Stone Cold Steve Austin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
"Stone Cold" Steve Austin
Steve Austin al San Diego Comic-Con International nel 2010
Steve Austin al San Diego Comic-Con International nel 2010
Nome Steve Austin
Ring name The Ringmaster[1]
Steve Austin[1]
"Stone Cold" Steve Austin[2]
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Austin[1][3]
18 dicembre 1964 (51 anni)[4][5]
Residenza Los Angeles[4]
Tilden[6]
Altezza 185[1] cm
Altezza dichiarata 188[2] cm
Peso dichiarato 114[2] kg
Allenatore Chris Adams[4]
Debutto 26 settembre 1989[1]
Ritiro 30 marzo 2003[1]
Federazione WWE[2]
Progetto Wrestling

Steve Austin, nato Steven James Anderson e in seguito cambiato in Steven James Williams,[7] ma meglio conosciuto con il ring name "Stone Cold" Steve Austin[2] (Austin, 18 dicembre 1964), è un ex wrestler e attore statunitense sotto contratto come "leggenda" con la WWE.

Austin è stato acclamato come "la più grande superstar nella storia della World Wrestling Federation (WWF)", in seguito World Wrestling Entertainment (WWE). Ha anche lottato per le principali federazioni di wrestling statunitensi, tra cui la World Championship Wrestling (WCW) e la Extreme Championship Wrestling (ECW).

Ha raggiunto la massima popolarità durante la metà e la fine degli anni novanta impersonando un irriverente antieroe bevitore di birra che ha abitualmente sfidato il boss e chairman della federazione, Mr. McMahon;[8][9] questo personaggio di Austin è stato descritto come il "poster boy" e simbolo dell'Attitude Era,[10][11] un periodo boom nella WWF alla fine degli anni novanta e l'inizio degli anni duemila, oltre a essere stato il "volto" della federazione per quattro anni, dal 29 marzo 1998 (giorno in cui ha vinto per la prima volta il WWF Championship) al 10 giugno 2002 (giorno in cui ha abbandonato la federazione perché in conflitto con i dirigenti e il team creativo).[12][13][14]

Parlando del suo potere di attrarre il pubblico, McMahon,[15] Jim Ross[16] e Paul Heyman[17] hanno nominato Austin "il wrestler più redditizio nella storia della federazione". Ross, amico di lunga data di Austin, ha asserito: "Nessuno è al livello di Austin... Nessuno ha mai generato più introiti nella lunghezza della loro carriera nella WWE".[16] A proposito di ciò nel 1999 è riuscito a portare nelle casse della WWF 15 milioni di dollari grazie alla vendita delle sue magliette.[18] Veterani dell'industria e multipli campioni mondiali come Ric Flair,[19] John Cena[20] e CM Punk[21] hanno tutti nominato Austin come "la più grande superstar nella storia della WWE" e, insieme a McMahon,[15] hanno rimarcato che "ha sorpassato la popolarità di Hulk Hogan". Austin ha tra l'altro ideato il coro "What?"[22][23] e ha lottato nel main event di molti eventi in pay-per-view della WWF, incluse tre WrestleMania (XIV, XV e X-Seven).[24][25][26] Nel 2003, durante l'episodio celebrativo del decimo anniversario di Raw, è stato eletto come "la più grande superstar del primo decennio di Raw" (1993–2003) e ha ricevuto il premio Best Raw moment award ("miglior momento di Raw") per aver investito la Corporation (Vince e Shane McMahon e The Rock) con la birra.[27] Inoltre, il nome della rubrica televisiva WWE Bottom Line deriva da una delle sue più famose catchphrase.

Ha vinto diciannove titoli nel corso della sua carriera,[28] tra cui sei WWF Championship, due Intercontinental Championship e quattro WWF Tag Team Championship, diventando il quinto wrestler a fregiarsi del Triple Crown Championship della federazione. È stato anche il vincitore dell'edizione 1996 del torneo King of the Ring,[29] così come il vincitore delle edizioni 1997,[30] 1998[31] e 2001[32] della Royal Rumble, sancendo un record assoluto di vittorie ancora oggi imbattuto.[33][34] Con il ring name The Ringmaster ha avuto come manager il "Million Dollar Man" Ted DiBiase, che gli ha conferito il Million Dollar Championship.

Nel 2003 è stato costretto a ritirarsi a causa di diversi legittimi infortuni al collo e alle ginocchia subiti durante la carriera, ma per tutto il resto del 2003 e 2004 è stato nominato co-general manager e "sceriffo" di Raw. Dal 2005 ha continuato a fare apparizioni occasionali mentre nel 2011 è tornato alla WWE per ospitare il riavvio del reality show Tough Enough. È stato inoltre scelto come uomo copertina del videogioco WWE 2K16,[35] oltre a comparire in molte altre copertine dei videogiochi targati WWF/E e vari fumetti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Steve Austin, alla nascita Steven James Anderson, nacque a Austin, in Texas, il 18 dicembre 1964. I suoi genitori, James e Beverly Anderson, divorziarono quando Austin aveva circa un anno. In seguito sua madre si trasferì a Victoria e sposò in seconde nozze Ken Williams.[36] Austin, decise di adottare il cognome del padre putativo cambiando legalmente nome in Steven James Williams. Trascorse la maggior parte dell'infanzia a Edna.[7] Dopo aver terminato gli studi alla Edna High School ottenne una borsa di studio di football americano alla Wharton County Junior College, seguita da un'altra borsa di studio presso la North Texas University.[37] Austin ha inoltre tre fratelli: Scott, Kevin, Jeff e una sorella di nome Jennifer. Il fratello Kevin, nell'autobiografia del fratello Steve ha ipotizzato che il loro padre biologico abbia abbandonato la famiglia perché non era in grado di occuparsi di un altro bambino così presto.[38]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la propria carriera sportiva nella squadra di football della North Texas University.[39] Dopo aver cambiato diversi lavori, cominciò a lottare come wrestler verso la fine degli anni ottanta in Texas. Agli inizi della propria carriera utilizzò il suo vero nome anche sul ring, ma poco dopo fu costretto a cambiarlo a causa dell'omonimia con il wrestler "Dr. Death" Steve Williams, assai noto allora. Gli venne quindi assegnato dal suo allenatore il ring name di Steve Austin, poiché nella kayfabe egli proveniva da Austin, in Texas. Alla fine del 1990 Austin venne votato dalla rivista Pro Wrestling Illustrated come "Rookie of the Year".[40]

Carriera nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

World Championship Wrestling (1991–1995)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 passò alla World Championship Wrestling (WCW), dove continuò a lottare con il ring name di Steve Austin e adottò il soprannome "Stunning" (termine inglese traducibile in italiano come "splendido"). Inizialmente veniva accompagnato sul ring da Vivacious Veronica,[41] che fu poi sostituita da Jeannie Clark, chiamata Lady Blossom, sua futura moglie.[4][41] Conquistò il suo primo titolo (WCW World Television Championship) il 3 giugno 1991, quando sconfisse Bobby Eaton dopo poche settimane dal debutto. Entrò anche a far parte della Dangerous Alliance,[42] un gruppo di wrestler guidato da Paul E. Dangerously.[4][43] Perse il titolo dieci mesi dopo, il 27 aprile 1992, contro Barry Windham. Riconquistò il titolo il 23 maggio 1992, ma lo perse di nuovo contro Ricky Steamboat il 2 settembre 1992 a Clash of the Champions XX: 20th Anniversary in un no disqualification match.[44]

Austin formò quindi un tag team con "Flyin'" Brian Pillman,[4] chiamato The Hollywood Blondes.[45] I due vinsero il WCW World Tag Team Championship il 3 marzo 1993 a Macon, sconfiggendo Ricky Steamboat e Shane Douglas.[4] Il 18 agosto 1993 a Clash of the Champions XXIV[46] i due avrebbero dovuto difendere i titoli contro Arn Anderson e Paul Roma, ma Pillman subì un infortunio all'anca; venne sostituito da Steven Regal, ma i due non riuscirono a vincere il match e il loro regno si concluse dopo sei mesi.[46]

La coppia si sciolse a breve e Austin continuò la carriera da singolo entrando a far parte della Stud Stable,[47] vincendo fra l'altro il WCW United States Heavyweight Championship[4] contro "The Natural" Dustin Rhodes a Starrcade, il 27 dicembre.[48] Perse il titolo contro il suo vecchio avversario Ricky Steamboat il 24 agosto 1994 a Cedar Rapids. Una rivincita tenutasi nel corso del pay-per-view Fall Brawl, il 18 settembre 1994, permise ad Austin di riconquistare il titolo, a causa del forfait di Steamboat in seguito a un infortunio alla schiena. Il suo secondo regno finì qualche minuto dopo quando venne sconfitto dal sostituto di Steamboat, Hacksaw Jim Duggan, in un match durato solo 35 secondi.[49] Ottenne due rivincite, entrambe vinte per squalifica. Durante un tour in Giappone nel 1995 si infortunò e, mentre era ancora convalescente, venne licenziato dal vicepresidente della WCW Eric Bischoff.[4][50]

Extreme Championship Wrestling (1995)[modifica | modifica wikitesto]

Approdò alla Extreme Championship Wrestling (ECW) su pressione del suo ex manager Paul Heyman, che fu il primo a credere in lui e lo volle assolutamente nella sua federazione, rendendo Austin il primo "Paul Heyman Guy".[51] Austin approfittò dello spazio concessogli da Heyman per iniziare a sviluppare il suo personaggio che pochi anni dopo sarebbe diventato "Stone Cold". Durante la sua permanenza nella ECW ottenne il soprannome "Superstar"[52] e sfidò The Sandman e Mikey Whipwreck.[52] Whipwreck, che deteneva l'ECW World Heavyweight Championship, sconfisse Austin per il titolo a November to Remember.[53] Heyman sostenne anni dopo che la sua decisione fu quella di far vincere ad Austin il titolo, ma egli non fu d'accordo, sostenendo che sarebbe stato meglio per lui essere il predatore e non la preda.

World Wrestling Federation/Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

The Ringmaster (1995−1996)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Million Dollar Corporation.

Verso la fine del 1995 Austin firmò con la World Wrestling Federation (WWF). L'8 gennaio 1996 approdò alla WWF con il ring name di The Ringmaster, affiancato da Ted DiBiase come manager,[4][54] che gli affidò il suo Million Dollar Championship[55] e divenne membro della Million Dollar Corporation guidata da DiBiase.[56] Iniziò una faida con Savio Vega che culminò a WrestleMania XII, dove sconfisse Vega.[57]

Durante la faida con Savio Vega chiese alla federazione il permesso di abbandonare il personaggio di Ringmaster in favore di una gimmick da persona senza scrupoli, con il cuore di pietra e con il nuovo ring name di "Stone Cold" Steve Austin.[58][59]

Austin 3:16 (1996−1997)[modifica | modifica wikitesto]

Austin mentre esegue una delle sue pose caratteristiche nel 1996

La sua ascesa verso il successo incominciò il 23 giugno 1996, quando vinse il titolo di King of the Ring[4][60] usufruendo del push originariamente previsto per Hunter Hearst Helmsley,[61] punito a seguito del MSG Incident.[62] Batté Marc Mero in semifinale e in finale sconfisse Jake Roberts.[4][59] Dopo il match, nel promo relativo all'incoronazione, si rivolse a Roberts prendendolo in giro per il suo nuovo stile di vita:[63] «You sit there and you thump your Bible, and you say your prayers, and it didn't get you anywhere! Talk about your Psalms, talk about John 3:16... "Austin 3:16" says I just whipped your ass!» ("Tu ti siedi, leggi la Bibbia e reciti le tue preghiere, ma non ti ha portato da nessuna parte! Parli dei salmi, di Giovanni 3:16... "Austin 3:16" dice che ti ho appena fatto il culo!). "Austin 3:16" è diventato uno dei più popolari slogan di wrestling della storia,[4] nonché una delle magliette più vendute nella storia del merchandise WWF/E. Si è anche accreditato come il momento iconico che ha dato inizio all'Attitude Era della WWF, insieme allo Screwjob di Montréal.

Austin sfidò poi Bret Hart, che affrontò alle Survivor Series, ma ne uscì sconfitto.[64] L'incontro pose le basi a una faida fra i due che durò diversi mesi.[59] Durante la Royal Rumble 1997, Austin entrò come quinto partecipante e fu eliminato da Bret Hart, ma gli arbitri non se ne accorsero: Austin rientrò sul ring ed eliminò lo stesso Hart, vincendo quindi l'incontro.[65] Intanto l'allora campione Shawn Michaels fu costretto a rendere vacante il WWF Championship a causa di un infortunio al ginocchio. Il titolo venne messo in palio in un incontro a quattro uomini a In Your House 13: Final Four, dove viene incluso anche Austin, ma viene eliminato per primo, mentre fu Hart a vincere incontro e titolo,[59] che perse solamente la sera successiva a Raw Is War contro Sycho Sid a causa dell'interferenza di Austin.[66]

I due si affrontano in un submission match a WrestleMania 13 con Ken Shamrock come arbitro.[67] Durante l'incontro Austin sanguinò copiosamente, ma rifiutò di cedere anche quando Hart lo imprigiona nella sua mossa finale, la Sharpshooter. Austin svenne in mezzo al ring, ancora imprigionato nella Sharpshooter, e a questo punto Shamrock fermò il match dichiarando Hart vincitore. Il canadese continuò ad assaltare Austin, che nonostante le sue ferite rifiutò qualsiasi aiuto, il che portò ad un doppio turn: Hart divenne heel, mentre Austin un face.[68] Austin fu costretto a diventare face a causa del crescente successo che riscuoteva tra i fan. Austin inoltre definì per la prima volta il ruolo del tweener:[59] usare tattiche tipiche dell'heel per dei fini fondamentalmente buoni.

Austin ottenne la sua vendetta su Hart a In Your House 14: Revenge of the 'Taker, in un match per determinare lo sfidante dell'allora campione The Undertaker: Austin vinse l'incontro per squalifica (la sua unica vittoria su Hart durante la loro faida)[69] dopo l'intervento a favore di Hart di The British Bulldog,[70] che gli permise di ottenere un match per il WWF Championship contro Undertaker a In Your House 15: A Cold Day in Hell. Austin affrontò nuovamente Hart nella puntata di Raw Is War del 21 aprile in uno street fight match[71] e infortunò la gamba di Hart con una sedia durante la contesa, che Austin perse per squalifica quando rifiutò di mollare la presa dalla Sharpshooter che gli aveva applicato. A In Your House 15: A Cold Day in Hell Austin perse il match contro Undertaker dopo una distrazione causata da Brian Pillman, il suo vecchio compagno di tag team.[59]

Successivamente Austin vinse per due volte il WWF Tag Team Championship.[72] Il 25 maggio 1997 Austin e Shawn Michaels sconfissero Owen Hart e The British Bulldog e vinsero il titolo, che mantennero fino al 14 luglio, quando Michaels fu costretto a rendere vacante a causa di un infortunio.[73] Quella stessa sera si tenne un torneo per determinare chi avrebbe affrontato Austin e un compagno a sua scelta per il titolo vacante. Hart e Bulldog vinsero il torneo, con Austin che rifiutò di scegliere un compagno, preferendo combattere da solo,[74] ma nel corso del match Mick Foley, per la prima volta sotto le spoglie di Dude Love, intervenne per aiutare Austin a vincere match e titolo.[75] Austin continuò la sua faida con la famiglia Hart, venendo coinvolto con un'intensa rivalità con Owen Hart, che schienò un distratto Austin e ottenne la vittoria per la Hart Foundation nel tag team match a dieci uomini di In Your House 16: Canadian Stampede, dove Austin lottava a fianco di Ken Shamrock, Goldust e la Legion of Doom.[76]

Owen in quel periodo deteneva l'Intercontinental Championship, che Austin vinse a SummerSlam.[77] Nel corso del match, tuttavia, Austin subì un grave infortunio al collo: in seguito a un Piledriver male eseguito, Austin batté la testa a terra e rimase paralizzato per alcuni secondi.[78][79] Rimase a terra e Owen fece finta di nulla mentre, strisciando, Austin riuscì a eseguire un roll-up, contenuto anche da Owen, e vinse match e titolo, che però dovette rendere vacante per poter curare il suo grave infortunio. Allo stesso tempo Owen creò una maglietta con scritto "Owen 3:16 (says) I just broke your neck" per prendere in giro Austin e attirare heat.[80]

Nella seconda metà del 1997 accrebbe la sua reputazione di ribelle sfidando ogni autorità e distribuendo a destra e manca la Stone Cold Stunner, la sua mossa finale: tra coloro che subirono tale manovra vi furono il commentatore Jim Ross, l'allora WWF Commissioner Sgt. Slaughter e lo stesso capo della WWF Mr. McMahon.

Faida con Mr. McMahon (1997–1999)[modifica | modifica wikitesto]

Austin ha detenuto il WWF Championship per sei volte e per un totale di 529 giorni

Nella puntata di Raw Is War del 22 settembre 1997, svoltasi per la prima volta al Madison Square Garden, Owen Hart fece un discorso ai fan presenti all'arena, ma Austin entrò assieme a cinque ufficiali della NYPD per assalire Hart.[81] Vince McMahon corse sul ring e disse a Austin che Hart non era in grado di competere "fisicamente". Al termine del discorso Austin lo colpì con la sua Stunner.[82] Austin di fatto venne arrestato con l'accusa di aver aggredito un agente di polizia.[83] Questo segnò l'inizio della faida tra Austin e McMahon, ma nel frattempo Austin concluse la sua rivalità con Owen sconfiggendolo alle Survivor Series per riconquistare l'Intercontinental Championship.[84] Questo secondo regno di Austin durò però poco meno di un mese, con lo stesso Austin che rinunciò al titolo dopo che McMahon gli aveva ordinato di difenderlo contro The Rock, che aveva sconfitto la sera prima a D-Generation X: In Your House, non prima però di aver colpito entrambi con la Stunner.[85]

Con Bret Hart trasferitosi alla WCW,[86] all'inizio del 1998 Austin e Shawn Michaels furono le top superstar della compagnia. Austin vinse la Royal Rumble dopo aver eliminato per ultimo The Rock,[87] acquisendo il diritto di sfidare il campione a WrestleMania XIV, dove Austin vinse il WWF Championship sconfiggendo l'allora campione Shawn Michaels in un match in cui lo special enforcer fu Mike Tyson.[4][88][89] Nel corso della successiva puntata di Raw Is War, McMahon presentò a tutti il nuovo campione e gli consegnò la sua nuova cintura. Gli disse però che non tollerava il suo modo di comportarsi e che le cose potevano essere fatte nel modo facile e nel modo difficile; Austin, per tutta risposta, lo colpì nuovamente con la Stunner.[90] Furono settimane piene di proclami e di provocazioni da una parte e dall'altra; Nell'aprile 1998 Austin e McMahon si affrontarono in un match, che terminò in un no contest quando Dude Love fece un'apparizione.[91] Questo portò al match tra Dude Love e Austin ad Unforgiven: In Your House dove Austin colpì McMahon con una sedia d'acciaio,[92] poi i due si riaffrontarono nella rivincita a Over the Edge: In Your House per il WWF Championship.[93] Austin mantenne il titolo nonostante McMahon fu l'arbitro speciale del match e i "Corporate Stooges" (Pat Patterson e Gerald Brisco) rispettivamente con il ruolo di ring announcer e timekeeper. McMahon fece di tutto per rovinare Austin e segnò una grande vittoria dalla sua parte a King of the Ring,[4] dove Austin perse il titolo contro Kane in un first blood match dopo che Undertaker colpì Austin con una sedia ferendolo;[4][94] la sera dopo a Raw Is War, tuttavia, Austin riconquistò il titolo sconfiggendo Kane.[4][95] In questo periodò avrebbe dovuto affrontare anche Jeff Jarrett per il titolo, ma Austin rifiutò per ragioni mai del tutto chiarite.[96]

Successivamente iniziò una faida con The Undertaker, a Fully Loaded: In Your House, vinse insieme a Undertaker i WWF Tag Team Championship sconfiggendo Kane e Mankind[97] per poi perderli contro questi ultimi il 10 agosto in un fatal four-way tag team match che includeva anche i New Age Outlaws e The Rock e D'Lo Brown.[98] A SummerSlam difese con successo il WWF Championship contro Undertaker.[99] A Breakdown: In Your House nel triple threat match valido per il WWF Championship, Undertaker e Kane schienarono contemporaneamente Austin perdendo il titolo, Vince McMahon decise di rendere vacante il titolo.[4][100] A Judgment Day: In Your House fu l'arbitro speciale del match che vide opposti Kane e The Undertaker valido per il vacante WWF Championship, match che terminò in no contest dopo che Austin attaccò entrambi.[101] McMahon lo licenziò al termine del match, ma Austin ottenne la sua vendetta rapendo McMahon trascinandolo fino al centro del ring tenendolo "sotto mira", tirò fuori una pistola giocattolo facendo scorrere un rotolo di carta con la scritta "Bang 3:16", McMahon spaventato urinò sui pantaloni.[102] Più tardi fu riassunto dal figlio di Vince, Shane Alle Survivor Series prese parte al torneo per determinare il nuovo campione WWF, Austin sconfisse Big Boss Man nel primo round per squalifica avanzando fino alle semifinali dove perse contro Mankind dovuto ad un tradimento di Shane nei confronti di Austin.[103] La notte successiva a Raw Is War, sfidò il nuovo campione The Rock, ma durante il match The Undertaker colpì con una pala Austin facendolo vincere per squalifica, ma The Rock rimase campione.[104] A Rock Bottom: In Your House sconfisse Undertaker in un buried alive match dopo che Kane eseguì una Tombstone Piledriver sul fratellastro.[105][106] Con questa vittoria Austin si qualificò alla Royal Rumble.

Austin festeggia con l'arbitro Earl Hebner

Alla Royal Rumble Austin entrò nell'omonimo match con il numero uno mentre Mr. McMahon con il numero due:[107] durante il match McMahon fuggì dal pubblico in modo che Austin lo inseguisse, ma ciò si rivelò essere un piano di McMahon in cui Austin fu colto di sorpresa dai membri della Corporation che lo attaccarono e fu portato via in ambulanza. Con Austin fuori causa, McMahon si unì al tavolo dei commentatori. Austin però ritornò e rientrò nel match, eseguì una Stunner su Big Boss Man e lo eliminò. Con l'assistenza all'ultimo minuto di The Rock, McMahon eliminò Austin vincendo la Royal Rumble.[4][108] Con McMahon contendente numero uno al WWF Championship, l'allora Comissioner della WWF, Shawn Michaels indisse un match per decretare il contendente numero uno al titolo di The Rock. A St. Valentine's Day Massacre: In Your House Austin sconfisse McMahon in uno steel cage match divenendo il nuovo contendente numero uno al WWF Championship.[4][109] A WrestleMania XV Austin sconfisse The Rock per vincere il suo terzo WWF Championship.[4][110]

Austin affrontò The Rock nel rematch svoltosi a Backlash: In Your House, con Shane McMahon come arbitro speciale del match. Durante il match, Vince McMahon si avvicinò al ring solamente per ridare a Stone Cold la sua cintura in versione "Smoking Skull" e attaccò Shane mettendolo fuori causa. Austin vinse il match quando un altro arbitro eseguì il conteggio.[111][112] A Over the Edge, venne sconfitto da The Undertaker perdendo il titolo.[113] Vince e Shane McMahon sfidarono Austin in un ladder handicap match a King of the Ring per decidere chi avrebbe avuto il controllo della WWF, a vincere furono i McMahon.[114] La notte successiva a Raw Is War, Austin comunicò di essere ancora il CEO della federazione, nella stessa serata sconfisse Undertaker vincendo per la quarta volta il WWF Championship.[115] Dopo il match The Undertaker lo colpì con la cintura. A Fully Loaded, Austin affrontò Undertaker in un first blood match; se Austin avesse perso non avrebbe mai più avuto un'opportunità titolata e se invece Austin avesse vinto non avrebbe mai più rivisto McMahon. Austin vinse grazie a un'interferenza da parte di X-Pac che colpì Undertaker con una sedia.[116][117]

Infortunio e ritorno (1999−2001)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Power Trip.
Austin posa insieme a una fan

Austin detenne il titolo fino a SummerSlam quando lo perse per mano di Mankind in un triple threat match che incluse anche Triple H.[4] Austin ebbe il suo rematch a No Mercy contro Triple H, ma perse dopo che The Rock lo colpì accidentalmente con uno sledgehammer. Alle Survivor Series, Austin dovette partecipare ad un triple threat match valido per il WWF Championship contro Triple H e The Rock. Tuttavia, Austin fu investito nel parcheggio da una macchina.[4] Questo angle fu ideato per permettere a Austin di operarsi al collo a causa del Piledriver subito a SummerSlam.[118] Rimase fuori dalle scene per nove mesi di riabilitazione.[4]

Nell'aprile del 2000 apparì a Backlash attaccando Triple H e Mr. McMahon per aiutare The Rock a vincere il WWF Championship. Austin fece un'apparizione via satellite a SmackDown! nel mese di settembre annunciando il suo ritorno ad Unforgiven. A Unforgiven fece il suo ritorno con una nuova musica d'ingresso, Glass Shatters dei Disturbed. Rikishi ammise di essere l'autista dell'auto dell'investimento di Austin e di "averlo fatto per The Rock". Rikishi ritenne che Austin a quel tempo in cima alla WWF, fuori dai giochi, The Rock, membro della famiglia samoana, sarebbe asceso al vertice della federazione. A No Mercy affrontò Rikishi in un no holds barred match, che è terminato in un no contest. Durante un handicap match contro Rikishi e Kurt Angle, Triple H arrivò sul ring per aiutare apparentemente Austin, che in seguitò lo attaccò con uno sledgehammer e rivelando di essere stato lui l'artefice dell'incidente occorso ad Austin. Alle Survivor Series, Austin e Triple H si affrontarono in un no disqualification match terminato in un no contest dopo che Austin fece cadere una macchina da 20 metri con all'interno Triple H. Nel mese di dicembre ad Armageddon partecipò all'hell in a cell match valido per il WWF Championship detenuto da Kurt Angle, gli altri partecipanti furono The Undertaker, The Rock, Rikishi e Triple H, a vincere fu Angle che mantenne il titolo.

Austin mentre mostra il WWF Championship al pubblico presente

Alla Royal Rumble del 2001 Austin vinse per la terza volta il Royal Rumble match,[119] eliminando per ultimo Kane. La rivalità con Triple H si concluse a No Way Out in un three stages of hell match con la vittoria di Triple H sul punteggio di 2–1. Nella stessa sera, The Rock sconfisse Kurt Angle conquistando il titolo WWF dovendo quindi affrontare Austin a WrestleMania. A WrestleMania X-Seven, Austin affrontò The Rock per la seconda volta. Durante il match, Mr. McMahon fece un'apparizione a bordo ring e aiutò Austin a vincere il match conquistando per la quinta volta il titolo WWF. Dopo il match, Austin e McMahon brindarono effettuando un turn heel per la prima volta dal 1997. Nella puntata successiva di Raw Is War durante il rematch tra Austin e The Rock svoltosi in uno steel cage match, Triple H intervenne colpendo The Rock con lo sledgehammer e insieme ad Austin lo attaccarono. Nella puntata di SmackDown!, Austin fu intervistato da Jim Ross riguardo alle sue azioni compiute a WrestleMania X-Seven, disse a Ross di denunciare la loro amicizia e successivamente lo attaccò brutalmente. Austin e Triple H divennero un tag team chiamato The Power Trip.[4][120]

Austin e Triple H divennero i top heel della federazione e iniziarono una faida con The Undertaker e Kane. A Backlash, sconfissero The Undertaker e Kane in un "Winner takes all match" conquistando i WWF Tag Team Championship oltre a conservare i rispettivi titoli, WWF Championship (Austin) e Intercontinental Championship (Triple H).[121] A Judgment Day, Triple H perse l'Intercontinental Championship per mano di Kane, mentre Austin sconfisse The Undertaker mantenendo il WWF Championship.[122] La notte seguente a Raw Is War, Austin e Triple H affrontarono Chris Jericho e Chris Benoit con i WWF Tag Team Championship in palio. Durante il match, Triple H si infortunò al quadricipite e i due persero i titoli.[4][123] Austin ruppe l'alleanza con Triple H nella puntata di SmackDown! della stessa settimana criticando l'infortunio di Triple H. Continuò la sua alleanza con McMahon e iniziò una faida con Jericho e Benoit, che sconfisse in un triple threat match a King of the Ring mantenendo il titolo WWF.

The Invasion (2001−2002)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Invasion (wrestling).
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Alliance.
Austin esegue la sua posa caratteristica

Austin terminò la faida con Benoit dopo che quest'ultimo si infortunò al collo durante il match a King of the Ring. In questo periodo iniziò a battibeccare con Kurt Angle su chi fosse il più grande seguace di McMahon. Dopo che McMahon acquistò la World Championship Wrestling (WCW), ci fu l'iniziò dell'Invasion. McMahon non fu in grado di battere i wrestler della WCW, che poco dopo formarono l'Alliance con l'Extreme Championship Wrestling (ECW) e sia Shane che Stephanie McMahon si allearono per scontrarsi con il padre. Un frustrato McMahon, chiamò Austin chiedendogli di tornare "il vecchio Stone Cold", all'inizio Austin rifiutò per poi aiutare la WWF colpendo i membri dell'Alliance con la Stunner. A InVasion, Austin fu il capitano del Team WWF a cui fece parte Kurt Angle, Chris Jericho, The Undertaker e Kane contro il Team dell'Alliance formato da Booker T, Diamond Dallas Page, Rhyno e i Dudley Boyz. Più tardi nel match, Austin tradì la WWF colpendo Angle con una Stunner per allearsi con l'Alliance.[124] Austin divenne il leader dell'Alliance e iniziò una faida con Kurt Angle.[4]

Austin affrontò Angle a SummerSlam perdendo per squalifica e riuscendo di fatto a mantenere il WWF Championship, ma ad Unforgiven perse il titolo contro Angle per sottomissione. Austin ricevette la sua rivincita l'8 ottobre 2001 a Raw riuscendo a sconfiggere Angle conquistando il titolo WWF grazie all'aiuto di William Regal che si alleò con Alliance.[4] Successivamente iniziò una faida con un altro membro dell'Alliance, Rob Van Dam, il quale fu l'unico membro dell'Alliance ad essere apprezzato dai fan. Austin affrontò Van Dam e Angle a No Mercy in un triple threat match riuscendo a conservare il titolo.

Nella puntata di Raw del 29 ottobre 2001 Angle si unì all'Alliance e divenne il secondo wrestler di punta del gruppo. Survivor Series si stava per avvicinare[4] e venne indetto un "Winner takes all match" tra il Team WWF e il Team Alliance. Austin venne scelto come capitano del team che consisteva in Angle, Shane McMahon, Rob Van Dam e Booker T, mentre il Team WWF fu capitanato da The Rock. Il team di The Rock includeva Chris Jericho, Kane, The Undertaker e Big Show. Alle Survivor Series, il team di Austin perse e così l'Alliance si sciolse.

Nella puntata di Raw successiva, Mr. McMahon decise di privare Austin del titolo WWF consegnandolo a Kurt Angle per il suo gesto fatto la notte prima alle Survivor Series. Ma Ric Flair fece il suo ritornò alla WWF per la prima volta dal 1993 e annunciò di essere il co-proprietario della federazione. Austin attaccò Angle e McMahon per le loro azioni per poi venirgli restituito il WWF Championship da Flair e celebrando con quest'ultimo sul ring, tornando a essere il beniamino del pubblico.

Flair decise poi che Austin avrebbe dovuto affrontare The Rock, che nel frattempo fu ancora in possesso del WCW World Heavyweight Championship (il quale venne rinominato come World Championship), al pay-per-view di dicembre Vengeance per unificare i titoli. Tuttavia, Austin continuò la sua faida con Angle mentre The Rock continuò la sua rivalità con Chris Jericho per il titolo di Rock. Austin vinse il suo primo match contro Angle con la Stone Cold Stunner e affrontò il World Champion Chris Jericho nel match di unificazione. Austin perse il match dopo che McMahon e Booker T interferirono nell'incontro facendogli perdere anche il titolo WWF. Dopo Vengeance, Austin iniziò una faida con Booker T il quale li vide combattere in vari luoghi, come un confessionale di chiesa, una sala da bingo e un supermercato.

Ultime faide e ritiro (2002−2003)[modifica | modifica wikitesto]

Austin affronta The Rock a WrestleMania XIX

All'inizio del 2002 il personaggio di Austin rimase come uno dei wrestler più popolari da top face. Alla Royal Rumble, Triple H fece il suo ritorno dall'infortunio dopo una lunga pausa, rimanendo insieme a Austin tra i quattro finalisti del Royal Rumble match con Kurt Angle e Mr. Perfect. Austin venne eliminato da Angle, tuttavia tornò sul ring per colpire quest'ultimo, Perfect e Triple H con una sedia d'acciaio. Alcuni giorni dopo a Raw, sconfisse Kurt Angle per ottenere un'opportunità titolata all'Undisputed WWF Championship di Chris Jericho a No Way Out.

In attesa di No Way Out, Vince McMahon riportò in federazione il rinato New World Order (nWo), che iniziò una rivalità con Austin dopo che quest'ultimo rifiutò delle birre offerte dai tre membri dell'nWo costandogli il match con Jericho a No Way Out. Nel backstage iniziarono a emergere dei problemi: fu riportato che Austin fosse infelice riguardo al ritorno di Hulk Hogan nella WWF e di essersi rifiutato di perdere contro Hogan in un match proposto per WrestleMania X8, mentre Hogan dichiarò la stessa cosa riguardo a una sconfitta contro Austin.[125] Consecutivamente, il match a WrestleMania fu The Rock vs. Hogan in cui The Rock vinse, mentre Austin sconfisse Scott Hall. La notte seguente a Raw, Austin si rifiutò di apparire e si prese una pausa senza il consenso della federazione. McMahon dichiarò che le sue azioni causarono la rabbia di molti fan che avevano pagato per vederlo quella notte. Austin tornò il 1º aprile 2002 a Raw, il primo dell'era "Brand Extension" quando Austin scelse di restare nel roster di Raw. Austin iniziò una faida con The Undertaker che portò ad un match tra i due a Backlash nel quale il vincitore avrebbe ottenuto un'opportunità titolata all'Undisputed WWF Championship in cui Austin perse. Successivamente Big Show e Ric Flair tradirono Austin diventando membri dell'nWo, ma Austin li sconfisse in un handicap match a Judgment Day.

Austin iniziò a rifiutare tutte le idee del booking team che reputava non congeniali al suo personaggio, tra cui perdere un match non pubblicizzato a Raw contro Brock Lesnar, e si allontanò dal ring per nove mesi, affermando in seguito che ciò fu l'errore di cui si pentì maggiormente.[126] Nel febbraio 2003 Austin tornò nella federazione di Stamford, che intanto aveva cambiato nome diventando World Wrestling Entertainment (WWE). Austin sconfisse Eric Bischoff a No Way Out. La faida fra Steve Austin e The Rock si riaccese e i due si affrontano in un match a WrestleMania XIX; ad avere la meglio fu The Rock, vendicando le due precedenti sconfitte patite da parte di Austin in altrettante precedenti edizioni di WrestleMania. Questo fu l'ultimo match di Austin alla WWE e della carriera.

Co-general manager e "sceriffo" di Raw (2003−2004)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro come wrestler professionista, Austin venne nominato co-general manager di Raw (storyline) da Linda McMahon e iniziò una faida contro l'altro co-general manager di Raw, il dispotico Eric Bischoff.[127] Nel corso della storyline, nonostante il ritiro, continuò comunque a utilizzare mosse di wrestling come ad esempio la caratteristica Stone Cold Stunner o a scambiarsi pugni e calci con altri wrestler. Durante l'episodio di Raw del 17 novembre 2003 venne licenziato (storyline) perché la sua squadra perse contro quella di Eric Bischoff in un match a eliminazione alle Survivor Series.[128]

Austin tornò rapidamente alla WWE in occasione del Tribute to the Troops esibendosi davanti a militari statunitensi impegnati in Iraq. Fece il suo ritorno a Raw nell'episodio del 29 dicembre 2003 dove in qualità di "sceriffo" colpì con la Stunner il rivale Eric Bischoff e riassunse il licenziato Shawn Michaels.[129]

Nel 2004 prese parte a WrestleMania XX in veste di arbitro speciale, nel match tra Brock Lesnar e Goldberg dove a termine del match Austin colpì entrambi i contendenti con una Stunner.[130] In seguito iniziò a chiedere più denaro di quello offerto da McMahon, più tempo libero per dedicarsi al cinema o alla televisione e il diritto di sfruttamento del soprannome "Stone Cold", ma McMahon rifiutò e i due decisero di concludere la collaborazione il 16 aprile 2004.

Sporadiche apparizioni (2005−presente)[modifica | modifica wikitesto]

Austin ha spesso arbitrato match dopo il suo ritiro dal ring

Austin tornò in un programma WWE dopo un anno, con un'apparizione speciale a WrestleMania 21 come ospite del Piper's Pit, che termino quando Austin eseguì la Stunner su Carlito e Roddy Piper. Tornò nuovamente a Raw in occasione di Raw Homecoming, puntata speciale andata in onda nell'ottobre 2005, quando attaccò tutta la famiglia McMahon al completo eseguendo su tutti i componenti di essa (Vince, Shane, Stephanie e Linda McMahon) una Stunner.[131] Avrebbe dovuto avere un match contro Jonathan Coachman a Taboo Tuesday, ma fu sostituito da Batista per motivi sconosciuti a pochi giorni dal pay-per-view.[132] Nella prima edizione del 2006 di Saturday Night's Main Event disputò contro John "Bradshaw" Layfield un "beer drinking contest" finito senza vincitore per l'intervento di Chris Benoit, ma anche a causa di una Stunner su Layfield, che tentò di vincere barando.

Austin ha partecipato alla cerimonia della WWE Hall of Fame il 1º aprile 2006, introducendo Bret Hart nella Hall of Fame della federazione.[133] A WrestleMania 23 è stato l'arbitro speciale nella "battle of the billionairs" tra Vince McMahon e Donald Trump, nel match tra Umaga e Bobby Lashley ed è determinanta con la vittoria del secondo, colpendo Umaga con la Stunner. Tra le altre vittime della mossa anche Shane McMahon, Vince McMahon e Donald Trump.[134] Austin è stato anche protagonista della puntata di Saturday Night's Main Event andata in onda il 18 agosto 2007, durante la quale ha incontrato Vince McMahon colpendolo con due low blow e una Stunner. È apparso anche a SummerSlam nel 2007, quando ha preso il posto di Matt Hardy nel "beer drinking contest" che questi avrebbe dovuto disputare contro Montel Vontavious Porter. Anche in questo caso Austin colpì il suo avversario con una Stunner.[135] Comparve anche al quindicesimo anniversario di Raw, dove insieme a Triple H, Mick Foley e The Undertaker attaccò Vince McMahon.

A Cyber Sunday fece da arbitro speciale per due volte: nel 2007 per il match tra The Undertaker e Batista, vinto da quest'ultimo; e nel 2008, in un match in cui Batista affrontò Chris Jericho. Il vincitore fu di nuovo Batista.[136]

Austin festeggia con una birra la sua introduzione nella WWE Hall of Fame sulla rampa di WrestleMania XXV

La notte del 4 aprile 2009 al Toyota Center di Houston è stata celebrata la Hall of Fame, in cui "Stone Cold" Steve Austin è stato introdotto.[137] "È un mio privilegio ed onore aver passato la mia vita in un quadrato da sei metri per sei", questa è la frase conclusiva del discorso che Austin fece alla cerimonia.

Il 15 marzo 2010 è stato il guest host di Raw svolgendo il ruolo di giudice alla firma del contratto tra Bret Hart e Vince McMahon per il loro match a WrestleMania XXVI e sancendo il triple threat match tra Randy Orton, Cody Rhodes e Ted DiBiase, anche questo match per WrestleMania XXVI.

Nel febbraio 2011 la WWE e USA Network, il canale televisivo in cui viene trasmesso Raw, hanno annunciato il ritorno del reality show Tough Enough, di cui Austin sarebbe stato il presentatore. Ha fatto il suo ritorno nella puntata di Raw del 7 marzo in cui interrompe JBL mentre firma il contratto per diventare arbitro speciale nel match di WrestleMania XXVII tra Jerry "The King" Lawler e Michael Cole, colpendolo con la Stunner e firmando il contratto.[138] Austin ha quindi arbitrato il match tra Jerry Lawler e Michael Cole, segnando alla fine la vittoria di Lawler. Dopo i festeggiamenti (e una Stunner al commentatore Booker T), tuttavia, l'anonimo general manager di Raw ha annunciato tramite e-mail che Austin ha favorito troppo Lawler e che quindi la vittoria per squalifica va a Cole. Austin, indignato, ha colpito Josh Mathews con la Stunner.

Austin è apparso nella puntata di Raw del 4 aprile in cui ha presentato i partecipanti di Tough Enough, ma è stato interrotto da The Miz e attaccato da Alex Riley; nonostante ciò, è riuscito a colpire Riley con una Stunner. La prima puntata di Tough Enough è stata trasmessa il 4 aprile stesso, al termine della puntata di Raw successiva a WrestleMania; dalla settimana seguente Tough Enough è stato trasmesso prima della diretta di Raw e il programma è durato dieci settimane.

Austin insieme a Hulk Hogan (a sinistra) e The Rock (a destra) a WrestleMania XXX

La WWE e lo stesso Austin hanno ufficializzato la sua presenza nella puntata di Raw del 6 giugno, dove ha arbitrato il match tra John Cena e Alex Riley contro R-Truth e The Miz vinto dai primi e per incoronare il vincitore di Tough Enough; è stato presente anche la settimana dopo, nella speciale puntata di Raw denominata WWE All Star, come general manager ospite. È stato inoltre uno degli ospiti di WrestleMania XXX, insieme a The Rock e Hulk Hogan.[139][140]

Nel 2015 ha condotto sul WWE Network il suo programma radiofonico Stone Cold Podcast.[141] Ha fatto un'apparizione nella puntata di Raw del 19 ottobre 2015 in cui ha promosso il match tra The Undertaker e Brock Lesnar a Hell in a Cell e WrestleMania 32.[142][143] È apparso a Raw anche la settimana seguente, quando ha pubblicizzato il videogioco WWE 2K16 di cui è sulla copertina.[144] Il 3 febbraio 2016 è apparso all'Opie Radio per promuovere il suo reality show Steve Austin's Broken Skull Challenge: durante l'intervista ha inoltre ribadito che la sua carriera da wrestler professionista è definitivamente terminata.[145] È tornato a WrestleMania 32 dove insieme a Shawn Michaels e Mick Foley ha attaccato la League of Nations (Sheamus, Alberto Del Rio, Rusev e King Barrett). Dopodiché, le tre leggende della WWE hanno festeggiato insieme al New Day (Big E, Kofi Kingston e Xavier Woods) con la birra. In seguito, dopo aver simulato la danza di Woods, ha colpito quest'ultimo con una Stunner.[146][147]

Carriera da attore[modifica | modifica wikitesto]

Steve Austin iniziò la sua carriera televisiva ricoprendo diversi ruoli da ospite in Celebrity Deathmatch e nella quarta e quinta stagione di Nash Bridges trasmesso da CBS, interpretando l'ispettore di polizia Jake Cage del San Francisco Police Department. Apparve anche in V.I.P. e Dilbert. Il debutto cinematografico avvenne con un ruolo marginale nel remake di L'altra sporca ultima meta del 2005, accanto ad altri wrestler quali Goldberg (suo grande amico),[148] Kevin Nash, Bob Sapp e The Great Khali. Il primo ruolo da protagonista lo ebbe firmando un contratto con la WWE Films in The Condemned interpretando Jack Conrad, un pericoloso detenuto in attesa di essere giustiziato in un carcere salvadoregno. Il film venne distribuito nelle sale nel 2007.

Austin nel 2010

Nel 2010 apparve in I mercenari - The Expendables nel ruolo di Dan Paine, guardia del corpo e "braccio destro" dell'antagonista principale, interpretato da Eric Roberts. Questo fu il suo ultimo film ad uscire nelle sale fino al 2013. Austin apparve anche nella serie televisiva Chuck, nei panni del malvagio Hugo Panzer. Recitò altri ruoli cinematografici anche in film quali Damage, Hunt to Kill, The Stranger, Tactical Force, Knockout, Recoil, Maximum Conviction e The Package. Nel 2013 apparve in Grown Ups 2 nel ruolo di Dennis "Tommy" Cavanaugh. Questo fu il primo film ad uscire nelle sale dal 2010.[149]

Nell'aprile 2013 iniziò a presentare un podcast settimanale per famiglie dal nome The Steve Austin Show, mentre successivamente il suo secondo podcast intitolato The Steve Austin Show – Unleashed!, indirizzato a un pubblico più adulto. Questo programma è disponibile su PodcastOne.[150] I suoi podcast ottengono 793.000 download alla settimana e ha 200 milioni di download complessivi.[151] Il podcast è anche la transizione ad una trasmissione in diretta per il WWE Network con edizioni speciali dal 2014.[152] Il programma viene registrato dal suo ranch, situato a Dallas.

Austin è stato ospite del reality show Redneck Island iniziato nel giugno 2012 su CMT,[153] e ha ricoperto tale ruolo fino alla quarta stagione.[154] Nel dicembre 2013 ha annunciato il suo reality show dal titolo Steve Austin's Broken Skull Challenge,[155] uno spettacolo il cui debutto è avvenuto il 6 luglio 2014 su CMT.[156] La seconda stagione del nuovo programma è iniziata nel 2015[157] mentre la terza nel 2016.[158]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Steve Austin ha cambiato legalmente nome due volte: il suo nome di battesimo è Steven James Anderson (cognome della madre), ma dopo il secondo matrimonio di sua madre prese il cognome del padre adottivo, ossia Williams. Nel 2007 ha cambiato legalmente nome in Steve Austin.[159] Austin è fratellastro dell'attore Jamie McBride.[160]

Ha suonato nella banda ufficiale della scuola superiore che ha frequentato[161] e, prima di iniziare la carriera da wrestler, ha pensato di diventare un insegnante di ginnastica.[162]

Austin si è sposato quattro volte: la prima, molto giovane, con una compagna di liceo di nome Kathryn Burrhus (dal 1990 al 1992); la seconda volta con Jeannie Clark (dal 1992 al 1999), (ex moglie dell'allenatore di Austin, Gentleman Chris Adams) da cui ha avuto due figlie, prima del divorzio nel 1999; in terze nozze, nel 2000 Austin ha sposato l'ex Diva della WWF/E Debra Marshall (dal 2000 al 2003).[163] Infine dal 2009 è sposato con Kristin Feres.[164]

Il 15 giugno 2002 la polizia ricevette una chiamata dalla casa in cui vivevano Debra e Austin a San Antonio, in Texas. Al loro arrivo trovarono Debra con evidenti segni di maltrattamenti e in preda a una crisi isterica, mentre il marito abbandonò la casa.[165] Il 14 agosto 2002 Austin venne arrestato con l'accusa di abuso domestico. In seguito a patteggiamento è stato condannato a un anno di libertà vigilata, a 1.000 dollari di multa e a 80 ore di servizi sociali.[166] Gli venne inoltre vietato consumare birra per un anno, poiché l'alcool pare fosse una delle cause scatenanti dell'aggressione. Austin divorziò ufficialmente da Debra nel 2003.[167]

Il 27 marzo 2004 Austin è stato protagonista di una violenta discussione nella propria abitazione con la sua compagna Tess Broussard, che chiamò la polizia e accusò Austin di averla spintonata a terra e di averle procurato così ferite alle mani e alle ginocchia. I due finirono in causa e Tess, nel corso di un incontro con l’avvocato di Austin, lo ferirà con un coltello.[168]

Il soprannome "Stone Cold" (traducibile in italiano come "pietra fredda") nacque quando l'allora moglie Jeannie Clark esortò il marito (impegnato a scegliere il suo ring name per la WWF) a bere la sua tazza di tè prima che diventasse freddo come una pietra.[169]

Austin supporta con forza il matrimonio omosessuale.[170]

Austin possiede inoltre due tatuaggi sulla gamba sinistra: un longhorn del Texas con l'immagine vettoriale del Texas e un teschio.[171]

Jim Ross è un suo grande amico e per questo è stato definito il suo "braccio destro", tant'è che fu Ross a mediare i suoi incontri con Vince McMahon dopo il suo abbandono dalla WWE nel 2002 e a convincerlo a tornare nel 2003.[172]

Nel 2012, il famoso sito Internet Imagine Games Network (IGN) lo ha classificato al quarto posto tra "I 50 migliori wrestler di tutti i tempi".[173]

A partire dal 2015, con la collaborazione della El Segundo Brewing Company, produce e commercializza la sua birra artigianale dal nome Steve Austin's Broken Skull IPA.[174][175]

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Austin durante il Tribute to the Troops nel 2003

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "The Bionic Redneck"[185]
  • "The Paranoid Rattlesnake"[186]
  • "Stone Cold"[185]
  • "Stunning"[185]
  • "Superstar"[185]
  • "The Texas Rattlesnake"[185]
  • "The Toughest Son of a Bitch in the WWF/E"[4]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

    • Come "Stone Cold" Steve Austin
      • Hell Frozen Over di Jim Johnston (20 ottobre 1996–11 ottobre 1998)[188]
      • I Won't Do What You Tell Me di Jim Johnston (12 ottobre 1998–7 settembre 2000, 3 dicembre 2001–presente)[187][189]
      • Glass Shatters dei Disturbed (24 settembre 2000–22 luglio 2001; 2011)[190][191]
      • Rattlesnake di Jim Johnston (23 luglio 2001)[192]
      • Hell on Earth di Jim Johnston (26 luglio 2001)[193]
      • Paranoid di Jim Johnston (30 luglio 2001–2 agosto 2001)[194]
      • Venomous di Jim Johnston (6 agosto 2001–29 novembre 2001)[195]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Austin è stato introdotto nella WWE Hall of Fame
Austin esegue la caratteristica "beer smash" alla cerimonia della Hall of Fame nel 2009
  • Texas Wrestling Federation
    • TWF Tag Team Championship (1) – con The California Stud[207]

1 Il Million Dollar Championship non era un titolo ufficialmente riconosciuto dalla WWE.

Risultati nella Lucha de Apuestas[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: terminologia del wrestling § Lucha de Apuestas.

Record: 3-0

Vincitore (posta in palio) Sconfitto (posta in palio) Luogo Evento Data Note
"Stone Cold" Steve Austin
(baciare il deretano di Hart in caso di sconfitta)
Owen Hart (titolo) East Rutherford, Stati Uniti SummerSlam 3 agosto 1997 [223]
"Stone Cold" Steve Austin
(detenzione del WWF Championship)
The Undertaker
(apparizioni televisive di Mr. McMahon)
Buffalo, Stati Uniti Fully Loaded 25 luglio 1999 [224]
"Stone Cold" Steve Austin e Triple H
(WWF Championship e WWF Intercontinental Championship)
The Undertaker e Kane
(titolo)
Rosemont, Stati Uniti Backlash 29 aprile 2001 [225]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Austin al San Diego Comic-Con International nel 2010 per promuovere il film I mercenari - The Expendables
Austin al San Diego Comic-Con International nel 2010

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

DVD dedicati a "Stone Cold" Steve Austin[modifica | modifica wikitesto]

  • 'Cause Stone Cold Said So (1997)[237]
  • Austin 3:16 Uncensored (1998)[238]
  • Austin vs. McMahon: The Whole True Story (1999)
  • Hell Yeah: The Stone Saga Continues (2000)[237]
  • Stone Cold Steve Austin: Lord of the Ring (2001)[239]
  • Stone Cold Steve Austin: What? (2002)[237]
  • The Stone Cold Truth (2004)[237]
  • The Legacy of Stone Cold Steve Austin (2008)[237]
  • Stone Cold Steve Austin: The Bottom Line on the Most Popular Superstar of All Time (2011)[237]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film è stato doppiato da:

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nicholas Sammond, Steel Chair to the Head: The Pleasure and Pain of Professional Wrestling, Duke University Press, 2005, ISBN 0-8223-3438-0.
  • Mick Foley, Have A Nice Day: A Tale of Blood and Sweat socks, Harper Collins, 2000, ISBN 0-06-103101-1.[281]
  • PSI Staff, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, in "Wrestling's historical cards", Kappa Publishing, 2007.
  • Steve Austin, Dennis Brent e Jim Ross, The Stone Cold truth, 2003, ISBN 0-7434-7720-0.[282]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Steve Austin, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 6 gennaio 2016.
  2. ^ a b c d e (EN) "Stone Cold" Steve Austin Bio, su wwe.com, WWE. URL consultato il 5 gennaio 2016.
  3. ^ Steve Austin. The Stone Cold Truth (p.9)
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae "Stone Cold" Steve Austin, CANOE.
  5. ^ (EN) Bio – Steve Austin, Broken Skull Ranch, su brokenskullranch.com, brokensullranch. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  6. ^ (EN) The Broken Skull Ranch, su brokenskullranch.com, Brokenskullranch. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  7. ^ a b Steve Austin. The Stone Cold Truth (p.10, 12–13),
  8. ^ Sammond, Nicholas, page 6
  9. ^ Greg Oliver, The Pro Wrestling Hall of Shame: The Heels, ECW Press, 2007, p. 13, ISBN 1-55022-759-9.
  10. ^ (EN) The 20 Icons of The Attitude Era, su wwe.com, WWE. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  11. ^ Fin Martin, The 10 best U.S.-style all-rounders, in Power Slam, nº 226, SW Publishing, 30 marzo 2016, p. 31.
    «Stone Cold è tornato da un devastante infortunio al collo causato da un piledriver mal eseguito da parte di Owen Hart a SummerSlam nel 1997, per poi diventare la più grande stella del wrestling dal 1998 al 2003. Poster boy durante l'Attitude Era della WWF, il Rattlesnake era un pieno di carisma ed energia, i suoi incontri basati sulla rissa diretta trasudavano intensità ed eccitazione».
  12. ^ Biografia di Steve Austin, su tuttowrestling.com, Tuttowrestling. URL consultato il 16 marzo 2016.
  13. ^ (EN) 10 reasons why Stone Cold was a greater attitude era star than the Rock, su sportskeeda.com, Sportskeeda. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  14. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About “Stone Cold” Steve Austin, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  15. ^ a b Vince McMahon interview, TSN, 1º giugno 2004.
    «[Austin] ha sorpassato tutti i record di [Hulk] Hogan... in termini di merchandising, licenza, pay-per-view ed eventi dal vivo. Senza dubbio l'atleta più popolare che abbiamo mai avuto».
  16. ^ a b Steve Austin, The Ross Report, 8 aprile 2014.
    «Nessuno è al livello di Austin. Ha fatto più soldi – al botteghino – più di chiunque altro negli annali del business fino ad ora. E certamente altri come The Rock lo hanno portato a un altro livello all'infuori del business, ma all'interno del business, dentro il quadrato – quel quadrato di 6 metri – nessuno ha generato più soldi durante la loro carriera nella WWE».
  17. ^ WWE's Paul Heyman, The Steve Austin Show, 12 gennaio 2015.
    «[Austin era] la cosa più "bollente" nella storia della WWE. Non Hulk Hogan, no Bruno Sammartino... Nessuno ha venduto così tanto merchandise [come lui], nessuno ha venduto così tanti much pay-per-view [come lui], nessuno riusciva a generare dollari agli eventi dal vivo come [faceva] Stone Cold Steve Austin».
  18. ^ (EN) 10 most notorious Stone Cold Steve Austin urban legends, su whatculture.com, Whatculture. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  19. ^ WrestleMania XXIV: WWE Hall of Fame 2008 (bonus feature; Ric Flair's induction speech), WWE Home Video, 20 maggio 2008.
    «Austin è la più grande superstar nella storia della WWE. Sono stanco di dire che [Hulk] Hogan è la più grande superstar di tutti i tempi – questa cosa finisce stasera».
  20. ^ John Cena interview, American Broadcasting Company, 19 marzo 2009.
    «Il Texas Rattlesnake [Steve Austin], lui è sicuramente il più grande nome nella storia del nostro business. [Gli è stato chiesto se Austin è "più grande di Hulk Hogan"] Austin 3:16 è il più grande marquee nella storia della WWE».
  21. ^ Brian Soscia, Christmas With WWE's CM Punk 2011, Beneath The Mat, 20 dicembre 2011.
    «Austin [è] la più grande superstar del wrestling, punto. Più grande di Hulk Hogan, in maniera schiacciante».
  22. ^ (EN) James Caldwell, "Yes!" replacing "What?" chants?, Stone Cold responds, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 3 aprile 2012. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  23. ^ (EN) Stone Cold What Moments, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  24. ^ (EN) WrestleMania XIV, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  25. ^ (EN) WrestleMania XV, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  26. ^ (EN) WrestleMania X-Seven, Cagematch. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  27. ^ (EN) WWE RAW 10th ANNIVERSARY, su angelfire.com, Angelfire. URL consultato il 17 febbraio 2016.
    «I due premi vennero ritirati da Vince McMahon in quanto Steve Austin non fu invitato perché licenziato dalla federazione per l'abbandono senza autorizzazioni di sette mesi prima (giugno 2002)».
  28. ^ (EN) Steve Austin's Titles, su cagematch.net.
  29. ^ (EN) King of the Ring 1996, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  30. ^ (EN) Royal Rumble 1997, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  31. ^ (EN) Royal Rumble 1998, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  32. ^ (EN) Royal Rumble 2001, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  33. ^ (EN) 25 Stunning Royal Rumble Match statistics, su wwe.com, WWE. URL consultato il 3 aprile 2016.
  34. ^ (EN) WWE Royal Rumble Statistics, Records, Trivia & Facts, su smarkoutmoment.com, Smarkoutmoment. URL consultato il 3 aprile 2016.
  35. ^ (EN) wwe-2k16-cover-superstar-stone-cold-steve-austin, su wwe.com.
  36. ^ Steve Austin. The Stone Cold Truth (p.10)
  37. ^ Steve Austin, Bio – Steve Austin Broken Skull Ranch, su Steve Austin Broken Skull Ranch. URL consultato il 29 agosto 2014.
  38. ^ Steve Austin e Bryant, Dennis, The Stone Cold Truth, Pocket Books, 2003, p. 3 pp, ISBN 0-7434-7720-0.
  39. ^ Steve Austin, Bio – Steve Austin Broken Skull Ranch, su Steve Austin Broken Skull Ranch. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  40. ^ (EN) PWI Rookie of the Year, su prowrestling.wikia, Prowrestling.wikia. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  41. ^ a b Steve Austin. The Stone Cold Truth (p.85-86)
  42. ^ (EN) History of the Dangerous Alliance, su wwe.com, WWE. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  43. ^ Steve Austin. The Stone Cold Truth (p.89)
  44. ^ (EN) Clash Of The Champions #20, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  45. ^ (EN) The Hollywood Blondes, su onlineworldofwrestling.com, Onlineworldofwrestling. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  46. ^ a b (EN) Clash of the Champions XXIV results, Pro Wrestling History. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  47. ^ a b (EN) Stud Stable, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling. URL consultato l'8 settembre 2009.
  48. ^ (EN) Starrcade 1993, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  49. ^ (EN) WCW Fall Brawl 1994 results, Pro Wrestling History. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  50. ^ Stone Cold Steve Austin. The Stone Cold Truth (p.117–118)
  51. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 1. The Original Paul Heyman Guy, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  52. ^ a b Stone Cold Steve Austin. The Stone Cold Truth (p.123–125)
  53. ^ (EN) ECW November to Remember 1995 results, Pro Wrestling History. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  54. ^ (EN) January 8, 1996 Monday Night RAW results. Austin's WWF TV debut, su prowrestling.wikia., Prowrestling.wikia. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  55. ^ Ted DiBiase: The Million Dollar Man, p.193, Ted DiBiase with Tom Caiazzo, Pocket Books, New York, NY, 2008, ISBN 978-1-4165-5890-3
  56. ^ (EN) Where Are They Now: The Million Dollar Corporation, su reddit.com, Reddit. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  57. ^ PWI Staff, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, in "Wrestling's historical cards", p. 88.
  58. ^ Monday Night War S01 E08: The Austin Era Has Begun
  59. ^ a b c d e f 2007 Wrestling Almanac & Book of Facts, in Wrestling's Historical Cards, pp. 95–98.
  60. ^ (EN) Austin 3:16 Promo - King of The Ring 1996, su youtube.com, YouTube. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  61. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 4. A Triple H Hug Changed his Career, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  62. ^ (EN) A Look Back at WWE's Infamous Curtain Call: The MSG Incident, su bleachrreport.com, Bleachrreport. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  63. ^ Foley, Mick. Have A Nice Day: A Tale of Blood and Sweatsocks (p.229)
  64. ^ (EN) Survivor Series 1996, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  65. ^ Martin, Finn, Power Slam Magazine, issue 32, in "Back on Top" (Royal Rumble 1997), SW Publishing, 25 febbraio 1997, pp. 12–15.
  66. ^ (EN) February 17, 1997 Monday Night RAW results, su prowrestling.wikia, Prowrestling.wikia. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  67. ^ (EN) WrestleMania 13, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  68. ^ (EN) Top 15 Wrestlers Best At Playing Both Face and Heel, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 7 aprile 2016.
  69. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 2. Never Pinned Bret Hart, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  70. ^ (EN) In Your House 14: Revenge Of The 'Taker, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  71. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin vs. Bret Hart: Raw - Street Fight, April 21, 1997, su wwe.com, WWE. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  72. ^ (EN) World Tag Team Championships, su wwe.com, WWE. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  73. ^ (EN) World Tag Team Championships - Stone Cold & Shawn Michaels, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  74. ^ (EN) WWF 1997's results, su thehistoryofwwe.com, The History of WWE.com. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  75. ^ (EN) World Tag Team Championships - Stone Cold & Dude Love, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  76. ^ (EN) WWF In Your House 16: "Canadian Stampede", su completewwe.com. URL consultato il 9 febbraio 2011.
  77. ^ (EN) SummerSlam 1997, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  78. ^ (EN) Shouldn’t a Move Be Banned After Someone Breaks His Neck?, su wrestlezone.com, Wrestlezone. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  79. ^ (EN) Owen Hart breaks Steve Austin's neck, su youtube.com, YouTube. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  80. ^ (EN) Someone Bought This: Forget Austin 3:16, this shirt is way cooler!, su wrestlecrap.com, Wrestlecrap. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  81. ^ (EN) September 22, 1997 Monday Night RAW results, su prowrestling.wikia., Prowrestling.wikia. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  82. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin's 5 greatest Stunners as chosen by the WWE Universe, su wwe.com, WWE. URL consultato il 7 aprile 2016.
  83. ^ (EN) "Stone Cold" Stunner on Mr. McMahon leads to arrest: Raw, September 22, 1997, su wwe.com, WWE. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  84. ^ (EN) Survivor Series 1997, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 7 aprile 2016.
  85. ^ (EN) In Your House 19: D-Generation X, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  86. ^ (EN) The Real Reason Bret Hart Left the WWE To Sign with WCW, su bleacherreport.com, Bleacherreport. URL consultato il 7 aprile 2016.
  87. ^ 2007 Wrestling Almanac & Book of Facts, in Wrestling's Historical Cards, p. 100.
  88. ^ (EN) Wade Keller, Austin confronts Tyson, brawl breaks out, PWTorch, 24 gennaio 1998. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  89. ^ (EN) Tyson and Austin brawl on Raw: WWE Raw, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 7 aprile 2016.
  90. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin Sells Out?, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 7 aprile 2016.
  91. ^ April 13, 1998 Monday Night RAW results, su prowrestling.wikia.com, Prowrestling.wikialingua=en. URL consultato il 7 aprile 2016.
  92. ^ (EN) In Your House 21: Unforgiven, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 7 aprile 2016.
  93. ^ (EN) WWE Classic of the Week: Steve Austin vs. Dude Love from Over the Edge 1998, su bleacherreportcom, Bleacherreport. URL consultato il 7 aprile 2016.
  94. ^ (EN) Reliving My First WWE Event: 1998 King of the Ring, su bleacherreport.com, Bleacherreport. URL consultato il 7 aprile 2016.
  95. ^ (EN) June 29, 1998 Monday Night RAW results, su prowrestling.wikia, Prowrestling.wikia. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  96. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 8. Refused to Wrestle Jeff Jarrett, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  97. ^ (EN) Dark Pegasus Video Review: In Your House 23 – Fully Loaded ’98, su 411mania.com, 411mania. URL consultato il 15 maggio 2016.
  98. ^ (EN) August 10, 1998 Monday Night RAW results, su prowrestling.wikia.com, Prowrestling.wikia. URL consultato il 15 maggio 2016.
  99. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin vs. The Undertaker: SummerSlam 1998 - WWE Championship Match, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 maggio 2016.
  100. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin vs. The Undertaker vs. Kane - WWE Championship Match: Breakdown 1998, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 maggio 2016.
  101. ^ (EN) Review: WWF-WWE Judgment Day 1998: In Your House 25, su wrestlingdvdnetwork.com, Wrestlingdvdnetwork. URL consultato il 15 maggio 2016.
  102. ^ (EN) On this date in WWF history: Bang 3:16 says Vince just pissed his pants, su cagesideseats.com, Cagesideseats. URL consultato il 15 maggio 2016.
  103. ^ (EN) Dunn’s Countdown to Survivor Series: Survivor Series 1998, su 411mania.com, 411Mania. URL consultato il 15 maggio 2016.
  104. ^ (EN) November 16, 1998 Monday Night RAW results, su prowrestling.wikia.com, Prowrestling. URL consultato il 15 maggio 2016.
  105. ^ (EN) In Your House 26: Rock Bottom, su cagematch.com, Cagematch. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  106. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin vs. The Undertaker - Buried Alive Match: Rock Bottom 1998, su wwe.com, WWE. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  107. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin finally gets his hands on Mr. McMahon during the Royal Rumble Match: Royal, su youtube.com, Youtube. URL consultato il 15 maggio 2016.
  108. ^ (EN) 7 Things You Should Know About WWE Royal Rumble 1999, su whatculture.com, Whatculture. URL consultato il 15 maggio 2016.
  109. ^ (EN) WWE Rumors: 5 Memorable Things From 1999's St. Valentine's Day Massacre Event 16 Years Later, su sportsworldnews.com, Sportsworldnews. URL consultato il 15 maggio 2016.
  110. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin vs. The Rock: WrestleMania 15 - WWE Championship No Disqualification Match, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 maggio 2016.
  111. ^ (EN) WWF Backlash 1999 Classic Review, su cultofwhatever.com, Cultofwhatever. URL consultato il 15 maggio 2016.
  112. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin vs. The Rock - WWE Championship Match: Backlash 1999, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 15 maggio 2016.
  113. ^ (EN) The Two Sheds Review: WWF Over The Edge 1999, su wrestlescoop.com, Wrestlescoop. URL consultato il 15 maggio 2016.
  114. ^ (EN) Dark Pegasus Video Review: King of the Ring ’99, su 411mania.com, 411mania. URL consultato il 15 maggio 2016.
  115. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin vs. The Undertaker - WWE Championship Match: Raw, June 28, 1999, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  116. ^ (EN) Flashback Friday! The End Of An Era: A Look Back at Fully Loaded 1999, su bleachrreport.com, Bleachrreport. URL consultato il 15 maggio 2016.
  117. ^ (EN) WWF FLASHBACK: Fully Loaded 1999 - Austin vs. Taker for WWF Title, Rock vs. Hunter semi-main event, multiple title changes, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 15 maggio 2016.
  118. ^ Stephen A Shoop e Mike Falcon, Piledriver slams Austin into surgery, in USA Today, 14 dicembre 1999. URL consultato il 19 agosto 2014.
  119. ^ Blackjack Brown, Stone Cold rumbles to Houston aiming to sell out Astrodome, Chicago Sun-Times, 28 gennaio 2001. URL consultato il 6 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2007).
  120. ^ (EN) The Two-Man Power Trip, su wwe.com, WWE. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  121. ^ (EN) Backlash 2001, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  122. ^ (EN) Judgment Day 2001, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  123. ^ (EN) May 21, 2001 Monday Night RAW results, su prowrestling.wikia., Prowrestling.wikia. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  124. ^ (EN) The Alliance, su prowrestling.wikia, Prowrestling.wikia. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  125. ^ The untold stories behind 10 WrestleMania matches that almost happened, su WWE.
  126. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 9. Refused to Lose to Brock Lesnar, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  127. ^ (EN) Co-General Managers of Raw "Stone Cold" Steve Austin and Eric Bischoff can't see eye to eye on how to run the show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  128. ^ (EN) Survivor Series 2003, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  129. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin arrives to Raw: Raw, December 29, 2003, su wwe.com, WWE. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  130. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin nails Brock Lesnar and Goldberg with a Stunner: WrestleMania XX, su wwe.com, WWE. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  131. ^ Raw results – October 3, 2005, Online World of Wrestling. URL consultato il 25 maggio 2007.
  132. ^ Taboo Tuesday 2005 Results, PWWEW.net. URL consultato il 17 settembre 2007.
  133. ^ "Stone Cold" Steve Austin, slam.canoe.ca. URL consultato il 25 ottobre 2008.
  134. ^ WrestleMania 23 Results, PWWEW.net. URL consultato il 17 settembre 2007.
  135. ^ SummerSlam 2007 Results, PWWEW.net. URL consultato il 22 ottobre 2007.
  136. ^ Stunnin' New Champion, WWE. URL consultato il 26 ottobre 2008.
  137. ^ One and only "Hall-Raiser", WWE. URL consultato il 15 febbraio 2009.
  138. ^ WWE.com – Page not found, su WWE.
  139. ^ "Stone Cold" Steve Austin to be at WrestleMania 30, wwe.com, 3 aprile 2014. URL consultato il 3 aprile 2014.
  140. ^ Hulk Hogan, Stone Cold and The Rock open Wrestlemania 30, sportskeeda.com, 7 aprile 2014. URL consultato l'8 aprile 2014.
  141. ^ (EN) "Live: Stone Cold Podcast - Special Guest Vince McMahon", su wwe.com, WWE. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  142. ^ James Caldwell, 10/19 WWE Raw: Caldwell's Full Report, Pro Wrestling Torch, 19 ottobre 2015. URL consultato il 6 novembre 2015.
  143. ^ (EN) “Stone Cold” Steve Austin returns to kick off Raw: Raw, October 19, 2015, su youtube.com, YouTube. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  144. ^ James Caldwell, 10/26 WWE Raw Results – Caldwell's Live Report on HIAC fall-out, Pro Wrestling Torch, 26 ottobre 2015. URL consultato il 6 novembre 2015.
  145. ^ Stone Cold Steve Austin: non lotterò mai più, su tuttowrestling.com, Tuttowrestling. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  146. ^ WrestleMania 32: incontri e risultati. Reigns nuovo campione, Shane McMahon ko, su ibtimes.com, International Business Times. URL consultato il 4 aprile 2016.
  147. ^ (EN) Shawn Michaels, Mick Foley, Steve Austin return at WrestleMania 32 to beat down League of Nations, su sbnation.com, Sbnation. URL consultato il 16 aprile 2016.
  148. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 15. Close Friend of Bill Goldberg, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  149. ^ (EN) Tuesday Blog..NOLA RAW Thoughts, Big Show, Red Neck island, UFC, FCW Staff, Big 12 Football, Sauce It Today!, su jrsbarbq.com, Jrsbarbq. URL consultato il 16 aprile 2016.
  150. ^ (EN) THE STEVE AUSTIN SHOW - UNLEASHED!, su podcastone.com, Podcastone. URL consultato il 16 aprile 2016.
  151. ^ (EN) How 5 Former WWE Stars Took Careers From the Top Rope to Hollywood’s Bottom Line, su thewrap.com, Thewrap. URL consultato il 16 aprile 2016.
  152. ^ (EN) “Stone Cold” Live on WWE Network, su wwe.com, WWE Corporate. URL consultato il 16 aprile 2016.
  153. ^ (EN) Stone Cold Steve Austin's Redneck Island, su ign.com, IGN. URL consultato il 16 aprile 2016.
  154. ^ (EN) CMT Reveals ‘Redneck Island’ Season 4 Cast, su tvbythenumbers.zap2it.com, Tvbythenumbers. URL consultato il 16 aprile 2016.
  155. ^ (EN) Steve Austin Announces New “Broken Skull Ranch Challenge” Reality Show, su sescoops.com, Sescoops. URL consultato il 16 aprile 2016.
  156. ^ (EN) AUSTIN NEWS: Premiere date for Steve Austin's new reality competition show on CMT, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 16 aprile 2016.
  157. ^ (EN) Steve Austin Returns for New Season of CMT's BROKEN SKULL CHALLENGE Tonight, su broadwayworld.com, Broadwayworld. URL consultato il 16 aprile 2016.
  158. ^ (EN) Steve Austin Returns for New Season of CMT's BROKEN SKULL CHALLENGE, su cmt.com, CMT. URL consultato il 16 aprile 2016.
  159. ^ (EN) WWE News: Steve Austin Changes His Real Name, Joey Styles Takes Aim At JBL, McCool's Black Eye – December 24, 2007, Lords of Pain. URL consultato l'11 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2008).
  160. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 12. Half-brother of Actor Jamie McBride, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  161. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 7. Was a Band Geek in High School, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  162. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 10. Almost a Gym Teacher, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  163. ^ (EN) TheSmokingGun, Steve Williams and Debra's Marriage Certificate, thesmokinggun.com. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  164. ^ (EN) Steve Austin's Biography, su imdb.com, IMDb. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  165. ^ (EN) Pro Wrestler Accused Of Wife-Beating, su cbsnews.com. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  166. ^ (EN) TheSmokingGun, Stone Cold Plea, thesmokinggun.com. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  167. ^ (EN) TheSmokingGun, Stone Cold Divorce Papers, thesmokinggun.com. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  168. ^ Biografia di Steve Austin, su tuttowrestling.com, Tuttowrestling. URL consultato il 16 marzo 2016.
  169. ^ (EN) 10 real life facts about Stone Cold Steve Austin, su sportskeeda.com, Sportskeeda. URL consultato il 3 aprile 2016.
  170. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 6. Strong Supporter of Gay Marriage, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  171. ^ (EN) Steve Austin Tattoos, su startattooedcelebrities2.blogspot.it, Startattooedcelebrities2. URL consultato il 13 marzo 2016.
  172. ^ (EN) Top 15 Little Known Facts About "Stone Cold" Steve Austin: 11. Jim Ross is his Right Hand Man, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  173. ^ (EN) Top 50 Wrestlers of All Time, su ign.com, IGN. URL consultato il 10 maggio 2016.
  174. ^ (EN) We Talked to Stone Cold Steve Austin About His Skull-Breaking New Beer, su munchies.vice.com, Munchies. URL consultato il 1° maggio 2016.
  175. ^ (EN) Steve Austin’s Broken Skull IPA Launch Event, su vimeo.com, Vimeo. URL consultato il 1° maggio 2016.
  176. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Steve Austin, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  177. ^ (EN) Steve Austin's Stone Cold Stunner, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  178. ^ (EN) Steve Austin, su wrestlingdata.com, Wrestlingdata. URL consultato il 16 aprile 2016.
  179. ^ a b c (EN) World Championship Wrestling, Clash of the Champions XXVIII: US Heavyweight Championship; Ricky Steamboat vs. Steve Austin (c), 28 agosto 1994.
  180. ^ (EN) Steve Austin, su wrestlingdata.com, Wrestlingdata. URL consultato il 16 aprile 2016.
  181. ^ a b (EN) Steve Austin e Dennis Bryant, The Stone Cold Truth, Simon and Schuster, 25 dicembre 2012, ISBN 978-1-4711-0927-0.
  182. ^ (EN) Paul Heyman's proflle, Obsessed With Wrestling. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  183. ^ (EN) Steve Austin, su wrestlingdata.com, Wrestlingdata. URL consultato il 16 aprile 2016.
  184. ^ (EN) Steve Austin, su wrestlingdata.com, Wrestlingdata. URL consultato il 16 aprile 2016.
  185. ^ a b c d e (EN) Steve Austin's Overview, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  186. ^ (EN) Top 15 Things Fans Would Like to Forget About Stone Cold, su thesportster.com, The Sportster. URL consultato il 26 marzo 2016.
  187. ^ a b (EN) Steve Austin's Themes, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  188. ^ (EN) WWF: Stone Cold Theme Song - "Hell Frozen Over", su youtube.com, YouTube. URL consultato il 17 febbraio 2016.
  189. ^ (EN) WWE:Stone Cold Steve Austin Theme "I Won't Do What You Tell Me", su youtube.com, YouTube. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  190. ^ (EN) WWF: Stone Cold Heel Theme Song - "Glass Shatters", su youtube.com, YouTube. URL consultato il 17 febbraio 2016.
  191. ^ (EN) Disturbed performing "Stone Cold" Steve Austin's theme, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  192. ^ (EN) Stone Cold Steve Austin's WWE theme - Rattlesnake, su youtube.com, YouTube. URL consultato il 17 febbraio 2016.
  193. ^ (EN) Stone Cold Steve Austin WWE Theme Song "Hell On Earth", su youtube.com, YouTube. URL consultato il 17 febbraio 2016.
  194. ^ (EN) 2001: Stone Cold Steve Austin WWE Theme Song "Paranoid", su youtube.com, YouTube. URL consultato il 17 febbraio 2016.
  195. ^ (EN) WWF: "Stone Cold" Steve Austin Alliance Theme Song - "Venomous", su youtube.com, YouTube. URL consultato il 17 febbraio 2016.
  196. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v (EN) Steve Austin's Awards, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  197. ^ (EN) PWI Award: Feud of the Year, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 99.
  198. ^ (EN) PWI Award: Match of the Year, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 98.
  199. ^ (EN) PWI Award: Most Hated Wrestler of the Year, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 101.
  200. ^ (EN) PWI Award: Most Popular Wrestler of the Year, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 100.
  201. ^ (EN) PWI Award: Rookie of the Year, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 104.
  202. ^ (EN) PWI Award: Wrestler of the Year, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 33, nº 3, 2012, pp. 96.
  203. ^ (EN) Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 1998, su profightdb.com.
  204. ^ (EN) Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 1999, su profightdb.com.
  205. ^ a b (EN) PWI 500, su willywrestlefest.fr.
  206. ^ (EN) Professional Wrestling Hall of Fame Moving From Upstate New York To Texas, su PWInsider, 20 novembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  207. ^ (EN) Royal Duncan, TWF Tag Team Championship history, Solie. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  208. ^ (EN) NWA World Tag Team Title, su wrestling-titles.com.
  209. ^ (EN) United States Championship history, su wwe.com, WWE. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  210. ^ (EN) Royal Duncan, WCW World Tag Team Championship history, Solie. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  211. ^ (EN) Royal Duncan, World Television Championship history, Solie. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  212. ^ (EN) Million Dollar Championship history, Wrestling Information Archive. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  213. ^ (EN) Intercontinental Championship history, su wwe.com, WWE. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  214. ^ (EN) WWE World Tag Team Championship, su wwe.com, WWE. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  215. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship history, su wwe.com, WWE. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  216. ^ (EN) Royal Duncan, King of the Ring winners, Solie. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  217. ^ (EN) Royal Duncan, Royal Rumble winners, Solie. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  218. ^ (EN) WWE's Triple Crown winners, su wwe.com, WWE. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  219. ^ (EN) What's A Slammy?, su wwe.com, WWE, 23 febbraio 2008. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  220. ^ (EN) Geno Mrosko, WWE Slammy Awards 2015 winners: Live streaming results from Raw, su cagesideseats.com, Cageside Seats, 21 dicembre 2015. URL consultato il 29 gennaio 2016.
  221. ^ (EN) "Stone Cold" Steve Austin wins the Freedom of Speech Slammy Award: 1997 WWE Slammy Awards, su wwe.com, WWE. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  222. ^ (EN) WWE Hall of Fame, su wwe.com, WWE. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  223. ^ On this date in history: Owen Hart breaks Stone Cold Steve Austin's neck at Summerslam 1997, su cagesideseats.com, Cagesideseats. URL consultato l'8 aprile 2016.
    «Stone Cold spent much of the year feuding with Bret Hart and the Hart Foundation. By the time they got to Summerslam, Austin was challenging Owen for the Intercontinental championship with the added stipulation that if he lost, he would have to kiss Hart's ass».
  224. ^ (EN) Review: WWF Fully Loaded 99: End of an Era PPV, su wrestlingdvdnetwork.com, Wrestlingdvdnetwork. URL consultato il 10 maggio 2016.
    «End of an Era match. If Austin wins, McMahon must leave TV, if Undertaker win, Austin never gets a title shot again».
  225. ^ (EN) Review: WWF Backlash 2001, su wrestlingdvdnetwork.com, Wrestlingdvdnetwork. URL consultato il 10 maggio 2016.
    «The Winning fall would get the team the tag titles, and depending on which wrestler was pinned that particular title belt».
  226. ^ Jason X - il male non muore mai, su horror.wikia.com, Horror.wikia. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  227. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Steve Austin's Movies, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  228. ^ (EN) Inferno: The Making of 'The Expendables' (2010), su imdb.com, IMDb. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  229. ^ Non si gioca con Morte, su comingsoon.it, Comingsoon. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  230. ^ (EN) Smosh: The Movie (2015), su imdb.com, IMDb. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  231. ^ 'Celebrity Deathmatch' Revived on MTV2: Stone Cold Steve Austin, Eminem, Kid Rock Return, su mstarz.com, Mstarz. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  232. ^ "The Bernie Mac Show" Wrestling with a Sticky Situation, su imdb.com, IMDB. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  233. ^ "Stone Cold" Steve Austin hosts CMT's "Redneck Island", su wwe.com, WWE. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  234. ^ Michael Bluth, Steve Austin Announces New "Broken Skull Ranch Challenge" Reality Show, Sescoops.com, 5 dicembre 2013. URL consultato il 5 marzo 2014.
  235. ^ James Caldwell, Austin News: Premiere date for Steve Austin's new reality competition show on CMT, PWTorch.com, 7 maggio 2014. URL consultato il 10 maggio 2014.
  236. ^ The Steve Austin Show - Unleashed!, su podcastone.com, Podcastone. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  237. ^ a b c d e f (EN) Steve Austin's DVDs, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  238. ^ (EN) Austin 3:16 Uncensored (DVD), su adamfirestorm.com, Adamfirestorm. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  239. ^ (EN) Stone Cold Steve Austin: Lord of the Ring, su highsports.com, Highsports. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  240. ^ The Condemned - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net, antoniogenna.net. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  241. ^ I mercenari - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net, antoniogenna.net. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  242. ^ Maximum Conviction - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net, antoniogenna.net. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  243. ^ L'altra sporca ultima meta - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net, antoniogenna.net. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  244. ^ Nash Bridges - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net, antoniogenna.net. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  245. ^ Chuck - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net, antoniogenna.net. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  246. ^ Un weekend da bamboccioni 2 - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net, antoniogenna.net. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  247. ^ (EN) WCW The Main Event, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  248. ^ (EN) WWF War Zone, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  249. ^ (EN) WWF Attitude, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  250. ^ (EN) WWF WrestleMania 2000, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  251. ^ (EN) WWF SmackDown!, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  252. ^ (EN) WWF Royal Rumble, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  253. ^ (EN) WWF SmackDown! 2: Know Your Role, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  254. ^ (EN) WWF No Mercy, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  255. ^ (EN) Fire Pro Wrestling, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  256. ^ (EN) WWF Betrayal, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  257. ^ (EN) WWF SmackDown! Just Bring It, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  258. ^ (EN) WWF Road to WrestleMania, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  259. ^ (EN) WWE Raw, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  260. ^ (EN) WWE WrestleMania X8, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  261. ^ (EN) WWE SmackDown! Shut Your Mouth, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  262. ^ (EN) WWE Crush Hour, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  263. ^ (EN) WWE WrestleMania XIX, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  264. ^ (EN) WWE Raw 2, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  265. ^ (EN) WWE SmackDown! Here Comes The Pain, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  266. ^ (EN) WWE Day Of Reckoning 2, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  267. ^ (EN) WWE SmackDown! vs. RAW 2006, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  268. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2007, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  269. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2008, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  270. ^ (EN) WWE Legends of WrestleMania, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  271. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2010, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  272. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2011, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  273. ^ (EN) WWE All Stars, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  274. ^ (EN) WWE '12, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  275. ^ (EN) WWE WrestleFest, su wwe.com, WWE. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  276. ^ (EN) WWE '13, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  277. ^ (EN) WWE 2K14, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  278. ^ (EN) WWE 2K15, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  279. ^ (EN) WWE Immortals, su wwe.com, WWE. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  280. ^ (EN) WWE 2K16, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  281. ^ (EN) Have a Nice Day!: A Tale of Blood and Sweatsocks by Mick Foley, su goodreads.com, Goodreads. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  282. ^ (EN) The Stone Cold Truth, su highsports.com, Highsports. URL consultato l'8 febbraio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN95122741 · LCCN: (ENn99046802 · ISNI: (EN0000 0001 2031 0055 · GND: (DE1029569304 · BNF: (FRcb16520750r (data)