Louis Charles Vincent Le Blond de Saint-Hilaire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Louis Charles Vincent Le Blond de Saint-Hilaire
Général de Saint-Hilaire.jpg
1766 - 22 maggio 1809
Morto a Essling
Cause della morte in combattimento
Dati militari
Paese servito Flag of France.svg Primo impero francese
Arma Cavalleria
Grado Generale di divisione
Ferite due dita perse nella battaglia di Loano
Campagne
Battaglie Assedio di Tolone

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Louis Charles Vincent Le Blond de Saint-Hilaire (Ribemont, 1766Essling, 22 maggio 1809) fu un generale francese che servì nel periodo napoleonico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale degli ussari al tempo della rivoluzione francese, partecipò all'Assedio di Tolone (1793), alla battaglia di Loano ed a quella di Castiglione, ove si guadagnò i galloni di generale di brigata[1] e dove perse in combattimento due dita.

Nel 1800 fu comandante militare della piazza di Marsiglia, quindi divenne comandante della 15adivisione militare. Combatté poi, fra l'altro, ad Austerlitz, segnalandosi in particolare nella presa dell'altura di Pratzen insieme al generale Vandamme.

Partecipò alle campagne di della quarta e della quinta coalizione. Morì nel corso di quest'ultima, nella battaglia di Aspern-Essling a seguito della perdita del piede destro, amputatogli da una palla di cannone.[2] Napoleone ne dispose l'inumazione della salma al Pantheon, insieme a quella del maresciallo Jean Lannes. Il suo nome è inciso sull'Arco di Trionfo di Parigi.[3]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce della Legion d'Onore
— promozione del 5 nevoso dell'anno XIV
Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore
«promozione del 25 pratile dell'anno XII»
Commendatore dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona Ferrea

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^
    (FR)
    « Saint-Hilaire était général à Castiglione en 1796; il se faisait remarquer par son caractère chevaleresque ; il était aimable et bon camarade, bon frère, bon parent ; il était couvert de blessures ; il aimait Napoléon depuis le siège de Toulon. On l'appelait le chevalier sans peur et sans reproche. »
    (IT)
    « Saint-Hilaire fu generale di brigata a Castiglione nel 1796; egli si faceva notare per il suo carattere cavalleresco; era persona amabile e buon camerata, buon fratello e buon genitore; era coperto di ferite; amava Napoleone dall'Assedio di Tolone. Lo chiamavano "il cavaliere senza macchia e senza paura" »
    (Napoleone all'Isola di Sant'Elena)
  2. ^ (FR) Alexandre Gourdon , Alain Guittard , Les Autographes des Généraux de l'Empire, Ed. Alain Piazzola
  3. ^ Pilastro sud, colonna 25

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Charles Mullié, Louis Charles Vincent Le Blond de Saint-Hilaire in: Biographie des célébrités militaires des armées de terre et de mer de 1789 à 1850, 1852