Asuka (wrestler)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Asuka
Asuka March 2018.jpg
Asuka nel marzo del 2018
NomeKanako Urai
Ring nameAsuka[1]
Kana
Kana-hime[2]
Ramen Woman[3]
Skull Reaper Kana[4]
Tomoe Gozen[5]
NazionalitàGiappone Giappone
NascitaOsaka, Giappone
26 settembre 1981 (38 anni)
ResidenzaOrlando, Florida
Altezza dichiarata160[6][7][8] cm
Peso dichiarato62[6][7] kg
AllenatoreYuki Ishikawa[9]
Debutto16 giugno 2004
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Kanako Urai (浦井 佳奈子 Urai Kanako?; Osaka, 26 settembre 1981[6][7]) è una wrestler giapponese sotto contratto con la WWE, dove lotta nel roster di Raw con il nome di Asuka e dove è l'attuale detentrice del WWE Women's Tag Team Championship con Kairi Sane al suo primo regno.

In carriera ha detenuto una volta l'NXT Women's Championship, stabilendo il secondo record per il regno più lungo nella storia del titolo con 523 giorni (dal 1º aprile 2016 al 6 settembre 2017). Ha inoltre vinto il primo Royal Rumble match femminile della storia (2018), una volta lo SmackDown Women's Championship e una volta il WWE Women's Tag Team Championship con Kairi Sane. Tra le sue mosse figurano diverse tipologie di calci e prese di sottomissione, che hanno portato a riconoscere il suo duro stile di combattimento. In passato ha lavorato come graphic designer e come giornalista di videogiochi; una precedente esperienza lavorativa presso la Microsoft le ha valso una sponsorizzazione da parte dell'azienda, con un logo della Xbox 360 raffigurato sul suo costume.

Ha iniziato la sua carriera nel giugno 2004 presso la promozione Atoz, dove è rimasta sino al suo primo ritiro nel marzo 2006. È tornata a combattere un anno e mezzo dopo, lavorando come freelancer per compagnie come la JWP Joshi Puroresu, NEO Japan Ladies Pro Wrestling, Pro Wrestling Wave, Smash, Wrestling New Classic, e la Reina Joshi Puroresu. Nel 2015 ha siglato un contratto con la promozione statunitense WWE. Nel dicembre del medesimo anno, Dave Meltzer, giornalista del Wrestling Observer Newsletter ha dichiarato che la Urai "potrebbe essere la miglior worker all'interno della WWE, sia tra gli uomini che fra le donne".[10]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni (2004–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente grafica di professione, Kanako Urai si appassiona al mondo del wrestling dopo essere divenuta fan di personaggi come Keiji Mutoh, Satoru Sayama, Yoshiaki Fujiwara, Antonio Inoki, Akira Maeda, Nobuhiko Takada, Masakatsu Funaki, Volk Han e Minoru Suzuki.[11] Decide pertanto di intraprendere una nuova carriera e utilizzando il ring name Kana compie il suo debutto il 16 giugno 2004 nella federazione femminile AtoZ, affrontando Leo-na.

Pro Wrestling Wave (2008; 2010–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Smash (2010–2012)[modifica | modifica wikitesto]

Circuito indipendente (2010–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Reina Joshi Puroresu (2014–2015)[modifica | modifica wikitesto]

WWE[modifica | modifica wikitesto]

Campionessa femminile di NXT (2015–2017)[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 agosto 2015, la Urai assiste all'evento del territorio di sviluppo della WWE, NXT, NXT TakeOver: Brooklyn, svoltosi nell'omonima città, dove viene intravista nel pubblico ed identificata con il nome Kana.[12] Tale apparizione porta a speculazioni riguardo ad un suo possibile approdo nella compagnia di Stamford.[13][14] Pochi giorni dopo, il 27 agosto, viene annunciato che la Urai aveva firmato un contratto con la WWE alcune settimane prima.[15] L'8 settembre, la giapponese e la WWE tengono quindi una conferenza stampa nella città di Tokyo, annunciando che da lì a poco la Urai si sarebbe unita al territorio di sviluppo di wrestling della compagnia, NXT.[16][17] Il suo debutto ufficiale viene programmato per la fine del mese.[18] Compie un'apparizione nella puntata del 10 settembre di NXT, dove viene presentata con il nuovo ring name Asuka.[1] Il nome viene scelto come omaggio alla veterana wrestler giapponese Lioness Asuka.[19]

Asuka nel marzo 2016

La sua prima apparizione, andata in onda il 23 settembre, termina con un faccia a faccia con Dana Brooke ed Emma, stabilendosi come face,[20] culminato nel suo match di debutto il 7 ottobre ad NXT TakeOver: Respect, dove sconfigge la Brooke.[21] Asuka inizia così a scalare i ranking della federazione con convincenti vittorie,[22][23] incluso un sorprendente successo su Cameron,[24] continuando allo stesso tempo il suo feud con Dana Brooke and Emma.[25] Nella puntata di NXT del 21 ottobre, Asuka ha sconfitto Billie Kay. Nella puntata di NXT del 9 dicembre, Asuka ha sconfitto Deonna Purrazzo. Asuka ed Emma si affrontano finalmente il 16 dicembre ad NXT TakeOver: London, dove è nuovamente la giapponese ad uscire vittoriosa.[10] Nell'episodio di NXT del 13 gennaio 2016, Asuka prende parte ad un over-the-top-rope battle royal per determinare la sfidante numero uno al titolo NXT Women's Championship, detenuto da Bayley; sarà però Carmella a trionfare nel match speciale, dopo che Asuka viene eliminata da Eva Marie.[26] Nella puntata di NXT del 3 febbraio, Asuka ha sconfitto Santana Garrett. Nella puntata di NXT del 10 febbraio, Asuka trae in salvo Carmella dall'attacco di Eva Marie e Nia Jax, dopo un insuccesso della sfidante numero uno contro Bayley; successivamente la giapponese sale sul ring per confrontare Bayley, indicando di voler ottenere anche lei una chance per il titolo femminile.[27] Nella puntata di NXT del 17 febbraio, Asuka ha sconfitto Deonna Purrazzo. Nella puntata di NXT del 16 marzo, Asuka e Bayley hanno sconfitto Eva Marie e Nia Jax in un tag team match, che culmina con l'annuncio da parte di William Regal di un match titolato fra le due compagne di squadra.[28] Nella puntata di NXT del 23 marzo, Asuka ha sconfitto Emma.

Il 1º aprile, ad NXT TakeOver: Dallas, Asuka sconfigge la campionessa in carica Bayley via sottomissione, conquistando l'NXT Women's Championship e divenendo la prima detentrice asiatica del titolo femminile.[29] Nella puntata di NXT del 27 aprile, Asuka ha sconfitto Eva Marie. Successivamente inizia una faida con Nia Jax, divenuta nel frattempo la contendente numero uno per l'NXT Women's Championship. L'8 giugno, Asuka difende con successo la cintura dall'assalto della Jax ad NXT TakeOver: The End.[30] Nella puntata di NXT del 3 agosto, Asuka ha sconfitto Aliyah. Il 20 agosto, Asuka ha difeso con successo il titolo contro l'ex-campionessa Bayley a NXT TakeOver: Brooklyn II.[31] Nella puntata di NXT del 28 settembre, Asuka ha sconfitto Liv Morgan. Nella puntata di NXT del 26 ottobre, Asuka ha sconfitto Thea Trinidad. Il 19 novembre, Asuka ha difeso con successo il titolo contro una rientrante Mickie James a NXT TakeOver: Toronto.[32] Nella puntata di NXT del 30 novembre, Asuka ha sconfitto Nicole Matthews. Nella puntata di NXT del 28 dicembre, Asuka ha difeso con successo il titolo contro la sua ex-rivale Nia Jax (ora membro del roster di Raw).[33] Il 28 gennaio 2017, a NXT TakeOver: San Antonio, Asuka ha difeso con successo l'NXT Women's Championship in un Fatal 4-Way match che includeva anche Billie Kay, Nikki Cross e Peyton Royce.[34]

Il 4 febbraio Asuka è diventata la detentrice più longeva del titolo, superando il precedente primato che apparteneva a Paige con 308 giorni di regno; in realtà, tuttavia, la WWE aveva riconosciuto Asuka come la NXT Women's Champion più lunga della storia già dal 4 gennaio 2017 poiché il regno di Paige, durato 308 giorni, viene riconosciuto dalla WWE come se fosse durato 274 giorni.[35] Nella puntata di NXT del 1º marzo, Asuka ha difeso con successo il titolo contro Peyton Royce. Nella puntata di NXT del 22 marzo, Asuka ha sconfitto la jobber Priscilla Zuniga. Il 1º aprile, a NXT TakeOver: Orlando, Asuka ha difeso con successo il titolo contro Ember Moon.[36] Il 20 maggio, a NXT TakeOver: Chicago, Asuka ha difeso con successo il titolo in un Triple Threat match che includeva anche Nikki Cross e Ruby Riot.[37] Nella puntata di NXT del 14 giugno, Asuka ha difeso il titolo in un Triple Threat Elimination match che includeva anche Nikki Cross e Ruby Riot, dove la Riot viene eliminata dalla Cross, e il match finisce il no-contest quando Asuka e Nikki finiscono per attaccarsi nel backstage. Nella puntata di NXT del 28 giugno, Asuka ha difeso con successo il titolo contro Nikki Cross in un Last Woman Standing match.[38] Il 19 agosto, a NXT TakeOver: Brooklyn III, Asuka ha difeso con successo il titolo contro Ember Moon.[39] Il 21 agosto, è stato annunciato che Asuka ha subito un infortunio alla clavicola che l'ha tenuta fuori dalle scene per circa due mesi.[40][41] Nella puntata di NXT del 6 settembre, Asuka è stata costretta a rendere vacante il titolo in seguito all'infortunio subito, terminando così un regno record durato 510 giorni.[42]

Fine della striscia di imbattibilità (2017–2018)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw dell'11 settembre 2017, è stato annunciato che Asuka è stata assegnata al brand dello show rosso dal General Manager Kurt Angle.[43][44] Il 24 settembre, durante No Mercy, è stato annunciato che Asuka tornerà ufficialmente il 22 ottobre a TLC: Tables, Ladders & Chairs.[45] Nella puntata di Raw del 9 ottobre, è stato reso noto che Asuka affronterà Emma a TLC, dato che quest'ultima ha sconfitto Alicia Fox, Bayley, Dana Brooke e Sasha Banks in un Fatal 5-Way Elimination match con in palio appunto il diritto di affrontare Asuka.[46] Il 22 ottobre, a TLC: Tables, Ladders & Chairs, Asuka ha fatto il suo debutto come face in un pay-per-view del roster principale sconfiggendo Emma.[47] Nella puntata di Raw del 23 ottobre, Asuka ha fatto il suo debutto a Raw sconfiggendo Emma nella rivincita di TLC.[48] Nella puntata di Raw del 30 ottobre, Asuka ha sconfitto facilmente la jobber Stacie Cullen.[49] Nella puntata di Raw del 6 novembre, Asuka ha sconfitto facilmente la jobber Stacy Coates.[50] Il 19 novembre, a Survivor Series, Asuka ha preso parte al 5-on-5 Traditional Survivor Series Women's Elimination match contro il Team SmackDown ed è risultata l'ultima sopravvissuta con tre eliminazioni (ha infatti eliminato Carmella, Natalya e Tamina), dando quindi la vittoria al suo team.[51] Nella puntata di Raw del 20 novembre, Asuka ha sconfitto Dana Brooke.[52] Nella puntata di Raw del 27 novembre, Asuka ha sconfitto nuovamente e in pochi secondi Dana Brooke.[53] Nella puntata di Raw del 4 dicembre, Asuka ha sconfitto Alicia Fox.[54] Nella puntata di Raw del 18 dicembre, Asuka ha sconfitto nuovamente Alicia Fox.[55] Nella puntata di Raw del 1º gennaio 2018, Asuka ha sconfitto la WWE Raw Women's Champion Alexa Bliss in un match non titolato.[56] Nella puntata di Raw del 15 gennaio, Asuka ha sconfitto Nia Jax per decisione arbitrale a seguito di un infortunio di questa al ginocchio.[57] Nella puntata speciale di Raw 25th Anniversary del 22 gennaio Asuka, Bayley, Mickie James e Sasha Banks hanno sconfitto Alicia Fox, Nia Jax, Mandy Rose e Sonya Deville.[58]

Il 23 gennaio, Asuka ha preso parte alla prima edizione del Mixed Match Challenge in coppia con The Miz, dove hanno sconfitto Carmella e Big E al primo turno. Il 28 gennaio, alla Royal Rumble, Asuka ha fatto il suo ingresso nel primo match omonimo femminile col numero 25 ed ha vinto la contesa eliminando per ultima Nikki Bella.[59] Nella puntata di Raw del 29 gennaio, Asuka ha sconfitto Sasha Banks.[60] Nella puntata di Raw del 5 febbraio, Asuka ha sconfitto Bayley.[61] Il 25 febbraio, a Elimination Chamber, Asuka ha sconfitto Nia Jax in un match in cui se la Jax avesse vinto sarebbe stata inserita nel match per il WWE Raw Women's Championship a WrestleMania 34.[62] Nella puntata di Raw del 26 febbraio Asuka, Bayley e Sasha Banks hanno sconfitto Alexa Bliss, Mickie James e Nia Jax.[63] Il 27 febbraio, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz hanno sconfitto Sasha Baks e Finn Bálor nei quarti di finale. Nella puntata di Raw del 5 marzo, Asuka ha sconfitto nuovamente Nia Jax.[64]

Asuka fa il suo ingresso durante un live event.

L'11 marzo, a Fastlane, Asuka è apparsa al termine del match tra Charlotte Flair e Ruby Riott per il WWE SmackDown Women's Championship (vinto dalla campionessa Charlotte); una volta sul ring, la giapponese ha indicato il logo di WrestleMania 34, dando il chiaro segnale di voler sfidare Charlotte per il titolo.[65] Nella puntata di Raw del 12 marzo, Asuka ha sconfitto Mickie James.[66] Nella puntata di SmackDown del 13 marzo, Asuka ha confrontato Charlotte Flair sul ring, confermando che le due si affronteranno a WrestleMania 34.[67] Nella puntata di Raw del 19 marzo, Asuka ha sconfitto la WWE Raw Women's Champion Alexa Bliss per count-out in un match non titolato.[68] Il 20 marzo, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz hanno sconfitto Alexa Bliss e Braun Strowman in semifinale. Nella puntata di Raw del 26 marzo, Asuka ha sconfitto in pochi secondi la jobber Jamie Frost.[69] Nella puntata di Raw del 2 aprile, Asuka e Dana Brooke hanno sconfitto Alexa Bliss e Mickie James.[70] Il 3 aprile, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz hanno sconfitto Charlotte Flair e Bobby Roode, vincendo la prima edizione del torneo. L'8 aprile, a WrestleMania 34, Asuka ha affrontato Charlotte Flair per il WWE SmackDown Women's Championship uscendo sconfitta e ponendo termine alla sua striscia di imbattibilità durata 914 giorni.[71]

SmackDown Women's Champion (2018–2019)[modifica | modifica wikitesto]

Con lo Shake-up del 17 aprile 2018, Asuka è passata al roster di SmackDown.[72] Nella puntata di SmackDown del 24 aprile, Asuka e Becky Lynch sono state sconfitte dalle IIconics (Billie Kay e Peyton Royce). Nella puntata di SmackDown del 1º maggio Asuka, Becky Lynch e Charlotte Flair hanno sconfitto Carmella e le IIconics. Nella puntata di SmackDown del 29 maggio, Asuka ha sconfitto Mandy Rose. Nella puntata di SmackDown del 5 giugno, Asuka ha sconfitto Mandy Rose e Sonya Deville in un 2-on-1 Handicap match. Nella puntata di SmackDown del 12 giugno Asuka, Naomi, Becky Lynch, Charlotte Flair e Lana hanno sconfitto Carmella, Mandy Rose, Sonya Deville e le IIconics. Il 17 giugno, a Money in the Bank, Asuka ha affrontato Carmella per il WWE SmackDown Women's Championship, ma è stata sconfitta a causa di una distrazione di James Ellsworth, manager di Carmella. Nella puntata di SmackDown del 3 luglio, Asuka ha affrontato James Ellsworth, ma il match finisce in double count-out. Nella puntata di SmackDown del 10 luglio, Asuka ha sconfitto James Ellsworth in un Lumberjill match. Il 15 luglio, a Extreme Rules, Asuka ha affrontato nuovamente Carmella per il WWE SmackDown Women's Championship, in un match in cui James Ellsworth (manager di Carmella) è stato rinchiuso in una gabbia per squali sospesa sul ring, ma è stata sconfitta.

Nella puntata di SmackDown del 24 luglio, Asuka ha sconfitto Billie Kay. Nella puntata di SmackDown del 18 settembre, Asuka ha sconfitto nuovamente Billie Kay. Nella puntata di SmackDown del 25 settembre, Asuka e Naomi hanno sconfitto Mandy Rose e Sonya Deville. Il 25 settembre, Asuka prende parte alla seconda edizione del Mixed Match Challenge sempre in coppia con The Miz; i due hanno sconfitto Carmella e R-Truth nel loro primo match. Nella puntata di SmackDown del 2 ottobre, Asuka ha sconfitto Peyton Royce. Il 6 ottobre, a Super Show-Down tenutosi a Melbourne, Asuka e Naomi sono state sconfitte dalle IIconics. Il 16 ottobre, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz hanno sconfitto Lana e Rusev. Il 23 ottobre, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz hanno sconfitto Naomi e Jimmy Uso. Il 28 ottobre, a Evolution, Asuka ha preso parte alla 20-Women Battle Royal match dove la vincitrice avrebbe guadagnato una title-shot dal suo roster di appartenenza, ma è stata eliminata da Ember Moon. Il 13 novembre, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz sono stati sconfitti da Charlotte Flair e Jeff Hardy, subendo la loro prima sconfitto durante le due edizioni del torno, ma riescono comunque a qualificarsi per i play-off. Il 18 novembre, alle Survivor Series, Asuka ha preso parte al 5-on-5 Traditional Survivor Series Women's Elimination match contro il Team SmackDown, ma è stata eliminata per ultima da Nia Jax, consegnando la vittoria al Team Raw. Nella puntata di SmackDown del 20 novembre, Asuka e Naomi hanno sconfitto Mandy Rose e Sonya Deville.

Nella puntata di SmackDown del 27 novembre, Asuka ha preso parte a una Battle Royal match dove la vincitrice sarebbe stata aggiunta nel match tra la WWE Smackdown Women's Champion Becky Lynch e Charlotte Flair a TLC: Tables, Ladders & Chairs per il WWE SmackDown Women's Championship, vincendo la contesa eliminando per ultima Sonya Deville, guadagnandosi così un'opportunità titolata. Il 4 dicembre, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz hanno sconfitto Naomi e Jimmy Uso, avanzando in semifinale. Nella puntata di SmackDown del 4 dicembre, Asuka e Charlotte Flair sono state sconfitte da Mandy Rose e Sonya Deville, quando Asuka colpisce con un calcio in testa alla Flair. Nella puntata di SmackDown dell'11 dicembre, Asuka ha sconfitto Charlotte Flair per squalifica, quando la Flair la colpisce con un kendo stick. L'11 dicembre, al Mixed Match Challenge, Asuka e The Miz sono stati sconfitti da Carmella e R-Truth in semifinale, finendo di conseguenza la loro corsa nel torneo. Il 16 dicembre, a TLC: Tables, Ladders & Chairs, Asuka ha conquistato il WWE SmackDown Women's Championship per la prima volta sconfiggendo Becky Lynch e Charlotte Flair in un Triple Threat Tables, Ladders and Chars match, grazie anche ad un intervento della WWE Raw Women's Champion Ronda Rousey ai danni di Becky e Charlotte, mettendole fuori gioco. Nella puntata di SmackDown del 18 dicembre, Asuka ha difeso con successo il titolo contro Naomi. Nella puntata di SmackDown del 15 gennaio 2019, Asuka ha sconfitto Billie Kay. Il 27 gennaio, alla Royal Rumble, Asuka ha difeso con successo il titolo contro Becky Lynch. Nella puntata di SmackDown del 19 febbraio, Asuka è stata sconfitta da Mandy Rose. Il 10 marzo, a Fastlane, Asuka ha difeso con successo il titolo contro Mandy Rose. Nella puntata di SmackDown del 12 marzo, Asuka ha sconfitto Sonya Deville. Nella puntata di SmackDown del 26 marzo, Asuka ha perso il titolo contro Charlotte Flair, dopo 100 giorni di regno. Il 7 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 35, Asuka ha partecipato alla seconda edizione della WrestleMania Women's Battle Royal, ma è stata eliminata da Sarah Logan.

The Kabuki Warriors e WWE Women's Tag Team Champions (2019–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di SmackDown del 16 aprile, Asuka viene presentata, insieme al nuovo membro del roster Kairi Sane, come un nuovo tag team, da Paige che sarà la manager; quella stessa sera insieme ad Ember Moon e Bayley hanno sconfitto Mandy Rose, Peyton Royce e le IIconics (Billie Kay e Peyton Royce). Nella puntata di SmackDown del 30 aprile Asuka e Kairi Sane hanno sconfitto le jobber Jaylee e Queen Aminata. Nella puntata di SmackDown del 14 maggio Asuka e Kairi Sane, adottando il nome The Kabuki Warriors, hanno sconfitto Mandy Rose e Sonya Deville. Nella puntata di SmackDown del 18 giugno, Paige è nel backstage insieme alle Kabuki Warriors, dove ha un confronto con le attuali Women's Tag Team Champions le IIconics, dichiarando che nel caso in cui le giapponesi fossero riuscite a battere la australiane nel prossimo tour asiatico, avrebbero ottenuto una chance titolata. Nella puntata di SmackDown del 9 luglio, le Kabuki Warrior sono nel backstage con Paige e dopo uno scontro verbale contro le IIconics, la loro manager schiaffeggia Billie Kay e le avvisa che presto avranno il loro match titolato. Nella puntata di SmackDown del 16 luglio, le Kabuki Warrios hanno sconfitto le IIconics per count-out, volontariamente, mantenuto quindi i titoli; a fine match, le giapponesi attaccano le campionesse. Nella puntata di Raw del 5 agosto, le Kabuki Warriors hanno preso parte ad un Fatal 4-Way Tag Team Elimination match per i WWE Women's Tag Team Championship che includeva le campionesse, le IIconics, Mandy Rose e Sonya Deville, e le vincitrici del match, nonché nuove campionesse Alexa Bliss e Nikki Cross. Nella puntata di Raw del 12 agosto, le Kabuki Warriors sono state sconfitte da Alexa Bliss e Nikki Cross, non riuscendo a conquistare i titoli femminili di coppia. Nella puntata di SmackDown del 24 settembre, le Kabuki Warriors hanno sconfitto Mandy Rose e Sonya Deville.

Il 6 ottobre, a Hell in a Cell, le Kabuki Warriors hanno sconfitto Alexa Bliss e Nikki Cross conquistando i Women's Tag Team Championship per la prima volta, quando Asuka ha sputato del green mist sul viso della Cross, effettuando di fatto un turn heel (il primo per Asuka in WWE). Nella puntata di Raw del 7 ottobre, le Kabuki Warriors hanno sconfitto la Raw Women's Champion Becky Lynch e la nuova SmackDown Women's Champion Charlotte Flair, con Asuka che riutilizza il green mist sulla Lynch, permettendo a Kairi Sane di schienarla; a fine match, assaltano la Flair, ma vengono fermate dall'intervento di Alexa Bliss e Nikki Cross. Nella puntata di Raw del 14 ottobre, le Kabuki Warriors sono passate in tale roster per effetto del Draft; nella stessa puntata, le Kabuki Warriors hanno sconfitto Lacey Evans (appartenente al roster di SmackDown) e Natalya in un match non titolato. Nella puntata di NXT del 23 ottobre, le Kabuki Warriors fanno una piccola apparizione sullo schermo, lasciando un messaggio alle nuove contendenti dei Women's Tag Team Championship Dakota Kai e Tegan Nox (appartenenti appunto al roster di NXT), stipulato per la settimana successiva. Nella puntata di Raw del 28 ottobre, le Kabuki Warriors vengono presentate dalla loro manager Paige (ritornata dopo due mesi di assenza per un intervento chirurgico), per poi attaccarla con il green mist sancendo la fine della collaborazione; a soccorrerla arriva la Raw Women's Champion Becky Lynch, la quale batte Kairi in un match. Nella puntata di NXT del 30 ottobre, le Kabuki Warriors hanno difeso con successo i titoli contro Dakota Kai e Tegan Nox. Nella puntata di Raw del 4 novembre, le Kabuki Warriors sono state sconfitte da Charlotte Flair e Natalya in un match non titolato. Nella puntata di Raw dell'11 novembre, le Kabuki Warriors hanno difeso con successo le cinture contro la Raw Women's Champion Becky Lynch e Charlotte Flair, grazie ad una distrazione provocata dalla NXT Women's Champion Shayna Baszler, la quale attacca la SmackDown Women's Champion Bayley a bordo ring, permettendo ad Asuka di effettuare il pin vincente sulla Lynch con un roll-up. Nella puntata di Raw del 18 novembre, Asuka ha sconfitto Natalya, grazie ad una distrazione di Kairi Sane; la stessa sera, le Kabuki Warriors vengono annunciate nel Team Raw per le Survivor Series durante il 5-on-5-on-5 Traditional Survivor Series Women's Elimination match contro i roster di SmackDown ed NXT. Il 24 novembre, alle Survivor Serier, il Team Raw (Charlotte Flair, Asuka, Kairi Sane, Natalya e Sarah Logan) è opposto al Team SmackDown (Sasha Banks, Carmella, Dana Brooke, Lacey Evans e Nikki Cross) e al Team NXT (Rhea Ripley, Candice LeRae, Io Shirai, Bianca Belair e Toni Storm) in un 5-on-5-on-5 Traditional Survivor Series Women's Elimination match, dove Asuka abbandona il match dopo aver sputato del green mist sul volto di Charlotte; alla fine, il Team NXT conquista la contesa. Nella puntata di Raw del 25 novembre, Asuka ha sconfitto Charlotte Flair, dopo che Kairi Sane ha distratto l'arbitro permettendo ad Asuka di utilizzare nuovamente il green mist. Il 1° dicembre, durante l'evento Starrcade, le Kabuki Warriors hanno difeso le cinture contro Becky Lynch & Charlotte Flair, Bayley & Sasha Banks e Alexa Bliss & Nikki Cross in un Fatal 4-Way Tag Team match. Nella puntata di Raw del 2 dicembre, le Kabuki Warriors hanno sconfitto Charlotte Flair in un 2-on-1 Handicap match. Nella puntata di Raw del 9 dicembre, le Kabuki Warriors sono state sconfitte da Becky Lynch per squalifica, quando Asuka la colpisce con una sedia e Kairi connette l'InSane Elbow sulla Lynch posizionata su un tavolo; successivamente nel backstage attaccano Charlotte Flair, per poi sfidare la stessa Charlotte e Becky in un match valevole per i WWE Women's Tag Team Championship per TLC in un Tables, Ladders, and Chairs match.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

È laureata presso la Osaka University of Arts Junior College dell'omonima città. Prima del suo ingresso nel mondo del wrestling, ha scritto articoli per l'Xbox Magazine e progettato la grafica per giochi del Nintendo DS e varie applicazioni mobili, oltre a possedere un salone di bellezza chiamato Another Heaven nella città di Yokohama. È inoltre una grande appassionata della cultura statunitense, essendo fan di gruppi come i Guns N' Roses, Aerosmith e Bon Jovi, film come Il padrino, Gran Torino, Platoon e Balla coi lupi, e videogiochi come Call of Duty. Prima di diventare una wrestler, la Urai ha praticato anche altri sport come il badminton ed il pattinaggio di figura.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Asuka mentre applica la Asuka Lock su Bayley

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Wrestler di cui è stata manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • Come Asuka
    • "The Empress of Tomorrow"
  • Come Kana
    • "Kana-chan"
    • "Sekai no Kana"
    • "The World Famous"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • Sakura Wars Theme di Chisa Yokoyama[6]
  • "The Sun Rises" di Rei Kondoh[88]
  • "Sadism" di Tsutomu Toya[89] (usata in coppia con Mio Shirai)
  • "The Future" dei CFO$[90] (NXT/WWE; 10 settembre 2015–presente)
  • "The Future Next Voyage" dei CFO$ (WWE; 2019–1° dicembre 2019; usata in team con Kairi Sane)
  • "Unknown Theme" dei CFO$ (WWE; 2 dicembre 2019–presente; usata in team con Kairi Sane)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Asuka con lo SmackDown Women's Championship, titolo che ha vinto una volta con 100 giorni di regno
Asuka con l'NXT Women's Championship, titolo che ha detenuto una volta con 510 giorni di regno, il quale è il più lungo nella storia del titolo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b WWE NXT News: Kana takes ring name of Hall of Famer, in Wrestling Observer Newsletter, 10 settembre 2015. URL consultato l'11 settembre 2015.
  2. ^ 11月13日試合結果, in Osaka Pro Wrestling, 13 novembre 2011. URL consultato il 4 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2013).
  3. ^ (JA) Reina 3.7大阪大会 朱里&志田vs.真琴&山下のReinaタッグ戦、ラーメン横綱仮面&ラーメンウーマンvs.加藤&勘十郎, in Battle News, 8 marzo 2015. URL consultato l'8 marzo 2015.
  4. ^ (JA) Kanako Urai, スカルリーパー嘩那, in Kana Net, Ameba, 4 aprile 2011. URL consultato il 22 gennaio 2012.
  5. ^ (JA) 黒魔術軍の圧勝!神楽坂自決、鶴姫(志田光)敗北~波乱の結末に超満員立見札止のお客茫然~魔界錬闘会, in Miruhon, 21 marzo 2015. URL consultato il 28 maggio 2015.
  6. ^ a b c d e f g (JA) 浦井, su AtoZ. URL consultato il 3 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2005).
  7. ^ a b c (JA) プロフィール, su Kana Net. URL consultato il 4 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2011).
  8. ^ a b Asuka, su WWE. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  9. ^ Dave Meltzer, September 21, 2015 Wrestling Observer Newsletter: State of WWE after lowest ratings in years, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, California, 21 settembre 2015, p. 34, ISSN 1083-9593 (WC · ACNP).
  10. ^ a b c Dave Meltzer, NXT TakeOver London live results: Finn Balor vs. Samoa Joe, Bayley vs. Nia Jax, su Wrestling Observer Newsletter, 16 dicembre 2015. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  11. ^ Bryan Rose, WWE NXT: 5 things you might not know about Asuka/Kana, su Wrestling Observer Newsletter, 17 settembre 2015. URL consultato il 17 settembre 2015.
  12. ^ Emerson Witner, WWE NXT TakeOver live results & main card: Finn Balor vs. Kevin Owens, Sasha Banks vs. Bayley, Samoa Joe, Jushin "Thunder" Liger, su Wrestling Observer Newsletter, 22 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2015).
  13. ^ Dave Meltzer, Sun update: SummerSlam, Tough Enough, Brock Lesnar, Paul Heyman, Rollins, su Wrestling Observer Newsletter, 23 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2015).
  14. ^ Mike Johnson, WWE NXT TakeOver news and notes, su Pro Wrestling Insider, 23 agosto 2015. URL consultato il 23 agosto 2015.
  15. ^ Dave Meltzer, Thurs. update: Battle of Los Angeles, CMLL longtime star leaves, WWE signs Japanese star, Cena bio, Sonnen success, Mein retires, WWE 2K party videos, su Wrestling Observer Newsletter, 27 agosto 2015. URL consultato il 28 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2015).
  16. ^ (JA) 華名がWWEと専属契約 鈴木浩子以来10年ぶり日本人ディーバ誕生, su Tokyo Sports, 8 settembre 2015. URL consultato l'8 settembre 2015.
  17. ^ (JA) 華名、WWE入り 15日後楽園Hが最後, su Daily Sports Online, Kobe Shimbun, 8 settembre 2015. URL consultato l'8 settembre 2015.
  18. ^ WWE officially announces the signing of Kana, su Wrestling Observer Newsletter, 7 settembre 2015. URL consultato l'8 settembre 2015.
  19. ^ Dave Scherer, Sasha and Bayley deliver in the main event, NXT achieves perfection in the finals of the Dusty Rhodes tourney, Breeze and Crews kill it, Asuka has a monster debut, the Dusty Rhodes final is set: ongoing NXT TakeOver: Respect blog, in Pro Wrestling Insider, 7 ottobre 2015. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  20. ^ WWE NXT results 9/23: Vaudevillains defend NXT Tag Titles, Kana/Asuka formally introduced, Breeze, Eva Marie, more, in Pro Wrestling Torch, 23 settembre 2015. URL consultato il 30 settembre 2015.
  21. ^ a b Dave Meltzer, NXT TakeOver Respect live results: Bayley vs. Sasha Banks, Dusty Rhodes Tag Team Classic, in Wrestling Observer Newsletter, 7 ottobre 2015. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  22. ^ Richard Trionfo, WWE NXT report: a look at Apollo Crews talks, Corbin versus Rhyno, Joe and Tyler talk about their match next week, and a cowboy arrives at Full Sail, in Pro Wrestling Insider, 21 ottobre 2015. URL consultato il 20 novembre 2015.
  23. ^ a b Emerson Witner, WWE NXT recap: Finn Balor & Apollo Crews vs Samoa Joe & Baron Corbin, in Wrestling Observer Newsletter, 9 dicembre 2015. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  24. ^ Richard Trionfo, WWE NXT report: Balor versus Crews, Asuka and a Total Diva, bonjour Eva Marie, tag title match next week, turmoil at the end of the show, su Pro Wrestling Insider, 4 novembre 2015. URL consultato il 20 novembre 2015.
  25. ^ John Clapp, Asuka vs. Emma, su WWE, 2 dicembre 2015. URL consultato il 12 dicembre 2015.
  26. ^ Justin James, 1/13 WWE NXT – Women’s #1 contender Battle Royal, NXT Title drama, more, su Pro Wrestling Torch, 13 gennaio 2016. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  27. ^ Justin James, 2/10 WWE NXT Report – Bayley defends Women’s Title, Gargano, Hype Bros., Joe-Zayn hype, su Pro Wrestling Torch, 10 febbraio 2016. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  28. ^ Justin James, 3/16 WWE NXT Report – #1 contender match to NXT Tag Titles, Zayn, set-up for Takeover, su Pro Wrestling Torch, 16 marzo 2016. URL consultato il 17 marzo 2016.
  29. ^ James Caldwell, 4/1 NXT Takeover: Dallas Results – Caldwell's Complete Live Report on Nakamura vs. Zayn, su Pro Wrestling Torch, 1º aprile 2016. URL consultato il 1º aprile 2016.
  30. ^ Dale Plummer, NXT Takeover: The End: Samoa Joe survives the steel cage and Finn Balor, su Slam! Sports, Canadian Online Explorer, 8 giugno 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  31. ^ James Caldwell, 8/20 “WWE NXT Takeover: Brooklyn” Results – Caldwell's Complete Live Report, su Pro Wrestling Torch, 20 agosto 2016. URL consultato il 20 agosto 2016.
  32. ^ Ryan Pappolla, NXT Women’s Champion Asuka def. Mickie James, su WWE. URL consultato il 19 novembre 2016.
  33. ^ Scott Taylor, Asuka def. Nia Jax (NXT Women’s Championship Match), su WWE. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  34. ^ Ryan Pappolla, NXT Women’s Champion Asuka def. Billie Kay, Peyton Royce and Nikki Cross, su WWE. URL consultato il 28 gennaio 2017.
  35. ^ Asuka becomes longest reigning NXT Women’s Champion ever, su WWE. URL consultato il 4 gennaio 2017.
  36. ^ Anthony Benigno, NXT Women's Champion Asuka def. Ember Moon, su WWE. URL consultato il 1º aprile 2017.
  37. ^ Ryan Murphy, NXT Women’s Champion Asuka def. Ruby Riot and Nikki Cross in a Triple Threat Match, su WWE, 21 maggio 2017. URL consultato il 21 maggio 2017.
  38. ^ John Clapp, NXT Women’s Champion Asuka def. Nikki Cross in a Last Woman Standing Match, su WWE, 28 giugno 2017. URL consultato il 28 giugno 2017.
  39. ^ Scott Taylor, NXT Women’s Champion Asuka def. Ember Moon, su WWE, 19 agosto 2017. URL consultato il 19 agosto 2017.
  40. ^ Steven Fernandes, Major NXT injury, su Pro Wrestling Insider, 21 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2017.
  41. ^ Dave Meltzer, Asuka suffers injury at NXT TakeOver: Brooklyn III, su Wrestling Observer Newsletter, 21 agosto 2017. URL consultato il 22 agosto 2017.
  42. ^ WWE Staff, Asuka relinquishes NXT Women’s Title, su WWE, 24 agosto 2017. URL consultato il 25 agosto 2017.
  43. ^ Joseph Currier, Asuka headed to WWE Raw roster, su Wrestling Observer Newsletter, 11 settembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  44. ^ Mike Johnson, Asuka officially heading to Raw, su Pro Wrestling Insider, 11 settembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  45. ^ Mike Johnson, Asuka's Raw debut will be..., su Pro Wrestling Insider, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  46. ^ Michael Burdick, Asuka vs. Emma, su wwe.com. URL consultato il 9 ottobre 2017.
  47. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Emma, su wwe.com. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  48. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Emma, su WWE. URL consultato il 23 ottobre 2017.
  49. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Stacie Cullen, su WWE. URL consultato il 30 ottobre 2017.
  50. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Stacy Coates, su WWE. URL consultato il 6 novembre 2017.
  51. ^ Anthony Benigno, Team Raw def. Team SmackDown in a Women’s 5-on-5 Traditional Survivor Series Elimination Tag Team Match, in WWE. URL consultato il 19 novembre 2017.
  52. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Dana Brooke, su WWE. URL consultato il 20 novembre 2017.
  53. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Dana Brooke, su WWE. URL consultato il 27 novembre 2017.
  54. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Alicia Fox, su WWE. URL consultato il 4 dicembre 2017.
  55. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Alicia Fox, su WWE. URL consultato il 4 dicembre 2017.
  56. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Raw Women's Champion Alexa Bliss, su WWE. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  57. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Nia Jax via Match Stoppage, su WWE. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  58. ^ Anthony Benigno, Asuka, Sasha Banks, Bayley & Mickie James def. Nia Jax, Mandy Rose, Sonya Deville & Alicia Fox. Ma a fine Macht attacca le sue compagne di squadra effettuando un turn heel, su WWE. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  59. ^ a b Anthony Benigno, Asuka won the first-ever Women’s Royal Rumble Match; Ronda Rousey arrived, su WWE, 28 gennaio 2018. URL consultato il 28 gennaio 2018.
  60. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Sasha Banks, su WWE. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  61. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Bayley, su WWE. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  62. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Nia Jax, su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  63. ^ Anthony Benigno, Asuka, Sasha Banks & Bayley def. Raw Women’s Champion Alexa Bliss, Nia Jax & Mickie James, su WWE. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  64. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Nia Jax, su WWE. URL consultato il 6 marzo 2018.
  65. ^ Anthony Benigno, SmackDown Women’s Champion Charlotte Flair def. Ruby Riott; Charlotte to battle Asuka at WrestleMania, su WWE. URL consultato il 12 marzo 2018.
  66. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Mickie James, su WWE. URL consultato il 13 marzo 2018.
  67. ^ Ryan Pappolla, Charlotte Flair and Asuka went face-to-face, su WWE. URL consultato il 14 marzo 2018.
  68. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Raw Women's Champion Alexa Bliss via Count-out, su WWE. URL consultato il 20 marzo 2018.
  69. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Jamie Frost, su WWE. URL consultato il 27 marzo 2018.
  70. ^ Anthony Benigno, Asuka & Dana Brooke def. Raw Women’s Champion Alexa Bliss & Mickie James, su WWE. URL consultato il 3 aprile 2018.
  71. ^ Tom Herrera, SmackDown Women’s Champion Charlotte Flair def. Asuka, su WWE. URL consultato il 9 aprile 2018.
  72. ^ WWE.com Staff, WWE Superstar Shake-up 2018 results: Full roster changes for Raw and SmackDown LIVE, su WWE. URL consultato il 17 aprile 2018.
  73. ^ Emerson Witner, WWE NXT results: Samoa Joe vs. Sami Zayn; Eva Marie cuts a good promo!, su Wrestling Observer Newsletter, 17 febbraio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  74. ^ a b c d e f g h i Kana, su Puroresu Central. URL consultato il 4 agosto 2011.
  75. ^ (JA) 2013.10.4 八王子・学園都市センター 試合, su JWP Joshi Puroresu, FC2, 5 ottobre 2013. URL consultato l'11 agosto 2014.
  76. ^ (JA) 2014.5.4 板橋グリーンホール 試合, su JWP Joshi Puroresu, FC2, 5 maggio 2014. URL consultato l'11 agosto 2014.
  77. ^ (JA) 【Reina】朱里&真琴vs華名&リー、エストレジータvsコマンダンテの墨ナショナル戦, su Battle News, 11 agosto 2014. URL consultato il 24 settembre 2015.
  78. ^ (JA) 大阪 ラプソティ vol.27, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  79. ^ 『Weekday Wave vol.35』, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 26 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2013).
  80. ^ 『大師走・西 '11』, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 26 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2013).
  81. ^ a b (JA) 『catch the Wave 2011 Final 波女決定リーグ戦決勝トーナメント』, in Pro Wrestling Wave. URL consultato il 4 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2012).
  82. ^ (JA) Wave8・6新木場大会試合結果, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  83. ^ (JA) Weekday Wave vol.52 Trauma, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 5 gennaio 2013.
  84. ^ (JA) 『Weekday Wave vol.50』, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 16 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  85. ^ (JA) 『大阪ラプソディ Vol.16』, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 16 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  86. ^ (JA) Happy Anniversary Wave・8~West~, su Pro Wrestling Wave. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  87. ^ (JA) 華名一番弟子・小波 デビュー戦で大健闘, su Tokyo Sports, 26 febbraio 2015. URL consultato il 26 febbraio 2015.
  88. ^ Jonathan Leung, Kana, su Osaka Holiday Paradise. URL consultato il 15 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2011).
  89. ^ (JA) Triple Tails. S (Kana & Mio Shirai), su CD Japan. URL consultato il 12 aprile 2013.
  90. ^ WWE: The Future (Asuka) - Single, iTunes, 23 ottobre 2015. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  91. ^ (JA) Judgement 2012, su Dramatic Dream Team. URL consultato l'11 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2012).
  92. ^ a b (JA) ◆2013年JWP各賞が決定しました。, in JWP Joshi Puroresu, FC2, 16 dicembre 2013. URL consultato il 16 dicembre 2013.
  93. ^ (JA) 9・2クズプロ新木場大会 全試合結果 [collegamento interrotto], in Wrestling New Classic, 2 settembre 2012. URL consultato il 2 settembre 2012.
  94. ^ NEO Tag Team Title, in Puroresu Dojo. URL consultato il 4 agosto 2011.
  95. ^ (JA) Osaka女子プロレス第九戦・二人の大阪 One Day Tag Tournament, in Osaka Joshi Pro Wrestling. URL consultato il 9 giugno 2013.
  96. ^ a b (JA) 『Like a Virgin 1224』West Japan~大阪ラプソティ DX~, in Pro Wrestling Wave. URL consultato il 31 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2012).
  97. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Becky Lynch and Charlotte Flair to become the new SmackDown Women’s Champion (TLC Match), su WWE, 16 dicembre 2018. URL consultato il 16 dicembre 2018.
  98. ^ Anthony Benigno, The Kabuki Warriors def. Alexa Bliss & Nikki Cross to become the new WWE Women’s Tag Team Champions, su WWE. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  99. ^ NXT Women's Championship, su WWE. URL consultato il 2 aprile 2016.
  100. ^ Arya Witner, NXT TakeOver San Antonio live results: Nakamura vs. Roode, su Wrestling Observer Newsletter, 28 gennaio 2017. URL consultato il 28 gennaio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]