Chevalier de La Barre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monumento al Cavaliere de La Barre, Montmartre (Parigi)

Jean-François Lefebvre d'Ormesson, chevalier de La Barre (Férolles-Attilly, 12 settembre 1746Parigi, 1º luglio 1766), è stato un aristocratico francese giustiziato nel 1766 per non essersi tolto il cappello al passaggio di una processione e per aver detto con amici frasi ritenute blasfeme.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Jean-François Lefebvre d'Ormesson, Chevalier de La Barre, nacque nel 1746 in Francia da una famiglia aristocratica. Nel 1765 va in contrasti con un certo Belleval, il quale si ripromette di toglierlo di mezzo. L'occasione gli si presenta il 9 agosto 1765, quando un crocifisso esposto pubblicamente su un ponte ad Abbeville viene vandalizzato e non si riesce a scoprire il colpevole. Il vescovo di Amiens minaccia di scomunica chi sapesse qualcosa riguardo a quel fatto e non lo andasse a dire alla Corte Suprema di Parigi.

Belleval disse di non sapere niente a proposito del crocifisso vandalizzato, ma affermò di aver visto La Barre con due amici non togliersi il cappello durante la processione. Altre persone dissero di aver sentito La Barre bestemmiare con degli amici. Ancora altre voci identificarono i due amici di La Barre che non si erano tolti il cappello durante la processione, ovvero Gaillard d'Etallonde, di 18 anni e Moisnel, di 15. Moisnel venne assolto, ma d'Etallonde condannato alla tortura e al rogo a fuoco lento. Riuscì a sfuggire a questi supplizi con la fuga.

La Barre venne torturato per confessare, ma il tribunale non riuscì a ottenere nulla. Nel 1766 venne condannato a morte per blasfemia (ovvero non essersi tolto il cappello al passaggio di una processione e aver detto frasi blasfeme), in spregio della legge del 1666 che prescriveva solo l'ammenda e la gogna alla sesta volta e a quella del 1682, che prescriveva la pena di morte solo se al sacrilegio era accompagnato l'abuso della credulità popolare. Gli atti del processo sono riesaminati a Parigi da un apposito consiglio di venticinque giureconsulti, che confermano la sentenza (15 voti contro 10 voti). Il cavaliere è imprigionato. Il 1º luglio 1766 venne giustiziato, all'età di non ancora vent'anni. Prima dell'esecuzione è sottoposto nuovamente alla tortura: gli vengono spezzate le articolazioni delle gambe, ma viene risparmiato dall'ordine di perforargli la lingua.

Viene infine decapitato e il suo corpo è bruciato su una pira (nel rogo, secondo quanto afferma Voltaire in una lettera a Cesare Beccaria, forse fu gettata anche una copia del Dizionario filosofico trovata negli alloggi del cavaliere). Voltaire scrisse, ispirandosi al caso Calas, della famiglia Sirvet e a quello del cavaliere, il Trattato sulla tolleranza. Dei primi due casi Voltaire riuscì ad ottenere giustizia e che fosse, se non altro, riabilitata la memoria di Calas, che era stato ingiustamente trucidato e che le famiglie potessero riavere le proprie posizioni. Il terzo, cioè il cavaliere de La Barre, sarà riabilitato solo dalla Consulta di Parigi, dopo la morte del filosofo.

Commemorazione[modifica | modifica sorgente]

Al cavaliere sono intitolati una strada e alcuni monumenti. Lo studioso autodidatta e militante ateo Luigi Cascioli ha dedicato alla memoria del cavaliere de La Barre il suo libro La favola di Cristo.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 28647540 LCCN: n88627294

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie