WrestleMania 35

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
WrestleMania 35
Wrestlemania35live.jpg
Lo stage dello show
TaglineFirst-Ever Women's Main Event at WrestleMania
Colonna sonoraLove Runs Out degli OneRepublic
Work di Chris Classic
Prodotto daWWE
BrandRaw
SmackDown
205 Live
SponsorGrubhub
Snickers
WWE Elite
Data7 aprile 2019
SedeMetLife Stadium
CittàEast Rutherford, New Jersey
Spettatori82.265
Cronologia pay-per-view
Fastlane (2019)WrestleMania 35Money in the Bank (2019)
Progetto Wrestling

WrestleMania 35 è stata la trentacinquesima edizione dell'omonimo evento in pay-per-view prodotto annualmente dalla WWE. L'evento si è svolto il 7 aprile 2019 al MetLife Stadium di East Rutherford (New Jersey).

Questa è stata la prima edizione di WrestleMania ad avere un match femminile come main event della serata. In tal incontro si sono affrontate Ronda Rousey (Raw Women's Champion), Charlotte Flair (SmackDown Women's Champion) e Becky Lynch, con entrambi i titoli in palio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

WrestleMania è considerata l'evento di bandiera della WWE[1] ed è stata descritta come il Super Bowl dello "sport entertainment".[2][3][4] Il 18 marzo 2019 è stato annunciato che Alexa Bliss, appartenente al roster di Raw, avrebbe presenziato all'evento in veste di conduttrice, mentre Elias (anch'egli appartenente al roster di Raw) è stato il conduttore musicale dell'evento, che ha inoltre visto la partecipazione di Hulk Hogan e John Cena come ospiti speciali.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 gennaio, alla Royal Rumble, Ronda Rousey ha difeso con successo il Raw Women's Championship contro Sasha Banks; più tardi, la sera stessa, Becky Lynch ha vinto il Royal Rumble match femminile, dopo essere entrata al posto dell'infortunata Lana (kayfabe), eliminando per ultima Charlotte Flair e guadagnando così un'opportunità titolata a WrestleMania 35.[5][6] Nella puntata di Raw del 28 gennaio Becky ha deciso di affrontare la Rousey per il Raw Women's Championship a WrestleMania, dato che il loro incontro previsto alle Survivor Series era saltato a causa di un reale infortunio (legit) della stessa Becky. Nella puntata di Raw dell'11 febbraio Vince McMahon ha deciso di sospendere Becky Lynch per sessanta giorni, sostituendola con Charlotte Flair per il match a WrestleMania 35 contro Ronda Rousey.[7] Il 10 marzo, a Fastlane, Becky Lynch è tuttavia riuscita a reinserirsi nel match titolato di WrestleMania dopo che ha sconfitto Charlotte Flair per squalifica a causa della volontaria interferenza ai suoi danni da parte di Ronda Rousey, trasformando così l'incontro di WrestleMania per il Raw Women's Championship in un Triple Threat match tra la Rousey, Charlotte e la stessa Becky.[8][9] Il 25 marzo, inoltre, è stato annunciato che questo match sarà il main event di questa edizione di WrestleMania, risultando di fatto il primo match femminile nella storia di WrestleMania a fare da main event. Nella puntata di SmackDown del 26 marzo Charlotte ha conquistato lo SmackDown Women's Championship sconfiggendo Asuka e, nonostante questo, rimarrà ugualmente nel Triple Threat match contro Becky e Ronda.[10] Nella puntata di Raw del 1º aprile Stephanie McMahon ha inoltre annunciato che l'incontro sarà un Winner Takes All match con in palio anche lo SmackDown Women's Championship di Charlotte Flair.

Alla Royal Rumble, Brock Lesnar ha difeso con successo l'Universal Championship contro Finn Bálor.[11] La sera stessa Seth Rollins ha vinto il Royal Rumble match dopo aver eliminato per ultimo Braun Strowman, guadagnando così un'opportunità titolata per l'Universal Championship contro Brock Lesnar a WrestleMania 35.[12] Nella puntata di Raw del 28 gennaio Rollins ha attaccato Lesnar, facendo presumere che The Beast sarebbe stato l'avversario di Rollins per WrestleMania; Lesnar ha però reagito e ha brutalmente contrattaccato Rollins per poi colpirlo con ben sei F-5 di fila.[13] Il match è stato poi ufficializzato la settimana seguente a Raw.

Nella puntata di SmackDown 1000 del 16 ottobre 2018 l'Evolution (Batista, Randy Orton, Ric Flair e Triple H) ha fatto un'apparizione speciale e, durante il segmento, Batista ha detto a Triple H di non averlo mai battuto durante la loro faida nel 2005 (a partire da WrestleMania 21 quando Batista sconfisse Triple H conquistando il World Heavyweight Championship). Nella puntata di Raw del 25 febbraio 2019, durante il compleanno di Ric Flair, questi è stato brutalmente attaccato nel backstage dallo stesso Batista. Nella puntata di Raw dell'11 marzo Batista e Triple H si sono confrontati, con il primo che ha sfidato il secondo ad un No Holds Barred match a WrestleMania 35, e nella puntata di Raw del 25 marzo è stato annunciato che se Triple H dovesse perdere sarà costretto a ritirarsi.[14]

Nella puntata di Raw dell'11 marzo Kurt Angle ha annunciato che a WrestleMania 35 ci sarà il suo ultimo match contro un avversario ancora da stabilire. Nella puntata di Raw del 18 marzo Angle ha rivelato che il suo avversario a WrestleMania 35 sarà Baron Corbin.[15]

Dopo che Shane McMahon ha vinto la WWE World Cup il 2 novembre 2018 a Crown Jewel, The Miz si è alleato con questi, definendolo quasi un secondo padre. Alla fine i due, qualche mese dopo, hanno sfidato i The Bar (Cesaro e Sheamus) per lo SmackDown Tag Team Championship il 27 gennaio 2019 alla Royal Rumble, dove The Miz e Shane sono riusciti a prevalere conquistando i titoli.[16] Successivamente, però, The Miz e Shane hanno perso i titoli il 17 febbraio ad Elimination Chamber contro gli Usos (Jey Uso e Jimmy Uso).[17] Il 10 marzo, a Fastlane, The Miz e Shane sono stati sconfitti dagli Usos, fallendo l'assalto ai titoli di coppia di SmackDown e, nel post match, Shane ha effettuato un turn heel attaccando brutalmente The Miz.[18] Nella puntata di SmackDown del 12 marzo Shane ha sfidato pubblicamente The Miz a WrestleMania 35, e nella puntata di SmackDown del 26 marzo The Miz ha annunciato che il suo incontro con Shane sarà un Falls Count Anywhere match.[19]

Dopo aver avuto dei semplici confronti nel backstage, Randy Orton ha eliminato AJ Styles durante l'Elimination Chamber match per il WWE Championship ad Elimination Chamber. A Fastlane, poi, Orton ha attaccato con un RKO Elias per poi venir colpito dal Phenomenal Forearm di Styles. Nella puntata di SmackDown del 12 marzo Styles e Orton hanno avuto un confronto sulle carriere di entrambi e, al termine di ciò, Styles ha sfidato Orton per un match a WrestleMania 35.[20]

Nella puntata di 205 Live del 19 febbraio, il General Manager dell'omonimo show, Drake Maverick ha sancito un torneo a eliminazione diretta a otto uomini per determinare il contendente nº1 per il WWE Cruiserweight Championship. Nella puntata di 205 Live del 19 marzo Tony Nese ha sconfitto Cedric Alexander nella finale del torneo, garantendosi un match titolato nel Kick-off di WrestleMania 35 contro il WWE Cruiserweight Champion Buddy Murphy.[21][22]

Il 10 marzo, a Fastlane, lo Shield (Roman Reigns, Dean Ambrose e Seth Rollins) si è riunito per un'ultima volta per poi sconfiggere Baron Corbin, Bobby Lashley e Drew McIntyre. Nella puntata di Raw dell'11 marzo Reigns avrebbe dovuto affrontare McIntyre, ma l'incontro non è avvenuto poiché questi ha brutalmente attaccato lo stesso Reigns prima dell'inizio del match. La sera stessa Dean Ambrose ha cercato di vendicare Reigns sfidando McIntyre in un Falls Count Anywhere match dal quale, però, ne è uscito brutalmente sconfitto. Nella puntata di Raw del 18 marzo, dopo aver sconfitto anche Seth Rollins, McIntyre ha sfidato apertamente Reigns per un match a WrestleMania 35.[23]

Nella puntata di SmackDown del 12 marzo R-Truth e Rey Mysterio hanno sconfitto Andrade e lo United States Champion Samoa Joe con Mysterio che ha schienato il campione.[24] Nella successiva puntata di SmackDown del 19 marzo, durante un'intervista nel backstage, Mysterio, accompagnato dal figlio Dominick (precedentemente apparso nel 2005 durante la faida tra suo padre e Eddie Guerrero), ha sfidato Joe per lo United States Championship a WrestleMania 35.[25]

Come ogni anno, da WrestleMania XXX del 2014, è stata annunciata l'André the Giant Memorial Battle Royal con Braun Strowman che è stato annunciato come primo partecipante. Tale Battle Royal si terrà nel Kick-off dell'evento.[26]

Ad Elimination Chamber, Finn Bálor ha sconfitto Bobby Lashley e Lio Rush in un 2-on-1 Handicap match conquistando così l'Intercontinental Championship di Lashley.[27] Nella puntata di Raw dell'11 marzo, tuttavia, Lashley ha riconquistato la cintura sconfiggendo Bálor grazie all'intervento di Rush.[28] Nella puntata di Raw del 25 marzo Bálor ha sconfitto Bobby Lashley e Jinder Mahal in un 2-on-1 Handicap match, conquistando dunque la possibilità di sfidare Lashley a WrestleMania 35 per l'Intercontinental Championship. È stato annunciato il 1 aprile 2019 che Finn Bálor combatterà come "The Demon".[29]

Ad Elimination Chamber, la Boss 'n' Hug Connection (Bayley e Sasha Banks) (Raw) ha sconfitto Carmella e Naomi (SmackDown), The IIconics (Billie Kay e Peyton Royce) (SmackDown), Mandy Rose e Sonya Deville (SmackDown), Nia Jax e Tamina (Raw) e The Riott Squad (Liv Morgan e Sarah Logan) (Raw) in un Elimination Chamber match conquistando così il WWE Women's Tag Team Championship.[30] Successivamente, le neo-campionesse hanno dichiarato di voler difendere i titoli appena vinti anche a NXT oltre che a SmackDown, e nella puntata di Raw del 18 marzo le due sono state sfidate sia da The Divas of Doom che da Nia Jax e Tamina per WrestleMania 35. Nella puntata di SmackDown del 19 marzo Bayley e Sasha sono state sconfitte dalle IIconics in un match non titolato. Il 25 marzo è stato sancito che a WrestleMania 35 ci sarà un Fatal 4-Way match per il WWE Women's Tag Team Championship fra le campionesse Boss 'n' Hug Connection, The Divas of Doom, The IIconics e Nia Jax e Tamina.[31]

Nella puntata di SmackDown del 12 febbraio Kofi Kingston ha rimpiazzato Mustafa Ali (causa infortunio di quest'ultimo) per l'Elimination Chamber match per il WWE Championship nell'omonimo pay-per-view, dove, tuttavia, non è riuscito a conquistare il titolo, venendo eliminato per ultimo dal campione Daniel Bryan.[32] Dopo aver schienato Bryan in un match di coppia, Kingston ha conquistato la possibilità di sfidare Daniel Bryan a Fastlane per il WWE Championship ma, all'ultimo, Vince McMahon lo ha rimpiazzato con il rientrante Kevin Owens. A Fastlane, Big E e Xavier Woods del New Day, compagni di Kingston, hanno sconfitto Rusev e Shinsuke Nakamura nel Kick-off e Kingston, sotto ordine di McMahon, ha dovuto affrontare i The Bar (Cesaro e Sheamus) in un 2-on-1 Handicap match venendo sconfitto.[33][34] Nella successiva puntata di SmackDown del 19 marzo Kingston ha ottenuto la possibilità di affrontare Daniel Bryan a WrestleMania 35 per il WWE Championship a patto di sconfiggere Cesaro, Randy Orton, Rowan, Samoa Joe e Sheamus in un Gauntlet match. Kingston è riuscito a vincere la contesa ma, all'ultimo, Vince McMahon lo ha forzato ad affrontare anche il WWE Champion Daniel Bryan, il quale lo ha sconfitto. La settimana successiva, il New Day ha minacciato di abbandonare la WWE e, per questo motivo, Vince McMahon ha concesso a Big E e Woods di partecipare ad un altro Gauntlet match a coppie dove, se avessero vinto, Kingston avrebbe partecipato a WrestleMania 35 contro Bryan per il WWE Championship. Nella puntata di SmackDown del 26 marzo, infatti, Big E e Woods hanno vinto la contesa eliminando per ultimi Daniel Bryan e Rowan, permettendo così a Kingston di andare a WrestleMania 35 contro Bryan per il WWE Championship.[35]

Dopo WrestleMania 34 del 2018, è stata annunciata la seconda edizione della WrestleMania Women's Battle Royal che avrà luogo nel Kick-off dell'evento.[36]

Nella puntata di SmackDown del 2 aprile gli Usos (Jey Uso e Jimmy Uso), Aleister Black e Ricochet hanno sconfitto i The Bar (Cesaro e Sheamus), Rusev e Shinsuke Nakamura. Al termine del match, Alexa Bliss, la conduttrice di WrestleMania 35, ha annunciato che gli Usos dovranno difendere lo SmackDown Tag Team Championship in un Fatal 4-Way Tag Team match contro Black e Ricochet, i The Bar e Nakamura e Rusev.[37]

Nella puntata di Raw del 1º aprile i Revival (Dash Wilder e Scott Dawson) hanno difeso con successo il Raw Tag Team Championship contro Aleister Black e Ricochet sconfiggendoli per count-out. Poco dopo, nel backstage, i Revival sono stati sfidati da Curt Hawkins e Zack Ryder, con i campioni che hanno detto loro che gli avrebbero fatto sapere qualora avrebbero accettato la sfida. Il 4 aprile, infine, è stato annunciato che i Revival difenderanno il Raw Tag Team Championship contro Hawkins e Ryder nel Kick-off di WrestleMania 35.[38]

Struttura del torneo per determinare il contendente nº 1 al WWE Cruiserweight Championship (2019)[modifica | modifica wikitesto]

  Quarti di finale
205 Live
(26 febbraio 2019 - 5 marzo 2019)
Semifinali
205 Live
(12 marzo 2019)
Finale
205 Live
(19 marzo 2019)
                           
   Tony Nese Schienamento  
 Kalisto  
     Tony Nese Schienamento  
     Drew Gulak  
 The Brian Kendrick
   Drew Gulak Sottomissione  
       Tony Nese Schienamento
     Cedric Alexander
   Oney Lorcan Schienamento  
 Humberto Carrillo  
     Oney Lorcan
     Cedric Alexander Schienamento  
 Akira Tozawa
   Cedric Alexander Schienamento  

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Brand Incontri Stipulazioni Durata
Kick-off 205 Live Tony Nese ha sconfitto Buddy Murphy (c) Single match per il WWE Cruiserweight Championship[39] 10:40
Kick-off Interbrand Carmella (SmackDown) ha vinto eliminando per ultima Sarah Logan (Raw)[40] 16-woman Battle Royal per il WrestleMania Women's Battle Royal Trophy[41] 10:30
Kick-off Raw Curt Hawkins e Zack Ryder hanno sconfitto The Revival (Dash Wilder e Scott Dawson) (c) Tag Team match per il WWE Raw Tag Team Championship[42] 13:20
Kick-off Interbrand Braun Strowman (Raw) ha vinto eliminando per ultimo Colin Jost[43] 30-man Battle Royal per l'André the Giant Memorial Trophy[44] 10:20
1 Raw Seth Rollins ha sconfitto Brock Lesnar (c) (con Paul Heyman) Single match per il WWE Universal Championship[45] 02:30
2 SmackDown AJ Styles ha sconfitto Randy Orton Single match[46] 16:20
3 SmackDown The Usos (Jey Uso e Jimmy Uso) (c) hanno sconfitto Aleister Black e Ricochet, The Bar (Cesaro e Sheamus) e Rusev e Shinsuke Nakamura (con Lana) Fatal 4-Way Tag Team match per il WWE SmackDown Tag Team Championship[47] 10:10
4 SmackDown Shane McMahon ha sconfitto The Miz Falls Count Anywhere match[48] 15:30
5 Interbrand The IIconics (Billie Kay e Peyton Royce) (SmackDown) hanno sconfitto The Boss 'n' Hug Connection (Bayley e Sasha Banks) (c) (Raw), The Divas of Doom (Beth Phoenix e Natalya) (Raw) e Nia Jax e Tamina (Raw) Fatal 4-Way Tag Team match per il WWE Women's Tag Team Championship[49] 10:45
6 SmackDown Kofi Kingston (con Big E e Xavier Woods) ha sconfitto Daniel Bryan (c) (con Rowan) Single match per il WWE Championship[50] 24:45
7 SmackDown Samoa Joe (c) ha sconfitto Rey Mysterio per KO tecnico Single match per il WWE United States Championship[51] 01:00
8 Raw Roman Reigns ha sconfitto Drew McIntyre Single match[52] 10:10
9 Triple H ha sconfitto Batista No Holds Barred match[53]
Se Triple H avesse perso, sarebbe stato costretto a ritirarsi.
23:45
10 Raw Baron Corbin ha sconfitto Kurt Angle Singles Match 06:05
11 Raw Finn Bálor ha sconfitto Bobby Lashley (c) Single match per il WWE Intercontinental Championship
12 Interbrand Becky Lynch ha sconfitto Charlotte Flair (SmackDown Women's Champion) e Ronda Rousey (Raw Women's Champion) Winner Takes All Triple Threat match per il WWE Raw Women's Championship e il WWE SmackDown Women's Championship[54] 21:30

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ WrestleMania 29 press conference brings WWE to Radio City Music Hall, WWE. URL consultato il 31 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2013).
    «... WWE's flagship event lights up MetLife Stadium... WrestleMania».
  2. ^ Dan Gelston, WrestleMania is Super Bowl of sports entertainment, Associated Press. URL consultato il 31 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2014).
  3. ^ Ed Grabianowski, How Pro Wrestling Works, su HowStuffWorks, Inc., Discovery Communications. URL consultato il 5 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2013).
  4. ^ Live & Televised Entertainment, WWE. URL consultato il 21 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2013).
  5. ^ James Wortman, Raw Women’s Champion Ronda Rousey def. Sasha Banks, su WWE, 27 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  6. ^ Anthony Benigno, Becky Lynch won the 30-Woman Royal Rumble Match, su WWE, 27 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  7. ^ Anthony Benigno, Raw Women's Champion Ronda Rousey vs. Charlotte Flair, su WWE, 28 gennaio 2019. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  8. ^ Anthony Benigno, Becky Lynch def. Charlotte Flair via Disqualification, su WWE, 10 marzo 2019. URL consultato il 10 marzo 2019.
  9. ^ Anthony Benigno, Raw Women’s Champion Ronda Rousey vs. Becky Lynch vs. Charlotte Flair (Triple Threat Match), su WWE, 10 marzo 2019. URL consultato il 10 marzo 2019.
  10. ^ Ryan Pappolla, Charlotte Flair def. Asuka to win the SmackDown Women’s Championship, su WWE, 26 marzo 2019. URL consultato il 26 marzo 2019.
  11. ^ James Wortman, Universal Champion Brock Lesnar def. Finn Bálor, su WWE, 27 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  12. ^ Anthony Benigno, Seth Rollins won the 30-Man Royal Rumble Match, su WWE, 27 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  13. ^ Michael Burdick, Universal Champion Brock Lesnar vs. Seth Rollins, su WWE, 11 febbraio 2019. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  14. ^ Ryan Pappolla, Triple H vs. Batista (No Holds Barred Match), su WWE, 11 marzo 2019. URL consultato l'11 marzo 2019.
  15. ^ Michael Burdick, Kurt Angle vs. Baron Corbin (Kurt Angle’s Farewell Match), su WWE, 18 marzo 2019. URL consultato il 18 marzo 2019.
  16. ^ Ryan Pappolla, Shane McMahon & The Miz def. The Bar for the SmackDown Tag Team Championship, su WWE, 27 gennaio 2019. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  17. ^ Anthony Benigno, The Usos def. The Miz & Shane McMahon to become the new SmackDown Tag Team Champions, su WWE, 17 febbraio 2019. URL consultato il 17 febbraio 2019.
  18. ^ Anthony Benigno, SmackDown Tag Team Champions The Usos def. The Miz & Shane McMahon; Shane attacked Miz after the match, su WWE, 10 marzo 2019. URL consultato il 10 marzo 2019.
  19. ^ Michael Burdick, Shane McMahon vs. The Miz (Falls Count Anywhere Match), su WWE, 12 marzo 2019. URL consultato il 12 marzo 2019.
  20. ^ Michael Burdick, AJ Styles vs. Randy Orton, su WWE, 14 marzo 2019. URL consultato il 14 marzo 2019.
  21. ^ WWE.com, Tony Nese def. Cedric Alexander to win the Cruiserweight Championship Tournament, su WWE, 19 marzo 2019. URL consultato il 19 marzo 2019.
  22. ^ Kevin Powers, WWE Cruiserweight Champion Buddy Murphy vs. Tony Nese, su WWE, 19 marzo 2019. URL consultato il 19 marzo 2019.
  23. ^ Michael Burdick, Roman Reigns vs. Drew McIntyre, su WWE, 25 marzo 2019. URL consultato il 25 marzo 2019.
  24. ^ Ryan Pappolla, Rey Mysterio & R-Truth def. Samoa Joe & Andrade, su WWE, 12 marzo 2019. URL consultato il 12 marzo 2019.
  25. ^ Michael Burdick, United States Champion Samoa Joe vs. Rey Mysterio, su WWE, 19 marzo 2019. URL consultato il 19 marzo 2019.
  26. ^ Michael Burdick, Andre the Giant Memorial Battle Royal, su WWE, 18 marzo 2019. URL consultato il 18 marzo 2019.
  27. ^ Anthony Benigno, Finn Bálor def. Bobby Lashley & Lio Rush to become the new Intercontinental Champion (Handicap Match), su WWE. URL consultato il 17 febbraio 2019.
  28. ^ Anthony Benigno, Bobby Lashley def. Finn Bálor to become the new Intercontinental Champion, su WWE. URL consultato l'11 marzo 2019.
  29. ^ Ryan Pappolla, Intercontinental Champion Bobby Lashley vs. Finn Bálor, su WWE, 25 marzo 2019. URL consultato il 25 marzo 2019.
  30. ^ Anthony Benigno, The Boss ‘N’ Hug Connection won the Women’s Elimination Chamber Match to become the first-ever WWE Women’s Tag Team Champions, su WWE. URL consultato il 17 febbraio 2019.
  31. ^ Michael Burdick, WWE Women’s Tag Team Champions Bayley & Sasha Banks vs. Beth Phoenix & Natalya vs. The IIconics vs. Nia Jax & Tamina (Fatal 4-Way Match), su WWE, 25 marzo 2019. URL consultato il 25 marzo 2019.
  32. ^ Anthony Benigno, WWE Champion Daniel Bryan def. Kofi Kingston, AJ Styles, Samoa Joe, Randy Orton and Jeff Hardy (Men's Elimination Chamber Match), su WWE. URL consultato il 17 febbraio 2019.
  33. ^ Anthony Benigno, The New Day def. Shinsuke Nakamura & Rusev, su WWE, 10 marzo 2019. URL consultato il 10 marzo 2019.
  34. ^ WWE, The Bar def. Kofi Kingston (2-on-1 Handicap Match), su WWE, 10 marzo 2019. URL consultato il 10 marzo 2019.
  35. ^ Michael Burdick, WWE Champion “The New” Daniel Bryan vs. Kofi Kingston, su WWE, 26 marzo 2019. URL consultato il 26 marzo 2019.
  36. ^ WWE.com Staff, WrestleMania Women’s Battle Royal, su WWE, 29 marzo 2019. URL consultato il 29 marzo 2019.
  37. ^ Michael Burdick, SmackDown Tag Team Champions The Usos vs. Ricochet & Aleister Black vs. The Bar vs. Shinsuke Nakamura & Rusev (Fatal 4-Way Match), su WWE, 2 aprile 2019. URL consultato il 2 aprile 2019.
  38. ^ Michael Burdick, Raw Tag Team Champions The Revival vs. Curt Hawkins & Zack Ryder, su WWE, 4 aprile 2019. URL consultato il 4 aprile 2019.
  39. ^ Ryan Pappolla, Tony Nese def. Buddy Murphy to win the Cruiserweight Championship, su wwe.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  40. ^ Le altre partecipanti erano: Asuka, Candice LeRae, Dana Brooke, Ember Moon, Kairi Sane, Lana, Liv Morgan, Mandy Rose, Maria Kanellis, Naomi, Nikki Cross, Ruby Riott, Sonya Deville e Zelina Vega.
  41. ^ John Clapp, Carmella won the Second Annual WrestleMania Women’s Battle Royal, su wwe.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  42. ^ Ryan Pappolla, Zack Ryder & Curt Hawkins def. The Revival for the Raw Tag Team Championship, su wwe.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  43. ^ Gli altri partecipanti erano: Ali, Andrade, Apollo Crews, Bo Dallas, Bobby Roode, Chad Gable, Curtis Axel, EC3, Gran Metalik, Harper, Heath Slater, Jeff Hardy, Jinder Mahal, Kalisto, Karl Anderson, Konnor, Lince Dorado, Luke Gallows, Matt Hardy, Michael Che, No Way Jose, Otis, Rhyno, Shelton Benjamin, Titus O'Neil, Tucker, Tyler Breeze e Viktor.
  44. ^ Anthony Benigno, Braun Strowman won the sixth annual Andre the Giant Memorial Battle Royal, su wwe.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  45. ^ James Wortman, Seth Rollins def. Brock Lesnar to become Universal Champion, su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  46. ^ James Wortman, AJ Styles def. Randy Orton, su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  47. ^ Bobby Melok, The Usos def. Aleister Black & Ricochet, The Bar and Shinsuke Nakamura & Rusev, su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  48. ^ Anthony Benigno, Shane McMahon def. The Miz (Falls Count Anywhere Match), su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  49. ^ Kevin Powers, The IIconics def. Bayley & Sasha Banks, Nia Jax & Tamina and Natalya & Beth Phoenix to win WWE Women’s Tag Team Championship, su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  50. ^ Bobby Melok, Kofi Kingston def. Daniel Bryan to win the WWE Championship, su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  51. ^ Anthony Benigno, United States Champion Samoa Joe def. Rey Mysterio, su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  52. ^ James Wortman, Roman Reigns def. Drew McIntyre, su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  53. ^ Anthony Benigno, Triple H def. Batista (No Holds Barred Match), su WWE. URL consultato il 7 aprile 2019.
  54. ^ WWE.com Staff, Becky Lynch def. Ronda Rousey and Charlotte Flair to win the Raw and SmackDown Women’s Championships, su WWE, 7 aprile 2019. URL consultato il 7 aprile 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling