Kalisto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kalisto
Kalisto 2018.jpg
Kalisto nel 2018
NomeEmanuel Alejandro Rodriguez
Ring nameKalisto[1]
Octagón Jr.
Samuray
Samuray del Sol
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaChicago
14 novembre 1986 (31 anni)
ResidenzaOrlando
Altezza dichiarata168 cm
Peso dichiarato77 kg
AllenatoreBilly Gunn
Dusty Rhodes
Gran Apache
Norman Smiley
Sara Amato
Windy City Pro Wrestling
Debutto2006
FederazioneWWERaw
Progetto Wrestling

Emanuel Alejandro Rodriguez (Chicago, 14 novembre 1986) è un wrestler statunitense di origini messicane sotto contratto con la WWE, dove lotta nel roster di Raw con il ringname Kalisto.

Nel 2006 ha fatto il suo debutto nel wrestling combattendo mascherato con il ring name di Samuray del Sol ("Samuray del Sole") nel circuito indipendente statunitense. Dopo essersi affermato come uno dei principali high-flyer, ha iniziato a lavorare per le maggiori federazioni indipendenti tra cui la Combat Zone Wrestling (CZW), Wrestling Independent Association Mid-South (IWA-MS), National Wrestling Alliance (NWA), Pro Wrestling Guerrilla (PWG) e Resistenza Pro Wrestling (DPC) e la Dragon Gate USA (DGUSA). Quello stesso anno ha fatto il suo debutto nella federazione messicana di lucha libre, l'Asistencia Asesoría y Administración (AAA), dove si esibiva come Octagon Jr.

Nel maggio 2013 ha firmato un contratto con la WWE ed è stato assegnato al territorio di sviluppo di NXT, dove è stato rinominato Kalisto. Nel settembre 2014 ha formato un tag team insieme a Sin Cara con il nome The Lucha Dragons e il duo ha vinto una volta l'NXT Tag Team Championship. Nel febbraio 2015 i Lucha Dragons sono stati promossi al roster principale della WWE. Nel gennaio 2016 Kalisto ha vinto lo United States Championship, il suo primo titolo singolo nella WWE, per due volte. Nel 2017 Kalisto è entrato nella divisione dei pesi leggeri di Raw e ha vinto una volta il WWE Cruiserweight Championship.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Circuito indipendente (2006–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Rodriguez come Samuray Del Sol nel 2012

AAA (2011–2012)[modifica | modifica wikitesto]

Altre federazioni (2012–2013)[modifica | modifica wikitesto]

WWE[modifica | modifica wikitesto]

NXT (2013–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Lucha Dragons.

Nel maggio 2013 è stato riportato che Rodriguez ha firmato un contratto con la WWE. Il 29 agosto è stato rivelato che il ring name di Rodriguez è Kalisto.[1] Kalisto ha fatto il suo debutto il 20 settembre in un house show di NXT sconfiggendo Baron Corbin.[2] Nell'aprile 2014 ha formato un tag team con El Local,[3] con cui ha fatto il suo debutto televisivo nella puntata di NXT dell'8 maggio sconfiggendo i Legionnaires (Marcus Louis e Sylvester Lefort) in un tag team match.[4] Kalisto e El Local sono stati sconfitti dagli Ascension (Konnor e Viktor) per l'NXT Tag Team Championship il 29 maggio a NXT TakeOver.[5]

Kalisto ha in seguito formato un tag team con Sin Cara e hanno vinto contro gli Ascension l'NXT Tag Team Championship l'11 settembre 2014 a NXT TakeOver: R Evolution, per poi perderli nella puntata di NXT del 28 gennaio 2015 a favore di Buddy Murphy e Wesley Blake.

United States Champion (2015–2016)[modifica | modifica wikitesto]

I Lucha Dragons hanno fatto il loro debutto nel roster principale nella puntata di Raw del 30 marzo 2015, la notte dopo WrestleMania 31. Hanno lottato e vinto insieme al New Day (Big E, Kofi Kingston e Xavier Woods) contro gli Ascension (Konnor e Viktor), Cesaro e Tyson Kidd. Nella puntata di Raw del 20 aprile i Lucha Dragons hanno perso per countout un match contro il New Day che avrebbe determinato i contendenti n°1 al WWE Tag Team Championship detenuti da Cesaro e Kidd.

Nella seconda metà del 2015 hanno continuato a lottare per il WWE Tag Team Championship detenuti dai Prime Time Players (Titus O'Neil e Darren Young): il 23 agosto a SummerSlam i Lucha Dragons hanno avuto l'opportunità di conquistare i titoli in un Fatal 4-Way Tag Team match che includeva anche i Los Matadores e il New Day, che ha vinto il titolo quando Kofi Kingston ha schienato Diego dei Los Matadores. Nel mese di novembre è stato annunciato un torneo per il vacante WWE World Heavyweight Championship a cui Kalisto ha preso parte sconfiggendo Ryback al primo turno ma è stato eliminato da Alberto Del Rio nei quarti di finale.[6] Frattanto, i Lucha Dragons hanno avuto un'altra opportunità di conquistare il titolo, questa volta detenuto dal New Day: Kalisto e Sin Cara riuscivano sempre a trionfare contro il New Day in match non titolati, fallendo al contrario l'assalto ai titoli in numerose occasioni, come il 13 dicembre a TLC (in un Triple Threat Ladder match che includeva anche gli Usos) e nella puntata di SmackDown del 22 dicembre.

Kalisto con lo United States Championship nell'aprile 2016

Dopo che Sin Cara si è infortunato nella puntata di Raw del 28 dicembre, Kalisto ha iniziato a lottare in singolo e, supportato da John Cena, ha sconfitto Alberto Del Rio, detentore dello United States Championship, nella puntata di SmackDown del 7 gennaio 2016,[7] ripetendosi poi nella puntata di Raw dell'11 gennaio 2016, dove ha sconfitto Del Rio per vincere lo United States Championship, il suo primo titolo da singolo del roster principale,[8] perdendolo nella puntata di SmackDown del 14 gennaio (a causa dell'intervento di King Barrett)[9] e infine riconquistarlo per la seconda volta il 24 gennaio alla Royal Rumble contro lo stesso Del Rio.[10] Ha difeso con successo il titolo per la prima volta nella puntata di SmackDown del 28 gennaio, quando ha sconfitto Neville.[11] La rivalità tra Kalisto e Del Rio è culminata in un 2-out-of-3 Falls match valido per lo United States Championship nel Kick-off di Fastlane, dove Kalisto ha avuto la meglio per 2-1.[12] In seguito assiste al match tra il suo partner Sin Cara e Ryback, nella puntata di Raw del 14 marzo; Sin Cara è stato sconfitto e Ryback ha lanciato una sfida a Kalisto per lo United States Championship a WrestleMania 32, sfida che Kalisto ha accettato in un'intervista con Michael Cole. Il 3 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 32, Kalisto ha difeso con successo il titolo contro Ryback.[13] I Lucha Dragons tornano insieme nella puntata di SmackDown del 7 aprile dove affrontano i Vaudevillains (Aiden English e Simon Gotch), loro vecchi avversari ad NXT, al loro match di debutto ma vengono sconfitti. Nella puntata di Raw dell'11 aprile viene indetto un torneo per decretare i contendenti n°1 al WWE Tag Team Championship detenuti dal New Day: i Lucha Dragons affrontano ai quarti di finale i Dudley Boyz ma, a seguito di un leggero infortunio di Kalisto durante il match, Sin Cara è stato costretto a lottare da solo, venendo però schienato da Bubba Ray Dudley dopo una 3D con D-Von Dudley, causando dunque la sconfitta e l'eliminazione dei Lucha Dragons. Nella puntata di SmackDown del 21 aprile viene sconfitto da Ryback in un match non titolato, il quale si è preso la sua rivincita dopo WrestleMania 32. Il 1º maggio, nel Kick-off di Payback, Kalisto ha difeso con successo per la seconda volta lo United States Championship contro Ryback.[14] Inizia subito dopo una faida con Rusev, diventato da poco contendente n°1 allo United States Championship dopo aver vinto una 20-man Battle Royal il 2 maggio a Raw. Il 9 maggio Kalisto aiuta Sin Cara a sconfiggere proprio Rusev, colpendo il bulgaro con un calcio alla testa mentre l'arbitro era distratto da Lana e permettendo dunque a Sin Cara di schienare il bulgaro con un roll-up. Il 12 maggio a SmackDown, però, Rusev sconfigge Sin Cara nel rematch dopo che Kalisto, al tavolo di commento, era stato attaccato da Lana. Nella puntata di Raw del 16 maggio viene sconfitto da Alberto Del Rio e brutalmente attaccato nel finale da Rusev, che in precedenza aveva colpito ripetutamente Sin Cara. Il 22 maggio, a Extreme Rules, Kalisto ha perso lo United States Championship contro Rusev dopo 119 giorni di regno.[15] Nella puntata di SmackDown del 26 maggio Kalisto è stato nuovamente sconfitto da Rusev nel rematch titolato.[16] Il 19 giugno nel Kick-off di Money in the Bank i Lucha Dragons hanno trionfato sui Dudley Boyz.[17]

