Elimination Chamber (2018)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elimination Chamber (2018)
Colonna sonoraM.O.M (Man on a Mission) di Will Roush
Prodotto daWWE
BrandRaw
Data25 febbraio 2018
SedeT-Mobile Arena
CittàParadise, Nevada
Spettatori15.126
Cronologia pay-per-view
Royal Rumble (2018)Elimination Chamber (2018)Fastlane (2018)
Progetto Wrestling

Elimination Chamber (2018) è stata l'ottava edizione dell'omonimo evento in pay-per-view prodotto annualmente dalla WWE. L'evento, esclusivo del roster di Raw, si è svolto il 25 febbraio 2018 alla T-Mobile Arena di Paradise (Nevada).

È stato l'ultimo pay-per-view esclusivo del roster di Raw nella seconda Brand extension.

Questa edizione ha visto il primo Elimination Chamber match femminile della storia, oltre che il primo Elimination Chamber match maschile a sette uomini (anziché i classici sei).

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Alla Royal Rumble, Shinsuke Nakamura ha vinto il Royal Rumble match maschile eliminando per ultimo Roman Reigns e ha deciso di rimanere nel roster di SmackDown per sfidare il WWE Champion AJ Styles a WrestleMania 34.[1] La sera dopo, a Raw, il general manager Kurt Angle ha annunciato che, ad Elimination Chamber, ci sarà un Elimination Chamber match per determinare il contendente n°1 all'Universal Championship di Brock Lesnar a WrestleMania. La sera stessa si sono svolti i primi tre match di qualificazione per l'omonimo pay-per-view: Braun Strowman ha sconfitto Kane in un Last Man Standing match, Elias ha sconfitto Matt Hardy e John Cena ha sconfitto Finn Bálor.[2] Nella puntata di Raw del 5 febbraio, poi, si sono qualificati anche l'Intercontinental Champion The Miz e Roman Reigns (i quali hanno sconfitto rispettivamente Apollo Crews e Bray Wyatt).[3][4] In quella stessa puntata, inoltre, Elias ha conquistato la possibilità di entrare per ultimo durante l'Elimination Chamber match avendo sconfitto Braun Strowman e John Cena in un Triple Threat match.[5] Nella puntata di Raw del 12 febbraio, Finn Bálor e Seth Rollins hanno vinto in contemporanea un Fatal 5-Way match che comprendeva anche Apollo, Bray Wyatt e Matt Hardy con in palio l'ultima possibilità di inserirsi nell'Elimination Chamber match, trasformando di fatto tale match in un match a sette uomini.[6] Quella stessa sera, inoltre, John Cena ha sconfitto The Miz e, di conseguenza, quest'ultimo dovrà entrare per primo durante l'Elimination Chamber match.[7]

Nella puntata di Raw del 29 gennaio la commissioner Stephanie McMahon ha convinto Asuka, la quale aveva vinto l'inaugurale Royal Rumble match femminile la sera precedente, ad aspettare fino ad Elimination Chamber per decidere per quale titolo competere a WrestleMania 34, siccome la Raw Women's Champion Alexa Bliss dovrà difendere la propria cintura all'interno del primo Elimination Chamber match femminile della storia: in tale incontro, oltre alla campionessa, ci saranno anche Bayley, Mandy Rose, Mickie James, Sasha Banks e Sonya Deville.[8]

Nella puntata di Raw del 5 febbraio, il general manager Kurt Angle ha annunciato che Nia Jax e Asuka si sfideranno a Elimination Chamber. Se Nia vincerà tale incontro, verrà inserita nel match per il Raw Women's Championship a Wrestlemania 34.[9]

Nella puntata di Raw del 27 novembre 2017, Matt Hardy è stato sconfitto da Bray Wyatt. Al termine del match, Hardy ha avuto un crollo mentale che lo ha portato a sedersi in un angolo del ring, iniziando a gridare ripetutamente la parola "delete" (eliminare). Ciò ha portato Hardy ad intraprendere la gimmick di "Woken" Matt Hardy (gimmick simile a quella utilizzata ad Impact Wrestling), che ha debuttato ufficialmente la settimana successiva interrompendo un promo di Wyatt. Nel corso del mese successivo, Hardy e Wyatt hanno continuato a confrontarsi con dei promo. Nella puntata di Raw 25 Years del 22 gennaio 2018, Wyatt ha sconfitto di nuovo Hardy. Alla Royal Rumble, i due hanno preso parte all'omonimo match, ma si sono eliminati a vicenda. Nella puntata di Raw del 19 febbraio è stato annunciato che Wyatt e Hardy si affronteranno ad Elimination Chamber.[10]

Prima della Royal Rumble, il Titus Worldwide (Apollo e Titus O'Neil) hanno sconfitto per due volte i Raw Tag Team Champions Cesaro e Sheamus, prima che questi due sconfiggessero Jason Jordan e Seth Rollins conquistando i titoli (alla Rumble).[11] Nella puntata di Raw del 29 gennaio il Titus Worldwide ha poi affrontato i neo campioni Cesaro e Sheamus con i palio i titoli di coppia di Raw ma sono stati sconfitti. Nella puntata di Raw del 19 febbraio Titus e Apollo hanno sconfitto Cesaro e Sheamus in un match non titolato, e in seguito hanno sfidato i campioni ad un match ad Elimination Chamber; tale incontro, in seguito, è stato confermato il 23 febbraio.[12]

Il 23 febbraio è stato annunciato che Luke Gallows e Karl Anderson affronteranno il Miztourage (Bo Dallas e Curtis Axel) nel Kick-off dell'evento.[13]

Nella puntata di Raw del 12 febbraio il General Manager Kurt Angle ha annunciato che ad Elimination Chamber ci sarà l'apparizione dell'ex-atleta UFC Ronda Rousey, la quale firmerà il contratto che la legherà alla WWE.[14]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Incontri Stipulazioni Durata
Kick-off Luke Gallows e Karl Anderson hanno sconfitto The Miztourage (Bo Dallas e Curtis Axel) Tag Team match[15] 08:50
1 Alexa Bliss (c) ha sconfitto Bayley, Mandy Rose, Mickie James, Sasha Banks e Sonya Deville Elimination Chamber match per il WWE Raw Women's Championship[16] 29:35
2 Cesaro e Sheamus (c) hanno sconfitto Titus Worldwide (Apollo e Titus O'Neil) (con Dana Brooke) Tag Team match per il WWE Raw Tag Team Championship[17] 10:05
3 Asuka ha sconfitto Nia Jax Single match[18]
Se Nia avesse vinto, sarebbe stata aggiunta al match di Asuka a WrestleMania 34.
08:15
4 "Woken" Matt Hardy ha sconfitto Bray Wyatt Single match[19] 09:55
5 Roman Reigns ha sconfitto Braun Strowman, Elias, Finn Bálor, John Cena, The Miz e Seth Rollins Elimination Chamber match per determinare il contendente n°1 al WWE Universal Championship[20] 40:15

Entrate ed eliminazioni nell'Elimination Chamber match femminile[modifica | modifica wikitesto]

# Wrestler Ingresso Eliminata da Metodo di eliminazione Tempo
Mandy Rose Sasha Banks Bank Statement 13:50
Sonya Deville Mickie James Lou Thesz Press 17:35
Mickie James Bayley Bayley-to-Belly 18:00
Bayley Alexa Bliss Roll-up 25:30
Sasha Banks Alexa Bliss DDT 29:35
Vincitrice Alexa Bliss (c) 29:35

Entrate ed eliminazioni nell'Elimination Chamber match maschile[modifica | modifica wikitesto]

# Wrestler Ingresso Eliminato da Metodo di eliminazione Tempo
The Miz Braun Strowman Running Powerslam 20:20
Elias Braun Strowman Powerslam 25:55
John Cena Braun Strowman Powerslam 26:25
Finn Bálor Braun Strowman Powerslam 30:45
Seth Rollins Braun Strowman Powerslam 36:40
Braun Strowman Roman Reigns Spear 40:15
Vincitore Roman Reigns 40:15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anthony Benigno, Shinsuke Nakamura won the 2018 Men’s Royal Rumble Match, su WWE, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  2. ^ Elimination Chamber Qualifying Matches begin, su twitter.com. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  3. ^ Anthony Benigno, Roman Reigns def. Bray Wyatt to qualify for the Men's Elimination Chamber Match, su WWE. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  4. ^ Anthony Benigno, Intercontinental Champion The Miz def. Apollo Crews to qualify for the Men's Elimination Chamber Match, su WWE. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  5. ^ Anthony Benigno, Elias def. John Cena and Braun Strowman to earn the No. 6 entry position in the Men’s Elimination Chamber Match, su WWE. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  6. ^ Anthony Benigno, Finn Bálor and Seth Rollins won the Second-Chance Fatal 5-Way Match to turn the Men’s Elimination Chamber into a 7-Man Match, su WWE. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  7. ^ Anthony Benigno, John Cena def. Intercontinental Champion The Miz (loser enters the Men's Elimination Chamber Match first), su WWE. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  8. ^ Michael Burdick, The first-ever Women’s Elimination Chamber Match, su wwe.com. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  9. ^ Michael Burdick, Asuka vs. Nia Jax, su wwe.com. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  10. ^ Michael Burdick, [“Woken” Matt Hardy vs. Bray Wyatt http://www.wwe.com/shows/eliminationchamber/elimination-chamber-2018/woken-matt-hardy-bray-wyatt]. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  11. ^ James Wortman, Sheamus & Cesaro def. Raw Tag Team Champions Seth Rollins & Jason Jordan, su WWE, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  12. ^ Michael Burdick, Raw Tag Team Champions Cesaro & Sheamus vs. Titus Worldwide, su wwe.com. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  13. ^ Anthony Benigno, Luke Gallows & Karl Anderson vs. The Miztourage (Kickoff Match), su wwe.com. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  14. ^ Michael Burdick, Ronda Rousey’s official Raw Contract Signing to take place at WWE Elimination Chamber, su wwe.com. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  15. ^ Anthony Benigno, Luke Gallows & Karl Anderson def. The Miztourage (Kickoff Match), su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  16. ^ Anthony Benigno, Raw Women’s Champion Alexa Bliss won the first-ever Women’s Elimination Chamber Match, su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  17. ^ Anthony Benigno, Raw Tag Team Champions Cesaro & Sheamus def. Titus Worldwide, su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  18. ^ Anthony Benigno, Asuka def. Nia Jax, su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  19. ^ Anthony Benigno, "Woken" Matt Hardy def. Bray Wyatt, su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  20. ^ Anthony Benigno, Roman Reigns won the first-ever Seven-Man Elimination Chamber Match to challenge Universal Champion Brock Lesnar at WrestleMania, su wwe.com. URL consultato il 26 febbraio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling