Léon Bonnat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto, 1855

Léon Joseph Florentin Bonnat (Bayonne, 20 giugno 1833Monchy-Saint-Éloi, 8 settembre 1922) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Originario di Bayonne dal 1846 al 1853 visse a Madrid, dove il padre aveva una libreria e dove studiò pittura con José de Madrazo y Agudo e Federico de Madrazo. Giunse a Parigi, nel 1854 e fu allievo di Léon Cogniet nell'École des Beaux-Arts.

La sua Resurrezione di Lazzaro gli valse il secondo Prix de Rome nel 1857. Abbandonò i soggetti storici e teatrali dopo un viaggio in Italia nel 1869 e un altro in Grecia e in Medio Oriente, preferendo scene di genere e soprattutto ritratti. Di questi ne realizzò circa duecento, tra i quali i ritratti di Louis Pasteur, Alexandre Dumas figlio, Victor Hugo, Dominique Ingres, Hippolyte Taine, Jules Ferry, Armand Fallières, Adolphe Thiers e Émile Loubet.
Suo è anche il Martirio di S. Denis, dipinto per il Pantheon di Parigi.

Nel 1880 fu nominato professore nell’École des Beaux-Arts e, l'anno dopo, membro dell’Accademia di Belle Arti di Parigi; nel 1915 fu creato cavaliere dell’Ordre national du Mérite.

Numerosi i suoi allievi: Edouard Manet, Louis Béroud, Abel Bertram, Georges Braque, Gustave Caillebotte, Raoul Dufy, Thomas Eakins, Othon Friesz, Paul de La Boulaye, Charles Laval, Raymond Lecourt, Adolphe-Frédéric Lejeune, Auguste Leroux, André Louis Mestrallet, Alphonse Osbert, Henri Pailler, Pierre-Gaston Rigaud, Henry Siddons Mowbray, Henri de Toulouse-Lautrec, Marius Vasselon, Gustav Wentzel, Marc-Aurèle de Foy Suzor-Côté, Henri-Achille Zo e molti altri.

Léon Bonnat morì nel 1922 a Monchy-Saint-Éloi, lasciando in eredità la sua collezione personale al Musée Bonnat di Bayonne, la quale porta il suo nome. Aveva vissuto 89 anni.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vincent Ducourau, Arlette Sérullaz, Dessins français du Musée Bonnat à Bayonne, Edizioni de "La Réunion des Musées nationaux", Parigi, 1979.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 19835381 LCCN: n96008046