Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Daniel Bryan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniel Bryan
Bryan con il WWE World Heavyweight Championship nell'aprile 2014
Bryan con il WWE World Heavyweight Championship nell'aprile 2014
Nome Bryan Lloyd Danielson
Ring name American Dragon[1]
Bryan Danielson[1]
Daniel Bryan[1][2]
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Aberdeen[3]
22 maggio 1981 (35 anni)[4]
Residenza Phoenix[5]
Altezza 173[6][7] cm
Altezza dichiarata 178[8] cm
Peso dichiarato 95[8] kg
Allenatore Masato Tanaka[9]
Texas Wrestling Academy[10][11]
Tracy Smothers[1]
Rudy Boy Gonzalez[10]
Shawn Michaels[8][9][10]
William Regal[10][12]
Debutto 4 ottobre 1999[3]
Ritiro 8 febbraio 2016[13]
Progetto Wrestling

Bryan Lloyd Danielson, meglio conosciuto con il ring name Daniel Bryan[3] (Aberdeen, 22 maggio 1981), è un ex wrestler statunitense.

Nella WWE ha detenuto il WWE Championship/WWE World Heavyweight Championship tre volte e il World Heavyweight Championship una volta, oltre ad aver vinto anche per una volta rispettivamente lo United States Championship, il WWE Tag Team Championship come membro del Team Hell No (con Kane) e l'Intercontinental Championship. È stato anche il vincitore del Money in the Bank di SmackDown (2011), ha lottato nel main event di diversi pay-per-view per la WWE (inclusa l'edizione 2013 di SummerSlam e WrestleMania XXX) e ha vinto lo Slammy Award come Superstar of the Year (2013). È inoltre il venticinquesimo wrestler a completare il Triple Crown Championship e il quindicesimo a conferire il Grand Slam Championship (sotto il nuovo formato) nella storia della WWE.

Prima di approdare alla WWE ha lottato per diverse federazioni indipendenti utilizzando sia il suo vero nome, sia il ring name (e successivamente soprannome) di American Dragon.[3][14] Dal 2002 al 2009 ha lottato per la Ring of Honor (ROH), dove è ha vinto il ROH World Championship, è stato l'ultimo wrestler a detenere il ROH Pure Championship (unificando i due titoli), nonché il primo vincitore dell'annuale torneo Survival of the Fittest nel 2004. Insieme a CM Punk e Tyler Black/Seth Rollins è uno dei tre wrestler ad aver vinto sia il ROH World Championship, sia il WWE World Heavyweight Championship.

Danielson ha lottato a lungo in Giappone, vincendo il GHC Junior Heavyweight Championship nella Pro Wrestling Noah (NOAH) e il IWGP Junior Heavyweight Tag Team Championship (con Curry Man) nella New Japan Pro Wrestling (NJPW). Tra WWE, ROH e Giappone ha detenuto un totale di undici titoli, inclusi cinque titoli del mondo. Ha anche vinto numerosi titoli nel circuito indipendente, inclusi due PWG World Championship, il FIP World Heavyweight Championship e il wXw World Heavyweight Championship.

L'8 febbraio 2016, all'età di trentaquattro anni, ha annunciato il suo ritiro dal wrestling a causa di problemi medici (inclusi spasmi epilettici) derivanti da multiple commozioni cerebrali e una lesione all'area temporo-occipitale del cervello.[13][15][16]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Danielson è nato e cresciuto ad Aberdeen, nello Stato di Washington, da un padre taglialegna e una madre terapeuta che hanno divorziato quando lui era ancora giovane. Ha gareggiato in vari sport all'Aberdeen-Weatherwax High School, incluso il football.[17]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Danielson iniziò la sua carriera lottando nella Backyard Championship Wrestling (BCW) con il suo vero nome e l'appellativo "The Dagger". Nel 1999, dopo essersi diplomato, decise di diventare un wrestler iscrivendosi alla scuola di wrestling di Dean Malenko. A causa della sua chiusura entrò nella Texas Wrestling Academy di Shawn Michaels. Firmò poi un contratto con la World Wrestling Federation (WWF) per lavorare nel loro territorio di sviluppo, venendo assegnato alla Memphis Championship Wrestling (MCW), dove è stato allenato da William Regal, vincendo diversi titoli prima della sua chiusura e del suo rilascio dalla WWF nel 2001. Inoltre, tra il 2002 e il 2003, combatté in alcune puntate di Velocity e Heat; inizialmente usato come jobber, gli sono poi stati concessi match più lunghi, affrontando e perdendo contro John Cena.

Ring of Honor (2002–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Danielson ai tempi della Ring of Honor nel luglio 2004

Nel 2002 Danielson entrò a far parte della Ring of Honor (ROH): ne viene considerato un padre fondatore, poiché ha portato all'apice del successo la federazione dai suoi albori e combattendo sempre e solo nei main event.[18] I suoi incontri erano caratterizzati da una durata fuori dal normale, fra cui spicca un match di circa ottanta minuti contro Austin Aries.[19]

Il 25 settembre 2005 a Glory by Honor IV Danielson ha sconfitto James Gibson per vincere il ROH World Championship per la prima volta. Mantenne il titolo fino a quando Chris Hero, della Combat Zone Wrestling (CZW), invase la ROH e puntò al titolo di Danielson. Quest'ultimo ne fece una questione personale, invadendo così a sua volta la CZW. Alla fine i due arriveranno a un match uno contro uno, in cui Danielson mantenne il titolo. Prese poi il quinto e ultimo posto del Cage of Death match (uno steel cage match, specialità della CZW), terminato con una rissa, grazie all'inaspettato voltafaccia di Danielson su Samoa Joe. Questo portò a una faida tra i due: il loro match, durato 60 minuti, terminò con un pareggio. Danielson ha poi unificato il ROH World Championship con il ROH Pure Championship di Nigel McGuinness. Perse il titolo dopo quindici mesi di regno contro Homicide, anche per via di un infortunio alla spalla.[20]

Danielson ha lasciato la ROH nel 2009 dopo aver sconfitto Nigel McGuinness nel suo ultimo match.

World Wrestling Entertainment (2009–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Nexus (wrestling).
Bryan nel settembre 2010

Il 23 agosto 2009 la ROH ha annunciato che Danielson aveva firmato un contratto con la World Wrestling Entertainment (WWE). Ha fatto il suo debutto il 4 gennaio 2010, quando ha sconfitto Chavo Guerrero in un match non ripreso dalle telecamere. In seguito venne trasferito nella Florida Championship Wrestling (FCW), dove ha cambiato il suo ring name in Daniel Bryan.

Il debutto sugli schermi televisivi avvenne a NXT, uno show che ha visto protagonisti otto esordienti, affiancati da altrettanti wrestler professionisti, dove il vincitore aveva l'opportunità di approdare a Raw e di ottenere un'opportunità per un titolo da sfruttare in pay-per-view contro un campione a sua scelta. Daniel Bryan, con The Miz come suo mentore, nella prima puntata ha affrontato nel main event l'allora World Heavyweight Champion Chris Jericho, venendo sconfitto. Durante la sua permanenza a NXT, tuttavia, Bryan perse tutti i match (con un record finale di 0 vittorie e 10 sconfitte) e la sua avventura si è conclusa con l'eliminazione decisa dal management (kayfabe) nella puntata di NXT del 10 maggio.

Nella puntata di Raw del 31 maggio, l'ospite speciale dello show, Ashton Kutcher, ha concesso a Bryan un match contro The Miz: Bryan ha sconfitto Miz e al termine del match lo ha gettato addosso al commentatore Michael Cole, che lo criticava sin dalla sua partecipazione a NXT. La settimana successiva a Raw, Bryan si è presentato insieme agli altri rookie di NXT della prima stagione, interrompendo il main event che vedeva protagonisti John Cena e CM Punk: il gruppo, guidato da Wade Barrett, ha aggredito il personale della WWE presente a bordo ring, distruggendo la scenografia e attaccando Cena. I wrestler di NXT formarono così un'alleanza, che è diventata poi nota come "The Nexus". Nella puntata di Raw dell'11 giugno, Bryan venne cacciato dalla stable dopo essersi pentito dell'attacco perpetrato ai danni di Cena. Nello stesso giorno, la WWE ha comunicato il licenziamento di Daniel Bryan tramite un comunicato apparso sul sito internet della compagnia.[21] La causa del licenziamento sarebbe da ricercare in un atto giudicato "eccessivamente violento" dalla WWE, dal momento che Danielson aveva strangolato il ring announcer Justin Roberts con la sua stessa cravatta, in una fase dell'aggressione andata in scena a Raw.[22]

Federazioni indipendenti (2010)[modifica | modifica wikitesto]

Grazie ad una deroga concessa dalla WWE, Bryan Danielson è tornato ad esibirsi nei circuiti indipendenti pochi giorni dopo il suo licenziamento. Danielson, in seguito al clamore suscitato dalla vicenda che lo ha visto protagonista in WWE, raccolse in pochi giorni numerosi ingaggi anche in Europa, tra cui uno nella MWF, federazione di proprietà del padre di John Cena.[23] Il 1º ottobre, Danielson ha combattuto l'ultimo dei sui match indipendenti sconfiggendo Shelton Benjamin in uno show della NorthEast Wrestling.

Ritorno alla WWE[modifica | modifica wikitesto]

United States Champion (2010–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Bryan (a destra) mentre lotta con il suo ex mentore di NXT, The Miz

Tra i fan di Danielson, nel frattempo, si susseguono le petizioni rivolte alla WWE per chiedere la sua riassunzione.[24] Il 15 agosto 2010 a SummerSlam, Bryan ha fatto il suo ritorno nella WWE come beniamino del pubblico, unendosi al "Team WWE" che affrontava il Nexus nel main event. La sua squadra ha vinto il match, nel quale Bryan ha eliminato prima Darren Young e poi Heath Slater, prima di essere eliminato a sua volta da Wade Barrett, complice l'interferenza di The Miz.

Il 19 settembre a Night of Champions, Bryan ha sconfitto The Miz, sottomettendolo con la LeBell Lock e vincendo il suo primo titolo nella WWE, lo United States Championship. Il 3 ottobre a Hell in a Cell, Bryan ha difeso con successo il titolo in un triple threat Submissions Count Anywhere match contro The Miz e John Morrison. Bryan ha poi sfidato l'allora Intercontinental Champion Dolph Ziggler a un "Champion vs. Champion match" a Bragging Rights come speciale attrazione della sfida SmackDown vs. Raw, sconfiggendolo in un match altamente acclamato. Bryan ha difeso con successo lo United States Champiosnhip contro Ted DiBiase alle Survivor Series.

Nella puntata di Raw del 14 marzo 2011, Bryan ha perso lo United States Championship contro Sheamus dopo 176 giorni. Bryan avrebbe dovuto originariamente avere la sua rivincita contro Sheamus per lo United States Championship nella card principale a WrestleMania XXVII, ma il match è stato annunciato come un "dark lumberjack match" che è terminato senza un vincitore quando i lumberjack hanno combattuto tra di loro, dando inizio a una battle royal che ha visto Bryan essere eliminato per penultimo da Sheamus. Bryan ha perso contro Sheamus nella rivincita con il titolo in palio la notte seguente a Raw, dopodiché è stato salvato da un attacco di Sheamus dal debuttante Sin Cara.

World Heavyweight Champion (2011–2012)[modifica | modifica wikitesto]

Bryan durante il suo regno con il World Heavyweight Championship insieme alla sua ex fidanzata (kayfabe) AJ Lee

Il 26 aprile, Bryan è stato trasferito al rostr di SmackDown come parte del draft supplementare. Il suo primo match come nuovo membro del roster è avvenuto nella puntata di SmackDown del 6 maggio, dove ha perso contro Sheamus.

Il 17 luglio a Money in the Bank, Bryan ha vinto il Money in the Bank ladder match di SmackDown, che gli avrebbe garantito un match per il World Heavyweight Championship in qualsiasi momento entro un anno. Nella puntata di SmackDown del 4 novembre, Bryan ha perso per squalifica contro il World Heavyweight Champion Mark Henry a causa dell'interferenza di Big Show. Tre settimane dopo, Bryan ha incassato il Money in the Bank sconfiggendo Mark Henry, dopo che questi era stato messo K.O. da Big Show, conquistando il World Heavyweight Championship: tuttavia, subito dopo la sua vittoria, il general manager di SmackDown Theodore Long ha annullato la vittoria di Bryan, in quanto Henry non era abilitato a combattere; nonostante ciò, Bryan è rimasto in possesso della valigetta del Money in the Bank. Più tardi nella stessa sera, Bryan è diventato il primo sfidante per il World Heavyweight Championship, sconfiggendo Cody Rhodes, Randy Orton e Wade Barrett. Nella puntata di SmackDown del 29 novembre, tuttavia, Bryan ha perso contro Henry nello steel cage match valido per il titolo. Sempre nel mese di novembre, Bryan ha iniziato una relazione (kayfabe) con AJ.

Il bacio con AJ che costò a Bryan il World Heavyweight Championship contro Sheamus a WrestleMania XXVIII in 18 secondi

Bryan ha incassato la valigetta del Money in the Bank il 18 dicembre a TLC: Tables, Ladders and Chairs ai danni di Big Show, che aveva appena sconfitto Mark Henry in un chairs match, ma che Henry aveva attaccato al termine del match eseguendo una DDT su una pila di sedie: Bryan ha poi schienato Show per vincere il World Heavyweight Championship; inoltre, con questa vittoria, è diventato il primo wrestler nella storia proveniente da NXT ad aver vinto un titolo del mondo nella WWE. Nelle settimane seguenti nacquero delle tensioni tra Bryan e Big Show, che non era felice di come questi lo avesse privato del titolo, con Bryan che ha invece espresso il suo scontento per la scarsa riconoscenza per l'aiuto che gli dava durante i match contro Henry. Come World Heavyweight Champion, Bryan ha iniziato ad agire da heel ("cattivo"), mostrando segni di superbia e arroganza, iniziando inoltre a celebrare in maniera eccessiva le sue vittorie, anche quelle terminate per squalifica o countout.

Nel gennaio del 2012, Bryan ha difeso con successo il titolo in tre occasioni: la prima contro Big Show quando Bryan ha provocato Mark Henry, che lo ha attaccato causando la squalifica; la seconda contro Show in un match senza squalifiche che si è concluso quando Show è accidentalmente finito addosso ad AJ, che è finita all'ospedale (kayfabe) e per cui Bryan lo ha incolpato; la terza contro Henry in un lumberjack match che si è concluso senza vincitore quando Bryan ha provocato i lumberjack, causando l'interferenza di quest'ultimi. Ciò ha portato a uno steel cage match con il titolo in palio contro Show e Henry alla Royal Rumble, dove Bryan ha vinto dopo essere uscito dalla gabbia d'acciaio. A Elimination Chamber, Bryan ha difeso nuovamente il titolo sconfiggendo Big Show, Cody Rhodes, The Great Khali, Santino Marella e Wade Barrett in un Elimination Chamber match, al termine del quale è stato attaccato da Sheamus, il vincitore della Royal Rumble, che lo ha scelto come avversario a WrestleMania per il World Heavyweight Championship.

Nel mese di marzo, Bryan ha iniziato a maltrattare AJ, domandandole pubblicamente di stare zitta e affermando che lei è sempre stata dalla sua parte. Nonostante queste azioni, AJ ha continuato a rimanere al fianco di Bryan. Il regno di Bryan come campione del mondo si è concluso dopo 105 giorni in diciotto secondi a WrestleMania XXVIII quando si è distratto per ricevere un bacio portafortuna da AJ. Nella puntata di SmackDown successiva, Bryan ha incolpato AJ per perdita del titolo del mondo e ha concluso la loro relazione. Nonostante i tentativi di AJ di riconciliarsi, Bryan l'ha rifiutata. A Extreme Rules, Bryan non è riuscito a riconquistare il World Heavyweight Championship da Sheamus in un 2-out-of-3 falls match, perdendo per 2-1.

Team Hell No (2012–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Team Hell No.
Bryan ha avuto una faida con CM Punk per il WWE Championship nel 2012 dopo aver perso il World Heavyweight Championship

Dopo aver perso il World Heavyweight Championship, Bryan è diventato il primo sfidante al WWE Championship detenuto da CM Punk, ma non è riuscito a vincere il titolo sia a Over the Limit che a No Way Out, in un triple threat match che includeva anche Kane. Nella puntata di Raw del 25 giugno, Bryan ha vinto un triple threat elimination match contro Punk e Kane, garantendosi un ulteriore match per il WWE Championship a Money in the Bank, con AJ scelta come arbitro speciale. Tuttavia, il 15 luglio a Money in the Bank, Bryan non è riuscito a conquistare il titolo.

Dopo essere uscito dal giro titolato del WWE Championship, Bryan ha provato a riallacciare il rapporto con AJ, per poi chiederle di sposarlo, ottenendo una risposta affermativa. Tuttavia, a Raw 1000, AJ lo ha mollato sull'altare dopo aver ricevuto il ruolo di general manager di Raw. Usando il ruolo di general manager, AJ ha continuato a ottenere la sua vendetta su Bryan negandogli un match per il WWE Championship e forzandolo invece ad affrontare Kane a SummerSlam, dove però Bryan è emerso vincitore.

Kane offre un "hug it out" a Bryan

A causa dei problemi tra Bryan e Kane, AJ li ha iscritti a dei corsi di gestione della rabbia ospitati dal dottor Shelby e sono stati costretti ad "abbracciarsi". I due avversari hanno poi formato un tag team i cui costanti litigi e scontri, anche durante i loro match, li ha inavvertitamente portati a sconfiggere i Prime Time Players (Darren Young e Titus O'Neil) per diventare i primi sfidanti per il WWE Tag Team Championship nella puntata di Raw del 10 settembre, per poi sconfiggere Kofi Kingston e R-Truth, il 16 settembre a Night of Champions, e vincere il Tag Team Championship.

Bryan e Kane hanno difeso per la prima volta i loro titoli la notte successiva a Raw, sconfiggendo gli ex campioni in una rivincita. La settimana successiva a Raw, "Team Hell No" è stato scelto come il nome ufficiale del tag team attraverso un sondaggio su Twitter, mentre il Team Rhodes Scholars (Cody Rhodes e Damien Sandow) ha iniziato una faida con Bryan e Kane, facendo diventare Bryan un beniamino del pubblico ancora una volta. Il 28 ottobre a Hell in a Cell, il Team Hell No ha perso contro i Rhodes Scholars per squalifica, mantenendo i loro titoli; ciò ha portato a una rivincita nella puntata del 14 novembre di Main Event, dove il Team Hell No ha sconfitto i Rhodes Scolars per mantenere il Tag Team Championship.

Il Team Hell No ha poi iniziato una faida con lo Shield (Dean Ambrose, Seth Rollins e Roman Reigns), alleandosi con Ryback; ciò ha portato a un Tables, Ladders and Chairs match a TLC, dove lo Shield è emerso vittorioso dopo aver schienato Bryan. Il Team Hell No ha continuato a difendere i loro titoli sul finire del 2012, sconfiggendo il Team Rhodes Scolars a Main Event la settimana seguente e contro la 3MB (Drew McIntyre e Heath Slater) nella puntata di Raw del 31 dicembre. Bryan ha concluso il 2012 con il maggior numero di match televisivi e in pay-per-view combattuti quell'anno con 90.

Il 27 gennaio 2013 alla Royal Rumble, il Team Hell No ha difeso con successo il titolo quando hanno sconfitto ancora una volta il Team Rhodes Scolars. Il 17 febbraio a Elimination Chamber, Bryan ha preso parte all'Elimination Chamber match valido per determinare il primo sfidante per il World Heavyweight Championship a WrestleMania 29, ma è stato eliminato da Mark Henry. A WrestleMania 29, il Team Hell No ha difeso con successo il titolo contro Dolph Ziggler e Big E Langston.

Dopo aver riacceso la rivalità con lo Shield, con cui hanno combattuto diversi match con alleati anche The Undertaker e John Cena, il 19 maggio a Extreme Rules, il Team Hell No ha perso il WWE Tag Team Championship in un tornado tag team match contro Rollins e Reigns, terminando il loro regno come campioni dopo 245 giorni.

