WrestleMania 21

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il videogioco, vedi WWE WrestleMania 21.
WrestleMania 21
Tagline Wrestlemania goes Hollywood
Colonna sonora Bigtime dei The Soundtrack of Our Lives
Behind Those Eyes dei 3 Doors Down
Prodotto da WWE
Brand RAW
SmackDown!
Data 3 aprile 2005
Sede Staples Center
Città Los Angeles, California
Spettatori 20.193
Cronologia pay-per-view
No Way Out (2005) WrestleMania 21 Backlash (2005)
Progetto Wrestling

WrestleMania 21 è stata la ventunesima edizione dell'annuale evento in pay-per-view di wrestling WrestleMania, prodotto dalla World Wrestling Entertainment (WWE).

L'evento si è svolto il 3 aprile 2005 allo Staples Center di Los Angeles.[1]

Fu la quinta WrestleMania a svolgersi nel sud della California, dopo WrestleMania 2, WrestleMania VII, WrestleMania XII e WrestleMania 2000.

WrestleMania 21 è ricordata per aver fatto da "trampolino di lancio" alle carriere di Batista e soprattutto John Cena, che nei due main-event della serata conquistarono i titoli mondiali dei rispettivi roster (Batista sconfisse Triple H in un match valido per il World Heavyweight Championship, mentre John Cena vinse il WWE Championship contro il campione JBL). Furono però in molti a sostenere che questa scelta rappresentò l'inizio del declino che la federazione dovette affrontare negli anni successivi.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Triple H dovette difendere il World Heavyweight Championship contro Batista nel main event di WrestleMania 21

A New Year's Revolution, Triple H vinse l'Elimination Chamber match valido per il vacante World Heavyweight Championship, eliminando per ultimo Randy Orton grazie all'aiuto degli altri due membri dell'Evolution (Batista e Ric Flair). Tre settimane dopo, alla Royal Rumble, Triple H mantenne il titolo dei pesi massimi sconfiggendo Orton; mentre Batista vinse il Royal Rumble match eliminando per ultimo John Cena, garantendosi un match titolato nel main event di WrestleMania 21. Nella puntata di Raw dell'8 febbraio, HHH mantenne il titolo contro Edge grazie ad un'interferenza di Batista, il quale, al termine del match, mandò degli sguardi di fuoco al suo mentore in segno di sfida. Nelle successive puntate di Raw, Triple H, preoccupato dall'ipotesi che Batista possa scegliere di affrontarlo a WrestleMania, cercò in tutti i modi di fargli cambiare roster per sfidare il WWE Champion John "Bradshaw" Layfield allo Showcase of The Immortals. Nell'ultimo episodio di Raw prima di WrestleMania, però, Batista decise di rimanere nel roster rosso e colpì Triple H con una Powerbomb su un tavolo, sancendo di fatto il match tra i due a WrestleMania e l'uscita di The Animal dall'Evolution.

JBL dovette difendere il WWE Championship contro John Cena a WrestleMania 21

A No Way Out, John Cena sconfisse Kurt Angle, guadagnandosi un posto nel main event titolato di SmackDown! a WrestleMania; mentre, nell'ultimo match dello show, John "Bradshaw" Layfield mantenne il WWE Championship dall'assalto di The Big Show in un Barbed Wire Steel Cage match. Così, Cena entrò in faida con JBL ed il suo Cabinet. Nell'episodio di SmackDown! del 25 febbraio The Big Show e John Cena sconfissero JBL ed Orlando Jordan, mentre la settimana successiva Jordan batté Cena in un match valido per lo United States Championship, detenuto dal rapper di Boston, grazie all'interferenza dei Basham Brothers, i quali, distraendo l'arbitro, permisero a JBL di attaccare Cena con la cintura e a Jordan di schienarlo per la vittoria. Nella successiva puntata di SmackDown!, Cena cercò vendetta nei confronti del WWE Champion, ma il General Manager del roster blu, Theodore Long, gli disse che doveva aspettare fino a WrestleMania per mettere le mani addosso a JBL. Così, più tardi, Cena decise di attaccare e di far fuori tutti i restanti membri del Cabinet; facendo capire a JBL le sue intenzioni in vista di WrestleMania.

Un altro match di grande rilievo per l'evento fu il match interpromozionale tra Kurt Angle (appartenente al roster di SmackDown!) e Shawn Michaels (appartenente al roster di Raw). I due entrarono in faida alla Royal Rumble, quando Michaels eliminò Angle dal Royal Rumble match; ciò causò la reazione di Angle, che si accanì fortemente su Michaels, eliminandolo a sua volta dalla rissa reale e lasciandolo esanime fuori dal ring dopo averlo colpito per due volte con i gradoni d'acciaio, situati all'esterno del quadrato. Il mese dopo, a No Way Out, Angle perse la possibilità di ottenere un posto nel main event titolato di SmackDown! a WrestleMania, venendo sconfitto da John Cena. Nella puntata di Raw successiva a No Way Out, Michaels chiese al General Manager di SmackDown!, Theodore Long, di informare ad Angle che lo avrebbe sfidato ad un match per WrestleMania. Nella puntata di Raw del 28 febbraio, dopo che Michaels batté Edge in uno Street Fight, Angle attaccò Michaels ed accettò la sua sfida per WrestleMania. Nelle successive puntate di SmackDown! precedenti a WrestleMania, Angle cercò in tutti i modi di dire che lui era meglio di Michaels in qualsiasi cosa, prendendo in giro la carriera ed i riconoscimenti ottenuti da HBK.

L'altro match interpromozionale fu quello tra The Undertaker (del roster di SmackDown!) e Randy Orton (del roster di Raw). La faida iniziò a Raw il 7 marzo, quando Orton sfidò Undertaker in un match a WrestleMania, un Legend vs. Legend Killer (ossia la gimmick interpretata da Orton). Tre giorni dopo, a SmackDown!, Taker accettò la sfida di Orton.

Un altro match presente nella card di WrestleMania fu il Money in the Bank ladder match tra Chris Jericho, Christian, Chris Benoit, Edge, Shelton Benjamin e Kane. L'idea di questo match venne introdotta da Jericho, che propose un six-man ladder match per WrestleMania, in cui il vincitore avrebbe vinto un contratto per una futura opportunità titolata, la quale sarebbe potuta avvenire in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Subito dopo, il General Manager di Raw, Eric Bischoff, ufficializzò il match per l'evento più importante dell'anno.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Risultati Stipulazioni Durata
Dark match Booker T ha vinto eliminando per ultimo Chris Masters 30-man Interpromotional battle royal N/A
1 Rey Mysterio ha sconfitto Eddie Guerrero Single match 12:39
2 Edge ha sconfitto Christian (con Tyson Tomko), Chris Benoit, Chris Jericho, Kane e Shelton Benjamin Money in the Bank ladder match 15:17
3 The Undertaker ha sconfitto Randy Orton Single match 14:14
4 Trish Stratus (c) ha sconfitto Christy Hemme (con Lita) Single match per il WWE Women's Championship 04:11
5 Kurt Angle ha sconfitto Shawn Michaels Single match 27:25
6 Akebono ha sconfitto Big Show Sumo match 01:02
7 John Cena ha sconfitto John Bradshaw Layfield (c) Single match per il WWE Championship 11:26
8 Batista ha sconfitto Triple H (c) (con Ric Flair) Single match per il World Heavyweight Championship 21:36

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dale Plummer, Main events weak at WrestleMania 21, su slam.canoe.ca, Slam! Sports. URL consultato il 31 marzo 2017.
Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling