitto da Lance Storm. Nella puntata di SmackDown del 20 settembre gli Hardy Boyz sconfissero i WWF Tag Team Champions Dudley Boyz in un match non titolato. Il 23 settembre, ad Unforgiven, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Fatal 4-Way Tag Team Elimination match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche Big Show e Spike Dudley, The Hurricane e Lance Storm e i campioni Dudley Boyz ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di Raw del 24 settembre Jeff affrontò Rhyno per il WCW United States Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw dell'8 ottobre gli Hardy Boyz sconfissero Booker T e Test, conquistando così il WCW Tag Team Championship per la prima volta. Il 21 ottobre, a No Mercy, gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro The Hurricane e Lance Storm. Nella puntata di SmackDown del 25 ottobre gli Hardy Boyz persero i titoli di coppia contro i Dudley Boyz dopo 17 giorni di regno. Il 3 novembre, a Rebellion, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Triple Threat Tag Team match per il WCW Tag Team Championship che comprendeva anche gli APA (Bradshaw e Faarooq) e i campioni Dudley Boyz ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di Raw del 12 novembre gli Hardy Boyz sconfissero Booker T e Test, conquistando così il WWF Tag Team Championship per la quinta volta. Il 18 novembre, a Survivor Series, gli Hardy Boyz vennero sconfitti dai Dudley Boyz in uno Steel Cage match per l'unificazione del WWF Tag Team Championship con il WCW Tag Team Championship, perdendo così i loro titoli di coppia dopo solo 6 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 26 novembre Jeff affrontò Christian per l'European Championship ma venne sconfitto; poco dopo, Jeff e Lita ebbero un litigio con Matt Hardy poiché quest'ultimo pensava che ci fosse una relazione tra loro due (kayfabe).[13] Il 9 dicembre, a Vengeance, Jeff sconfisse suo fratello Matt Hardy in un match arbitrato da Lita. Nella puntata di Raw del 10 dicembre Jeff e Lita vennero sconfitti da Matt Hardy in un 2-on-1 Handicap match.[14] Nella puntata di SmackDown del 13 dicembre Jeff sconfisse Test per squalifica. Nella puntata di Raw del 17 dicembre Jeff affrontò The Undertaker per l'Hardcore Championship ma venne sconfitto.[15]

Il 20 gennaio 2002, alla Royal Rumble, Jeff partecipò all'omonimo match entrando col numero 10 ma venne eliminato dall'Hardcore Champion The Undertaker. Il 17 febbraio, a No Way Out, gli Hardy Boyz si riunirono e parteciparono ad un Tag Team Turmoil match per determinare i contendenti nº1 al WWF Tag Team Championship ma vennero eliminati da Billy e Chuck. Nella puntata di Raw del 18 febbraio gli Hardy Boyz sconfissero Christian e Lance Storm. Nella puntata di Raw del 25 febbraio gli Hardy Boyz affrontarono Billy e Chuck per il WWF Tag Team Championship ma vennero sconfitti. Nella puntata di SmackDown del 14 marzo Jeff partecipò ad un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Billy, Bradshaw e Bubba Ray Dudley ma l'incontro fu vinto da Billy. Il 17 marzo, a WrestleMania X-8, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Four Corners Elimination match per il WWF Tag Team Championship che comprendeva anche gli APA (Bradshaw e Faarooq), i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley) e i campioni Billy e Chuck ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di SmackDown del 21 marzo gli Hardy Boyz affrontarono Billy e Chuck per il WWF Tag Team Championship ma vennero sconfitti. Nella puntata di Raw del 25 marzo, per effetto della prima Brand Extension, gli Hardy Boyz e Lita (la quale però s'infortunò) vennero selezionati per apparire esclusivamente nel roster di Raw; poco dopo, la sera stessa, Jeff sconfisse Billy. Nella puntata di Raw del 1º aprile gli Hardy Boyz sconfissero Mr. Perfect e Big Boss Man. Nella puntata di Raw del 15 aprile gli Hardy Boyz vennero sconfitti da Booker T e Goldust. Il 21 aprile, a Backlash, Jeff venne sconfitto da Brock Lesnar. Nella puntata di Raw del 29 aprile Jeff affrontò Eddie Guerrero per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto. Il 4 maggio, a Insurrextion, gli Hardy Boyz sconfissero Brock Lesnar e Shawn Stasiak. Nella puntata di Raw del 6 maggio Jeff e Rob Van Dam sconfissero Booker T e l'Intercontinental Champion Eddie Guerrero. Nella puntata di Raw del 13 maggio gli Hardy Boyz sconfissero Brock Lesnar in un 2-on-1 Handicap match per squalifica. Il 19 maggio, a Judgment Day, gli Hardy Boyz vennero sconfitti da Brock Lesnar e Paul Heyman. Nella puntata di Raw del 20 maggio gli Hardy Boyz sconfissero dapprima l'nWo (Big Show e X-Pac) e poi, poco dopo, anche Booker T e Goldust. Nella puntata di Raw del 27 maggio gli Hardy Boyz vennero sconfitti da Booker T e X-Pac. Nella puntata di Raw del 17 giugno Jeff sconfisse Raven. Nella puntata di Raw del 24 giugno Jeff venne sconfitto dall'Undisputed WWE Champion The Undertaker.

Nella puntata di Raw del 1º luglio Jeff affrontò The Undertaker in un Ladder match per il WWE Undisputed Championship ma venne sconfitto nonostante una grande prestazione. In questa occasione The Undertaker, all'epoca nella sua versione heel dell' "American Bad Ass", effettuerà un leggero turn face, avendo apprezzato la tenacia di Hardy nel rimanere in piedi dopo una seconda Last Ride a incontro terminato, alzandogli il braccio in segno di rispetto.

Nella puntata di Raw dell'8 luglio Jeff sconfisse William Regal, conquistando così l'European Championship per la prima volta. Il 21 luglio, a Vengeance, Jeff difese con successo il titolo contro William Regal. Nella puntata di Raw 22 luglio Jeff venne sconfitto da Rob Van Dam in un Ladder match per l'unificazione dell'European Championship con l'Intercontinental Championship, perdendo così il suo titolo dopo 14 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 29 luglio Jeff sconfisse Bradshaw in un Hardcore match, conquistando così l'Hardcore Championship per la terza volta; tuttavia, subito dopo, Jeff perse il titolo contro Johnny Stamboli. Nella puntata di Raw del 5 agosto gli Hardy Boyz affrontarono Christian e Lance Storm per il World Tag Team Championship ma li sconfissero solamente per squalifica (e senza quindi conquistare i titoli).

Competizione singola e rilascio (2002–2003)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 12 agosto 2002 Jeff affrontò Rob Van Dam per determinare il contendente nº1 all'Intercontinental Championship di Chris Benoit (appartenente al roster di SmackDown) ma venne sconfitto a causa del turn heel di Matt Hardy nei suoi confronti, segnando quindi lo scioglimento definitivo degli Hardy Boyz, confermato ulteriormente dal successivo passaggio di Matt al roster di SmackDown. Nella puntata di Raw del 19 agosto Jeff partecipò ad un 6-Minute Challenge per l'Hardcore Championship che comprendeva anche Bradshaw, Bubba Ray Dudley, Crash Holly, Johnny Stamboli, Spike Dudley, Steven Richards, Terri Runnels e il campione Tommy Dreamer ma l'incontro fu vinto da quest'ultimo. Nella puntata di Raw del 6 agosto Jeff sconfisse Chris Jericho per squalifica. Nella puntata di Raw del 2 settembre il match tra Jeff e Crash Holly terminò in no-contest. Nella puntata di Raw del 9 settembre Jeff partecipò ad un Fatal 4-Way Elimination match che comprendeva anche Big Show, Chris Jericho e Rob Van Dam per determinare il contendente nº1 al World Heavyweight Championship di Triple H ma l'incontro fu vinto da Van Dam. Nella puntata di Raw del 16 settembre Jeff affrontò comunque Triple H per il World Heavyweight Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw del 23 settembre Jeff venne sconfitto da Big Show. Nella puntata di Raw del 30 settembre Jeff sconfisse Big Show per count-out. Nella puntata speciale Raw Roulette del 7 ottobre Jeff e Rob Van Dam parteciparono ad un Tables, Ladders and Chairs match per il World Tag Team Championship che comprendeva anche il campione Kane (senza partner per via dell'infortunio di The Hurricane), Bubba Ray Dudley e Spike Dudley e Chris Jericho e Christian ma l'incontro fu vinto dal solo Kane. Nella puntata di Raw del 14 ottobre Jeff sconfisse Rico. Nella puntata di Raw del 21 ottobre Jeff venne sconfitto da Christopher Nowinski. Nella puntata di Raw del 28 ottobre Jeff e Bubba Ray Dudley affrontarono Chris Jericho e Christian per il World Tag Team Championship ma vennero sconfitti. Nella puntata di Raw del 4 novembre Jeff e Bubba Ray Dudley vennero sconfitti dai 3-Minute Warning (Jamal e Rosey). Nella puntata di Raw dell'11 novembre Jeff sconfisse Lance Storm. Il 17 novembre, a Survivor Series, Jeff e i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e Spike Dudley) sconfissero i 3-Minute Warning e Rico in un Elimination Tables match. Nella puntata di Raw del 9 dicembre Jeff venne sconfitto da Triple H. Nella puntata di Raw del 16 dicembre Jeff sconfisse D'Lo Brown.

Nella puntata di Raw del 13 gennaio 2003 Jeff sconfisse Raven, qualificandosi per il Royal Rumble match dell'omonimo evento. Il 19 gennaio, alla Royal Rumble, Jeff partecipò all'omonimo match entrando col numero 15 ma venne eliminato da Rob Van Dam. Nella puntata di Raw del 20 gennaio Jeff venne sconfitto da Rob Van Dam. Nella puntata di Raw del 27 gennaio Jeff venne sconfitto da Booker T. Nella puntata di Raw del 10 febbraio Jeff venne sconfitto da Chris Jericho. Nella puntata di Raw del 17 febbraio Jeff e Shawn Michaels sconfissero Chris Jericho e Christian. Il 23 febbraio, a No Way Out, Jeff venne sconfitto da Chris Jericho. Nella puntata di Raw del 24 febbraio Jeff venne sconfitto da Christopher Nowinski per squalifica; poco dopo, Jeff partecipò ad un Battle Royal match per determinare il contendente nº1 al World Heavyweight Championship di Triple H ma l'incontro fu vinto da Booker T. Nella puntata di Raw del 3 marzo Jeff venne sconfitto da Christian. Nella puntata di Raw del 10 marzo Jeff sconfisse Rico. Nella puntata di Raw del 24 marzo Jeff e Trish Stratus sconfissero Steven Richards e Victoria in un Mixed Tag Team match. Nella puntata di Raw del 31 marzo Jeff sconfisse Steven Richards. Nella puntata di Raw del 7 aprile Jeff venne sconfitto da The Rock.

Il 22 aprile 2003, Jeff Hardy venne licenziato dalla WWE (legit): sembrò che Hardy non avesse superato dei test antidroga, e che avesse inoltre rifiutato la riabilitazione in un centro di disintossicazione, offertagli a spese della WWE stessa. Inoltre altre voci sostennero che Jeff avesse perso la voglia di combattere e si presentava sempre in ritardo agli show.[16]

Ring of Honor (2003–2004)[modifica | modifica wikitesto]

Total Nonstop Action (2004–2006)[modifica | modifica wikitesto]

Opportunità titolate (2004–2005)[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy nel novembre del 2005

Hardy ha debuttato nella Total Nonstop Action Wrestling (TNA) il 23 giugno 2004, nel secondo anniversario dello show, in un match contro il TNA X Division Champion A.J. Styles, per il titolo. Inoltre ha debuttato con una nuova theme song "Modest", una canzone cantata da Hardy stesso, e con un nuovo soprannome, "The Charismatic Enigma". Il match finì in un no-contest quando Kid Kash e Dallas interferirono. Hardy ritornò in TNA il 21 luglio e si guadagnò una title-shot per il NWA World Heavyweight Championship. Hardy sfidò l'8 settembre, perdendo, contro l'NWA World Heavyweight Champion Jeff Jarrett. Nel mese di ottobre del 2004, ha vinto un torneo, guadagnando un'altra title-shot per il NWA World Heavyweight Championship il 7 novembre a Victory Road. Hardy è stato sconfitto da Jarrett, a causa delle interferenze di Kevin Nash e Scott Hall. Un mese dopo a Turning Point, Hardy, A.J. Styles e Randy Savage sconfiggono Jarrett, Kevin Nash e Scott Hall. Hardy sconfisse Scott Hall in un single match, sostituendo Hector Garza a Final Resolution, il 16 gennaio 2005. Ad Against All Odds, nel febbraio 2005, Hardy perse contro Abyss in un "Full Mayhem Metal" match per il primo contendente al NWA World Heavyweight Championship. Hardy, restituì il favore, battendo Abyss in un Falls Count Anywhere match a Destination X.

Varie faide e rilascio (2005–2006)[modifica | modifica wikitesto]

Hardy poi iniziò un feud con Raven, sconfiggendolo in un steel cage match a Lockdown. Hardy è stato sospeso dalla TNA dopo che non si è presentato al suo "Clockwork Orange House of Fun" rematch con Raven, presumibilmente a causa di difficoltà durante il viaggio. La sospensione Hardy è stata revocata il 5 agosto, e tornò a Sacrifice circa una settimana dopo, attaccando Jeff Jarrett. Ha combattuto il suo primo match in TNA dopo quattro mesi a Unbreakable dell'11 settembre, perdendo per squalifica contro Bobby Roode, in seguito all'attacco di Jarrett. Per tutta ottobre 2005 Hardy fu coinvolto in una faida con Abyss, Rhino e Sabu. I quattro si affrontarono a Bound for Glory il 23 ottobre, nel quale Rhino vinse schienando proprio Jeff. Nel corso del match, Hardy ha effettuato una Swanton Bomb su Abyss da un'altezza di circa 5.18 m. Più tardi, nella stessa notte, Hardy ha partecipato a una 10-Men Battle Royal per il primo contendente al NWA World Heavyweight Championship, vinta da Rhino. A Genesis, nel mese di novembre, Hardy ha perso contro Monty Brown.

Hardy avrebbe dovuto lottare durante il pre-show di Turning Point, nel dicembre 2005, ma ancora una volta non si è presentato all'evento, probabilmente ancora una volta per problemi di viaggio. Hardy è stato sospeso in seguito e non apparve più in TNA. Nel mese di marzo, aprile e maggio 2006 Hardy è apparso in diversi eventi live della TNA in collaborazione con Dave Hebner e la United Wrestling Federation.

Ritorno in WWE (2006–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Intercontinental Champion (2006–2007)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 2006 fu reso noto che Jeff aveva firmato un nuovo contratto con la WWE, facendo così il suo ritorno nella federazione dopo tre anni. Nella puntata di Raw del 21 agosto Hardy tornò ufficialmente nel roster rosso, confrontandosi col WWE Champion Edge per poi sconfiggerlo per squalifica in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 28 agosto Hardy sconfisse Randy Orton grazie all'aiuto di Carlito, diventando così il contendente nº1 all'Intercontinental Championship di Johnny Nitro. Nella puntata di Raw deI 4 settembre Hardy affrontò Johnny Nitro per l'Intercontinental Championship ma lo sconfisse solamente per squalifica (e senza quindi conquistare il titolo). Il 17 settembre, ad Unforgiven, Hardy affrontò nuovamente Johnny Nitro per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw del 18 settembre Hardy partecipò ad un Six-pack Challenge match per l'Intercontinental Championship che comprendeva anche il campione Johnny Nitro, Carlito, Chris Masters, Randy Orton e Super Crazy ma l'incontro fu vinto da Nitro. Nella puntata di Raw del 25 settembre Hardy sconfisse Shelton Benjamin. Nella puntata di Raw del 2 ottobre Hardy sconfisse Johnny Nitro, conquistando così l'Intercontinental Championship per la seconda volta. Nella puntata di Raw del 9 ottobre Hardy venne sconfitto dall'ECW World Champion Big Show (appartenente al roster della ECW) in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 16 ottobre Hardy difese con successo il titolo in un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Chris Masters, Shelton Benjamin e Super Crazy. Il 5 novembre, a Cyber Sunday, Hardy difese con successo il titolo contro Carlito. Nella puntata di Raw del 6 novembre Hardy perse il titolo in un No Disqualification match contro Johnny Nitro dopo 35 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 13 novembre Hardy riconquistò tuttavia l'Intercontinental Championship per la terza volta, sconfiggendo Johnny Nitro. Nella puntata di Raw del 20 novembre Hardy difese con successo il titolo contro Johnny Nitro in un Ladder match. Il 26 novembre, a Survivor Series, Hardy partecipò ad un 5-on-5 Traditional Survivor Series Elimination match come parte del Team DX contro il Team Rated-RKO, vincendo l'incontro e rimanendo tra i sopravvissuti insieme a tutti i suoi compagni.

Nella puntata di Raw del 27 novembre 2006 Jeff riformò brevemente gli Hardy Boyz insieme a suo fratello Matt (appartenente al roster di SmackDown) e i due affrontarono i Rated-RKO (Edge e Randy Orton) per il World Tag Team Championship ma li sconfissero solamente per squalifica (e senza quindi conquistare i titoli). Il 3 dicembre, a December to Dismember, gli Hardy Boyz sconfissero gli MNM (Joey Mercury e Johnny Nitro). Nella puntata di Raw dell'11 dicembre Jeff venne sconfitto da Umaga in un match non titolato. Il 17 dicembre, ad Armageddon, gli Hardy Boyz parteciparono ad un Fatal 4-Way Tag Team Ladder match per il WWE Tag Team Championship che comprendeva anche Dave Taylor e William Regal, gli MNM e i campioni Paul London e Brian Kendrick ma l'incontro fu vinto da questi ultimi. Nella puntata di Raw del 18 dicembre Jeff partecipò ad un Battle Royal match con in palio un incontro per il WWE Championship di John Cena ma la contesa fu vinta da Edge; poco dopo, gli Hardy Boyz vennero sconfitti dal World's Greatest Tag Team (Charlie Haas e Shelton Benjamin) e Johnny Nitro in un 3-on-2 Handicap match. Nella puntata di Raw del 25 dicembre Jeff venne sconfitto da Umaga in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 1º gennaio 2007 Jeff sconfisse Rob Conway. Il 7 gennaio, a New Year's Revolution, Jeff difese con successo l'Intercontinental Championship contro Johnny Nitro in uno Steel Cage match. Nella puntata di Raw dell'8 gennaio Jeff difese con successo il titolo contro Kenny Dykstra. Nella puntata di Raw del 22 gennaio Jeff sconfisse Joey Mercury. Il 28 gennaio, alla Royal Rumble, gli Hardy Boyz sconfissero gli MNM; poco dopo, Jeff partecipò all'omonimo match entrando col numero 14 ma venne eliminato da Edge. Nella puntata di Raw del 29 gennaio Jeff venne sconfitto da The Great Khali per count-out ma conservò comunque il titolo. Nella puntata di Raw del 5 febbraio Jeff sconfisse Ric Flair. Nella puntata di Raw del 12 febbraio Jeff difese con successo il titolo contro Chris Masters. Il 18 febbraio, a No Way Out, gli Hardy Boyz e lo United States Champion Chris Benoit sconfissero gli MNM e Montel Vontavious Porter. Nella puntata di Raw del 19 febbraio Jeff perse il titolo contro Umaga dopo 98 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 26 febbraio Jeff sconfisse Shelton Benjamin. Nella puntata di Raw del 5 marzo Jeff affrontò Umaga per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw del 12 marzo il match tra Jeff e The Great Khali terminò in no-contest a causa dell'intervento di Kane (appartenente al roster di SmackDown). Nella puntata di Raw del 19 marzo Jeff sconfisse Randy Orton per squalifica. Nella puntata di SmackDown del 30 marzo Jeff sconfisse Randy Orton (nonostante entrambi appartenessero al roster di Raw). Il 1º aprile, a WrestleMania 23, Jeff partecipò al Money in the Bank Ladder match che comprendeva anche CM Punk, Edge, Finlay, King Booker, suo fratello Matt Hardy, Mr. Kennedy e Randy Orton ma l'incontro fu vinto da Kennedy.

Nella puntata di Raw del 2 aprile 2007 gli Hardy Boyz vinsero un Tag Team Battle Royal match dopo aver eliminato per ultimi Lance Cade e Trevor Murdoch, conquistando così il World Tag Team Championship per la sesta volta. Nella puntata di SmackDown del 6 aprile Jeff apparì nello show blu, venendo però sconfitto da Mr. Kennedy. Nella puntata di Raw del 9 aprile gli Hardy Boyz sconfissero il World's Greatest Tag Team (Charlie Haas e Shelton Benjamin). Nella puntata di Raw del 16 aprile Jeff venne sconfitto da Lance Cade. Il 29 aprile, a Backlash, gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro Lance Cade e Trevor Murdoch. Nella puntata di Raw del 30 aprile Jeff sconfisse Johnny Nitro. Nella puntata di Raw del 7 maggio gli Hardy Boyz sconfissero il World's Greatest Tag Team. Nella puntata di Raw del 14 maggio Jeff sconfisse Trevor Murdoch. Il 20 maggio, a Judgment Day, gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro Lance Cade e Trevor Murdoch. Nella puntata di Raw del 21 maggio gli Hardy Boyz sconfissero Kenny Dykstra e Johnny Nitro. Il 3 giugno, a One Night Stand, gli Hardy Boyz difesero con successo i titoli contro il World's Greatest Tag Team in un Ladder match. Nella puntata di Raw del 4 giugno gli Hardy Boyz persero i titoli di coppia contro Lance Cade e Trevor Murdoch dopo 63 giorni di regno. Nella puntata di Raw dell'11 giugno Jeff partecipò ad un Triple Threat match che comprendeva anche Elijah Burke (appartenente al roster della ECW) e Batista (appartenente al roster di SmackDown) ma l'incontro fu vinto da quest'ultimo. Nella puntata di Raw del 18 giugno Jeff sconfisse Daivari. Il 24 giugno, a Vengeance: Night of Champions, gli Hardy Boyz affrontarono Lance Cade e Trevor Murdoch per il World Tag Team Championship ma vennero sconfitti. Nella puntata di Raw del 2 luglio Jeff venne sconfitto da Randy Orton. Nella puntata di Raw del 9 luglio Jeff e Bobby Lashley sconfissero King Booker e Mr. Kennedy.

Regni titolati (2007–2008)[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy (a sinistra) con Matt Hardy nell'aprile del 2007

Nella puntata di Raw del 16 luglio 2007 Jeff tornò a combattere in singolo, vincendo un Fatal 4-Way Elimination match che comprendeva anche Santino Marella, Shelton Benjamin e William Regal per diventare il contendente nº1 all'Intercontinental Championship di Umaga. Il 22 luglio, a The Great American Bash, Hardy affrontò Umaga per l'Intercontinental Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw del 23 luglio Hardy sconfisse Mr. Kennedy per count-out. Nella puntata di Raw del 27 agosto Hardy sconfisse Mr. Kennedy per squalifica. Nella puntata di Raw del 3 settembre Hardy sconfisse Umaga, conquistando così l'Intercontinental Championship per la quarta volta. Nella puntata di Raw del 10 settembre Hardy venne sconfitto dal World Heavyweight Champion The Great Khali (appartenente al roster di SmackDown) in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 17 settembre Hardy difese con successo il titolo contro Shelton Benjamin. Il 7 ottobre, a No Mercy, Hardy e Paul London e Brian Kendrick sconfissero Mr. Kennedy e i World Tag Team Champions Lance Cade e Trevor Murdoch. Nella puntata di Raw dell'8 ottobre Hardy sconfisse Mr. Kennedy. Nella puntata di Raw del 15 ottobre Hardy venne sconfitto dal WWE Champion Randy Orton in un match non titolato. Il 28 ottobre, a Cyber Sunday, Hardy venne sconfitto da Mr. Kennedy in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 5 novembre Hardy e Rey Mysterio (appartenente al roster di SmackDown) sconfissero Finlay (appartenente al roster di SmackDown) e Mr. Kennedy. Nella puntata di SmackDown del 16 novembre Hardy apparì nello show blu, sconfiggendo Finlay per squalifica. Il 18 novembre, a Survivor Series, Hardy vinse un 4-on-5 Traditional Survivor Series Elimination match come parte del Team Triple H contro il Team Umaga, risultando come uno dei due sopravvissuti insieme a Triple H. Nella puntata di Raw del 19 novembre Hardy sconfisse Umaga per squalifica. Nella puntata di Raw del 26 novembre Hardy e Triple H sconfissero Snitsky e Umaga. Nella puntata di Raw del 3 dicembre Hardy difese con successo il titolo contro Snitsky. Nella puntata di Raw del 10 dicembre Hardy difese con successo il titolo contro Carlito in un Ladder match. Il 16 dicembre, ad Armageddon, Hardy sconfisse Triple H per diventare il contendente nº1 al WWE Championship di Randy Orton. Nella puntata di Raw del 17 dicembre Hardy e Shawn Michaels sconfissero Mr. Kennedy e il WWE Champion Randy Orton. Nella puntata di Raw del 24 dicembre Hardy sconfisse Carlito. Nella puntata di Raw del 31 dicembre il match tra Hardy e Santino Marella terminò in no-contest a causa dell'intervento di Randy Orton. Nella puntata di Raw del 7 gennaio 2008 Hardy sconfisse Umaga in uno Steel Cage match. Nella puntata di Raw del 14 gennaio Hardy difese con successo il titolo contro il WWE Champion Randy Orton, sconfiggendolo per squalifica. Il 27 gennaio, alla Royal Rumble, Hardy affrontò Randy Orton per il WWE Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw dell'11 febbraio Hardy venne sconfitto da Shawn Michaels in un match non titolato.

Il 17 febbraio 2008, a No Way Out, Hardy partecipò ad un Elimination Chamber match che comprendeva anche Chris Jericho, John "Bradshaw" Layfield, Shawn Michaels, Triple H e Umaga per determinare il contendente nº1 al WWE Championship di Randy Orton ma venne eliminato per ultimo da Triple H, il quale si aggiudicò l'incontro. Nella puntata di Raw del 18 febbraio Hardy sconfisse Snitsky. Nella puntata di Raw del 10 marzo Hardy perse l'Intercontinental Championship contro Chris Jericho dopo 190 giorni di regno. Hardy venne successivamente sospeso per 60 giorni dalla WWE poiché era stato trovato positivo all'anti-doping.[17] Hardy tornò a lottare nella puntata di Raw del 12 maggio, sconfiggendo Umaga. Il 18 maggio, a Judgment Day, Hardy sconfisse Montel Vontavious Porter. Nella puntata di Raw del 19 maggio il match tra Hardy e Umaga terminò in doppio count-out. Il 1º giugno, a One Night Stand, Hardy sconfisse Umaga in un Falls Count Anywhere match. Nella puntata di Raw del 2 giugno Hardy affrontò John Cena per determinare il contendente nº1 al WWE Championship di Triple H ma venne sconfitto. Nella puntata di Raw del 9 giugno Hardy sconfisse il WWE Champion Triple H (appartenente al roster di SmackDown) per count-out in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 16 giugno Hardy sconfisse Carlito.

Nella puntata di Raw del 23 giugno 2008, per effetto del Draft, Jeff passò al roster di SmackDown; poco dopo, Hardy vinse un Battle Royal match come parte del Team SmackDown contro il Team Raw e il Team ECW. Nella puntata di SmackDown del 4 luglio Hardy debuttò nello show blu, sconfiggendo John Morrison. Nella puntata di SmackDown del 18 luglio il match tra Jeff e suo fratello Matt Hardy terminò in no-contest a causa dell'intervento di Montel Vontavious Porter. Nella puntata di SmackDown del 25 luglio Hardy partecipò ad un Battle Royal match per determinare il contendente nº1 al WWE Championship di Triple H ma l'incontro fu vinto da The Great Khali. Nella puntata di SmackDown dell'8 agosto Hardy sconfisse lo United States Champion Shelton Benjamin per squalifica in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 15 agosto Hardy affrontò Shelton Benjamin per lo United States Championship ma lo sconfisse solamente per squalifica (e senza quindi conquistare il titolo) a causa dell'intervento di Montel Vontavious Porter. Il 17 agosto, a SummerSlam, Hardy venne sconfitto da Montel Vontavious Porter a causa dell'intervento di Shelton Benjamin. Nella puntata di SmackDown del 22 agosto Hardy sconfisse The Great Khali. Nella puntata di SmackDown del 29 agosto Hardy sconfisse Montel Vontavious Porter. Nella puntata di SmackDown del 5 settembre Hardy venne sconfitto da The Brian Kendrick a causa del'intervento di Ezekiel Jackson. Il 7 settembre, ad Unforgiven, Hardy partecipò al Championship Scramble match per il WWE Championship che comprendeva anche The Brian Kendrick, Montel Vontavious Porter, lo United States Champion Shelton Benjamin e il campione Triple H ma l'incontro fu vinto da quest'ultimo. Nella puntata di SmackDown del 12 settembre Hardy vinse un Fatal 4-Way match che comprendeva anche The Brian Kendrick, Montel Vontavious Porter e Shelton Benjamin, diventando così il contendente nº1 al WWE Championship di Triple H. Nella puntata di SmackDown del 19 settembre Hardy sconfisse The Brian Kendrick. Il 5 ottobre, a No Mercy, Hardy affrontò Triple H per il WWE Championship ma venne sconfitto. Nella puntata di SmackDown del 10 ottobre Hardy sconfisse Montel Vontavious Porter. Nella puntata di SmackDown del 17 ottobre Hardy venne sconfitto da Vladimir Kozlov. Il 26 ottobre, a Cyber Sunday, Hardy venne scelto dal pubblico per affrontare Triple H per il WWE Championship ma venne nuovamente sconfitto. Nella puntata di SmackDown del 14 novembre Hardy sconfisse The Undertaker in un Extreme Rules match. Nella puntata di SmackDown del 21 novembre Hardy sconfisse il WWE Champion Triple H in un match non titolato. Il 23 novembre, a Survivor Series, Hardy avrebbe dovuto partecipare ad un Triple Threat match per il WWE Championship che comprendeva anche Vladimir Kozlov e il campione Triple H ma, prima che iniziasse l'evento, Jeff venne trovato privo di sensi nella sua stanza d'albergo (kayfabe) e venne quindi sostituito nell'incontro dal rientrante Edge, il quale vinse poi il titolo. Nella puntata di SmackDown del 28 novembre Hardy sconfisse The Brian Kendrick. Nella puntata di SmackDown del 12 dicembre il match tra Hardy e Triple H terminò in no-contest a causa dell'intervento del WWE Champion Edge. Il 14 dicembre, ad Armageddon, Hardy vinse un Triple Threat match che comprendeva anche Triple H e il campione Edge, conquistando così il WWE Championship per la prima volta e diventando, al contempo, il 18° Triple Crown Champion e il 9° Grand Slam Champion. Nella puntata di SmackDown del 19 dicembre Hardy sconfisse Vladimir Kozlov per squalifica. Nella puntata di SmackDown del 26 dicembre Hardy sconfisse Big Show per count-out.

Varie faide e abbandono (2008–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Male inizia il 2009 per Jeff Hardy: in occasione della puntata di SmackDown del 16 gennaio, mentre si esibiva facendo il suo solito ingresso sullo stage, Hardy venne improvvisamente investito dai fuochi d'artificio, che gli causarono un infortunio in pieno volto e che pertanto fu costretto a lasciare subito l'arena per sottoporsi alle relative cure mediche.

Jeff Hardy nel febbraio del 2009

Il 25 gennaio 2009, alla Royal Rumble, Jeff perse il WWE Championship contro Edge in un No Disqualification match dopo 42 giorni di regno a causa del turn heel di suo fratello Matt Hardy, il quale lo colpì brutalmente con una sedia. Il 15 febbraio, a No Way Out, Jeff partecipò ad un Elimination Chamber match per il WWE Championship che comprendeva anche il campione Edge, Big Show, Triple H, The Undertaker e Vladimir Kozlov ma venne eliminato per quarto da The Undertaker, mentre Triple H si aggiudicò poi l'incontro e il titolo. Nella puntata di SmackDown del 20 febbraio Jeff sconfisse il World Heavyweight Champion Edge per squalifica in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 6 marzo Jeff venne sconfitto dallo United States Champion Shelton Benjamin, fallendo la qualificazione al Money in the Bank Ladder match, a causa dell'intervento di Matt Hardy. Nella puntata di SmackDown del 20 marzo Jeff ha sconfitto facilmente The Brian Kendrick in un Extreme Rules match. Nella puntata di Raw del 23 marzo Jeff apparì nello show rosso, sconfiggendo facilmente Dolph Ziggler in un Extreme Rules match. Nella puntata di SmackDown del 3 aprile Jeff sconfisse Ezekiel Jackson. Il 5 aprile, a WrestleMania XXV, Jeff venne sconfitto da Matt Hardy in un brutale Extreme Rules match. Nella puntata di SmackDown del 10 aprile Jeff venne sconfitto nuovamente da Matt Hardy in uno Stretcher match. Nella puntata di SmackDown del 17 aprile Jeff venne sconfitto da Big Show (appartenente al roster di Raw). Il 26 aprile, a Backlash, Jeff sconfisse Matt Hardy in un violento "I Quit" match.

Nella puntata di SmackDown del 1º maggio Jeff vinse un Fatal 4-Way Elimination match che comprendeva anche Chris Jericho, Kane e l'Intercontinental Champion Rey Mysterio, diventando così il contendente nº1 al World Heavyweight Championship di Edge. Nella puntata di SmackDown dell'8 maggio Jeff sconfisse Chris Jericho. Nella puntata di SmackDown del 15 maggio Jeff sconfisse facilmente Ricky Ortiz. Il 17 maggio, a Judgment Day, Jeff affrontò Edge per il World Heavyweight Championship ma venne sconfitto in maniera controversa. Nella puntata di SmackDown del 22 maggio Jeff sconfisse il World Heavyweight Champion Edge in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 29 maggio Jeff e Rey Mysterio affrontarono Edge e Chris Jericho ma l'incontro terminò in no-contest; poco dopo, Hardy venne sconfitto da Edge e Chris Jericho in un 2-on-1 Handicap match. Il 7 giugno, ad Extreme Rules, Jeff sconfisse Edge in un Ladder match conquistando così il World Heavyweight Championship per la prima volta; tuttavia, al termine dell'incontro, Jeff perse subito il titolo contro CM Punk dopo che questi aveva incassato a sorpresa il contratto del Money in the Bank.

Nella puntata di SmackDown del 12 giugno Hardy venne sconfitto da Edge per squalifica a causa dell'intervento del World Heavyweight Champion CM Punk. Nella puntata di Raw del 15 giugno Hardy partecipò ad un Triple Threat match per il World Heavyweight Championship che comprendeva anche Edge e il campione CM Punk ma l'incontro fu vinto da quest'ultimo. Nella puntata di SmackDown del 19 giugno Hardy sconfisse l'Intercontinental Champion Chris Jericho per count-out in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 26 giugno Hardy e Rey Mysterio vennero sconfitti da Edge e Chris Jericho in uno Steel Cage match con CM Punk nel ruolo di arbitro speciale. Il 28 giugno, a The Bash, Hardy affrontò CM Punk per il World Heavyweight Championship ma lo sconfisse solamente per squalifica (e senza quindi conquistare il titolo). Nella puntata di SmackDown del 10 luglio Hardy venne sconfitto da Kane a causa dell'intervento di CM Punk. Nella puntata di SmackDown del 24 luglio Hardy sconfisse Chris Jericho. Il 26 luglio, a Night of Champions, Hardy sconfisse CM Punk conquistando così il World Heayweight Championship per la seconda volta. Nella puntata di SmackDown del 31 luglio Hardy difese con successo il titolo contro John Morrison. Nella puntata di SmackDown del 7 agosto Hardy difese con successo il titolo contro CM Punk. Nella puntata di SmackDown del 14 agosto Hardy venne sconfitto dalla Hart Dynasty (David Hart Smith e Tyson Kidd) in un 2-on-1 Handicap match a causa dell'intervento di CM Punk. Il 23 agosto, a SummerSlam, Hardy perse il titolo contro CM Punk in un Tables, Ladders and Chairs match dopo 28 giorni di regno. Nella puntata di SmackDown del 28 agosto Hardy affrontò CM Punk in uno Steel Cage match per il World Heavyweight Championship ma venne sconfitto e, come da stipulazione, fu quindi costretto a lasciare la WWE (kayfabe). In realtà tale stipulazione venne attuata per permettere a Jeff di guarire da alcuni acciacchi, tra cui un infortunio al collo e due ernie discali nella parte inferiore della schiena; tuttavia, alcuni mesi dopo, Hardy decise di abbandonare realmente la federazione dopo alcuni contrasti avuti con la dirigenza (legit).

Circuito indipendente (2009–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Ritorno in TNA (2010–2017)[modifica | modifica wikitesto]

TNA World Heavyweight Champion (2010–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy nell'ottobre del 2010

Il 4 gennaio Jeff ha fatto un'apparizione nello show di iMPACT! attaccando Homicide. Nel corso dell'edizione di Impact dell'8 marzo 2010, ricompare attaccando a fine puntata il TNA World Heavyweight Champion AJ Styles. Nella puntata di TNA iMPACT della settimana seguente, Jeff affronta e sconfigge Styles. Due settimane dopo vince uno "Steel Cage Match" insieme a Rob Van Dam e Eric Young. A TNA Lockdown insieme a Rob Van Dam, Abyss e Jeff Jarret sconfigge il team formato da Sting, Desmond Wolfe, James Storm e Robert Roode. La sera successiva perde un match con Rob Van Dam valevole per la title shot del TNA World Heavyweight Champion vinto poi dallo stesso. Successivamente con il proseguire della sua seconda esperienza in TNA, Jeff formerà un nuovo Tag Team assieme a Mr Anderson con il nome di "Enigmatic Assholes", dove il debutto dello stesso avviene ad TNA Slammiversary 2010 dove Hardy ed Anderson sconfiggono i Beer Money. Nella settimana del 17 giugno in un match sancito per determinare il primo sfidante per il TNA World Heavyweight Championship di Rob Van Dam, Hardy pareggia il match per count out assieme a Mr. Anderson e Abyss, a fine match Hardy attacca Abyss dopo che quest'ultimo aveva attaccato Mr. Anderson. A TNA Victory Road 2010 perde un fatal 4-way valido per il TNA World Heavyweight Champion dove a vincere è stato RVD, gli altri due partecipanti erano Abyss e Mr. Anderson. Successivamente Jeff prende parte ad un torneo per decretare i due finalisti per il TNA World Heaviweight Champion lasciato vacante da RVD a causa di un infortunio subito contro Abyss (Kayfabe).

A TNA No Surrender 2010 affronta Kurt Angle per decretare il primo finalista del torneo, in questo match era anche in gioco la carriera di Angle perché se nel caso avesse perso si sarebbe ritirato dal wrestling. Il match finisce in un No Contest. Entrambi quindi passano il turno e si affronteranno in un triple treat match a TNA Bound For Glory 2010 assieme al vincitore dell'altra semifinale, Mr. Anderson.

A TNA Bound For Glory 2010 Jeff Hardy sconfigge Kurt Angle e Mr. Anderson conquistando il TNA World Heavyweight Championship grazie all'aiuto di Hogan, Eric Bischoff, Abyss e Jeff Jarrett, effettuando quindi il suo primo Turn Heel in carriera da quando è ormai da anni stabilmente un main eventer. La settimana successiva, Jeff entra a far parte degli "Immortals", stable capitanata da Hulk Hogan dove, oltre al Charismatic Enigma, vi appartengono anche Eric Bischoff, Abyss e Jeff Jarrett. Nella puntata di Impact post-Bound For Glory, gli Immortals formano un'alleanza con la Fortune formata da Ric Flair, A.J. Styles, i Beer Money, Kazarian, Rob Terry, Douglas Williams e Matt Morgan. Proprio quest'ultimo, pochi giorni dopo, turna face e si candida come primo sfidante al titolo di campione del mondo.

A TNA Turning Point 2010 quindi, Jeff Hardy difende il titolo dall'assalto di Matt Morgan, riuscendo anche per la prima volta a difendere un titolo assoluto in un pay-per-view. La sera successiva Hulk Hogan presenta un nuovo design della cintura, rinominato Immortal's Championship. Il feud con Morgan continua e i due si affrontano nuovamente a TNA Final Resolution 2010 in un No Disqualification match, dove l'arbitro speciale per l'occasione fu rappresentato da Mr Anderson. Dopo aver effettuato una Twist of Fate sopra una sedia d'acciaio, Hardy batte nuovamente Morgan. A TNA Genensis 2011, perde i titolo contro Mr. Anderson dopo che questi aveva sconfitto Matt Morgan diventando n. 1 Contender. Nell'episodio di Impact del 3 febbraio perde un match per il titolo contro Mr. Anderson a causa dell'intervento del team Fortune che effettuano un turn face ai suoi danni e a tutti gli altri membri del team Immortals. A TNA Against All Odds 2011 diventa di nuovo TNA World Champion battendo Mr. Anderson in un Ladder match. La settimana seguente sconfigge RVD in un match titolato con arbitro speciale Mr. Anderson. Il 3 marzo 2011 durante la puntata di Impact! in North Carolina perde il world title contro Sting. Nel pay-per-view Victory Road, Jeff Hardy ha perso contro Sting un match per il TNA World Heavyweight Championship in meno di un minuto. Dopo questo incontro, i dirigenti della TNA si sono infuriati letteralmente con Jeff Hardy, che non era in condizioni di combattere il match; si pensa che a causa delle sue condizioni psicofisiche, alterate dall'assunzione di stupefacenti, l'incontro sarebbe stato terminato in poco più di un minuto proprio per cercare di nascondere le condizioni di Hardy alla platea, e quello secondo lo stesso Jeff fu il punto più basso della sua carriera.

Varie faide (2011–2012)[modifica | modifica wikitesto]

Nella giornata del 23 agosto 2011, Jeff Hardy annuncia tramite Twitter che sarà presente ai taping di Impact! della TNA, a Huntsville, in Alabama, che si terranno il 25 di agosto. Ritorna invece negli show televisivi l'8 settembre, in una puntata di Impact!. Jeff ha chiesto scusa per "aver buttato nel cesso mesi della sua carriera", per i suoi problemi e che non vuole il perdono ma solo un'altra chance. Il 15 settembre, sei mesi dopo lo stop, torna sul ring, sconfiggendo Jeff Jarrett. Nella puntata di Impact! del 6 ottobre esegue una Twist of Fate su Eric Bischoff mentre quest'ultimo lo stava insultando. Ad Impact! del 13 ottobre salva i Beer Money, Inc. dagli Immortal; dopo, con un po' di perplessità, Bobby Roode e James Storm stringono la mano ad Hardy. A Bound For Glory attacca Jeff Jarrett, scaturendo una rissa fra i due. Da qui inizia una faida con Jeff Jarrett. Nella puntata di Impact! post-pay-per-view Hardy attacca Jeff Jarrett, dopo che quest'ultimo lo aveva criticato. Nella puntata di Impact! del 27 ottobre sconfigge Bully Ray con una Swanton Bomb. A fine match viene attaccato da Jeff Jarrett e Bully Ray, ma Hardy viene salvato da Mr. Anderson, che attacca i due. Inoltre si pensa a un ritorno del tag team fra i due chiamato "Enigmatic Assholes". Nella puntata di Impact! del 3 novembre Hardy e Mr. Anderson hanno sconfitto Jeff Jarrett e Bully Ray. Nella puntata del 10 novembre, invece, Hardy, insieme a Mr. Anderson e Abyss, sconfigge Jeff Jarrett, Bully Ray e Scott Steiner. A Turning Point Hardy sconfigge per tre volte Jeff Jarrett, a causa dei numerosi rematch richiesti da quest'ultimo. Nel primo ha vinto in sei secondi, nel secondo in 6 minuti e nel terzo in dieci secondi.

Nella puntata di Impact! del 17 novembre Jeff viene interrotto da Karen Jarrett, mentre stava facendo un discorso all'universo TNA. Karen cerca di farsi colpire da Hardy, quando spunta da dietro Jeff Jarrett. Hardy se ne accorge e lo colpisce, facendolo fuggire dal ring. Nella puntata di Impact! del 24 novembre attacca Jeff Jarrett, mentre lo stava prendendo in giro. Poco dopo sono arrivati gli altri componenti degli Immortal, Bully Ray e Christopher Daniels ad attaccare Hardy, ma quest'ultimo viene salvato da A.J. Styles, Mr. Anderson e Rob Van Dam, che mettono in fuga i rivali. Nella stessa sera, nel main event, Jeff Hardy, A.J. Styles, Ken Anderson e Rob Van Dam, con James Storm all'angolo, sconfiggo Bobby Roode, Bully Ray e Christopher Daniels, con Kurt Angle al loro angolo, in un 4 vs. 4 elimination tag team match. I sopravvissuti sono stati A.J. Styles e Jeff Hardy. Inizialmente tale contesa doveva essere un 3 vs. 3, ma a match in corso si sono aggiunti Hardy e Roode. Proprio Roode, a fine match, attacca Hard' e Styles. Nella puntata di Impact! del 1º dicembre Hardy perde, nel main event, contro A.J. Styles e Bobby Roode. Inoltre, il General Manager di Impact! Sting annuncia che Jeff Hardy affronterà Jeff Jarrett nel pay-per-view Final Resolution in uno Steel Cage match; se Hardy vince diventa il primo contendente al TNA World Heavyweight Championship; se invece perde dovrà lasciare la federazione. Nella puntata di Impact! dell'8 dicembre Hardy sconfigge, insieme ad A.J. Styles, Jeff Jarrett e Bobby Roode. A Final Resolution, Jeff Hardy sconfigge Jeff Jarrett, diventando così il primo contendente al TNA World Heavyweight Championship. Nella puntata di Impact! del 15 dicembre Jeff Hardy sconfigge Bully Ray con una Twist of Fate. A fine match viene attaccato da Ray e da Bobby Roode. Nei tapings di Impact! in onda il 22 dicembre, fa coppia con Sting, in uno Street Fight match, sconfiggendo Bobby Roode e Bully Ray.

Opportunità titolate (2012–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Impact! del 5 gennaio 2012, Jeff Hardy, insieme a James Storm e Abyss, combattono contro Bobby Roode, Bully Ray e Kurt Angle. Il match però finisce in un grosso caos, con scontri da una parte e dall'altra e non prevalgono vincitori. A Genesis, l'8 gennaio, Hardy sconfigge Bobby Roode per squalifica, il titolo così rimane nelle mani di Roode. Nella puntata di Impact! del 12 gennaio 2012 il TNA World Heavyweight Championship è di nuovo in palio, e questa volta se Bobby Roode si facesse squalificare perderebbe il titolo. Hardy, dopo aver eseguito una Twist of Fate e una Swanton Bomb, schiena Roode, ma interviene Bully Ray, che trascina l'arbitro fuori e fa terminare il match in No-contest. Nei tapings di Impact! in onda il 19 gennaio, Jeff affronta James Storm nel ruolo di primo sfidante al TNA World Heavyweight Championship. Il match finisce in No-contest dopo l'attacco di Bully Ray. Nei tapings di Impact! in onda il 26 gennaio, Jeff Hardy e James Storm sconfiggono Bully Ray e Bobby Roode in un Tables Match. Ad Against All Odds Jeff ha partecipato al Fatal-4 Way match per il TNA World Heavyweight Championship, contro Bobby Roode, James Storm e Bully Ray, non riuscendo però a conquistare la corona per un errore di Sting. Nei tapings di Impact! in onda il 16 febbraio ha un'altra opportunità di conquistare il titolo, ma questa volta è Kurt Angle ad impedirglielo. Nei tapings di Impact! in onda il 23 febbraio sconfigge, insieme a James Storm, Kurt Angle e Bully Ray in un No Disqualification match. I due hanno vinto grazie allo schienamento effettuato da Storm, dopo la chokeslam effettuata da Brandon Jacobs su un tavolo. Brandon ha accompagnato Jeff e Storm a inizio match e li ha assistiti da bordo ring. Nella puntata di Impact Wrestling dell'uno Marzo Kurt Angle sfida Jeff Hardy a Victory Road, il motivo di questa sfida è che Angle invidia Jeff Hardy per molte caratteristiche che rendono Jeff popolare e carismatico ma il fatto più umiliante per Angle sta nel fatto che anche suo figlio Cody imiti Hardy nel look e nel comperare molti suo gadget. La settimana seguente Jeff Hardy in coppia con Garret Bischoof battono Kurt Angle e Gunner. Nel pay-per-view Victory Road, Jeff perde contro Kurt Angle dopo che quest'ultimo schiena Hardy in maniera irregolare guadagnandosi la vittoria.

A Impact Wrestling del 29 marzo perde un match contro Mr. Anderson grazie ad una interferenza di Kurt Angle non vista dall'arbitro.A Lockdown Hardy batte Kurt Angle in uno Steel Cage Match. Nella puntata di Impact Wrestling del 19 aprile si disputa un number 1 contender Triple threat match per il TNA World Heavyweight Championship dove Jeff perde contro Mr. Anderson e contro Rob Van Dam con la vittoria di quest'ultimo. A fine match Rob va ad accertarsi delle condizioni di Jeff, che si rialza e scambia uno abbraccio sportivo con il vincitore. La Settimana seguente Jeff Hardy e Mr. Anderson vengono scelti da Hulk Hogan come sfidanti per i titoli di coppia detenuti da Samoa Joe e Magnus, perdendo la contesa. Nella puntata del 3 maggio perde contro Rob Van Dam, mentre il 10 maggio perde un Fatal-4 Way vinto da RVD con in gara anche Mr. Anderson e Robert Roode. A Sacrifice, perde contro Mr. Anderson a causa di un errore dell'arbitro. Nella puntata di Impact del 17 maggio però ottiene la sua rivincita. Ad Impact il 31 maggio combatte contro Devon per il TNA Television Championship, ma il match viene interrotto da Robbie E e Robbie T, cacciati poi dal ring dallo stesso Hardy e da Devon. Nella puntata di Impact wrestling del 7 giugno Hulk Hogan annuncia per Slammiversary un Triple Treath match tra RVD, Anderson e Hardy con in palio l'opportunità di concorrere per il World Title da sfruttare nell'episodio di Impact successivo al pay-per-view. A Slammiversary, il 10 giugno, è Anderson ad aggiudicarsi la contesa. Dal 14 giugno Hardy prende parte alle Bound for Glory series 2012, con in palio una nuova title shot per il TNA World Heavyweight Championship da incassare proprio a Bound For Glory. Nel corso del torneo Hardy accumula punti sconfiggendo wrestler del calibro di James Storm, Rob Van Dam, Kurt Angle e Samoa Joe. Il suo punteggio finale gli garantisce l'accesso alle semifinali del PPV No Surrender, nel corso del quale riesce prima a battere Samoa Joe e poi Bully Ray aggiudicandosi quindi il torneo e la possibilità di contendersi, a Bound For Glory, il titolo del campione in carica Austin Aries.

Il Charismatic Enigma inizia così un feud proprio con Aries in vista del loro match a Bound For Glory. Dopo svariate provocazioni, Aries colpisce Hardy alle spalle nell'ultima puntata di Impact! prima del PPV, accendendo definitivamente la loro rivalità in vista della resa dei conti. A Bound For Glory però è Hardy a trionfare, aggiudicandosi per la terza volta il TNA World Heavyweight Championship. Il giovedì successivo, ad Impact Wrestling, Jeff cambia il design della sua cintura ma Aries interrompe la celebrazione di Hardy insultandolo e rivendicando un rematch. La settimana successiva difende con successo il titolo contro Kurt Angle, ma al termine del match viene attaccato alle spalle ancora da Aries, in possesso ancora della sua vecchia cintura, ufficializzando così la sua richiesta di rematch per Turning Point. Nella puntata di Impact! dell'8 novembre ha un altro diverbio con Aries, al termine del quale viene sancita la stipulazione della loro nuova resa dei conti, un ladder match. A Turning Point Hardy sconfigge Aries recuperando così anche la vecchia cintura.

Durante la puntata di Impact! del 22 novembre, sconfigge Christian York, ma è successivamente attaccato da Bobby Roode, nuovo primo contendente, che reclama un match valido per il titolo a Final Resolution. Il 6 dicembre, sempre ad Impact!, vince un six man tag team match insieme a James Storm e A.J. Styles contro Christopher Daniels, Kazarian e Bobby Roode. Tre giorni più tardi, a Final Resolution, Hardy sconfigge Roode grazie anche all'intervento degli Aces & Eights capitanati da Devon e assoldati da Aries per impedire a Roode di avere la meglio. Al termine del match però lo stesso Hardy viene assalito dalla stable. Il 13 dicembre ad Impact!, in coppia con James Storm, si vendica dell'assalto in un tag team match. La settimana successiva, Hardy concede ad Aries un terzo risolutivo match per contendersi il titolo ma stavolta è Roode ad interferire favorendo il campione in carica e vendicandosi dell'affronto di Aries patito a Final Resolution. Nella puntata del 27 dicembre interviene nel match tra Austin Aries e Bobby Roode buttando fuori dal ring il primo e atterrando con una Twis of Fate il secondo. La settimana successiva, sempre ad Impact!, Hardy è nominato TNA Wrestler of the Year 2012. Sia Aries che Roode contestano l'assegnazione del premio e Hardy, prima di stendere entrambi, annuncia la difesa del suo titolo a Genesis in un Triple Threat Elimination match contro di loro. Il 10 gennaio, Hardy e Storm battono per squalifica Aries e Roode in un tag team match in seguito all'assalto di Aries, con la cintura, ai danni del campione. A Genesis Hardy difende ancora una volta con successo il titolo contro i rivali Roode e Aries.

Il 17 gennaio, ad Impact!, Hardy e Storm battono i Bad Influence (Christopher Daniels e Kazarian) in un Tag Team match. Al termine dell'incontro Daniels, nuovo primo contendente al titolo, attacca Hardy. La settimana successiva, Hardy batte Daniels conservando così la cintura. Dopo il match Tazz, rivelatosi un membro degli Aces & Eights, distrae il campione consentendo a un altro membro della gang di colpirlo alle spalle con una martellata alla gamba, infortunandolo (kayfabe). Nell'episodio di Impact! del 21 febbraio, Hulk Hogan proclama Bully Ray #1 contender al World Heavyweight Title di Hardy, ufficializzando uno steel cage match per Lockdown. Dopo più di un mese Hardy rientra dall'infortunio, introdotto ad Impact! proprio dal suo nuovo avversario Bully Ray. I due vengono interrotti dai Bad Influence, sconfitti poi nel main event in un tag team match. Il 7 marzo, ad Impact!, Hardy sconfigge Austin Aries via DQ per l'interferenza di Matt Morgan, che stende il campione. Subito dopo Bully Ray accorre in suo soccorso allontanando Morgan. A Lockdown, il 10 marzo, Hardy viene sconfitto in uno steel cage match da Bully Ray che conquista il titolo con l'aiuto degli Aces & Eights, rivelando di esserne il Presidente. Il 14 marzo, a Impact!, attacca senza successo gli Aces & Eights insieme a gran parte del roster. La settimana successiva, Hogan sancisce per il main event dell'episodio un Fatal 4-Way tra Hardy, Kurt Angle, Magnus e Samoa Joe con in palio il posto di #1 contender al World Title di Bully Ray. A trionfare è proprio Hardy che schiena Samoa Joe. Nell'episodio di Impact! del 28 marzo, Jeff sfida Bully Ray ma ad intromettersi è Mr. Anderson. Hardy attacca quest'ultimo, ma viene atterrato da tutti gli altri Aces & Eights. A quel punto Samoa Joe, Kurt Angle, Eric Young e Magnus intervengono in suo soccorso mettendo in fuga la gang. Alla fine Jeff cambia idea e sfida Anderson nel main event perdendo via DQ dopo avergli sottratto un martello per poi colpirlo. Bully Ray interviene a recuperare il suo assistito e Hardy annuncia la stipulazione del loro World Title match che si disputerà l'11 aprile: Full Metal Mayhem. La settimana successiva Hardy salva Brooke Hogan dalle grinfie di Bully Ray. L'11 aprile durante l'episodio di Impact!, Hardy fallisce l'assalto al titolo, sconfitto da Bully Ray grazie all'aiuto di un martello passatogli da Tazz. Due settimane più tardi iniziano a circolare le prime voci su un presunto ritiro di Hardy in seguito all'infortunio riportato durante il match con Ray (kayfabe). Il 30 maggio Jeff Hardy è annunciato a sorpresa da Samoa Joe come suo partner, insieme a Magnus, nel 6-man Tag Team match di Slammiversary contro Wes Brisco, Garett Bischoff e DOC. Tre giorni più tardi, a Slammiversary, i tre hanno la meglio sugli Aces & Eights. Il giovedì successivo, ad Impact!, Hogan sancisce per il main event un ladder match tra Hardy e il campione Bully Ray dove ad essere in palio non è la cintura, ma un martello con cui poter colpire l'avversario. La contesa termina in un No Contest quando Ray è messo in fuga da Hardy, in possesso del martello.

La settimana dopo Hardy e Roode si qualificano d'ufficio alle Bound for Glory series per essere stati i vincitori delle due passate edizioni. Successivamente vengono attaccati da Wes Brisco e Garett Bischoff senza successo, ma ad avere l'ultima parola è Roode che colpisce Hardy alle spalle. Il 20 giugno Hardy sconfigge Roode nel suo primo match valido per le Bound for Glory series. Due settimane dopo batte anche Joseph Parks via DQ. Durante l'episodio successivo, ad Impact!, lui e Joseph Parks vengono sconfitti da Samoa Joe e A.J. Styles in un Joker's Wild Tournament Tag Team match. Il 25 luglio viene sconfitto da A.J. Styles. Due settimane dopo sconfigge Samoa Joe. Una settimana più tardi non riesce ad imporsi in un Bound for Glory Series 4-Way Ladder match vinto da Kazarian. Il 29 agosto sconfigge Kazarian. Nell'episodio successivo non riesce ad imporsi nel Last Chance Gauntlet match e, in virtù dei punti raccolti, non si qualifica per le Final Four delle Bound for Glory series. Due settimane più tardi sconfigge Manik. Dopo il match Chris Sabin attacca quest'ultimo, ma Jeff Hardy torna sul ring a salvarlo. Il 3 ottobre lui e Manik sconfiggono Chris Sabin e Kenny King. Dopo il match Sabin attacca Hardy e Manik alle spalle ma Austin Aries interviene in loro soccorso e propone un Fatal 4 Way, con in palio l'X-Division Title, per Bound for Glory: Manik vs Hardy vs Aries vs Sabin. Alla fine Hardy corregge ulteriormente il tiro e propone un Ultimate X match. La settimana successiva Hardy è sconfitto da Aries. Dopo il match Samoa Joe interviene a congratularsi con Aries per poi annunciare che sarà il quinto partecipante dell'Ultimate X match di Bound for Glory. Il 20 ottobre a Bound For Glory, Hardy esce sconfitto dall'Ultimate X match vinto da Chris Sabin.

Il 31 ottobre Dixie Carter annuncia un torneo per la riassegnazione di un nuovo titolo mondiale, in seguito alla decisione di A.J. Styles di non voler più difendere il titolo nella federazione. Jeff Hardy figura tra gli otto partecipanti e al primo turno se la vede con Chris Sabin in un Full Metal Mayhem match che riesce ad aggiudicarsi la settimana successiva, qualificandosi per le semifinale dove trionfa su Roode in un table match. Il 19 dicembre viene sconfitto in finale, nel Dixieland match, da Magnus che si laurea nuovo World Heavyweight Champion. Nella puntata del 26 dicembre Jeff Hardy & Sting vengono sconfitti in un handicap match da Ethan Carter III, Rockstar Spud e i BroMans (Robbie E & Jessie). Al termine del match Hardy comunica a Sting la sua decisione di voler abbandonare la TNA perché stanco dei giochi politici all'interno della federazione, e che sarebbe tornato soltanto se le cose si fossero sistemate (kayfabe).

Willow (2013–2014)[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy nei panni di Willow nell'aprile del 2014

Dopo settimane di promo, Jeff Hardy fa il suo ritorno a Lockdown il 9 marzo 2014 con la gimmick di Willow, partecipando al Lethal Lockdown nel Team MVP e vincendo contro il Team Dixie. Quattro giorni dopo, ad Impact!, Willow viene sconfitto da Rockstar Spud via DQ per aver colpito il suo avversario con un ombrello, assalendo anche l'arbitro con una Willow of Fate (Twist of Fate). Infine esegue uno Splash dalla scala su Rockstar Spud al termine della contesa. Una settimana più tardi interferisce nel match tra Bobby Lashley e Ethan Carter III, aggredendo quest'ultimo e mettendolo in fuga. Il 3 aprile viene sconfitto, in tag con Bully Ray, da Bobby Roode e Ethan Carter III per essere stato distratto da Rockstar Spud e aver lasciato in inferiorità numerica il suo partner. La settimana successiva partecipa al 10-Man Over The Top Rope Gauntlet match, con il palio una shot per il titolo, venendo eliminato grazie ad un'interferenza di Rockstar Spud. Il 17 aprile sconfigge Ethan Carter III e Rockstar Spud in un Handicap match. Dopo la contesa è tratto in salvo da Kurt Angle dall'assalto dei due. Durante l'episodio successivo ricambia il favore ad Angle salvandolo dall'attacco dei soliti Rockstar Spud e Ethan Carter III. Il 27 aprile, a Sacrifice, in coppia con Kurt Angle sconfigge Spud e Carter.

Quattro giorni dopo, a Impact!, sconfigge James Storm via DQ. La settimana successiva sconfigge Magnus via DQ in seguito all'assalto di Bram. Il 15 maggio sconfigge entrambi in un handicap match. Nell'episodio successivo sconfigge Magnus in un Falls Count Anywhere match. Una settimana più tardi sconfigge Bram via DQ dopo essere stato colpito da Magnus con un piede di porco. Il 12 giugno rivela Abyss come suo alleato all'angolo per il suo match a Slammiversary contro Magnus, venendo però sconfitto nel PPV tre giorni dopo. Il 19 giugno viene sconfitto, in coppia con Abyss, dai Wolves in un Three-Way Tag Team match che coinvolgeva anche Austin Aries e Samoa Joe. La settimana successiva Willow e Abyss vengono sconfitti da Magnus e Bram in un Monster's Ball match.

Reunion degli Hardys (2014–2016)[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 luglio Kurt Angle convince Hardy a svestire i panni di Willow temporaneamente per concorrere nella 20-man Battle Royal con in palio una shot al TNA World Heavyweight Championship di Bobby Lashley. Al termine dell'episodio Hardy trionfa eliminando per ultimo Eric Young. La settimana successiva viene però sconfitto da Lashley che conserva dunque la cintura. Il 24 luglio Jeff introduce suo fratello Matt ad Impact, lanciando una sfida ai Wolves per il World Tag Team Championship a Destination X, dove però vengono sconfitti il 31 luglio. Due settimane più tardi gli Hardys vengono sconfitti dal Team 3D. Ad Hard Justice, il 20 agosto, Kurt Angle sancisce un Tag team Title Series tra gli Hardys, il Team 3D e i Wolves a partire dalla settimana successiva. A trionfare nella prima contesa è il Team 3D. Due settimane più tardi gli Hardys si aggiudicano un tables match. Il 17 settembre sono i Wolves ad imporsi in un ladder match portando le series in perfetta parità. Tre settimane più tardi i Wolves sconfiggono ancora una volta gli Hardys e il Team 3D in un Full Metal Mayhem match, quarta e ultima contesa delle Tag Team Title Series, conservando così i World Tag Team Titles. Il 15 ottobre, Kurt Angle annuncia un 4-Way Elimination match tra i quattro wrestler che fino a quel momento avevano sfidato Lashley per il titolo, ovvero Jeff Hardy, Eric Young, Austin Aries e Bobby Roode per decretare il nuovo #1 contender al TNA World Title. A trionfare è Roode, celebrato anche dai suoi avversari.

La settimana successiva gli Hardys sconfiggono Jessie Godderz e DJZ e si qualificano alle semifinali di un Tag Team Tournament sancito per decretare i nuovi #1 contender ai World Tag Team Titles detenuti ora da James Storm e Abyss. Il 29 ottobre gli Hardys sconfiggono EC3 e Tyrus, raggiungendo in finale Samoa Joe e Low Ki e avendo la meglio il 5 novembre. Il 16 gennaio 2015 sconfiggono i Wolves con la Revolution, la nuova stable di James Storm, ad assistere al match sulle balconate. Una settimana più tardi Jeff salva suo fratello Matt dall'assalto della Revolution e sfida Abyss in un Monster's Ball match da cui esce vincitore la settimana successiva. Il 6 febbraio gli Hardys incassano senza successo la title shot per i Tag Team Titles affrontando James Storm e Abyss. Al termine della contesa Jeff Hardy subisce una brutta caduta dalla gabbia, infortunandosi (kayfabe).

Il 27 marzo Jeff ritorna ad Impact! e resiste all'assalto di Manik e Abyss ad inizio episodio, di Khoya nel backstage, e sconfigge James Storm in un Lethal Lockdown match. Due settimane dopo gli Hardys annunciano la loro partecipazione al torneo per la riassegnazione del vacante TNA World Tag Team Championship. Il 17 aprile sconfiggono James Storm e Khoya al primo turno e trionfano in Ultimate X match contro Kenny King e Low Ki, Bram e Ethan Carter III e Bobby Roode e Austin Aries diventando per la prima volta nella loro storia campioni di coppia TNA. La settimana successiva gli Hardys salvano Davey Richards dall'assalto della Revolution. Ad Hardcore Justice, gli Hardys e Davey Richards sconfiggono Khoya, Manik & Abyss in un Tornado Six Man Street Fight match. L'8 maggio Matt Hardy è costretto a rendere ufficialmente vacanti i titoli di coppia da poco conquistati in virtù di un infortunio accorso a Jeff extra-ring mentre praticava motocross.

Dopo essere rientrato in agosto e in seguito alla sconfitta del 2 settembre di suo fratello Matt contro Ethan Carter III, Jeff diventa per stipulazione il nuovo assistente personale di quest'ultimo. Nella puntata di Impact del 23 settembre Jeff disobbedisce a EC3, che minaccia di licenziarlo. A fine serata quando Ethan gli offre un'ultima possibilità, Jeff rifiuta e dà il suo addio alla TNA (kayfabe). La settimana successiva Dixie Carter reintroduce Jeff e lo nomina arbitro speciale per il main event di Bound for Glory. Al PPV Jeff aiuta Matt a conquistare il TNA Heavyweight Championship colpendo EC3.

Varie faide e abbandono (2016–2017)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo mesi di assenza ritorna interrompendo un promo di EC3 dicendo di aver ottenuto il via libera dai medici per tornare a lottare. Chiede una shot al titolo che EC3 rifiuta. Poco dopo sconfigge Shyron. La settimana seguente sconfigge per squalifica Tyrus. La settimana successiva Matt Hardy effettua un turn heel e sconfigge EC3 grazie al tradimento di Tyrus riconquistando il titolo. Jeff non contento del suo cambiamento lo sfida ad un match titolato. L'incontro non inizia perché Bram ed Eric Young attaccano il Charismatic Enigma. A fine show Young colpisce Jeff con una piledriver su un tavolo, (Kayfabe che serve a tenere fuori show Jeff per l'infortunio alla gamba) Jeff ritorna nell'episodio del 15 marzo sconfiggendo Eric Young, ottenendo un posto nel match titolato contro il campione Matt Hardy e Ethan Carter III. Il match termina con un no contest quando Bram, Young, Bennett, Spud e Tyrus attaccano Jeff e EC3. Jeff Hardy viene portato via dai medici dopo aver subito un Piledriver da Young. Al PPV Slammiversary 2016 ha affrontato il fratello (che era tornato in forma di Willow) ottenendo la vittoria.

Secondo ritorno in WWE (2017–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Raw Tag Team Champion e infortunio (2017–2018)[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy (a destra) con Matt Hardy nel maggio del 2017

Jeff Hardy ha fatto il suo ritorno in WWE insieme al fratello Matt il 2 aprile 2017, a WrestleMania 33, inserendosi nel Ladder match per il WWE Raw Tag Team Championship che includeva anche i campioni Luke Gallows e Karl Anderson, Enzo Amore e Big Cass e i The Bar (Cesaro e Sheamus). I fratelli Hardy hanno vinto le cinture di coppia per la settima volta in carriera. La sera dopo, a Raw, hanno difeso con successo i titoli contro Luke Gallows e Karl Anderson. Il 30 aprile, a Payback, gli Hardy Boyz hanno difeso con successo i titoli contro Cesaro e Sheamus, che hanno però attaccato i due fratelli a Match concluso, turnando Heel; in seguito, Cesaro e Sheamus hanno guadagnato il diritto ad un ulteriore Match con Jeff e Matt per Extreme Rules, dove gli Hardy Boyz hanno perso il WWE Raw Tag Team Championship a favore di Cesaro e Sheamus in uno Steel Cage match dopo 63 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 12 giugno gli Hardy Boyz non sono riusciti a riconquistare i titoli contro Cesaro e Sheamus in un 2-out-of-3 Falls match poiché esso è terminato in doppio count-out sul punteggio di 1-1. Il 9 luglio, a Great Balls of Fire, gli Hardy Boyz hanno affrontato Cesaro e Sheamus in un 30-minute Iron Man match per il WWE Raw Tag Team Championship ma sono stati sconfitti per 4-3, fallendo l'assalto alle Cinture. In seguito, Jeff e Matt iniziano una rivalità con i Revival e Luke Gallows e Karl Anderson, faida che verrà poi accantonata a causa di un infortunio patito da un membro dei Revival. Il 20 agosto, nel Kick-off di SummerSlam, gli Hardy Boyz e Jason Jordan sono stati sconfitti da The Miz e dal Miztourage. Nella puntata di Raw del 28 agosto Jeff ha vinto una Battle Royal eliminando per ultimo Jason Jordan, diventando il contendente nº1 all'Intercontinental Championship detenuto da The Miz: il Match, tenutosi la settimana successiva, viene però vinto da Miz, il quale mantiene la Cintura. Miz in seguito riuscirà a difendere la Cintura anche dall'assalto di Matt Hardy, con Jeff che riprova a diventare primo sfidante alla Cintura partecipando ad un Match a 6 insieme a Matt, Elias, Bo Dallas, Curtis Axel e Jason Jordan, ma a vincere l'incontro e il diritto di affrontare The Miz è Jordan. In questo periodo, Jeff si infortuna gravemente ed è costretto ad uno stop di sette mesi.

WWE United States Champion e nuovo infortunio (2018–2020)[modifica | modifica wikitesto]

Jeff torna in pianta stabile nella puntata di Raw del 9 aprile 2018, sconfiggendo, insieme a Finn Bálor e Seth Rollins, The Miz e il Miztourage (Bo Dallas e Curtis Axel). La settimana dopo, sconfigge con successo Jinder Mahal conquistando così lo United States Championship per la prima volta; con questa vittoria, Jeff è diventato il dodicesimo Grand Slam Champion. Il giorno dopo avere vinto il titolo, a causa dello Shake-up, Jeff passa al roster di SmackDown, e con lui anche lo United States Championship; quella stessa sera, Jeff ha sconfitto Shelton Benjamin nel suo primo match a SmackDown dal 2009. Il 27 aprile, a Greatest Royal Rumble, Jeff ha difeso con successo il titolo contro Jinder Mahal. Nella puntata di SmackDown del 1º maggio Jeff Hardy e Randy Orton hanno sconfitto The Miz e Shelton Benjamin. Il 6 maggio, a Backlash, Jeff ha difeso con successo il titolo contro Randy Orton. Nella puntata di SmackDown dell'8 maggio viene sconfitto da The Miz, fallendo nell'opportunità di inserirsi nel Money in the Bank Ladder match. Nella puntata di SmackDown del 22 maggio Jeff è stato sconfitto da Daniel Bryan, fallendo una seconda opportunità per potersi inserire nel Money in the Bank Ladder match e affrontare in seguito Samoa Joe. Nella puntata di SmackDown del 12 giugno Jeff ha sconfitto Shinsuke Nakamura per squalifica in un match non titolato. Nella puntata di SmackDown del 26 giugno Hardy è stato sconfitto da Eric Young per squalifica a causa dell'intervento degli Usos (Jey Uso e Jimmy Uso) ma ha comunque mantenuto il titolo; quella stessa sera, inoltre, Hardy e gli Usos hanno sconfitto i SAnitY (Alexander Wolfe, Eric Young e Killian Dain). Nella puntata di SmackDown del 3 luglio Hardy ha difeso con successo il titolo contro The Miz. Nella puntata di SmackDown del 10 luglio Jeff Hardy e il WWE Champion AJ Styles sono stati sconfitti da Rusev e Shinsuke Nakamura. Il 15 luglio, a Extreme Rules, Jeff ha perso il titolo contro Shinsuke Nakamura, (grazie anche ad un colpo basso di Nakamura non visto dall'arbitro) e terminando il suo regno di 90 giorni. Nella puntata di SmackDown del 17 luglio Hardy ha affrontato Shinsuke Nakamura per lo United States Championship ma lo ha sconfitto solo per squalifica (e senza dunque il cambio di titolo) a causa del brutale attacco di Randy Orton ai danni dello stesso Hardy. Nella puntata di SmackDown del 14 agosto Hardy ha sconfitto Shelton Benjamin. Il 19 agosto, a SummerSlam, Hardy ha affrontato Shinsuke Nakamura per lo United States Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di SmackDown del 21 agosto il match tra Hardy e Randy Orton è terminato in un no-contest; al termine dell'incontro Hardy ha brutalmente attaccato Orton. Il 16 settembre, a Hell in a Cell, Hardy è stato sconfitto da Randy Orton in un brutale Hell in Cell match. Dopo quasi un mese Hardy ha fatto il suo ritorno nella puntata di SmackDown del 9 ottobre, dove ha sconfitto Samoa Joe per KO tecnico qualificandosi così al torneo WWE World Cup di Crown Jewel. Nella puntata di SmackDown del 23 ottobre Hardy ha sconfitto Randy Orton. Nella puntata di SmackDown del 30 ottobre Hardy e Rey Mysterio hanno sconfitto The Miz e Randy Orton. Il 2 novembre, a Crown Jewel, Jeff Hardy è stato sconfitto da The Miz nei quarti di finale del torneo WWE World Cup. Nella puntata di SmackDown del 6 novembre Hardy è stato sconfitto da Samoa Joe. Nella puntata di SmackDown del 13 novembre Hardy ha sconfitto Andrade "Cien" Almas. Il 18 novembre, a Survivor Series, Hardy ha preso parte al 5-on-5 Traditional Survivor Series Elimination match contro il Team Raw ma è stato eliminato da Braun Strowman. Nella puntata di SmackDown del 4 dicembre Hardy è stato sconfitto da Randy Orton a causa della distrazione di Samoa Joe. Nella puntata di SmackDown dell'11 dicembre Hardy e Rusev hanno sconfitto Samoa Joe e lo United States Champion Shinsuke Nakamura. Nella puntata di SmackDown del 25 dicembre Hardy è stato sconfitto da Samoa Joe per squalifica.

Nella puntata di SmackDown del 1º gennaio 2019 Hardy è stato sconfitto da Samoa Joe. Il 27 gennaio, alla Royal Rumble, Jeff ha partecipato al match omonimo entrando col numero 24 ma è stato eliminato da Drew McIntyre. Nella puntata di SmackDown del 5 febbraio Hardy ha sconfitto il WWE Champion Daniel Bryan per squalifica in un match non titolato a causa dell'attacco di Samoa Joe ai suoi danni. Il 17 febbraio, ad Elimination Chamber, Jeff ha partecipato all'match omonimo per il WWE Championship che comprendeva anche il campione Daniel Bryan, AJ Styles, Kofi Kingston, Randy Orton e Samoa Joe ma è stato eliminato da Bryan. Nella puntata di SmackDown del 26 febbraio Jeff e il rientrante fratello Matt hanno riformato gli Hardy Boyz e, insieme, hanno sconfitto i The Bar (Cesaro e Sheamus). Nella puntata di SmackDown del 12 marzo il match fra gli Hardy Boyz, Aleister Black e Ricochet e i The Bar, Rusev e Shinsuke Nakamura è terminato in no-contest. Il 7 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 35, Jeff ha partecipato all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal ma è stato eliminato da Braun Strowman (stessa cosa accaduta a suo fratello Matt). Nella puntata di SmackDown del 9 aprile gli Hardy Boyz hanno sconfitto gli Usos (Jey Uso e Jimmy Uso) conquistando lo SmackDown Tag Team Championship per la prima volta. Nella puntata di SmackDown del 30 aprile, tuttavia, gli Hardy Boyz hanno dovuto rendere vacanti i titoli dopo 21 giorni a causa di un infortunio al ginocchio di Jeff, che lo ha costretto ad uno stop durato quasi un anno.

Intercontinental Champion e varie faide (2020–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 marzo è stato annunciato che Jeff Hardy sarebbe tornato nella puntata di SmackDown del 13 marzo 2020, segnando il suo ritorno alla competizione singola. Nella puntata già menzionata, infatti, Hardy è tornato in azione sconfiggendo King Corbin. Jeff è poi tornato nella puntata di SmackDown dell'8 maggio dove ha avuto un confronto con Sheamus, colpendolo con la Twist of Fate e poi con la Swanton bomb. Il 10 maggio, nel Kick-off di Money in the Bank, Hardy ha sconfitto Cesaro. Nella puntata di SmackDown del 22 maggio Hardy ha sconfitto Sheamus nei quarti di finale del torneo per la riassegnazione dell'Intercontinental Championship. Nella puntata di SmackDown del 29 maggio Hardy è stato estromesso dal torneo dopo aver apparentemente investito l'altro semifinalista, Elias, venendo dunque arrestato (kayfabe); Hardy, tuttavia, è apparso comunque nell'arena costando la semifinale a Sheamus (che aveva preso il suo posto dopo aver vinto una 10-man Battle Royal) nel suo match contro Daniel Bryan. Il 14 giugno, a Backlash, Hardy è stato sconfitto da Sheamus. Nella puntata di SmackDown del 26 giugno Hardy ha sconfitto King Corbin. Nella puntata di SmackDown del 10 luglio Hardy ha sconfitto The Miz nonostante la distrazione di Sheamus. Nella puntata di SmackDown del 24 luglio Hardy ha sconfitto Sheamus in un Bar Fight. Nella puntata di SmackDown del 7 agosto Hardy ha sconfitto King Corbin per squalifica a causa dell'intervento di Sheamus. Nella puntata di SmackDown del 21 agosto Hardy ha sconfitto AJ Styles conquistando così l'Intercontinental Championship per la quinta volta. Nella puntata di SmackDown del 28 agosto Hardy ha difeso con successo il titolo in una Open challenge contro Shinsuke Nakamura. Nella puntata di SmackDown dell'11 settembre Hardy ha affrontato AJ Styles per difendere l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto per squalifica (senza dunque il cambio di titolo) a causa dell'intervento di Sami Zayn ai danni di Styles. Nella puntata di SmackDown del 25 settembre Hardy è stato sconfitto da Sami Zayn in un Triple Threat match non titolato che comprendeva anche AJ Styles. Il 27 settembre, a Clash of Champions, Hardy ha perso il titolo contro Sami Zayn in un Triple Threat Ladder match che comprendeva anche AJ Styles dopo 37 giorni di regno. Nella puntata di SmackDown del 2 ottobre Hardy ha affrontato Sami Zayn per l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di SmackDown del 9 ottobre Jeff e Matt Riddle hanno sconfitto John Morrison e The Miz.

Nella puntata di Raw del 12 ottobre Hardy è passato in tale roster per effetto del Draft; quella stessa sera, Hardy ha partecipato ad un Triple Threat match che comprendeva anche AJ Styles e Seth Rollins ma il match è stato vinto dal primo dopo che Elias ha brutalmente attaccato Hardy con una chitarra. Nella puntata di SmackDown del 16 ottobre Hardy è apparso nello show per affrontare Lars Sullivan ma è stato sconfitto. Il 25 ottobre, a Hell in a Cell, Jeff è stato sconfitto da Elias per squalifica dopo averlo colpito con una chitarra. Nella puntata di Raw del 26 ottobre Hardy è stato sconfitto da AJ Styles in un match di qualificazione per il Team Raw per Survivor Series. Nella puntata di Raw del 2 novembre Hardy ha sconfitto Elias in un Guitar on a Pole match. Nella puntata di Raw del 9 novembre Hardy ha affrontato Elias e Riddle in un Triple Threat match di qualificazione per il Team Raw per Survivor Series ma il match è stato vinto da Riddle. Il 22 novembre, nel Kick-off di Survivor Series, Hardy ha partecipato ad una Battle Royal tra Raw e SmackDown ma è stato eliminato da Chad Gable (appartente al roster di SmackDown). Nella puntata di Main Event del 26 novembre Hardy è stato sconfitto da Ricochet. Nella puntata di Raw del 30 novembre Hardy ha sconfitto Elias in un Symphony of Destruction match. Nella puntata di Raw del 7 dicembre Hardy è stato sconfitto dallo United States Champion Bobby Lashley in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 14 dicembre Hardy e il New Day (Kofi Kingston e Xavier Woods) sono stati sconfitti dall'Hurt Business (Bobby Lashley, Cedric Alexander e Shelton Benjamin). Nella puntata di Raw del 21 dicembre Hardy e Riddle sono stati sconfitti da Bobby Lashley e MVP. Nella puntata di Raw del 28 dicembre Hardy, Riddle e Kofi Kingston e Xavier Woods del New Day sono stati sconfitti dall'Hurt Business. Nella puntata di Raw del 4 gennaio 2021 Hardy è stato sconfitto da Randy Orton. Nella puntata di Raw dell'11 gennaio Hardy è stato sconfitto da Jaxson Ryker a causa della distrazione di Elias; poco dopo, Hardy ha sconfitto nuovamente Elias. Nella puntata di Raw del 18 gennaio Hardy ha sconfitto Jaxson Ryker per squalifica a causa dell'intervento di Elias. Il 31 gennaio, alla Royal Rumble, Hardy partecipò all'omonimo incontro entrando col numero 5 ma venne eliminato da Dolph Ziggler. Nella puntata di Raw del 1º febbraio Hardy e Carlito sconfissero Elias e Jaxson Ryker. Nella puntata di Raw dell'8 febbraio Hardy venne sconfitto da AJ Styles. Nella puntata di Raw del 15 febbraio Hardy partecipò ad un Gauntlet match per determinare l'ultimo entrante nell'Elimination Chamber match ma venne eliminato dal WWE Champion Drew McIntyre. Il 21 febbraio, a Elimination Chamber, Hardy partecipò all'Elimination Chamber match per il WWE Championship che comprendeva anche il campione Drew McIntyre, AJ Styles, Kofi Kingston, Randy Orton e Sheamus ma venne eliminato da McIntyre.[18] Nella puntata di Raw del 22 febbraio Hardy viene sconfitto da Sheamus.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy mentre firma autografi

Jeff insieme a suo fratello Matt e al suo amico Shannon Moore conduce il "The Hardy Show": finora sono state registrate 11 stagioni, in cui vediamo la vita privata dei fratelli Hardy e dei loro amici, che si intreccia con la carriera in WWE e TNA.

Assieme a Matt è apparso il 7 febbraio 1999 in un episodio di That '70s Show dal titolo "That Wrestling Show" nella parte di un lottatore non accreditato. Matt Hardy è anche apparso su Il duro più duro all'inizio del 2001, parlando e combattendo con i concorrenti. È apparso il 25 febbraio 2002 episodio di Fear Factor per competere contro altri cinque lottatori della World Wrestling Federation, venendo eliminato al primo round.

Nel 2001 Jeff, Matt e Lita sono apparsi sulla rivista Rolling Stone nel "2001 Sports Hall of Fame issue". Nel 2003 i due fratelli, con l'aiuto di Michael Krugman, hanno scritto e pubblicato la loro autobiografia "The Hardy Boyz: Exist 2 Inspire".

Come parte della WWE, Hardy è apparso in molti dei loro DVD, tra cui The Hardy Boyz: Leap of Faith (2001) e The Ladder Match (2007). È anche presente nella Total Nonstop Action Wrestling Enigma in The Best of Jeff Hardy (2005) e in Pro Wrestling Insider Ultimate: Hardy Boys - from the backyard to Big Time (2005). In data 29 aprile 2008, la WWE pubblicato "Twist of Fate: The Matt and Jeff Hardy Story": il DVD mostra caratteristiche dei fratelli nell'OMEGA e in WWE e accenna brevemente alla prima esecuzione di Hardy con la TNA. Nel dicembre 2009, la WWE ha pubblicato un altro DVD su Hardy dal titolo "Jeff Hardy: My life, My rules".

Ha diversi tatuaggi, da lui definiti "impulsi artistici", tra cui delle radici che partono da dietro l'orecchio e terminano sulla sua mano, un drago dedicato al padre (il suo primo tatuaggio risalente al 1998), dei simboli cinesi significanti "pace" e "salute", diverse fiamme e un'onda.

Hardy è un grande amico di Shannon Moore, che ha conosciuto nel 1987, e di altri wrestler tra cui Marty Garner, Jason Arhndt, John Morrison, il defunto Umaga, Gregory Helms, Christian, R-Truth, John Cena, Triple H, Shawn Michaels e molti altri. Egli considera Vanilla Ice come una grande ispirazione e fu anche soprannominato "Ice" da Scott Hall.

Ha incontrato la sua fidanzata Beth Britt nel 1999, poco dopo che gli Hardy Boyz avevano vinto il WWF Tag Team championship per la prima volta: assieme al fratello era andato in un club a Southern Pines, North Carolina, e lì l'ha conosciuta.

Il 15 marzo 2008 è stato riferito che la casa Hardy era stata rasa al suolo da un incendio; fortunatamente non si trovava in casa al momento, ma il suo cane, Jack, è rimasto ucciso tra le fiamme. Si ritiene che l'incendio sia partito da un cablaggio elettrico difettoso.

Nell'ottobre dello stesso anni Jeff ha annunciato che stava costruendo una nuova casa nella stessa zona, e che avrebbe dovuto essere completata entro l'inizio del 2009.

Nel 2009 pubblicò un video in cui insultò pesantemente CM Punk, dopo che quest'ultimo lo aveva offeso sulle sue due sospensioni avute in WWE.

Nell'agosto del 2010 la sua fidanzata è rimasta incinta del primo figlio della coppia; la bambina è nata il 28 ottobre 2010 e Jeff e Beth si sono sposati il 9 marzo 2011.

Lati artistici[modifica | modifica wikitesto]

Hardy ha un insieme eclettico di interessi al di fuori del wrestling. Egli chiama il suo lato artistico "The Imag-I-Nation". Una volta Hardy ha costruito una statua di alluminio di 30 piedi (9,1 m) di nome "Neroameee", fatta interamente di carta stagnola e posta al di fuori del suo studio di registrazione (un rimorchio verniciato con lo spray). In un'altra occasione ha creato un vulcano artificiale nel suo cortile, che poi saltò col suo dirtbike motocross. Ancora in un'altra occasione, Hardy ha creato una riproduzione in grande scala del taunt con mano del fratello Matt, il "V1", che è stato fatto vedere in "The Hardy Show". Hardy è anche un artista e poeta.

In più Hardy ha anche imparato a suonare la chitarra da autodidatta e in seguito ha comprato un kit di batteria. Nel 2003 Hardy ha formato una band, i Peroxwhy? Gen, con i membri della band Burnside 6, e il wrestler Shannon Moore. Ha anche convertito un rimorchio in uno studio di registrazione in cui la band ha registrato due canzoni, una canzone era "September Day", scritta in risposta agli attacchi dell'11 settembre 2001. I Peroxwhy? gen si divisero nel 2004 poco dopo la registrazione della seconda canzone, "Modest", successivamente utilizzata da Hardy come musica d'ingresso nella Total Nonstop Action Wrestling. Attualmente Peroxwhy?gen ha solo tre membri: Hardy, Shannon Moore e JR Merrill.

Personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy mentre esegue la Swanton Bomb su Chris Jericho
Jeff Hardy mentre esegue la Twist of Fate su Ken Anderson

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "The Anti-Christ of Professional Wrestling"
  • "The Artist"
  • "The Charismatic Enigma"
  • "The Daredevil"
  • "The Nefarious Brother Nero"
  • "The Rainbow-Haired Warrior"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • World Wrestling Federation/Entertainment
    • Loaded di Zack Tempest (1998–2003, 2006–2008; 2017–presente)
    • No More Words degli Endeverafter (2008–2009)
  • Total Nonstop Action Wrestling
    • Modest dei Peroxwhy?gen (2004–2006)
    • Another Me di Dale Oliver (2010–2011)
    • Resurrected di Dale Oliver (2011–2012)
    • Similar Creatures di Dale Oliver (2012–2013)
    • Time & Fate di Dale Oliver (2013–2014; 2015–2017)
    • Willow's Way di Dale Oliver (2014–2015)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hardy con il WWE Championship, titolo che ha detenuto una volta
Jeff Hardy con l'Intercontinental Championship, titolo che ha detenuto cinque volte
Jeff Jardy con il Raw Tag Team Championship, titolo che ha detenuto una volta (con Matt Hardy)
Jeff Hardy (a sinistra) con il World Tag Team Championship, titolo che ha detenuto sei volte con Matt Hardy (a destra)
  • All Star Wrestling
  • The Crash
    • The Crash Tag Team Championship (1) – con Matt Hardy
  • House of Glory
    • HOG Tag Team Championship (1) – con Matt Hardy
  • MCW Pro-Wrestling
    • MCW Tag Team Championship (1) – con Matt Hardy
  • National Championship Wrestling
    • NCW Light Heavyweight Championship (4)
  • New Dimension Wrestling
    • NDW Light Heavyweight Championship (1)
    • NDW Light Tag Team Championship (1) – con Matt Hardy
  • New Frontier Wrestling Association
    • NFWA Heavyweight Championship (1)
  • North East Wrestling
    • NEW Junior Heavyweight Championship (1)
  • OMEGA Championship Wrestling
    • OMEGA Heavyweight Championship (1)
    • OMEGA New Frontiers Championship (1)
    • OMEGA Tag Team Championship (2) – con Matt Hardy
    • 1° OMEGA Triple Crown Champion
  • Pro Wrestling Illustrated
    • Tag Team of the Year (2000) con Matt Hardy
    • Match of the Year (2000) vs. The Dudley Boyz ed Edge e Christian
    • Match of the Year (2001) vs. The Dudley Boyz ed Edge e Christian
    • Comeback of the Year (2007, 2017)
    • Most Popular Wrestler of the Year (2008, 2009)
    • tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2013)
  • Wrestling Superstar
    • Wrestling Superstar Tag Team Championship (1) – con Matt Hardy

1 Durante i suoi primi cinque regni, il titolo era noto con il nome di WWF Tag Team Championship.
2 Durante il suo primo regno, il titolo era noto con il nome di WWF Intercontinental Championship.
3 Durante il suo terzo regno, il titolo era noto con il nome di WWE Hardcore Championship.

Risultati nella Lucha de Apuestas[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Terminologia del wrestling § Lucha de Apuestas.

Record: 0-2

Vincitore (posta in palio) Sconfitto (posta in palio) Località Evento Data Note
CM Punk (titolo) Jeff Hardy (contratto) Stati Uniti Phoenix SmackDown 25 agosto 2009 In uno Steel Cage match
Matt Hardy (cognome) Jeff Hardy (cognome) Stati Uniti Cameron Impact 5 luglio 2016

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Similar Creatures (2012)
  • Plurality of Worlds (2013)
  • Within the Cygnus Rift (2015)
  • Spawn of Me (2016)
  • Precession of the Equinoxes (2017)
  • Individuals (2019)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Jeff Hardy Bio, WWE.
  2. ^ (EN) Jim Varsallone, Flying to the top: the Hardy Boyz used hard work, dedication, and passion to become a premier WWF tag team, su findarticles.com, Wrestling Digest. URL consultato il 26 novembre 2016.
  3. ^ (EN) Raw is War results - July 5, 1999, su cagematch.net, Cagematch, 5 luglio 1999. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  4. ^ (EN) Fully Loaded 1999 Results, su cagematch.net, Cagematch, 25 luglio 1999. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  5. ^ (EN) No Mercy 1999 Results, su cagematch.net, Cagematch, 17 ottobre 1999. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  6. ^ (EN) SummerSlam 2000, su wwe.com, WWE, 27 agosto 2008. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2007).
  7. ^ (EN) Wrestlemanis X-Seven Results, su wwe.com, WWE, 1º aprile 2001. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2007).
  8. ^ (EN) History of the Intercontinental Championship, su wwe.com, WWE. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  9. ^ (EN) Greg Oliver, Jeff Hardy: Slowing down at 23, su canoe.ca, Slam! Sports. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  10. ^ (EN) History of the Light Heavyweight Championship, su wwe.com, WWE. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  11. ^ (EN) History of the Hardcore Championship, su wwe.com, WWE. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  12. ^ (EN) Jeff Hardy vs. Rob Van Dam – Ladder Match for the Hardcore Championship, su wwe.com, WWE, 19 agosto 2001. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  13. ^ (EN) WWE Raw Results – December 3, 2001, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 3 dicembre 2001. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  14. ^ (EN) WWE Raw Results – December 10, 2001, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 10 dicembre 2001. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  15. ^ (EN) WWE Raw Results – December 17, 2001, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 17 dicembre 2001. URL consultato il 5 dicembre 2016.
  16. ^ Biografia di Jeff Hardy - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling
  17. ^ (EN) Jeff Hardy suspended for 60 days, WWE.com, 11 marzo 2008. URL consultato l'11 marzo 2008.
  18. ^ Jordan Garretson, WWE Champion Drew McIntyre won the WWE Title Elimination Chamber Match, su WWE.com. URL consultato il 21 febbraio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1837329 · ISNI (EN0000 0000 4514 739X · Europeana agent/base/149959 · LCCN (ENn2002118334 · NDL (ENJA00945024 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002118334