Jules Ferry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jules Ferry

Jules François Camille Ferry (Saint-Dié-des-Vosges, 5 aprile 1832Parigi, 17 marzo 1893) è stato un politico francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Attraverso una serie di articoli (Comptes fantastiques d'Haussmann giocando sul titolo con i Racconti fantastici di Hoffmann) denunciò le speculazioni finanziarie operate dal barone Haussmann per il rinnovamento urbanistico di Parigi. Grazie a questa sua iniziativa il barone venne successivamente estromesso dai poteri concessi.

D'altra parte egli stesso, «avvocato squattrinato», divenuto sindaco di Parigi alla proclamazione della Repubblica nel settembre 1870, «riuscì a spremersi un patrimonio dalla carestia» della città assediata dai tedeschi.[1]

Fu Primo ministro due volte: la prima dal 23 settembre 1880 al 14 novembre 1881 e la seconda dal 21 febbraio 1883 al 6 aprile 1885. Dette corso all'annessione delle varie zone indocinesi sulle quali la Francia esercitava la propria influenza economica e di sfruttamento. Nella sua attività di governo promosse provvedimenti a favore della separazione fra Stato e Chiesa e per la laicità della scuola pubblica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ K. Marx, La guerra civile in Francia, 1974, p. 56.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Primo Ministro della Repubblica Francese Successore Flag of France.svg
Charles de Freycinet 1880 - 1881 Léon Gambetta I
Armand Fallières 1883 - 1885 Henri Brisson II

Controllo di autorità VIAF: 5038341 LCCN: n80164383

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie