Royal Rumble (2006)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Royal Rumble (2006)
Colonna sonora Royal Rumble di Jim Johnston
Prodotto da WWE
Brand Raw
SmackDown!
Sponsor The Con
Data 29 gennaio 2006
Sede American Airlines Arena
Città Miami, Florida
Spettatori 16.178
Cronologia pay-per-view
New Year's Revolution (2006) Royal Rumble (2006) No Way Out (2006)
Progetto Wrestling

Royal Rumble (2006) è stata la diciannovesima edizione dell'omonimo pay-per-view prodotto dalla World Wrestling Entertainment (WWE), svoltasi il 29 gennaio 2006 all'American Airlines Arena di Miami (Florida).

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

A New Year's Revolution, John Cena difese con successo il WWE Championship in un Elimination Chamber match ma Edge, a fine incontro, sfruttò il contratto del Money in the Bank che vinse a WrestleMania 21 per attaccare Cena e conquistare così il WWE Championship per la prima volta. La sera successiva, a Raw, Edge e Lita tennero una Live Sex Celebration (fare sesso dal vivo) per appunto festeggiare la conquista del titolo da parte della Rated-R Superstar. La celebrazione, però, venne interrotta da Cena, che colpì Lita con una FU e invocò la sua clausola di rivincita per un rematch titolato da sfruttare alla Royal Rumble.

Durante un live event di SmackDown! tenutosi ad inizio gennaio, Batista difese il World Heavyweight Championship contro Mark Henry in uno Steel Cage match, ma al termine dell'incontro The Animal rimediò un serio (legit) infortunio al tricipite. Nella puntata di SmackDown! del 13 gennaio, Batista fu costretto così a rendere vacante il titolo dei pesi massimi, che venne messo in palio la sera stessa in una 20-Man Battle Royal. Kurt Angle (appartenente al roster di Raw) vinse la contesa eliminando per ultimo Mark Henry, vincendo il titolo vacante. Data la vittoria del World Heavyweight Championship, Angle venne trasferito nel roster di SmackDown! ed iniziò una faida proprio con Henry. La settimana successiva, a SmackDown!, Henry sconfisse Rey Mysterio per diventare il primo sfidante al titolo di Angle alla Royal Rumble.

Match di qualificazione per il Royal Rumble match[modifica | modifica wikitesto]

Durante il mese di gennaio si sono disputati alcuni incontri di qualificazione al Royal Rumble match.

Match Data Roster
Chavo Guerrero ha sconfitto Rob Conway 9 gennaio 2006 Raw
Shelton Benjamin ha sconfitto Val Venis 9 gennaio 2006 Raw
Kane ha sconfitto Gene Snitsky 9 gennaio 2006 Raw
Sylvan ha sconfitto Scotty 2 Hotty 15 gennaio 2006 SmackDown!
Trevor Murdoch ha sconfitto Antonio Thomas 16 gennaio 2006 Raw
Viscera ha sconfitto Gregory Helms, Lance Cade e Tyson Tomko 23 gennaio 2006 Raw
Jonathan Coachman ha sconfitto Jerry "The King" Lawler 23 gennaio 2006 Raw
The Mexicools (Psicosis e Super Crazy) hanno sconfitto The Dicks (Chad Dick e James Dick) e The Full Blooded Italians (Nunzio e Vito) 24 gennaio 2006 SmackDown!

Evento[modifica | modifica wikitesto]

Prima della messa in onda dell'evento, Finlay sconfisse Brian Kendrick a Sunday Night Heat.

Match preliminari[modifica | modifica wikitesto]

Il primo match dell'evento fu il Cruiserweight Open valevole per il WWE Cruiserweight Championship tra il campione Kid Kash e gli sfidanti Funaki, Gregory Helms, Jamie Noble, Nunzio e Paul London. Durante il match, London si lanciò con uno shooting star press dalla terza corda atterrando, così, su tutti gli altri partecipanti che si trovavano all'esterno del ring. In seguito, Helms eseguì una flying neckbreaker su London. Più avanti, Kash colpì London con la Dead Level e lo schienò, ma Nunzio e Funaki interruppero lo schienamento. Mentre Noble stava applicando una dragon sleeper su Funaki, Helms tentò di eseguire lo Shining Wizard su Noble, però quest'ultimo schivò la manovra. Nel finale, Helms gettò Noble all'esterno del ring per poi colpire Funaki con lo Shining Wizard. Helms schienò poi Funaki per vincere il match e conquistare il titolo.

Il match successivo fu tra Ashley Massaro e Mickie James con la WWE Women's Champion Trish Stratus nel ruolo di arbitro speciale. Durante le fasi iniziali del match, Ashley attaccò ripetutamente il braccio sinistro di Mickie. Dopo che Ashley continuò a colpire Mickie all'angolo, Trish separò le due premettendo, così, a Mickie di portarsi in vantaggio su Ashley. Nel finale, Ashley ebbe una piccola reazione, ma Mickie eseguì su di lei una powerbomb e la schienò per vincere il match.

Il terzo match fu tra The Boogeyman e John "Bradshaw" Layfield (con Jillian Hall). Durante il match, JBL tentò di eseguire la Clothesline from Hell su The Boogeyman, ma quest'ultimo schivò la manovra per poi lanciare JBL contro un paletto di sostegno del ring. The Boogeyman eseguì poi la Pumphandle Slam su JBL e lo schienò per vincere il match.

Match principali[modifica | modifica wikitesto]

Il match seguente fu il Royal Rumble match. Il match iniziò con Triple H e Rey Mysterio, i quali entrarono rispettivamente per primo e per secondo. Dopo un batti e ribatti, Mysterio tentò di eseguire la 619 su Triple H, ma The Game schivò la manovra per poi colpire Mysterio con una clothesline. Dopo la sua entrata, Simon Dean (numero #3) cercò di allearsi con Triple H, però quest'ultimo lo colpì per poi consentire a Mysterio di eseguire su di lui una seated senton. Triple H e Mysterio eliminarono poi Dean dal match. Dopo che Mysterio eseguì una bronco buster su Triple H, Psicosis (numero #4) entrò sul ring e colpì prima Triple H con uno spinning heel kick e poi Mysterio con un sit-out facebuster. Psicosis tentò poi di eliminare Mysterio con una powerbomb, ma Mysterio contrattaccò ed eliminò Psicosis dopo l'esecuzione di una hurricanrana. Dopo aver eliminato Psicosis, Mysterio subì una spinebuster da parte di Triple H. Successivamente, l'Intercontinental Champion Ric Flair (numero #5) arrivò sul ring ed attaccò immediatamente il suo rivale Triple H con un back body drop. Tuttavia, pochi istanti dopo, Flair venne eliminato dallo stesso Triple H dopo che The Game lo gettò oltre la terza corda con un back body drop. Il seguente entrante fu Big Show (numero #6), che attaccò ripetutamente il suo rivale Triple H per poi colpirlo con una sidewalk slam. Dopo essere entrato, Jonathan Coachman (numero #7) attaccò Big Show, però quest'ultimo contrattaccò e lanciò Coachman oltre la terza corda del ring, eliminandolo subito dal match, per poi eseguire la Chokeslam su Triple H. In seguito, Bobby Lashley (numero #8) si presentò sul ring ed iniziò a dominare Big Show, Triple H e Mysterio, finché non entrò Kane (numero #9). Dopodiché, Kane e Lashley incominciarono ad attaccarsi a vicenda; con Kane che colpì Lashley con un big boot. Tuttavia, Lashley mostrò tutta la sua potenza e colpì Kane con un belly to belly suplex per poi eseguire su di lui la Dominator. Pochi attimi dopo, Sylvan (numero #10) corse sul quadrato ed attaccò Lashley, ma quest'ultimo reagì per poi eliminare velocemente Sylvan dalla contesa. Dopo aver eliminato Sylvain, Lashley subì una Double Chokeslam da parte di Big Show e Kane, i quali lo eliminarono poi dal match. Big Show e Kane iniziarono poi a combattere uno contro l'altro nei pressi delle corde del ring. Approfittando di ciò, Triple H eliminò sia Big Show che Kane in un colpo solo, gettandoli oltre la terza corda. I successivi entranti furono Carlito (numero #11) e Chris Benoit (numero #12). Dopo essere entrati, Carlito eseguì il Backstabber su Mysterio; mentre Benoit eseguì una serie di german suplex su tutti i suoi avversari, presenti all'interno del quadrato, per poi applicare la Crippler Crossface su Carlito. Triple H ruppe la presa di Benoit su Carlito, ma The Game venne poi colpito dal diving headbutt di Benoit. Poco dopo, lo United States Champion Booker T (numero #13) entrò sul ring ed attaccò Benoit per poi tentare di eliminarlo. Tuttavia, Benoit contrattaccò ed eliminò Booker dalla contesa. Dopo l'eliminazione di Booker, il clima cambiò e il ring tornò a popolarsi con le entrate di Joey Mercury (numero #14), Tatanka (numero #15), Johnny Nitro (numero #16), Trevor Murdoch (numero #17), Eugene (numero #18) e Road Warrior Animal (numero #19). Dopo che Animal colpì Triple H con la Powerslam, Rob Van Dam (numero #20) fece il suo ritorno sul ring in seguito ad un grave infortunio al ginocchio, occorso l'anno prima. Van Dam attaccò tutti i partecipanti per poi colpire Triple H con uno spinning heel kick, Benoit con un superkick e Nitro e Mercury con un double dropkick. Van Dam eliminò poi Animal dal match dopo averlo gettato oltre la terza corda con un dropkick. I seguenti entranti furono Orlando Jordan (numero #21) e Chavo Guerrero (numero #22). Dopo essere entrato, Guerrero colpì Nitro con uno standing dropkick per poi eseguire una inverted powerbomb su Mysterio e i Three Amigos su Mercury. Tuttavia, Triple H eliminò Guerrero prima che quest'ultimo potesse eseguire la Frog Splash su Mercury. Successivamente, Matt Hardy (numero #23) arrivò sul quadrato ed eseguì il Side Effect sia su Nitro che su Mercury. Dopo essere stati attaccati da Hardy, Nitro e Mercury eliminarono Tatanka. I successivi entranti furono Super Crazy (numero #24) e Shawn Michaels (numero #25). Dopo essere entrati, Crazy eseguì un diving crossbody sia su Nitro che su Mercury; mentre Michaels eliminò Murdoch dal match. Dopodiché entrarono Chris Masters (numero #26) e Viscera (numero #27). Una volta salito sul ring, Viscera eseguì un samoan drop su Hardy per poi eliminarlo dopo aver contrattaccato un tentativo di Twist of Fate. Dopo l'entrata di Shelton Benjamin (numero #28), Benoit e Mysterio eliminarono rispettivamente Eugene e Crazy. Dopo che Benjamin colpì Triple H con uno spinning heel kick, Goldust (numero #29) entrò sul ring ed attaccò Nitro e Mercury. L'ultimo entrante fu Randy Orton (numero #30), che eliminò Benoit dalla contesa per poi eseguire la RKO su Viscera. Carlito e Masters si allearono poi per eliminare Viscera ma, subito dopo, Carlito voltò le spalle a Masters e lo eliminò. Dopo aver eseguito lo Shattered Dreams su Carlito, Goldust venne eliminato da Van Dam. Dopo che Orton eliminò Jordan, Michaels colpì Triple H con un flying forearm smash. In seguito, Nitro e Mercury tentarono di eseguire la Snapshot su Michaels, però HBK contrattaccò la manovra per poi eliminare entrambi dal match. Dopo che Michaels eliminò Nitro e Mercury, Benjamin colpì HBK con un superkick per poi tentare di eliminarlo, ma Michaels contrattaccò ed eliminò Benjamin dopo l'esecuzione di una Sweet Chin Music sull'apron ring. Pochi istanti dopo, Vince McMahon si presentò sullo stage e distrasse Michaels permettendo, così, a Shane McMahon (non partecipante al match) di eliminarlo. Un furente Michaels ritornò sul ring per attaccare Shane, però Triple H si oppose per poi tentare di colpire HBK con il Pedigree. Michaels rovesciò poi la manovra in un back body drop e colpì Triple H con la Sweet Chin Music. Dato che Shane ne approfittò per fuggire nel backstage, Michaels scese dal ring e lo inseguì. Poco dopo, Van Dam eliminò Carlito dopo l'esecuzione di un mule kick. Rimasero dunque sul ring Triple H, Mysterio, Orton e Van Dam. In seguito, Van Dam colpì Orton con un superkick per poi eseguire con Mysterio un double leg drop su Triple H e il Rolling Thunder su Orton. Van Dam tentò poi di eseguire la Five Star Frog Splash su Orton, ma Triple H lo attaccò all'angolo. Dato ciò, Mysterio tentò di attaccare Triple H per provare ad aiutare Van Dam, però The Game contrattaccò e lanciò Mysterio contro Van Dam, facendo sì che quest'ultimo cadesse all'esterno del ring e venisse eliminato per mano di Rey. Rimasti in tre, Triple H e Orton si accanirono su Mysterio, ma Rey contrattaccò colpendo entrambi con una Double DDT. Mysterio gettò poi Triple H addosso ad Orton dopo l'esecuzione di una headscissor, posizionandoli così sulle corde per poi colpirli con una Double 619. Dopo aver eseguito la doppia 619, Mysterio colpì Orton con una seated senton, però Triple H schivò la manovra aerea e stese Mysterio con una clothesline. Orton tentò poi di eseguire la RKO su Triple H, ma The Game contrattaccò eseguendo una spinebuster su Orton. Dopodiché, Triple H cercò di eliminare Mysterio, però quest'ultimo rovesciò il tutto ed eliminò The Game dal match. Per vendicarsi dell'eliminazione patita, Triple H assalì Mysterio e lo lanciò contro dei gradoni d'acciaio per poi rigettarlo all'interno del ring. Orton tentò dunque di approfittarne per eliminare Mysterio, ma Rey contrattaccò eliminando Orton dopo l'esecuzione di una hurricanrana per vincere il Royal Rumble match. Con questa incredibile vittoria, Mysterio stabilì il record di permanenza sul ring in un unico Royal Rumble match (62 minuti e 12 secondi), superando quello fissato da Chris Benoit due anni prima.

Il quinto match fu quello per il WWE Championship tra il campione Edge (con Lita) e lo sfidante John Cena. Durante le fasi iniziali del match, Cena si portò in vantaggio nei confronti di Edge. In seguito, Edge si rifugiò all'esterno del ring e Cena lo seguì; tuttavia, Edge utilizzò Lita come diversivo per distrarre Cena e colpirlo con una Spear contro dei gradoni d'acciaio. Edge eseguì poi una baseball slide su Cena, mandandolo oltre una barricata di sicurezza, per poi rigettarlo sul ring. Più avanti, Cena riuscì ad interrompere il dominio di Edge dopo aver contrattaccato un tentativo di superplex da parte di quest'ultimo. Cena tentò poi di eseguire un top rope splash su Edge, ma il campione schivò la manovra e si riportò in controllo della contesa. Successivamente, Cena cercò di colpire Edge con la F-U, però Edge contrattaccò per poi tentare la Spear. Cena schivò poi la mossa, facendo schiantare Edge contro un tenditore delle corde, per poi eseguire sul campione una DDT, una clothesline e la Protobomb. Dopo che Cena colpì Edge con il Five Knuckle Shuffle, Lita salì sull'apron ring per distrarre l'arbitro ed attirare l'attenzione di Cena. Edge provò dunque ad approfittarne per colpire Cena, però quest'ultimo si spostò e il campione finì con il colpire Lita, mettendola KO. Nel finale, Cena eseguì la F-U su Edge per poi applicare su di lui la STFU e forzarlo, così, alla resa per vincere il match e conquistare il titolo.

Il main event fu il match per il World Heavyweight Championship tra il campione Kurt Angle e lo sfidante Mark Henry (con Daivari). Durante le fasi iniziali del match, Angle cercò di tenere Henry al tappeto, ma quest'ultimo contrattaccò gettando Angle all'esterno del ring, dove Daivari lo attaccò senza farsi vedere dall'arbitro. In seguito, Henry sfruttò la sua potenza per dominare Angle, finché il campione non applicò la Ankle Lock su Henry. Dopo che Angle eseguì la Angle Slam su Henry, l'Olympic Hero riapplicò la Ankle Lock. Dopo che Daivari distrasse l'arbitro, Henry si liberò dalla presa per poi lanciare Angle contro l'arbitro, il quale finì KO. Dopodiché, con l'arbitro a terra, Angle prese una sedia d'acciaio e la utilizzò per colpire Daivari. Angle tentò poi di colpire anche Henry con la sedia, però quest'ultimo lo bloccò per poi gettarlo al tappeto. Tuttavia, Angle colpì Henry prima con un low-blow e poi per due volte con la sedia. Angle schienò poi Henry, ma il World's Strongest Man si liberò dallo schienamento dopo un conteggio di due. Nel finale, Angle rimosse un cuscinetto protettivo da un tenditore delle corde e, pochi istanti dopo, Henry vi sbatté contro la testa. Dopo che Henry collise contro il tenditore delle corde esposto, Angle lo schienò con un roll-up per vincere il match e mantenere il titolo. Al termine del match, mentre Angle stava festeggiando la sua vittoria, The Undertaker apparì sullo stage a bordo di una carrozza trainata da dei cavalli. Dopo che The Undertaker intimidì Angle, il ring collassò e le corde si staccarono dai rispettivi tenditori andando, così, a chiudere l'evento.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Brand Incontri Stipulazioni Durata
Heat SmackDown! Finlay ha sconfitto Brian Kendrick Single match 02:07
1 SmackDown! Gregory Helms ha sconfitto Kid Kash (c), Funaki, Jamie Noble, Nunzio e Paul London Open Challenge per il WWE Cruiserweight Championship 07:40
2 Raw Mickie James ha sconfitto Ashley Massaro Single match con Trish Stratus come arbitro speciale 07:44
3 SmackDown! The Boogeyman ha sconfitto John "Bradshaw" Layfield (con Jillian Hall) Single match 01:54
4 Interbrand Rey Mysterio (SmackDown!) ha vinto eliminando per ultimo Randy Orton (SmackDown!) 30-Men Royal Rumble match 01:02:12
5 Raw John Cena ha sconfitto Edge (c) (con Lita) per sottomissione Single match per il WWE Championship 14:02
6 SmackDown! Kurt Angle (c) ha sconfitto Mark Henry (con Daivari) Single match per il World Heavyweight Championship 09:29

Entrate ed eliminazioni nel Royal Rumble match[modifica | modifica wikitesto]

     – Wrestler di Raw
     – Wrestler di SmackDown!
# Wrestler Brand Ordine Eliminato da Tempo Eliminazioni
1 Triple H Raw 28 Rey Mysterio 01:00:16 5
2 Rey Mysterio SmackDown! Vincitore 01:02:12 6
3 Simon Dean SmackDown! 1 Rey Mysterio e Triple H 00:45 0
4 Psicosis SmackDown! 2 Rey Mysterio 01:15 0
5 Ric Flair Raw 3 Triple H 01:20 0
6 Big Show Raw 7 Triple H 09:02 2
7 Jonathan Coachman Raw 4 Big Show 00:30 0
8 Bobby Lashley SmackDown! 6 Big Show e Kane 04:17 1
9 Kane Raw 8 Triple H 03:33 1
10 Sylvan SmackDown! 5 Bobby Lashley 00:18 0
11 Carlito Raw 26 Rob Van Dam 38:29 2
12 Chris Benoit SmackDown! 17 Randy Orton 30:31 2
13 Booker T SmackDown! 9 Chris Benoit 00:18 0
14 Joey Mercury SmackDown! 22 Johnny Nitro 29:14 1
15 Tatanka SmackDown! 12 Joey Mercury e Johnny Nitro 14:09 0
16 Johnny Nitro SmackDown! 23 Shawn Michaels 25:45 2
17 Trevor Murdoch Raw 13 Shawn Michaels 13:41 0
18 Eugene Raw 15 Chris Benoit 16:25 0
19 Road Warrior Animal SmackDown! 10 Rob Van Dam 02:49 0
20 Rob Van Dam Raw 27 Rey Mysterio 23:52 4
21 Orlando Jordan SmackDown! 21 Randy Orton 16:09 0
22 Chavo Guerrero Raw 11 Triple H 00:59 0
23 Matt Hardy SmackDown! 14 Viscera 07:42 0
24 Super Crazy SmackDown! 16 Rey Mysterio 07:40 0
25 Shawn Michaels Raw 25 Shane McMahon[1] 12:55 3
26 Chris Masters Raw 19 Carlito 07:01 1
27 Viscera Raw 18 Carlito e Chris Masters 05:20 1
28 Shelton Benjamin Raw 24 Shawn Michaels 06:51 0
29 Goldust Raw 20 Rob Van Dam 03:09 0
30 Randy Orton SmackDown! 29 Rey Mysterio 13:04 2

Record

  • Maggior tempo di permanenza sul ring: Rey Mysterio (01:02:12)
  • Minor tempo di permanenza sul ring: Booker T e Sylvan (00:00:18)
  • Maggior numero di eliminazioni: Rey Mysterio (6)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Rey Mysterio ha stabilito un nuovo record di permanenza sul ring durante il Royal Rumble match di 62 minuti e 12 secondi; superando il precedente record di 61 minuti e 30 secondi che Chris Benoit raggiunse nella Royal Rumble del 2004.
  • Rey Mysterio è diventato il secondo lottatore a vincere la Rumble con il numero 2, il primo fu Vince McMahon che vinse il match nel 1999.
  • Per la prima volta sia il numero 1 (Triple H) che il numero 2 (Rey Mysterio) sono rimasti sul ring per un'ora. HHH e Mysterio sono diventati, rispettivamente, il quarto ed il quinto wrestler a raggiungere i 60 minuti di permanenza nel ring, dopo Ric Flair, Bob Backlund e Chris Benoit. Mysterio è inoltre diventato il terzo wrestler di sempre a resistere per più di 60 minuti, dopo Backlund e Benoit.
  • Shawn Michaels è stato eliminato da Shane McMahon, il quale, però, non era uno dei partecipanti al match.
  • Triple H è entrato, come nella Royal Rumble del 1996, con il numero 1 (al tempo era conosciuto come Hunter Hearst Helmsley).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shane McMahon non era uno dei partecipanti al Royal Rumble match.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling