Voltaire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Voltaire (disambigua).
« Voltaire aveva convinzioni forti, grandi passioni intellettuali, una vasta cultura, una scrittura ironica e scintillante, una straordinaria curiosità per gli avvenimenti del suo tempo e una prodigiosa capacità di raccontare le idee. Fu insomma, anche se la parola può sembrare riduttiva, un giornalista»
(Prefazione di Sergio Romano al Trattato sulla tolleranza, RCS MediaGroup, 2010)
Voltaire ritratto da Maurice Quentin de La Tour (1737-1740 circa)

Voltaire, (pron. /vɔl'tɛ:ʀ/), pseudonimo di François-Marie Arouet (/fʀɑ̃'swa ma'ʀi a'ʀwɛ/; Parigi, 21 novembre 1694Parigi, 30 maggio 1778), è stato un filosofo, drammaturgo, storico, scrittore, poeta, aforista, enciclopedista, autore di fiabe, romanziere e saggista francese.

Firma di Voltaire

Il nome di Voltaire è indissolubilmente legato al movimento culturale dell'Illuminismo, di cui fu uno degli animatori e degli esponenti principali, insieme a Montesquieu, Locke, Rousseau, Diderot, d'Alembert, d'Holbach, e du Châtelet, tutti gravitanti attorno all'ambiente dell’Encyclopédie[1]. La vasta produzione letteraria di Voltaire si caratterizza per l'ironia, la chiarezza dello stile, la vivacità dei toni e la polemica contro le ingiustizie e le superstizioni[2][3]; deista[4], cioè seguace della "religione naturale" che vede la divinità come estranea al mondo e alla storia, ma scettico, fortemente anticlericale e laico, è considerato uno dei principali ispiratori del pensiero razionalista e non religioso moderno.[5][6]

Le idee e le opere di Voltaire, così come quelle degli altri illuministi, hanno ispirato e influenzato moltissimi pensatori, politici e intellettuali contemporanei e successivi e ancora oggi sono molto diffuse; in particolare hanno influenzato protagonisti della Rivoluzione americana, come Benjamin Franklin e Thomas Jefferson, e di quella francese, come Condorcet (anche lui enciclopedista) e, in parte, Robespierre[7][8], oltre che molti altri filosofi come Cesare Beccaria[9] e Friedrich Nietzsche.[10]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Inizi (1694-1716)[modifica | modifica sorgente]

Cortile interno del Lycée Louis-le-Grand

François-Marie Arouet nasce il 21 novembre 1694 a Parigi in una famiglia appartenente alla ricca borghesia. Come lo stesso pensatore sostenne a più riprese, la data di nascita riferitaci dai registri di battesimo potrebbe essere falsa: a causa di gravi problemi di salute, infatti, il battesimo sarebbe stato rimandato di ben nove mesi; egli affermò infatti di essere nato il 20 febbraio 1694.[11] Poiché, tuttavia, la prassi vuole che in caso di pericolo per il bambino il battesimo venga impartito immediatamente, occorre ritenere che - se ritardo vi fu - esso sia dipeso da altre ragioni. Il padre François Arouet (morto nel 1722), avvocato, era un anche un ricco notaio, conseiller du roi, alto funzionario fiscale e un fervente giansenista, mentre la madre, Marie Marguerite d'Aumart (1660-1701), era appartenente ad una famiglia vicina alla nobiltà. Il fratello, invece, era - sempre a detta di Voltaire - un fanatico giansenista. È l'ultimo di tre figli (a parte altri due morti ancora piccoli), due maschi e una femmina.[12] Voltaire perse la madre a soli 7 anni, e venne cresciuto dal padre con cui avrà sempre un rapporto molto conflittuale.[13] I suoi studi iniziarono nel 1704 presso il rinomato collegio gesuita Louis-le-Grand. In questo periodo il giovane Voltaire dimostra una spiccata inclinazione per gli studi umanistici, soprattutto retorica e filosofia. Seppur molto critico nei confronti dei gesuiti, Voltaire maturerà una grande ammirazione nei confronti dei suoi insegnanti e delle opere svolte dalla Compagnia di Gesù in Cina e Paraguay. Al Collegio impara il latino e il greco. Nel corso della vita studierà e parlerà in maniera fluente altre tre lingue, oltre al francese: inglese, italiano e spagnolo, che userà in molte lettere con corrispondenti stranieri.[14]

Nel 1711 lascia il collegio e s'iscrive, per volere paterno, alla scuola superiore di diritto che comunque lascerà dopo soli quattro mesi con fermo e deciso disgusto, in quanto egli non aveva mai espresso alcun desiderio di fare l'avvocato.[15] In questi anni s'inasprisce molto il rapporto con il padre, il quale mal sopporta la sua vocazione poetica e i continui rapporti con i circoli filosofici libertini, come la Societé du Temple di Parigi. Indicativo di ciò è il fatto che Voltaire si vantava (a torto o a ragione) di essere un figlio illegittimo.[16][17] Nel 1713 lavorò come segretario all'Ambasciata francese all'Aja, poi tornò a Parigi per svolgere il praticantato presso un notaio, per cercare di omaggiare rispettosamente le orme del tanto odiato padre; in realtà egli desiderava sottrarsi alla pesante influenza del genitore che infatti ripudiò dopo poco tempo, e cominciò a scrivere articoli e versi duri e caustici verso le autorità costituite.[18]

Persecuzioni ed esilio in Inghilterra (1716-1728)[modifica | modifica sorgente]

I suoi scritti molto polemici trovarono immediato successo nei salotti nobiliari[19]; nel 1716 ciò gli costò l'esilio a Tulle e Sully-sur-Loire; alcuni versi satirici, del 1717, contro il reggente di Francia Filippo d'Orléans, che governava in nome del giovanissimo Luigi XV, e contro sua figlia, la Duchessa di Berry[20], gli causarono l'arresto e la reclusione alla Bastiglia, poi un altro periodo di confino a Chatenay.[21] Alla morte del padre, nel 1722, i tre fratelli Arouet ebbero una discreta eredità, che Voltaire farà fruttare con investimenti azzeccati.[13] La pubblicazione del poema La Ligue del 1723, scritto durante la prigionia, ottenne invece l'assegnazione di una pensione di corte da parte del giovane re.[22] L'opera, dedicata al re Enrico IV di Francia, giudicato un campione della tolleranza religiosa in contrasto con l'oscurantista e intollerante Luigi XIV (che ebbe contrasti col Papa, ma revocò l'editto di Nantes tornando alle persecuzioni contro ugonotti e giansenisti), verrà pubblicata nuovamente col titolo Enriade, nel 1728.[23] Il favore che gli mostrarono subitaneamente i nobili di Francia non durò a lungo: sempre a colpa dei suoi scritti mordaci, litigò con l'aristocratico Guy-Auguste de Rohan-Chabot, cavaliere di Rohan, che l'aveva apostrofato con scherno presso un teatro. Il giorno seguente Rohan lo fece aggredire e malmenare dai suoi domestici, armati di bastone, per poi rifiutare con sprezzo il duello di riparazione del torto, proposto dal giovane poeta.[24] Le proteste di Voltaire gli servirono solo ad essere imprigionato nuovamente, grazie ad una lettre de cachet, cioè un ordine in bianco di arresto (spettava a chi possedeva il documento aggiungere il nome della persona da colpire) ottenuto dalla famiglia del rivale e firmata da Filippo d'Orléans.[25][26] Dopo un breve periodo in esilio fuori Parigi, Voltaire, sotto minaccia di un nuovo arresto, si vide costretto ad emigrare in Inghilterra (1726-1729).[27][28] In Gran Bretagna, grazie alla conoscenza di uomini di cultura liberale, scrittori e filosofi come Robert Walpole, Jonathan Swift, Alexander Pope e George Berkeley, maturò idee illuministe contrarie all'assolutismo feudale della Francia.[29]

Nicolas de Largillière, Voltaire intorno al 1724-25 (prima versione del dipinto, conservato allo chateau di Ferney-Voltaire)

Dal 1726 al 1728 visse in Maiden Lane, Covent Garden, nel luogo oggi ricordato da una targa al n.10.[30] L'esilio di Voltaire in Gran Bretagna durò tre anni, e questa esperienza influenzò fortemente il suo pensiero. Era attratto dalla monarchia costituzionale in contrasto con la monarchia assoluta francese, e da un maggiore possibilità delle libertà di parola e di religione, e il diritto di habeas corpus.[31] Venne influenzato da diversi scrittori neoclassici dell'epoca, e sviluppò un interesse per la letteratura inglese precedente, soprattutto le opere di Shakespeare, ancora relativamente sconosciuto in Europa continentale. Nonostante sottolineasse le sue deviazioni dagli standard neoclassici, Voltaire vide Shakespeare come un esempio che gli scrittori francesi potevano emulare, essendo che nel dramma francese, giudicato più lucido, mancava l'azione sul palco. Più tardi, tuttavia, come l'influenza di Shakespeare crebbe in Francia, Voltaire cercò di contrastare ciò con le proprie opere, denunciando ciò che considerava "barbarie shakesperiana".[32] In Inghilterra fu presente al funerale di Isaac Newton, ed elogiò gli inglesi per aver onorato uno scienziato considerato eretico con la sepoltura nell'Abbazia di Westminster.[33][34][35]

Dopo quasi tre anni di esilio, Voltaire tornò a Parigi e pubblicò le sue opinioni nei confronti del governo britannico, la letteratura e la religione in una raccolta di saggi, le Lettere inglesi (o Lettere filosofiche), per le quali venne di nuovo condannato, in quanto aspramente critiche contro l’ancien régime e antidogmatiche.[27][36] Nell'opera Voltaire considera la monarchia inglese - costituzionale, sorta in maniera compiuta dalla Gloriosa rivoluzione del 1689 - come più sviluppata e più rispettosa dei diritti umani (in particolare la tolleranza religiosa) rispetto al suo regime omologo francese.[37][38]

Il nome "Voltaire"[modifica | modifica sorgente]

Durante l'esilio in Inghilterra assunse lo pseudonimo di "Arouet de Voltaire" (già usato però come firma nel 1719), poi accorciato in Voltaire, per separare il suo nome da quello del padre ed evitare confusioni con poeti dal nome simile[39][40] L'uso dello pseudonimo era diffuso nell'ambiente teatrale, come già era all'epoca di Molière, ma l'origine del nom de plume è incerta e fonte di dibattito; le ipotesi più probabili sono:

  1. "Voltaire" potrebbe essere un particolare anagramma del cognome in scrittura capitale latina, dal nome con cui era conosciuto in gioventù, Arouet le Jeune (Arouet il giovane, per distinguerlo dal padre omonimo): da AROUET L(e) J(eune) a AROVET L. I. o AROVETLI, da cui VOLTAIRE.[41]
  2. Un'altra teoria ricorre al luogo d'origine della famiglia Arouet: la cittadina di Airvault, il cui anagramma potrebbe rendere lo pseudonimo, nella forma "Vaultair", con pronuncia francese identica alla pronuncia del nome scritto con la grafia "Voltaire".[42]
  3. Richard Holmes aggiunge che, oltre a questi motivi, il nome Voltaire fu scelto anche per trasmettere le connotazioni di "velocità" e "audacia". Questi provengono da associazioni con parole come "volteggio" (acrobazie su trapezio o cavallo), "voltafaccia" (fuga dai nemici), e "volatile" (originariamente, qualsiasi creatura alata, anche in senso figurato, onde dare una sensazione di agilità mentale e leggerezza).[43]

Di nuovo in Francia (1728-1749): la relazione con la Châtelet[modifica | modifica sorgente]

Émilie du Châtelet, che per molti anni fu la compagna del filosofo

Costretto ancora esule in Lorena (a causa dell'opera Storia di Carlo XII del 1731), scrisse le tragedie Bruto e La morte di Cesare, cui seguirono Maometto ossia il fanatismo, che volle polemicamente dedicare al Papa Benedetto XIV, Merope, il trattato di divulgazione scientifica Elementi della filosofia di Newton.[44] In questo periodo cominciò una relazione con la nobildonna sposata Madame du Châtelet, che lo nascose nella sua casa di campagna a Cirey, nello Champagne. Nella biblioteca della Chatelet, che contava 21.000 volumi, Voltaire e la compagna studiarono Newton e Leibniz.[45] Avendo fatto tesoro dei suoi precedenti attriti con le autorità, Voltaire iniziò a pubblicare anche anonimamente per stare fuori pericolo, negando ogni responsabilità di essere l'autore di libri compromettenti. Continuò a scrivere per il teatro, e iniziò una lunga ricerca nelle scienze e nella storia. Ancora una volta, la principale fonte di ispirazione per Voltaire erano gli anni del suo esilio inglese, durante il quale era stato fortemente influenzato dalle opere di Newton. Voltaire credeva fortemente nelle teorie di Newton, in particolare per quanto riguarda l'ottica (la scoperta di Newton che la luce bianca è composta da tutti i colori dello spettro portò Voltaire a molti esperimenti a Cirey) e la gravità (Voltaire è la fonte della famosa storia di Newton e la mela caduta dall'albero, che aveva appreso dal nipote di Newton a Londra: ne parla nel Saggio sulla poesia epica).[46] Nell'autunno del 1735, Voltaire ricevette la visita di Francesco Algarotti, che stava preparando un libro su Newton.

Nel 1736 Federico di Prussia cominciò a scrivere lettere a Voltaire. Due anni dopo Voltaire visse per un periodo in Olanda e conobbe Herman Boerhaave. Nel primo semestre del 1740 Voltaire visse invece a Bruxelles e si incontrò con Lord Chesterfield. Conobbe il libraio ed editore Jan Van Duren, che più tardi avrebbe preso a simbolo del truffatore per eccellenza, per occuparsi della pubblicazione dell'Anti-Machiavel, scritto dal principe ereditario prussiano. Voltaire visse nella Huis Honselaarsdijk, appartenente al suo ammiratore. Nel mese di settembre Federico II, asceso al trono, incontrò Voltaire per la prima volta al castello di Moyland, vicino a Cleve, e a novembre Voltaire andò al Castello di Rheinsberg per due settimane. Nell'agosto 1742 Voltaire e Federico si incontrarono a Aix-la-Chapelle. Il filosofo venne poi inviato al Sanssouci dal governo francese, come ambasciatore, per scoprire di più sui piani di Federico dopo la prima guerra di Slesia.[47]

Voltaire con il re Federico II a Château de Sans-Souci, vicino Potsdam. Dipinto di Adolph von Menzel.

Federico si insospettì e lo fece fermare e rilasciare dopo poco tempo; però continuerà a scrivergli lettere, una volta chiarito l'equivoco.

Grazie al riavvicinamento con la corte, aiutato dall'amicizia con Madame de Pompadour, la favorita di re Luigi XV, protettrice anche di Diderot, nel 1746 fu nominato storiografo e membro dell'Académie Française, nonché Gentiluomo di camera del re; ma Voltaire, seppur apprezzato da parte della nobiltà, non incontrava affatto la benevolenza del sovrano assoluto: così, di nuovo in rotta con la corte di Versailles (che frequentò per circa due anni), avrebbe finito per accettare l'invito a Berlino del re di Prussia, che lo considerava un suo maestro.[48] Lo stesso lasso di anni fu doloroso dal punto di vista privato per il filosofo: dopo una lunga e altalenante relazione, tra ritorni e tradimenti nella coppia[49]; la Châtelet lo lasciò poi per il poeta Saint-Lambert[50], e Voltaire rispose cominciando una relazione con la nipote Madame Denis (1712-1790), vedova, che in passato aveva tentato di sposare[51], secondo consuetudini nobiliari dell'epoca, approvate dalla Chiesa e di moda anche nella borghesia, che non consideravano incestuoso un legame tra zio e nipote.[52] La relazione con Madame Denis fu breve, anche se avrebbero convissuto platonicamente fino alla sua morte.[53] Inoltre quando, nel 1749, Madame du Châtelet, rimasta in buoni rapporti con lo scrittore, morì di complicazioni legate al parto, dando alla luce la figlia di Saint-Lambert (morta alla nascita), Voltaire l'assistette e rimase molto colpito dalla sua morte, definendola in una lettera la sua anima gemella. Poco dopo la morte di Émilie, Voltaire scriveva ad un'amica: "je n'ai pas perdu une maîtresse mais la moitié de moi-même. Un esprit pour lequel le mien semblait avoir été fait" ("non ho perduto un'amante ma la metà di me stesso. Un'anima per la quale la mia sembrava fatta").[54][55]

In Prussia e Svizzera (1749-1755)[modifica | modifica sorgente]

Lasciata la Francia, dal 1749 al 1752 soggiornò quindi a Berlino, ospite di Federico II, che lo ammirava, considerandosi un suo discepolo[56] e lo nominò suo ciambellano.[57] A causa di alcune speculazioni finanziarie, in cui lo scrittore era molto abile[58], nonché per i continui attacchi verbali contro lo scienziato Pierre Louis Moreau de Maupertuis, che non lo sopportava, ma che presiedeva l'Accademia di Berlino[59] e alcune divergenze di idee sul governo della Prussia, Voltaire litigò col sovrano e lasciò la Prussia[60], ma il re lo fece arrestare abusivamente, per breve tempo, a Francoforte. Dopo questo incidente, sarebbero passati molti anni prima che i loro rapporti si pacificassero, riprendendo una corrispondenza epistolare col sovrano dopo circa 10 anni.[56][61] Voltaire accentuò quindi l'impegno contro le ingiustizie in maniera particolarmente attiva, dopo l'allontanamento dalla Prussia. Impossibilitato a tornare a Parigi, poiché dichiarato persona sgradita alle autorità[62], si spostò allora a Ginevra, nella villa Les délices, finché entrò in rotta con la Repubblica calvinista, che egli aveva ritenuto erroneamente un'oasi di tolleranza, e riparò nel 1755 a Losanna, poi presso i castelli di Ferney e Tournay, da lui acquistati, dopo essersi sfogato contro i politici di Ginevra con parole rabbiose e durissime in una lettera inviata all'amico d'Alembert.[63][64]

Il patriarca di Ferney: Voltaire guida dell'Illuminismo (1755-1778)[modifica | modifica sorgente]

(FR)
« Si c'est ici le meilleur des mondes possibles, que sont donc les autres? »
(IT)
« Se questo è il migliore dei mondi possibili, gli altri come sono? »
(Voltaire, Candido o l'ottimismo, capitolo VI, 1759)

È di questo periodo la pubblicazione della tragedia Oreste (1750), considerata una delle opere minori del teatro di Voltaire, completata poco dopo l'abbandono della Prussia. In particolare da allora visse nel piccolo centro di Ferney, che prenderà il suo nome (Ferney-Voltaire). Qui riceveva numerose visite, scriveva e si dedicava alla corrispondenza con centinaia di persone, che in lui riconoscevano il "patriarca" dell'Illuminismo.[27][65]

Château di Voltaire a Ferney (oggi chiamata Ferney-Voltaire in suo onore), situata in Francia, all'epoca sul confine franco-ginevrino

Tra le persone che vennero a visitarlo a Ferney, oltre a Diderot, Condorcet e d'Alembert, vi furono James Boswell, Adam Smith, Giacomo Casanova, Edward Gibbon.[66]

Nello stesso periodo cominciò la più feconda fase della produzione voltairiana, che univa l'Illuminismo e la fiducia nel progresso col pessimismo dovuto alle vicende personali e storiche (prima fra tutto il disastroso terremoto di Lisbona del 1755, che minò la fiducia di molti philosophes nell'ottimismo acritico). Voltaire dedica al sisma tre opere: il Poema sul disastro di Lisbona, il Poema sulla legge naturale (scritto precedentemente ma rivisto e allegato al primo) e alcuni capitoli del Candido.[56]

Voltaire e il contrasto con Rousseau[modifica | modifica sorgente]

Voltaire collaborò all'Enciclopedia di Diderot e D'Alembert, alla quale partecipavano anche d'Holbach e Jean-Jacques Rousseau. Dopo un buon inizio, ed un parziale apprezzamento dei philosophes per le sue prime opere, quest'ultimo si distaccò presto, per le sue idee radicali in politica e sentimentali sulla religione[67][68], dal riformismo e dal razionalismo degli enciclopedisti; inoltre Rousseau non accettava le critiche alla sua città fatte da d'Alembert e Voltaire stesso nell'articolo "Ginevra", che avrebbe scatenato nuovamente le autorità svizzere contro i due filosofi.[69] Voltaire cominciò a considerare Rousseau come un nemico del movimento, oltre che una persona incompatibile col proprio carattere (a causa della paranoia e gli sbalzi d'umore dell'autore del Contratto sociale) e, pertanto, da screditare con i suoi scritti come veniva fatto con gli anti-illuministi espliciti. In una lettera ad un componente del Piccolo Consiglio di Ginevra, contraddirebbe le sue affermazioni tolleranti e assai più note, quando inviterebbe i governanti di Ginevra affinché condannino a morte Rousseau.[70]

In realtà Voltaire rispose ad alcuni attacchi diretti proprio da Rousseau (notoriamente litigioso e che lo riteneva reo di non averlo difeso dalla censura), e che istigava i ginevrini, nella Lettere scritte dalla montagna, dopo aver affermato che Voltaire era l’autore del Sermone dei cinquanta (una scandalosa opera anonima che denunciava la falsità storica del Vangelo), di colpirlo direttamente se volevano "castigare gli empi", anziché perseguire lui stesso. Voltaire dal canto suo si vendicò allora con la lettera in cui affermava che il vero "blasfemo sedizioso" era Rousseau e non lui, invitando ad agire con «tutta la severità della legge», cioè bandirne le opere "sovversive", senza tuttavia affermare esplicitamente di condannare il collega alla pena capitale.[70]

Nel pamphlet I sentimenti dei cittadini Voltaire, mettendola in bocca ad un pastore calvinista, scrive una delle frasi "incriminate"("Occorre insegnargli che se si punisce leggermente un romanziere empio, si punisce con la morte un vile sedizioso") e afferma che «si ha pietà di un folle; ma quando la demenza diventa furore, lo si lega. La tolleranza, che è una virtù, sarebbe in quel caso un vizio».[70][71][72]. Vi rivela, poi, alcuni fatti disdicevoli della vita di Rousseau, come la povertà in cui faceva vivere la moglie, i cinque figli lasciati all'orfanotrofio e una malattia venerea di cui soffriva.[73] In una lettera privata del 1766 al segretario di Stato di Ginevra, Voltaire però negò che lui fosse l'autore de I sentimenti dei cittadini: «Non sono per nulla amico del signor Rousseau, dico ad alta voce ciò che penso di buono e di cattivo delle sue opere; ma, avessi fatto il torto più piccolo alla sua persona, fossi servito a opprimere un uomo di lettere, me ne sentirei troppo colpevole».[70]

Per questo dissidio umano e intellettuale sono interessanti anche le lettere scambiate direttamente tra due filosofi: in una missiva sul Discorso sull'origine della diseguaglianza di Rousseau, in polemica col primitivismo del ginevrino, Voltaire gli scrisse che «leggendo la vostra opera viene voglia di camminare a quattro zampe. Tuttavia, avendo perso quest’abitudine da più di sessant’anni, mi è purtroppo impossibile riprenderla».[74]

L'intellettuale impegnato[modifica | modifica sorgente]

Voltaire, in questo periodo, si impegnò anche al fine di evitare il più possibile le guerre che insanguinavano l'Europa. Egli disprezzava il militarismo e sosteneva il pacifismo e il cosmopolitismo; un appello alla pace è presente anche nel Trattato sulla tolleranza.[75] Cercò di fare da mediatore tra la Francia e la Prussia di Federico II, per evitare la guerra dei sette anni.[76][77]

La scrivania di Voltaire al Café Procope, che lo scrittore frequentava.

Al contempo però bisogna ricordare che, nella vita privata, portava avanti lucrosi e poco onesti affari proprio nel campo dei rifornimenti all'esercito.[78] Ricco e famoso, punto di riferimento per tutta l'Europa illuminista, entrò in polemica coi cattolici per la parodia di Giovanna d'Arco in La Pulzella d'Orléans, opera giovanile riedita, ed espresse le sue posizioni in forma narrativa in numerosi racconti e romanzi filosofici, di cui il più riuscito è Candido ovvero l'ottimismo (1759), in cui polemizzò con l'ottimismo di Gottfried Leibniz. Il romanzo rimane l'espressione letteraria più riuscita del suo pensiero, contrario ad ogni provvidenzialismo o fatalismo. Da qui iniziò un'accanita polemica contro la superstizione e il fanatismo a favore di una maggiore tolleranza e giustizia.[56]

A questo proposito scrisse il citato Trattato sulla tolleranza in occasione della morte di Jean Calas (1763)[79][80] e il Dizionario filosofico (1764), tra le opere non narrative più importanti del periodo, che vide anche la continuazione della collaborazione con l'Encyclopédie di Diderot e D'Alembert. Si dedicò anche a numerosissimi pamphlet, spesso anonimi, contro gli avversari degli illuministi.[56][81] Nel caso di Jean Calas, egli riuscì a ottenere la riabilitazione postuma del commerciante protestante giustiziato, e quella della famiglia proscritta e ridotta in miseria, arrivando a orientare la Francia intera contro la sentenza del Parlamento di Tolosa. Alla fine la vedova, sostenuta da Voltaire, si rivolse al Re, ottenendo anche l'appoggio della Pompadour, che sostenne la causa dei Calas in una lettera al filosofo.[82] Luigi XV ricevette in udienza i Calas; poi, lui e il suo consiglio privato annullarono la sentenza e ordinarono una nuova indagine, in cui i giudici di Tolosa vennero sconfessati completamente. Questo fatto segnò l'apice della popolarità e dell'influenza di Voltaire.[83]

Tra le altre opere del lungo periodo a cavallo tra la Prussia e la Svizzera, i racconti Zadig (1747), Micromega (1752), L'uomo dai quaranta scudi (1767), le opere teatrali Zaira (1732), Alzira (1736), Merope (1743), oltre il citato Poema sul disastro di Lisbona (1756). E infine, le importanti opere storiografiche Il secolo di Luigi XIV (1751), scritto durante il periodo prussiano, e il Saggio sui costumi e sullo spirito delle nazioni (1756). In una delle ultime opere prettamente filosofiche, Le philosophe ignorant (1766), Voltaire insistette sulla limitazione della libertà umana, che non consiste mai nell'assenza di qualsiasi motivo o determinazione.[84]

Rientro a Parigi e accoglienza trionfale (febbraio-maggio 1778)[modifica | modifica sorgente]

(FR)
« Tout homme sensé, tout homme de bien, doit avoir la secte chrétienne en horreur. »
(IT)
« Ogni uomo sensato, ogni uomo dabbene, deve avere orrore per la setta cristiana »
(Voltaire, Examen important de Mylord Bolingbroke, ou le Tombeau du Fanatisme, 1736)

La sua salute intanto cominciava a declinare, ed egli chiese di poter rientrare in patria.[85] Rientrato a Parigi i primi giorni di febbraio del 1778, dopo 28 anni di assenza, ricevette un'accoglienza trionfale, tranne che dalla corte del nuovo re, Luigi XVI, e, ovviamente, dal clero. Il 7 aprile entrò nella Massoneria, nella Loggia delle Nove Sorelle.[86][87] Assieme a lui, venne iniziato anche l'amico Benjamin Franklin.[88]

Pedro Américo, Voltaire benedice il nipote di Franklin in nome di Dio e della Libertà (1889-1890). Il dipinto raffigura un episodio degli ultimi mesi di vita di Voltaire.

Nonostante l'ostinato rifiuto, sino alla morte, della religione cattolica e della Chiesa - Voltaire era un deista - viene sostenuta la tesi che il filosofo si sia convertito in extremis alla fede cristiana.[89] Mentre le sue condizioni peggioravano, Voltaire perse lucidità, e assumeva forti dosi di oppio per il dolore.[90]. Un prete, Gauthier, della parrocchia di Saint-Sulpice, dove viveva Voltaire, venne a chiedergli una confessione di fede, perché egli non fosse sepolto in terra sconsacrata. L'unica dichiarazione scritta di suo pugno, o dettata al segretario, fu: "Muoio adorando Dio, amando i miei amici, non odiando i miei nemici, e detestando la superstizione".[91] Gauthier non la ritenne sufficiente e non gli diede l'assoluzione, ma Voltaire si rifiutò di scrivere altre confessioni di fede che sancissero il suo ritorno al cattolicesimo. Nonostante ciò, si diffusero, dopo la morte, documenti di dubbia autenticità che indicherebbero che abbia sottoscritto una professione di fede, firmata da Gauthier e dal nipote, l'abbé Mignot, anche questa però, ritenuta insufficiente, anche se più esplicita. La confessione è stata ritenuta da taluni di comodo, su sollecitazione degli amici, per avere degna sepoltura e funerali[92] oppure totalmente falsa, in quanto in contrasto con tutta la sua vita e la sua opera.[93]

Tomba di Voltaire al Panthéon di Parigi, al tempo dei lavori di restauro del monumento (si nota l'assenza della statua marmorea sul basamento)

Anche altri autori hanno riferito di una presunta autenticità della conversione di Voltaire[94] e su i suoi rapporti col parroco Gauthier.[95]

La conversione di Voltaire nei suoi ultimi tempi venne decisamente negata dagli illuministi, in particolare dagli anticlericali, in quanto ritenuta offuscare l'immagine di uno dei loro principali ispiratori e spesso non considerata sincera nemmeno dai cattolici.[96] Bisogna notare inoltre che anche Diderot[97] prese accordi con sacerdoti prima di morire, per poter essere decorosamente sepolto ed entrambi erano spinti con insistenza da amici e parenti, benché, come sappiamo da documenti, perlomeno Diderot non fosse davvero convertito. Anche l'ateo barone d'Holbach fu sepolto in una chiesa (accanto a Diderot stesso), avendo dovuto tenere nascoste le proprie idee in vita, per aggirare la censura e la repressione. Tutte queste analogie rendono probabile che non si trattò di vere conversioni, e che Voltaire non tornò davvero al cattolicesimo, e questo fu il motivo per cui la curia parigina oppose il veto alla sepoltura, in quanto egli era morto senza assoluzione.[98][99]

Morte (maggio 1778) e vicende postume[modifica | modifica sorgente]

La versione degli amici racconta che, in punto di morte, il filosofo respinse ancora il sacerdote, che avrebbe dovuto dare l'assenso alla sepoltura, e che lo invitava a confessarsi chiedendogli un'esplicita dichiarazione di fede cattolica, che Voltaire invece non voleva fare (intuendo che volesse poi venire usata a fini propagandistici): alla domanda se credeva nella divinità di Cristo, Voltaire replicò: "In nome di Dio, Signore, non parlatemi più di quell'uomo e lasciatemi morire in pace".[100][101]

Voltaire poco prima della morte (busto di Jean-Antoine Houdon)

Voltaire morì, probabilmente per un cancro alla prostata di cui avrebbe sofferto già dal 1773[102][103], la sera del 30 maggio 1778, all'età di circa 83 anni, mentre la folla parigina lo acclamava sotto il suo balcone.[104] La morte fu tenuta segreta per due giorni; il corpo, vestito come fosse vivo e sommariamente imbalsamato, fu portato fuori da Parigi in carrozza, come da accordi presi da madame Denis con un suo amante, un prelato che aveva acconsentito al "trucco". Il suo funerale, molto sontuoso, fu officiato dal nipote, l'abbé Mignot, parroco di Scellières, e nell'attiguo convento ebbe sepoltura lo scrittore.[105] I medici che eseguirono l'autopsia ne asportarono il cervello e il cuore (riunito anni dopo ai resti per volontà di Napoleone III[106]), forse per impedire una sepoltura "completa", dato l'ordine dell'arcivescovo di Parigi di vietare la sepoltura in terra consacrata a Voltaire, o forse, più probabilmente, per poterli conservare come reliquie laiche nella capitale; furono tumulati infatti temporaneamente nella Biblioteca Nazionale di Francia e alla Comédie Française.[107] Se Voltaire era comunque morto senza perdono religioso, e la chiesa parigina gli negò ogni onore, tutti i membri della curia dove venne sepolto, vollero invece celebrare una messa cantata in sua memoria, e numerose cerimonie.[106] Le proprietà e l'ingente patrimonio di Voltaire passarono, per testamento, a Madame Denis e alla sua famiglia, ossia ai nipoti dello scrittore, nonché alla figlia adottiva Reine Philiberte de Varicourt, che aveva sposato il Marchese de Villette, nella cui casa parigina Voltaire visse i suoi ultimi giorni.[108][109]

Il trasporto della salma di Voltaire al Pantheon durante i funerali solenni dell'11 luglio 1791

A tredici anni dalla sua morte, in piena Rivoluzione francese, il corpo di Voltaire venne trasferito al Pantheon e qui sepolto l'11 luglio 1791 al termine di un funerale di stato di proporzioni straordinarie per grandiosità e teatralità, tanto che rimase memorabile persino il catafalco - su cui venne posto un busto del filosofo - allestito per il trasporto della sua salma. Da allora i resti di Voltaire riposano in questo luogo. Nel 1821 rischiò la riesumazione, più volte rifiutata in precedenza da Napoleone I[106], perché erano molti coloro, nel fronte cattolico, che ritenevano intollerabile la sua presenza all'interno di una chiesa, dato che il Pantheon era stato temporaneamente riconsacrato. Tuttavia re Luigi XVIII non la ritenne necessaria perché "... il est bien assez puni d'avoir à entendre la messe tous les jours." (cioè "è già punito abbastanza per il fatto di dover ascoltare la Messa tutte le mattine").[110] La tomba è vicina a quella dell'altro grande filosofo illuminista, Jean-Jacques Rousseau, il rivale di Voltaire, morto poco meno di un mese dopo (il 4 luglio), spesso fatto bersaglio fino alla fine di satire e invettive, ma nonostante questo accomunatato a lui nella gloria postuma, venendo traslato al Pantheon nel 1794.[106] Si diffuse però la leggenda che i monarchici ne avessero rubato le ossa nel 1814, insieme a quelle di Rousseau, per gettarle in una fossa comune, nel luogo dove oggi sorge la facoltà di scienza dell'Università parigina di Jussieu.[111] Nel 1878 e successivamente (1898, anno della ricognizione dei sepolcri del Panthéon), tuttavia, diverse commissioni d'inchiesta stabilirono che i resti dei due grandi padri dell'Illuminismo, Jean-Jacques Rousseau e Francois-Marie Arouet detto Voltaire, si trovavano e si trovano tuttora nel Tempio della Fama di Francia.[112]

Pensiero politico[modifica | modifica sorgente]

Costituzionalismo e dispotismo illuminato[modifica | modifica sorgente]

Voltaire ritratto da Nicolas de Largillière, 1724-1725, Institut et Musée Voltaire

Voltaire non credeva che la Francia (e in generale ogni nazione) fosse pronta ad una vera democrazia: perciò, non avendo fiducia nel popolo (a differenza di Rousseau, che credeva nella diretta sovranità popolare)[113], non sostenne mai idee repubblicane né democratiche (benché, dopo la morte, sia divenuto uno dei "padri nobili" della Rivoluzione): per Voltaire, chi non è stato "illuminato" dalla ragione, istruendosi ed elevandosi culturalmente, non può partecipare al governo, pena il rischio di finire nella demagogia. Ammette comunque la democrazia rappresentativa e la divisione dei poteri proposta da Montesquieu, come realizzate in Inghilterra, ma non quella diretta, praticata a Ginevra.[114] La repubblica ginevrina, che gli apparve giusta e tollerante, si rivelò un luogo di fanatismo.[27] Lontano da idee populiste e anche radicali, se non sul ruolo della religione in politica (fu un deciso anticlericale), la sua posizione politica fu quella di un liberale moderato, avverso alla nobiltà - che gli fa dubitare di un governo oligarchico - ma sostenitore della monarchia assoluta nella forma illuminata (anche se ammirava molto come "governo ideale" la monarchia costituzionale inglese) come forma di governo: il sovrano avrebbe dovuto governare saggiamente per la felicità del popolo, proprio perché "illuminato" dai filosofi[27], e garantire la libertà di pensiero.[115] Lo stesso Voltaire trovò realizzazione delle sue idee politiche nella Prussia di Federico II, apparentemente un re-filosofo, che con le sue riforme acquistò un ruolo di primo piano sullo scacchiere europeo. Il sogno del filosofo si rivelò poi inattuato, rivelando in lui, soprattutto negli anni più tardi un pessimismo di fondo attenuato dalle utopie vagheggiate nel Candido, l'impossibile mondo ideale di Eldorado, dove non esistono fanatismi, prigioni e povertà, e la piccola fattoria autosufficiente dove il protagonista si ritira per lavorare, in una contrapposizione borghese all'ozio aristocratico.[116][117]

Federico II di Prussia

Nelle opere successive esprime la volontà di lavorare per la libertà politica e civile, concentrandosi molto sulla lotta all'intolleranza[118], soprattutto religiosa, non appoggiandosi più ai sovrani che lo avevano deluso.[114] Non è contrario in linea di principio ad una repubblica[119][120], ma lo è nella pratica, in quanto egli, pensatore pragmatico, non vede nella sua epoca la necessità del conflitto monarchia-repubblica, che si svilupperà 11 anni dopo la sua morte con l'inizio della Rivoluzione nel 1789, ma quello monarchia-corti di giustizia (i cosiddetti "parlamenti", da non confondere con l'accezione inglese del termine, oggi usata per ogni organo legislativo), ed egli, contrario agli arbitri di tali magistrati di estrazione nobiliare, si schiera col sovrano che può essere guidato dai filosofi, mentre la riforma delle corti richiede una complicata e lunga ristrutturazione legislativa.[117][121][122] Il filosofo deve inoltre orientare la massa e spingerla per il giusto sentiero, guidarla, poiché «le leggi sono fatte dall'opinione pubblica».[123]

Sulle riforme sociali: uguaglianza, giustizia e tolleranza[modifica | modifica sorgente]

La tolleranza, che va esercitata dal governante praticamente sempre (egli cita come esempio molti imperatori romani, in particolare Tito, Traiano, Antonino Pio e Marco Aurelio[124]), è il caposaldo del pensiero politico di Voltaire. Spesso gli è attribuita, con varianti, la frase "Non sono d'accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo". Tale citazione trova in realtà riscontro soltanto in un testo della scrittrice americana Evelyn Beatrice Hall.[125] La citazione non si trova altresì in qualsivoglia opera di Voltaire.[126] La frase avrebbe origine non dalla lettera del 6 febbraio 1770 all'abbé Le Riche, come spesso si dice ma da un brano delle Questioni sull'Enciclopedia[127]:

« Mi piaceva l'autore de L'Esprit [ Helvétius, NdR ]. Quest'uomo era meglio di tutti i suoi nemici messi assieme; ma non ho mai approvato né gli errori del suo libro, né le verità banali che afferma con enfasi. Ho preso fortemente le sue difese, quando uomini assurdi lo hanno però condannato per queste stesse verità. »
(Questions sur l’Encyclopédie, articolo "Homme")

Ci sono però molte altre frasi o aforismi di Voltaire che esprimono un concetto affine a questo, con diverse parole: in una lettera sul caso Calas, allegata da Voltaire al Trattato sulla tolleranza: «La natura dice a tutti gli esseri umani: (...) Qualora foste tutti dello stesso parere, cosa che sicuramente non succederà mai, qualora non ci fosse che un solo uomo di parere contrario, gli dovrete perdonare: perché sono io che lo faccio pensare come lui pensa»[128], frase che anticipa il pensiero del liberalismo del secolo successivo[129]; «Siamo tutti figli della fragilità: fallibili e inclini all’errore. Non resta dunque che perdonarci vicendevolmente le nostre follie. È questa la prima legge naturale: il principio a fondamento di tutti i diritti umani»[130][131]; «Di tutte le superstizioni, la più pericolosa è quella di odiare il prossimo per le sue opinioni»[132]; «E’ cosa crudelissima perseguitare in questa vita quelli che non la pensano al nostro modo»[133]; «Ma come! Sarà permesso a ciascun cittadino di non credere che alla sua ragione e di pensare ciò che questa ragione, illuminata o ingannata, gli detterà? È necessario, purché non turbi l’ordine»[134]; e molte altre.

Contro la pena di morte e la tortura[modifica | modifica sorgente]

Voltaire accolse favorevolmente le tesi del giovane illuminista italiano Cesare Beccaria sull'abolizione della tortura[135] e della pena di morte, come si evince dal commento molto positivo che fece all'opera Dei delitti e delle pene, invitando i governanti a ridurre drasticamente l'uso della prima, per poi eliminarla completamente.[136] Voltaire e Beccaria ebbero anche uno scambio epistolare. Sulla pena capitale Voltaire si oppone nettamente al suo uso, e agli eccessi di violenza che la caratterizzavano; benché in certi casi possa apparire giusta, essa, alla ragione illuministica, si rivela solo una barbarie, in quanto i peggiori e incalliti criminali, anche se giustiziati, non saranno utili a nessuno, mentre potrebbero lavorare per il bene pubblico e riabilitarsi parzialmente, motivazione principale utilitaristica di Beccaria che Voltaire approva in pieno; egli considera l'ergastolo una punizione sufficiente per i delitti peggiori e violenti[137]:

« Il grande obiettivo è di servire il pubblico, e senza dubbio un uomo dedicato per tutti i giorni della sua vita a salvare una contea dalle inondazioni o a scavare dei canali per facilitare il commercio rende un servizio maggiore allo stato, che non uno scheletro che dondola da un palo, appeso con una catena di ferro.[138] »

Voltaire va anche oltre Beccaria, e considera, da un punto di vista umanitario, filantropico e giusnaturalista e in polemica con Rousseau, un arbitrio dello stato il togliere la vita, che è diritto naturale di ogni essere umano (mentre la vendetta a sangue freddo squalifica la ragione umana e lo Stato stesso, in quanto non è una legittima difesa della società, ma un accanimento), e non è nella disponibilità della legge, oltre al fatto che è possibile colpire anche innocenti, spesso senza proporzionalità:

« Quando la giustizia penale condanna un innocente è un assassinio giuridico e il più orribile di tutti. Quando si punisce con la morte un crimine che nelle altre nazioni prevede castighi più leggeri la giustizia penale è crudele e non politica. (...) è altrettanto assurdo e crudele punire le violazioni degli usi acquisiti in un paese, i delitti commessi contro l’opinione comune e coloro che non hanno fatto alcun male fisico con lo stesso supplizio col quale si puniscono i parricidi e gli avvelenatori.[138] »

Voltaire usa anche la sua arma più potente, l'ironia, unita al sarcasmo e alla derisione della superstizione popolare:

« Un impiccato non serve a nulla. Probabilmente qualche boia, ciarlatano quanto crudele, avrà fatto credere agli imbecilli del suo quartiere che il grasso dell’impiccato guarirà dell’epilessia.[138] »

Per Voltaire il crimine più orrendo che un uomo possa commettere è la pena di morte applicata per motivi religiosi o ideologici, anche mascherati da crimini comuni, come nel caso Calas, ma dettati dal puro fanatismo religioso, per cui il principio del governo deve essere la tolleranza.[139][140]

Jean Huber, Voltaire riceve i suoi ospiti

Tuttavia non si può omettere e sottoporre ad una valutazione critica il fatto che lo stesso Voltaire contraddisse questi principi di tolleranza durante il suo dissidio con Rousseau.[70]

Contro il nazionalismo e la guerra[modifica | modifica sorgente]

Se l'uomo privato farà fortuna proprio con le forniture militari, in un secolo denso di guerre, nello scrittore netta è la condanna che emerge anche nei confronti del militarismo, del nazionalismo (in nome del cosmopolitismo) e della guerra fine a sé stessa[141], uno dei motivi di rottura con Federico II, esplicitato anche nei racconti filosofici.[142] Egli attacca frequentemente l'uso politico della religione per giustificare le guerre, e auspica la distruzione del fanatismo religioso:

« Ci sono meno cannibali di una volta nella cristianità; questo è sempre un motivo di consolazione nell'orribile flagello della guerra, che non lascia mai respirare l'Europa vent'anni in pace. Se la guerra stessa è diventata meno crudele, il governo di ogni Stato sembra divenire ugualmente meno inumano e più saggio. I buoni scritti, pubblicati da qualche anno, sono penetrati in tutta l'Europa, malgrado dei satelliti del fanatismo che controllavano tutti i passaggi. La ragione e la pietà sono penetrate fino alle porte dell'Inquisizione. Gli atti da antropofagi che si chiamavano atti di fede, non celebrano più così spesso il Dio di misericordia alla luce dei roghi e tra i fiotti di sangue sparsi dal boia. In Spagna si incomincia a pentirsi di aver scacciato i Mori che coltivavano la terra; e se oggi si trattasse di revocare l'editto di Nantes, nessuno oserebbe proporre un'ingiustizia così funesta. »
(Voltaire, Della pace perpetua[143])

L'eguaglianza[modifica | modifica sorgente]

Per Voltaire l'eguaglianza formale è una condizione di natura, l'uomo selvaggio è libero, anche se non civilizzato. L'uomo civile è schiavo a causa delle guerre e dell'ingiustizia; l'eguaglianza sostanziale non c'è perché ognuno svolga la sua funzione, con l'esempio che egli fa, nel Dizionario filosofico, del cuoco e del cardinale,[144] in cui ognuno deve svolgere la propria attività, come è utile al momento presente, poiché così sussisterà il mondo, anche se umanamente entrambi appartengono alla stessa condizione esistenziale.

Economicamente aderisce al laissez faire liberale che muove i primi passi con l'Illuminismo, perlomeno nel richiedere al libertà del commercio dal controllo statale.[27] Voltaire crede inoltre che il lusso, quando non è un mero spreco, faccia bene all'economia e alla società, rendendo tutti più prosperi e aumentando la sensazione di benessere generale.[145]

Politicamente, invece, il suo pensiero non aderisce al liberalismo democratico poiché legato ad una concezione oligarchica e gerarchica della società, come si evince ad esempio da questo passaggio:« Lo spirito di una nazione risiede sempre nel piccolo numero che fa lavorare il gran numero, ne è nutrito e lo governa.»[146].

Pensiero filosofico[modifica | modifica sorgente]

Voltaire e l'Inghilterra[modifica | modifica sorgente]

Jean-Antoine Houdon, Voltaire, ritratto in un busto poco prima della morte nel 1778. Parte di una serie di busti realizzati da Houdon

Tra le esperienze più significative del Voltaire intellettuale sono certamente da annoverare i viaggi, quello in Olanda e soprattutto quello in Inghilterra; qui il giovane parigino vide praticare attivamente la tolleranza religiosa e la libertà di espressione di idee politiche, filosofiche e scientifiche. Al suo spirito insofferente di ogni repressione assolutistica e clericale (anche perché reduce dall'esperienza nelle rigide scuole dei gesuiti) l'Inghilterra appare come il simbolo di una forma di vita illuminata e libera.[27]

Immerso nello studio della cultura anglosassone, Voltaire rimane accecato dalle luminose e rivoluzionarie dottrine scientifiche di Newton e dal deismo e l'empirismo di John Locke. Egli trae, da questo incontro con la filosofia inglese, il concetto di una scienza concepita su base sperimentale intesa come determinazione delle leggi dei fenomeni e il concetto di una filosofia intesa come analisi e critica dell'esperienza umana nei vari campi.[27] Nacquero così le Lettres sur les anglais o Lettres philosophiques (1734) che contribuirono ad allargare l'orizzonte razionale europeo ma che gli attirarono addosso i fulmini delle persecuzioni.[27]

Le Lettres vengono condannate, per quanto riguarda i princìpi religiosi, da coloro che sostenevano la necessità politica dell'unità di culto; dal punto di vista politico, esse, esaltando l'onorabilità del commercio e la libertà, si opponevano spudoratamente al tradizionalistico regime francese, e dal lato filosofico, in nome dell'empirismo, tentavano di svincolare la ricerca scientifica dall'antica subordinazione alla verità religiosa.[27] Il programma filosofico di Voltaire si delineerà in maniera più precisa successivamente con il Traité de métaphisique (1734), la Métaphisique de Newton (1740), Remarques sur les pensées de Pascal (1742), il Dictionnaire philosophique (1764), il Philosophe ignorant (1766), per citare i più importanti.

Non mancano, tuttavia, nelle sue opere, accenti critici contro gli inglesi.[147].

La religione naturale e l'anticlericalismo[modifica | modifica sorgente]

« L'universo mi imbarazza, e non posso fare a meno di riflettere / che se esiste un tale orologio debba esistere un orologiaio »
(Voltaire, Les cabales, 1772)
Pagina autografa di una lettera di Voltaire sul caso Calas, che gli ispirerà il Trattato sulla tolleranza. In calce è visibile la sua firma tipica "Écrasez l'infame!"

Il problema che Voltaire principalmente si pone è l'esistenza di Dio, conoscenza fondamentale per giungere ad una giusta nozione dell'uomo. Il filosofo non la nega, come alcuni altri Illuministi che si dichiaravano atei (il suo amico Diderot, D'Holbach e altri) perché non trovavano prova dell'esistenza di un Essere Supremo, ma nemmeno, nel suo razionalismo laico, assume una posizione agnostica. Egli vede la prova dell'esistenza di Dio nell'ordine superiore dell'universo, infatti così come ogni opera dimostra un artefice, Dio esiste come autore del mondo e, se si vuole dare una causa all'esistenza degli esseri, si deve ammettere che sussiste un Essere creatore, un Principio primo, autore di un Disegno intelligente.[148]

« [Un modo] per acquisire la nozione di "essere che dirige l'universo" è considerare il fine al quale ogni essere appare essere diretto. Quando vedo un orologio con una lancetta che segna le ore, concludo che un essere intelligente ha progettato la meccanica di questo meccanismo così che appunto la lancetta segni le ore. Perciò, quando vedo il meccanismo del corpo umano, concludo che un essere intelligente ha progettato questi organi per essere nutriti all'interno del ventre materno per nove mesi; gli occhi per vedere, le mani per afferrare e così via. Ma da simile argomento, non posso concludere nient'altro, a parte per il fatto che sia probabile che un essere intelligente e superiore ha preparato e dato forma alla materia con abilità; non posso concludere da tale argomento e basta che questo essere ha creato la materia dal nulla o che è infinito in qualsiasi senso s'intenda. Ad ogni modo cerco con intensità dentro alla mente mia la connessione tra le seguenti idee — "è probabile che io sia il prodotto di un essere più potente di me stesso, quindi questo essere è eterno, quindi ha creato tutto quanto, quindi è infinito e così via." — Non riesco ad intravvedere il filo che porti direttamente a quella conclusione. Posso solo constatare che v'è qualcosa di più potente di me stesso, e nient'altro. »
(Voltaire, Trattato di metafisica, seconda versione, 1736, capitolo II)

Il deismo come credo universale[modifica | modifica sorgente]

La sua posizione fu pertanto deista, come già accennato:

« Se Dio non esistesse, bisognerebbe inventarlo, ma tutta la natura ci grida che esiste. »
(Voltaire, Épître 104 – Épître à l'Auteur du Livre des Trois Imposteurs, v. 22.)

Dunque Dio esiste e sebbene abbracciando questa tesi si trovino molte difficoltà, le difficoltà che si pongono abbracciando l'opinione contraria sarebbero ancora maggiori, vivendo Voltaire in un'epoca in cui le leggi dell'evoluzione non erano ancora scoperte e l'alternativa al deismo era l'eternità della "materia", che comunque è un principio originale. Il Dio di Voltaire non è il dio rivelato, ma non è neanche un dio di una posizione panteista, come quella di Spinoza. È una sorta di Grande Architetto dell'Universo, un orologiaio autore di una macchina perfetta (tra l'altro, gli orologi erano una passione di Voltaire, che si dedicava alla costruzione di essi a Ferney). Voltaire non nega una Provvidenza, ma non accetta quella di tipo cristiano;[149] secondo le sue convinzioni (come quelle di molti del suo tempo), l'uomo nello stato di natura era felice, avendo istinto e ragione, ma la civiltà ha contribuito all'infelicità: occorre quindi accettare il mondo così com'è, e migliorarlo per quanto è possibile. Aveva contribuito a queste sue convinzioni lo studio di Newton, conosciuto, come detto, nel periodo inglese[150]: la cui scienza, pur rimanendo estranea, in quanto filosofia matematica, alla ricerca delle cause, risulta strettamente connessa alla metafisica teistica, implicando una razionale credenza in un Essere Supremo (Etre Supreme, a cui si ispirerà vagamente il Culto della Ragione di Robespierre).[151]

Voltaire inoltre è spinto dalla censura, specialmente in alcune opere che egli voleva fossero a larga diffusione, fuori dall'ambiente accademico ed enciclopedico dei philosophes, a non mettere troppo in dubbio il cristianesimo e il concetto di divinità tradizionale, onde convincere i propri interlocutori: ad esempio nel Trattato sulla tolleranza, in cui spesso fa riferimento ai Vangeli o al cattolicesimo, sapendo di dover convincere - in primo luogo i giuristi cattolici - a riaprire il caso Calas, senza quindi entrare troppo in urto con la Chiesa e la fede diffusa.[152]

Voltaire crede comunque in un Dio che unifica, Dio di tutti gli uomini: universale come la ragione, Dio è di tutti.[153][154][155]

Sir Isaac Newton, che con Locke ispirò il deismo di Voltaire.

Come altri pensatori-chiave del periodo si considera espressamente un deista/teista[156], esprimendosi così: «Cos'è la fede? È credere in qualcosa di evidente? No. Alla mia mente è perfettamente evidente l'esistenza di un necessario, eterno, supremo, ed intelligente Essere. Questa non è materia di fede, ma di ragione».[157][158] Questa concezione assomiglia a quella del Dio impersonale/Logos degli stoici, di Cicerone e dei platonici, ed in generale di quasi tutta la filosofia antica.[159]

Utilità filosofica del deismo all'epoca di Voltaire[modifica | modifica sorgente]

Il deismo di Voltaire comunque si rifiuta di ammettere qualsiasi intervento di Dio nel mondo umano, ed è restio, soprattutto dopo il terremoto di Lisbona, ad ammettere l'esistenza di una vera e propria Divina Provvidenza.[160][161] Il Supremo ha solo avviato la macchina dell'universo, senza intervenire ulteriormente, come gli dei di Epicuro, dunque l'uomo è libero, ovvero ha il potere di agire, anche se la sua libertà è limitata[162]; il filosofo può comunque rivolgersi all'Essere supremo, anche per incitare alla tolleranza gli uomini che leggeranno.[163][164]

Voltaire al lavoro

Anche il naturalista Buffon, pre-evoluzionista, la condivide, e sarà invece Diderot a staccarsene gradualmente dopo che i semi dell'evoluzionismo cominciano a diffondersi (anche se sarà solo nel XIX secolo con Charles Darwin che nascerà ufficialmente il concetto di selezione casuale delle specie).[165] All'epoca della formazione culturale di Voltaire, la maggioranza dei razionalisti ammettevano la divinità come garante di ordine morale e "motore immobile" dell'universo e della vita, in quanto pareva una spiegazione più semplice del materialismo ateo, propugnato ad esempio da Jean Meslier e da d'Holbach, in senso completamente meccanicista e determinista, e più cautamente da Diderot. Voltaire accetta l'idea teologica di Newton, John Locke e David Hume, per cui, se in certi frangenti è difficile credere, è comunque un'idea accettabile, allo stato delle conoscenze dell'epoca. Solo con la scoperta dell'evoluzione darwiniana e la teoria cosmologica del Big Bang, questa molto successiva a Voltaire, molti scienziati e filosofi razionalisti abbandoneranno il deismo per l'agnosticismo e lo scetticismo.[166]. Voltaire critica razionalmente anche i testi biblici, mettendo in dubbio la storicità e la validità morale di gran parte dei testi. Il suo approccio generale è ispirato a quello di alcuni riformatori come i sociniani, ma l'attitudine profondamente scettica del pensatore francese lo separa però sia da Locke che dai teologi unitariani come appunto Fausto Socini, oltre che da Rousseau, deista tendente al calvinismo, e sostenitore di una religione civile "imposta" per legge, cioè religione di stato, che invece Voltaire considera inutile e ingiusta, se ciò genera oppressione e volenza verso altri culti.[167]

La polemica anticlericale[modifica | modifica sorgente]

(FR)
« Écrasez l'Infâme[168] »
(IT)
« Schiacciate l'infame »

Obiettivo principale di Voltaire e di tutto il suo pensiero, o, se si vuole, la missione della sua vita, è l'annientamento della Chiesa cattolica (che lui chiama l'infame, anche se utilizza questo termine con riferimento ad ogni spiritualità forte, che senza mezzi termini ritiene semplicemente fanatismo religioso),[169] egli infatti tenta di demolire il cattolicesimo per proclamare la validità della religione naturale.[170] In una lettera a Federico II del 1767, scrive riferendosi al cattolicesimo: "La nostra [religione] è senza dubbio la più ridicola, la più assurda e la più assetata di sangue mai venuta ad infettare il mondo".[171]

La sua fede nei principi della morale naturale mira ad unire spiritualmente gli uomini al di là delle differenze di costumi e di usanze. Proclama quindi la tolleranza contro il fanatismo e la superstizione (che stanno «alla religione come l'astrologia all'astronomia»[172]) nel "Trattato sulla tolleranza" (1763), nonché la laicità tramite molti scritti anticlericali: uno dei suoi obiettivi è la completa separazione tra Chiesa e Stato, ad esempio con l'istituzione del matrimonio civile.[173] Voltaire era solito firmare la fine delle sue lettere con "Écrasez l'infame", (schiacciate l'infame), in seguito lo abbreviò con Ecr. L'inf..[174] Per liberare le religioni positive da queste piaghe è necessario trasformare tali culti, compreso il cristianesimo, nella religione naturale, lasciando cadere il loro patrimonio dogmatico e facendo ricorso all'azione illuminatrice della ragione.[135]

Dal cristianesimo primitivo Voltaire accetta alcuni insegnamenti morali,[175] ovvero la semplicità, l'umanità, la carità, e ritiene che voler ridurre questa dottrina alla metafisica significa farne una fonte di errori. Più volte infatti il parigino, elogiando la dottrina cristiana predicata da Cristo e dai suoi discepoli (anche se dubita della veridicità dei racconti evangelici), addebiterà la degenerazione di questa in fanatismo, alla struttura che gli uomini, e non il Redentore, hanno dato alla chiesa.[176] Il Cristianesimo, se vissuto in maniera razionale, senza dogmi, riti, miracoli, clero e fede cieca, nel pensiero di Voltaire coincide con la legge di natura.[177][178]

Jacques Augustin Catherine Pajou, Voltaire che legge, olio su tela, 1811

Contro il cristianesimo moderno e la concezione "materialistica"[modifica | modifica sorgente]

Voltaire porta avanti una doppia polemica, contro l'intolleranza e la sclericità del cattolicesimo, e contro l'ateismo e il materialismo[179], sebbene gran parte della sua speculazione parta da elementi materiali.[180] «Voltaire non si sente l'animo di decidersi né per il materialismo né per lo spiritualismo. Egli ripete spesso che "come non sappiamo che cosa sia uno spirito, così ignoriamo cosa sia un corpo"».[181] Il filosofo dirà che "l'ateismo non si oppone ai delitti ma il fanatismo spinge a commetterli"[182], anche se concluderà poi che essendo l'ateismo quasi sempre fatale alle virtù, in una società è più utile avere una religione, anche se fallace, che non averne nessuna. È principalmente un problema etico, sulla religione come "instrumentum regnii", e come coscienza del popolo e del re,[183] oltre che l'utilizzo della nozione di Dio come una sorta di "motore primo" della creazione.[184] Voltaire crede che la colpa non sia però degli atei espliciti e convinti (ed è molto più sfumato nei giudizi verso il generico panteismo o l'irreligiosità), ma delle religioni rivelate, principalmente del cristianesimo, che, rendendo odioso il loro Dio, hanno spinto a negarlo del tutto.[185] La religione razionale può essere utile a mantenere l'ordine nel popolo ignorante, come già ricordava Niccolò Machiavelli, che pure non vi credeva.[186] La superstizione è ritenuta sbagliata e ridicola, a meno che non serva ad evitare che il popolo divenga intollerante e ancora più dannoso; Voltaire teme difatti, come un superstizioso intollerante, anche un ateo violento e intollerante, affermando che l'ateo morale (di cui parla invece d'Holbach), è cosa molto rara. Fa anche l'esempio delle religioni e delle credenze pagane, che spesso svolgevano una funzione morale ed erano personificazioni di principi e comportamenti, pur essendo ridicole anch'esse agli occhi di un filosofo. Afferma che "Les lois veillent sur les crimes connus, et la religion sur les crimes secrets" (la legge vigila sui crimini conosciuti, la religione su quelli segreti).[187]

Non solo il cristianesimo, soprattutto il cattolicesimo, ma ogni religione rivelata, è solo una superstizione inventata dall'uomo, ed è ormai troppo corrotta perché si possa recuperare in pieno.[188][189] Secondo il giornalista cattolico Vittorio Messori l'antipatia di Voltaire per la chiesa cattolica era manifesta e costante: nel 1773 egli si spinse ad affermare la vicina fine del Cristianesimo:[190]

« Nella cultura nuova, non ci sarà futuro per la superstizione cristiana. Io vi dico che, tra vent'anni, il Galileo sarà spacciato »
(citazione attribuita a Voltaire)

Quasi ironicamente, la casa parigina di Voltaire divenne un deposito della Società Biblica protestante di Francia.[191]

Voltaire attacca anche, nelle sue opere, l'Islam e altri culti non cristiani, ad esempio in Maometto ossia il fanatismo e in Zadig.

Una cena di filosofi o La santa cena del patriarca di Jean Huber. Al tavolo di Voltaire a Ferney si vedono alcuni suoi amici e colleghi, tra cui Denis Diderot (l'uomo seduto di profilo a destra)

Per spiegare il male, Voltaire afferma che accade per colpa dell'uomo, che combatte guerre e cede a fanatismo e violenza o è insito nella natura delle cose, ma il progresso e il lavoro umano lo attenuerà per quanto possibile.[192][193] Del resto, scrive, "sarebbe strano che tutta la natura, tutti gli astri obbedissero a delle leggi eterne, e che vi fosse un piccolo animale alto cinque piedi che, a dispetto di queste leggi, potesse agire sempre come gli piace solo secondo il suo capriccio". Sull'immortalità dell'anima e sull'esistenza di una vita dopo la morte, invece, Voltaire è più ambiguo, e mantiene una posizione di agnosticismo, evitando di pronunciarsi esplicitamente su questo argomento.[194]

Degna di menzione è la polemica che Voltaire porterà avanti contro Blaise Pascal, che diventerà soprattutto polemica contro l'apologetica e il pessimismo cristiano in genere. Voltaire dice di prendere le difese dell'umanità contro quel "misantropo sublime", che insegnava agli uomini ad odiare la loro stessa natura. Più che con l'autore delle "Provinciales", egli dice di scagliarsi contro quello dei "Pensées", in difesa di una diversa concezione dell'uomo, del quale sottolinea piuttosto la complessità dell'animo, la molteplicità del comportamento, affinché l'uomo si riconosca e si accetti per quello che è, e non tenti un assurdo superamento del suo stato.[195]

In conclusione si può asserire che entrambi i filosofi riconoscono che l'essere umano per la sua condizione è legato al mondo, ma Pascal pretende che egli se ne liberi e se ne distolga, Voltaire vuole che la riconosca e l'accetti: era il mondo nuovo che si scagliava contro il vecchio.[195]

Etica e animali[modifica | modifica sorgente]

Stampa del 1795 circa che raffigura Voltaire al suo tavolo di lavoro al Sanssouci di Federico II.

Tra gli argomenti polemici di Voltaire vi è un deciso attacco all'idea teologica della differenza essenziale e sovrannaturale fra l'essere umano e gli animali e della superiorità di diritto divino da parte dell'uomo nei confronti dell'intera natura.[196] Partendo da questa critica, lo scrittore condanna la vivisezione e i tormenti inflitti agli animali d'allevamento, mostrando simpatia per il vegetarismo dei pitagorici, di Porfirio e di Isaac Newton.[196] La questione della crudeltà verso gli animali e del vegetarismo è affrontata da Voltaire in parecchie opere, dagli Elementi della filosofia di Newton al Saggio sui costumi (nel capitolo sull'India), e anche in Zadig, nel Dizionario filosofico[197] , in La principessa di Babilonia e specialmente nel Dialogo del cappone e della pollastrella.[196]

Voltaire – che può essere considerato, sotto questo aspetto, un precursore di Jeremy Bentham[198] – pone aspramente in discussione le posizioni cartesiane che riducevano l'animale ad una macchina senza coscienza. Nel Dizionario filosofico[199] , egli sottolinea quale vergogna sia stata «aver detto che le bestie sono macchine prive di coscienza e sentimento»[200] e, rivolgendosi al vivisettore che seziona un animale nella più assoluta indifferenza, gli chiede: «tu scopri in lui gli stessi organi di sentimento che sono in te. Rispondimi, meccanicista, la natura ha dunque combinato in lui tutte le molle del sentimento affinché egli non senta?».[200]

Voltaire e la storiografia umana[modifica | modifica sorgente]

« Cosa ha prodotto dunque il sangue di tanti milioni di uomini, il saccheggio di tante città? Nulla di grande, nulla di considerevole (...) quasi tutta la Storia non è che una lunga sequenza di inutili atrocità »
(Voltaire, Saggio sui costumi)
Voltaire anziano
Jean Huber, La sveglia di Voltaire (1768-1772). Il filosofo è raffigurato in un momento della sua vita quotidiana a Ferney, mentre si veste, e comincia di buon mattino a dettare la corrispondenza al suo segretario. Un'altra versione del ritratto raffigura la scena più ampia, con la presenza di uno dei cani di Voltaire.

Voltaire fu uno dei più celebri storici del suo secolo.[201] Le concezioni filosofiche di Voltaire sono inscindibili dal suo modo di fare storia. Infatti egli vuole trattare questa disciplina da filosofo, cioè cogliendo al di là della congerie dei fatti un ordine progressivo che ne riveli il significato permanente.

Dalle sue grandi opere storiche (Historie de Charles XII del 1731, Les siecle de Louis XIV del 1751, Essai sur les moeurs et l'esprit des nations del 1754-1758), nasce una storia "dello spirito umano", ovvero del Progresso inteso come il dominio che la ragione esercita sulle passioni, nelle quali si radicano i pregiudizi e gli errori, infatti l’Essai presenta sempre come incombente il pericolo del fanatismo. La filosofia della storia di Voltaire inaugura, dopo il precursore Giambattista Vico, il cosiddetto "storicismo", per cui la realtà è storia, calata nel suo contesto, e immanenza.[202]

La storia non è più orientata verso la conoscenza di Dio, problema filosofico, non è questo lo scopo dell'uomo, il quale deve invece dedicarsi a capire e a conoscere sé stesso fino a che la scoperta della storia si identifichi con la scoperta dell'uomo. La storia è diventata storia dell'Illuminismo, del rischiaramento progressivo che l'uomo fa di sé stesso, della progressiva scoperta del suo principio razionale. A volte, però, sacrifica la perfetta veridicità, come quando applica la filosofia alla storia, per semplificare alcuni concetti e renderli chiari.[203][204]

Il reale e l'ironia voltairiana[modifica | modifica sorgente]

Shaftesbury disse che non c'è miglior rimedio del buon umore contro la superstizione e l'intolleranza e nessuno mise in pratica meglio di Voltaire questo principio; infatti "il suo modo di procedere si avvicina a quello di un caricaturista, che è sempre vicino al modello da cui parte, ma attraverso un gioco di prospettive e di proporzioni abilmente falsate, ci dà la sua interpretazione". Per Voltaire, nonostante ci sia sempre del buono che ha impedito la totale autodistruzione del genere umano, lungo la storia e nel presente si vedono enormi ingiustizie e tragedie, e l'unico modo per affrontare il male con lucidità, è quello di riderne, anche cinicamente, tramite un umorismo che ridicolizzi l'ottimismo consolatorio e teorico, scaricando attraverso l'ironia e la satira, fiorente nel Settecento, la tensione emotiva, anziché dirottarla sul sentimento, come faranno i romantici.[205]

L'umorismo, l'ironia, la satira, il sarcasmo, l'irrisione aperta o velata, sono da lui adoperati di volta in volta contro la metafisica, la scolastica o le credenze religiose tradizionali. Ma talvolta, questo semplicizzare ironicamente certe situazioni, lo porta a trascurare o a non cogliere aspetti molto importanti della storia.[206][207]

Accuse di razzismo, eurocentrismo e altre critiche[modifica | modifica sorgente]

Illustrazione dal Candido di Voltaire: Candido e Cacambo incontrano uno schiavo nero in Suriname

La filosofia, per Voltaire, deve essere lo spirito critico che si oppone alla tradizione per discernere il vero dal falso, bisogna scegliere tra i fatti stessi i più importanti e significativi per delineare la storia delle civiltà. In conseguenza Voltaire non prende in considerazione i periodi oscuri della storia, ovvero tutto ciò che non ha costituito cultura secondo l'Illuminismo, ed esclude dalla sua storia "universale" i popoli barbari, che non hanno apportato il loro contributo al progresso della civiltà umana.

Emblematici, tra i passi di certa attribuzione, alcune tesi del Trattato di Metafisica (1734)[208], in cui chiaramente esprime la sua tesi sull'inferiorità della razza "negra", che avrebbe avuto origine da amplessi tra uomini e scimmie: in realtà non faceva che riprendere le tesi maggioritarie tra gli scienziati dell'epoca, allo stesso modo in cui riteneva anormale e sbagliata l'omosessualità: nel Dizionario filosofico si esprime contro la pederastia, chiamata "amore socratico"[209] (d'altro canto ebbe rapporti di amicizia, seppur burrascosi e intervallati da clamorosi litigi, con Federico II, che lo stesso Voltaire considerava avesse tendenze omosessuali[210]); afferma anche l'inferiorità degli africani rispetto a scimmie, leoni, elefanti oltre che agli uomini bianchi. Espresse anche, pur deridendo e criticando spesso i gesuiti per il loro presunto regno in Paraguay, un'opinione parzialmente positiva delle riduzioni, dove la compagnia istruiva e armava gli indios, in quanto così li sottraeva allo schiavismo, anche se asservendoli ad una teocrazia che eliminava il "buon selvaggio", in cui, peraltro, Voltaire non aveva molta fiducia, a differenza di Rousseau, anche se considerava gli uomini non contaminati come "migliori" e naturali, e non malvagi in origine, così come innocenti sono nell'infanzia.[211][212]

Sullo schiavismo[modifica | modifica sorgente]

Nel Saggio sui costumi afferma di considera gli africani inferiori intellettualmente, motivo per cui sono ridotti "per natura" in schiavitù, poiché, aggiunge, «un popolo che vende i propri figli è moralmente peggiore di uno che li compra».[213][127] Nonostante certe affermazioni razziste che si trovano sparse nelle sue opere, Voltaire depreca la crudeltà e gli eccessi dello schiavismo, come si vede nel capitolo XIX di Candido, in cui fa parlare delle sue disgrazie uno schiavo nero, il quale viene mostrato avere una mente razionale, umana e niente affatto "bestiale", mentre il protagonista Candido simpatizza decisamente per lui.[214] A differenza di ciò che dicono alcune leggende metropolitane, diffuse da falsari anti-illuministi e filo-clericali nel XIX secolo, secondo cui tenne corrispondenza con i negrieri[215], non investì mai i suoi capitali in imprese schiavistiche o colonialiste, limitandosi ad essere l'armatore o il finanziatore di navi commerciali in America del Sud.[216][217] Si trovano anzi alcuni passaggi in cui attacca la tratta degli schiavi e l'uso della schiavitù: nel Commentaire sur l’Esprit des lois (1777) si congratula con Montesquieu per aver «chiamato obbrobrio questa odiosa pratica», mentre nel 1769 aveva espresso entusiasmo per la liberazione dei propri schiavi effettuata dai quaccheri, nelle Tredici Colonie dell'America del Nord.[127]

Ebraismo[modifica | modifica sorgente]

Alcuni brani del Dizionario filosofico non sono affatto teneri contro gli Ebrei:

(FR)
« Article "Anthropophage" :"Pourquoi les Juifs n’auraient-ils pas été anthropophages ? C’eût été la seule chose qui eût manqué au peuple de Dieu pour être le plus abominable peuple de la terre."

Article «Juifs» :"Vous ne trouverez en eux qu’un peuple ignorant et barbare, qui joint depuis longtemps la plus sordide avarice à la plus détestable superstition et à la plus invincible haine pour tous les peuples qui les tolèrent et qui les enrichissent. Il ne faut pourtant pas les brûler." »

(IT)
« "Antropofago":Perché i giudei non sarebbero stati antropofagi? Questa fu la sola cosa che mancò al popolo di Dio per essere il più abominevole popolo della terra.[218]

"Giudei": Voi non troverete in essi che un popolo ignorante e barbaro, che raggiunse dopo lungo tempo la più sordida avarizia e la più detestabile superstizione e il più invincibile odio per tutti i popoli che li tollerano e li arricchiscono. Ma non per questo bisogna mandarli al rogo.[219] »

In altre occasione però li considera meglio di certi cristiani, poiché più tolleranti in campo religioso:

« Né gli egiziani, né gli stessi giudei, cercavano di distruggere l'antica religione dell'Impero; non correvano per le terre e per i mari a far proseliti: pensavano solo a far quattrini. Mentre è incontestabile che i cristiani volevano che la loro fosse la religione dominante. Gli ebrei non volevano che la statua di Giove stesse a Gerusalemme; ma i cristiani non volevano ch'essa stesse in Campidoglio. San Tommaso ha il coraggio di confessare che, se i cristiani non detronizzarono gli imperatori, fu solo perché non ci riuscirono. »
(Dizionario filosofico, Tolleranza[220])

e nei capitoli XII e XII (quest'ultimo intitolato Estrema tolleranza degli ebrei) del Trattato sulla tolleranza arriva anche ad elogiarli in parte[221]:

« È vero che, nell’Esodo, nei Numeri, nel Levitico, nel Deuteronomio, ci sono delle leggi severissime sul culto, e dei castighi ancora più severi. (...)Mi pare sia abbastanza evidente nelle Sacra Scrittura che, malgrado la punizione straordinaria ricevuta dagli ebrei per il culto di Apis, essi conservarono a lungo una libertà totale: può anche darsi che il massacro di ventitremila uomini che fece Mosè per il vello eretto da sua fratello, gli abbia fatto capire che con il rigore non si otteneva nulla, e che fosse stato obbligato a chiudere un occhio sulla passione del popolo per gli dei stranieri. (...) Lui stesso sembra presto trasgredire la legge che ha dato. Aveva proibito qualsiasi simulacro, tuttavia eresse un serpente di bronzo. La stessa eccezione alla legge si ritrova poi nel tempio di Salomone: questo principe fa scolpire dodici buoi a sostegno della grande vasca del tempio; nell’arca sono posti dei cherubini; hanno una testa di aquila e una testa di vitello; e con ogni probabilità fu questa testa di vitello mal fatta, trovata nel tempio dai soldati romani, che fece a lungo credere che gli ebrei adorassero un asino. Il culto degli dei stranieri è proibito invano; Salomone è sicuramente idolatra»
(Trattato sulla tolleranza, XII)
Incisione raffigurante Voltaire
« E così, dunque, sotto Mosè, i giudici, i re, voi vedrete sempre degli esempi di tolleranza. (...)In poche parole, se si vuole esaminare da vicino l’ebraismo, ci si stupirà di trovarvi la più grande tolleranza tra gli orrori più barbari. È una contraddizione, è vero; quasi tutti i popoli si sono governati con delle contraddizioni. Felice quello che pratica dei costumi miti quando si hanno delle leggi di sangue! »
(Trattato sulla tolleranza, XIII)

Voltaire qui elogia la tolleranza pratica degli ebrei, a dispetto della loro religione "intollerante"; gli ebrei pacifici e secolarizzati hanno diritto di vivere tranquilli, ma non sarebbe così se seguissero alla lettera le prescrizioni religiose:

« Sembra che gli Ebrei abbiano più diritto degli altri di derubarci e di ucciderci: infatti, benché ci siano cento esempi di tolleranza nell’Antico Testamento, tuttavia vi sono anche esempi e leggi di rigore. Dio ordinò loro talvolta di uccidere gli idolatri, e di risparmiare solo le figlie nubili: essi ci considerano idolatri, e anche se noi oggi li tollerassimo, potrebbero bene, se fossero loro a comandare, non lasciar al mondo che le nostre figlie. Sarebbero soprattutto assolutamente obbligati ad assassinare tutti i Turchi, cosa ovvia; infatti i Turchi posseggono i territori degli Etei, dei Gebusei, degli Amorrei, dei Gersenei, degli Evei, degli Aracei, dei Cinei, degli Amatei, dei Samaritani. Tutti questi popoli furono colpiti da anatema: il loro paese, che si estendeva per più di venticinque leghe, fu donato agli Ebrei con successivi patti. Essi devono rientrare in possesso dei loro beni: i maomettani ne sono gli usurpatori da più di mille anni. Se gli Ebrei ragionassero così, è chiaro che non ci sarebbe altro modo di rispondere loro che mandandoli in galera. »
(Trattato sulla tolleranza, capitolo, XVIII, Gli unici casi in cui l’intolleranza è di diritto umano)

Gli ebrei sono bersaglio di ironia anche nel Candido, (in particolare per le loro presunte abitudini, come l'usura e l'avarizia, ma non per razzismo "biologico", Voltaire non considera gli ebrei "una razza", ma un popolo), benché si opponga con decisione alle persecuzioni contro di loro, e non da meno il parigino si espresse sui cristiani e sugli arabi musulmani, fatto che ha portato alcuni ad accusare Voltaire di antisemitismo o perlomeno di razzismo.[222]

Più che di antisemitismo, sarebbe più giusto, secondo alcuni, parlare di antigiudaismo, in quanto Voltaire prende di mira principalmente quella che giudica la crudeltà e l'ignoranza della religione ebraica e di certa cultura giudaica, come fanno anche altri philosophes.[223]

La studiosa di ebraismo Elena Loewenthal afferma che il testo della voce Juifs, peraltro spesso espunto da numerose edizioni del Dizionario, lascia «stupiti, colpiti, delusi» pur riconoscendo l'assenza d'invettive proprie dell'antisemitismo, trattandosi perlopiù di riprese delle posizioni di filosofi romani come Cicerone e di attacchi culturali e religiosi, non etnici. Però, quando Voltaire scrive sugli ebrei, secondo Loewenthal, l'astio va ben oltre la polemica antireligiosa, anche se il filosofo condanna esplicitamente i pogrom e i roghi d'ogni tempo; egli poi «propone agli ebrei di tornarsene in Palestina, idea che sarebbe piaciuta ai futuri sionisti se non fosse accompagnata da sarcasmi come "potreste cantare liberamente nel vostro detestabile gergo la vostra detestabile musica"».[224]

In sostanza Voltaire tollera gli ebrei che si riconoscono nelle leggi dello Stato, e sostiene la tolleranza religiosa nei loro confronti, ma non li ama per nulla.[225]

Islam[modifica | modifica sorgente]

Voltaire, come espresse numerose opinioni anticattoliche, oltre al suo noto anticlericalismo, in coerenza con la propria filosofia razionalista criticò anche l'Islam.[226][227] Nel Saggio sui costumi critica Maometto e gli arabi (pur esprimendo qualche apprezzamento per alcuni aspetti della loro civiltà)[228], già bersaglio, ad esempio nell'omonima opera teatrale Maometto ossia il fanatismo, nonché ebrei e cristiani. Nel Dizionario filosofico parla del Corano:

(FR)
« Ce livre gouverne despotiquement toute l'Afrique septentrionale du mont Atlas au désert de Barca, toute l'Égypte, les côtes de l'océan Éthiopien dans l'espace de six cents lieues, la Syrie, l'Asie Mineure, tous les pays qui entourent la mer Noire et la mer Caspienne, excepté le royaume d'Astracan, tout l'empire de l'Indoustan, toute la Perse, une grande partie de la Tartarie, et dans notre Europe la Thrace, la Macédoine, la Bulgarie, la Servie, la Bosnie, toute la Grèce, l'Épire et presque toutes les îles jusqu'au petit détroit d'Otrante où finissent toutes ces immenses possessions. »
(IT)
« Questo libro governa dispoticamente tutta l'Africa settentrionale, dai monti dell'Atlante al deserto libico, tutto l'Egitto, le coste etiopiche sull'oceano per una profondità di seicento leghe, la Siria, l'Asia minore, tutti i paesi che si affacciano sul mar nero ed il mar Caspio, fatta eccezione del regno di Astracan, tutto l'impero dell'Indostan, tutta la Persia, gran parte della Tartaria e nella nostra Europa la Tracia, la Macedonia, la Bulgaria, la Serbia, la Bosnia, tutta la Grecia, l'Epiro e quasi tutte le isole fino allo stretto d'Otranto dove finiscono questi immensi possedimenti. »
(Voltaire, ALCORAN, ou plutôt LE KORAN dal Dizionario filosofico)

Critiche si trovano sparse anche nel Candido e in Zadig. Nel detto Saggio sui costumi e lo spirito delle nazioni (francese: Essai sur les moeurs et l'esprit des nations), una panoramica dei popoli e delle nazioni senza il desiderio di scendere su dettagli statistici, Voltaire dedica:

  • il Capitolo VI ad Arabia e a Maometto[229]
  • il Capitolo VII al Corano ed alle leggi musulmane[230].

Riguardo a Maometto dice:

« dopo aver ben conosciuto il carattere dei suoi concittadini, la loro ignoranza, la loro creduloneria e la loro predisposizione all'entusiasmo, si rese conto di potersi trasformare in un profeta. Si propone di eliminare il Sabismo, che consiste nel fondere insieme il culto di Dio con quello degli astri; il giudaismo detestato da tutte le nazioni, e che aveva grande presa in Arabia; infine il cristianesimo, che conosceva solo per gli abusi di diverse sette diffuse nei paesi limitrofi al suo. »
« È probabile che Maometto, come tutti gli entusiasti, violentemente colpito dalle sue stesse idee, prima le *carica* di buona fede e poi le fortifica con dei sogni tanto che prende in giro se stesso e gli altri e sostiene infine, con delle furbate indispensabili, una dottrina che credeva buona. [...e così] si trovò alla testa di quarantamila uomini presi nel suo entusiasmo »
« di tutti i legislatori che hanno fondato una religione, è l'unico che abbia diffuso la sua con delle conquiste. Altri popoli hanno imposto ad altre nazioni i loro culti con il ferro e con il fuoco; ma nessun fondatore di una setta è mai stato un conquistatore (...) Un mercante di cammelli provoca un'insurrezione nel suo villaggio. Alcuni miserabili seguaci si uniscono a lui; li convince che egli parla con l’arcangelo Gabriele; si vanta di essere stato portato in paradiso, dove ha ricevuto in parte questo libro incomprensibile, ognuna delle cui pagine fa tremare il buon senso; per seguire questo libro, egli mette a ferro e fuoco la sua terra; taglia la gola dei padri e rapisce le figlie; concede agli sconfitti di scegliere fra la morte e l’Islam. Nessun uomo può scusare cose del genere, a meno che non sia nato turco o la superstizione non abbia estinto il suo lume. »
Dipinto di Charles Gabriel Lemonnier rappresentante la lettura della tragedia di Voltaire, in quel tempo esiliato, L'orfano della Cina (1755), nel salotto di madame Geoffrin a Rue Saint-Honoré. La grande presenza simbolica di intellettuali e personaggi gravitanti intorno al movimento illuminista, radunati attorno al busto di Voltaire, raffigura la predominanza del filosofo di Ferney sulla cultura dell'epoca; i personaggi visibili sono Rousseau, Montesquieu, Diderot, d'Alembert, Buffon, Quesnay, Richelieu, Condillac e numerosi altri.[231]
La superiorità della ragione sui "popoli barbari"[modifica | modifica sorgente]

Aspre critiche vengono da lui anche sui prussiani, sui francesi[232], definiti, "folli" (come del resto definì anche gli inglesi) e abitanti di un "paese dove le scimmie stuzzicano tigri"[233], popolo a cui lui stesso apparteneva, consentendo di sfumare parte del cosiddetto razzismo voltairiano - che mai invoca stermini e sottomissioni di popoli, per quanto "inferiori" siano - nella derisione verso chi non utilizza i "lumi" della ragione o a quella verso i generici "barbari", atteggiamento eurocentrico tipico degli intellettuali e delle persone del suo tempo[234][235]:

« Soltanto da persone illuminate può essere letto questo libro [il Dizionario filosofico, ndr]: l'uomo volgare non è fatto per simili conoscenze; la filosofia non sarà mai suo retaggio. Chi afferma che vi sono verità che devono essere nascoste al popolo non può in alcun modo allarmarsi; il popolo non legge affatto; lavora sei giorni la settimana e il settimo va al cabaret. In una parola, le opere di filosofia non son fatte che per i filosofi, e ogni uomo onesto deve cercare di essere filosofo, senza vantarsi di esserlo.[236] »
Il monumento marmoreo dedicatogli nel Panthéon è tra le rarissime statue che ritraggono un soggetto sorridente; in effetti Voltaire, in omaggio alla sua ironia, è rappresentato quasi sempre sorridente.

Voltaire simbolo dei Lumi[modifica | modifica sorgente]

In generale Voltaire ha rappresentato l'Illuminismo, con il suo spirito caustico e critico, il desiderio di chiarezza e lucidità, il rifiuto del fanatismo superstizioso, con una ferma fiducia nella ragione, ma senza inclinazioni eccessive all'ottimismo e alla fiducia nella maggior parte degli individui.[237] A questo riguardo è esemplare il romanzo satirico Candide (Candido, 1759), ove Voltaire si fa beffe dell'ottimismo filosofico difeso da Leibniz. Egli infatti accusa violentemente l'ottimismo ipocrita, il "tout est bien" e la cosiddetta teoria dei migliori dei mondi possibili, perché fanno apparire ancora peggiori i mali di origine naturale e non, che sperimentiamo, rappresentandoli come inevitabili e intrinseci nell'universo. Ad esso oppone il vero ottimismo, ovvero la credenza nel progresso umano di cui la scienza e la filosofia illuminista si fanno portatori, anche se una minima parte di quei mali sono davvero intrinseci e occorrerà comunque sopportarli.[201][238]

A Voltaire si sono ispirati moltissimi intellettuali successivi, vicini e lontani nel tempo, tra cui, anche in minima parte: Thomas Jefferson, Benjamin Franklin, Maximilien de Robespierre[239], il Marchese de Sade[240], Condorcet, Cesare Beccaria, Alfieri[241], Leopardi[242], Kant[243], Schopenhauer[244], Nietzsche[245], Victor Hugo[246], Benedetto Croce[247] e molti altri.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Opere di Voltaire.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Cronologia riassuntiva della vita e delle opere di Voltaire

Voltaire crono italian language.jpg

Commemorazioni[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

George Arliss nei panni di Voltaire

Un film sulla vita dello scrittore e filosofo francese, intitolato semplicemente Voltaire fu girato nel 1933 da John G. Adolfi; lo scrittore era in questo film interpretato dall'attore inglese George Arliss. La figura di Voltaire appare in altri film e serie televisive ambientate nella sua epoca, come Jeanne Poisson, Marquise de Pompadour del 2006.

Diversi film furono inoltre tratti dalle sue opere, in particolare dal Candido.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  2. ^ Voltaire. Lo scandalo dell'intelligenza, introduzione. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  3. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Superstizione, Tolleranza
  4. ^ Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  5. ^ Ricardo J. Quinones, Erasmo e Voltaire. Perché sono ancora attuali, Armando editore, 2012, pag 38, nota 5; disponibile su Google libri
  6. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Prete; voce Religione
  7. ^ Voltaire e Rousseau protagonisti della rivoluzione. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  8. ^ "Annamaria Battista ha documentato come l'antienciclopedismo di Robespierre avesse indotto quest'ultimo a bollare «con brutalità incisiva Diderot, D'Alembert e Voltaire come "intriganti ipocriti", implacabili avversari del grande Rousseau» e come ciò sia riconducibile al "materialismo" della posizione degli enciclopedisti al quale Robespierre contrapponeva la "religiosità" rousseauiana" in Giuseppe Acocella, Per una filosofia politica dell'Italia civile, disponibile su Google books
  9. ^ Introduzione a Il caso de La Barre, lettera di Voltaire a Cesare Beccaria. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  10. ^ Nella sua fase detta "illuministica", Nietzsche dedica a Voltaire il libro Umano, troppo umano
  11. ^ Lorenzo Giusso, Voltaire, in Enciclopedia Italiana (1937): nella voce viene accolta l'ipotesi, affermando esplicitamente che Voltaire nacque a Parigi il 20 febbraio 1694
  12. ^ Davidson 2010, pagg. 1-2
  13. ^ a b L'illuminato Voltaire
  14. ^ Petri Liukkonen, Voltaire, pseudonyme de François-Marie Arouet
  15. ^ Davidson 2010, pagg. 3-11
  16. ^ Andrea Calzolari - Introduzione a Candido edizioni Oscar Classici Mondadori
  17. ^ Nel caso in cui fosse realmente figlio illegittimo, si potrebbe facilmente spiegare il ritardato battesimo: vedi sopra.
  18. ^ Andrea Calzolari, Biografia di Voltaire dal Candido, Oscar Mondadori
  19. ^ Davidson 2010, pagg. 12-20; 25-30
  20. ^ La duchessa di Berry, vedova, era allora in avanzato stato di gravidanza - il padre del figlio era uno dei suoi amanti - e si era ritirata al castello de la Muette per partorire
  21. ^ Calzolari, Biografia nel Candido Mondadori
  22. ^ Davidson 2010, pagg. 30-33
  23. ^ Vita e opere di Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  24. ^ Voltaire: la vita e le opere. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  25. ^ The life of Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  26. ^ Davidson 2010, pagg. 40-55
  27. ^ a b c d e f g h i j Sambugar-Salà
  28. ^ Davidson 2010, pagg. 56-58
  29. ^ Calzolari, Biografia
  30. ^ City of Westminster: placche verdi. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  31. ^ Davidson 2010, pagg. 58-65
  32. ^ Il discorso su Shakespeare, commento di Giuseppe Baretti. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  33. ^ Isaac Newton. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  34. ^ Davidson 2010, pagg. 65-74
  35. ^ Davidson 2010, pagg. 70-74
  36. ^ Davidson 2010, pagg. 74-86
  37. ^ Voltaire, biografia e opere. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  38. ^ Davidson 2010, pagg. 88-89
  39. ^ Lettera di Voltaire a Jean Baptiste Rousseau, c. 1 March 1719
  40. ^ Davidson 2010, pagg. 88-95
  41. ^ Calzolari Biografia
  42. ^ François-Marie Arouet dit Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  43. ^ Holmes, Richard (2000). Sidetracks: explorations of a romantic biographer. HarperCollins. pp. 345–366. and "Voltaire's Grin" in New York Review of Books, 30 November 1995, page. 49–55
  44. ^ Davidson 2010, pagg. 94-95
  45. ^ Davidson 2010, pagg. 99-109
  46. ^ Davidson 2010, pagg.102-120
  47. ^ The works of Voltaire. URL consultato il 9 gennaio 2014.
  48. ^ Davidson 2010, pagg. 239
  49. ^ Davidson 2010, pagg. 120-185
  50. ^ Davidson 2010, pagg. 205-210
  51. ^ Davidson 2010, pagg. 205-225
  52. ^ L'Età degli Asburgo di Spagna (1535-1707), a cura di Giorgio Politi
  53. ^ Davidson 2010, pag. 443google books
  54. ^ Voltaire, Epistolario e Memorie
  55. ^ Davidson 2010, pagg. 220-238
  56. ^ a b c d e Biografia di Voltaire, Introduzione a Candido, Oscar Classici Mondadori
  57. ^ Davidson 2010, pagg. 239-245
  58. ^ già al ritorno dall'Inghilterra, aveva investito denaro presso i banchieri Paris, guadagnando molto dalle speculazioni, e riuscendo a vivere lussuosamente per tutta la vita, anche senza i proventi del suo lavoro letterario
  59. ^ Voltaire lo colpirà con la satira "Storia del dottor Akakia", deridendolo anche in un capitolo del Candido
  60. ^ Davidson 2010, pagg. 245-263
  61. ^ Davidson 2010, pagg. 264-268
  62. ^ Davidson 2010, pagg. 269-270
  63. ^ "Fanatici papisti e fanatici calvinisti sono tutti impastati della stessa merda, intrisa di sangue corrotto" (Lettera del 1755 a d'Alembert, Epistolario di Voltaire; citata in Calzolari, Introduzione a Candido)
  64. ^ Davidson 2010, pagg. 269-279
  65. ^ Davidson 2010, pagg. 280-306
  66. ^ James Boswell, Boswell and the Grand Tour, capitolo "Voltaire e Rousseau".
  67. ^ La lettera sul terremoto di Lisbona, scritta da Rousseau a Voltaire
  68. ^ Davidson 2010, pagg. 200-203
  69. ^ Davidson 2010, pagg. 280-290; 371-390
  70. ^ a b c d e Un episodio poco noto della vita di Voltaire
  71. ^ Voltaire - lettre a Rousseau
  72. ^ Cf. Le sentiment des citoyens in una copia con annotazioni dello stesso Rousseau [1]
  73. ^ Cronologia della vita di Rousseau
  74. ^ A. Gurrado, Voltaire giudice di Jean-Jacques. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  75. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XXIII, Preghiera a Dio
  76. ^ Andrea Calzolari, Introduzione e note a Candido di Voltaire, Oscar Mondadori
  77. ^ Davidson 2010, pagg. 307-313
  78. ^ Cf. Ferdinand Brunetière, Voltaire d’après les travaux récens, Revue des Deux Mondes tome 27, 1878 [2]
  79. ^ Davidson 2010, pagg. 357-370
  80. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza
  81. ^ Davidson 2010, pagg. 314-332
  82. ^ Marquise de Pompadour Enciclopedia Britannica
  83. ^ Il caso Calas, Voltaire e la lotta per la tolleranza ovvero – Contro tutti i fanatismi
  84. ^ Davidson 2010, pag.371-391
  85. ^ Davidson 2010, pagg. 400-430
  86. ^ Massoni famosi. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  87. ^ Davidson 2010, pagg. 431-432 e segg.
  88. ^ "Benjamin Franklin...urged Voltaire to become a freemason; and Voltaire agreed, perhaps only to please Franklin."Ridley, Jasper (2002). The Freemasons: A History of the World's Most Powerful Secret Society. p. 114. ISBN 978-1-55970-654-4.
  89. ^ Davidson 2010, pagg. 258-260
  90. ^ M.J. Gaberel - Voltaire et les Genevois, da Récit complet et détaillé de l'arrivée et du séjour de Voltaire á Paris en 1778, Edouard Damilaville, 1878
  91. ^ La morte di Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  92. ^ Una spiegazione della circostanza - e del perché Voltaire tenesse tanto ad avere una sepoltura e delle esequie decorose - ricorre a un episodio che Voltaire stesso ricordò in alcune opere, tra cui anche il Candido: la morte della sua giovane e carissima amica, l'attrice Adrienne Lecouvreur, che, scomunicata come tutti gli attori dell'epoca, fu sepolta in una fossa comune. Voltaire, sarebbe stato ossessionato dall'idea di poter fare la stessa fine, e avrebbe deciso infine di firmare una confessione di fede al fine di evitare una sepoltura indegna (all'epoca i funerali e i cimiteri erano esclusivo terreno della Chiesa). Nel Candido, Voltaire fa parlare il protagonista che innorridisce di sdegno per la sepoltura della Lecouvreur ai margini della strada, "nell'immondezzaio", in quanto, chi era privo di funerale religioso, non poteva avere una vera tomba e spesso veniva gettato in una fossa comune senza alcuna cerimonia né onore, in segno di disprezzo.Cfr. La filosofia di Voltaire: ride bene chi ride ultimo. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  93. ^ L'accademico spagnolo Carlos Valverde, nel 2005, trovò nel numero XII della rivista francese Correspondance Littéraire, Philosophique et Critique (1753-1793) la notizia di una di queste presunte professioni di fede di Voltaire del 2 marzo 1778, resa nella casa del marchese di Villete, alla presenza dell'abate Mignot, nipote di Voltaire, e del marchese Villevielle, tutti e tre firmatari, in qualità di testimoni, della conversione del filosofo e della sua confessione sacramentale di mano del sacerdote M. Gauthier. cfr. Correspondance Littéraire, Philosophique et Critique VOL. 12, avril 1778, pagg.87-88. URL consultato l'8 gennaio 2014. e Correspondance littéraire, philosophique et critique. Tome 12 / par Grimm, Diderot, Raynal, Meister, etc. ; revue sur les textes originaux... par Maurice Tourneux avril 1778, pagg.87 e segg. su gallica.bnf. URL consultato l'8 gennaio 2014. Inoltre, invece di riportare il nome di battesimo, François-Marie Arouet, il documento della presunta conversione riporta lo pseudonimo Monsieur de Voltaire, in teoria non valido per i registri ecclesiastici e civili .Ecco il testo riportato:
    « COPIE DE LA PROFESSION DE FOI DE M. DE VOLTAIRE, EXIGEE PAR M. L'ABBE GAUTHIER, SON CONFESSEUR.

    «Je, soussigné, déclare qu'étant attaqué depuis quatre jours d'un vomissement de sang, à l'âge de quatre-vingt-quatre ans, et n'ayant pu me traîner a l'eglise, et M. le curé de Saint-Sulpice ayant bien voulu ajouter à ses bonnes œuvres celle de m'envoyer M. l'abbé Gauthier, prêtre, je me suis confessé à lui, et que si Dieu dispose de moi, je meurs dans la sainte religion catholique où je suis né, espérant de la misèricorde divine qu'elle daignera pardonner toutes mes fautes; et que si j'avais jamais scandalisé l'Eglise, j'en demande pardon à Dieu et à elle.

    A signé : VOLTAIRE, le 2 mars 1778, dans la maison de M. le marquis de Villette. En presence de M. l'abbé Mignot, mon neveu, et de M. le marquis de Villevieille, mon ami.- L'ABBE MIGNOT, VILLEVIEILLE.

    Nous déclarons la présente copie conforme à L'original, qui est demeuré entre les mains du sieur abbe Gauthier, et que nous avons signé l'un et l'autre comme nous signons le present certificat.

    Fait à Paris, ce 27 mai 1778. - L'ABBE MIGNOT, VILLEVIEILLE.

    L'original ci-dessus mentionné a eté presenté a M. le curé de Saint-Sulpice, qui en a tiré copie. - L'ABBE MIGNOT, VILLEVIEILLE.» »

  94. ^ Ad esempio nell'opera di Eduard Mennechet, pubblicata nel 1840 intitolata Le Plutarque Francais: vies des hommes et femmes illustres de la France (Le Plutarque Francais: vies des hommes et femmes illustres de la France T.7 pag.131 (31 della biogr. di Voltaire) su archive.org). L'articolo su Voltaire essendo di tono anticlericale, risulterebbe per tale ragione contraddittorio e non incisivo per dimostrare una supposta conversione. A pag. 31 del tomo settimo dell'opera, si riferisce come Voltaire, tornato a Parigi, dopo aver avuto una forte emorragia, facesse chiamare il sacerdote cattolico Gauthier al quale "..consegnò una dichiarazione affermante che voleva morire nella religione cattolica nella quale era nato, domandando perdono a Dio e alla Chiesa per le offese che poteva loro aver fatto..". Tale dichiarazione non è mai stata trovata. Il parroco di San Sulpicio, nella cui parrocchia Voltaire viveva, l'avrebbe giudicata tuttavia insufficiente visto chi l'aveva scritta e chi erano i testimoni. Successivamente, il filosofo, rimessosi, lasciò "la chiesa per il teatro" (ibid. poco più sotto Mais Voltaire se sentit mieux et laissa l'église pour le théatre).
  95. ^ I colloqui con Gauthier sarebbero continuati sino alla morte, avvenuta all'età di ottantatré anni, il 30 maggio 1778, dopo la quale il Gauthier, avrebbe riferito a un confratello che Voltaire ormai aveva perduto lucidità, cosa verosimile che rende ancor più discutibile una conversione che resta così, più che altro, una desiata presunzione.
  96. ^ Davidson 2010, pp. 460 e segg. riporta del rifiuto di Voltaire al sacerdote, come raccontato anche da Condorcet.
  97. ^ Stéphane Audeguy, In Memoriam, Parigi, Gallimard, p. 9-10, ISBN 978-2-07-012319-3
  98. ^ Ian Davidson, Voltaire in exile: the last years, 1753-1778, nel paragrafo riportato
  99. ^ Il fatto di ieri: 30 maggio 1778 - Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  100. ^ Davidson 2010, pag.460 cfr su google books estratto
  101. ^ pare sia solo un aneddoto non verificato quello che vuole che rispondendo alla richiesta insistita del sacerdote di rinunciare al diavolo e a riconciliarsi con Dio, fece la famosa battuta spesso riportata: "Non è tempo di farsi nuovi nemici", cfr. Voltaire o della disavventura di essere più citato che letto.
  102. ^ Almanacco: 30 maggio, muore Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  103. ^ René Pomeau, Voltaire en son temps, tome 5, p. 319.
  104. ^ Paolo Del Guercio, Voltaire e Rousseau: aneddoti. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  105. ^ Davidson 2010, pagg. 460-461
  106. ^ a b c d Del Guercio, art. cit.
  107. ^ Le ossa di Dante, il cuore di Voltaire e ora il cranio di Cartesio. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  108. ^ Stern, Jean (1938). Belle et bonne. Reine-Philiberte de Varicourt: une fervente amie de Voltaire: 1757-1822; Paris: Hachette. OCLC 83060284.
  109. ^ Davidson 2010, pagg. 418
  110. ^ Il Pantheon dei francesi. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  111. ^ Alberto Barausse, I maestri all'università: la Scuola pedagogica di Roma, 1904-1923
  112. ^ Articolo del New York Times del 1898 sulla riesumazione ed esposizione temporanea delle ossa di Voltaire e Rousseau. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  113. ^ Voltaire e Rousseau, le ragioni di un conflitto
  114. ^ a b Diego Fusaro (a cura di), Voltaire su Filosofico.net. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  115. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Libertà di pensiero
  116. ^ Candido, capitolo XXX
  117. ^ a b Voltaire, Dizionario filosofico, voce Tirannia
  118. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Persecuzione; voce Tolleranza
  119. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Stati, Governi, qual è il migliore?; voce Leggi, II; voce Tirannia
  120. ^ Voltaire, Ideés Republicaines, (1762)
  121. ^ Voltaire ne parla in Storia del parlamento di Parigi
  122. ^ Roma triumphans? L'attualità dell'antico nella Francia del '700, pag. 98. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  123. ^ Voltaire, tolleranza e libertà
  124. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap VIII, Se i Romani siano stati tolleranti; e anche nel Dizionario filosofico
  125. ^ conosciuta sotto lo pseudonimo di Stephen G. Tallentyre; la citazione è in The Friends of Voltaire, biografia del filosofo del 1906.
  126. ^ Le dieci regine delle citazioni bufala, Corriere.it, 19 marzo 2009
  127. ^ a b c Voltaire - Histoire du mond
  128. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XXV, Seguito e conclusione
  129. ^ John Stuart Mill, La libertà, Bur 1999, p. 85: «Quand'anche l'intera umanità, a eccezione di una sola persona, avesse una certa opinione, e quell'unica persona ne avesse una opposta, non per questo l'umanità potrebbe metterla a tacere: non avrebbe maggiori giustificazioni di quante ne avrebbe quell'unica persona per mettere a tacere l'umanità, avendone il potere».
  130. ^ Voltaire, François-Marie Arouet
  131. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Tolleranza
  132. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XX, Se sia utile mantenere il popolo nella superstizione
  133. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XXII, Della tolleranza universale
  134. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XI, Abuso dell'intolleranza
  135. ^ a b Voltaire, Dizionario filosofico, voce Tortura
  136. ^ Voltaire, Commento al libro "Dei delitti e delle pene", in "Grande antologia filosofica", vol, XIV, pp.570-1
  137. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Leggi, II, Leggi civili ed ecclesiastiche
  138. ^ a b c Illuminismo e pena di morte. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  139. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza
  140. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Tolleranza
  141. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Guerra
  142. ^ Candido, capitolo II
  143. ^ in Scritti politici, UTET, Torino, edizione 1976, pagg. 810, 834-837
  144. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Eguaglianza
  145. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Lusso
  146. ^ Dal Saggio sui costumi e sullo spirito delle nazioni. Cf. testo originale, capitolo CLV.[3]
  147. ^ ad esempio, Capitolo XXIII e succ. di Candido
  148. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Ateismo; voce Dio
  149. ^ Articolo di paragone tra il terremoto di Lisbona del 1755 a quello di Haiti del 2010. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  150. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Fede
  151. ^ Kennedy, Emmet (1989). A Cultural History of the French Revolution. Yale University Press. ISBN 0-300-04426-7, pag. 343-345
  152. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, Capitolo XI, "Abuso dell'intolleranza"
  153. ^ vedi tutte le teorie esposte in: Voltaire, Trattato sulla tolleranza
  154. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Dio
  155. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, Capitolo XXIII, "Preghiera a Dio"
  156. ^ il termine "teista" all'epoca era sinonimo di deista, non di "credente in un Dio rivelato", com'è usato oggi
  157. ^ Voltaire. W. Dugdale, A Philosophical Dictionary ver 2, 1843, Page 473 sec 1. Retrieved 31 October 2007.
  158. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Teismo
  159. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Destino; voce Dogmi; voce Idolo
  160. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Destino
  161. ^ Candido, capitolo V e VI
  162. ^ Introduzione al Candido, Mondadori
  163. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Grazia
  164. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, Capitolo XIII, "Preghiera a Dio"
  165. ^ La religione di Voltaire tra confessionalismo, deismo e ateismo. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  166. ^ Richard Dawkins, The Blind Watchmaker ("L'orologiaio cieco"), New York, Norton, 1986, pp. 6. ISBN 0-393-31570-3
  167. ^ R. E. Florida Voltaire and the Socinians, 1974: "Voltaire from his very first writings on the subject of religion showed a libertine scorn of scripture, which he never lost. This set him apart from Socinianism even though he admired the simplicity of Socinian theology as well as their...".
  168. ^ Voltaire citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli editore, 1980 p.456
  169. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Inquisizione; voce Superstizione; voce Tolleranza
  170. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Pietro; voce Teismo
  171. ^ Oeuvres complètes de Voltaire, Volume 7, Page 184
  172. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XX, Se sia utile mantenere il popolo nella superstizione
  173. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Leggi
  174. ^ Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  175. ^ La filosofia e la preghiera - L'Illuminismo francese. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  176. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Prete
  177. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Cristianesimo; voce Dogmi; voce Miracoli
  178. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, Capitolo XXIII, "Preghiera a Dio"
  179. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Ateismo
  180. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Materia
  181. ^ in: Gaetano Capone Braga, La filosofia francese e italiana del settecento, Edizioni delle "Pagine critiche", 1920 p.63, che cita a sua volta lo stesso Voltaire, Dizionario filosofico, voce Corpo
  182. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Ateismo
  183. ^ Il problema della religione in Voltaire. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  184. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Religione
  185. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Ateismo
  186. ^ Niccolò Machiavelli, Discorsi, "Di quanta importanza sia tenere conto della religione, ecc."
  187. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XX, Se sia utile mantenere il popolo nella superstizione
  188. ^ Era ateo Voltaire?. URL consultato l'8 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2010).
  189. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Cristianesimo; voce Pietro; voce Prete; voce Superstizione
  190. ^ Vittorio Messori, Pensare la storia, SugarcoEdizioni (2006)
  191. ^ Voltaire et la bible
  192. ^ Poema sulla legge naturale: «Ah, non avveleniamo la dolcezza che ci resta / Mi sembra di vedere dei forzati in una cella funesta / Che pur potendo soccorrersi, l'un contro l'altro accaniti / Si combattono con i ferri da cui sono incatenati.», versi che Andrea Calzolari paragona al messaggio de La ginestra di Leopardi; e il capitolo finale del Candido
  193. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Guerra; voce Necessario; voce Malvagio; voce Destino
  194. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Anima; voce Metamorfosi, Metempsicosi
  195. ^ a b Voltaire e Pascal. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  196. ^ a b c Erica Joy Mannucci, La cena di Pitagora, Carocci editore, Roma 2008, p 80.
  197. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Bestie; voce Sensazione
  198. ^ Barbara De Mori, Che cos'è la bioetica animale, Carocci 2007, p. 25.
  199. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Bestie
  200. ^ a b Citato in Barbara De Mori, Che cos'è la bioetica animale, Carocci 2007, pp. 25-26.
  201. ^ a b Calzolari, Introduzione
  202. ^ Valerio Martone, Storicismo
  203. ^ SambugarSalà
  204. ^ E. Auerbach, Mimesis, Torino, 1956
  205. ^ Andrea Calzolari, Introduzione a Candido, Oscar Classici Mondadori
  206. ^ Davidson 2010, Introd. XVIII-XX
  207. ^ SambugarSalà citano E. Auerbach, Mimemis, 1956
  208. ^ Capitolo I
  209. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Amore cosiddetto socratico
  210. ^ Mémoires pour servir à la vie de M. de Voltaire écrits par lui même / Memorie per servire alla Vita del signor Voltaire, scritte da lui medesimo [1759-60]), pagg. 8; 10-11; 31-35; 45
  211. ^ Andrea Calzolari, Note al Candido, Oscar Mondadori.
  212. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Malvagio
  213. ^ Essai sur le moeurs, capitolo 145
  214. ^ Candido, capitolo XIX, Ciò che accadde loro a Surinam e come Candido fece conoscenza con Martino
  215. ^ Jean Ehrard, Lumières et esclavage. L'esclavage colonial et l'opinion publique en France XVIIIe siècle, André Versaille éditeur (2008), p. 28
  216. ^ Domenico Losurdo, Hegel, Marx e la tradizione liberale: libertà, uguaglianza, stato, Editori Riuniti, 1988 p.95
  217. ^ Christopher L. Miller, The French Atlantic Triangle. Literature and Culture of the Slave Trade, Duke University Press (2008), p. 428.
  218. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Antropofago
  219. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Giudei
  220. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Tolleranza
  221. ^ Voltaire, Trattato sulla tolleranza, cap XII-XIII
  222. ^ Leon Poliakov, L'antisemitismo da Voltaire a Wagner
  223. ^ Salvatore Veca, Prefazione al Trattato sulla tolleranza, con Introduzione di Lorenzo Bianchi, Giunti, 1993
  224. ^ Cesare Medail, Voltaire, ovvero la tolleranza si è fermata al ghetto
  225. ^ Quel virus che dorme nel cuore dell'Europa
  226. ^ Davidson 2010, Introd. I
  227. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Cristianesimo; voce Prete
  228. ^ Il Maometto di Voltaire che offese i cattolici. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  229. ^ ESSAI SUR LES MOEURS ET L'ESPRIT DES NATIONS, CHAP. VI. -- De l'Arabie et de Mahomet in Voltaire. URL consultato il 15 giugno 2008.
  230. ^ ESSAI SUR LES MOEURS ET L'ESPRIT DES NATIONS, CHAP. VII(46). -- De l'Alcoran, et de la loi musulmane. Examen si la religion musulmane était nouvelle, et si elle a été persécutante. in Voltaire. URL consultato il 15 giugno 2008.
  231. ^ Gli altri ospiti raffigurati nel dipinto sono Gresset, Marivaux, Marmontel, Vien, La Condamine, Raynal, Rameau, mademoiselle Clairon, Hènault, Choiseul, Bouchardon, Soufflot, Saint-Lambert, il conte di Caylus, Felice, il barone di Aulne Turgot, Malesherbes, Maupertis, Mairan, d'Aguesseau, Clairault, la contessa di Houdetot, Vernet, Fontenelle, il duca di Nivernais, Crèbillon, Duclos, Helvètius, van Loo, Lekain, Lespinasse, Boccage, Réaumur, Graffigny, Jussieu e Daubenton. Assenti gli intellettuali più appartati, come il barone d'Holbach.
  232. ^ presi in giro come "bulgari" e "abari" nei primi capitoli del Candido
  233. ^ Candido, capitolo XXII
  234. ^ Carlo Ginzburg, Il filo e le tracce. Vero falso finto; google books
  235. ^ Davidson 2010, Introd. I-III
  236. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, Prefazione dell'autore
  237. ^ Davidson 2010, Introd. XX
  238. ^ Voltaire, Dizionario filosofico, voce Bene; voce Destino
  239. ^ Acocella, op. cit.
  240. ^ Guillaume Apollinaire, L'Ouvre du Marquis de Sade, Bibliothèque des Curieux, 1909, pag. 90
  241. ^ Guido Santato, Alfieri e Voltaire: dall'imitazione alla contestazione; riportato in Guido Santato, Letteratura italiana e cultura europea tra illuminismo e romanticismo ("Dénouement des lumières et invention romantique: actes du Colloque de Genève", a cura di G. Santato), disponibile su google books, pagg. 297-298
  242. ^ Introduzione alle Operette Morali, edizione Garzanti
  243. ^ Voltaire and Kant. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  244. ^ Schopenhauer e la volontà. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  245. ^ Nietzsche, op. cit.
  246. ^ V. Hugo, Oration on Voltaire
  247. ^ B. Croce, Teoria e storia della storiografia nel saggio La storiografia dell'Illuminismo, Laterza, Bari 1916

Bibliografia su Voltaire[modifica | modifica sorgente]

Edizioni e traduzioni italiane[modifica | modifica sorgente]

  • Voltaire, Dizionario Filosofico, a cura di Mario Bonfantini, Collana I Millenni n.10, Einaudi, Torino, I°ed. 10 gennaio 1950-1959; nuova ed. condotta sul testo critico, a cura di Mario Bonfantini, con uno scritto di Gustave Lanson, Collana NUE n.106, Einaudi, Torino, 1969-1980; Collana Einaudi tascabili n.294, Einaudi, Torino
  • Voltaire, a cura di Domenico Felice e Riccardo Campi, Dizionario filosofico. Tutte le voci del "Dizionario filosofico" e delle "Domande sull'Enciclopedia", Milano, Bompiani, 2013.; Testo online del Dizionario, in forma abbreviata; Testo integrale completo del Dizionario
  • Voltaire, Il Secolo di Luigi XIV, introd. di Ernesto Sestan, trad. di Umberto Morra, Collana Scrittori di Storia n.1 (diretta da Federico Chabod), Einaudi, Torino, 1951; Collana I Millenni, Einaudi, Torino, 1971-1978; con un saggio di Giovanni Macchia, Collana Tascabili.Classici n.235, Einaudi, Torino, 1994
  • Voltaire, Memorie per servire alla "Vita" del signor Voltaire, scritte da lui medesimo 1759-1760
  • Voltaire, Commentario sullo "Spirito delle leggi" di Montesquieu, Pisa, Ets, 2011.
  • Voltaire, Candido, Milano, 1988, traduzione di Riccardo Bacchelli, introduzione e note a cura di Andrea Calzolari
  • Voltaire, Correspondance, 13 voll. dall'epistolario a cura di Theodore Besterman, editi dal 1977 al 1993
  • Voltaire, Trattato sulla tolleranza. La trincea della ragione contro ogni fanatismo, edizioni Giunti-Demetra, collana Acquarelli facili e integrali, 1993. ISBN 88-7122-819-7
  • Voltaire, Stupidità del cristianesimo, edizioni Nuovi Equilibri, 2001
  • Vauvenargues-Voltaire: Correspondance 1743-1746, edita nel 2006, lettere inedite

Studi[modifica | modifica sorgente]

Biografie
  • (FR) Longchamp, Sébastien. Anecdotes sur la vie privée de Monsieur de Voltaire, texte établi par Frédéric S. Eigeldinger, présenté et annoté par Raymond Trousson, Paris: H. Champion, 2009.
  • (FR) Les vies de Voltaire: discours et représentations biographiques, XVIIIe-XXIe siècles textes réunis et présentés par Christophe Cave et Simon Davies, Oxford: Voltaire Foundation, 2008.
  • (FR) Pomeau, René, Voltaire en son temps, 5 volumes, Oxford: Voltaire Foundation, 1985-1994.
    • Vol. I. D'Arouet à Voltaire, 1985.
    • Vol. II. Avec Madame Du Châtelet: 1734-1749, 1988.
    • Vol. III. De la Cour au jardin, 1750-1759, (con Christiane Mervaud e altri), 1991.
    • Vol. IV. Ecraser l'Infâme, 1759-1770, (con Jean Balcou e altri), 1994.
    • Vol V. On a voulu l'enterrer, 1770-1791, (con André Billaz e altri), 1994.
  • Lanson, Gustave. Voltaire, (nuova edizione a cura di René Pomeau), Parigi: Hachette, 1960.
  • Besterman, Thodore. Voltaire, Milano: Feltrinelli, 1971.
  • (EN) Ian Davidson, Voltaire. A life, Pegasus, 2010.Testo disponinile
  • (EN) Davidson, Ian. Voltaire in exile: The last years (1753-1778), London: Atlantic, 2004.
  • (FR) Ménissier, Patricia. Les amies de Voltaire dans la correspondance (1749-1778), Paris: H. Champion, 2007.
  • James Boswell, Visita a Rousseau e a Voltaire. (da Boswell on the Grand Tour: Germany and Switzerland, 1764), traduzione di Bruno Fonzi, Milano: Adelphi Edizioni, 1973.
  • (EN) Evelyn Beatrice Hall, The Friends of Voltaire (1906). ISBN 1-4102-1020-0
  • (EN) Evelyn Beatrice Hall, The Life of Voltaire (1907). ISBN 1-4102-1346-3
  • (EN) Evelyn Beatrice Hall (a cura di), Voltaire In His Letters(1919). ISBN 1-4102-1195-9
Studi sulle opere letterarie
  • Calzolari, Andrea. Introduzione al "Candido" di Voltaire, Oscar Mondadori, 1988.
  • Marta Sambugar, Gabriella Salà, LM. Letteratura modulare. Per le Scuole superiori vol.1, pagine 14-21; 64-65; 280; 288-293, La Nuova Italia, 2000-2008.

Il Settecento e l'Ottocento

Studi sul pensiero filosofico
  • Alatri, Paolo Voltaire e la società del suo tempo, in Voltaire, Diderot e il "partito filosofico", Messina-Firenze: D'Anna, 1965.
  • (EN) Brooks, Richard A. Voltaire and Leibniz, Ginevra: Droz, 1964.
  • Casini, Paolo. Voltaire, in Introduzione all'illuminismo, Roma-Bari: Laterza, 1973.
  • Mattei, Silvia. Voltaire et les voyages de la raison, Paris: Harmattan, 2010.
  • (FR) Versaille, André (a cura di). Dictionnaire de la pensée de Voltaire par lui-même, Bruxelles: Editions Complexe, 1994.
Studi sul pensiero storico, religioso e politico
  • Diaz, Furo. Voltaire storico, Torino: Einaudi, 1958.
  • (EN) Gay, Peter. Voltaire's Politics. The Poet as a Realist, New Haven: Yale University Press, 1959.
  • Im Hof, Ulrich. L'Europa dell'Illuminismo, Laterza: Bari, 2005.
  • Le Brisoys Desnoiresterres, Gustave. Voltaire e la società del XVIII secolo, Parigi, 1871-1876, ristampa Ginevra: Slatkine Reprints, 1967.
  • Legarde, Michard, XVIIIe siècle, Parigi: Bordas, 1965.
  • (FR) Mervaud, Christiane. Voltaire et Frédéric II: une dramaturgie des lumières, 1736-1778, Oxford: Voltaire Foundation, 1985.
  • (FR) Pomeau, René La religion de Voltaire, Parigi: Nizet, 1969.
  • (FR) Charles Augustin de Sainte-Beuve, Causeries du lundi, Voltaire à Cirey, Parigi: Garnier, 1881.
  • Guido Santato, Alfieri e Voltaire. Dall'imitazione alla contestazione, Firenze: Olschki, 1988.
  • Sebastiano Timpanaro (a cura di), Osservazioni di Voltaire su "Il buon senso" del barone d'Holbach, Milano: Garzanti, 1985.
  • Franco Venturi, Settecento riformatore, Torino: Einaudi, 1969-1979 (sei volumi).
Studi su Voltaire e la Massoneria
  • (FR) Jean van Win, Voltaire et la franc-maçonnerie sous l'éclairage des rituels du temps, Parigi, Ed. Télètes, 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Seggio 33 dell'Académie française Successore
Jean Bouhier 1746 - 1778 Jean-François Ducis

Controllo di autorità VIAF: 36925746 LCCN: n80126267 SBN: IT\ICCU\CFIV\000105