WrestleMania 21

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il videogioco, vedi WWE WrestleMania 21.
WrestleMania 21
Tagline Wrestlemania goes Hollywood
Colonna sonora Bigtime dei The Soundtrack of Our Lives
Behind Those Eyes dei 3 Doors Down
Prodotto da WWE
Brand Raw
SmackDown!
Sponsor Snickers
Data 3 aprile 2005
Sede Staples Center
Città Los Angeles, California
Spettatori 20.193
Cronologia pay-per-view
No Way Out (2005) WrestleMania 21 Backlash (2005)
Progetto Wrestling

WrestleMania 21 è stata la ventunesima edizione dell'annuale evento in pay-per-view di wrestling WrestleMania, prodotto dalla World Wrestling Entertainment (WWE).

L'evento si è svolto il 3 aprile 2005 allo Staples Center di Los Angeles.[1]

Fu la quinta WrestleMania a svolgersi nel sud della California, dopo WrestleMania 2, WrestleMania VII, WrestleMania XII e WrestleMania 2000.

WrestleMania 21 è ricordata per aver fatto da "trampolino di lancio" alle carriere di Batista e soprattutto John Cena, che nei due main-event della serata conquistarono i titoli mondiali dei rispettivi roster (Batista sconfisse Triple H in un match valido per il World Heavyweight Championship, mentre John Cena vinse il WWE Championship contro il campione JBL). Furono però in molti a sostenere che questa scelta rappresentò l'inizio del declino che la federazione dovette affrontare negli anni successivi.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Triple H dovette difendere il World Heavyweight Championship contro Batista nel main event di WrestleMania 21

A New Year's Revolution, Triple H vinse l'Elimination Chamber match valido per il vacante World Heavyweight Championship, eliminando per ultimo Randy Orton grazie all'aiuto degli altri due membri dell'Evolution (Batista e Ric Flair). Tre settimane dopo, alla Royal Rumble, Triple H mantenne il titolo dei pesi massimi sconfiggendo Orton; mentre Batista vinse il Royal Rumble match eliminando per ultimo John Cena, garantendosi un match titolato nel main event di WrestleMania 21. Nella puntata di Raw dell'8 febbraio, HHH mantenne il titolo contro Edge grazie ad un'interferenza di Batista, il quale, al termine del match, mandò degli sguardi di fuoco al suo mentore in segno di sfida. Nelle successive puntate di Raw, Triple H, preoccupato dall'ipotesi che Batista possa scegliere di affrontarlo a WrestleMania, cercò in tutti i modi di fargli cambiare roster per sfidare il WWE Champion John "Bradshaw" Layfield allo Showcase of The Immortals. Nell'ultimo episodio di Raw prima di WrestleMania, però, Batista decise di rimanere nel roster rosso e colpì Triple H con una Powerbomb su un tavolo, sancendo di fatto il match tra i due a WrestleMania e l'uscita di The Animal dall'Evolution.

JBL dovette difendere il WWE Championship contro John Cena a WrestleMania 21

A No Way Out, John Cena sconfisse Kurt Angle, guadagnandosi un posto nel main event titolato di SmackDown! a WrestleMania; mentre, nell'ultimo match dello show, John "Bradshaw" Layfield mantenne il WWE Championship dall'assalto di The Big Show in un Barbed Wire Steel Cage match. Così, Cena entrò in faida con JBL ed il suo Cabinet. Nell'episodio di SmackDown! del 25 febbraio The Big Show e John Cena sconfissero JBL ed Orlando Jordan, mentre la settimana successiva Jordan batté Cena in un match valido per lo United States Championship, detenuto dal rapper di Boston, grazie all'interferenza dei Basham Brothers, i quali, distraendo l'arbitro, permisero a JBL di attaccare Cena con la cintura e a Jordan di schienarlo per la vittoria. Nella successiva puntata di SmackDown!, Cena cercò vendetta nei confronti del WWE Champion, ma il General Manager del roster blu, Theodore Long, gli disse che doveva aspettare fino a WrestleMania per mettere le mani addosso a JBL. Così, più tardi, Cena decise di attaccare e di far fuori tutti i restanti membri del Cabinet; facendo capire a JBL le sue intenzioni in vista di WrestleMania.

Un altro match di grande rilievo per l'evento fu il match interpromozionale tra Kurt Angle (appartenente al roster di SmackDown!) e Shawn Michaels (appartenente al roster di Raw). I due entrarono in faida alla Royal Rumble, quando Michaels eliminò Angle dal Royal Rumble match; ciò causò la reazione di Angle, che si accanì fortemente su Michaels, eliminandolo a sua volta dalla rissa reale e lasciandolo esanime fuori dal ring dopo averlo colpito per due volte con i gradoni d'acciaio, situati all'esterno del quadrato. Il mese dopo, a No Way Out, Angle perse la possibilità di ottenere un posto nel main event titolato di SmackDown! a WrestleMania, venendo sconfitto da John Cena. Nella puntata di Raw successiva a No Way Out, Michaels chiese al General Manager di SmackDown!, Theodore Long, di informare ad Angle che lo avrebbe sfidato ad un match per WrestleMania. Nella puntata di Raw del 28 febbraio, dopo che Michaels batté Edge in uno Street Fight, Angle attaccò Michaels ed accettò la sua sfida per WrestleMania. Nelle successive puntate di SmackDown! precedenti a WrestleMania, Angle cercò in tutti i modi di dire che lui era meglio di Michaels in qualsiasi cosa, prendendo in giro la carriera ed i riconoscimenti ottenuti da HBK.

L'altro match interpromozionale fu quello tra The Undertaker (del roster di SmackDown!) e Randy Orton (del roster di Raw). La faida iniziò a Raw il 7 marzo, quando Orton sfidò Undertaker in un match a WrestleMania, un Legend vs. Legend Killer (ossia la gimmick interpretata da Orton). Tre giorni dopo, a SmackDown!, Taker accettò la sfida di Orton.

Un altro match presente nella card di WrestleMania fu il Money in the Bank ladder match tra Chris Jericho, Christian, Chris Benoit, Edge, l'Intercontinental Champion Shelton Benjamin e Kane. L'idea di questo match venne introdotta da Jericho, che propose un six-man ladder match per WrestleMania, in cui il vincitore avrebbe vinto un contratto per una futura opportunità titolata, la quale sarebbe potuta avvenire in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Subito dopo, il General Manager di Raw, Eric Bischoff, ufficializzò il match per l'evento più importante dell'anno.

Struttura del torneo per determinare il contendente n°1 al WWE Championship[modifica | modifica wikitesto]

  Quarti di finale
SmackDown!
(31 gennaio 2005 - 5 febbraio 2005)
Semifinali
SmackDown!
(15 febbraio 2005)
Finale
No Way Out
(20 febbraio 2005)
                           
   John Cena Schienamento  
 Orlando Jordan 05:01  
     John Cena Schienamento  
     Booker T 16:45  
 Eddie Guerrero 19:55
   Booker T Schienamento  
       John Cena Schienamento
     Kurt Angle 19:22
   The Undertaker DCO  
 René Duprée DCO  
     BYE
     Kurt Angle Forfait  
 Rey Mysterio 17:13
   Kurt Angle Sottomissione  


Evento[modifica | modifica wikitesto]

Match preliminari[modifica | modifica wikitesto]

Prima della messa in onda dell'evento, Booker T (appartenente al roster di SmackDown) vinse una 30-Men Interpromotional Battle Royal eliminando per ultimo Chris Masters (appartenente al roster di Raw).

L'evento fu introdotto dall'esibizione di Lilian Garcia, la quale cantò "America the Beautiful".

Il primo match ad andare in onda fu quello tra Eddie Guerrero e Rey Mysterio (gli allora WWE Tag Team Champions). All'inizio del match, Mysterio saltò sopra la terza corda e atterrò Guerrero. Mysterio tentò, poi, un altro attacco aereo, ma Guerrero contrattaccò con una Powerbomb. Guerrero effettuò i Three Amigos per poi tentare una Frog Splash, ma fallì. In seguito, Mysterio effettuò una Hurricanrana su Guerrero per schienarlo e vincere il match. Al termine del match, entrambi si strinsero la mano in segno di rispetto.

Edge, vincitore del primo Money in the Bank Ladder match della storia

Il match successivo fu il primo Money in the Bank Ladder match della storia tra Chris Jericho, Chris Benoit, Christian, Edge, Kane e l'Intercontinental Champion Shelton Benjamin. L'incontro contenne molti momenti memorabili, inclusi diversi punti del match in cui Jericho, Christian, Benjamin e Kane saltarono tutti dalla terza corda del ring verso l'esterno per colpire i rispettivi avversari. Nel corso del match, Benjamin eseguì un T-Bone Suplex dalla cima della scala ai danni di Edge e, più avanti, sempre lo stesso Benjamin corse su una scala inclinata ad un'altra in modo da far cadere Jericho con una clothesline. Benoit effettuò, poi, un diving headbutt dalla cima della scala impattando in pieno contro Kane. Successivamente, Benoit iniziò la scalata per staccare il Money in the Bank contract, ma Kane si riprese ed anche lui incominciò a salire sulla medesima scala. Nel finale, Benoit riuscì a far cadere Kane dalla scala colpendolo con delle ripetute testate, ma Edge rientrò nel ring e colpì Benoit al braccio sinistro con una sedia d'acciaio facendolo cadere dalla scala. Ritrovandosi tutto solo, Edge iniziò la scalata e si impossessò, dunque, della valigetta vincendo la contesa.

Il terzo match della serata fu tra Randy Orton (appartenente al roster di Raw) e The Undertaker (appartenente al roster di SmackDown). Durante il match, "Cowboy" Bob Orton (padre di Randy) interferì e attaccò The Undertaker colpendolo con il suo braccio destro ingessato lasciando dunque ad Orton il controllo del match. The Undertaker si riprese e tentò di eseguire una chokeslam su Orton, ma quest'ultimo contrattaccò atterrando il Deadman con una RKO che, però, gli valse solamente un conto di due. Orton provò, poi, ad effettuare un Tombstone Piledriver (mossa caratteristica del suo avversario), ma The Undertaker contrattaccò il tentativo di Orton colpendolo, a sua volta, con il Tombstone Piledriver per ottenere la vittoria e per portare la sua Streak sul 13-0.

Il match che seguì fu quello valevole per il WWE Women's Championship tra la campionessa Trish Stratus e Christy Hemme. Trish controllò gran parte del match, anche se Christy provò ad effettuare diversi schienamenti che, però, furono inutili. Christy effettuò, poi, una Twist of Fate su Trish, ma ottenne solamente un conto di due. Dopo che entrambe tentarono un roll-up, Trish eseguì un Chick Kick ai danni di Christy per vincere il match e mantenere il titolo.

Match principali[modifica | modifica wikitesto]

Il quinto match fu l'atteso scontro tra Kurt Angle (appartenente al roster di SmackDown) e Shawn Michaels (appartenente al roster di Raw). Il match iniziò in maniera molto tecnica, con continui attacchi e contrattacchi da parte di entrambi. A metà match, Michaels contrattaccò un suplex di Angle e colpì quest'ultimo con un low-blow, che non fu visto dall'arbitro. In seguito, Michaels saltò utilizzando le corde e si gettò all'esterno del ring andando ad impattare contro Angle, che si trovava disteso sul tavolo dei commentatori. Successivamente, Angle evitò un tentativo di Sweet Chin Music da parte di Michaels applicando la Ankle Lock, ma quest'ultimo riuscì ad evadere dalla presa toccando la prima corda del ring. Angle bloccò, poi, un altro superkick di HBK per poi atterrarlo con la Angle Slam che, però, gli valse solamente un conto di due. Angle fallì un moonsault dalla terza corda e Michaels provò a colpire l'Olympic Hero con un diving elbow drop, ma Angle si risollevò e anticipò HBK atterrandolo con una Angle Slam dalla terza corda del ring. Dopo ciò, Michaels si liberò incredibilmente al conto di due e, mentre Angle lo stava per rialzare, Michaels colpì l'Olympic Hero con un fulmineo superkick, ma anche in questo caso il match non terminò, poiché Angle evase dallo schienamento al conto di due. Nel finale, Angle intrappolò un'altra volta Michaels nella Ankle Lock forzandolo alla sottomissione per vincere il match. Al termine del match, il pubblico riservò un'ovazione a Michaels per lo splendido incontro appena disputato.

Il match successivo fu il Sumo match tra Akebono e Big Show. L'incontro durò all'incirca un minuto e terminò con la vittoria di Akebono, il quale spinse Big Show fuori dal ring.

Il settimo match fu quello valevole per il WWE Championship tra il campione John "Bradshaw" Layfield e John Cena. JBL controllò gran parte del match. Dopo aver schivato un tentativo di Clothesline from Hell da parte di JBL, Cena eseguì una F-U sul campione per vincere il match e conquistare il titolo.

Il main event fu il match valevole per il World Heavyweight Championship tra il campione Triple H e Batista. Durante l'entrata di Triple H, i Motörhead cantarono dal vivo la sua musica d'entrata. L'azione del match fu piena di attacchi e contrattacchi e sia Batista che Triple H furono in controllo del match. Nel finale, Batista effettuò una Batista Bomb su Triple H per vincere l'incontro e conquistare il titolo.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Brand Risultati Stipulazioni Durata
Dark Interbrand Booker T (SmackDown!) ha vinto eliminando per ultimo Chris Masters (Raw) 30-Men Interpromotional Battle Royal 16:36
1 SmackDown! Rey Mysterio ha sconfitto Eddie Guerrero Single match 12:39
2 Raw Edge ha sconfitto Chris Benoit, Chris Jericho, Christian (con Tyson Tomko), Kane e Shelton Benjamin Money in the Bank Ladder match 15:17
3 Interbrand The Undertaker (SmackDown!) ha sconfitto Randy Orton (Raw) Single match 14:14
4 Raw Trish Stratus (c) ha sconfitto Christy Hemme (con Lita) Single match per il WWE Women's Championship 04:11
5 Interbrand Kurt Angle (SmackDown!) ha sconfitto Shawn Michaels (Raw) per sottomissione Single match 27:32
6 Akebono ha sconfitto Big Show (SmackDown!) Sumo match 01:02
7 SmackDown! John Cena ha sconfitto John "Bradshaw" Layfield (c) Single match per il WWE Championship 11:26
8 Raw Batista ha sconfitto Triple H (c) (con Ric Flair) Single match per il World Heavyweight Championship 21:34

Partecipanti alla 30-man Interpromotional Battle Royal[modifica | modifica wikitesto]

     – Wrestler di Raw
     – Wrestler di SmackDown!
# Wrestler Brand Eliminato da
1 The Hurricane Raw Luther Reigns
2 Luther Reigns SmackDown! Chris Masters, Tajiri e William Regal
3 Scotty 2 Hotty SmackDown! Chris Masters
4 Funaki SmackDown! Chris Masters
5 Spike Dudley SmackDown! Chris Masters
6 Billy Kidman SmackDown! Chris Masters
7 Charlie Haas SmackDown! Maven e Snitsky
8 Maven Raw Booker T
9 Val Venis Raw Heidenreich
10 Simon Dean Raw Heidenreich
11 Sylvain Grenier Raw Heidenreich
12 Rosey Raw Rhyno
13 Rhyno Raw Hardcore Holly
14 Robért Conway Raw Booker T
15 Doug Basham SmackDown! Viscera
16 Danny Basham SmackDown! Tyson Tomko
17 Tyson Tomko Raw Orlando Jordan
18 Akio SmackDown! Viscera
19 Hardcore Holly SmackDown! Chris Masters
20 William Regal Raw Heidenreich
21 Orlando Jordan SmackDown! Snitsky
22 Paul London SmackDown! Heidenreich
23 Tajiri Raw Heidenreich
24 Heidenreich SmackDown! Snitsky
25 Snitsky Raw Mark Jindrak
26 Mark Jindrak SmackDown! Chris Masters
27 Nunzio SmackDown! Chris Masters
28 Viscera Raw Booker T
29 Chris Masters Raw Booker T
Vincitore Booker T SmackDown!

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dale Plummer, Main events weak at WrestleMania 21, su slam.canoe.ca, Slam! Sports. URL consultato il 31 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling