SummerSlam (2005)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SummerSlam (2005)
SummerSlam2005.JPG
Una fase del match tra Hulk Hogan e Shawn Michaels
TaglineHogan vs. Michaels: For the First Time Ever.
Colonna sonoraRemedy dei Seether
Get It Poppin' di Fat Joe feat. Nelly
Prodotto daWWE
BrandRaw
SmackDown!
SponsorTHQ
Data21 agosto 2005
SedeMCI Center
CittàWashington, D.C.
Spettatori15.700
Cronologia pay-per-view
The Great American Bash (2005)SummerSlam (2005)Unforgiven (2005)
Progetto Wrestling

SummerSlam (2005) è stata la diciottesima edizione dell'omonimo pay-per-view prodotto dalla WWE. L'evento si è svolto il 21 agosto 2005 all'MCI Center di Washington, D.C.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 4 aprile, Shawn Michaels venne attaccato da Muhammad Hassan e Daivari. La settimana successiva, a Raw, Michaels pretese dal general manager Eric Bischoff un 2-on-1 Handicap match contro Hassan e Daivari, ma Bischoff negò la richiesta dicendo a Michaels che se si fosse trovato un compagno, gli avrebbe garantito un Tag Team match contro Hassan e Daivari per Backlash. HBK cercò dunque di convincere Hulk Hogan a ritornare sul ring per fare coppia con lui contro Hassan e Daivari. Nella puntata di Raw del 18 aprile, Hogan si presentò per salvare Michaels dall'attacco di Hassan e Daivari accettando così la richiesta di HBK per Backlash. Il 1º maggio, a Backlash, Hogan e Michaels sconfissero Hassan e Daivari in un Tag Team match. Successivamente, Hogan non apparì più in WWE fino alla puntata di Raw del 4 luglio, dove fu ospite del Carlito's Cabana dell'allora Intercontinental Champion Carlito. Durante il Carlito's Cabana, Carlito e Kurt Angle fecero dei commenti non proprio positivi riguardanti la figlia di Hogan (Brooke Hogan) e attaccarono l'Hulkster. Michaels intervenne, poi, per salvare Hogan e fu annunciato un immediato Tag Team match tra Hogan e HBK contro Carlito e Angle, in cui i primi due trionfarono. Al termine del match, Michaels effettuò un turn heel colpendo Hogan con una Sweet Chin Music. La settimana successiva, a Raw, Michaels sfidò Hogan in un match per SummerSlam e quest'ultimo accettò.

Nella puntata di SmackDown del 30 giugno, il World Heavyweight Champion Batista passò dal roster di Raw a quello di SmackDown per effetto dell'annuale Draft e portò dunque con sé il World Heavyweight Championship rendendolo un'esclusiva di SmackDown, dato che in precedenza il WWE Champion John Cena passò a Raw. La sera stessa, John "Bradshaw" Layfield sconfisse Booker T, Christian, Chris Benoit, Muhammad Hassan e The Undertaker in un Six-man Elimination match per diventare il primo sfidante al World Heavyweight Championship di Batista per The Great American Bash. Il 24 luglio, a The Great American Bash, JBL sconfisse Batista per squalifica dopo che quest'ultimo lo colpì con una sedia d'acciaio, ma dato ciò non conquistò il titolo. Di conseguenza, il general manager Theodore Long concesse a JBL un rematch contro Batista per il World Heavyweight Championship per SummerSlam. Nella puntata di SmackDown del 4 agosto, Batista lasciò a JBL la possibilità di scegliere la stipulazione speciale per il loro match di SummerSlam e quest'ultimo scelse un No Holds Barred match.

Il 26 giugno, a Vengeance, John Cena sconfisse Chris Jericho e Christian in un Triple Threat match per mantenere il WWE Championship. Dopo che Cena difese il titolo, il general manager Eric Bischoff, il quale non riteneva Cena un campione meritevole, scelse Jericho come primo sfidante al WWE Championship di Cena. Venne dunque annunciato che Cena avrebbe difeso il WWE Championship contro Jericho a SummerSlam.

Il 22 maggio, a Judgment Day, Rey Mysterio sconfisse Eddie Guerrero per squalifica. Nella puntata di SmackDown del 30 giugno la rivalità tra i due continuò quando Guerrero minacciò di rivelare il segreto di Mysterio riguardo suo figlio Dominick. Un match tra Guerrero e Mysterio fu dunque sancito per The Great American Bash e se Mysterio avesse vinto Guerrero non avrebbe rivelato il segreto; in caso contrario, ossia se Guerrero avesse vinto, egli avrebbe rivelato il segreto. Il 24 luglio, a The Great American Bash, Mysterio sconfisse Guerrero e il segreto non fu dunque svelato. Tuttavia, nella seguente puntata di SmackDown, Eddie rivelò comunque il segreto dicendo che in realtà Rey non era il padre di Dominick, bensì il vero padre era proprio lui stesso (kayfabe). Mysterio negò il tutto e, data la situazione, fu annunciato un Ladder match tra i due per SummerSlam con in palio la completa custodia di Dominick (storyline).

Il 3 aprile, a WrestleMania 21, The Undertaker sconfisse Randy Orton (al tempo appartenente al roster di Raw) per mantenere intatta la sua Streak. Nella puntata di SmackDown del 16 giugno, Orton passò al roster di SmackDown per effetto dell'annuale Draft andando, così, a riaprire la rivalità con il Deadman. Venne dunque annunciato che Orton e The Undertaker si sarebbero affrontati a SummerSlam.

Nella puntata di Raw dell'11 luglio, Matt Hardy, all'epoca non ancora sotto contratto con la WWE, fece un'apparizione a sorpresa interferendo in un match tra Edge e Kane. La settimana successiva, mentre Edge e Lita si stavano avviando verso il ring, Hardy attaccò Edge. Nella puntata di Raw del 1º agosto, il Chairman della WWE Vince McMahon annunciò il ritorno ufficiale di Hardy nella federazione e sancì dunque un match tra Edge e Hardy per SummerSlam (la WWE sfruttò la precedente relazione che Hardy e Lita, ora fidanzata di Edge, ebbero per diversi anni nella vita reale per trasformare tutto ciò in una storyline tra i tre).

Evento[modifica | modifica wikitesto]

Match preliminari[modifica | modifica wikitesto]

Prima della messa in onda dell'evento, Chris Masters sconfisse The Hurricane in un match registrato a Sunday Night Heat.

Il primo match dell'evento fu quello valevole per lo United States Championship tra il campione Orlando Jordan e Chris Benoit. Il match iniziò con una presa collar-and-elbow tra i due. Benoit portò Jordan verso l'angolo del ring e, mentre l'arbitro stava cercando di dividerli, Jordan colpì Benoit con un pugno in faccia. Benoit contrattaccò, poi, una clothesline di Jordan con un german suplex. Benoit intrappolò Jordan nella Crippler Crossface forzandolo alla sottomissione per vincere la contesa e il titolo in appena 25 secondi di match.

Il match successivo fu tra Edge, accompagnato da Lita, e Matt Hardy. Il match iniziò all'esterno del ring, con Hardy che si portò in vantaggio su Edge. Dopo ripetuti pugni, Hardy applicò una rear naked choke ai danni di Edge. Edge si liberò con pugni e testate colpendo, poi, Hardy con una Spear fuori dal ring. Dopo essere stati per un breve tempo a terra, Edge si rialzò e riportò Hardy all'interno del quadrato. Hardy attaccò Edge con diversi pugni all'angolo, ma nell'intento di liberarsi, Edge spinse Hardy contro un paletto del ring causandogli l'apertura di una vistosa ferita sulla testa. Edge attaccò ripetutamente un Hardy sanguinante, finché quest'ultimo non fu più in grado di proseguire. Dato ciò, l'arbitro fermò il match dichiarando Edge come vincitore per KO tecnico.

Il terzo match fu il Ladder match valevole per la custodia di Dominick tra Eddie Guerrero e Rey Mysterio. Dopo aver lanciato Mysterio contro dei gradoni d'acciaio, Guerrero iniziò a salire sulla scala. Mysterio effettuò uno springboard dropkick contro la scala per far cadere Guerrero. Mysterio colpì, poi, Guerrero con un dropkick facendo collidere la faccia di quest'ultimo contro una scala. Guerrero si riportò in vantaggio effettuando una Powerbomb da una scala ai danni di Mysterio per poi colpirlo con un Hilo attraverso due scale. Entrambi iniziarono la scalata e Mysterio effettuò un back body drop su Guerrero facendolo cadere dalla cima della scala. Guerrero si riprese e colpì Mysterio con un Alley Oop, il quale fece impattare Rey contro una scala posizionata in bilico sulla terza corda del ring. Mentre Guerrero iniziò la scalata, Dominick interferì e provò a buttarlo giù dalla scala. Guerrero se ne accorse e scese dalla scala per attaccare Dominick, ma Mysterio sventò il tutto colpendo Eddie con una 619, seguita da un West Coast Pop, con l'ausilio della scala. Dopodiché, sia Eddie che Rey provarono ad impossessarsi della valigetta contenente il contratto della custodia di Dominick, ma si ostacolarono a vicenda. Guerrero effettuò i Three Amigos attraverso una scala ai danni di Mysterio ed incominciò la scalata, ma fu interrotto da sua moglie Vickie Guerrero, la quale si presentò sul ring e lo spinse giù dalla scala. Di conseguenza, Mysterio salì sulla scala e si impossessò della valigetta per vincere il match.

Il match che seguì fu quello tra Kurt Angle e Eugene (con Christy Hemme) valevole per la medaglia d'oro olimpica di Angle. L'Olympic Hero si portò immediatamente in vantaggio colpendo Eugene con delle ripetute clothesline. Eugene contrattaccò con una spinebuster e provò a colpire Angle con un People's Elbow, ma quest'ultimo lo bloccò stendendolo con una clothesline. Eugene si riprese ed effettuò una Rock Bottom ai danni di Angle. Eugene colpì, poi, Angle con una Stone Cold Stunner e lo intrappolò nella Ankle Lock (mossa caratteristica di Angle). Angle riuscì ad uscire dalla presa di sottomissione e atterrò Eugene con una Angle Slam. Successivamente, Angle applicò la sua Ankle Lock su Eugene costringendolo a cedere per vincere il match e mantenere la sua medaglia d'oro.

Il quinto match fu tra The Undertaker e Randy Orton. The Undertaker controllò l'inizio del match dopo aver effettuato una flying clothesline ai danni Orton per poi attaccarlo con ripetuti colpi all'angolo. Orton riuscì a spezzare il vantaggio di The Undertaker colpendolo con un big boot per poi focalizzarsi sul ginocchio sinistro del Deadman. The Undertaker si liberò buttando Orton fuori dal ring e lo colpì, poi, con un leg drop sull'apron ring. The Undertaker effettuò una Old School e una Reverse STO su Orton. The Undertaker effettuò, poi, uno Snake Eyes su Orton, ma quest'ultimo evitò il big boot del Deadman colpendolo con un dropkick in corsa. The Undertaker contrattaccò un tentativo di RKO con un Tombstone Piledriver, ma Orton contrattaccò a sua volta effettuando un inverted backbreaker. Orton cercò di atterrare The Undertaker con un crossbody dalla terza corda, ma quest'ultimo contrattaccò atterrando Orton con una chokeslam. Nel finale, un fan presente fra il pubblico interferì all'interno del ring per distrarre The Undertaker permettendo, così, a Orton di effettuare una RKO ai danni del Deadman per vincere il match. Il cosiddetto "fan" si rivelò, poi, essere "Cowboy" Bob Orton, il padre di Randy.

Match principali[modifica | modifica wikitesto]

Il match successivo fu quello valevole per il WWE Championship tra il campione John Cena e Chris Jericho. Il match iniziò con Jericho che si portò in vantaggio colpendo Cena con un dropkick e con un superplex dalla terza corda del ring. Cena reagì effettuando un back body drop ai danni di Jericho, ma mancò un leaping shoulder block. Jericho colpì, dunque, Cena con un one-handed bulldog, ma mancò il seguente Lionsault. Jericho evitò, poi, un tentativo di F-U da parte di Cena e cercò di intrappolarlo nella Walls of Jericho, ma Cena si liberò buttando Jericho fuori dal ring. Cena effettuò un diving leg drop su Jericho per poi tentare una F-U, ma Jericho contrattaccò con una DDT. Jericho colpì, così, Cena prima con un pendulum backbreaker e poi con delle continue gomitate alla schiena. Cena contrattaccò effettuando una spin-out powerbomb su Jericho e provò, in seguito, a colpirlo con un Five-Knuckle Shuffle, ma Jericho bloccò l'attacco e applicò la Walls of Jericho sul campione, da cui poi lo stesso Cena riuscì ad evadere. Successivamente, Jericho effettuò un belly to back suplex dalla terza corda del ring ai danni di Cena. Nel finale, Cena contrattaccò un attacco di Jericho e lo atterrò con la F-U per vincere il match e mantenere il WWE Championship.

Il settimo match fu il No Holds Barred match valevole per il World Heavyweight Championship tra il campione Batista e John "Bradshaw" Layfield. Mentre Batista stava per fare la sua entrata, JBL lo attaccò ed i due iniziarono a scontrarsi sulla rampa dello stage utilizzando diversi oggetti contundenti. In seguito, Batista effettuò una Spear ai danni di JBL attraverso una barricata di sicurezza, posta all'esterno del ring. Successivamente, JBL si riprese e lanciò Batista contro il paletto del ring per poi atterrarlo con una clothesline. JBL strangolò, poi, Batista con una cintura di cuoio, ma quest'ultimo riuscì a liberarsi colpendo JBL con un belly to belly suplex. Batista iniziò, così, ad attaccare JBL con la medesima cintura di cuoio. JBL contrattaccò effettuando una Clothesline from Hell ai danni di Batista e lo schienò, ma ottenne solamente un conto di due. JBL portò, in seguito, dei gradoni d'acciaio all'interno del ring, con i quali cercò di colpire Batista, ma il campione contrattaccò con un back body drop su JBL. Nel finale, Batista effettuò una Spinebuster e due Batista Bomb, di cui la seconda sopra i gradoni d'acciaio, per vincere il match e mantenere il World Heavyweight Championship.

Il main event della serata fu l'atteso incontro che vide contrapposti Shawn Michaels e Hulk Hogan. Questa fu la prima partecipazione di Hogan a SummerSlam sin dall'edizione del 1991. Durante l'ingresso di Hogan sul ring, un'enorme bandiera statunitense fu srotolata dall'alto dell'arena. Hogan eseguì una scoop slam scaraventando Michaels sul tavolo dei commentatori. Michaels si liberò da un secondo tentativo e buttò Hogan contro il paletto del ring per due volte. Michaels continuò a colpire Hulk alla testa con dei pugni e poi lo imprigionò nella sleeper hold per farlo addormentare. Hogan reagì liberandosi con un belly to back suplex, ma fallì nell'avvantaggiarsi in quanto Michaels lo colpì con un flying forearm smash. Michaels allora fallì un diving elbow drop, e Hogan contrattaccò debolmente. Michaels effettuò un altro flying forearm smash e tentò di far cedere per dolore l'avversario imprigionandolo nella Sharpshooter. Hogan riuscì a liberarsi afferrando una corda del ring e poi spinse Michaels contro l'arbitro. Quindi, Michaels colpì Hogan con un low-blow e poi con una sedia d'acciaio. Giunti a questo punto del match, Michaels tentò di eseguire la propria mossa finale Sweet Chin Music riuscendo a sorprendere Hogan con essa e successivamente tentò lo schienamento. Hogan uscì però dal conteggio al 2. Poi, colpì Michaels con un big boot e di seguito con un leg drop e vinse il match schienando l'avversario.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Brand Incontri[1] Stipulazioni Durata
Heat Raw Chris Masters ha sconfitto The Hurricane (con Rosey e Super Stacy) Single match 01:56
1 SmackDown! Chris Benoit ha sconfitto Orlando Jordan (c) per sottomissione Single match per il WWE United States Championship 00:25
2 Raw Edge (con Lita) ha sconfitto Matt Hardy per KO tecnico Single match 04:50
3 SmackDown! Rey Mysterio ha sconfitto Eddie Guerrero Ladder match per la custodia di Dominick 20:19
4 Raw Kurt Angle ha sconfitto Eugene (con Christy Hemme) per sottomissione Single match per la medaglia d'oro olimpica di Kurt Angle 04:31
5 SmackDown! Randy Orton ha sconfitto The Undertaker Single match 17:17
6 Raw John Cena (c) ha sconfitto Chris Jericho Single match per il WWE Championship 14:49
7 SmackDown! Batista (c) ha sconfitto John "Bradshaw" Layfield No Holds Barred match per il World Heavyweight Championship 09:05
8 Raw Hulk Hogan ha sconfitto Shawn Michaels Single match 21:24

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SummerSlam 2005 Results, WWE. URL consultato il 19 aprile 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling