Stephanie McMahon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stephanie McMahon
Stephanie McMahon nell'aprile del 2014.
Stephanie McMahon nell'aprile del 2014.
Nome Stephanie Marie McMahon
Ring name Stephanie McMahon[1]
Stephanie McMahon-Helmsley[1]
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Hartford[1]
24 settembre 1976 (41 anni)
Residenza Greenwich
Residenza dichiarata Greenwich[2]
Altezza 181[1] cm
Altezza dichiarata 183[3] cm
Peso 78[1] kg
Peso dichiarato 52[3] kg
Debutto 20 settembre 1999[1]
Federazione WWE[1]
Progetto Wrestling

Stephanie Marie McMahon-Levesque[4][5] (Hartford, 24 settembre 1976) è un'imprenditrice ed ex wrestler statunitense. È la vicepresidente esecutiva per il creative writing, le relazioni con i talenti e gli eventi dal vivo della WWE.

Tra il 1999 ed il 2003 e, di nuovo, dal 2013 ad oggi ha avuto una parte attiva nelle storyline della WWE, ricoprendo il ruolo di general manager di Raw e SmackDown. In un'occasione ha anche vinto il WWF Women's Championship.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

World Wrestling Federation/Entertaiment (1999-)[modifica | modifica wikitesto]

McMahon-Helmsley Era (1999–2001)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The McMahon-Helmsley Faction.

Verso la prima metà del 1999, sotto consiglio del booker Vince Russo,[6] la McMahon debuttò come la dolce figlia di Vince McMahon in una storyline che vedeva coinvolti McMahon e The Undertaker.[7] The Undertaker rapì Stephanie a Backlash: In Your House, tentando di sposarla in un matrimonio nero, che venne interrotto da Stone Cold Steve Austin.[8]

La McMahon iniziò poi una relazione con Test (kayfabe'), il quale portò a una rivalità tra Test e il fratello di Stephanie, Shane.[9] Dopo che Test aveva sconfitto Shane a SummerSlam in un "Love Her Or Leave Her match",[10] Stephanie e Test iniziarono a combattere in coppia sconfiggendo Jeff Jarrett e Debra il 20 settembre.

Nel corso della cerimonia intervenne Triple H, il quale mostrò un video scioccante, con il quale dimostrò che la ragazza si era sposata con lui qualche giorno prima a Las Vegas, sotto l'influsso di droghe. Stephanie negò tutto e giurò amore eterno a Test ma la relazione tra i due subì un colpo durissimo. Poco tempo dopo, Stephanie stupì tutti e diventò heel alleandosi con Triple H ed ammettendo di aver sposato Hunter di sua volontà per vendicarsi di suo padre.

Stephanie McMahon a King of the Ring 2000.

Nel 2000, con Vince assente a causa di ferite inferte su di lui da Triple H ad Armageddon 1999, Triple H e Stephanie divennero, secondo la kayfabe, proprietari della WWF: nacque così la McMahon-Helmsley Era. Triple H conquistò il WWF Championship, mentre Stephanie conquistò il Women's Championship nell'edizione di Smackdown del 28 marzo 2000 ai danni di Jacqueline, con l'aiuto di Tori e della DX. Stephanie si rinconcilia a sorpresa con il padre e il fratello Shane a WrestleMania 2000, quando aiutano Triple H a difendere il WWF Championship ai danni di The Rock. Stephanie perse il Women's Championship nella puntata di Raw is War del 21 agosto 2000. Alla fine del 2000, Stephanie fece parte di un triangolo amoroso che vide coinvolti anche Triple H e Kurt Angle. La storyline continuò ad Unforgiven 2000 quando Triple H sconfisse Angle con un Pedigree, dopo che Stephanie gli rimase fedele colpendo Angle alle spalle con un calcio ai testicoli. Stephanie divenne la manager dell'eroe olimpico, ed era al suo angolo quando divenne WWF Champion a No Mercy 2000 contro The Rock. L'alleanza, tuttavia, fu breve poiché subito dopo il match, The Rock l'attaccò, così Triple H attaccò Angle poiché per colpa sua Stephanie si era ferita. I litigi tra i McMahon portano al coma di Linda che aveva chiesto il divorzio da Vince, che a sua volta aveva cominciato una relazione con Trish Stratus. Stephanie ebbe una faida con Trish, sconfiggendola a No Way Out 2001. A WrestleMania X-Seven è accompagnata dal padre nello Street Fight Match che lo contrapponeva a Shane. Durante il match si prende uno schiaffo da Trish e parte la rissa.

L'Invasion e il divorzio (2001-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Invasion (wrestling).
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Alliance.

Stephanie comprò la ECW nel 2001 e si alleò con il fratello Shane, proprietario della WCW, contro il padre Vince e la sua WWF, in quella che è ricordata come la storyline dell'Invasion. L'Alliance formata da Shane, l'ex WCW Champion Booker T, Rob Van Dam, Kurt Angle e Steve Austin fu sconfitta dal team WWF costituito da The Undertaker, Kane, Big Show, Chris Jericho e The Rock a Survivor Series 2001 in un match in cui chi vinceva prendeva il controllo di tutto. Nella puntata di Raw successiva, Stephanie e Shane, furono banditi dalla WWF. Stephanie tornò nel gennaio 2002 quando Triple H si riprese dall'infortunio. Tra i due si crearono dei problemi e Stephanie si cominciò a comportare come una moglie assillante. HHH decise di divorziare, ma Stephanie lo ingannò dicendo che era incinta. Triple H scoprì tutto attraverso una telefonata di Linda McMahon e lasciò Stephanie durante la cerimonia. Successivamente Triple H si aggiudicò la Royal Rumble 2002 e così Stephanie, desiderosa di vendetta, fece da arbitro speciale nel match che contrapponeva l'ormai ex marito a Kurt Angle a No Way Out 2002, con il palio la title shot per l'Undisputed Championship da sfruttare a WrestleMania X8. Durante l'incontro Stephanie fu messa KO per sbaglio da Angle, ma si riprese e permise a quest'ultimo di colpire Triple H con una sedia, ottenendo la vittoria. Però Triple H riuscì a riottenere la title shot nella puntata successiva di Raw, pertanto Stephanie si alleò con il suo vecchio nemico, l'Undisputed Champion Chris Jericho. Nonostante le sue numerose interferenze, Triple H si aggiudicò incontro e titolo. Nella puntata di Raw successiva a WrestleMania X8, Stephanie partecipa ad un Triple Threat Match per l'Undisputed Championship con Jericho e Triple H. Il match viene vinto da Hunter, che schiena proprio lei, che per stipulazione deve lasciare la federazione.

General Manager di SmackDown (2002-2003)[modifica | modifica wikitesto]

Il suo rientro avviene nell'edizione di Smackdown del 18 luglio, quando Vince McMahon la nomina General Manager dello show blu. In questo periodo, Stephanie diventa una beniamina del pubblico e Smackdown vive uno dei suoi migliori periodi con lei a capo. Inoltre ripristinò lo United States Championship e creò i Tag Team Championship. Cominciò una faida con il GM di Raw Eric Bischoff che durerà per tutto il 2002 e che coinvolgerà Billy & Chuck dalla parte di Stephanie e Jamal & Rosey dalla parte di Bischoff. Durante la primavera del 2003, fece infuriare Vince McMahon per l'assunzione di Mr. America e di Zach Gowen, un wrestler con una sola gamba. Ebbe una faida anche con la compagna di suo padre, Sable perdendo a Vengeance. La faida, dopo che la GM di Smackdown aveva sancito un match a No Mercy 2003 tra Brock Lesnar e The Undertaker, culminò con un I quit match tra lei e Vince a No Mercy, che vide la vittoria di suo padre quando, sua madre Linda che era al suo angolo, getta l'asciugamano in segno di resa. Da stipulazione, Stephanie perde il posto e lascia la WWE per circa due anni.

Sporadiche apparizioni (2005-2007)[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 ottobre 2005 è a Raw Homecoming, dove, viene umiliata insieme al resto della sua famiglia da Stone Cold Steve Austin, che la colpisce con la Stunner. Sette giorni dopo ricompare a Raw, dove licenzia insieme ai genitori Jim Ross. Il 24 dello stesso mese ha un angle con Mick Foley, che verrà colpito con un calcio in mezzo alle gambe dalla stessa Stephanie che consentirà così il suo pestaggio ad opera di Carly Colón. Il 6 marzo 2006 cerca di imbrogliare Shawn Michaels mettendo delle droghe nella sua bottiglietta e ci riesce, portando Shawn a essere massacrato prima da Shane McMahon e poi da suo padre. È presente a WrestleMania 23, dove compare per pochi attimi nella Battle of Billionairs. Torna a Raw il 13 agosto, quando rivela che suo padre ha un figlio illegittimo, che è una stella della WWE. Nel corso delle settimane, si verrà a sapere che si tratta di Hornswoggle. Durante Raw XV, ricompare insieme al marito Triple H, baciandolo in modo che il padre si imbarazzi, come lei ha fatto con lui sapendo di avere un figlio illegittimo.

General Manager di Raw (2008-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Stephanie torna nella puntata di Raw del 7 luglio, chiedendo insieme a Shane, che tutti gli impiegati della WWE siano solidali all'interno degli spogliatoi, anche in assenza di suo padre. La settimana dopo hanno nominato come GM Mike Adamle, che si è dimesso dopo poco tempo. Per questo decide di diventare lei stessa il GM. Qui si riaccese la faida con Chris Jericho, che venne licenziato (per poi essere riassunto).

The Authority (2013-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Authority.
Stephanie McMahon insieme al marito Triple H nel 2014.

Nella millesima puntata di Raw, tenutasi il 23 luglio 2012, mentre Paul Heyman e Triple H discutono del match che questi vorrebbe avere a SummerSlam contro Brock Lesnar, Heyman offende i figli di Triple H; interviene quindi Stephanie, che torna in uno show della WWE dopo oltre tre anni, e comincia una discussione con Heyman al termine della quale gli rifila uno schiaffo. Heyman, nonostante tutto, continua ad offendere la famiglia di Stephanie, che presa dalla rabbia gli salta addosso e lo riempie di schiaffi; sarà fatta uscire dal ring dal marito Triple H che, vedendo Brock Lesnar entrare in scena, teme che possa rimanere coinvolta in qualche modo.

Nella puntata di Raw del 19 agosto 2013, quella dopo SummerSlam, Stephanie effettua un Turn Heel celebrando la vittoria del WWE Championship da parte di Randy Orton insieme a Triple H e al padre Vince McMahon; a inizio puntata ha inoltre un diverbio con Daniel Bryan su quello che era successo al pay-per-view.

Nella puntata di Raw del 26 maggio 2014 Stephanie chiede a Daniel Bryan di consegnarle il WWE World Heavyweight Championship, a seguito dell'operazione subìta da quest'ultimo; Bryan tuttavia si rifiuta e Stephanie lo minaccia dicendogli che se non le restituirà il titolo licenzierà sua moglie, Brie Bella, dopo che quest'ultima l'aveva spintonata la settimana precedente. A Payback Bryan sembra deciso a riconsegnare il titolo nelle mani di Stephanie quando viene fermato da Brie, che si licenzia e schiaffeggia il suo ormai ex capo. Nella puntata di Raw del 21 luglio, Stephanie viene arrestata (Kayfabe) per aver schiaffeggiato Brie Bella, che era presente tra il pubblico. A SummerSlam torna sul ring dopo oltre dieci anni e riesce a vincere il suo match contro Brie Bella, grazie al tradimento della sorella gemella Nikki, che si allea con l'Authority. Il duo è stato destituito dalla sua posizione di potere dopo la sconfitta alle Survivor Series per mano del team Cena e di Sting: Vince McMahon aveva infatti promesso, nella puntata di Raw precedente all'evento, che se il team Authority avesse perso nel tradizionale match 5 vs. 5 del pay-per-view sua figlia e suo genero non avrebbero più potuto influenzare le carriere degli altri wrestlers e che l'unica persona capace di farli tornare alla guida della compagnia sarebbe proprio John Cena.

Nella puntata di Raw del 29 dicembre l'Authority ritorna al potere: John Cena viene infatti costretto a ripristinare lo status quo prima delle Survivor Series poiché Seth Rollins, assieme a Big Show e alla J&J Security, minaccia di colpire con una Curb Stomp l'ospite della serata Edge. Nella successiva puntata, il 5 gennaio 2015, Stephanie McMahon e Triple H licenziano Ryback, Dolph Ziggler ed Erick Rowan per il loro aiuto a Cena.

Nella puntata di Raw di fine giugno, Stephanie dichiara di essere intenzionata a rivoluzionare la divisione femminile: per questo crea tre gruppi, formato ciascuno da tre Divas, che rappresenteranno il nuovo volto della WWE femminile. Le donne in questione sono: Charlotte, Becky Lynch e Paige; Alicia Fox e le Bella Twins; Naomi, Tamina e Sasha Banks. La Divas Revolution si estende anche ad NXT, che viene arricchito di nuovi talenti femminili come Bayley, Alexa Bliss e Nia Jax.

Dalla fine del 2015 Stephanie, assieme al marito Triple H, comincia una faida con il nuovo WWE World Heavyweight Champion Roman Reigns, tentando in ogni modo di rendergli la vita impossibile. Dopo la sconfitta definitiva di Triple H a WrestleMania 32 contro Roman Reigns, perdendo anche il WWE World Heavyweight Championship, Stephanie è scomparsa dalle scene per poi tornare con la nuova brand exstension, diventando la co-General Manager del roster di Raw assieme a Mick Foley.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Stephanie McMahon è la figlia del chairman della WWE, Vince McMahon, e dell'ex amministratrice delegata della stessa compagnia, Linda McMahon.[11] Ha un fratello, Shane McMahon, che in passato ha ricoprerto il ruolo di vicepresidente esecutivo per i rapporti con i media della WWE.[11] Dal 25 ottobre 2003 è sposata con il wrestler Paul Levesque, meglio conosciuto con il ring-name di Triple H,[11] dal quale ha avuto tre figlie: Aurora Rose (24 luglio 2006), Murphy Claire (28 luglio 2008) e Vaughn Evelyn (24 agosto 2010).

Nel luglio del 2001 si è sottoposta ad un'operazione di mastoplastica.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Stephanie McMahon esegue il Pedigree su Brie Bella.
Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]
Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]
Wrestler di cui è stata manager[modifica | modifica wikitesto]
Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]
  • The Billion Dollar Princess
  • The Billionaire Dollar Princess
  • Daddy's Little Girl
  • Mrs. Game
  • Queen of WWE
  • One of the Principal Owners of WWE
  • The Principal Owner of WWE
  • The Billionaire Baroness
Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Pro Wrestling Illustrated

World Wrestling Federation/Entertainment (WWF/E)

Wrestling Observer Newsletter

  • Worst Non-Wrestling Personality (20012003)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Stephanie McMahon, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 luglio 2017.
  2. ^ (EN) Stephanie McMahon, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 luglio 2017.
  3. ^ a b (EN) Stephanie McMahon, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling. URL consultato il 16 luglio 2017.
  4. ^ WWE Corporate Biography on Stephanie McMahon, WWE. URL consultato l'8 giugno 2007 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2007).
  5. ^ (EN) Dave Palumbo, Stephanie Levesque: First Daughter of the WWE, Super Mom of 3, Woman with Food Demons!, su rxmuscle.com, RXMuscle. URL consultato il 16 luglio 2017.
  6. ^ Forgiven: One Man's Journey from Self-Glorification to Sanctification, ECW Press, 2005, p. 179, ISBN 1-55022-704-1.
  7. ^ Wrestling and hypermasculinity, McFarland & Company, Inc., Publishers, 2004, p. 132, ISBN 9780786481361.
  8. ^ Wrestling and hypermasculinity, McFarland & Company, Inc., Publishers, 2004, p. 21, ISBN 9780786481361.
  9. ^ WrestleCrap: The Very Worst of Pro Wrestling, ECW Press, 2003, p. 132, ISBN 1-55022-584-7.
  10. ^ (EN) John Powell, Foley new champ at SummerSlam, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 22 agosto 1999. URL consultato il 16 luglio 2017.
  11. ^ a b c (EN) Linda E. McMahon, Corporate.wwe.com. URL consultato il 14 febbraio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]