Orlando Jordan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orlando Jordan
Orlando Jordan nel 2005
Orlando Jordan nel 2005
Nome Orlando Mason Jordan
Ring name Orlando Jordan
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Richmond
21 aprile 1971 (45 anni)
Residenza Miami
Altezza dichiarata 193 cm
Peso dichiarato 117 kg
Allenatore Rocky Johnson
Debutto 1999
Ritiro 2015
Progetto Wrestling

Orlando Jordan (Richmond, 21 aprile 1974) è un ex wrestler statunitense.

In passato ha lottato per la World Wrestling Entertainment (WWE), dove ha vinto lo United States Championship, oltre che per la Total Nonstop Action Wrestling (TNA) e nel circuito indipendente.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Jordan ha fatto il suo debutto nella World Wrestling Entertainment (WWE) durante la puntata di Velocity del 31 maggio 2003, quando ha sconfitto Jamie Noble. Ha fatto la sua prima apparizione a SmackDownǃ nella puntata del 26 giugno 2003, quando ha perso un match contro John Cena. Dopo due anni di anonimato come face, Jordan è diventato heel e si è alleato a John Bradshaw Layfield (JBL) facendo parte del Cabinet, un gruppo capitanato dallo stesso JBL e formato anche dal tag team The Basham Brothers (Doug e Danny Basham), tag team meglio e dalla Diva Amy Weber. Nella puntata di SmackDownǃ del 3 marzo 2005, grazie all'aiuto degli altri membri del Cabinet, Jordan ha conquistato lo United States Championship contro John Cena, che però avrebbe sconfitto poche settimane dopo lo stesso JBL per il WWE Championship.

Dopo aver difeso il titolo in show televisivi come Velocity, SmackDownǃ e ai pay-per-view Judgment Day e The Great American Bash, rispettivamente contro Heidenreich e Chris Benoit, il regno come campione di Jordan si è concluso dopo 173 giorni il 21 agosto a SummerSlam, dove è stato poi sconfitto dallo stesso Benoit in venticinque secondi; per altre quattro volte è stato sconfitto da Benoit in match durati meno di un minuto.

In seguito si intromise nella faida per lo United States Championship fra Benoit e Booker T: quando quest'ultimo si infortunò e necessitava di un sostituto per il "Best of Seven Series" che stava vincendo 3-1, Jordan si fece avanti, ma fu deriso da Booker T e sua moglie Sharmell. Fu quindi Randy Orton a sostituire Booker T per il resto dei match. Jordan rinnovò la sua richiesta prima del sesto match, con la serie a 3-2, ma per la seconda volta fu deriso. Decise quindi di intervenire durante il match colpendo Benoit, in modo da farlo vincere per squalifica. Anche la settimana dopo, durante l'ultimo match della serie, arrivò sul ring per impedire a Orton di vincere il match, ma stavolta non ci riuscì e la serie andò quindi a Booker T. Jordan è stato poi una delle tante vittime di The Boogeyman, essendo stato sconfitto da quest'ultimo durante la puntata di SmackDown! del 17 febbraio 2006, per poi essere licenziato dalla WWE il 26 maggio 2006.

Jordan ha lottato per diverse federazioni del circuito indipendente, tra cui l'italiana Nu-Wrestling Evolution (NWE). Il 19 aprile 2008, durante la tappa di Barcellona del tour spagnolo realizzato dalla NWE, Jordan ha conquistato l'NWE World Heavyweight Championship per forfait del campione Romeo Roselli. Ha tuttavia perso il titolo qualche settimana dopo contro il ritornante The Ultimate Warrior, che però lo rese subito vacante.

Jordan ha fatto il suo debutto nella Total Nonstop Action Wrestling (TNA) nella puntata di Impactǃ del 4 gennaio 2010 con un segmento nel backstage insieme a D'Angelo Dinero. Il suo match d'esordio lo ha visto battuto dallo stesso Dinero, che Jordan ha poi sconfitto nella rivincita a causa di un infortunio al ginocchio dell'avversario. Nel 2010 ha platealmente dichiarato in TV la propria bisessualità.[1] Il 16 maggio a Sacrifice ha lottato contro Rob Terry per il Global Championship, ma è stato sconfitto e ha attaccato Terry al termine del match. Dopo essersi alleato con Eric Young, Jordan è stato licenziato dalla TNA l'11 luglio 2011 e ha lottato altri due match nel circuito indipendente, annunciando il suo ritiro il 31 marzo 2015.

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wrestler dichiara bisessualità sul ring - Video Repubblica - la Repubblica.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]