Nella puntata di Raw del 18 luglio Kalisto e Sin Cara hanno deciso di separarsi amichevolmente per prendere strade differenti, in vista dell'imminente divisione dei roster del giorno dopo. Ciononostante, quella stessa sera, è intervenuto per aiutare Sin Cara al termine del suo match contro Baron Corbin (in cui Sin Cara è stato sconfitto).

Cambi di roster (2016–2017)[modifica | modifica wikitesto]

Con la Draft Lottery avvenuta nella puntata di SmackDown del 19 luglio, Kalisto è stato trasferito nel roster di SmackDown.[18] Nella puntata di SmackDown del 26 luglio Kalisto ha partecipato ad una Battle Royal per determinare uno dei sei sfidanti del Six-Pack Challenge match per determinare il contendente n°1 al WWE World Championship di Dean Ambrose ma è stato eliminato da Kane. Nella puntata di SmackDown del 2 agosto ha preso parte ad un Triple Threat match che comprendeva anche Apollo Crews e Baron Corbin per decretare il contendente n°1 all'Intercontinental Championship di The Miz ma il match è stato vinto da Crews che ha schienato proprio Kalisto.[19] Nel backstage, durante la stessa serata, è stato brutalmente attaccato da Baron Corbin e la stessa scena si è ripetuta nella successiva puntata di SmackDown del 16 agosto. Kalisto, in seguito, ha subito un infortunio non meglio identificato che lo ha costretto a restare fuori dalle scene. Kalisto è tornato dall'infortunio il 22 ottobre durante un house show.[20] Nella puntata di SmackDown dell'8 novembre Kalisto ha fatto inoltre il suo ritorno nello show blu, dove avrebbe dovuto affrontare Baron Corbin ma, a causa di un infortunio alla caviglia del Lone Wolf, l'incontro non è nemmeno iniziato. Successivamente, Kalisto ha ottenuto un match titolato per Survivor Series per il WWE Cruiserweight Championship di The Brian Kendrick (atleta di Raw) dove, se Kalisto avesse vinto, l'intera divisione dei pesi leggeri sarebbe passata al roster di SmackDown.[21][22] Nella puntata di SmackDown 900 Live! del 15 novembre Kalisto ha sconfitto Oney Lorcan, atleta di NXT.[23] Il 20 novembre, a Survivor Series, Kalisto è stato sconfitto da The Brian Kendrick per squalifica a causa dell'intervento di Baron Corbin ai danni dello stesso Kendrick, facendo sì che questi mantenesse il WWE Cruiserweight Championship.[24] Nella puntata di SmackDown del 22 novembre Kalisto ha affrontato The Miz per l'Intercontinental Championship ma è stato sconfitto a causa dell'ennesima interferenza di Baron Corbin.[25] Nella puntata di SmackDown del 29 novembre Kalisto e Dolph Ziggler hanno sconfitto The Miz e Baron Corbin per squalifica a causa di una sediata di quest'ultimo su Kalisto mentre stava schienando The Miz dopo la Salida del Sol.[26] Il 4 dicembre a TLC: Tables, Ladders & Chairs Kalisto è stato sconfitto da Baron Corbin in un Chairs match.[27] Nella puntata di SmackDown del 6 dicembre Kalisto è stato nuovamente sconfitto da Corbin nel rematch di TLC.[28] Nella puntata di SmackDown del 3 gennaio 2017 Kalisto è corso in aiuto di Dolph Ziggler alla fine del suo match perso contro Baron Corbin ma, inaspettatamente, il wrestler mascherato è stato colpito da un Superkick dello "Showoff", facendo presagire un possibile turn heel di quest'ultimo.[29] Nella puntata di SmackDown del 10 gennaio Kalisto ha affrontato e sconfitto Dolph Ziggler grazie ad un roll-up ma, nel post match, è stato brutalmente attaccato dallo "Showoff" con una sedia.[30] Nella puntata di SmackDown del 24 gennaio Kalisto è stato sconfitto da Dolph Ziggler.[31] Il 29 gennaio Kalisto ha partecipato al Royal Rumble match dell'omonimo pay-per-view entrando col numero 3 ma è stato eliminato da Braun Strowman dopo otto minuti e diciassette secondi di permanenza.[32] Nella puntata di SmackDown del 31 gennaio Kalisto è stato sconfitto per la seconda volta da Dolph Ziggler.[33] Il 12 febbraio, ad Elimination Chamber, Kalisto e Apollo Crews hanno sconfitto Dolph Ziggler in un 2-on-1 Handicap match.[34] Nella puntata di SmackDown del 21 febbraio Kalisto ha partecipato ad una 10-Man Battle Royal per decretare lo sfidante di Bray Wyatt a WrestleMania 33 per il WWE Championship ma è stato eliminato.[35] Il 2 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 33, Kalisto ha partecipato all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal ma è stato eliminato da Braun Strowman.[36]

Con lo Shake-up del 10 aprile Kalisto è stato trasferito nel roster di Raw.[37] Il 17 aprile, a Raw, Kalisto è stato brutalmente attaccato da Braun Strowman, che lo ha trascinato per terra per poi buttarlo in un bidone dell'immondizia. Infatti, nella successiva puntata di Raw del 24 aprile, Kalisto ha sconfitto Strowman in un Dumpster match ma, nel post match, è stato brutalmente attaccato dall'avversario.[38] Nella puntata di Raw del 22 maggio Kalisto ha sconfitto Apollo Crews.[39] Nella puntata di Raw del 29 maggio Kalisto è stato sconfitto da Titus O'Neil.[40] Il 4 giugno, nel Kick-off di Extreme Rules, Kalisto ha sconfitto per la seconda volta Apollo Crews.[41] Nella puntata di Raw del 5 giugno Kalisto ha sconfitto Titus O'Neil.[42] Nella puntata di Raw del 12 giugno Kalisto è stato sconfitto da Apollo Crews.[43] Nella puntata di Main Event del 23 giugno Kalisto ha sconfitto Rhyno. Nella puntata di Main Event del 7 luglio Kalisto ha sconfitto Scott Dawson. Nella puntata di Raw del 31 luglio Kalisto è stato sconfitto da Elias. Nella puntata di Main Event dell'11 agosto Elias ha sconfitto nuovamente Kalisto. Nella puntata di Main Event dell'18 agosto Kalisto ha sconfitto Curt Hawkins. Nella puntata di Raw del 28 agosto Kalisto ha partecipato ad una Battle Royal per determinare il contendente n°1 all'Intercontinental Championship di The Miz ma è stato eliminato da Bo Dallas e Curtis Axel. Nella puntata di Main Event dell'8 settembre Kalisto è stato sconfitto da Elias. Nella puntata di Raw dell'11 settembre Kalisto è stato nuovamente sconfitto da Elias.

WWE Cruiserweight Champion e Lucha House Party (2017–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 2 ottobre Kalisto è entrato ufficialmente nella divisione dei pesi leggeri di Raw e ha avuto un confronto con il WWE Cruiserweight Champion Enzo Amore, colpendolo con la Salida del Sol. Nella puntata di 205 Live del 3 ottobre Kalisto ha fatto il suo debutto nella divisione dei pesi leggeri di Raw sconfiggendo Ariya Daivari. Nella puntata di Raw del 9 ottobre Kalisto ha sconfitto Enzo Amore in un Lumberjack match, conquistando così il WWE Cruiserweight Championship per la prima volta. Nella puntata di 205 Live del 10 ottobre Kalisto e Mustafa Ali hanno sconfitto Ariya Daivari e Enzo Amore. Nella puntata di 205 Live del 17 ottobre Kalisto e Mustafa Ali hanno sconfitto nuovamente Ariya Daivari e Enzo Amore. Il 22 ottobre, a TLC: Tables, Ladders & Chairs, Kalisto ha perso il titolo contro Enzo Amore dopo 13 giorni di regno. Nella puntata di Raw del 23 ottobre Kalisto, Cedric Alexander, Gran Metalik, Mustafa Ali e Rich Swann hanno sconfitto Enzo Amore, Ariya Daivari, Drew Gulak, Noam Dar e Tony Nese. Nella puntata di 205 Live del 24 ottobre Kalisto ha sconfitto Enzo Amore per squalifica ma quest'ultimo ha comunque mantenuto il WWE Cruiserweight Championship. Nella puntata di Raw del 30 ottobre Kalisto ha sconfitto Drew Gulak. Nella puntata di 205 Live del 7 novembre Kalisto ha sconfitto Gentleman Jack Gallagher. Nella puntata di Raw del 13 novembre Kalisto e Akira Tozawa sono stati sconfitti da Drew Gulak e Enzo Amore. Nella puntata di 205 Live del 14 novembre Kalisto ha sconfitto Drew Gulak. Il 19 novembre, nel Kick-off di Survivor Series, Kalisto ha affrontato Enzo Amore per il WWE Cruiserweight Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di 205 Live del 28 novembre Kalisto ha sconfitto per la seconda volta Gentleman Jack Gallagher ma, nel post match, è stato brutalmente attaccato da Gallagher e The Brian Kendrick. Nella puntata di 205 Live del 12 dicembre Kalisto ha sconfitto per la terza volta Gentleman Jack Gallagher. Nella puntata di 205 Live del 19 dicembre Kalisto e Gran Metalik hanno sconfitto The Brian Kendrick e Gentleman Jack Gallagher per squalifica. Nella puntata di Main Event del 20 dicembre Kalisto ha sconfitto Ariya Daivari. Nella puntata di Main Event del 27 dicembre Kalisto ha sconfitto Tony Nese.

Kalisto (centro), Gran Metalik (sinistra) e Lince Dorado (destra) durante una puntata di Main Event

Nella puntata di 205 Live del 23 gennaio 2018 Kalisto, Gran Metalik e Lince Dorado hanno sconfitto Ariya Daivari, TJP e Tony Nese. Nella puntata di Main Event del 24 gennaio Kalisto e Gran Metalik hanno sconfitto Gentleman Jack Gallagher e TJP. Il 28 gennaio, nel Kick-off della Royal Rumble, Kalisto, Gran Metalik e Lince Dorado hanno sconfitto Drew Gulak, Gentleman Jack Gallagher e TJP. Nella puntata di Main Event del 31 gennaio Kalisto, Gran Metalik e Lince Dorado hanno sconfitto Ariya Daivari, Gentleman Jack Gallagher e TJP. Nella puntata di 205 Live del 6 febbraio Kalisto ha sconfitto Lince Dorado negli ottavi di finale di un torneo per la riassegnazione del WWE Cruiserweight Championship. Nella puntata di Main Event del 7 febbraio Kalisto ha sconfitto Ariya Daivari. Nella puntata di 205 Live del 27 febbraio Kalisto è stato sconfitto da Roderick Strong nei quarti di finale del torneo per la riassegnazione del WWE Cruiserweight Championship, venendo dunque eliminato. Nella puntata di Main Event del 7 marzo Kalisto e Gran Metalik hanno sconfitto Ariya Daivari e Tony Nese. Nella puntata di 205 Live del 13 marzo Kalisto e Gran Metalik sono stati sconfitti da Akira Tozawa e Hideo Itami. Nella puntata di Main Event del 21 marzo Kalisto, Gran Metalik e Lince Dorado hanno sconfitto Ariya Daivari, TJP e Tony Nese. Nella puntata di 205 Live del 27 marzo Kalisto ha partecipato ad un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Akira Tozawa, Buddy Murphy e TJP con in palio una futura opportunità titolata al WWE Cruiserweight Championship ma il match è stato vinto da Murphy. Nella puntata di Main Event del 28 marzo Kalisto, Gran Metalik e Lince Dorado hanno sconfitto Ariya Daivari, Gentleman Jack Gallagher e Tony Nese. Nella puntata di 205 Live del 3 aprile Kalisto è stato sconfitto da Buddy Murphy. Nella puntata di 205 Live del 10 aprile Kalisto ha sconfitto Akira Tozawa. Nella puntata di 205 Live del 24 aprile Kalisto ha vinto un Gauntlet match eliminando per ultimo Drew Gulak, diventando il contendente n°1 al WWE Cruiserweight Championship di Cedric Alexander. Il 27 aprile, a Greatest Royal Rumble, Kalisto ha affrontato Cedric Alexander per il WWE Cruiserweight Championship ma è stato sconfitto. Nella puntata di 205 Live del 1º maggio Kalisto è stato sconfitto da Drew Gulak. Nella puntata di 205 Live del 15 maggio Kalisto ha partecipato ad un Fatal 4-Way match che includeva anche Kenny Williams, TJP e Tyler Bate ma il match è stato vinto da quest'ultimo. Nella puntata di 205 Live del 29 maggio Kalisto e Lince Dorado sono stati sconfitti da The Brian Kendrick e Gentleman Jack Gallagher. Nella puntata di 205 Live del 12 giugno Kalisto, Gran Metalik e Lince Dorado hanno sconfitto The Brian Kendrick, Drew Gulak e Gentleman Jack Gallagher. Nella puntata di 205 Live del 26 giugno Kalisto, Gran Metalik e Lince Dorado sono stati sconfitti da The Brian Kendrick, Drew Gulak e Gentleman Jack Gallagher in un Six-man Tag Team Elimination match. Nella puntata di 205 Live del 10 luglio il match fra Kalisto e Tony Nese è terminato in no contest. Nella puntata di 205 Live del 24 luglio Kalisto e Lince Dorado hanno sconfitto i jobber Chris Robinson e Ryan DePolo.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Rodriguez è sposato con una donna di nome Abigail.[44]

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Kalisto esegue la Salida del Sol su Viktor

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "King of Flight"
  • "The Most Agile Warrior in the Ring" / "El Guerrero Más Ágil en el Ring"
  • ''The new Rey Mysterio''

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Lucha Lucha" dei CFO$ (NXT/WWE; 11 settembre 2014–24 aprile 2017; 3 ottobre 2017–presente)
  • "Fearless Warrior" dei CFO$ (WWE; 24 aprile 2017–2 ottobre 2017)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Kalisto con lo United States Championship, titolo che ha detenuto due volte
  • Gladiadores Aztecas de Lucha Libre Internacional
    • GALLI Championship (1)[45]
  • Altri riconoscimenti
    • Jeff Peterson Memorial Cup (2012)
    • King of Flight Tournament (2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Johnson, Mike, EDGE TO HOST SYFY SPECIAL, FOLEY ON DIVAS, ROSS ON UK, NEW NAME FOR SAMURAY DEL SOL AND MORE WWE NEWS, Pro Wrestling Insider. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  2. ^ Namako, Jason, 9/20 NXT Results: Orlando, Florida (The Ascension), WrestleView. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  3. ^ Boutwell, Josh, FEATURE: Viva la Raza! Lucha Weekly 4/26/14, WrestleView. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  4. ^ James, Justin, JAMES'S WWE NXT REPORT 5/8 - Week 97: Battle Royal for NXT Title shot, Women's Title tournament continues, Triple H apeparance, Exotic Express; Overall Reax, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  5. ^ James, Justin, JAMES'S WWE NXT TAKEOVER REPORT 5/29: Complete "virtual-time" coverage of live special on WWE Network, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  6. ^ (EN) James Caldwell, 11/16 WWE Raw Results: Caldwell's Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 16 novembre 2015. URL consultato il 16 novembre 2015.
  7. ^ (EN) Scott Taylor, Kalisto def. United States Champion Alberto Del Rio in a non-title match, su wwe.com, WWE, 7 gennaio 2016. URL consultato il 7 gennaio 2016.
  8. ^ (EN) Anthony Benigno, Kalisto def. Alberto Del Rio to become the new U.S. Champion, su wwe.com, WWE, 11 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  9. ^ (EN) Scott Taylor, Alberto Del Rio def. Kalisto to win the United States Championship, su wwe.com, WWE, 14 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  10. ^ (EN) Michael Burdick, Kalisto def. United States Champion Alberto Del Rio, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  11. ^ (EN) Michael Burdick, Kalisto def. Neville in a United States Championship Match, su wwe.com, WWE, 28 gennaio 2016. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  12. ^ (EN) James Wortman, United States Champion Kalisto vs. Alberto Del Rio (2-out-of-3-Falls Match), su wwe.com, WWE, 21 febbraio 2016. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  13. ^ Scott Taylor, United States Champion Kalisto def. Ryback, WWE. URL consultato il 3 aprile 2016.
  14. ^ Kara Medalis, Kalisto def. Ryback (United States Championship Kickoff Match), WWE. URL consultato il 1º maggio 2016.
  15. ^ (EN) John Clapp, United States Champion Kalisto vs. Rusev, su WWE.com, WWE, 9 maggio 2016. URL consultato il 10 maggio 2016.
  16. ^ (EN) Michael Burdick, United States Champion Rusev def. Kalisto – United States Title Match, su wwe.com, WWE, 26 maggio 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  17. ^ Mitch Passero, Lucha Dragons def. The Dudley Boyz (Kickoff Match), WWE. URL consultato il 19 giugno 2016.
  18. ^ James Caldwell, 2016 WWE Draft Picks – Complete Raw & SD Draftboard, su Pro Wrestling Torch, 19 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  19. ^ Greg Parks, 8/2 WWE Smackdown Live – Parks’s Complete Live TV Report, su Pro Wrestling Torch, 2 agosto 2016. URL consultato il 4 agosto 2016.
  20. ^ Dave Meltzer, Daily Update: More TNA lawsuits, Sasha vs Charlotte, Orton sells home, su Wrestling Observer Newsletter, 23 ottobre 2016. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  21. ^ Joseph Currier, Spoilers: Cruiserweight title match set for WWE Survivor Series, su Wrestling Observer Newsletter, 8 novembre 2016. URL consultato l'8 novembre 2016.
  22. ^ WWE SmackDown Live, Nov. 8, 2016: Shane McMahon changes the entire landscape of Survivor Series, su WWE, 8 novembre 2016. URL consultato il 9 novembre 2016.
  23. ^ (EN) Ryan Pappolla, Kalisto def. Oney Lorcan, WWE, 15 novembre 2016. URL consultato il 15 novembre 2016.
  24. ^ (EN) Cruiserweight Champion The Brian Kendrick def. Kalisto, WWE, 20 novembre 2016. URL consultato il 21 novembre 2016.
  25. ^ Wade Keller, Keller's WWE SmackDown report 11/22: Full coverage of fallout from Survivor Series, Shane speech, Miz vs. Kalisto, Styles vs. Ellsworth ladder match, su Pro Wrestling Torch, 22 novembre 2016. URL consultato il 23 novembre 2016.
  26. ^ (EN) Ryan Pappolla, Dolph Ziggler & Kalisto def. The Miz & Baron Corbin via Disqualification, WWE, 29 novembre 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.
  27. ^ (EN) Baron Corbin def. Kalisto (Chairs Match), WWE, 4 dicembre 2016. URL consultato il 4 dicembre 2016.
  28. ^ (EN) Ryan Pappolla, Baron Corbin def. Kalisto, WWE, 6 dicembre 2016. URL consultato il 6 dicembre 2016.
  29. ^ (EN) Ryan Pappolla, Baron Corbin def. Dolph Ziggler, WWE, 3 gennaio 2017. URL consultato il 3 gennaio 2017.
  30. ^ (EN) Ryan Pappolla, Kalisto def. Dolph Ziggler, WWE, 10 gennaio 2017. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  31. ^ (EN) Ryan Pappolla, Dolph Ziggler def. Kalisto, WWE, 24 gennaio 2017. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  32. ^ Anthony Benigno, Randy Orton won the 30-Superstar Royal Rumble Match, su WWE, 29 gennaio 2017. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  33. ^ (EN) Ryan Pappolla, Dolph Ziggler def. Kalisto, WWE, 31 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  34. ^ (EN) Kalisto & Apollo Crews def. Dolph Ziggler (2-on-1 Handicap Match), WWE, 12 febbraio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  35. ^ (EN) The 10-Man Battle Royal to determine the No. 1 Contender to Bray Wyatt’s WWE Championship at WrestleMania ended in controversy, WWE, 21 febbraio 2017. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  36. ^ Mattheus Artus, Mojo Rawley won the 4th annual Andre the Giant Memorial Battle Royal, su WWE. URL consultato il 2 aprile 2017.
  37. ^ (EN) WWE Superstar Shake-up 2017 results: Full roster changes for Raw and SmackDown LIVE, WWE, 11 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2017.
  38. ^ (EN) Kalisto def. Braun Strowman in a Dumpster Match, WWE, 24 aprile 2017. URL consultato il 24 aprile 2017.
  39. ^ (EN) Kalisto def. Apollo Crews, WWE, 22 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  40. ^ (EN) Titus O'Neil def. Kalisto, WWE, 29 maggio 2017. URL consultato il 29 maggio 2017.
  41. ^ Jeff Laboon, Kalisto def. Apollo Crews (Kickoff Match), su WWE. URL consultato il 4 giugno 2017.
  42. ^ Anthony Benigno, Kalisto def. Titus O'Neil, su WWE. URL consultato il 5 giugno 2017.
  43. ^ Anthony Benigno, Apollo Crews def. Kalisto, su WWE. URL consultato il 12 giugno 2017.
  44. ^ (EN) Gregory Platt, From Chicago to Mexico City, a luchador makes good, su vivelohoy.com, Vivé lo Hoy, 25 gennaio 2013. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  45. ^ Adam Martin, Indy News #2: March 17, su Wrestleview, 17 marzo 2009. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  46. ^ Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2016, su The Internet Wrestling Database. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  47. ^ WWE Cruiserweight Championship, su wwe.com, 24 settembre 2017.
  48. ^ United States Championship, su wwe.com, 24 settembre 2017.
  49. ^ (EN) What is a Slammy?, su wwe.com, WWE, 23 febbraio 2008. URL consultato l'8 marzo 2016.
  50. ^ NXT Tag Team Championship, su wwe.com, 24 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]