WWE Championship

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'attuale campione Kofi Kingston al suo primo regno

Il WWE Championship è un titolo mondiale di wrestling di proprietà della WWE, esclusivo del roster di SmackDown Live, e al 23 agosto 2019 è detenuto da Kofi Kingston, che è al suo primo regno come campione.

Insieme all'Universal Championship, creato esclusivamente per il roster Raw, è uno dei due titoli del mondo riconosciuti dalla WWE, nonché il primo titolo di sempre istituito nella World Wide Wrestling Federation (WWWF), essendo stato introdotto nell'aprile 1963 con il nome di WWWF World Heavyweight Championship dopo che la WWWF si separò dalla National Wrestling Alliance (NWA). Tuttavia l'allora WWWF tornò nel circuito territoriale della NWA nel 1971 (perdendo di fatto lo stato di titolo del mondo) e vi rimase fino al 1983. Il WWE Championship viene considerato uno dei titoli più prestigiosi e importanti del wrestling tuttora attivi.

Il titolo principale della WWE, che nel 1979 divenne nota per ragioni estetiche come World Wrestling Federation (WWF), ha subito numerosi cambi di nome sia a causa dei cambi di nome della federazione sia a causa di diverse unificazioni con altri titoli. La prima unificazione avvenne nel dicembre 2001 con il World Championship (precedentemente noto come WCW Championship) a seguito dell'acquisto da parte della WWF della rivale World Championship Wrestling (WCW) e divenne noto come l'Undisputed WWF Championship mentre la seconda fu nel dicembre 2013 con il World Heavyweight Championship (istituito nel settembre 2002 proprio come diretto discendente del WCW World Heavyweight Championship, ma con un proprio albo d'oro a parte), con il titolo noto fino al giugno 2016 come WWE World Heavyweight Championship.

Nel maggio 2002 la WWF fu ribattezzata World Wrestling Entertainment (con il titolo che fu rinominato prima Undisputed WWE Championship e poi come WWE Undisputed Championship) e divise il parco atleti in due franchigie, Raw e SmackDown (brand extension). Il titolo fu assegnato a SmackDown! mentre a Raw venne istituito il World Heavyweight Championship, pertanto il WWE Undisputed Championship fu nuovamente rinominato WWE Championship. Dalla puntata di Raw del 27 giugno 2016 il titolo tornò a essere chiamato WWE Championship in virtù della seconda separazione delle franchigie avvenuta 19 luglio dello stesso anno. Con l'introduzione a Raw del WWE Universal Championship la settimana successiva fu nuovamente rinominato, questa volta in WWE World Championship. Il 10 dicembre 2016 il titolo venne nuovamente rinominato WWE Championship.

Essendo il titolo più antico istituito dalla federazione ed essendo stato spesso difeso nell'incontro principale degli eventi a pagamento della WWE, inclusa WrestleMania (l'evento più importante della WWE), è presentato come il titolo più prestigioso della WWE stessa. Tuttavia tra il 2002 e il 2013 il titolo fu uno dei due titoli mondiali della WWE insieme al World Heavyweight Championship e uno dei tre dal 2006 al 2010 insieme all'ECW Championship (inizialmente introdotto nel luglio 2006 come ECW World Heavyweight Championship, poi dall'agosto 2006 fino all'agosto 2007 noto come ECW World Championship). In seguito al ritiro dell'ECW Championship e all'unificazione con il World Heavyweight Championship divenne nuovamente l'unico titolo mondiale della WWE e pertanto il più importante fino all'introduzione di un altro titolo mondiale (l'Universal Championship) nell'agosto 2016 a SummerSlam.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Un diagramma che mostra l'evoluzione di diversi titoli mondiali di wrestling, incluso il WWE Championship

Il titolo venne introdotto nel 1963 con il nome di WWWF World Heavyweight Championship e il primo campione fu Buddy Rogers, che conquistò il titolo il 25 aprile di quello stesso anno. Tuttavia l'origine del titolo è da attribuire alla National Wrestling Alliance (NWA), che aveva diverse federazioni in un cosiddetto circuito territoriale. Negli anni cinquanta la Capitol Wrestling Corporation (CWC) era membro della NWA e a partire dal 1963 i dirigenti della CWC avevano un certo potere sulla NWA, il cui detentore dell'NWA World Heavyweight Championship era proprio Buddy Rogers, che mantenne il titolo fino al 24 gennaio seguente, quando Lou Thesz lo sconfisse in un incontro singolo valido per il titolo con una sola caduta (one fall match). Tuttavia la CWC disputò tale cambio di titolo affermando che secondo le regole NWA esso avrebbe dovuto essere difeso in un tradizionale incontro al meglio delle tre cadute (two out of three falls match) e decise pertanto di staccarsi dalla NWA per formare la World Wide Wrestling Federation. Nell'aprile 1963 fu creato il WWWF World Heavyweight Championship e venne consegnato a Buddy Rogers con la spiegazione che avesse vinto un torneo (in realtà mai disputatosi) in Brasile a Rio de Janeiro, sconfiggendo in finale Antonino Rocca.[1]

Il due volte campione Pedro Morales con la versione del WWWF Heavyweight Championship

Nel 1971 la WWWF fece il suo ritorno nel circuito a territori della NWA, perdendo di fatto lo stato di titolo mondiale e il diritto di inserire la parola «World» nel nome completo del titolo, che divenne così noto come WWWF Heavyweight Championship. Quando la WWWF divenne nota come World Wrestling Federation nel 1979, il titolo cambiò a sua volta nome in WWF Heavyweight Championship, ma dopo aver cessato definitivamente qualsiasi relazione con la NWA e aver riguadagnato la possibilità di gestire i propri titoli nella maniera ritenuta più opportuna il titolo tornò a essere considerato mondiale e venne rinominato WWF World Heavyweight Championship. Dalla primavera del 1989 venne rinominato in WWF Championship anche se il nome completo del titolo continuò ad apparire sulla cintura che rappresentava il titolo fino al marzo 1998, quando una nuova cintura (la Big Eagle) venne istituita e presentata da Vince McMahon all'allora campione Stone Cold Steve Austin.

Nel 1991 la World Championship Wrestling (WCW), una delle tante federazioni della NWA, istituì il WCW World Heavyweight Championship per rimpiazzare l'NWA World Heavyweight Championship. Nel 1993 anche la WCW si staccò dalla NWA e crebbe fino a diventare una seria rivale della WWF, tanto che entrambe acquisirono una certa popolarità nella società di massa quando nella metà degli anni novanta iniziarono la guerra del lunedì sera (Monday Night War). Verso la fine della guerra d'ascolti la WCW iniziò un declino finanziario che culminò nel marzo 2001, quando la WWF la acquistò.[2] La WWF acquisì inoltre la video libreria della WCW, così come diversi atleti sotto contratto con la WCW e i titoli sanzionati. La sfilza di atleti della WCW che si unirono alla WWF portò alla creazione di un'invasione (kayfabe), la quale eliminò definitivamente il marchio WCW quando il Team WWF ottenne la vittoria definitiva nel tradizionale incontro a eliminazione.

Unificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il cambiamento più significativo nella storia del titolo avvenne nel 2001, quando dopo che il Team WWF sconfisse il Team Alliance (WCW/ECW) alle Survivor Series nel novembre di quello stesso anno gli atleti dell'Alliance sarebbero essenzialmente diventati parte dei programmi televisivi della WWF, che all'epoca aveva due campioni del mondo, con The Rock che deteneva il World Championship (il WCW World Heavyweight Championship, acquisito e introdotto dalla WWF, che lo rinominò WCW Championship prima di passare all'ultima definizione)[3] e Stone Cold Steve Austin che deteneva il WWF Championship.[4]

I due titoli mondiali furono unificati nel mese di dicembre a Vengeance, dove Kurt Angle sfidò senza successo Austin per il WWF Championship mentre Chris Jericho sconfisse The Rock per conquistare il World Championship. Jericho affrontò immediatamente Austin e lo sconfisse per unificare entrambi titoli e venire riconosciuto come il campione indiscusso della WWF. Jericho mantenne il titolo (rinominato Undisputed WWF Championship dopo l'unificazione) per quattro mesi prima di perderlo contro Triple H nel marzo 2002 a WrestleMania X8. Jericho usò entrambe le cinture, con una che rappresentava il World Championship (la Big Gold Belt) e l'altra il WWF Championship mentre a Triple H dopo aver vinto il titolo fu introdotta un'unica cintura nell'aprile 2002.

Dispute e divisione in franchigie[modifica | modifica wikitesto]

Eddie Guerrero durante il suo regno da campione WWE con la versione della cintura utilizzata per rappresentare il titolo dal 2002 al 2005

Sempre nell'aprile 2002 Triple H perse il titolo contro Hollywood Hulk Hogan a Backlash. Il 6 maggio 2002 la World Wrestling Federation cambiò nome diventando la World Wrestling Entertainment (da cui l'acronimo WWE) e anche in questo frangente si verificò un cambio nel nome del titolo, che divenne l'Undisputed WWE Championship, ma ciò durò solo poche settimane in quanto a partire dal 19 maggio 2002, data in cui si svolse Judgment Day, che fu il primo evento a pagamento con il nome WWE, la cui sigla fu spostata all'inizio del nome del titolo, trasformandolo quindi in WWE Undisputed Championship.[5] Il titolo continuò a essere indiscusso fino alla divisione del parco atleti (brand extension) che ha visto la federazione dividersi in due franchigie, aventi lo stesso nome di Raw e SmackDown! (i due principali programmi televisivi televisivi della WWE), con i propri titoli e la figura autoritaria del direttore generale (general manager) per ogni franchigia. I direttori generali scelsero i propri atleti per le rispettivi franchigie (kayfabe) durante la selezione degli atleti (draft).

Colui che deteneva il WWE Undisputed Championship poteva apparire ed essere sfidato per il titolo da qualsiasi atleta sia che appartenessero a Raw sia a SmackDown. Ciò rimase tale fino all'agosto 2002, quando l'allora campione Brock Lesnar, appartenente a SmackDown, fu convinto da Stephanie McMahon (l'allora direttore operativo della franchigia) a firmare un contratto esclusivo con SmackDown (kayfabe) e rifiutò pertanto di difendere il titolo contro gli atleti di Raw.[6][7] Nella puntata di Raw del 2 settembre 2002 Eric Bischoff, l'allora direttore operativo di Raw, decise perciò di introdurre un nuovo titolo del mondo, il World Heavyweight Championship, determinando di fatto la divisione del titolo indiscusso, che divenne semplicemente noto con il nome di WWE Championship. Bischoff disputò lo stato di Lesnar come campione affermando che poiché Lesnar si era rifiutato di affrontare il suo primo sfidante da Raw ed essendo il WWE Championship divenuto esclusivo di SmackDown, Raw aveva bisogno di un titolo del mondo esclusivo (sancendo di fatto la fine di quello indiscusso), che venne rappresentato dalla Big Gold Belt e che assegnò d'ufficio a Triple H in quanto fu all'epoca l'ultimo atleta ad aver detenuto la Big Gold Belt (dopo aver vinto l'Undisputed WWF Championship il 17 marzo 2002 a WrestleMania X8) ed era il contendente numero uno al titolo indiscusso detenuto da Lesnar dopo aver sconfitto The Undertaker nella puntata di Raw della settimana prima per determinare il prossimo sfidante di Lesnar per il titolo.[8]

Il due volte campione CM Punk con l'allora WWE Championship nella versione rotante della cintura utilizzata per rappresentare il titolo dal 2005 al 2013

Sebbene inizialmente il WWE Championship (SmackDown) e il World Heavyweight Championship (Raw) erano stati creati esclusivamente per la propria franchigia e venivano difesi solo nei propri programmi televisivi ed eventi a pagamento,[9] a causa dell'annuale scelta degli atleti da parte dei direttori operativi (kayfabe) sono passati da una franchigia all'altro fino a quando la WWE tornò a instaurare un unico parco atleti nell'agosto 2011. Ciò avvenne per la prima volta durante la selezioni degli atleti del 2005, quando John Cena e Batista passarono a Raw (Cena) e a SmackDown (Batista) con i rispettivi titoli e da allora il WWE Championship divenne il titolo principale di Raw e il World Heavyweight Championship quello di SmackDown.[10] L'11 giugno 2006 a One Night Stand, evento a pagamento della rinata Extreme Championship Wrestling (ECW), Rob Van Dam vinse il WWE Championship contro l'allora campione John Cena (come annunciato prima dell'evento da Paul Heyman, se Van Dam avesse conquistato il titolo gli sarebbe stato assegnato per premio anche l'ECW World Heavyweight Championship, diventando l'unico atleta ad aver detenuto l'ECW World Heavyweight Championship e il WWE Championship contemporaneamente), che era nel bel mezzo di una faida con Edge, il quale vinse un incontro a tre per il titolo e riportò il WWE Championship a Raw.

Durante la selezioni degli atleti del 2008 Triple H passò a SmackDown, portando con sé il WWE Championship e rendendolo un'esclusiva di SmackDown per la prima volta dal 2005. Nel corso della selezione degli atleti del 2009 Triple H tornò invece a Raw insieme al WWE Championship, che sarebbe rimasto a Raw anche nei successivi due anni.[11] Nel luglio 2011 il WWE Championship detenuto allora da John Cena fu inserito nella rivalità tra CM Punk e Vince McMahon in cui Punk era in scadenza di contratto, ma non aveva intenzione di rinnovarlo e quindi McMahon non voleva che esso diventasse campione e lasciasse la WWE con il titolo. Grazie anche alle insistenze di Cena, il quale disse a McMahon che Punk meritava l'incontro titolato, esso si svolse il 17 luglio 2011 a Money in the Bank. Verso la fine dell'incontro McMahon e John Laurinaitis volevano riproporre la fregatura di Montréal, ma ciò nonostante Punk vinse e lascio l'arena e la WWE con il titolo come campione senza contratto. La notte successiva a Raw McMahon annunciò un torneo per indire un nuovo campione. Rey Mysterio vinse il torneo, ma più tardi nella stessa sera perse il titolo contro l'ex campione John Cena e subito dopo Punk fece il suo ritorno nella WWE ed entrambi furono dichiarati campioni dall'allora direttore operativo (chief operating officer) Triple H, che annunciò un incontro valido per il titolo per decretare il campione indiscusso il 14 agosto seguente a SummerSlam.[12] CM Punk divenne il campione indiscusso, ma fu attaccato al termine della contesa da Kevin Nash e ciò permise ad Alberto Del Rio di incassare la valigetta del Money in the Bank per vincere il titolo.[13] Nell'agosto 2011 la WWE pose ufficialmente fine alla divisione in franchigie e tornò al parco atleti unico unico quando Raw assunse lo stato di SuperShow e il titolo fu difeso sia a Raw sia a SmackDown.

Riunificazione e ritorno della divisione in franchigie[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine della divisione in franchigie nell'agosto 2011 sia il detentore del WWE Championship sia il detentore del World Heavyweight Championship potevano presenziare a Raw e SmackDown senza distinzione, ma nel novembre 2013 John Cena (l'allora detentore del World Heavyweight Championship e volto ufficiale della WWE sin dal 2005) sfidò Randy Orton (l'allora detentore del WWE Championship e il prescelto come volto della WWE dall'Authority, come parte della storia) a un incontro di unificazione per determinare l'indiscusso campione del mondo della WWE (la WWE parlò infatti di «Champion of Champions», ossia di campione dei campioni). I due si sono affrontati il 15 dicembre seguente a TLC: Tables, Ladders & Chairs in un incontro con tavoli, scale e sedie vinto da Orton e il World Heavyweight Championship venne pertanto ritirato mentre il WWE Championship mantenne il proprio lignaggio e albo d'oro, venendo inoltre rinominato WWE World Heavyweight Championship.[8][14]

Coloro che detennero il titolo da quella data continuarono comunque a esibire entrambe le cinture almeno fino alla puntata di Raw del 18 agosto 2014, quando Triple H presentò a Brock Lesnar (che conquistò il titolo contro John Cena il giorno prima a SummerSlam) una nuova e unica cintura, mantenuto il nome di WWE World Heavyweight Championship sino al 26 giugno 2016. Durante la puntata di Raw del 27 giugno 2016 il titolo tornò a essere chiamato WWE Championship in virtù della seconda separazione del parco atleti in franchigie avvenuta il 19 luglio dello stesso anno che rese il titolo un'esclusiva di SmackDown quando il campione Dean Ambrose fu scelto come prima scelta assoluta di SmackDown durante la selezione degli atleti del 2016. Con l'annuncio dell'istituzione del WWE Universal Championship (esclusivo di Raw) durante la puntata Raw del 25 luglio 2016, il giorno seguente il WWE Championship venne rinominato in WWE World Championship, ma il 10 dicembre 2016 il titolo tornò ad avere la nomea di WWE Championship.

Durante la puntata di SmackDown Live svoltasi il 7 novembre 2017 a Manchester il WWE Championship cambiò di possessore per la prima volta al di fuori del Nord America e la prima nel Regno Unito quando AJ Styles sconfisse l'allora campione Jinder Mahal. Fu inoltre la prima volta dopo quattordici anni che il titolo cambiò possessore durante una puntata di tale programma (l'ultima volta che ciò avvenne fu nella puntata di SmackDown! del 16 settembre 2003, mandata in onda due giorni dopo, durate la quale Brock Lesnar sconfisse Kurt Angle in un incontro Iron Man da 60 minuti per 5–4). Ciò si ripeté 371 giorni dopo quando Daniel Bryan sconfisse Styles a SmackDown Live. A WrestleMania 35 Kofi Kingston sconfisse Bryan in quella che è la prima volta che un atleta di origini africane lo abbia vinto.

Nomi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Anno Fonti
WWWF World Heavyweight Championship 25 aprile 1963 – 8 febbraio 1971
WWWF Heavyweight Championship 8 febbraio 1971 – 1º marzo 1979
WWF Heavyweight Championship 1º marzo 1979 – 26 dicembre 1983
WWF World Heavyweight Championship 26 dicembre 1983 – 27 maggio 1989
WWF Championship 18 luglio 1989 – 9 dicembre 2001 [15]
Undisputed WWF Championship 9 dicembre 2001 – 6 maggio 2002 [15][16]
Undisputed WWE Championship 6 maggio 2002 – 19 maggio 2002 [16][17]
WWE Undisputed Championship 19 maggio 2002 – 2 settembre 2002 [16][18]
WWE Championship 2 settembre 2002 – 15 dicembre 2013; 27 giugno 2016 – 25 luglio 2016; 10 dicembre 2016 – presente [18][19][20]
WWE World Heavyweight Championship 15 dicembre 2013 – 27 giugno 2016
WWE World Championship 26 luglio 2016 – 9 dicembre 2016

Cinture[modifica | modifica wikitesto]

L'otto volte campione The Rock con la versione Big Eagle del WWF Championship, attiva dal 1998 al 2002 e usata anche in coppia con la Big Gold Belt per rappresentare l'Undisputed Championship dal dicembre 2001 all'aprile 2002

Diverse cinture personalizzate sono state usate per rappresentare il titolo e il personaggio di diversi campioni:[21]

  • Superstar Billy Graham – la cintura era di diversi colori, tra cui il celeste, l'azzurro e il rosso
  • Bob Backlund – la cintura era di diversi colori, tra cui il celeste, l'azzurro e il rossa
  • The Ultimate Warrior – la cintura era di diversi colori, tra cui il bianco, il celeste, il lilla e il giallo, con quest'ultimo colore che però non apparve mai in un programma televisivo della federazione
  • Sgt. Slaughter – la cintura era blu
  • Stone Cold Steve Austin – la cintura era nota come «Smoking Skull» e rappresentava un teschio
  • John Cena – la versione rotante («Spinner») della cintura prevedeva la rotazione del logo WWE
  • Edge – identica alla cintura rotante, ma personalizzata con il logo WWE sostituito con quello di Edge con il marchio «Rated-R Superstar»
  • The Miz – identica alla versione rotante, ma con il logo WWE capovolto per rappresentare la «M» di The Miz
  • Daniel Bryan – identica alla versione introdotta nel 2014, ma composta da canapa organica sostenibile e legno ricavato da una quercia caduta naturalmente, mantenendo fede alla svolta ambientalista del personaggio

Una versione molto larga della cintura venne creata per André the Giant prima di WrestleMania III, anche se non l'ha mai indossata come campione. Un'altra versione personalizzata della cintura fu creata appositamente per The Rock (nota coma «Brahma Bull», nome del caratteristico logo di The Rock) in risposta alla cintura personalizzata di Austin, ma non apparve nei programmi televisivi della WWE.

La Big Gold Belt, utilizzata nella WWE per il WCW Championship e World Heavyweight Championship oltre ad altri titoli in altre federazioni, venne usata insieme a quella rappresentante del WWF Championship dopo che Chris Jericho unificò il WWF Championship con il World Championship il 9 dicembre 2001 a Vengeance per formare un titolo indiscusso, noto come Undisputed WWF Championship. Nella puntata di Raw del 4 aprile 2002 Ric Flair, proprietario della franchigia (kayfabe), presentò a Triple H una nuova e singola cintura che avrebbe rappresentato l'Undisputed WWF Championship e che prendendo ispirazione dalla WCW introduceva il nome del campione.

Il quattro volte campione Daniel Bryan con la versione 2013–2014 del titolo (la cintura che ha sulla spalla destra) in quanto una volta che il WWE Championship venne unificato con il World Heavyweight Championship nel dicembre 2013 il campione deteneva anche la Big Gold Belt (la cintura che indossa alla vita) fino all'agosto 2014

Il titolo fu nuovamente disputato e nel settembre 2002 è stato rinominato semplicemente WWE Championship e mantenne la stessa cintura introdotta da Flair fino all'11 aprile 2005, quando John Cena introdusse la versione rotante del titolo. Questa nuova cintura includeva un cosiddetto bling-bling in oro e diamante per rappresentare lo stile hip hop del personaggio di Cena in quel periodo ed è rimasta come tale fino al 18 febbraio 2013. Il logo WWE, posto al centro della cintura, poteva essere ruotato, ma ciò è stato rimosso con l'introduzione di una nuova cintura nel febbraio 2013. Lo stile originale della cintura includeva la scritta «WWE Champion» (campione WWE) in una placca mentre nell'altra placca della cintura appariva il nome della franchigia di cui il titolo era esclusiva. Infatti inizialmente la placca leggeva «SmackDown», ma venne poi rimpiazzata dalla scritta «Mon-Nite Raw» (in riferimento a Monday Night Raw, nome completo del programma televisivo di Raw) quando Cena passò a Raw mentre quando il titolo tornò a SmackDown nel 2008 la placca di Raw fu rimpiazzata da una seconda che al lato opposto includeva la scritta di «WWE Champion».

Nel 2006 Edge creò una seconda versione della sua personalizzata cintura (la «Rated R Spinner»), ma venne annullato per problemi temporali e la cintura personalizzata di Edge vide solo il logo WWE sostituito con quello del suo personaggio. Anche The Miz avrebbe ottenuto nel 2011 la sua versione personalizzata della cintura rotante, a cui capovolse il logo WWE per farlo sembrare come una «M», iniziale del suo nome.

Il quattro volte campione Brock Lesnar con la versione odierna del WWE Championship

Nella puntata di Raw del 18 febbraio 2013 The Rock presentò una nuova cintura per rappresentare il WWE Championship. Parzialmente disegnata dalla Orange County Choppers di American Chopper, la nuova cintura mostrava una versione leggermente diversa del logo WWE (adornato con diamanti) all'interno di una cintura dalla forma di un ettagono irregolare, la quale aveva la scritta «Champion» (campione) che appariva sotto il logo in maiuscolo mentre su ogni lato c'era una barra di divisione e una larga placca che viene personalizzata con i loghi del campione in carica. Quando il titolo è vacante la cintura ha invece il logo WWE inserito all'interno di un cerchio rosso.

In seguito all'unificazione del WWE Championship e del World Heavyweight Championship avvenuta il 15 dicembre 2013 la Big Gold Belt (che rappresentava il World Heavyweight Championship) venne usata insieme a quella del WWE Championship per rappresentare il rinominato WWE World Heavyweight Championship. Nella puntata di Raw del 18 agosto 2014 Triple H presentò all'allora campione Brock Lesnar, che aveva vinto il titolo contro Cena il giorno prima a SummerSlam, con una singola cintura che rappresenta tuttora il WWE Championship. Essa è la stessa versione del WWE Championship introdotta nel febbraio 2013, ma leggermente modificata con l'aggiunta del nuovo logo della WWE in seguito al lancio del WWE Network, oltre a essere dotata di una più larga placca centrale per il nuovo logo WWE, al cui interno appare la scritta «World Heavyweight Champion» (campione del mondo dei pesi massimi) lungo i bordi inferiori a caratteri molto piccoli, ma in maiuscolo. Le grandi piastre laterali continuano a presentare delle sezioni tonde rimovibili, permettendo al campione in carica di inserire un proprio logo personale. La cintura predefinita del titolo è dotata di un cerchio in oro e rosso al cui interno è inserito il logo WWE, con l'unica differenza che le piastre laterali originali di questa nuova cintura non sono dotate di una corona in cima alle piastre. Così come accaduto alla cintura che rappresentava l'Undisputed WWF Championship, anche la Big Gold Belt è stata ufficialmente ritirata dopo l'introduzione di una singola cintura.

In quella che è diventata una tradizione degli ultimi anni la WWE ha iniziato a regalare una cintura rappresentante il WWE Championship con le piastre laterali personalizzate con il logo della squadra ai vincitori delle World Series, del Super Bowl, delle finali NBA, del campionato mondiale di calcio femminile, del College Football Playoff National Championship, delle finali della Stanley Cup, dell'Australian Open, della Premier League inglese, della Premier League indiana, della Primera División messicana, della Bundesliga, della Primera División argentina, del Home Run Derby, del campionato mondiale di Formula 1, della UEFA Champions League e delle finali WNBA, oltre che a individui come il poliziotto di Londra Charlie Guenigault per il suo «coraggio eccezionale» durante l'attentato di Londra del 3 giugno 2017 e al capitano Roy Love e al suo personale per aver ospitato l'edizione 2017 del Tribute to the Troops e onorato le forze armate statunitensi.[22]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Tornei[modifica | modifica wikitesto]

Torneo inaugurale (1963)[modifica | modifica wikitesto]

Tale torneo fu sancito dopo che i promotori degli Stati Uniti d'America nord-orientali, guidati da Vince McMahon Sr. e Toots Mondt dell'allora Capitol Wrestling Corporation (CWC), si staccarono dalla National Wrestling Alliance (NWA) dato che Lou Thesz sconfisse Buddy Rogers in un incontro valido per l'NWA World Heavyweight Championship.

  Quarti di finale
N/A
Semifinali
N/A
Finale
25 aprile
                           
   Buddy Rogers N/A  
 N/A N/A  
     Buddy Rodgers N/A  
     N/A N/A  
 N/A N/A
   N/A N/A  
       Buddy Rogers N/A
     Antonino Rocca N/A
   N/A N/A  
 N/A N/A  
     N/A N/A
     Antonino Rocca N/A  
 N/A N/A
   Antonino Rocca N/A  

Survivor Series (1998)[modifica | modifica wikitesto]

Tale torneo, soprannominato Deadly Game, fu sancito dopo che il titolo venne dichiarato vacante dato che nel Triple Threat match di Breakdown: In Your House l'allora campione Steve Austin fu schienato contemporaneamente da Kane e The Undertaker.

  Ottavi di finale
15 novembre (Survivor Series)
Quarti di finale
15 novembre (Survivor Series)
Semifinali
15 novembre (Survivor Series)
Finale
15 novembre (Survivor Series)
                                     
 The Rock Schienamento  
 Big Boss Man 0:05  
     The Rock Schienamento  
       Ken Shamrock 8:20  
 Goldust 5:56
 Ken Shamrock Sottomissione  
     The Rock Squalifica  
     The Undertaker 8:20  
 Kane BYE  
   
     Kane 7:16
       The Undertaker Schienamento  
 
 The Undertaker BYE  
     The Rock Sottomissione
     Mankind 17:10
 Steve Austin Squalifica  
 Big Boss Man 3:20  
     Steve Austin BYE
         
 Steven Regal Count-out
 X-Pac Count-out  
     Steve Austin 10:27
     Mankind Schienamento  
 Al Snow Schienamento  
 Jeff Jarrett 3:31  
     Al Snow 3:55
       Mankind Sottomissione  
 Duane Gill 0:30
 Mankind Schienamento  

Raw (2011)[modifica | modifica wikitesto]

Tale torneo fu sancito dopo che il titolo venne reso vacante dato che l'allora campione CM Punk lasciò la WWE (kayfabe).

  Quarti di finale
18 luglio (Raw)
Semifinali
18 luglio (Raw)
Finale
18 luglio (Raw)
                           
   Rey Mysterio Schienamento  
 Dolph Ziggler 8:00  
     Rey Mysterio Schienamento  
     R-Truth 9:52  
 Jack Swagger 5:47
   R-Truth Schienamento  
       Rey Mysterio Schienamento
     The Miz 13:10
   Kofi Kingston Schienamento  
 Alberto Del Rio 4:24  
     Kofi Kingston 12:47
     The Miz Schienamento  
 Alex Riley 4:58
   The Miz Schienamento  

Survivor Series (2015)[modifica | modifica wikitesto]

Tale torneo fu sancito dopo che il titolo venne reso vacante dato che l'allora campione Seth Rollins subì un infortunio al ginocchio (legit).

  Ottavi di finale
9 novembre (Raw)
Quarti di finale
16 novembre (Raw)
Semifinali
22 novembre (Survivor Series)
Finale
22 novembre (Survivor Series)
                                     
 Roman Reigns Schienamento  
 Big Show 14:32  
     Roman Reigns Schienamento  
       Cesaro 20:21  
 Sheamus 10:08
 Cesaro Schienamento  
     Roman Reigns Schienamento  
     Alberto Del Rio 14:01  
 Kalisto Schienamento  
 Ryback 8:48  
     Kalisto 10:04
       Alberto Del Rio Schienamento  
 Stardust 7:07
 Alberto Del Rio Schienamento  
     Roman Reigns Schienamento
     Dean Ambrose 9:02
 Kevin Owens Schienamento  
 Titus O'Neil 6:52  
     Kevin Owens Schienamento
       Neville 10:44  
 King Barrett 15:27
 Neville Schienamento  
     Kevin Owens 11:19
     Dean Ambrose Schienamento  
 Dolph Ziggler Schienamento  
 The Miz 4:59  
     Dolph Ziggler 16:41
       Dean Ambrose Schienamento  
 Tyler Breeze 11:07
 Dean Ambrose Schienamento  

Franchigie[modifica | modifica wikitesto]

Rob Van Dam portò il WWE Championship (sotto) da Raw alla rinata ECW, il cui rappresentante Paul Heyman gli assegnò l'ECW World Heavyweight Championship (sopra), detenendo entrambi i titoli allo stesso tempo

In seguito agli eventi che portarono alla prima divisione del parco atleti in due distinte franchigie (Raw e SmackDown) nell'aprile 2002 gli allora co-proprietari della federazione (kayfabe) Ric Flair e Vince McMahon acquisirono rispettivamente Raw il primo e SmackDown il secondo con la possibilità di scegliere inoltre un direttore generale che avrebbe gestito (kayfabe) il rispettivo programma televisivo, cosa che si mantenne inalterata anche negli anni seguenti. Ogni anno si sarebbe tenuto un evento annuale in cui i rispettivi direttori generali avrebbero selezionando degli atleti per le proprie franchigie, a volte selezionandoli in prima persona e a volte tramite una lotteria (kayfabe). La rinascita della ECW portò questa a essere la terza franchigia della WWE dal 2006 al 2010.[23] Il 29 agosto 2011 la WWE pose fine alla divisione in franchigie e gli atleti (inclusi tutti i campioni) iniziarono ad apparire indistintamente in qualsiasi programma televisivo prodotto dalla WWE. Il 25 maggio 2016 la WWE annunciò che SmackDown si sarebbe svolto in diretta ogni martedì sera a partire del 19 luglio, portando allo stesso tempo il ritorno della divisione in due franchigie. Il 20 giugno seguente la WWE annunciò che la selezione degli atleti si sarebbe svolta durante la prima puntata in diretta di SmackDown, a cui iniziò a riferirsi con il nome di SmackDown Live. Nella puntata di Raw del 18 luglio vennero nominati i direttori generali per entrambi i programmi, con il commissario (commissioner) di Raw Stephanie McMahon che scelse Mick Foley e il commissario di SmackDown Shane McMahon che scelse Daniel Bryan, costretto a ritirarsi nel febbraio 2016, ma tornato sul ring due anni dopo e conquistando proprio il WWE Championship nel novembre 2018. La lista che segue indica le date in cui il titolo è diventato esclusivo di uno delle tre differenti franchigie.

Colori

Il titolo è passato a Raw

Il titolo è passato a SmackDown

Il titolo è passato alla ECW
Data Note
2 settembre 2002 L'allora detentore del WWE Undisputed Championship Brock Lesnar firmò un contratto esclusivo con SmackDown!, che acquisì a sua volta il titolo in maniera esclusiva
Il titolo venne rinominato WWE Championship mentre fu creato il World Heavyweight Championship esclusivamente per Raw
6 giugno 2005 Durante le selezioni del 2005 Batista (che deteneva il World Heavyweight Championship) fu spostato a SmackDown mentre John Cena (allora detentore del WWE Championship) passò a Raw
11 giugno 2006 In seguito alla rinascita della ECW come terza franchigia Rob Van Dam fu scelto dal rappresentante ECW Paul Heyman
A One Night Stand Rob Van Dam conquistò il WWE Championship, che divenne esclusivo della ECW
3 luglio 2006 Edge vinse il WWE Championship, che pertanto tornò a essere esclusivo di Raw
23 giugno 2008 L'allora detentore del WWE Championship Triple H passò a SmackDown durante le selezioni del 2008
13 aprile 2009 L'allora detentore del WWE Championship Triple H riportò il titolo a Raw dopo essere stato scelto da Raw durante selezioni del 2009
Il titolo rimase esclusiva di Raw fino alla fine della prima divisione in franchigie
29 agosto 2011 Fine della prima divisione in franchigie
I detentori del WWE Championship e del World Heavyweight Championship potevano apparire sia a Raw sia a SmackDown
I due titoli furono unificati nel dicembre 2013 e il World Heavyweight Championship venne ritirato
19 luglio 2016 Ritorno della divisione in franchigie
L'allora detentore del WWE Championship Dean Ambrose fu scelto da SmackDown durante selezioni del 2005
Il titolo fu rinominato WWE World Championship in seguito alla creazione del WWE Universal Championship a Raw, ma nel dicembre dello stesso anno ritornò ad avere la nomea di WWE Championship

Regni[modifica | modifica wikitesto]

Il primo campione fu Buddy Rogers, presentato come tale l'11 aprile 1963. Ci sono stati 50 diversi campioni ufficialmente riconosciuti dalla WWE per un totale di 134 regni riconosciuti come ufficiali dalla WWE. Bruno Sammartino vanta il singolo regno più lungo (con un regno come campione di 2803 giorni, pari a sette anni, otto mesi e un giorno, dal 17 maggio 1963 al 18 gennaio 1971) e detiene anche il primato per il maggior numero di giorni combinati (4040 giorni, pari a circa undici anni) come campione. André the Giant ha il regno come campione più breve nella storia del titolo con 1 minuto e 48 secondi, avendolo subito reso vacante per la prima volta di dodici, come riconosciuto dalla WWE. Inoltre John Cena è colui che ha detenuto il titolo per il maggior numero di volte con tredici regni come campione. Otto atleti hanno invece detenuto il titolo per un regno continuo di un anno (365 giorni) o più, ovvero Bruno Sammartino, Pedro Morales, Bob Backlund, Hulk Hogan, Randy Savage, John Cena, CM Punk e AJ Styles. Brock Lesnar è l'atleta più giovane ad aver vinto il titolo (25 anni) mentre il più anziano è Vince McMahon (54 anni). Per quanto riguarda le singole franchigie a detenere il primato per il regno più lungo per Raw è John Cena con 380 giorni mentre AJ Styles lo detiene per SmackDown con 371 giorni, il cui regno è stato interrotto da Daniel Bryan, che lo ha sconfitto nella puntata di SmackDown Live svoltasi il 13 novembre 2018 a Saint Louis, Missouri, conquistando il titolo per la quarta volta dopo quattro anni dall'ultima volta.

Campione in carica[modifica | modifica wikitesto]

Il campione in carica è Kofi Kingston, che è al suo primo regno. Ha sconfitto il precedente campione Daniel Bryan a WrestleMania 35, svoltasi il 7 aprile 2019 a East Rutherford, New Jersey.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 23 agosto 2019.

Simboli Significato
Indica che il regno non è riconosciuto dalla WWE
<1 Indica che il regno è durato meno di un giorno
+ Indica che il regno è ancora in corso
Legenda
N. Indica il numero del regno
Campione Indica il nome con cui il campione ha vinto il titolo
Regno Indica il numero del regno del campione
Data Indica la data in cui il titolo è stato vinto
Località Indica la città e Stato in cui il titolo è stato vinto
Evento Indica l'evento o programma televisivo in cui il titolo è stato vinto
Note Indica ulteriori informazioni aggiuntive degne di nota
Fonti Indica le fonti che ne attestino la veridicità
N. Campione Regno Data Giorni Località Evento Note Fonti
1 Buddy Rogers 1 11 aprile 1963 36 Washington, D.C. Evento dal vivo Rogers sconfisse Antonino Rocca nella finale di un torneo per l'assegnazione del titolo a Rio de Janeiro in Brasile
Tale torneo mai realmente svoltosi fu sancito dopo che i promotori degli Stati Uniti d'America nord-orientali guidati da Vince McMahon Sr. e Toots Mondt dell'allora Capitol Wrestling Corporation (CWC), predecessore della World Wrestling Wide Federation (WWWF), si staccarono dalla National Wrestling Alliance (NWA), dove Rogers era il settimo detentore dell'NWA World Heavyweight Championship con la vittoria sull'allora campione Pat O'Connor il 30 giugno 1961, dopo che Lou Thesz sconfisse Rogers in un incontro singolo per il titolo NWA il 24 gennaio 1963
La WWWF annunciò Rogers come il suo «campione del mondo» sin dal 25 gennaio 1963, ma lo riconobbe ufficialmente come primo «campione del mondo WWWF» solo l'11 aprile 1963 con il debutto della cintura
Se si considera come data dell'inizio del regno di Rogers il 25 gennaio 1963 il suo regno durò 112 giorni, ma la WWE riconosce tuttora come data dell'inizio del regno di Rogers il 25 aprile 1963 per un totale di 22 giorni
[24]
[25]
[26]
[27]
[28]
2 Bruno Sammartino 1 17 maggio 1963 2803 New York City, New York Evento dal vivo Fu introdotta per la prima volta una nuova cintura, di colore blu a differenza della prima originale che era marrone
La WWE considera questo il regno più longevo nella storia del titolo e il più longevo degli anni anni sessanta
Fu anche il regno da buono più longevo nella storia del titolo
[29]
3 Ivan Koloff 1 18 gennaio 1971 21 New York City, New York Evento dal vivo Si trattò del regno più breve nella storia del titolo fino a quello di Stasiak del 1973 [30]
4 Pedro Morales 1 8 febbraio 1971 1027 New York City, New York Evento dal vivo Il titolo fu rinominato WWWF Heavyweight Championship quando la WWWF si riunì alla NWA nel 1971
Furono introdotte tre nuove cinture durante il regno di Morales
[31]
5 Stan Stasiak 1 1º dicembre 1973 9 Filadelfia, Pennsylvania Evento dal vivo Si trattò del regno più breve nella storia del titolo fino a quello di Inoki nel 1979, tuttavia non riconosciuto dalla WWE, che considera il regno di Stasiak come il più breve degli anni settanta e il più breve in assoluto sino al primato stabilito nel 1988 da André the Giant con 1 minuto e 48 secondi, detenuto tuttora [32]
6 Bruno Sammartino 2 10 dicembre 1973 1237 New York City, New York Evento dal vivo Si trattò del regno più longevo degli anni settanta, essendo parte del regno di Backlund negli anni ottanta
Sammartino fu inoltre il primo atleta a vincere il titolo almeno una seconda volta
[33]
7 Superstar Billy Graham 1 30 aprile 1977 296 Baltimora, Maryland Evento dal vivo Si trattò del regno da cattivo più longevo nella storia del titolo
Graham utilizzò diversi colori della cintura, tra cui il celeste, l'azzurro e il rosso
[34]
8 Bob Backlund 1 20 febbraio 1978 2135 New York City, New York Evento dal vivo Così come fece Superstar Billy Graham prima di lui, anche Backlund utilizzò diversi colori della cintura, tra cui il celeste, l'azzurro e il rosso prima dell'introduzione nel 1982 di una nuova cintura, la Green Belt
Nel 1979 la federazione cambiò nome diventando la World Wrestling Federation (WWF), allorché anche il titolo (non più considerato mondiale fino al 1983) venne rinominato WWF Heavyweight Championship
Il regno di Backlund dalla vittoria su Superstar Billy Graham alla sconfitta con Antonio Inoki durò 648 giorni
La WWE considera questo il regno più longevo degli anni settanta, sebbene la maggior parte del regno fosse avvenuto negli anni ottanta (1089) e il resto negli anni settanta (679 giorni)
[35][36][37]
Antonio Inoki 30 novembre 1979 6 Tokushima, Giappone Evento dal vivo Si trattò del regno più breve nella storia del titolo e degli anni settanta, ma non è riconosciuto dalla WWE [35][36][37]
Vacante 6 dicembre 1979 Tokyo, Giappone Evento dal vivo Inoki decise di rendere il titolo vacante dopo che una difesa del titolo in una rivincita contro Backlund terminò senza vincitore a causa dell'interferenza Tiger Jeet Singh, wrestler della New Japan Pro-Wrestling
Il titolo rimase vacante per 11 giorni
[35][36][37]
Bob Backlund 17 dicembre 1979 672 New York City, New York Evento dal vivo Backlund sconfisse Bobby Duncum in un incontro Texas death per la riassegnazione del titolo, diventando il secondo atleta dopo Sammartino a vincere il titolo una seconda volta, ma la WWE continua a considerare questo regno una continuazione del precedente come se non fosse mai stato interrotto per un totale di 2135 giorni [35][36][37]
Vacante 19 ottobre 1981 New York City, New York Evento dal vivo Il titolo fu dichiarato vacante dopo che al termine di un incontro vinto contro Greg Valentine l'arbitro, rimasto stordito dopo essere stato accidentalmente colpito durante la contesa (kayfabe), decretò Valentine come vincitore
Il titolo rimase vacante per 35 giorni, ma come per la controversia con Inoki non è riconosciuto dalla WWE
[35][36][37]
Bob Backlund 23 novembre 1981 763 New York City, New York Evento dal vivo In una rivincita contro Greg Valentine
Backlund superò il primato di Sammartino per il maggior numero di regni, ma tale regno non è riconosciuto dalla WWE e Backlund avrebbe vinto il titolo una seconda e ultima volta solo nel 1994, quando ormai Hogan aveva già vinto il titolo una quinta volta, superando quelli di Baclkund anche se si aggiungono i due non riconosciuti
[35][36]
9 The Iron Sheik 1 26 dicembre 1983 28 New York City, New York Evento dal vivo The Iron Sheik vinse il titolo (rinominato WWF World Heavyweight Championship) quando l'accompagnatore di Backlund, Arnold Skaaland, chiese l'interruzione della contesa in quanto Backlund rimase per un lungo lasso di tempo nella presa di sottomissione e mossa finale di The Iron Sheik (la camel clutch), rifiutandosi di cedere [38]
10 Hulk Hogan 1 23 gennaio 1984 1474 New York City, New York Evento dal vivo Così come con Pedro Morales, anche a Hogan fu introdotta una nuova cintura (simile all'NWA Television Championship) e rivisitata negli anni successivi (queste versioni erano note come Hogan 84' e Hogan '85 in quanto furono utilizzate solo da Hogan) prima dell'introduzione di una seconda nuova cintura nel 1986 (l'Hogan '86) e una terza, la Winged Eagle (inizialmente di colore blu, ma proprio come sarebbe accaduto anche alla successiva cintura, la Big Eagle, cambiò presto il colore in nero, settando la norma per molte cinture della WWE) nel 1988
Il 28 agosto 1986 a The Big Event Paul Orndorff schienò Hogan dopo che il suo accompagnatore Bobby Heenan lo colpì con uno sgabello mentre l'arbitro era al tappeto e sembrò vincere il titolo, ma fu invece annunciata la vittoria di Hogan per squalifica, che quindi mantenne il titolo e proseguì l'allora regno di 948 giorni per altri 526 giorni
Si trattò del regno più longevo degli anni ottanta e l'ultimo a superare 1000 giorni
[39]
11 André the Giant 1 5 febbraio 1988 <1 Indianapolis, Indiana The Main Event I André the Giant sconfisse Hogan quando l'arbitro Earl Hebner (accordatosi con Ted DiBiase, il quale fece in modo che Earl Hebner sostituì il fratello gemello Dave Hebner, arbitro designato per l'incontro), ignorò che Hogan fosse uscito dallo schienamento alzando la spalla sinistra al conteggio di uno e invece effettuò il conteggio vincente
Nonostante la controversia, André the Giant fu sempre considerato tra i campioni ufficiali e la WWE considera questo il regno più breve degli anni ottanta e in assoluto nella storia del titolo con 1 minuto e 48 secondi
[40]
Ted DiBiase 5 febbraio 1988 8 Indianapolis, Indiana The Main Event I Appena dopo aver vinto il titolo André the Giant lo cedette a Ted DiBiase, il quale lo aveva assunto per privare Hogan del titolo dopo aver fallito nel conquistarlo sul ring o anche acquistarlo da Hogan, rendendo di fatto il regno di André the Giant come il regno più breve nella storia del titolo con 1 minuto e 48 secondi mentre quello di DiBiase non è invece riconosciuto dalla WWE sebbene fosse stato annunciato come tale anche nei giorni seguenti durante e abbia difeso il titolo una volta contro Bam Bam Bigelow nell'evento dal vivo dell'8 febbraio 1988 [40]
Vacante 13 febbraio 1988 Hershey, Pennsylvania Superstars of Wrestling Nella puntata di Superstars of Wrestling (registrata il 26 gennaio 1988, ma andata in onda il 13 febbraio 1988) l'allora presidente WWF Jack Tunney dichiarò che la cintura di campione non poteva essere ceduta, venduta o regalata, ma solo vinta per schienamento o sottomissione, pertanto interpretò il gesto di André the Giant come una rinuncia volontaria del titolo, che quindi rimase vacante per 43 giorni, sebbene la WWE riconosca il 5 febbraio 1988 come data in cui il titolo fu dichiarato vacante per un totale di 51 giorni, più di ogni altra volta [40]
12 Randy Savage 1 27 marzo 1988 371 Atlantic City, New Jersey WrestleMania IV Savage sconfisse Ted DiBiase nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo vacante [41]
13 Hulk Hogan 2 2 aprile 1989 364 Atlantic City, New Jersey WrestleMania V Con questa vittoria Hogan eguagliò il primato per il maggior numero di regni di Sammartino
Nella primavera del 1989 il titolo fu rinominato WWF Championship, sebbene la parola «Heavyweight» continuò ad apparire sulla Winged Eagle fino all'introduzione di una nuova cintura nel 1998
[42]
14 The Ultimate Warrior 1 1º aprile 1990 293 Toronto, Canada WrestleMania VI Era in palio anche l'Intercontinental Championship di The Ultimate Warrior, che durante questo regno utilizzò diversi colori per la cintura Winged Eagle, tra cui il bianco, il giallo, il celeste e il lilla [43]
15 Sgt. Slaughter 1 19 gennaio 1991 64 Miami, Florida Royal Rumble Durante questo regno Sgt. Slaughter utilizzò anche il colore blu per la cintura [44]
16 Hulk Hogan 3 24 marzo 1991 248 Los Angeles, California WrestleMania VII Con questa vittoria Hogan superò il primato ufficiale di Sammartino per il maggior numero di regni, eguagliando quello di Backlund considerando il primo regno e i due successivi non riconosciuti [45]
17 The Undertaker 1 27 novembre 1991 6 Detroit, Michigan Survivor Series [46]
18 Hulk Hogan 4 3 dicembre 1991 1 San Antonio, Texas This Tuesday in Texas La WWE considera il regno di Hogan dalla durata di 4 giorni e con questa vittoria Hogan superò anche il primato di Backlund per il maggior numero di regni (considerando il primo regno e i due successivi non riconosciuti) [47]
Vacante 4 dicembre 1991 New Haven, Connecticut Superstars of Wrestling A causa dei controversi finali dei match titolati tra Hogan e The Undertaker l'allora presidente della WWF Jack Tunney decise di rendere il titolo vacante e di assegnarlo al vincitore della Royal Rumble
Il titolo rimase vacante per 46 o 42 giorni, quando la puntata andò in onda il 7 dicembre 1991
[47]
19 Ric Flair 1 19 gennaio 1992 77 Albany, New York Royal Rumble Nella Royal Rumble eliminando per ultimo Sid Justice [48]
20 Randy Savage 2 5 aprile 1992 149 Indianapolis, Indiana WrestleMania VIII La WWE considera il regno di Savage dalla durata di 162 giorni [49]
21 Ric Flair 2 1º settembre 1992 41 Hershey, Pennsylvania Prime Time Wrestling La WWE considera il regno di Flair dalla durata di 28 giorni in quanto andò onda il 14 settembre 1992 [50]
22 Bret Hart 1 12 ottobre 1992 174 Saskatoon, Canada Evento dal vivo [51]
23 Yokozuna 1 4 aprile 1993 <1 Las Vegas, Nevada WrestleMania IX Il regno di Yokozuna durò di fatto 2 minuti e 6 secondi, considerato dalla WWE il più breve degli anni novanta [52]
24 Hulk Hogan 5 70 Hogan sfidò Yokozuna sotto la provocazione di Mr. Fuji [53]
25 Yokozuna 2 13 giugno 1993 280 Dayton, Ohio King of the Ring [54]
26 Bret Hart 2 20 marzo 1994 248 New York City, New York WrestleMania X Roddy Piper era l'arbitro speciale [55]
27 Bob Backlund 2 23 novembre 1994 3 San Antonio, Texas Survivor Series In un incontro di sottomissione Throw in the Towel [56]
28 Diesel 1 26 novembre 1994 358 New York City, New York House show Si trattò del regno più longevo degli anni novanta [57]
29 Bret Hart 3 19 novembre 1995 133 Landover, Maryland Survivor Series In un incontro senza squalifiche [58]
30 Shawn Michaels 1 31 marzo 1996 231 Anaheim, California WrestleMania XII In un incontro Iron Man da 60 minuti vinto per 1–0 nei minuti supplementari [59]
31 Sycho Sid 1 17 novembre 1996 63 New York City, New York Survivor Series [60]
32 Shawn Michaels 2 19 gennaio 1997 25 San Antonio, Texas Royal Rumble [61]
Vacante 13 febbraio 1997 Lowell, Massachusetts Raw Michaels rinunciò al titolo nella celebre intervista sul ring «Ho perso il sorriso» a causa di un infortunio al ginocchio che sembrò costringerlo al ritiro, non essendo mai stato del tutto chiarito se si sia trattato di un finzione architettata dallo stesso Michaels per evitare di restituire la vittoria ottenuta in quel di WrestleMania XII a Bret Hart, rivale di lunga data anche nella vita reale, a WrestleMania 13, oppure di un infortunio reale poi rivelatosi meno grave del previsto in quanto Michaels fece il suo ritorno sul ring nella puntata di Raw Is War del 26 maggio 1997
Il titolo rimase vacante per 3 giorni, meno di ogni altra volta
[61]
33 Bret Hart 4 16 febbraio 1997 1 Chattanooga, Tennesse In Your House 13: Final Four In un incontro a quattro a eliminazione contro Stone Cold Steve Austin, The Undertaker e Vader [62]
34 Sycho Sid 2 17 febbraio 1997 34 Nashville, Tennesse Raw [63]
35 The Undertaker 2 23 marzo 1997 133 Rosemont, Illinois WrestleMania 13 In un incontro senza squalifiche [64]
36 Bret Hart 5 3 agosto 1997 98 East Rutherford, New Jersey SummerSlam Shawn Michaels era l'arbitro speciale
Con questa vittoria Hart eguagliò il primato di Hogan per il maggior numero di regni
[65]
37 Shawn Michaels 3 9 novembre 1997 140 Montréal, Canada Survivor Series Nella famosa fregatura di Montréal [66]
38 Stone Cold Steve Austin 1 29 marzo 1998 91 Boston, Massachusetts WrestleMania XIV Mike Tyson era l'arbitro speciale di riserva
Fu introdotta una nuova cintura, la Big Eagle, inizialmente di colore blu, ma ben presto sostituita da quella nera, anche se quella blu continuò a essere usata raramente durante questa regno e il successivo, come quando fu presentata a Kane o regalata a Arnold Schwarzenegger nella puntata di SmackDown dell'11 novembre 1999
[67]
39 Kane 1 28 giugno 1998 1 Pittsburgh, Pennsylvania King of the Ring In un incontro First Blood [68]
40 Stone Cold Steve Austin 2 29 giugno 1998 90 Cleveland, Ohio Raw Is War Durante questo regno la cintura adottò definitivamente il nuovo logo introdotto l'anno prima [69]
Vacante 27 settembre 1998 Hamilton, Canada Breakdown: In Your House Vince McMahon dichiarò il titolo vacante dopo che Austin fu schienato contemporaneamente da Kane e The Undertaker, i quali si affrontarono a Judgment Day: In Your House senza alcun vincitore a causa dello stesso Austin, designato come arbitro speciale dell'incontro e pertanto licenziato (kayfabe) dallo stesso McMahon, ma Austin si rivelò essere riassunto da Shane McMahon nella puntata di Raw Is War del 26 ottobre 1998
Il titolo rimase vacante per 49 giorni
[69]
41 The Rock 1 15 novembre 1998 44 Saint Louis, Missouri Survivor Series The Rock sconfisse Mankind nella finale del torneo Deadly Game in una riproposizione (kayfabe) della fregatura di Montréal con la formazione della Corporation con Vince McMahon e suo figlio Shane McMahon
La WWE considera il regno di The Rock dalla durata di 50 giorni
[70]
42 Mankind 1 29 dicembre 1998 26 Worcester, Massachusetts Raw Is War In un incontro senza squalifiche
La WWE considera il regno di Mankind dalla durata di 20 giorni in quanto andò in onda il 4 gennaio 1999
[71]
43 The Rock 2 24 gennaio 1999 2 Anaheim, California Royal Rumble In un incontro «I quit» che The Rock vinse quando fece perdere i sensi (kayfabe) a Mankind dopo averlo colpito con la sedia un'undicesima volta e Shane McMahon fece partire dal dietro le quinte una registrazione in cui Mankind gridava «Mi arrendo» tre volte appena The Rock avvicinò il microfono alla faccia di Mankind come da regole, ma ciò fu reso noto solo la sera dopo a Raw Is War e pertanto la vittoria di The Rock rimase tale
La WWE considera il regno di The Rock dalla durata di 7 giorni
[72]
44 Mankind 2 26 gennaio 1999 20 Tucson, Arizona Halftime Heat In un incontro Empty Arena durante la pausa del Super Bowl XXXIII
La WWE considera il regno di Mankind dalla durata di 15 giorni in quanto andò In onda il 31 gennaio 1999
[73]
45 The Rock 3 15 febbraio 1999 41 Birmingham, Alabama Raw Is War In un incontro con le scale [74]
46 Stone Cold Steve Austin 3 28 marzo 1999 56 Filadelfia, Pennsylvania WrestleMania XV In un incontro senza squalifiche con Mankind come arbitro speciale
Durante questo regno Austin introdusse una propria cintura, nota come Smoking Skull
[75]
47 The Undertaker 3 23 maggio 1999 36 Kansas City, Missouri Over the Edge Shane McMahon e Vince McMahon erano gli arbitri speciali [76]
48 Stone Cold Steve Austin 4 28 giugno 1999 55 Charlotte, Carolina del Nord Raw Is War [77]
49 Mankind 3 22 agosto 1999 1 Minneapolis, Minnesota SummerSlam In un incontro a tre che includeva anche Triple H e con Jesse Ventura come arbitro speciale [78]
50 Triple H 1 23 agosto 1999 22 Ames, Iowa Raw Is War Shane McMahon era l'arbitro speciale
La WWE riconosce il regno di Triple H dalla durata di 24 giorni in quanto andò in onda il 16 settembre 1999
[79]
51 Vince McMahon 1 14 settembre 1999 6 Las Vegas, Nevada SmackDown! Shane McMahon era l'arbitro speciale
La WWE riconosce il regno di McMahon dalla durata di 4 giorni in quanto andò in onda il 16 settembre 1999
[80][81]
Vacante 20 settembre 1999 Houston, Texas Raw Is War Il titolo fu reso vacante dallo stesso McMahon poiché voleva rispettare la stipulazione di non apparire più nei programmi televisivi della WWF dopo aver perso la rivalità con Stone Cold Steve Austin nel luglio 1999, ma Austin accettò il ritorno di McMahon nella WWF fintanto che avrebbe ricevuto opportunità per il WWF Championship
La stipulazione del First Blood match a Fully Loaded del 25 luglio 1999 per il titolo contro The Undertaker, che rappresentò McMahon, prevedeva che in caso di sconfitta Austin non avrebbe mai più ricevuto opportunità titolate
Il titolo rimase vacante per 6 giorni
[80]
52 Triple H 2 26 settembre 1999 49 Charlotte, Carolina del Nord Unforgiven In un incontro six-pack challenge contro Big Show, The British Bulldog, Kane, Mankind e The Rock [82]
53 Big Show 1 14 novembre 1999 50 Detroit, Michigan Survivor Series In un incontro a tre che includeva anche The Rock [83]
54 Triple H 3 3 gennaio 2000 118 Miami, Florida Raw Is War Il regno di Triple H dalla vittoria su The Rock alla sconfitta con Chris Jericho durò 105 giorni [84]
Chris Jericho 17 aprile 2000 <1 State College, Pennsylvania Raw Is War Nella puntata di Raw Is War del 17 aprile 2000 Chris Jericho sconfisse Triple H in un match valido per il titolo, ma quella stessa sera Triple H obbligò l'arbitro Earl Hebner a ribaltare il risultato per un conteggio finale troppo veloce
Il regno di circa 15 minuti come campione di Jericho fu cancellato e mai più riconosciuto ufficialmente
[85][86][87]
55 The Rock 4 30 aprile 2000 21 Washington, D.C. Backlash Shane McMahon era l'arbitro speciale [88]
56 Triple H 4 21 maggio 2000 35 Louisville, Kentucky Judgment Day In un incontro Iron Man da 60 minuti vinto per 6–5
Shawn Michaels era l'arbitro speciale
[89]
57 The Rock 5 25 giugno 2000 119 Boston, Massachusetts King of the Ring In un incontro di coppia a sei con Kane e The Undertaker contro Shane McMahon, Triple H e Vince McMahon, cui The Rock schienò per vincere l'incontro per la sua squadra e il titolo per sé stesso come da stipulazione, eguagliando allo stesso tempo il primato del maggior numero di regni al pari di Hulk Hogan e Bret Hart
Durante tale regno Chris Benoit sembrò vincere il titolo per due volte, ma la decisione venne ribaltata
La prima avvenne il 23 luglio 2000 a Fully Loaded in un match singolo contro The Rock in cui se questi si sarebbe fatto squalificare Benoit avrebbe vinto il titolo, cosa che avvenne grazie all'intervento di Shane McMahon che accompagnava Benoit, ma l'allora commissario della WWF Mick Foley fece ripartire l'incontro, vinto da The Rock
La seconda avvenne il 24 settembre 2000 a Unforgiven in un incontro a quattro che includeva anche Kane e The Undertaker, cui Benoit schienò, ma Foley intervenne di nuovo in quanto l'arbitro non vide che la gamba sinistra di The Undertaker fosse sulla corda (rope break) e fece ripartire il match, ancora una volta vinto da The Rock
[90]
58 Kurt Angle 1 22 ottobre 2000 126 Albany, New York No Mercy In un incontro senza squalifiche [91]
59 The Rock 6 25 febbraio 2001 35 Las Vegas, Nevada No Way Out Con questa vittoria The Rock superò ufficialmente il primato per il maggior numero di regni, primato all'epoca detenuto alla pari da Hulk Hogan e Bret Hart, rimasti invece fermi a cinque regni con il titolo
Con l'acquisto il 23 marzo 2001 della World Championship Wrestling (WCW) da parte della WWF il WCW World Heavyweight Championship (rinominato WCW Championship) divenne il secondo titolo mondiale attivo nella WWF
[92]
60 Stone Cold Steve Austin 5 1º aprile 2001 175 Houston, Texas WrestleMania X-Seven In un incontro senza squalifiche [93]
61 Kurt Angle 2 23 settembre 2001 15 Pittsburgh, Pennsylvania Unforgiven [94]
62 Stone Cold Steve Austin 6 8 ottobre 2001 62 Indianapolis, Indiana Raw Con questa vittoria Austin eguagliò The Rock per il maggior numero di regni [95]
63 Chris Jericho 1 9 dicembre 2001 98 San Diego, California Vengeance Nella stessa sera Jericho vinse il World Championship contro The Rock e sconfiggendo Stone Cold Steve Austin per il WWF Championship unificò i titoli per formare l'Undisputed WWF Championship [96]
64 Triple H 5 17 marzo 2002 35 Toronto, Canada WrestleMania X8 A seguito della divisione in franchigie del 15 marzo 2002 il parco atleti venne diviso in due franchigie separate (Raw e SmackDown) e i titoli vennero smistati tra le due franchigie, eccetto il WWF Women's Championship e l'Undisputed WWF Championship, che vennero difesi in entrambe le franchigie e rispettivi programmi televisivi
A causa di ciò il proprietario di Raw (kayfabe) Ric Flair presentò a Triple H una nuova singola cintura
[97]
65 Hollywood Hulk Hogan 6 21 aprile 2002 28 Kansas City, Missouri Backlash Hollywood Hulk Hogan era precedentemente noto come Hulk Hogan
Il 6 maggio 2002 la WWF cambiò nome in World Wrestling Entertainment (WWE) e il titolo divenne pertanto noto prima come Undisputed WWE Championship e poi come WWE Undisputed Championship, con la cintura che ricevette alcuni aggiornamenti, come il nuovo logo dopo il cambio di nome
[98]
66 The Undertaker 4 19 maggio 2002 63 Nashville, Tennessee Judgment Day Il 20 maggio 2002 Rob Van Dam sconfisse The Undertaker per il titolo, ma il proprietario di Raw (kayfabe) Ric Flair fece ripartire l'incontro, che venne vinto da The Undertaker, di fatto annullando la vittoria di Van Dam [99]
67 The Rock 7 21 luglio 2002 35 Detroit, Michigan Vengeance In un triple threat match che includeva anche Kurt Angle
Quella stessa sera The Undertaker introdusse una versione della cintura più grande e altri cambiamenti minori
Con questa vittoria The Rock superò il primato per il maggior numero di regni che deteneva alla pari di Austin
[100]
68 Brock Lesnar 1 25 agosto 2002 84 Uniondale, New York SummerSlam La sera dopo aver vinto il titolo Lesnar debuttò la terza e ultima versione del titolo indiscusso, tornato a una versione leggermente più piccole e co n altri cambiamenti minori
Il 2 settembre 2002 il titolo perse la parola «Undisputed» e fu chiamato WWE Championship, diventando un'esclusiva di SmackDown mentre a Raw venne istituito il World Heavyweight Championship, assegnato d'ufficio da Triple H dal direttore generale di Raw Eric Bischoff, precedentemente contendente numero uno del titolo di campione indiscusso prima che Lesnar firmò in esclusiva per SmackDown e ultimo detentore della Big Gold Belt, posseduta insieme alla Big Eagle in quanto campione indiscusso con la conquista del titolo a WrestleMania X-8
[101]
69 Big Show 2 17 novembre 2002 28 New York City, New York Survivor Series [102]
70 Kurt Angle 3 15 dicembre 2002 105 Sunrise, Florida Armageddon [103]
71 Brock Lesnar 2 30 marzo 2003 119 Seattle, Washington WrestleMania XIX [104]
72 Kurt Angle 4 27 luglio 2003 51 Denver, Colorado Vengeance In un incontro a tre che includeva anche Big Show
La WWE riconosce il regno di Angle dalla durata di 53 giorni
[105]
73 Brock Lesnar 3 16 settembre 2003 152 Raleigh, Carolina del Nord SmackDown! In un incontro Iron Man da 60 minuti vinto per 5–4
La WWE riconosce il regno di Lensnar dalla durata di 150 giorni in quanto andò in onda il 18 settembre 2003
[106]
74 Eddie Guerrero 1 15 febbraio 2004 133 Daly City, California No Way Out [107][108]
75 John Bradshaw Layfield 1 27 giugno 2004 280 Norfolk, Virginia Occidentale The Great American Bash In un incontro Texas bullrope
Tale regno da campione di Layfield stabilì il primato di regno più longevo in una decade e il più longevo a SmackDown sino al 2018, quando venne battuto dal regno di 371 giorni di AJ Styles al suo secondo regno
[109][110]
76 John Cena 1 3 aprile 2005 280 Los Angeles, California WrestleMania 21 Durante questo regno Cena introdusse una nuova cintura, che ruotava e aveva in una delle placche laterali come logo il pugno in rappresentanza di SmackDown, ma il 6 giugno 2005 il titolo divenne un'esclusiva di Raw e la cintura adottò delle nuove placche laterali in rappresentanza di Raw [111][112]
77 Edge 1 8 gennaio 2006 21 Albany, New York New Year's Revolution Edge incassò la valigetta del Money in the Bank dopo che Cena aveva vinto una Elimination Chamber [113][114]
78 John Cena 2 29 gennaio 2006 133 Miami, Florida Royal Rumble [115][116]
79 Rob Van Dam 1 11 giugno 2006 22 New York City, New York ECW One Night Stand Van Dam incassò la valigetta del Money in the Bank in un incontro a regole estreme
Il titolo divenne un'esclusiva della rinata ECW e gli venne assegnato d'ufficio dal rappresentante della ECW Paul Heyman anche l'ECW World Heavyweight Championship (poi rinominato ECW World Championship e infine ECW Championship), divenendo il primo atleta ad aver vinto entrambi i titoli e il primo e unico a detenerli contemporaneamente, avendo deciso di difenderli separatamente e perdendoli in due occasioni distinte
[117][118]
80 Edge 2 3 luglio 2006 76 Filadelfia, Pennsylvania Raw In un incontro a tre che includeva anche John Cena
Il titolo tornò a essere un'esclusiva di Raw
Durante questo regno Edge introdusse la sua personale cintura rotante con il logo «Rated R Superstar» nella puntata di Raw del 21 agosto 2006 successiva a SummerSlam in cui sconfisse John Cena
[119][120]
81 John Cena 3 17 settembre 2006 380 Toronto, Canada Unforgiven In un incontro con i tavoli in cui se Cena avesse perso sarebbe stato trasferito a SmackDown
Si trattò del regno più longevo degli anni 2000 e il più longevo a Raw
Al termine di questo regno fu rimossa la possibilità di far ruotare la cintura
[121]
Vacante 2 ottobre 2007 Dayton, Ohio ECW Il titolo fu reso vacante a causa di un infortunio di Cena (tendine pettorale destro strappato)
Il titolo rimase vacante per 5 giorni
[122]
82 Randy Orton 1 7 ottobre 2007 <1 Rosemont, Illinois No Mercy In origine Randy Orton avrebbe dovuto affrontare John Cena per il titolo in un incontro Last Man Standing e pertanto dopo che questi fu reso vacante Orton venne dichiarato campione da Vince McMahon all'inizio dell'evento
Il regno di Orton durò di fatto 22 minuti e 55 secondi, considerato dalla WWE il più breve degli anni duemila
[123][124]
83 Triple H 6 <1 Triple H sconfisse Randy Orton dopo essersi opposto alla sua assegnazione del titolo
Il regno di Triple H durò di fatto circa due ore, durante le quali difese il titolo contro Umaga, il cui incontro per l'evento fu già programmato, ma con la conquista del titolo da parte di Triple H vide il WWE Championship in palio
[124][125]
84 Randy Orton 2 203 In un incontro Last Man Standing dopo Vince McMahon sancì che il campione in carica Triple H avrebbe dovuto difendere il titolo nella stipulazione promessa dall'evento prima dell'infortunio di John Cena [124][126]
85 Triple H 7 27 aprile 2008 210 Baltimora, Maryland Backlash In un incontro a quattro a eliminazione che includeva anche John Bradshaw Layfield e John Cena
Con questa vittoria Triple H eguagliò The Rock per il primato di maggior numero di regni
Il 23 giugno 2008 il titolo tornò a essere un'esclusiva di SmackDown
[127][128]
86 Edge 3 23 novembre 2008 21 Boston, Massachusetts Survivor Series In un incontro a tre che includeva anche Vladimir Kozlov
In origine anche Jeff Hardy avrebbe dovuto prendere parte all'incontro, ma durante la serata fu dichiarato impossibilitato a partecipare a causa di un pestaggio (kayfabe) e Triple H e Kozlov iniziarono comunque il match prima che Edge vi prese parte come sostituto di Hardy, schienando Triple H per ottenere la vittoria
[129][130]
87 Jeff Hardy 1 14 dicembre 2008 42 Buffalo, New York Armageddon In un incontro a tre che includeva anche Triple H [131][132]
88 Edge 4 25 gennaio 2009 21 Detroit, Michigan Royal Rumble In un incontro senza squalifiche [133][134]
89 Triple H 8 15 febbraio 2009 70 Seattle, Washington No Way Out In una Elimination Chamber contro Big Show, Edge, Jeff Hardy, The Undertaker e Vladimir Kozlov
Con questa vittoria Triple H superò The Rock per il primato di maggior numero di regni
Il 13 aprile 2009 il titolo tornò a essere un'esclusiva di Raw
[135][136]
90 Randy Orton 3 26 aprile 2009 42 Providence, Rhode Island Backlash In un incontro di coppia a sei con Cody Rhodes e Ted DiBiase contro Batista, Shane McMahon e Triple H
Orton schienò Triple H per vincere l'incontro per la sua squadra e il titolo per sé stesso come da stipulazione
[137][138]
91 Batista 1 7 giugno 2009 2 New Orleans, Louisiana Extreme Rules In uno incontro nella gabbia d'acciaio [139][140]
Vacante 9 giugno 2009 Il titolo fu reso vacante a seguito dello strappo del bicipite sinistro di Batista e la WWE giustificò tale infortunio (reale) affermando che fosse stato causato a seguito di un attacco (kayfabe) da parte della Legacy (Cody Rhodes, Randy Orton e Ted DiBiase) ai danni di Batista nella puntata di Raw dell'8 giugno 2009
Il titolo rimase vacante per 6 giorni
[141]
92 Randy Orton 4 15 giugno 2009 90 Charlotte, Carolina del Nord Raw In un incontro a quattro contro Big Show, John Cena e Triple H [142][143]
93 John Cena 4 13 settembre 2009 21 Montréal, Canada Breaking Point In un "I quit" match [144][145]
94 Randy Orton 5 4 ottobre 2009 21 Newark, New Jersey Hell in a Cell In un incontro Hell in a Cell [146][147]
95 John Cena 5 25 ottobre 2009 49 Pittsburgh, Pennsylvania Bragging Rights In un icnontro Anything Goes Iron Man da 60 minuti vinto per 6–5
Se Cena avesse perso avrebbe dovuto lasciare Raw
[148][149]
96 Sheamus 1 13 dicembre 2009 70 San Antonio, Texas TLC: Tables, Ladders & Chairs In un incontro con i tavoli
Durante i suoi primi due regni con la cintura rotante le placche laterali avevano lo shamrock, un simbolo irlandese
Il 2 febbraio 2010 Vince McMahon annunciò che il programma televisivo della ECW sarebbe stato cancellato per fare spazio alla prima stagione di NXT a partire dal 23 febbraio 2010 e che la puntata del 16 febbraio seguente sarebbe stata l'ultima e l'ECW Championship venne ritirato, riportando a due i titoli mondiali attivi nella WWE
[150][151]
97 John Cena 6 21 febbraio 2010 <1 Saint Louis, Missouri Elimination Chamber In una Elimination Chamber contro Kofi Kingston, Randy Orton, Sheamus, Ted DiBiase e Triple H
Il regno di Cena durò di fatto 3 minuti e 33 secondi
[152]
98 Batista 2 35 Incontro concesso da Vince McMahon appena dopo l'Elimination Chamber match [153]
99 John Cena 7 28 marzo 2010 84 Glendale, Arizona WrestleMania XXVI [154]
100 Sheamus 2 20 giugno 2010 91 New York City, New York Fatal 4-Way In un incontro a quattro che includeva anche Edge e Randy Orton [155]
101 Randy Orton 6 19 settembre 2010 64 Rosemont, Illinois Night of Champions In un incontro a eliminazione six-pack challenge contro Chris Jericho, Edge, John Cena, Sheamus e Wade Barrett
Barrett sfruttò l'opportunità titolata ottenuta con la vittoria della prima stagione di NXT in questo incontro
[156]
102 The Miz 1 22 novembre 2010 160 Orlando, Florida Raw The Miz incassò la valigetta del Money in the Bank al termine dell'incontro tra Randy Orton e Wade Barrett
Nella puntata di Raw del 31 marzo 2011 The Miz introdusse la sua personale cintura, identica a quella rotante, ma con il logo WWE capovolto in modo da rappresentare l'iniziale del suo nome, la lettera M
[157]
103 John Cena 8 1º maggio 2011 77 Tampa, Florida Extreme Rules In un incontro a tre nella gabbia d'acciaio che includeva anche John Morrison
Con questa vittoria Cena eguagliò Triple H per il primato di maggior numero di regni
Nella puntata di Raw del 3 maggio 2010 The Miz sembò aver rivinto il titolo contro John Cena, ma circa un minuto dopo la fine dell'incontro l'arbitro annullò tale decisione dando la vittoria a Cena per squalifica dopo aver scoperto che The Miz usò la cintura per colpire Cena mentre il suo accompagnatore Alex Riley distraeva l'arbitro
[158]
104 CM Punk 1 17 luglio 2011 28 Rosemont, Illinois Money in the Bank CM Punk lasciò ufficialmente la federazione il giorno dopo aver vinto il titolo (kayfabe), ma ritornò nella puntata di Raw del 25 luglio 2011 e il suo regno venne ritenuto continuo in questo periodo [159]
Vacante 18 luglio 2011 Green Bay, Wisconsin Raw Il titolo fu dichiarato vacante dopo l'abbandono di CM Punk (kayfabe)
Il titolo rimase vacante per 7 giorni, ma con il ritorno di CM Punk nella puntata di Raw del 25 luglio 2011 ciò non è più riconosciuto dalla WWE e il regno di CM Punk ritenuto continuo in questo periodo fino al 14 agosto 2011
[37]
105 Rey Mysterio 1 25 luglio 2011 <1 Hampton, Virginia Raw Mysterio sconfisse The Miz nella finale di un torneo, rimanendo campione per circa un'ora
CM Punk venne ancora riconosciuto come campione
[160]
106 John Cena 9 20 Il direttore operativo Triple H decretò che Mysterio avrebbe dovuto sfidare l'ex campione John Cena
Con questa vittoria Cena superò lo stesso Triple H per il primato di maggior numero di regni, detenuto tuttora
CM Punk venne ancora riconosciuto come campione
[161]
CM Punk 1 14 agosto 2011 Los Angeles, California SummerSlam In un incontro contro John Cena per determinare il campione indiscusso con Triple H come arbitro speciale
Seppur campione indiscusso per 4 minuti e 14 secondi, questa vittoria di CM Punk non è considerata un nuovo regno, ma una continuazione del suo primo regno e pertanto come una difesa del titolo con successo
[162]
107 Alberto Del Rio 1 35 Alberto Del Rio incassò la valigetta del Money in the Bank dopo che Punk era stato attaccato da Kevin Nash
Dal 29 agosto 2011 con la fine della divisione in franchigie il titolo venne difeso sia a Raw sia a SmackDown
[163]
108 John Cena 10 18 settembre 2011 14 Buffalo, New York Night of Champions [164]
109 Alberto Del Rio 2 2 ottobre 2011 49 New Orleans, Louisiana Hell in a Cell In un incontro a tre Hell in a Cell che includeva anche CM Punk [165]
110 CM Punk 2 20 novembre 2011 434 New York City, New York Survivor Series Questo regno fu considerato dalla WWE il regno «più longevo dell'era moderna» (considerata dal 1988 con la fine del regno quadriennale di Hulk Hogan) e superò anche quello a Raw di Cena di 380 giorni considerando che CM Punk apparve principalmente a Raw per tutta la durata del suo regno, sebbene la divisione in franchigie si fosse già conclusa nel 2011, rimanendo comunque il campione più longevo nella storia di Raw da quando iniziò nel 1993 [166]
111 The Rock 8 27 gennaio 2013 70 Phoenix, Arizona Royal Rumble L'incontro venne inizialmente vinto da CM Punk a causa di un'interferenza dello Shield (Dean Ambrose, Roman Reigns e Seth Rollins), la cui interferenza avrebbe portato Vince McMahon a privare CM Punk del titolo, tuttavia The Rock convinse McMahon a far ripartire l'incontro e a rivincere il titolo dopo quasi undici anni
Nella puntata di Raw del 18 febbraio 2013 The Rock introdusse una nuova cintura dalla forma di un ettagono irregolare che iniziò la tradizione del campione di poter personalizzare le placche laterali delle cintura con l'eliminazione della targhetta recante il nome del campione a causa della più grande scritta «Champion»
[167]
112 John Cena 11 7 aprile 2013 133 East Rutherford, New Jersey WrestleMania 29 [168]
113 Daniel Bryan 1 18 agosto 2013 <1 Los Angeles, California SummerSlam Triple H era l'arbitro speciale
Il regno di Bryan durò di fatto 4 minuti e 7 secondi
[169]
114 Randy Orton 7 28 Orton incassò la valigetta del Money in the Bank dopo che Triple H aveva attaccato Bryan [170]
115 Daniel Bryan 2 15 settembre 2013 1 Detroit, Michigan Night of Champions [171]
Vacante 16 settembre 2013 Cleveland, Ohio Raw Il titolo fu reso vacante poiché Bryan sconfisse Orton con un conteggio veloce dell'arbitro (kayfabe)
Un successivo incontro tra i due a Battleground per la riassegnazione del titolo si concluse senza vincitore
Il titolo rimase vacante per 42 giorni
[172]
116 Randy Orton 8 27 ottobre 2013 161 Miami, Florida Hell in a Cell In un Hell in a Cell match contro Daniel Bryan con Shawn Michaels arbitro speciale
Il 15 dicembre 2013 a TLC: Tables, Ladders & Chairs Orton sconfisse in un inncontro con i tavoli anche John Cena per unificare il WWE Championship con il World Heavyweight Championship detenuto da Cena
A causa di ciò il titolo fu rinominato WWE World Heavyweight Championship
[173]
117 Daniel Bryan 3 6 aprile 2014 64 New Orleans, Louisiana WrestleMania XXX In un triple threat match che includeva anche Batista [174]
Vacante 9 giugno 2014 Minneapolis, Minnesota Raw Il titolo fu reso vacante a causa di un infortunio di Bryan al collo
Il titolo rimase vacante per 20 giorni
[175]
118 John Cena 12 29 giugno 2014 49 Boston, Massachusetts Money in the Bank In un incontro con le scale contro Alberto Del Rio, Bray Wyatt, Cesaro, Kane, Randy Orton, Roman Reigns e Sheamus che vide per la prima volta il titolo in palio con la stipulazione Money in the Bank [176]
119 Brock Lesnar 4 17 agosto 2014 224 Los Angeles, California SummerSlam Nella puntata di Raw del 18 agosto 2014 fu presentata a Lesnar una nuova cintura, che mantenne la forma di un ettagono irregolare, ma con la placca centrale con il nuovo logo della WWE e la riduzione della grande scritta in maiuscolo «Champion», rimpicciolita in «World Heavyweight Champion» per adattarsi al nuovo cambio di nome [177]
120 Seth Rollins 1 29 marzo 2015 221 Santa Clara, California WrestleMania 31 Rollins incassò la valigetta del Money in the Bank durante l'incontro singolo tra Brock Lesnar e Roman Reigns, trasformandolo in un triple threat match e schienando Reigns per ottenere la vittoria del titolo
Il 31 maggio 2015 a Elimination Chamber Dean Ambrose sembrò aver vinto il titolo dopo aver schienato Rollins al suo giorno 63 come campione, ma circa due minuti dopo la decisione fu ribaltata in quanto Rollins si fece scudo dell'arbitro, che venne accidentalmente colpito da Ambrose (kayfabe), a cui venne assegnata solo la vittoria per squalifica e non garantendogli il titolo (come da regola), che rimase a Rollins per altri 157 o 158 giorni
[178]
Vacante 5 novembre 2015 Il titolo fu reso vacante dopo che nell'evento dal vivo a Dublino in Irlanda del 4 novembre 2015 Rollins riportò la rottura del legamento crociato anteriore, del legamento collaterale e del menisco mediale del ginocchio
Sebbene l'annuncio ufficiale del titolo vacante si ebbe solo il giorno dopo, la WWE riconosce il regno di Rollins dalla durata di 220 giorni, ovvero dal 29 marzo 2015 al 4 novembre 2015, data in cui avvenne l'infortunio
A causa di ciò il titolo rimase vacante per 17 o 18 giorni
[179]
121 Roman Reigns 1 22 novembre 2015 <1 Atlanta, Georgia Survivor Series Reigns sconfisse Dean Ambrose nella finale di un torneo per la riassegnazione del titolo
Il regno di Reigns durò di fatto 5 minuti e 15 secondi
[180]
122 Sheamus 3 22 Sheamus incassò la valigetta del Money in the Bank [181]
123 Roman Reigns 2 14 dicembre 2015 41 Filadelfia, Pennsylvania Raw In un incontro titolo contro carriera [182]
124 Triple H 9 24 gennaio 2016 70 Orlando, Florida Royal Rumble Nella Royal Rumble eliminando per ultimo Dean Ambrose e il campione in carica Reigns per penultimo [183]
125 Roman Reigns 3 3 aprile 2016 77 Arlington, Texas WrestleMania 32 [184]
126 Seth Rollins 2 19 giugno 2016 <1 Las Vegas, Nevada Money in the Bank Il regno di Rollins durò di fatto 1 minuto e 51 secondi, considerato dalla WWE il più breve degli anni duemiladieci [185]
127 Dean Ambrose 1 84 Ambrose incassò la valigetta del Money in the Bank
Il 27 giugno 2016 il titolo venne rinominato brevemente WWE Championship in quanto divenne un'esclusiva di SmackDown dopo la reintroduzione della divisione in franchigie mentre per la seconda volta nella sua storia a Raw fu istituito un secondo titolo mondiale, il WWE Universal Championship, vinto da Finn Bálor contro Rollins il 21 agosto 2016 a SummerSlam, con il WWE Championship rinominato WWE World Championship il 26 luglio 2016, sebbene la cintura continuò e continua tuttora a leggere «World Heavyweight Champion»
[185][186]
128 AJ Styles 1 11 settembre 2016 140 Richmond, Virginia Backlash Il 10 dicembre 2016 il titolo fu rinominato WWE Championship
Ciononostante la cintura mantiene tuttora la scritta «World Heavyweight Champion»
[187]
129 John Cena 13 29 gennaio 2017 14 San Antonio, Texas Royal Rumble Con questa vittoria e i tre regni con il World Heavyweight Championship Cena eguagliò il primato per il maggior numero di titoli mondiali complessivi detenuto da Ric Flair e riconosciuto dalla WWE con 16 [188]
130 Bray Wyatt 1 12 febbraio 2017 49 Phoenix, Arizona Elimination Chamber In una Elimination Chamber contro AJ Styles, Baron Corbin, Dean Ambrose, John Cena e The Miz [189]
131 Randy Orton 9 2 aprile 2017 49 Orlando, Florida WrestleMania 33 [190]
132 Jinder Mahal 1 21 maggio 2017 170 Rosemont, Illinois Backlash [191]
133 AJ Styles 2 7 novembre 2017 371 Manchester, Inghilterra SmackDown Live Si trattò del regno più longevo nella storia di SmackDown, oltre che del primo e unico cambio di titolo al di fuori del Nord America, considerando che il torneo di Rio de Janeiro fosse in realtà fittizio
Nella puntata di SmackDown Live del 13 dicembre 2017 Styles indossò una cintura identica a quella tuttora in uso, eccetto per la lineetta sotto il logo WWE nella placca centrale di colore nero invece che rosso, tuttavia già dalla puntata di SmackDown Live successiva il colore della lineetta sotto il logo WWE tornò a essere rosso
[192]
134 Daniel Bryan 4 13 novembre 2018 145 Saint Louis, Missouri SmackDown Live Nella puntata di SmackDown Live del 29 gennaio 2019 Bryan introdusse una nuova versione della cintura identica a quella tuttora in uso, ma secondo le parole di Bryan fatta interamente di materiali ecosostenibili [193]
135 Kofi Kingston 1 7 aprile 2019 138+ East Rutherford, New Jersey WrestleMania 35 A seguito della vittoria di Kingston la cintura è tornata alla sua precedente versione [194]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

John Cena con la versione rotante del titolo, di cui detiene il primato di maggior numero di regni come campione con tredici
Il membro della WWE Hall of Fame Bruno Sammartino, il cui regno come campione (2.803 giorni) è il più longevo nella storia della WWE, detiene il primato del maggior numero di giorni combinati
André the Giant detiene il primato negativo per il regno titolato più breve con 1 minuto e 48 secondi, ma anche quello di campione più alto con 224 cm secondo la WWE
Vince McMahon, il proprietario della WWE, è il campione più anziano, avendo vinto il titolo all'età di 54 anni e 34 giorni
Brock Lesnar detiene il primato di campione più giovane, avendo vinto il titolo all'età di 25 anni e 44 giorni
Yokozuna detiene il primato di campione più pesante, raggiungendo il picco a SummerSlam nel 1993, venendo annunciato con il peso di 258 kg
Rey Mysterio è riconosciuto dalla WWE come il campione più basso e leggero, rispettivamente con un'altezza di 168 cm e 79 kg, ma anche quello che insieme a André the Giant non è durato un giorno da campione
Primato Detentore Note
Primo campione Buddy Rogers 25 aprile 1963
Maggior numero di regni John Cena 13
Regno più lungo Bruno Sammartino 2.803 giorni
Regno più breve André the Giant 1 minuto e 48 secondi
Campione più anziano Vince McMahon 54 anni, 34 giorni
Campione più giovane Brock Lesnar 25 anni, 44 giorni
Campione più alto André the Giant 224 cm
Campione più basso Rey Mysterio 168 cm
Campione più pesante Yokozuna 258 kg
Campione più leggero Rey Mysterio 79 kg

Lista combinata dei regni[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 23 agosto 2019.

Legenda
# Indica il numero del campione in ordine dal maggior numero totale di giorni combinati
Campione Indica il nome più noto utilizzato dal campione
Regni Indica il numero totale di regni
Regni riconosciuti dalla WWE Indica il numero di regni riconosciuti dalla WWE
Giorni combinati Indica il numero totale di giorni combinati
Giorni combinati riconosciuti dalla WWE Indica il numero di giorni combinati riconosciuti dalla WWE
Simboli Significato
Indica il campione in carica
Indica che il regno non è riconosciuto dalla WWE
<1 Indica che il regno è durato meno di un giorno
+ Indica che il regno è ancora in corso
# Campione Regni Regni
riconosciuti dalla WWE
Giorni combinati Giorni combinati
riconosciuti dalla WWE
1 Bruno Sammartino 2 4.040
2 Hulk Hogan 6 2.185 2.189
3 Bob Backlund 4 2 2.086 2.138
4 John Cena 13 1.254
5 Pedro Morales 1 1.027
6 Randy Orton 9 658
7 Bret Hart 5 654
8 Triple H 9 609 611
9 Brock Lesnar 4 579 577
10 Stone Cold Steve Austin 6 529
11 Randy Savage 2 520 533
12 AJ Styles 2 511
13 CM Punk 2 462
14 Shawn Michaels 3 396
15 The Rock 8 367 378
16 Diesel 1 358
17 Kurt Angle 4 297 299
18 Superstar Billy Graham 1 296
19 The Ultimate Warrior 1 293
20 John Bradshaw Layfield 1 280
Yokozuna 2 280
22 The Undertaker 4 238
23 Seth Rollins 2 221 220
24 Daniel Bryan 4 210
25 Sheamus 3 183
26 Jinder Mahal 1 170
27 The Miz 1 160
28 Edge 4 139
29 Kofi Kingston 1 138+
30 Eddie Guerrero 1 133
31 Ric Flair 2 118 105
Roman Reigns 3 118
33 Chris Jericho 2 1 98
34 Sycho Sid 2 97
35 Alberto Del Rio 2 84
Dean Ambrose 1 84
37 Big Show 2 78
38 Sgt. Slaughter 1 64
39 Bray Wyatt 1 49
40 Mankind 3 47 36
41 Jeff Hardy 1 42
42 Batista 2 37
43 Buddy Rogers 1 36 22
44 The Iron Sheik 1 28
45 Rob Van Dam 1 22
46 Ivan Koloff 1 21
47 Stan Stasiak 1 9
Ted DiBiase 1 8
48 Vince McMahon 1 6 4
Antonio Inoki 1 6
49 Kane 1 1
50 Rey Mysterio 1 <1 2:00:00
51 André the Giant 1 01:48

Lista dei regni[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 23 agosto 2019.

Legenda
# Indica il numero del regno in ordine dal maggior numero di giorni
Campione Indica il nome utilizzato dal campione in quel determinato regno
Regno Indica il numero di quel determinato regno
Vittoria Indica la data della vittoria
Sconfitta Indica la data della sconfitta
Simboli Significato
Indica il campione in carica
Indica che il regno non è riconosciuto dalla WWE
<1 Indica che il regno è durato meno di un giorno
+ Indica che il regno è ancora in corso
# Campione Regno Giorni Vittoria Sconfitta
1 Bruno Sammartino 1 2.803 17 maggio 1963 18 gennaio 1971
2 Bob Backlund 1 2.135 20 febbraio 1978 26 dicembre 1983
3 Hulk Hogan 1 1.474 23 gennaio 1984 5 febbraio 1988
4 Bruno Sammartino 2 1.237 10 dicembre 1973 30 aprile 1977
5 Pedro Morales 1 1.027 8 febbraio 1971 1º dicembre 1973
Bob Backlund 763 23 novembre 1981 26 dicembre 1983
Bob Backlund 672 17 dicembre 1979 19 ottobre 1981
Bob Backlund 648 20 febbraio 1978 30 novembre 1979
6 CM Punk 2 434 20 novembre 2011 27 gennaio 2013
7 John Cena 3 380 17 settembre 2006 2 ottobre 2007
8 Randy Savage 1 371 27 marzo 1988 2 aprile 1989
AJ Styles 2 7 novembre 2017 13 novembre 2018
10 Hulk Hogan 2 364 2 aprile 1989 1º aprile 1990
11 Diesel 1 358 26 novembre 1994 19 novembre 1995
12 Superstar Billy Graham 1 296 20 aprile 1977 20 febbraio 1978
13 The Ultimate Warrior 1 293 1º aprile 1990 19 gennaio 1991
14 Yokozuna 2 280 13 giugno 1993 20 marzo 1994
John Bradshaw Layfield 1 27 giugno 2004 3 aprile 2005
John Cena 1 3 aprile 2005 8 gennaio 2006
17 Hulk Hogan 3 248 24 marzo 1991 27 novembre 1991
Bret Hart 2 20 marzo 1994 23 novembre 1994
19 Shawn Michaels 1 231 31 marzo 1996 17 novembre 1996
20 Brock Lesnar 4 224 17 agosto 2014 29 marzo 2015
21 Seth Rollins 1 221 29 marzo 2015 5 novembre 2015
22 Triple H 7 210 27 aprile 2008 23 novembre 2008
23 Randy Orton 2 203 7 ottobre 2007 27 aprile 2008
24 Stone Cold Steve Austin 5 175 1º aprile 2001 23 settembre 2001
25 Bret Hart 1 174 12 ottobre 1992 4 aprile 1993
26 Jinder Mahal 1 170 21 maggio 2017 7 novembre 2017
27 Randy Orton 1 161 27 ottobre 2013 6 aprile 2014
28 The Miz 1 160 22 novembre 2010 1º maggio 2011
29 Brock Lesnar 3 152 16 settembre 2003 15 febbraio 2004
30 Randy Savage 2 149 5 aprile 1992 1º settembre 1992
31 Daniel Bryan 4 145 13 novembre 2018 7 aprile 2019
32 AJ Styles 1 140 11 settembre 2016 29 gennaio 2017
Shawn Michaels 3 9 novembre 1997 29 marzo 1998
34 Kofi Kingston 1 138+ 7 aprile 2019 In carica
35 Bret Hart 3 133 19 novembre 1995 31 marzo 1996
The Undertaker 2 23 marzo 1997 3 agosto 1997
Eddie Guerrero 1 15 febbraio 2004 27 giugno 2004
John Cena 2 29 gennaio 2006 11 giugno 2006
John Cena 11 7 aprile 2013 18 agosto 2013
40 Kurt Angle 1 126 22 ottobre 2000 25 febbraio 2001
41 The Rock 5 119 25 giugno 2000 22 ottobre 2000
Brock Lesnar 2 30 marzo 2003 27 luglio 2003
43 Triple H 3 118 3 gennaio 2000 30 aprile 2000
44 Kurt Angle 3 105 15 dicembre 2002 30 marzo 2003
45 Bret Hart 5 98 3 agosto 1997 9 novembre 1997
Chris Jericho 1 9 dicembre 2001 17 marzo 2002
47 Stone Cold Steve Austin 1 91 29 marzo 1998 28 giugno 1998
Sheamus 2 20 giugno 2010 19 settembre 2010
49 Stone Cold Steve Austin 2 90 29 giugno 1998 28 settembre 1998
Randy Orton 4 15 giugno 2009 13 settembre 2009
51 Brock Lesnar 1 84 25 agosto 2002 17 novembre 2002
John Cena 7 28 marzo 2010 20 giugno 2010
Dean Ambrose 1 19 giugno 2016 11 settembre 2016
54 Ric Flair 1 77 19 gennaio 1992 5 aprile 1992
John Cena 8 1º maggio 2011 17 luglio 2011
Roman Reigns 3 3 aprile 2016 19 giugno 2016
57 Edge 2 76 3 luglio 2006 17 settembre 2006
58 Hulk Hogan 5 70 4 aprile 1993 13 giugno 1993
Triple H 8 15 febbraio 2009 26 aprile 2009
Sheamus 1 13 dicembre 2009 21 febbraio 2010
The Rock 8 27 gennaio 2013 7 aprile 2013
Triple H 9 24 gennaio 2016 3 aprile 2016
63 Sgt. Slaughter 1 64 19 gennaio 1991 24 marzo 1991
Randy Orton 6 19 settembre 2010 22 novembre 2010
Daniel Bryan 3 6 aprile 2014 9 giugno 2014
66 Sycho Sid 1 63 17 novembre 1996 19 gennaio 1997
The Undertaker 4 19 maggio 2002 21 luglio 2002
68 Stone Cold Steve Austin 6 62 8 ottobre 2001 9 dicembre 2001
69 Stone Cold Steve Austin 3 56 28 marzo 1999 23 maggio 1999
70 Stone Cold Steve Austin 4 55 28 giugno 1999 22 agosto 1999
71 Kurt Angle 4 51 27 luglio 2003 16 settembre 2003
72 Big Show 1 50 14 novembre 1999 3 gennaio 2000
73 Triple H 2 49 26 settembre 1999 14 novembre 1999
John Cena 5 25 ottobre 2009 13 dicembre 2009
Alberto Del Rio 2 2 ottobre 2011 20 novembre 2011
John Cena 12 29 giugno 2014 17 agosto 2014
Bray Wyatt 1 12 febbraio 2017 1º aprile 2017
Randy Orton 9 2 aprile 2017 21 maggio 2017
79 The Rock 1 44 15 novembre 1998 29 dicembre 1998
80 Jeff Hardy 1 42 14 dicembre 2008 25 gennaio 2009
Randy Orton 3 26 aprile 2009 7 giugno 2009
82 Ric Flair 2 41 1º settembre 1992 12 ottobre 1992
The Rock 3 15 febbraio 1999 28 marzo 1999
Roman Reigns 2 14 dicembre 2015 24 gennaio 2016
85 Buddy Rogers 1 36 11 aprile 1963 17 maggio 1963
The Undertaker 3 23 maggio 1999 28 giugno 1999
87 Triple H 4 35 21 maggio 2000 25 giugno 2000
The Rock 6 25 febbraio 2001 1º aprile 2001
Triple H 5 17 marzo 2002 21 aprile 2002
The Rock 7 21 luglio 2002 25 agosto 2002
Batista 2 21 febbraio 2010 28 marzo 2010
Alberto Del Rio 1 14 agosto 2011 18 settembre 2011
93 Sycho Sid 2 34 17 febbraio 1997 23 marzo 1997
94 The Iron Sheik 1 28 26 dicembre 1983 23 gennaio 1984
Hollywood Hulk Hogan 6 21 aprile 2002 19 maggio 2002
Big Show 2 17 novembre 2002 15 dicembre 2002
CM Punk 1 17 luglio 2011 14 agosto 2011
Randy Orton 7 18 agosto 2013 15 settembre 2013
99 Mankind 1 26 29 dicembre 1998 24 gennaio 1999
100 Shawn Michaels 2 25 19 gennaio 1997 13 febbraio 1997
101 Triple H 1 22 23 agosto 1999 14 settembre 1999
Rob Van Dam 1 11 giugno 2006 3 luglio 2006
Sheamus 3 22 novembre 2015 14 dicembre 2015
104 Ivan Koloff 1 21 18 gennaio 1971 8 febbraio 1971
The Rock 4 30 aprile 2000 21 maggio 2000
Edge 1 8 gennaio 2006 29 gennaio 2006
Edge 3 23 novembre 2008 14 dicembre 2008
Edge 4 25 gennaio 2009 15 febbraio 2009
John Cena 4 13 settembre 2009 4 ottobre 2009
Randy Orton 5 4 ottobre 2009 25 ottobre 2009
111 Mankind 2 20 26 gennaio 1999 15 febbraio 1999
John Cena 9 25 luglio 2011 14 agosto 2011
113 Kurt Angle 2 15 23 settembre 2001 8 ottobre 2001
114 John Cena 10 14 18 settembre 2011 2 ottobre 2011
John Cena 13 29 gennaio 2017 12 febbraio 2017
116 Stan Stasiak 1 9 1º dicembre 1973 10 dicembre 1973
Ted DiBiase 8 5 febbraio 1988 13 febbraio 1988
Antonio Inoki 6 30 novembre 1979 6 dicembre 1979
117 The Undertaker 1 6 27 novembre 1991 3 dicembre 1991
Vince McMahon 1 14 settembre 1999 20 settembre 1999
119 Bob Backlund 2 3 23 novembre 1994 26 novembre 1994
120 The Rock 2 2 24 gennaio 1999 26 gennaio 1999
Batista 1 7 giugno 2009 9 giugno 2009
122 Hulk Hogan 4 1 3 dicembre 1991 4 dicembre 1991
Bret Hart 4 16 febbraio 1997 17 febbraio 1997
Kane 1 28 giugno 1998 29 giugno 1998
Mankind 3 22 agosto 1999 23 agosto 1999
Daniel Bryan 2 15 settembre 2013 16 settembre 2013
127 Triple H 6 <1
(2:30:00)
7 ottobre 2007
128 Rey Mysterio 1 <1
(2:00:00)
25 luglio 2011
129 Randy Orton 1 <1
(24:00)
7 ottobre 2007
Chris Jericho <1
(15:00)
17 aprile 2000
130 Daniel Bryan 1 <1
(5:25)
18 agosto 2013
131 Roman Reigns 1 <1
(5:15)
22 novembre 2015
132 Yokozuna 1 <1
(02:30)
4 aprile 1993
133 Seth Rollins 2 <1
(1:51)
19 giugno 2016
134 John Cena 6 <1
(1:10)
21 febbraio 2010
135 André the Giant 1 <1
(00:45)
5 febbraio 1988

Lista dei campioni[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
N. Indica il numero del campione in ordine cronologico
Campione Indica il nome del campione con la bandiera dell'atleta nella vita reale
Nazione Indicata la nazione di provenienza del personaggio quando era campione
Note Indica ulteriori informazioni aggiuntive degne di nota
N. Campione Nazione Note
1 Stati Uniti Buddy Rogers Stati Uniti Stati Uniti d'America Essendo il primo campione, Buddy Rogers fu anche il primo campione statunitense tra gli altri 38 in totale o 37 tra quelli riconosciuti dalla WWE
2 Italia Bruno Sammartino Italia Italia Bruno Sammartino fu il primo e unico campione italiano
3 Canada Ivan Koloff URSS Unione Sovietica Ivan Koloff è riconosciuto dalla WWE come il primo e unico campione sovietico, sebbene in realtà fu il primo campione canadese
4 Porto Rico Pedro Morales Porto Rico Porto Rico Pedro Morales fu il primo e unico campione portoricano, nonché il primo campione latino
5 Canada Stan Stasiak Stati Uniti Stati Uniti d'America Stan Stasiak è riconosciuto dalla WWE come il secondo campione statunitense, sebbene in realtà fu il secondo campione canadese
6 Stati Uniti Superstar Billy Graham Stati Uniti Stati Uniti d'America
7 Stati Uniti Bob Backlund Stati Uniti Stati Uniti d'America
8 Iran The Iron Sheik Iran Iran The Iron Sheik fu il primo e unico campione iraniano
9 Stati Uniti Hulk Hogan Stati Uniti Stati Uniti d'America
10 Francia André the Giant Francia Francia André the Giant fu il primo e unico campione francese
11 Stati Uniti Randy Savage Stati Uniti Stati Uniti d'America
12 Stati Uniti The Ultimate Warrior Stati Uniti Stati Uniti d'America
13 Stati Uniti Sgt. Slaughter Stati Uniti Stati Uniti d'America
14 Stati Uniti The Undertaker Stati Uniti Stati Uniti d'America
15 Stati Uniti Ric Flair Stati Uniti Stati Uniti d'America
16 Canada Bret Hart Canada Canada Bret Hart è riconosciuto dalla WWE come il primo campione canadese, sebbene in realtà ne fu il terzo
17 Stati Uniti Yokozuna Giappone Giappone Yokozuna è riconosciuto dalla WWE come il primo e unico campione giapponese, sebbene in realtà fosse il decimo campione statunitense
18 Stati Uniti Diesel Stati Uniti Stati Uniti d'America
19 Stati Uniti Shawn Michaels Stati Uniti Stati Uniti d'America
20 Stati Uniti Sycho Sid Stati Uniti Stati Uniti d'America
21 Stati Uniti Stone Cold Steve Austin Stati Uniti Stati Uniti d'America
22 Stati Uniti Kane Stati Uniti Stati Uniti d'America Kane fu il primo atleta mascherato a vincere il titolo
23 Stati Uniti The Rock Stati Uniti Stati Uniti d'America The Rock fu il primo e unico campione birazziale
24 Stati Uniti Mankind Stati Uniti Stati Uniti d'America Mankind fu il secondo atleta mascherato a vincere il titolo
25 Stati Uniti Triple H Stati Uniti Stati Uniti d'America
26 Stati Uniti Vince McMahon Stati Uniti Stati Uniti d'America
27 Stati Uniti Big Show Stati Uniti Stati Uniti d'America
28 Stati Uniti Kurt Angle Stati Uniti Stati Uniti d'America
29 Stati Uniti Chris Jericho Canada Canada Chris Jericho è riconosciuto dalla WWE come il secondo campione canadese, sebbene in realtà fosse il ventunesimo campione statunitense
30 Stati Uniti Brock Lesnar Stati Uniti Stati Uniti d'America
31 Stati Uniti Eddie Guerrero Stati Uniti Stati Uniti d'America
32 Stati Uniti John Bradshaw Layfield Stati Uniti Stati Uniti d'America
33 Stati Uniti John Cena Stati Uniti Stati Uniti d'America
34 Canada Edge Canada Canada Edge è riconosciuto dalla WWE come il terzo e ultimo campione canadese, sebbene in realtà ne fosse il quarto di cinque
35 Stati Uniti Rob Van Dam Stati Uniti Stati Uniti d'America
36 Stati Uniti Randy Orton Stati Uniti Stati Uniti d'America
37 Stati Uniti Jeff Hardy Stati Uniti Stati Uniti d'America
38 Stati Uniti Batista Stati Uniti Stati Uniti d'America
39 Irlanda Sheamus Irlanda Irlanda Sheamus fu il primo e unico campione irlandese
40 Stati Uniti The Miz Stati Uniti Stati Uniti d'America
41 Stati Uniti CM Punk Stati Uniti Stati Uniti d'America
42 Stati Uniti Rey Mysterio Stati Uniti Stati Uniti d'America Rey Mysterio fu il terzo e ultimo atleta mascherato a vincere il titolo
43 Messico Alberto Del Rio Messico Messico Alberto Del Rio fu il primo e unico campione messicano, nonché il secondo e ultimo campione latino
44 Stati Uniti Daniel Bryan Stati Uniti Stati Uniti d'America
45 Stati Uniti Seth Rollins Stati Uniti Stati Uniti d'America
46 Stati Uniti Roman Reigns Stati Uniti Stati Uniti d'America
47 Stati Uniti Dean Ambrose Stati Uniti Stati Uniti d'America
48 Stati Uniti AJ Styles Stati Uniti Stati Uniti d'America
49 Stati Uniti Bray Wyatt Stati Uniti Stati Uniti d'America
50 Canada Jinder Mahal India India Jinder Mahal è riconosciuto dalla WWE come il primo e unico campione indiano, sebbene in realtà fosse il quinto e ultimo campione canadese
51 Ghana Kofi Kingston Ghana Ghana Kingston è il primo e unico campione africano e ghanese, sebbene in realtà sia naturalizzato statunitense e dal 2007 al 2009 fosse annunciato come giamaicano

Totale:

Totale riconosciuto dalla WWE:

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rogers' 1st reign, su wwe.com, WWE.
  2. ^ (EN) WWE Entertainment, Inc. acquires WCW from Turner Broadcasting, su corporate.wwe.com, WWE Corporate (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2014).
  3. ^ (EN) WWE Raw Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling. URL consultato il 31 luglio 2016.
  4. ^ (EN) Monday Night Raw – November 19, 2001: That's One Heck Of A Reset, su kbwrestlingreviews.com, KB's Wrestling Reviews, 29 luglio 2012. URL consultato il 31 luglio 2016.
  5. ^ WWE Entertainment To Make Raw and SmackDown Distinct Television Brands, su corporate.wwe.com.
  6. ^ Brock Lesnar Biography at SLAM! Sports, su SLAM! Sports: Wrestling, Canadian Online Explorer. URL consultato il 21 dicembre 2008.
    «Dopo la puntata di Raw del 22 luglio Lesnar disertò per SmackDown di Stephanie McMahon. Lesnar decise di rimanere esclusivamente a SmackDown, costringendo Eric Bischoff di Raw a creare il proprio titolo mondiale».
  7. ^ Vince Mcmahon Biography at SLAM! Sports, su SLAM! Sports: Wrestling, Canadian Online Explorer. URL consultato il 21 dicembre 2008.
    «L'intero parco atleti WWE fu diviso in due campi separati, con alcune rivalità (soprattutto tra i futuri direttori generali Eric Bischoff e Stephanie McMahon) aventi luogo».
  8. ^ a b Paul Nemer, Full WWE RAW Results - 9/2/02, WrestleView, 2 settembre 2002. URL consultato il 20 dicembre 2008.
  9. ^ Louie Dee, Draft History, World Wrestling Entertainment, 7 giugno 2007. URL consultato il 21 dicembre 2008.
  10. ^ 2005 WWE Draft Lottery, World Wrestling Entertainment, 13 giugno 2005. URL consultato il 21 dicembre 2008.
  11. ^ Aubrey Sitterson, A Draft disaster, WWE, 23 giugno 2008. URL consultato il 20 dicembre 2008.
  12. ^ SmackDown results: Truth and Consequences, WWE. URL consultato il 30 luglio 2011.
  13. ^ WWE SummerSlam '11, su profightdb.com.
  14. ^ WWE World Heavyweight Championship, WWE.com. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  15. ^ a b Chris Jericho Becomes First Undisputed Champion of Professional Wrestling, WWE, 9 dicembre 2001. URL consultato il 17 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2006).
  16. ^ a b c World Wrestling Federation Entertainment Drops The "F" To Emphasize the "E" for Entertainment, WWE, 6 maggio 2002. URL consultato il 17 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2009).
  17. ^ Undertaker vs. Hulk Hogan for the WWE Championship, WWE, 19 maggio 2002. URL consultato il 17 ottobre 2008.
  18. ^ a b Paul Nemer, Full WWE Raw Results – 9/2/02, WrestleView.com, 2 settembre 2002. URL consultato il 24 novembre 2009.
  19. ^ (EN) Raw, June 27, 2016, su wwe.com, WWE, 27 giugno 2016. URL consultato il 29 giugno 2016.
  20. ^ (EN) WWE Championship, su wwe.com, WWE, 29 giugno 2016. URL consultato il 29 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2016).
  21. ^ Superstars' custom championships: photos, WWE. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  22. ^ Custom WWE World Championships in the sports world: photos, WWE. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  23. ^ (EN) Louie Dee, Draft History, su wwe.com, World Wrestling Entertainment, 6 giugno 2007. URL consultato il 31 luglio 2016.
  24. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Buddy Rogers, su WWE, 22 novembre 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  25. ^ (EN) Buddy Rogers, su WWE. URL consultato il 22 novembre 2015.
    «Così nel 1961, quando detronizzò Pat O'Connor per il titolo del mondo NWA al Comiskey Park di Chicago [...]».
  26. ^ (EN) 1963, su thehistoryofwwe.com. URL consultato il 22 novembre 2015.
    «25 gennaio 1963: la World Wide Wrestling Federation (WWWF) si formò quando i promotori degli Stati Uniti d'America nond-orientali rifiutarono di riconoscere la sconfitta in un incontro singolo per il titolo NWA. La vera ragione fu che Vince McMahon Sr. volle mantenere Roggers come il campione del proprio territorio dal momento che venivano fatti molti soldi dal suo regno titolato. Rogers continuò a lottare come «campione del mondo» nella regione del Nordest e venne riconosciuto come «campione del mondo» a partire da aprile».
  27. ^ (EN) 1963, su thehistoryofwwe.com. URL consultato il 22 novembre 2015.
    «Il campione del mondo Buddy Rogers sconfisse Bobo Brazil».
  28. ^ (EN) 1963, su thehistoryofwwe.com. URL consultato il 22 novembre 2015.
    «Il campione del mondo WWWF Buddy Rogers combatté Bruno Sammartino in un incontro terminato senza vincitore; fu prima di questa contesa che Rogers ricevette il titolo mondiale WWWF sebbene fosse annunciato come «campione del mondo» sin da gennaio».
  29. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Bruno Sammartino, su WWE, 22 novembre 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  30. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Ivan Koloff, su WWE, 22 novembre 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  31. ^ Pedro Morales's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  32. ^ Stan Stasiak's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  33. ^ Bruno Sammartino's second reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  34. ^ Billy Graham's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  35. ^ a b c d e f Bob Backlund's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  36. ^ a b c d e f Bob Backlund bio, WWE. URL consultato il 20 agosto 2012.
  37. ^ a b c d e f WWWF/WWF/WWE Heavyweight Title History, The History of the WWE. URL consultato il 2 agosto 2012.
  38. ^ The Iron Sheik's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  39. ^ Hulk Hogan's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  40. ^ a b c Andre the Giant's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  41. ^ Randy Savage's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  42. ^ Hulk Hogan's second reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  43. ^ The Ultimate Warrior's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  44. ^ Sgt. Slaughter's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  45. ^ Hulk Hogan's third reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  46. ^ The Undertaker's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  47. ^ a b Hulk Hogan's fourth reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  48. ^ Ric Flair's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  49. ^ Randy Savage's second reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  50. ^ Ric Flair's second reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  51. ^ Bret Hart's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  52. ^ Yokozuna's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  53. ^ Hulk Hogan's fifth reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  54. ^ Yokozuna's second reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  55. ^ Bret Hart's second reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  56. ^ Bob Backlund's second reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  57. ^ Diesel's first reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  58. ^ Bret Hart's third reign, WWE. URL consultato il 20 marzo 2007.
  59. ^ Shawn Michaels's reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  60. ^ Sycho Sid's first reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  61. ^ a b Shawn Michaels's second reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  62. ^ Bret Hart's fourth reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  63. ^ Sycho Sid's second reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  64. ^ The Undertaker's second reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  65. ^ Bret Hart's fifth reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  66. ^ Shawn Michaels's third reign, WWE. URL consultato il 21 marzo 2007.
  67. ^ Steve Austin's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  68. ^ Kane's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  69. ^ a b Steve Austin's second reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  70. ^ The Rock's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  71. ^ Mankind's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  72. ^ The Rock's second reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  73. ^ Mankind's second reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  74. ^ The Rock's third reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  75. ^ Steve Austin's third reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  76. ^ The Undertaker's third reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  77. ^ Steve Austin's fourth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  78. ^ Mankind's third reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  79. ^ Triple H's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  80. ^ a b Mr. McMahon's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  81. ^ Sebbene vinse il titolo con il nome di Vince McMahon (poiché all'epoca non poteva più apparire nei programmi televisivi della WWF dopo aver perso la rivalità con Stone Cold Steve Austin e che quindi apparve interpretando se stesso e non più quello del dispotico capo della federazione), la WWE ha sempre inserito il nome Mr. McMahon nell'albo d'oro del titolo.
  82. ^ Triple H's second reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  83. ^ The Big Show's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  84. ^ Triple H's third reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  85. ^ (EN) Bobby Melok, The secret history of phantom title changes, su wwe.com, WWE, 12 dicembre 2012. URL consultato il 30 novembre 2018.
  86. ^ (EN) The secret history of phantom title changes: photos, su wwe.com, WWE, 12 dicembre 2012. URL consultato il 30 novembre 2018.
  87. ^ (EN) The secret history of phantom title changes: videos, su wwe.com, WWE, 12 dicembre 2012. URL consultato il 30 novembre 2018.
  88. ^ The Rock's fourth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  89. ^ WWE Championship - The Rock, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  90. ^ The Rock's fifth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  91. ^ Kurt Angle's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  92. ^ The Rock's sixth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  93. ^ Steve Austin's fifth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  94. ^ Kurt Angle's second reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  95. ^ Steve Austin's sixth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  96. ^ Chris Jericho's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  97. ^ Lita's second time after losing wwf champion by reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  98. ^ Hulk Hogan's sixth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  99. ^ The Undertaker's fourth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  100. ^ The Rock's seventh reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  101. ^ Brock Lesnar's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  102. ^ The Big Show's second reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  103. ^ Kurt Angle's third reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  104. ^ Brock Lesnar's second reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  105. ^ Kurt Angle's fourth reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  106. ^ Brock Lesnar's third reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  107. ^ Eddie Guerrero's first reign, WWE. URL consultato il 22 marzo 2007.
  108. ^ Jaya Roopansingh, Guerrero crowned at No Way Out, SLAM! Wrestling, 16 febbraio 2004. URL consultato il 24 novembre 2009.
  109. ^ John Bradshaw Layfield's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  110. ^ Adam Martin, WWE Great American Bash (SmackDown) PPV Results – 6/27/04, WrestleView, 27 giugno 2004. URL consultato il 24 novembre 2009.
  111. ^ John Cena's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  112. ^ Adam Martin, WWE WrestleMania 21 PPV Results – 4/3/05 – Los Angeles, CA, WrestleView, 3 aprile 2005. URL consultato il 24 novembre 2009.
  113. ^ Edge's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  114. ^ Chris Sokol, Edge surprise champ after Revolution, SLAM! Wrestling, 9 gennaio 2006. URL consultato il 24 novembre 2009.
  115. ^ John Cena's second reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  116. ^ Adam Martin, Royal Rumble (RAW/SmackDown) PPV Results – 1/29/06 – Miami, FL, WrestleView, 29 gennaio 2006. URL consultato il 24 novembre 2009.
  117. ^ Rob Van Dam's first reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  118. ^ Adam Martin, ECW One Night Stand PPV Results – 6/11/06, WrestleView, 11 giugno 2006. URL consultato il 24 novembre 2009.
  119. ^ Edge's second reign, WWE. URL consultato il 17 marzo 2007.
  120. ^ Dave Plummer, Raw: Edge wins WWE title, SLAM! Wrestling. URL consultato il 24 novembre 2009.
  121. ^ John Cena's third reign, WWE. URL consultato il 3 agosto 2012.
  122. ^ Mr. McMahon vacates Cena's WWE Championship, WWE, 2 ottobre 2007. URL consultato il 3 agosto 2012.
  123. ^ Randy Orton's first reign, WWE. URL consultato il 7 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  124. ^ a b c WWE title magic at No Mercy, su The Sun, 9 ottobre 2007. URL consultato il 24 novembre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  125. ^ Triple H's sixth reign, WWE. URL consultato il 7 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  126. ^ Randy Orton's second reign, WWE. URL consultato il 7 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  127. ^ Triple H's seventh reign, WWE. URL consultato il 28 aprile 2008.
  128. ^ Dave Hillhouse, HHH reigns again after Backlash, SLAM! Wrestling. URL consultato il 24 novembre 2009.
  129. ^ Edge's third reign, WWE. URL consultato il 24 novembre 2008.
  130. ^ Your new WWE champions..., su The Sun, 25 novembre 2008. URL consultato il 24 novembre 2009.
  131. ^ Jeff Hardy's first reign, WWE. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  132. ^ Wade Keller, Keller's WWE Armageddon PPV report 12/14: Ongoing "virtual time" coverage of live event – John Cena vs. Chris Jericho, PWTorch, 14 dicembre 2008. URL consultato il 24 novembre 2009.
  133. ^ Edge's fourth reign, WWE. URL consultato il 26 gennaio 2009.
  134. ^ Adam Martin, Royal Rumble PPV Results – 1/25/09, WrestleView.com, 25 gennaio 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  135. ^ Triple H's eighth reign, WWE. URL consultato il 26 aprile 2009.
  136. ^ Adam Martin, WWE No Way Out Results – 2/15/09, WrestleView, 15 febbraio 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  137. ^ Orton's third reign, WWE. URL consultato il 27 aprile 2009.
  138. ^ Adam Martin, Backlash PPV Results – 4/26/09, WrestleView, 26 aprile 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  139. ^ Batista's first reign, WWE. URL consultato il 27 aprile 2009.
  140. ^ Adam Martin, Extreme Rules PPV Results – 6/7/09, WrestleView, 7 giugno 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  141. ^ Wounded Animal, WWE, 9 giugno 2009. URL consultato il 9 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2009).
  142. ^ Orton's fourth reign, WWE. URL consultato il 16 giugno 2009.
  143. ^ Hunter Golden, Raw Results – 6/15/09, WrestleView, 16 giugno 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  144. ^ Cena's fourth reign, WWE. URL consultato il 13 settembre 2009.
  145. ^ Adam Martin, Breaking Point PPV Results – 9/13/09, WrestleView, 13 settembre 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  146. ^ Orton's fifth reign, WWE. URL consultato il 25 ottobre 2009.
  147. ^ Adam Martin, Hell in a Cell PPV Results – 10/4/09, WrestleView, 4 ottobre 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  148. ^ Cena's fifth reign, WWE. URL consultato il 25 ottobre 2009.
  149. ^ Adam Martin, Bragging Rights Results – 10/25/09, WrestleView, 25 ottobre 2009. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  150. ^ Sheamus' first reign, WWE. URL consultato il 14 dicembre 2009.
  151. ^ Adam Martin, WWE TLC PPV Results – 12/13/09, Wrestle View, 4 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  152. ^ Cena's sixth reign, WWE. URL consultato il 21 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2010).
  153. ^ Batista's second reign, WWE. URL consultato il 21 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2010).
  154. ^ John Cena's seventh reign, WWE. URL consultato il 28 marzo 2010.
  155. ^ Sheamus' second reign, WWE. URL consultato il 20 settembre 2010.
  156. ^ Randy Orton's sixth reign, WWE. URL consultato il 20 settembre 2010.
  157. ^ The Miz's first reign, WWE. URL consultato il 22 novembre 2010.
  158. ^ John Cena's eighth reign, WWE. URL consultato il 24 maggio 2011.
  159. ^ CM Punk's first reign, WWE. URL consultato il 19 luglio 2011.
  160. ^ Rey Mysterio's first reign, WWE. URL consultato il 25 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2011).
  161. ^ John Cena's ninth reign, WWE. URL consultato il 27 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  162. ^ James Woartman, CM Punk def. John Cena; Alberto Del Rio cashed in Raw Money in the Bank briefcase (New Undisputed WWE Champion), WWE. URL consultato il 14 agosto 2011.
  163. ^ Alberto Del Rio's first reign, WWE. URL consultato il 15 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  164. ^ John Cena's tenth reign, WWE. URL consultato il 19 settembre 2011.
  165. ^ Alberto Del Rio's second reign, WWE. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  166. ^ CM Punk's second reign, WWE. URL consultato il 19 febbraio 2012.
  167. ^ The Rock's eighth reign, WWE. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  168. ^ John Cena's eleventh reign, WWE. URL consultato l'8 aprile 2013.
  169. ^ Daniel Bryan's first reign, WWE. URL consultato il 19 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2013).
  170. ^ Randy Orton's seventh reign, WWE. URL consultato il 16 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2013).
  171. ^ Daniel Bryan's second reign, WWE. URL consultato il 16 settembre 2013.
  172. ^ Anthony Benigno, WWE COO Triple H stripped Daniel Bryan of the WWE Championship, su wwe.com. URL consultato il 17 settembre 2013.
  173. ^ Randy Orton's eight reign, WWE. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  174. ^ Daniel Bryan's third reign, WWE. URL consultato il 6 aprile 2014.
  175. ^ Stephanie McMahon strips Daniel Bryan of the WWE World Heavyweight Championship, WWE. URL consultato il 9 giugno 2014.
  176. ^ John Cena's twelfth reign, WWE. URL consultato il 29 giugno 2014.
  177. ^ Brock Lesnar's fourth reign, WWE. URL consultato il 18 agosto 2014.
  178. ^ Seth Rollins' first reign, WWE. URL consultato il 29 marzo 2015.
  179. ^ (EN) Seth Rollins suffers knee injury, new WWE World Heavyweight Champion to be crowned at Survivor Series, su wwe.com, WWE, 5 novembre 2015. URL consultato il 5 novembre 2015.
  180. ^ Roman Reigns' first reign, WWE. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  181. ^ Sheamus' third reign, WWE. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  182. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Roman Reigns, su wwe.com, WWE, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  183. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Triple H, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  184. ^ Ryan Murphy, Roman Reigns def. WWE World Heavyweight Champion Triple H and, WWE. URL consultato il 3 aprile 2016.
  185. ^ a b Anthony Benigno, Seth Rollins def. WWE World Heavyweight Champion Roman Reigns; Dean Ambrose cashed in his Money in the Bank contract to become WWE World Heavyweight Champion, WWE. URL consultato il 19 giugno 2016.
  186. ^ Finn Bálor def. Seth Rollins to become the first WWE Universal Champion, WWE, 21 agosto 2016. URL consultato il 23 agosto 2016.
  187. ^ (EN) AJ Styles def. Dean Ambrose to win the WWE World Championship, WWE, 11 settembre 2016. URL consultato l'11 settembre 2016.
  188. ^ Greg Adkins, John Cena def. AJ Styles to win the WWE Championship, su WWE, 29 gennaio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  189. ^ (EN) Bray Wyatt def. John Cena, The Miz, Baron Corbin, AJ Styles and Dean Ambrose in an Elimination Chamber Match to win the WWE Championship, WWE, 12 febbraio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  190. ^ Scott Taylor, Randy Orton def. Bray Wyatt to win the WWE Championship, su WWE. URL consultato il 2 aprile 2017.
  191. ^ Anthony Benigno, Jinder Mahal def. Randy Orton to become the new WWE Champion, su WWE, 21 maggio 2017. URL consultato il 21 maggio 2017.
  192. ^ Ryan Pappolla, AJ Styles def. Jinder Mahal to win the WWE Championship, su WWE, 7 novembre 2017. URL consultato il 7 novembre 2017.
  193. ^ Ryan Pappolla, Daniel Bryan def. AJ Styles to win the WWE Championship, su WWE, 13 novembre 2018. URL consultato il 13 novembre 2018.
  194. ^ WWE.com Staff, Becky Lynch def. Ronda Rousey and Charlotte Flair to win the Raw and SmackDown Women’s Championships, su WWE, 7 aprile 2019. URL consultato il 7 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling