Hugo Ball

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Jolifanto bambla o falli bambla/großiga m'pfa habla horem/egiga goramen/higo bloiko russula huju/hollaka hollala/anlogo bung/blago bung blago bung/bosso fataka/ü üü ü/schampa wulla wussa olobo/hej tatta gorem/eschige zunbada/wulubu ssubudu uluwu/ssubudu/tumba ba-umf/kusa gauma/ba - umf »
("Karavane", H.Ball, 1916)
Hugo Ball

Hugo Ball (Pirmasens, 22 febbraio 1886Sant'Abbondio, 14 settembre 1927) è stato uno scrittore, poeta e regista teatrale tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Crebbe in una famiglia cattolica. Studiò sociologia e filosofia presso le università di Monaco e Heidelberg (19061907). Nel 1910 si trasferì a Berlino, per diventare attore e collaborare con Max Reinhardt. Diventò uno degli artisti guida del movimento Dada.

Nel 1916 scrisse il Manifesto del Dadaismo, in cui scagliò dure critiche sulla società del suo tempo e il degrado in cui versava; inoltre espresse il suo dissenso verso quei filosofi del passato che asserivano di possedere la Verità ultima.

Nello stesso anno della pubblicazione del Manifesto, Ball scrisse il poema Karawane, composto con parole senza senso. Il significato di questa composizione, infatti, risiede nell'assurdità che l'assenza di senso produce, riflettendo i principi cardine del Dadaismo.

Altre opere famose sono la collezione di poesie 7 schizophrene Sonette,(IT Sette sonetti shizofrenici), l'opera drammaturgica Die Nase des Michelangelo,(IT Il naso di Michelangelo), una memoria del periodo passato a Zurigo Flight Out of Time: A Dada Diary,(IT Volo fuori dal tempo: un diario Dada), e una biografia di Hermann Hesse, intitolata Hermann Hesse. Sein Leben und sein Werk,(IT Herman Hesse. La sua vita e la sua opera) (1927).

Come cofondatore del Cabaret Voltaire a Zurigo, divenne guida del movimento Dada di Zurigo. Si ritiene che sia lui ad aver scelto il nome "Dada", prendendo una parola a caso dal dizionario. Si sposò con Emmy Hennings, un'altra esponente del movimento Dada.

La durata della sua partecipazione al dadaismo fu di circa due anni. Dopodiché lavorò per un breve periodo come giornalista per il Freie Zeitung (IT Giornale libero) di Berna. Probabilmente si ritirò nel Canton Ticino, dove si riavvicinò alla religione e visse in relativa povertà. Morì a Sant'Abbondio, Svizzera.

La sua poesia Gadji beri bimba venne successivamente adattata per la canzone I Zimbra, che si trova nell'album del 1979 dei Talking Heads Fear of Music.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Hugo Ball con Hans Arp a Pompei.
  • Hugo Ball, Flametti oder Vom Dandysmus der Armen, Suhrkamp, Frankfurt, 1989.
  • Hugo Ball, Die Flucht aus der Zeit, Zürich, Limmat, 1992.
  • Hugo Ball, Gedichte, Göttingen, Wallstein, 2007.
  • Hugo Ball, Zur Kritik der deutschen Intelligenz, Güttingen, Wallstein, 2005.
  • Hugo Ball, Flight Out of Time, University of California Press, Berkeley, 1996.
  • Hugo Ball, Flametti o Del dandismo dei poveri, Campanotto Editore, Udine, 2006.
  • Hugo Ball, La fuga dal tempo, Campanotto, Udine, 2006.
  • Hugo Ball, Critica dell'intellettuale tedesco, Campanotto, Udine, 2007.
  • Hugo Ball, "Poesie", Campanotto, Udine, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 46649 LCCN: n50019958