Nikki Cross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nikki Cross
Nikki Cross Axxess 2018.jpg
Nikki Cross nell'aprile del 2018
NomeNicola Glencross[1]
Ring nameNicola Glencross[2]
Nicola Storm[2]
Nikki Cross[3]
Nikki Glencross[4]
Nikki Storm[1][5]
NazionalitàScozia Scozia
NascitaGlasgow, Scozia[1][2]
21 aprile 1989 (29 anni)
ResidenzaOrlando, Florida,
Stati Uniti d'America[6]
Altezza dichiarata155 cm
Peso dichiarato53[5] kg
AllenatoreKillian Dain
Robbie Brookside
Finn Bálor
Johnny Kidd
Paul Tracey
Debutto20 settembre 2008[7]
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Nicola Glencross (Glasgow, 21 aprile 1989) è una wrestler scozzese sotto contratto con la WWE, dove lotta nel territorio di sviluppo NXT con il ring name Nikki Cross.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Circuito indipendente (2008–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Total Nonstop Action Wrestling (2014)[modifica | modifica wikitesto]

WWE[modifica | modifica wikitesto]

NXT (2016–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver svolto un provino con la WWE a Londra nell'autunno 2015[8] e nell'aprile 2016, viene annunciato il suo arrivo presso il WWE Performance Center di Orlando.[9] Compie il suo debutto a WWE NXT il 22 aprile nel corso di un house show.[10] Nell'agosto seguente viene annunciato il suo nuovo ring name, Nikki Cross.[11] Sotto il nome di Nikki Glencross, compie la sua prima apparizione televisiva il 17 agosto in un episodio di NXT, facendo coppia in un six-woman tag team match con Carmella e Liv Morgan, in una vittoria contro Daria Berenato, Mandy Rose ed Alexa Bliss.[4]

Nel mese di ottobre, debutta come membro della stable heel SAni†Y, cambiando il suo nome in Nikki Cross. Il 28 gennaio, a NXT TakeOver: San Antonio, Nikki ha preso parte ad un Fatal 4-Way match valido per l'NXT Women's Championship, che includeva anche la campionessa Asuka, Peyton Royce e Billie Kay dove però la campionessa ha mantenuto il titolo. Il 1º aprile, a NXT TakeOver: Orlando, i SAnitY hanno sconfitto Roderick Strong, Tye Dillinger, Kassius Ohno e Ruby Riot. Il 20 maggio, a NXT TakeOver: Chicago, Nikki ha partecipato ad un Triple Threat match che includeva anche Ruby Riot e Asuka per l'NXT Women's Championship ma il match è stato vinto dalla campionessa. Nella puntata di NXT del 28 giugno Nikki ha affrontato Asuka in un Last Woman Standing match per l'NXT Women's Championship ma è stata sconfitta. Nella puntata di NXT del 13 settembre la Cross e Ruby Riot hanno sconfitto Billie Kay e Peyton Royce. Nella puntata di NXT del 4 ottobre la Cross e Ruby Rio hanno sconfitto nuovamente Billie Kay e Peyton Royce. Nella puntata di NXT del 25 ottobre la Cross ha vinto una 15-woman Battle Royal guadagnando l'accesso al Fatal 4-Way match con in palio il vacante NXT Women's Championship a NXT TakeOver: WarGames. Nella puntata di NXT del 1º novembre la Cross ha sconfitto Taynara Conti. Il 18 novembre, a NXT TakeOver: WarGames, la Cross ha partecipato ad un Fatal 4-Way match che includeva anche Ember Moon, Kairi Sane e Peyton Royce con in palio il vacante NXT Women's Championship ma il match è stato vinto dalla Moon. Nella puntata di NXT del 31 gennaio 2018 la Cross ha sconfitto Lacey Evans. Nella puntata di NXT del 21 febbraio Nikki Cross ha sconfitto Vanessa Borne. Il 17 aprile è stato mandato in onda un video circa il debutto dei SAni†Y a SmackDown; tale video, tuttavia, non ha incluso anche Nikki Cross (la quale rimarrà ad NXT), sancendo di fatto la sua uscita dalla stable. Il 16 giugno, a NXT TakeOver: Chicago II, la Cross ha affrontato Shayna Baszler per l'NXT Women's Championship ma è stata sconfitta.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Nikki Cross esegue la Purge su Aliyah

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "The Best in the Galaxy"[1]
  • "The White Chocolate Cheesecake of Sports Entertainment"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Pro-Wrestling: EVE
    • Pro-Wrestling: EVE Championship (3)
  • World Wide Wrestling League
    • W3L Women's Championship (1)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Docking, Neil, Why Scottish wrestling star Nikki Storm should shine in WWE NXT, su The Daily Mirror, 14 aprile 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  2. ^ a b c Nikki Storm, su The Internet Wrestling Database. URL consultato il 13 agosto 2016.
  3. ^ Nikki Cross, su WWE. URL consultato il 4 novembre 2016.
  4. ^ a b Trionfo Richard, WWE NXT REPORT: WHAT COULD GO WRONG WITH OPPONENTS IN THE SAME ROOM?, ITAMI IN ACTION, SIX WOMAN TAG MATCH WITH SOME DEBUTS, A LOOK AT TAKEOVER, AND MORE, su PWInsider, 17 agosto 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  5. ^ a b Nikki Storm, su Insane Championship Wrestling. URL consultato il 13 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2016).
  6. ^ Lamont, Colan, Fitness instructor takes wrestling world by Nikki Storm as she becomes first Scots woman to join WWE NXT, su The Daily Record, 17 maggio 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  7. ^ a b c Nikki Storm, su Online World of Wrestling. URL consultato il 13 agosto 2016.
  8. ^ Is NXT recruit Nicola Glencross the 'Best in the Galaxy'? The former Nikki Storm speaks out, su WWE.com, 5 maggio 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  9. ^ WWE Performance Center welcomes new class of recruits, su WWE.com, 12 aprile 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  10. ^ NXT Tampa Show, su The Internet Wrestling Database.
  11. ^ Nikki Storm gets NXT name, su squaredcirclesirens.com, 13 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2016.
  12. ^ Nikki Storm, su Preston City Wrestling. URL consultato il 13 agosto 2016.
  13. ^ a b c Nikki Storm, su Shine Wrestling. URL consultato il 14 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2016).
  14. ^ Millennium, iTunes. URL consultato il 14 agosto 2016.
  15. ^ WWE: Controlled Chaos (SAnitY) - Single, iTunes. URL consultato il 18 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]