"Yes!" Movement (2013–2014)[modifica | modifica wikitesto]

Bryan nel luglio 2013

Dopo aver perso il WWE Tag Team Championship, Bryan è diventato ossessionato dal voler dimostrare di non essere l'anello debole del Team Hell No. Come risultato di ciò, Bryan è diventato più aggressivo, ma il suo comportamento troppo zelante ha portato il Team Hell No a perdere la rivincita per il titolo contro Rollins e Reigns nella puntata di Raw del 27 maggio.[25][26] In seguito ad incomprensioni e litigi, Bryan si è allontanato da Kane ed è stato accoppiato con Randy Orton, nonostante la loro scarsa relazione ad affrontare un nemico comune nello Shield.[27][28] Durante questa storyline, Bryan è stato elogiato come il miglior wrestler nella WWE e per avere una connessione senza pari con il pubblico da critici, colleghi e veterani del mondo del wrestling.[29][30][31][32] Nella puntata di SmackDown del 14 giugno, Bryan ha concluso la striscia vincente di imbattibilità dello Shield nei six-man tag match televisivi quando ha costretto Rollins a cedere in un match con Kane e Orton come suoi compagni di tag team.[33][34] Tuttavia, a Payback, a causa di un lavoro di squadra non ottimale, Bryan e Orton non sono riusciti a vincere il WWE Tag Team Championship contro Rollins e Reigns.[35] La notte seguente a Raw, mentre lo status del Team Hell No è stato lasciato in sospeso dopo che entrambi hanno deciso di proseguire la competizione singola, Bryan e Orton si sono affrontati in un No Disqualification match che Orton ha vinto quando l'arbitro ha fermato il match dopo che Bryan aveva sofferto un legittimo infortunio al nervo,[36] che lo ha portato a non essere in grado di sentire le sue braccia per il resto del match.[37] Quattro giorni dopo a SmackDown, Bryan ha sconfitto Orton, ma per lo sgomento di Bryan è stato solo per countout.[38] Nella puntata seguente di Raw, Bryan ha decisivamente sconfitto Orton per sottomissione in una street fight[39] e ha poi continuato la sua striscia di vittorie sconfiggendo Sheamus e Christian.[40][41] Il 14 luglio a Money in the Bank, Bryan ha preso parte al WWE Championship Money in the Bank ladder match; durante il match, Bryan è stato attaccato da Curtis Axel, un non partecipante, che alla fine gli ha impedito di vincere il match che è stato vinto da Orton.[42]

La notte seguente a Raw, il WWE Champion John Cena ha scelto Bryan come avversario per il match per il WWE Championship a SummerSlam.[43] Ciò ha portato Bryan ad essere coinvolto nella faida interna della famiglia McMahon, con il chairman della WWE Vince McMahon contro Bryan, poiché Bryan non ha l'immagine della tipica "superstar WWE" di McMahon, mentre il COO della WWE Triple H era in supporto di Bryan.[44] Il 22 luglio a Raw, Bryan ha lottato in un gauntlet match per dimostrare il suo valore come primo sfidante, sconfiggendo Jack Swagger e Antonio Cesaro in successione.[45] Il 18 agosto a SummerSlam, Bryan ha sconfitto John Cena; tuttavia, subito dopo il match, l'arbitro speciale Triple H ha attaccato Bryan e ha permesso a Randy Orton di incassare il contratto del Money in the Bank per privare Bryan del titolo.[46]

La notte successiva a Raw, Triple H e i McMahon hanno approvato Orton come "il volto della WWE", formando la fazione dell'Authority, sostenendo che l'azienda era alla ricerca di Orton come campione al posto di Bryan che ha assunto anche il ruolo di "top face", essendo Cena fuori per infortunio. Con Triple H che ha minacciato di licenziare chiunque non rispettasse il suo regime, Bryan è stato lasciato da solo ad affrontare e subire gli attacchi di Orton e dello Shield. Il 15 settembre a Night of Champions, Bryan ha sconfitto Orton e ha riconquistato il WWE Championship,[47] che però è stato costretto a rendere vacante la notte successiva a Raw da Triple H; l'arbitro Scott Armstrong ha ammesso di aver fatto un conteggio veloce la notte precedente con conseguente vittoria di Bryan, che ha negato che Armstrong stava lavorando per lui.[48] Bryan e Orton si sono affrontati di nuovo per il titolo vacante il 6 ottobre a Battleground, ma il match si è concluso in no contest dopo un'interferenza di Big Show che ha messo K.O. entrambi.[49] Bryan ha sfidato Orton per il titolo vacante a Hell in a Cell senza successo: l'arbitro speciale Shawn Michaels lo ha colpito per aver attaccato Triple H, il migliore amico di Michaels.[50]

Bryan celebra la vittoria del WWE World Heavyweight Championship a WrestleMania XXX

La notte successiva a Raw, Bryan si è confrontato con Michaels, che gli ha offerto una stretta di mano, ma Bryan lo ha intrappolato nella "Yes!" Lock. Più tardi quella stessa sera è stato attaccato dalla Wyatt Family:[51] Bryan si è alleato con CM Punk e insieme hanno sconfitto Luke Harper e Erick Rowan della Wyatt Family alle Survivor Series,[52] ma l'intera Wyatt Family ha sconfitto Bryan in un handicap match a TLC: Tables, Ladders and Chairs,[53] con Wyatt che ha cercato di reclutare Bryan nelle settimane precedenti.[54] Bryan ha riconosciuto in seguito che il sostegno dei tifosi non era sufficiente per affrontare "la macchina", così si è arreso e si è unito alla Wyatt Family,[55] lottando brevemente con il ring name di Daniel Wyatt negli house show.[56][57]

Nella puntata di Raw del 13 gennaio 2014, dopo che la Wyatt Family lo ha punito per la loro mancanza di successo da quando è entrato nel gruppo, Bryan ha attaccato tutti gli altri membri della Wyatt Family per liberarsi di loro.[58] Alla Royal Rumble, nonostante Bryan abbia perso contro Bray Wyatt in un match singolo per poi non partecipare al Royal Rumble match, il pubblico ha continuato a intonare cori per Bryan durante il Royal Rumble match e il match per il WWE World Heavyweight Championship.[59][60] Il 27 gennaio a Raw, Bryan si è qualificato per l'Elimination Chamber match per il WWE World Heavyweight Championship all'omonimo pay-per-view collaborando con John Cena e Sheamus per sconfiggere lo Shield per squalifica. Nel frattempo, ha anche continuato la sua faida con l'Authority,[61] con Kane che lo ha attaccato in più occasioni, nel tentativo di infortunare Bryan prima del suo Elimination Chamber match.[62][63] A Elimination Chamber, Bryan è sopravvissuto fino ad essere uno degli ultimi due partecipanti all'Elimination Chamber match, ma il campione in carica Randy Orton ha mantenuto il titolo dopo che Kane interferito contro Bryan.[64] Il 10 marzo Raw, Bryan e molteplici fan hanno occupato il ring rifiutandosi di andarsene, con un conseguente irato Triple H che ha accettato la richiesta di Bryan per un match a WrestleMania XXX con la clausola che, se Bryan avesse vinto, sarebbe stato inserito nel WWE World Heavyweight Championship match durante l'evento.[65]

A WrestleMania XXX, Bryan ha sconfitto Triple H ed è stato inserito nel match per il titolo, ma Triple H lo ha attaccato al termine del loro match. Nonostante l'infortunio nella storyline e l'interferenza dell'Authority e di un arbitro corrotto, Bryan è prevalso su Batista e il campione Randy Orton nel main event di WrestleMania per vincere il WWE World Heavyweight Championship.[66] L'editorialista del Professional Wrestling Torch, Wade Keller, ha analizzato che il percorso di Bryan verso WrestleMania era dovuto a una serie di fattori: la reazione negativa dei fan nei confronti di Batista e il loro continuativo supporto nei confronti di Bryan nei precedenti sei mesi (anche quando si è unito alla Wyatt Family), così come il legittimo abbandono di CM Punk dalla WWE dopo la Royal Rumble.[67] Sia Bryan che Chris Jericho hanno poi detto l'originale sfidante di Bryan per WrestleMania XXX sarebbe dovuto essere Sheamus.[68][69]

Il Professional Wrestling Torch Newsletter ha scritto: "Nell'avvicinamento a WrestleMania XXX, il programma tra Daniel Bryan e Triple H è stato il più visto di Raw ogni settimana. Uscendo da WrestleMania come nuovo WWE World Heavyweight Champion, Bryan è stato solidificato come un catalizzatore di rating".[70] Questa tendenza è continuata almeno fino al maggio 2014.[71][72] Nella puntata di Raw successiva a WrestleMania, Triple H ha usato la sua autorità per garantirsi un match titolato contro Bryan, che è stato poi attaccato da Orton, Batista e Kane prima del match, che è terminato in no contest quando lo Shield ha interferito per allontanare gli avversari di Bryan.[73] Stephanie McMahon ha incoraggiato Kane a ritornare ad usare la sua maschera; Kane ha obbedito e gli è stato garantito un futuro match titolato contro Bryan, il quale ha subito un brutale attacco che ha portato a un infortunio (kayfabe), usato per dare a Bryan del tempo libero dopo la morte del padre.[74] A Extreme Rules, Bryan ha sconfitto Kane in un Extreme Rules match per mantenere il titolo.[75]

Vari infortuni e ritiro (2014–2016)[modifica | modifica wikitesto]

A un certo punto Bryan ha perso tutta la forza nel suo braccio destro.[76] Questo ha forzato Bryan ad annunciare nella puntata di Raw del 12 maggio che si sarebbe dovuto sottoporre ad un intervento chirurgico al collo. Quella stessa notte, è stato attaccato da Kane e portato via in barella.[77] Il 15 maggio, Bryan ha subito un intervento chirurgico al collo con successo, con una foraminotomia cervicale per decomprimere la radice del nervo.[78] Quando Bryan ha rifiutato di rendere vacante il titolo nella puntata di Raw del 26 maggio, Stephanie McMahon ha minacciato di licenziare la moglie di Bryan, Brie Bella, se Bryan non avesse rinunciato al titolo a Payback.[79] L'ultimatum ha provocato la reazione di Brie, che ha abbandonato la WWE (kayfabe), impedendo a Bryan di rinunciare al titolo.[80] Tuttavia, quando è stato rivelato in seguito che Bryan non sarebbe stato in grado di competere a Money in the Bank per difendere il WWE World Heavyweight Championship, l'Authority lo ha privato del titolo nella puntata di Raw del 9 giugno, terminando il terzo regno di Bryan dopo 64 giorni.[81] A causa dell'infortunio, Bryan è stato tenuto in gran parte lontano dagli show della WWE durante questo periodo.[82][83]

Mesi dopo l'operazione chirurgica al collo, la forza nel braccio destro di Bryan non era ancora tornata:[76][84] diversi medici affermarono che era necessario un secondo intervento chirurgico, mentre altri addittura che non sarebbe più stato in grado di lottare. Era inoltre stato previsto un ulteriore intervento al gomito, ma invece che affrontare l'operazione il wrestler è andato a Denver per sottoporsi a un programma di tecniche di attivazione muscolare, concluso con successo; per preparare il suo ritorno sul ring si è anche allenato nella kickboxing e nel jujitsu.[76]

Bryan è tornato nella puntata di Raw del 24 novembre schernendo l'Authority, che aveva recentemente perso il potere. È stato poi scelto come general manager per l'episodio e per la successiva puntata di SmackDown del 28 novembre; ha inoltre organizzato delle punizioni per coloro che si erano alleati con l'Authority. Oltre ad annunciare un match tra Kane e Ryback per TLC, Bryan ha anche risposto con un "sì!" alla domanda se sarebbe tornato presto.[85][86]

Nella puntata di Raw del 29 dicembre, Bryan ha dichiarato di poter continuare la sua carriera e che avrebbe partecipato all'annuale Royal Rumble match;[87] in un'intervista ha anche detto ai dirigenti che desiderava diventare il "volto di SmackDown" per incrementare l'audience dello show.[88] Bryan è tornato sul ring nella puntata di SmackDown del 15 gennaio 2015, vincendo per squalifica contro Kane a causa dell'interferenza dell'Authority; più tardi nella stessa sera ha vinto un six-man tag team match nel main event.[89] La settimana seguente, nonostante diverse interferenze dell'Authority, Bryan ha di nuovo sconfitto Kane nel main event in un match senza squalifiche per mantenere il suo posto nel Royal Rumble match.[90]

Bryan è entrato nel Royal Rumble match del 2015 con il numero 10, ottenendo un'eliminazione[91] prima di essere a sua volta eliminato da Bray Wyatt nella prima metà del match. Ciò ha portato il pubblico di Philadelphia a intonare ripetutamente il suo nome durante la seconda metà dell'incontro mentre gli altri wrestler che entravano nel match venivano fischiati, incluso Roman Reigns, che avrebbe poi vinto il match.[92][93][94] Nella puntata di SmackDown del 29 gennaio, Bryan ha concluso la sua faida con Kane sconfiggendolo in un casket match.[95] Dopo aver sconfitto Seth Rollins nella puntata di Raw del 2 febbraio,[96] Bryan ha ottenuto un match contro Roman Reigns, il vincitore della Royal Rumble, a Fastlane; il vincitore di tale match avrebbe affrontato Brock Lesnar a WrestleMania 31 in un match per il WWE World Heavyweight Championship, ma Bryan è stato sconfitto.[97]

A causa di un infortunio, Bryan è stato costretto a rinunciare all'Intercontinental Championship che aveva vinto in un ladder match a WrestleMania 31

Dopo Fastlane, Bryan è stato coinvolto nel giro titolato dell'Intercontinental Championship per WrestleMania, dove è stato uno dei diversi wrestler che sono venuti fisicamente in possesso del titolo del campione Bad News Barrett, oltre ad aver sconfitto quest'ultimo in una serie di match non titolati.[98][99] Bryan ha annunciato la sua partecipazione al ladder match per l'Intercontinental Championship a WrestleMania nella puntata di SmackDown del 12 marzo.[100] Dopo che Bryan è stato schienato due volte in una settimana dall'altro partecipante al ladder match, Dolph Ziggler, la Pro Wrestling Torch Newsletter ha affermato che la "WWE ha messo in chiaro dove Bryan si trova dopo aver iniziato a perdere regolarmente ora".[101][102]

Le storyline previste dalla WWE per Bryan sin dal suo ritorno sono state infatti ampiamente criticate: Dave Scherer del Pro Wrestling Insider si è chiesto perché far tornare Bryan per la Rumble se non c'era alcuna intenzione di lasciarlo vincere;[103] Benjamin Tucker di Pro Wrestling Torch ha criticato la WWE per aver "annacquato" il personaggio di Bryan come face in un "subdolo, pugnalatore alle spalle, scadente, aggravante idiota" per la faida con Roman Reigns;[104] Mike Tedesco di WrestleView ha scritto nel mese di marzo che la WWE "ha ucciso Daniel Bryan e Randy Orton negli ultimi due mesi. Bisogna essere davvero un branco di idioti per aver ucciso il loro momentum in quel modo";[105] Jake Barnett del Pro Wrestling Dot Net ha detto che l'aver etichettato Bryan come uno "stronzo" era come "chiedere ai fan di non credere in quello che stavano vedendo con i propri occhi" e che "non farà nulla per calmare i complottisti che insistono col dire che la WWE sta intenzionalmente raffreddando Bryan per far apparire meglio Reigns in confronto";[106] in un pezzo per il Wrestling Observer, Zach Dominello si è detto "sbalordito e scoraggiato" che "dopo il ritorno da un infortunio molto serio, la brillante idea della WWE è stata quella di mettere Bryan in uno dei match più pericolosi possibili a WrestleMania", avendolo per di più "trascinato al livello di R-Truth e Stardust".[107]

Bryan ha vinto il ladder match per l'Intercontinental Championship a WrestleMania 31.[108] Ciò lo ha reso anche uno dei sei wrestler che al loro tempo hanno ottenuto il nuovo "Grand Slam", vincendo ogni titolo attivo nella WWE (eccetto per i titoli esclusivamente femminili),[109] avendo unicamente difeso o combattuto per ogni differente titolo da WrestleMania XXVII alla 31.[110] Nella puntata di Raw successiva a WrestleMania 31, Bryan ha sconfitto Dolph Ziggler nella sua prima difesa titolata.[111] Bryan e Ziggler sono stati attaccati al termine del match da Bad News Barrett, ma sono stati soccorsi dal rientrante Sheamus, che ha però colpito Bryan con un Brogue Kick.[112] Sheamus ha spiegato che "l'era degli underdog [come Bryan] è finita"[113] e ciò ha portato a un match tra i due nella puntata di SmacKDown del 2 aprile, dove Bryan ha perso per countout a causa dell'intervento di Barrett.[114] Durante il match si è accidentalmente procurato un taglio sulla fronte che lo ha fatto sanguinare e che ha richiesto diversi punti di sutura.[115]

Dopo le registrazioni di SmackDown del 14 aprile, la WWE ha rimosso Bryan dagli house show per il resto del tour europeo come "misura precauzionale".[116] La difesa titolata di Bryan in programma il 26 aprile a Extreme Rules contro Bad News Barrett è stata poi cancellata in quanto Bryan "non era medicalmente in grado di competere".[117] Meno di una settimana dopo, la WWE ha smesso di pubblicizzare Bryan da tutti i futuri eventi dal vivo o taping televisivi.[118] Dopo circa un mese senza essere apparso negli show, Bryan è tornato nella puntata di Raw dell'11 maggio: ha tuttavia annunciato di dover eseguire una MRI, che sarebbe stato lontano dal ring per un periodo di tempo indefinito e che avrebbe potuto non lottare mai più; la natura dei suoi infortuni non è stata rivelata e pertanto ha deciso di rinunciare all'Intercontinental Championship.[119] Tuttavia, nel pre-show di Elimination Chamber ha affermato che alla fine sarebbe tornato sul ring.[120] Bryan ha rivelato nel mese di luglio che il suo infortunio riguardava una commozione cerebrale e che stava aspettando che la WWE gli desse il via libera per tornare a lottare.[121] Durante il suo tempo lontano dal ring ha accorciato la sua caratteristica barba e si è tagliato i capelli,[122] che ha donato alla Wigs 4 Kids, un'organizzazione benefica simile a Locks of Love.[123]

Bryan era stato dichiarato idoneo a proseguire la sua carriera nel ring da dei medici esterni alla WWE, inclusi i dottori dell'UCLA, ma la WWE e il suo dottore Joseph Maroon hanno rifiutato di dargli il via libera, con la WWE che ha detto a Bryan che non gli avrebbero dato il via libera.[124] Dopo aver ricevuto un'ulteriore diagnosi che lo ha convinto che il ritiro fosse necessario, l'8 febbraio 2016 ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dal wrestling su Twitter,[125] con la WWE che ha confermato ciò.[13] Bryan è apparso nella puntata di Raw di quella sera per il suo discorso d'addio, esprimendo gratitudine per le felicità che il wrestling gli ha dato,[126][127] con la WWE che ha celebrato la sua carriera durante la puntata.[128] Il giorno seguente ha rivelato a ESPN di aver subito più di dieci documentate commozioni cerebrali durante la sua carriera e che è stato affetto da degli spasmi epilettici che aveva precedentemente tenuto nascosto. Ha aggiunto che le scansioni EEG hanno rivelato una tumefazione e una lesione acuta all'area temporo-occipitale del cervello che ha causato gli spasmi e che ha portato alla sua decisione di ritirarsi.[129]

Personaggio nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Bryan indossa la sua caratteristica "Yes!" t-shirt mentre si rivolge al pubblico
Bryan indossa una roba a WrestleMania XXVIII

Danielson ha trascorso la maggior parte della sua carriera senza crearsi un palese personaggio, diventando popolare con i tifosi grazie ai suoi soprannomi, ai suoi caratteristici modi di fare e alla capacità di lottare. Il suo abbigliamento particolare; per un po' ha anche indossato in Giappone una maschera come prolungamento del suo personaggio da "American Dragon".[130]

Una parte notevole della personalità di Danielson sono i suoi modi di fare e la reazione che ispira nella folla durante i suoi match; essi includono:

  • Durante i suoi trascorsi nella Ring of Honor usava come musica d'ingresso The Final Countdown. Una volta sul ring, saliva sul turnbuckle per cantare il ritornello insieme ai tifosi presenti.
  • Dopo aver vinto il ROH World Championship, Danielson divenne heel, comportandosi in modo più aggressivo e minaccioso con i tifosi, oltre a prendersi più libertà con le regole. Nonostante il suo personaggio incurante delle regole, conservava ancora un certo livello di popolarità con i tifosi, così come il suo rispetto del "Code of Honor" sulla condotta come wrestler, che gli permetteva di esibirsi quasi da personaggio neutrale.[131]
  • Durante il suo periodo da heel era solito applicava una presa di sottomissione mentre l'avversario teneva una parte del proprio corpo sulle corde: ciò portava l'arbitro ad un conteggio di cinque (non lasciando la presa dall'avversario al cinque il wrestler viene squalificato) ma appena l'arbitro stava per squalificare Danielson, quest'ultimo lasciava la presa dicendo all'arbitro: "I have 'till five!" ("Ho tempo fino al cinque!").[132]
  • Durante l'inizio del suo regno come ROH World Champion raccomandava al ring announcer di lasciargli fare promo in cui parlava delle proprie competenze in quelle circostanze e riguardo al suo match, generalmente insultando il pubblico o l'avversario.[133]
  • All'inizio dei match di Danielson nella ROH la folla intonava: "You're gonna get your fucking head kicked in!" ("La tua fottuta testa sta per essere presa a calci!") contro l'avversario di Danielson.[134]
  • Dopo aver vinto il World Heavyweight Championship della WWE, Bryan iniziò a urlare "Yes!" più volte durante il suo ingresso sul ring e dopo aver sconfitto un avversario. Danielson ha accreditato il combattente di arti marziali miste Diego Sanchez come ispiratore di tale usanza.[135][136] Questo coro è cresciuto in popolarità ed è stato sentito anche al di fuori eventi WWE; in partite di Major League Baseball, National Hockey League e National Basketball Association,[137][138][139] e anche a concerti di musica.[140] Dopo essere diventato heel all'inizio del 2012, Bryan ha voltato le spalle ai fan e dopo WrestleMania XXVIII ha iniziato a urlare "No!" invece di "Yes!". Bryan ha affermato che i fan lo stavano prendendo in giro urlando "Yes!" insieme a lui, quindi ha deciso di urlare "No!" come risposta; questo non ha fatto altro che incoraggiare il pubblico a urlare "Yes!" per infastidirlo, in quanto era un "cattivo". Dopo essere tornato face, Bryan ha ricominciato a urlare "Yes!", ma ha continuato a urlare "No!" quando si trovava in una situazione negativa o per mostrare disdegno verso una critica, che includeva anche la partecipazione del pubblico.
  • I coro "Yes!" di Bryan sono entrati nella cultura di massa nella fine del 2013 e l'inizio del 2014, venendo spesso utilizzati durante manifestazioni sportive, a tal punto che ciò ha portato la WWE a separare Bryan dalla Wyatt Family. Sulla scia della vittoria del titolo di Bryan a WrestleMania XXX, i Pittsburgh Pirates hanno iniziato ad usare il coro "Yes!" come grido di battaglia.[141]
  • In diverse occasioni, come ad esempio durante gli Slammy Award del 2013, i fan hanno dirottato con successo i segmenti in cui Bryan non era coinvolto o coinvolto secondariamente, con il suo coro "Yes!". Nel caso degli Slammy Award, il pubblico ha intonato il coro "Yes!" costringendo John Cena ad andare fuori dal copione e riconoscere Bryan (soprattutto perché lo show si svolgeva a Seattle), nonostante il segmento avrebbe dovuto riguardare l'imminente match di unificazione tra Cena e Randy Orton.
  • Danielson, che al tempo era vegano nella sua vita reale, aveva incorporato lo stile di vita vegano nel suo personaggio heel per suscitare heat dalla folla.[142][143]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Danielson è apparso nel documentario Wrestling Road Diaries, che è stato filmato nel 2009 prima che firmasse con la WWE.[144] Danielson è un fan della musica indie rock e ha registrato un singolo con Kimya Dawson per un tributo alla leggenda del wrestling "Captain" Lou Albano.

La relazione di Danielson con la moglie, la WWE Diva Brie Bella, è stata regolarmente menzionata nel reality show della, Total Divas, su E! Network.[145] Il loro matrimonio è stato mostrato in un episodio.

Nel giugno 2015, Danielson è diventato uno dei tre giudici della sesta stagione di Tough Enough, insieme a Hulk Hogan (successivamente sostituito da The Miz) e Paige.[146]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Danielson è per lo più di origine inglese, con alcuni antenati di origine scozzese-irlandese e olandese. Danielson ha citato una serie di wrestler che hanno influenzato il suo stile: Toshiaki Kawada, Mitsuharu Misawa e William Regal.[147] Ha anche dichiarato di essersi ispirato a Dean Malenko e Chris Benoit nella sua carriera, aggiungendo degli elementi di Jūjutsu per creare il proprio stile.[148] Nel 2009, Danielson si è trasferito a Las Vegas, nel Nevada, dove ha iniziato la formazione in arti marziali miste nella palestra Xtreme Couture di Randy Couture.[149] Era anche coinquilino con il capo allenatore di prese della Xtreme Couture, Neil Melanson.

Durante il suo regno come ROH World Champion, la ROH ha nominato Danielson il capo allenatore della ROH Wrestling Academy, in sostituzione di Austin Aries.[150] Ha rinunciato alla sua posizione per Delirious nel 2007.[151]

Danielson è diventato un vegano nel 2009, dopo aver ottenuto elevati enzimi epatici e diverse infezioni da stafilococco.[152][153] Nel 2012, a Danielson è stato assegnato il Libby award dalla PETA per essere l'atleta "più amichevole agli animali".[154] In onore di Danielson, il sindaco Micah Cawley di Yakima, Washington ha dichiarato il 13 gennaio come "Daniel Bryan Day".[155] Nel settembre 2012, Danielson ha rivelato che non era più un vegano a causa della sua incapacità di trovare cibo vegano mentre viaggiava per la WWE.[156] Ha poi dichiarato di aver sviluppato un'intolleranza al soia e di non trovare abbastanza cibo vegano a base di non-soia, ma di conservare una dieta prevalentemente vegetariana. Ha anche affermato di soffrire di vitiligine.

Danielson ha affermato di essersi classificato ultimo (con l'1%) per ambizione in un test della personalità che la WWE gli ha dato. In risposta ha detto: "Non ho l'ambizione di ciò che la società dice che è importante per quanto riguarda le cose come i soldi e tutto quel genere di cose. Quello a cui ambisco è essere il miglior wrestler possibile".[157]

Nell'ottobre del 2012 è stata avviata una campagna sui social media nel tentativo di aiutare Connor Michalek ad incontrare il suo eroe, Daniel Bryan. Michalek aveva sei anni a quel tempo e soffriva di medulloblastoma, cancro del cervello e della colonna vertebrale.[158] La campagna ha avuto successo quando Danielson ha incontrato il suo fan Michalek al Consol Energy Center nel dicembre del 2012,[159] e nuovamente nell'ottobre 2013.[160] Michalek è stato fonte di ispirazione per Danielson a causa del "modo in cui ha affrontato la vita e la gioia che aveva" senza mai lamentarsi. Michalek, che era a bordo ring a WrestleMania XXX, è stata la prima persona che Danielson abbracciato dopo aver vinto il titolo.[161]

L'11 aprile 2014, Danielson ha sposato la collega Brianna Garcia (Brie Bella), dopo quasi tre anni di fidanzamento.[162][163][164]

Il 21 aprile 2014, la WWE ha annunciato la morte del padre di Danielson. Danielson ha insistito sull'essere a Raw quella notte, come previsto, ma è tornato a casa subito dopo il suo segmento.[165]

Danielson ha descritto le sue vittorie a WrestleMania XXX e il suo matrimonio poco dopo come i punti più alti della sua vita professionale e personale. Ma nel giro di due mesi ha poi vissuto dei punti bassi personali – con la morte di suo padre e di Connor Michalek – seguiti da un punto basso professionale – un intervento chirurgico.[161]

Nel luglio del 2014, la casa di Danielson a Phoenix, in Arizona è stata forzata da due ladri. Danielson era tornato a casa proprio in quel momento; è riuscito ad inseguire e a sottomettere uno dei ladri con una rear naked choke fino all'arrivo della polizia.[166] Sulla base di informazioni raccolte dal ladro catturato, la polizia ha fermato altre tre persone circa due settimane dopo che sono stati coinvolti in furti in tutta Arcadia e Phoenix.[167]

Durante un'intervista nel 2014, Danielson ha affermato che non può nuotare o andare in profondità nell'acqua a causa di un timpano rotto che ha sofferto in un imprecisato match della Ring of Honor nel 2007 contro KENTA. Danielson non ha mai sistemato il timpano rotto e ha sostenuto che ha ancora problemi di udito all'orecchio sinistro.[168]

È tifoso della squadra inglese di calcio della Premier League, l'Everton.[169] È anche un accanito sostenitore dei Seattle Seahawks e dei San Francisco Giants.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Bryan applica la "Yes!" Lock su Ted DiBiase Jr.
Danielson applica la Cattle Mutilation su Chris Hero
Bryan esegue degli shoot kick sul petto di Triple H
Bryan mentre esegue un surfboard su Dean Ambrose

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "The American Dolphin"
  • "The American Dragon"
  • "The Beard"
  • "The Best Wrestler in the World"
  • "The Dagger"
  • "The Dazzler"
  • "DB"
  • "D-Bry"
  • "G.O.A.T." (Greatest Of All Time)
  • "King of Beards"
  • "The Master of the Small Package"
  • "Mr. Money in the Bank"
  • "Mr. Small Package"
  • "The Submission Specialist"
  • "The World's Toughest Vegan"
  • "The "Yes!"/"No!" Man"

Wrestler allenati[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Bryan con il WWE World Heavyweight Championship, che ha vinto per un totale di tre volte
Bryan con il World Heavyweight Championship, il cui unico regno è durato 105 giorni
Danielson con il ROH World Championsship, il cui regno da campione di 462 giorni è quello con il maggior numero di difese titolate con 38 (a pari merito con Nigel McGuinness)
Bryan con l'Intercontinental Championship, la cui vittoria gli ha permesso di completare il Triple Crown Championship e il Grand Slam Championship della WWE
Lo United States Championship è stato il primo titolo vinto da Bryan nella WWE
Durante il tag team con Kane ha avuto un regno con il WWE Tag Team Championship
  • All Star Wrestling
    • ASW World Heavy Middleweight Championship (1)
  • Connecticut Wrestling Entertainment
    • CTWE Heavyweight Championship (1)
  • EVOLVE
    • Match of the Year (2010) vs. Munenori Sawa l'11 settembre
  • Mid-South Wrestling
    • MSW Junior Heavyweight Championship (1)
  • NWA Mid-South
    • NWA Southern Junior Heavyweight Championship (1)
  • Pro Wrestling Report
    • Independent Wrestler of the Year (2006)
    • Tag Team of the Year (2012)
  • SoCal Uncensored
    • Match of the Year (2007) vs. El Generico il 29 luglio in Pro Wrestling Guerrilla
  • Texas Wrestling Alliance
    • TWA Tag Team Championship (1) – con Spanky
  • World Series Wrestling
    • WSW Heavyweight Champioship (1)
  • Wrestling Observer Newsletter
    • Best Technical Wrestler (2005–2013)
    • Best Pro Wrestling Book (2015) Yes!: My Improbable Journey to the Main Event of WrestleMania con Craig Tello
    • Match of the Year (2007) vs. Takeshi Morishima a ROH Manhattan Mayhem II il 25 agosto
    • Most Outstanding Wrestler (2006–2010)
  • Altri riconoscimenti
    • PETA Libby Award per Most Animal Friendly Athlete (2012)[171]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Daniel Bryan profile, Online World of Wrestling, 26 marzo 2009.
  2. ^ James Caldwell, WWE News: Bryan Danielson gets a name change?, su Pro Wrestling Torch, 12 gennaio 2010. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  3. ^ a b c d John M. Milner e Jason Clevett, Bryan Danielson, su Slam! Sports, Canadian Online Explorer, 20 febbraio 2010.
  4. ^ John M. Milner e Jason Clevett, Bryan Danielson, su Slam! Sports, Canadian Online Explorer, 20 febbraio 2010.
  5. ^ Filmato audio(EN) 1065TheEndCharlotte, 1065 The End gets a visit from Kane & Daniel Bryan, su YouTube, 16 settembre 2013. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  6. ^ (EN) Daniel Bryan Height, su celebheights.com, CelebHeights.com. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  7. ^ (EN) How Tall Is Daniel Bryan?, su pwpix.net, PWPIX.net, 4 dicembre 2015. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  8. ^ a b c Daniel Bryan bio, WWE, 15 giugno 2012.
  9. ^ a b Daniel Bryan profiles, Online World of Wrestling, 26 marzo 2009.
  10. ^ a b c d Arda Ocal, Incredible' support from fans has WWE superstar Daniel Bryan primed for Extreme Rules (Page 2), The Baltimore Sun, 29 aprile 2012. URL consultato il 27 aprile 2012.
  11. ^ John M. Milner e Jason Clevett, Bryan Danielson, su Slam! Sports, Canadian Online Explorer. URL consultato il 20 febbraio 2010.
  12. ^ The LilsBoys, Interview with William Regal, WrestleView, 1º marzo 2006. URL consultato il 18 luglio 2009.
  13. ^ a b c (EN) WWE.com Staff, Daniel Bryan announces retirement, su wwe.com, WWE, 8 febbraio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  14. ^ Bryan Danielson, Dragon Gate USA, 25 luglio 2009.
  15. ^ (EN) Josh Nason, Daniel Bryan to announce his retirement on Raw tonight, su f4wonline.com, Wrestling Observer Newsletter, 8 febbraio 2016. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  16. ^ (EN) WWE star Daniel Bryan is retiring after receiving 'a lot of concussions', su bbc.co.uk, BBC, 9 febbraio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  17. ^ How Daniel Bryan Became Wrestlemania's Hottest Star - Rolling Stone, Rolling Stone.
  18. ^ Bryan Danielson: The American Dragon, Rohwrestling.com. URL consultato il 12 novembre 2012.
  19. ^ WWE/ROH: A Tremendous DVD Tribute to Bryan Danielson: The American Dragon, Bleacherreport.com, 17 giugno 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  20. ^ Update on Bryan Danielson's Injuries, Pwinsider.com, 26 dicembre 2006. URL consultato il 12 novembre 2012.
  21. ^ Daniel Bryan released, WWE.com, 11 giugno 2010. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  22. ^ Daniel Bryan Released: The Breakdown Of What To Believe, Wrestlezone.com, 13 giugno 2010. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  23. ^ Shocker: President Cena Signs Bryan Danielson, Bostonwrestling.com, 20 giugno 2010. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  24. ^ Bryan Danielson: Why I Still Believe His 'Release' From WWE Is an Angle, Bleacherreport.com, 18 giugno 2010. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  25. ^ Michael Cupach, CUPACH'S WWE SMACKDOWN BLOG 5/24: Thoughts on Shield's latest six-man tag victory, two title matches, more, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 9 giugno 2013.
  26. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 5/27 (Hour 2): Ongoing "virtual-time" coverage of live Memorial Day Raw - Tag Title match, HBK cameo, bizarre App Poll, pwtorch.com.
  27. ^ Michael Cupach, CUPACH'S WWE SMACKDOWN BLOG 5/31: Thoughts on Shield vs. D-Bryan collision course, Sandow the Carny, plus Mike's Reax, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 9 giugno 2013.
  28. ^ Greg Parks, PARKS' WWE SMACKDOWN REPORT 6/7: Ongoing "virtual time" coverage of Friday show, including Randy Orton, Kane, Daniel Bryan on Miz TV setting up the TV main event, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 9 giugno 2013.
  29. ^ EXCLUSIVE: Former WCW Champ offers praise for Daniel Bryan, which former WWE Champ does Bryan remind him of?, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 15 giugno 2013.
    «WWE star Daniel Bryan continues to receive praise from his peers and veterans in the wrestling business... Diamond Dallas Page offered his viewpoint on Bryan's current hot run and compared Bryan to former WWE champion Eddie Guerrero... that son-of-a-b---- was as big and bad and electric and more over than anyone out there».
  30. ^ WWE NEWS: D-Bryan gets very strong endorsement during Raw, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 15 giugno 2013.
    «"I may be the best in the world at what I do, but @WWEDanielBryan is the best performer in the entire business right now. #muchrespect," Jericho tweeted».
  31. ^ TUCKER ON RAW 6/3: DVR Guide & Instant Reaction to the Daniel Bryan & Friends Show, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 15 giugno 2013.
    «Bryan has become the number one reason to watch WWE television. His performances tonight out-shined every single member of the roster by a mile. He showed incredible range in his moveset and an un-matched connection with the crowd... ... he was the true, unquestionable star of tonight's broadcast».
  32. ^ Shore's WWE Smackdown Hitlist: Smackdown is Daniel Bryan, Ryback kills Kofi Kingston, Damien Sandow and Sheamus goof around, Curtis Axel is still uninspiring, su Pro Wrestling Dot Net. URL consultato il 15 giugno 2013.
    «Holy crap! Daniel Bryan's explosion of offense at the end of the show was crazy hot... ... Either way they go, Daniel Bryan is going to be very, very successful if he can keep that level of crowd response going».
  33. ^ WWE NEWS: Significant Smackdown SPOILER for Friday's episode (w/Analysis of potential fall-out scenarios), su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 15 giugno 2013.
  34. ^ Dale Plummer, Smackdown!: The Shield handed their first loss heading into Payback, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 15 giugno 2013.
  35. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE PAYBACK PPV RESULTS 6/16 (Hour 3): Cena vs. Ryback main event, Tag Title match, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 21 giugno 2013.
  36. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 6/17 (Hour 2): Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw - Orton vs. Bryan, A.J. Lee-Stephanie McMahon promo exchange, U.S. Title match, pwtorch.com.
  37. ^ Gene Guillot, WWE's Daniel Bryan healthy and excited to return to New Orleans, The Times-Picayune. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  38. ^ PARKS' WWE SMACKDOWN REPORT 6/21: Complete coverage of Friday night show, including Bryan vs. Orton main event, pwtorch.com.
  39. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 6/24 (Hour 3): Punk in singles action, MITB match participants announced, Bryan vs. Orton main event represents major career moment for Bryan, pwtorch.com.
  40. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/8 (Hour 1): Bryan vs. Sheamus tears it up, The Shield in tag action, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 3 agosto 2013.
  41. ^ Michael Cupach, CUPACH'S WWE SMACKDOWN BLOG 7/12: Thoughts on last week's Smackdown including Motivated Orton, Corny Ziggler, Streaking Bryan, Vickie kicked out, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 3 agosto 2013.
  42. ^ CALDWELL'S WWE MITB PPV RESULTS 7/14 (Hour 3): Ongoing "virtual-time" coverage of live PPV – Cena vs. Henry, MITB All-Stars, pwtorch.com.
  43. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/15 (Hour 3): Punk-Heyman epic promo exchange, Jericho vs. RVD, Cena picks his Summerslam PPV opponent, pwtorch.com.
  44. ^ CALDWELL ON RAW: "What?!" to "Yes!" - Is D-Bryan vs. McMahon the new Stone Cold vs. McMahon?, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 3 agosto 2013.
  45. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/22 (Hour 3): Bryan wrestles three times, including epic battle vs. Cesaro, Punk-Heyman confrontation, RVD in action, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 3 agosto 2013.
  46. ^ CALDWELL'S WWE SSLAM PPV RESULTS 8/18 (Hour 3): Cena vs. Bryan WWE Title main event, did Orton cash in?, pwtorch.com.
  47. ^ WWE NEWS: New WWE champion at Night of Champions, but for how long?, plus Heyman's new associate, title match results, TNA stars spotlighted, more, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 17 settembre 2013.
  48. ^ RAW NEWS: Bryan stripped of WWE Title & title held up, Dusty returns & gets KO'ed, locker room revolt, Ryback/Heyman, new #1 contenders, more post-PPV developments, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 17 settembre 2013.
  49. ^ BATTLEGROUND PPV RESULTS 10/6 (Hour 3): WWE Title match, power outage situation, Punk vs. Ryback, pwtorch.com.
  50. ^ Jon Waldman, Hell in a Cell: The usual suspects end up on top, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 1º novembre 2013.
  51. ^ Matthew Asher, Raw: Fallout from Hell in the Cell is very intriguing, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 14 novembre 2013.
  52. ^ James Caldwell, WWE S. Series PPV results 11/24 (Hour 3): Orton vs. Big Show main event, Bryan & Punk, PPV-closing face-off, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 27 novembre 2013.
  53. ^ Nolan Howell, TLC: Randy Orton crowned new WWE World Heavyweight Champion, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  54. ^ Benjamin Tucker, Tucker on Raw 12/2: DVR Guide & Instant Reaction to TLC main event hype & meaningless segments, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  55. ^ James Caldwell, Caldwell's WWE Raw results 12/30: Complete "virtual-time" coverage of live 2013 finale - Bryan gives up and gives in, Brock Lesnar returns, Shield shows cracks, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  56. ^ James Caldwell, WWE News: Introducing Daniel Wyatt (w/Pics), su Pro Wrestling Torch, 6 gennaio 2014. URL consultato il 4 gennaio 2014.
    «Bryan debuted in a Wyatt Family-style get-up and was introduced as Daniel Wyatt».
  57. ^ Dave Meltzer, Notes on Daniel Bryan's new WWE character, su Wrestling Observer Newsletter, 8 gennaio 2014. URL consultato il 5 gennaio 2014.
    «He was introduced as Daniel Wyatt».
  58. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 1/13: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Big show-closing angle involving Daniel Bryan, Hall of Fame, Rumble hype, more, su Pro Wrestling Torch. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  59. ^ Dale Plummer e Nick Tylwalk, Upset fans overshadow Batista's big win at uneven 2014 Royal Rumble, su SLAM! Sports: Wrestling, Canadian Online Explorer. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  60. ^ Josh Folck, WWE Royal Rumble: Pittsburgh fans voice displeasure about main events, su The Express-Times, Lehigh Valley. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  61. ^ Nick Tylwalk, Raw: The Yes Movement keeps rolling in Cleveland, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 25 febbraio 2014.
  62. ^ Matthew Asher, Raw: Is there a new "Face" of the WWE?, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 13 marzo 2014.
  63. ^ Nick Tylwalk, Raw: Cesaro, Cena shine in Mile High showdown, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 13 marzo 2014.
  64. ^ Matthew Asher, Wyatts win, Batista bombs and Randy retains at the Elimination Chamber, su SLAM! Wrestling. URL consultato il 25 febbraio 2014.
  65. ^ Nick Tylwalk, Raw: Yes, the WrestleMania card gets a big twist, SLAM! Wrestling. URL consultato il 13 marzo 2014.
  66. ^ WrestleMania 30 results, WWE. URL consultato il 7 aprile 2014.
  67. ^ Saturday's ask PWTorch staff: Has WWE celebrated two separate 50 year anniversaries? Is Bryan's main event WM30 an "I told you so" moment for Triple H? Was Vince upset at Punk sitting with Dana White? Why do babyfaces win at house shows?, pwtorch.com.
  68. ^ Interview: WWE’s Daniel Bryan Talks James Hetfield, Vince McMahon, Triple H & Brock Lesnar, Alternative Nation, 13 gennaio 2015. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  69. ^ WWE star Chris Jericho on Vince McMahon rejecting the idea of tattooing C.M. Punk as part of an angle, says Brian Gewirtz is near genius, why he didn't work WrestleMania 30, su prowrestling.net. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  70. ^ Raw TV quarter-hour ratings – Daniel Bryan draws big numbers post-Mania, plus very detailed report on the other segments that boosted Raw, su PWTorch.com. URL consultato il Marzo 2015.
  71. ^ Raw quarter-hour TV ratings – Daniel Bryan, Jackman, other segments give Raw a boost this week, su PWTorch.com. URL consultato il 19 marzo 2015.
  72. ^ Raw TV quarter-hour ratings – details on Daniel Bryan retaining top position, how other segments fared, su PWTorch.com. URL consultato il 19 marzo 2015.
  73. ^ James Caldwell, Caldwell's WWE Raw results 4/7: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – WM30 fall-out, WWE Title match teaser, Bryan's first night as champ, Warrior, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato l'8 aprile 2014.
  74. ^ James Caldwell, Caldwell's WWE Raw result 4/21: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – Return of the Champ leads to injury angle, IC Title #1 contender tourney continues, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 6 maggio 2014.
  75. ^ Ryan Murphy, WWE World Heavyweight Champion Daniel Bryan def. Kane (Extreme Rules Match), WWE, 4 maggio 2014.
  76. ^ a b c Gene Guillot, WWE's Daniel Bryan healthy and excited to return to New Orleans, The Times-Picayune, 7 gennaio 2015. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  77. ^ Bryan's injury, Prowrestling.com, 12 maggio 2014.
  78. ^ Daniel Bryan undergoes successful neck surgery, WWE. URL consultato il 15 maggio 2014.
  79. ^ WWE Raw: no resolution on world title situation, Wrestling Observer. URL consultato il 29 maggio 2014.
  80. ^ Daniel Bryan Refuses To Surrender The WWE World Heavyweight Title At Payback, WWE. URL consultato il 2 giugno 2014.
  81. ^ Anthony Benigno, The Authority stripped Daniel Bryan of the WWE World Heavyweight Championship, WWE. URL consultato il 9 giugno 2014.
  82. ^ James Caldwell, WWE news: News Reports - Daniel Bryan stops home invasion, su PWTorch.com. URL consultato il 18 settembre 2014.
  83. ^ James Caldwell, Report: The Daniel Bryan Effect - How Bryan's injury absence has affected Raw TV ratings since Extreme Rules, plus comparison to post-Mania Season in past years, su PWTorch.com. URL consultato il 18 settembre 2014.
  84. ^ James Caldwell, Caldwell's WWE MITB PPV report 6/29 (Pre-Show): Daniel Bryan returns, addresses health & potential return, su PWTorch.com. URL consultato il 31 dicembre 2014.
  85. ^ Rob McCarron, WWE Raw TV report: Daniel Bryan returns to run the show, Wrestling Observer. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  86. ^ Dale Plummer, Smackdown!: The New Day dawns on Friday night, Slam! Wrestling. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  87. ^ WWE news: Daniel Bryan makes announcement on Raw, su PWTorch.com, 29 dicembre 2014. URL consultato il 30 dicembre 2014.
  88. ^ James Caldwell, Report: "Main Event Guy" Daniel Bryan - will 2015 be different than how 2014 ended?, what has mgmt. said about top-rope diving headbutt?, when Bryan was cleared, ideas for Smackdown, more, su PWTorch.com. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  89. ^ Sumit Rehal, WWE Smackdown Results: Daniel Bryan returns to the ring to battle The Authority as Seth Rollins calls out champion Brock Lesnar, su The Independent. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  90. ^ Sumit Rehal, WWE Smackdown Results: Daniel Bryan defeats Kane in a No Disqualification match as Ryback and Dolph Ziggler return to action ahead of the Royal Rumble, su The Independent. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  91. ^ James Caldwell, Royal Rumble PPV Report 1/25: Complete "virtual-time" coverage of Lesnar vs. Cena vs. Rollins for WWE Title, Royal Rumble, post-PPV Network show, su PWTorch.com. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  92. ^ Rock's role, crowd response to Rumble winner, Bully Ray returns & other surprise entrants, more, su PWTorch.com. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  93. ^ Nick Schwartz, Daniel Bryan was eliminated early from the Royal Rumble and fans are furious, USA Today. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  94. ^ WWE Royal Rumble 2015: Live coverage, results, photos, reaction & more, The Plain Dealer. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  95. ^ Dale Plummer, Smackdown!: Daniel Bryan and Kane fight over a casket on a live Smackdown!, Slam! Wrestling. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  96. ^ Daniel Bryan def. Seth Rollins, su WWE.com, WWE, 2 febbraio 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  97. ^ John Clapp, Roman Reigns def. Daniel Bryan, WWE. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  98. ^ Rob McCarron, WWE Raw TV Report: Undertaker's response, Brock Lesnar stands there, Cena vs Rusev official, su f4wonline.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  99. ^ Dale Plummer, Smackdown!: It's all about the Intercontinental Title, su Canoe.ca. URL consultato il 13 marzo 2015.
  100. ^ Greg Parks, WWE SmackDown report 3/12: Ongoing "virtual time" coverage of Thursday show, including a six-man tag match featuring Wrestlemania I.C. Title match participants, su PWTorch.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  101. ^ James Caldwell, WWE Raw results 3/23, su PWTorch.com. URL consultato il 24 marzo 2015.
  102. ^ Dale Plummer, Smackdown!: Seth Rollins, J & J Security can't keep the Viper out of the building, su Canoe.ca. URL consultato il 24 marzo 2015.
  103. ^ Dave Scherer, How and why everything went so badly wrong for WWE last night at the Rumble, su PWInsider.com. URL consultato il 14 marzo 2015.
  104. ^ Benjamin Tucker, Raw Instant Reaction 2/16: WWE's morally bankrupt roster collides with final Fast Lane PPV hype, su PWTorch.com. URL consultato il 14 marzo 2015.
  105. ^ Mike Tedesco, 3/9 Raw: WWE has a lot of work to do, su wrestleview.com. URL consultato il 14 marzo 2015.
  106. ^ Jake Barnett, WWE Smackdown Hit List: Daniel Bryan is apparently a turd, Roman Reigns is bailed out by Mark Henry, and The Divas are still waiting for a chance..., su prowrestling.net. URL consultato il 15 marzo 2015.
  107. ^ Zack Dominello, On WWE: Daniel Bryan, the IC title, the Network and the changing face of wrestling, su f4wonline.com. URL consultato il 14 marzo 2015.
  108. ^ James Wortman, Daniel Bryan won the Intercontinental Championship Ladder Match, WWE. URL consultato il 29 marzo 2015.
  109. ^ 6 Superstars who have won every active title: Photos, WWE. URL consultato il 4 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2015).
  110. ^ The new Grand Slam winners: The six Superstars who have won every active championship: Daniel Bryan, WWE. URL consultato il 10 agosto 2015.
  111. ^ Nick Tylwalk, Raw: Lesnar runs wild, as does the crowd, su Canoe.ca. URL consultato il 25 aprile 2015.
  112. ^ Sheamus returns with a surprise assault on Dolph Ziggler and Daniel Bryan: Raw, March 30, 2015 (3:18), su WWE.com, 30 marzo 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  113. ^ Sheamus discusses his new attitude and why the era of underdogs is over: April 22, 2015, su youtube.com, WWE, 22 aprile 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  114. ^ Sheamus def. Daniel Bryan by Count-out, su WWE.com, WWE, 2 aprile 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  115. ^ Daniel Bryan gets stitches: SmackDown Fallout - April 02, 2015 (1:22), su WWE.com, 2 aprile 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  116. ^ Mike Johnson, Top star removed from WWE European tour, su pwinsider.com. URL consultato il 28 aprile 2015.
  117. ^ James Caldwell, Big change to Extreme Rules line-up - Daniel Bryan is off, Bryan's opponent shifted to pre-show match, su PWTorch.com. URL consultato il 28 aprile 2015.
  118. ^ Daniel Bryan pulled from lineups, su prowrestling.net. URL consultato il 29 aprile 2015.
  119. ^ James Caldwell, WWE Raw results 5/11: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - final Payback PPV hype, D-Bryan announces future, Triple H returns, more developments, su PWTorch.com. URL consultato il 12 maggio 2015.
  120. ^ WWE Elimination Chamber 2015 results, su WWE.com. URL consultato il 1º giugno 2015.
  121. ^ Daniel Bryan confirms he has been dealing with a concussion, says he will wrestle somewhere even if WWE doesn't clear him, su prowrestling.net. URL consultato il 24 luglio 2015.
  122. ^ (EN) PWMania.com Staff, Daniel Bryan Trims His Beard (Photo), WWE NXT Talent Makes In-Ring Debut, Cameron Red Carpet Video, su pwmania.com, PWMania, 7 febbraio 2016. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  123. ^ (EN) Bill Pritchard, Wigs 4 Kids Has Gratitude For Daniel Bryan, How Bryan Got Involved With Charity, su wrestlezone.com, Wrestlezone, 9 febbraio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  124. ^ (EN) Daniel Bryan cleared by doctors but yet by WWE, su wrestlingnewsspost.com, Wrestlingnewspost, 27 gennaio 2016. URL consultato il 27 gennaio 2016.
  125. ^ (EN) Twitter/@WWEDanielBryan: Due to medical reasons, effective immediately, I am announcing my retirement. Tonight on Raw, I'll have a chance to elaborate. #gratitude, su twitter.com, Twitter, 8 febbraio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  126. ^ (EN) Anthony Benigno, Daniel Bryan announced his retirement, su wwe.com, WWE, 8 febbraio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  127. ^ WWE, Daniel Bryan si ritira: il discorso d'addio e l'emozionante tributo all'American Dragon, su ibtimes.com, Ibtimes, 9 febbraio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  128. ^ (EN) Daniel Bryan's Greatest Moments, su wwe.com, WWE, 8 febbraio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  129. ^ (EN) Daniel Bryan on concussions: You have a responsibility to yourself, su espn.go.com, ESPN, 9 febbraio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  130. ^ Dragon Mask (JPG), Online World of Wrestling, 9 giugno 2009.
  131. ^ Jason Detrick, ROH News: Spoiler-free preview of ROH's Driven PPV, Pro Wrestling Torch, 21 settembre 2007. URL consultato l'8 luglio 2009.
  132. ^ Keith Lipinski, Ring of Honor, worldwrestlinginsanity.com, 10 giugno 2009.
  133. ^ Favorite Bryan Danielson intro, 411 Mania, 15 settembre 2007. URL consultato il 14 luglio 2009.
  134. ^ Sean Radican, Radican's ROH Respect Is Earned Report 7/20: ongoing "virtual time" coverage of PPV, Pro Wrestling Torch, 20 luglio 2007. URL consultato il 14 luglio 2009.
  135. ^ James Caldwell, Video – Bryan reveals "Yes!" inspiration, Nigel would have been bigger WWE star?, Pro Wrestling Torch, 30 marzo 2012. URL consultato il 3 aprile 2011.
  136. ^ Tom Breihan, Video – Daniel Bryan on Wrestlemania, His History with the WWE, and Being a Vegan Pro fWrestler, GQ, 11 aprile 2012. URL consultato il 12 aprile 2011.
  137. ^ Tom Brethan, Daniel Bryan on Wrestlemania, His History with the WWE, and Being a Vegan Pro Wrestler, GQ, 11 aprile 2012.
  138. ^ Arda Ocal, 'Incredible' support from fans has WWE superstar Daniel Bryan primed for Extreme Rules (Page 1), The Baltimore Sun, 27 aprile 2012. URL consultato il 29 aprile 2012.
  139. ^ Mike Johnson, THE DANIEL BRYAN LOVE CONTINUES, Pro Wrestling Insider, 3 aprile 2012. URL consultato il 5 aprile 2012.
  140. ^ Jonathan Geddes, Andrew WK, the Garage, Glasgow, The Herald, 16 aprile 2012. URL consultato il 25 aprile 2012.
  141. ^ Daniel Bryan’s ‘Yes’ Chant Has Invaded Major League Baseball, extramustard.si.com, 16 aprile 2014.
  142. ^ James Caldwell, WWE News: D-Bryan interview – stiff match vs. Sheamus at WM28?, reaction to playing heel vegan, health issues discovered pre-WWE, more, Pro Wrestling Torch, 21 marzo 2012. URL consultato il 6 aprile 2012.
  143. ^ Doug Nunnally, The World's Most Humble Man: An Interview With WWE Superstar Daniel Bryan, su RVA Magazine, 7 giugno 2013. URL consultato il 7 giugno 2013.
  144. ^ Wrestling Road Diaries DVD Trailer, WrestleView. URL consultato l'8 ottobre 2013.
  145. ^ Total Divas Brie Bella and WWE Superstar Daniel Bryan Get Engaged – See the Ring!, E! Network.
  146. ^ Hulk Hogan, Chris Jericho, Paige and Daniel Bryan headline new season of WWE Tough Enough, su WWE.com, 7 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2015.
  147. ^ American Dragon Bryan Danielson interview, members.tripod.com, 10 giugno 2009.
  148. ^ Bryan Alvarez, 2007 Bryan Danielson interview, Figure 4 Weekly, 21 giugno 2009.
  149. ^ Arda Ocal, 'Incredible' support from fans has WWE superstar Daniel Bryan primed for Extreme Rules (Page 2), The Baltimore Sun, 29 aprile 2012.
  150. ^ ROH Wrestling, ROH Wrestling, 10 giugno 2012.
  151. ^ Delirious head trainer, Ring of Honor, 10 giugno 2009. (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2008).
  152. ^ Vegan WWE Superstar Daniel Bryan, Peta, 1º aprile 2011. URL consultato il 23 giugno 2011.
  153. ^ AOW 68: Daniel Bryan « Art Of Wrestling, Tsmradio.com, 9 novembre 2011. URL consultato il 10 giugno 2012.
  154. ^ Bryan tops pro athletes for PETA award, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 19 gennaio 2012.
  155. ^ peta2 names Bryan "Most Animal-Friendly Athlete", WWE.
    «Last Friday, Mayor Micah Cawley of Yakima, Wash., declared Jan. 13 “Daniel Bryan Day” in honor of The Submission Specialist, who hails from nearby Aberdeen, Wash.».
  156. ^ Adam Martin, Daniel Bryan on no longer being vegan, Jerry Lawler, WrestleView, 15 settembre 2012. URL consultato il 15 settembre 2012.
  157. ^ Mike Mazzarone, Interview: WWE’s Daniel Bryan Talks James Hetfield, Vince McMahon, Triple H & Brock Lesnar, alternativenation.net. URL consultato il 27 febbraio 2015.
  158. ^ Online effort to help 6-year-old fighting brain cancer meet WWE star succeeds, WXPI. URL consultato il 19 marzo 2015.
  159. ^ Carly Noel, Pittsburgh boy battling cancer meets hero, WWE star Daniel Bryan, WXPI. URL consultato il 19 marzo 2015.
  160. ^ Video: Local boy fighting cancer reunited with WWE star, WXPI. URL consultato il 19 marzo 2015.
  161. ^ a b Nathan Ryan, WWE superstar Daniel Bryan opens up on winning the championship and losing loved ones, Fox Sports, 19 marzo 2015.
  162. ^ Doug Nunnally, The World's Most Humble Man: An Interview With WWE Superstar Daniel Bryan, RVA Magazine. URL consultato il 7 giugno 2013.
  163. ^ Kamala Kirk, Total Divas’ Brie Bella and WWE Superstar Daniel Bryan Are Married – See the Wedding Pics!, E! Online. URL consultato il 12 aprile 2014.
  164. ^ WWE newswire: Bryan & Brie wedding details, who attended?; Ultimate Warrior Saturday updates, Batista DVD cover art, su PWTorch.com. URL consultato il 26 luglio 2014.
  165. ^ Daniel Bryan's father passes away, WWE Official Website, 21 aprile 2014. URL consultato il 22 aprile 2014.
  166. ^ WWE Superstar Daniel Bryan apprehends burglar with rear naked chokehold, The Independent, 26 luglio 2014. URL consultato il 31 dicembre 2014.
  167. ^ Yes! Former WWE champ catches suspected burglar, leads to more arrests, KSAZ-TV. URL consultato il 1º gennaio 2015.
  168. ^ Triple H, Daniel Bryan, Cesaro and Seth Rollins on WWE’s signing of Kenta, WWE Official Website, 17 luglio 2014. URL consultato il 21 luglio 2014.
  169. ^ WWE superstar Daniel Bryan reveals which EPL club he supports, Fox Sports, 23 gennaio 2011. URL consultato il 24 gennaio 2014.
  170. ^ a b c d e f g h i j k l m n Daniel Bryan, Cagematch.de. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  171. ^ Bryan Honored by PETA - Wrestling Inc.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Daniel Bryan e Craig Tello, Yes!: My Improbable Journey to the Main Event of WrestleMania, Ebury Press, 2015, ISBN 1785030434.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN220632892