Léon Gambetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Léon Gambetta

Léon Gambetta (Cahors, 2 aprile 1838Ville-d'Avray, 31 dicembre 1882) è stato un politico francese.

Si mise in luce in particolare come difensore nazionale durante la guerra franco-prussiana nel 1870 e come riformatore durante il suo governo del 1881. La sua politica dinamica si è spesso scontrata con le lobby finanziarie e con il conservatorismo degli altri uomini politici. Essa è stata tuttavia una fonte di ispirazione per altri politici, in particolare per Jean Jaurès.

È stato Primo Ministro dal 14 novembre 1881 al 26 gennaio 1882.

Gioventù ed educazione[modifica | modifica wikitesto]

Il padre, dal quale si dice che avesse ereditato vigore ed eloquenza, era un droghiere genovese che aveva sposato una francese di nome Massabie. All'età di quindici anni, Gambetta perse la vista all'occhio destro in un incidente; in seguito l'occhio venne rimosso. Nonostante questo handicap si distinse nella scuola di Cahors, e nel 1857 andò a Parigi per studiare legge. Il suo temperamento vivace gli conferì una grande influenza tra gli studenti del quartiere latino, e fu presto conosciuto come un forte nemico del governo imperiale di Napoleone III.

Il governo di difesa nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso delle giornate parigine del 3 e 4 settembre 1870, che seguono la sconfitta di Sedan, Gambetta riveste un ruolo essenziale nella proclamazione della Terza Repubblica. I deputati della Senna formano un governo provvisorio, in cui a Gambetta viene affidato il ministero dell'Interno. Immediatamente revoca i prefetti del Secondo Impero e li sostituisce con dei militanti repubblicani, avvocati o giornalisti. La situazione militare, tuttavia, continua a peggiorare: Parigi e la maggioranza dei membri del governo provvisorio sono accerchiati il 19 settembre 1870.

Il pallone sul quale Gambetta raggiunse Tours

Preventivamente, alcuni ministri e deputati erano stati inviati a Tours, dove avevano formato una delegazione incaricata di rilanciare l'azione governativa in provincia. Data la scarsa autortevolezza di tale delegazione, si doveva ricorrere a una personalità di maggior spicco da far arrivare a Tours. Gambetta, dapprima reticente, riceve forti sollecitazioni da parte dei colleghi ministri; abbandona quindi Parigi a bordo di un pallone aerostatico e arriva a Tours il 9 ottobre. Il governo affida a Gambetta anche la funzione di ministro della Guerra (oltre a quella di ministro dell'Interno). Riorganizza quindi l'amministrazione, si circonda di uomini di fiducia e si prepara ad affrontare anche l'agitazione dei repubblicani radicali, forti in città come Lione, Marsiglia e Tolosa.

Membri del Governo Gambetta[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo Ministro della Repubblica Francese Successore Flag of France.svg
Jules Ferry 1881 - 1882 Charles de Freycinet

Controllo di autorità VIAF: 61559644 LCCN: n81126157