Scott Dawson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scott Dawson
Scott Dawson NXT Takeover Dallas 2016.jpg
Dawson nell'aprile 2016
NomeDavid K. Harwood
Ring nameDamien Darling[1]
KC Anderson[1]
KC McNight[1]
Scott Dawson[1]
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
NascitaWhiteville, Stati Uniti[1]
30 giugno 1984 (33 anni)
ResidenzaKill Devil Hills, Stati Uniti
Altezza180[1] cm
Altezza dichiarata178[2] cm
Peso106[1] kg
Peso dichiarato102[2] kg
AllenatoreThe Maestro[1]
Debuttoagosto 2004[1]
FederazioneWWE[1]
Progetto Wrestling

David K. Harwood (Whiteville, 30 giugno 1984) è un wrestler statunitense sotto contratto con la WWE, dove lotta con il ring name di Scott Dawson nel roster di Raw.

Prima di approdare nel roster principale, Dawson ha combattuto nel territorio di sviluppo di NXT dove ha detenuto per due volte l'NXT Tag Team Championship con Dash Wilder.

Carriera nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

WWE[modifica | modifica wikitesto]

NXT (2014–2017)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014, di ritorno da un infortunio, Scott Dawson ha formato con Dash Wilder un tag team chiamato The Mechanics. Il duo debutta il 17 luglio ad NXT perdendo contro il team formato da Mojo Rawley e Bull Dempsey. I due perdono anche nella puntata del 23 ottobre di NXT contro Enzo Amore e Colin Cassady, risultando però essere molto attivi negli house show.

Il 29 luglio del 2015 ad NXT, dopo altri insuccessi, il duo sconfigge Enzo Amore e Colin Cassady. A NXT TakeOver: Respect il duo partecipa al torneo Dusty Rhodes Tag Team Classic arrivando sino alle semifinali, dove sono stati eliminati dal team formato da Finn Bálor e Samoa Joe. Il 21 ottobre i The Mechanics cambiano nome in Dash and Dawson e il 28 ottobre attaccano Enzo Amore e Colin Cassady prima del match contro di loro, impedendogli di partecipare all'incontro. Dopo aver sconfitto i Vaudevillains (Aiden English e Simon Gotch), i detentori dell'NXT Tag Team Championship, Dash e Dawson ottengono un match titolato il 22 ottobre ad NXT dove riescono a vincere strappando i titoli ai campioni. Il 16 dicembre ad NXT TakeOver: London Dash e Wilder difendono con successo i titoli contro Enzo Amore e Colin Cassady. Nel febbraio del 2016 Dash e Wilder cambiano definitivamente nome in The Revival.

Il 23 febbraio 2016 i Revival hanno attaccato Enzo Amore all'esterno del WWE Performance Center. Il duo fa la loro prima apparizione nel main roster il 12 marzo a WWE Roadblock dove hanno difeso con successo l'NXT Tag Team Championship contro Enzo Amore e Colin Cassady. Il 1º aprile a NXT TakeOver: Dallas i Revival hanno perso i titoli a favore degli American Alpha (Chad Gable e Jason Jordan). L'8 giugno a NXT TakeOver: The End i Revival hanno sconfitto gli American Alpha diventando NXT Tag Team Champions per la seconda volta. Il 6 luglio ad NXT i Revival hanno difeso con successo i titoli sconfiggendo gli American Alpha in un 2-out-of-3 Tag Team Falls match per 2-1. Il 20 agosto ad NXT TakeOver: Brooklyn II i Revival hanno difeso con successo l'NXT Tag Team Championship contro Johnny Gargano e Tommaso Ciampa dopo un lungo e agguerrito incontro. I Revival hanno perso l'NXT Tag Team Championship a favore dei #DIY (Johnny Gargano e Tommaso Ciampa) il 19 novembre 2016 a NXT TakeOver: Toronto venendo sconfitti in un 2-out-of-3 Falls match per 2-1. Nella puntata di NXT del 4 gennaio 2017 i Revival hanno sconfitto facilmente Riddick Moss e Tino Sabbatelli. Nella puntata di NXT dell'11 gennaio i Revival hanno affrontato i #DIY per l'NXT Tag Team Championship ma sono stati sconfitti, fallendo l'assalto ai titoli. Nella puntata di NXT dell'8 febbraio i Revival hanno sconfitto gli Heavy Machinery (Otis Dozovic e Tucker Knight). Il 1º aprile, a NXT TakeOver: Orlando, i Revival hanno affrontato i #DIY e gli Authors of Pain (Akam e Rezar) in un Triple Threat Tag Team Elimination match per l'NXT Tag Team Championship (detenuto dagli Authors of Pain) ma sono stati gli ultimi ad essere eliminati, fallendo l'assalto ai titoli.

Raw (2017–presente)[modifica | modifica wikitesto]

I Revival hanno fatto il loro debutto nel roster principale nella puntata di Raw del 3 aprile dove hanno sconfitto Big E e Xavier Woods del New Day; nel post match Dawson e Wilder hanno attaccato Kofi Kingston (altro membro del New Day), infortunandolo al ginocchio. La scena si è ripetuta anche nella successiva puntata di Raw del 10 aprile, quando Wilder e Dawson hanno sconfitto nuovamente Big E e Woods del New Day. Il 14 aprile, durante uno show dal vivo, Wilder ha subito un infortunio alla mandibola che lo ha costretto a rimanere fuori dalle scene. Wilder è successivamente tornato otto settimane dopo, camminando nel backastage durante un attacco a Enzo Amore. La settimana dopo Big Cass, compagno di Amore, ha accusato i Revival di aver attaccato il suo amico. Successivamente anche Big Cass è stato attaccato nel backstage e questa volta a venire accusato è stato Big Show. Nella puntata di Raw del 19 giugno è stato rivelato che non erano stati i Revival ad attaccare Enzo Amore bensì lo stesso Big Cass. Nella puntata di Main Event del 30 giugno i Revival sono tornati in azione sconfiggendo Luke Gallows e Karl Anderson. Nella puntata di Main Event del 7 luglio Dawson è stato sconfitto da Kalisto. Nella puntata di Raw del 17 luglio i Revival hanno sconfitto gli Hardy Boyz (Jeff Hardy e Matt Hardy). Nella puntata di Raw del 24 luglio i Revival hanno sconfitto Luke Gallows e Karl Anderson. Tuttavia, durante un live event, Scott Dawson ha subito un infortunio al bicipite che lo costringerà a rimanere fuori dalle scene per un periodo di tempo imprecisato. Nella puntata di Raw del 18 dicembre i Revival sono tornati in azione sconfiggendo Heath Slater e Rhyno. Nella puntata di Main Event del 27 dicembre i Revival hanno sconfitto Apollo Crews e Titus O'Neil. Nella puntata di Raw del 15 gennaio 2018 i Revival hanno sconfitto facilmente Aaron Solow e Ricky Starks, due jobber locali. Nella puntata speciale di Raw 25th Anniversary del 22 gennaio i Revival sono stati sconfitti in poco tempo da Luke Gallows e Karl Anderson. Il 28 gennaio, nel Kick-off della Royal Rumble, i Revival hanno sconfitto Luke Gallows e Karl Anderson. Nella puntata di Raw del 29 gennaio i Revival hanno sconfitto Heath Slater e Rhyno. Nella puntata di Raw del 5 febbraio i Revival sono stati sconfitti da Finn Bálor e Karl Anderson. Nella puntata di Raw del 12 febbraio i Revival hanno sconfitto Luke Gallows e Karl Anderson. Nella puntata di Main Event del 21 febbraio i Revival hanno sconfitto Heath Slater e Rhyno. Nella puntata di Raw del 5 marzo i Revival sono stati sconfitti dai WWE Raw Tag Team Champions Cesaro e Sheamus in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 12 marzo i Revival hanno partecipato ad una Battle Royal per determinare i contendenti n°1 al WWE Raw Tag Team Championship di Cesaro e Sheamus ma sono stati eliminati da Bo Dallas e Curtis Axel. Nella puntata di Raw del 19 marzo i Revival hanno sconfitto il Titus Worldwide (Apollo e Titus O'Neil). Nella puntata di Main Event del 28 marzo i Revival hanno sconfitto nuovamente il Titus Worldwide. L'8 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 34, Dawson ha partecipato all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal ma è stato eliminato da Bo Dallas e Curtis Axel. Nella puntata di Raw del 9 aprile i Revival hanno sconfitto Luke Gallows e Karl Anderson. Nella puntata di Raw del 16 aprile i Revival sono stati sconfitti da Bray Wyatt e Matt Hardy. Il 27 aprile, a Greatest Royal Rumble, Dawson ha partecipato al Royal Rumble match a 50 uomini entrando col numero 17 ma è stato eliminato da Bobby Roode. Nella puntata di Raw del 7 maggio i Revival e Baron Corbin hanno sconfitto No Way Jose e il Titus Worldwide. Nella puntata di Raw del 14 maggio i Revival sono stati sconfitti dai WWE Raw Tag Team Champions Bray Wyatt e Matt Hardy in un match non titolato. Nella puntata di Raw del 4 giugno i Revival hanno partecipato ad una Tag Team Battle Royal per determinare i contendenti n°1 al WWE Raw Tag Team Championship di Bray Wyatt e Matt Hardy ma sono stati eliminati da Heath Slater e Rhyno.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali in coppia[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "Captain Roughneck"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Southern Proud" dei CFO$ (NXT/WWE; 13 maggio 2015–presente)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • American Championship Pro Wrestling
    • ACPW Heavyweight Championship (1)
  • Pro Wrestling Illustrated
    • 135° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2016)[3]
    • 134° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2017)[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Scott Dawson, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 13 marzo 2016.
  2. ^ a b (EN) Scott Dawson, su wwe.com, WWE. URL consultato il 13 marzo 2016.
  3. ^ Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2016, su The Internet Wrestling Database. URL consultato il 1º settembre 2016.
  4. ^ Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2017, in The Internet Wrestling Database. URL consultato il 1º settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]