Maria Luisa Elisabetta di Borbone-Orléans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luisa Elisabetta di Borbone-Orléans
Luisa Elisabetta di Borbone-Orléans
Luisa Elisabetta a lutto ritratta da Louis de Silvestre, Musée d'Histoire de France, Versailles
Duchessa di Berry
Nome completo Marie Louise Élisabeth d'Orléans
Nascita Reggia di Versailles, Francia, 20 agosto 1695
Morte Château de la Muette, Francia, 21 luglio 1719
Sepoltura 24 luglio 1719
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis
Padre Filippo II, Duca d'Orléans
Madre Francesca Maria di Borbone
Consorte Carlo di Francia, Duca di Berry
Figli Carlo di Francia, Duca d'Alençon
Maria Luisa Elisabetta di Francia

Maria Luisa Elisabetta di Orléans, (Marie Louise Élisabeth) (Versailles, 20 agosto 1695Parigi, 21 luglio 1719), fu un membro del casato Borbone-Orléans e principessa di sangue. Dopo il matrimonio con suo cugino il duca di Berry, divenne petite-fille de France ed assunse il trattamento di Altezza Reale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Era la figlia maggiore sopravvissuta di Filippo II di Borbone-Orléans, duca di Chartres e futuro duca di Orléans, che in seguito divenne reggente di Francia, e di sua moglie, Francesca Maria di Borbone-Francia, figlia legittimata del re Luigi XIV e della sua amante ufficiale, madame de Montespan.

Alla nascita ricevette il titolo onorifico di "mademoiselle d'Orléans", che dopo il suo matrimonio passò alla sorella minore Luisa Adelaide. Fu battezzata a Saint-Cloud il 29 luglio 1696.

Crebbe al Palais-Royal, la residenza degli Orléans a Parigi, regalo del re ai genitori di suo padre, in occasione del matrimonio del figlio. Fu molto legata al padre, che l'aveva vegliata personalmente in occasione di una sua grave malattia intorno ai sei anni. Sua nonna paterna, Elisabetta Carlotta del Palatinato, scrisse nelle sue memorie che a partire da un'età molto precoce, Luisa Elisabetta

era del tutto a modo suo, così che non è sorprendente che dovrebbe essere come un cavallo testardo".

Si ammalò ancora di vaiolo a dieci anni e rischiò di morire.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Carlo di Francia, suo marito

La madre di Maria Luisa Elisabetta, Francesca Maria di Borbone-Francia era in cattivi rapporti con la sorella maggiore Luisa Francesca di Borbone-Francia, moglie di Luigi III di Borbone-Condé, a causa del fatto che il suo matrimonio con il duca di Orléans le aveva conferito la precedenza a corte. Quando Maria Luisa Elisabetta fu a pranzo dal re, suo nonno materno, onore riservato ai fils de France, questo episodio avrebbe alimentato la rivalità esistente tra le casate dei Borbone-Orléans e dei Borbone-Condé.

La cugina, Luisa Elisabetta di Borbone-Condé fu proposta come possibile moglie per Carlo di Borbone-Francia, duca di Berry, terzogenito di Luigi, il Gran Delfino e di sua moglie, Maria Anna di Baviera. Quando si discusse in alternativa del matrimonio del duca di Berry invece con Maria Luisa Elisabetta, la zia avrebbe messo in giro la voce di una sua relazione incestuosa con il padre. Con l'aiuto della futura cognata Maria Adelaide di Savoia, moglie di Luigi duca di Borgogna, la scelta cadde su Maria Luisa Elisabetta.

Stemma di duchessa

Il matrimonio venne celebrato il 6 luglio del 1710 nel palazzo di Versailles dal cardinale di Janson. Il banchetto di nozze fu ospitato dalla duchessa di Borgogna, Maria Adelaide. Divenuta petite fille de France ebbe diritto di avere una propria corte e sua dama d'onore fu Maria Gabriella de Durfort de Lorges, moglie di duca di Saint Simon e sua dama di compagnia sua cugina Maria Anna di Borbone-Condé.

L'unione con il marito fu inizialmente felice, ma in seguito gli sposi cominciarono a litigare in pubblico. Maria Luisa Elisabetta era spesso in compagnia della cognata Maria Adelaide, duchessa di Borgogna, o presso la residenza del suocero, il castello di Meudon.

Nel luglio 1711, la giovane duchessa diede alla luce, nel castello di Fontainebleau, il suo primo figlio, una bambina, che visse solo due giorni: la sua morte fu attribuita dai medici all'incidente avuto A Melun dalla chiatta che la trasportava per il trasferimento della corte da Versailles a Fontainebleau, nel quale rischiò di perdere la vita. Nel 1713 diede alla luce un figlio maschio al quale fu conferito il titolo di duca d'Alençon, che visse solo pochi mesi. Il suo cuore fu portato presso il convento della Val-de-Grâce di Parigi dal vescovo di Sens, e il suo corpo all'abbazia di Saint-Denis. La duchessa ordinò che le governanti del figlio continuassero a ricevere il loro stipendio annuale.

In occasione del doppio matrimonio di Luigi-Enrico di Borbone-Condé, duca di Borbone con Maria Anna di Borbone-Conti (mademoiselle de Conti) e di Luigi Armando II di Borbone-Conti, principe di Conti con Luisa Elisabetta di Borbone-Condé mademoiselle de Bourbon, nello stesso anno, apparve coperta di tutti i gioielli della corona che il re le aveva prestato, per un valore di diciotto milioni di lire.

Poco dopo divenne pubblico che il duca di Berry aveva preso come amante una delle sue cameriere. A sua volta, Luisa Elisabetta prese come amante, un certo monsieur La Haye (che fece seguito a monsieur de Salvert), concependo un piano per fuggire nei Paesi Bassi.

Duchessa vedova[modifica | modifica sorgente]

Il 5 maggio 1714, il marito Carlo di Borbone-Francia morì per le lesioni interne riportate in un incidente di caccia e Luisa Elisabetta fu da questo momento conosciuta come duchessa vedova di Berry, (madame la duchesse de Berry douairière), titolo che mantenne fino alla sua morte. Il 16 giugno 1714, sei settimane dopo la morte del marito, diede alla luce, a Versailles, una bambina che morì il giorno seguente.

The Château de Madrid c 1720.

Nel 1715, alla morte del re Luigi XIV suo padre divenne reggente per il successore, Luigi XV. A Luisa Elisabetta venne dato il palazzo del Lussemburgo come sua residenza parigina e vi diede magnifici banchetti.

Nel settembre del 1715, a Luisa Elisabetta fu dato il Palazzo del Lussemburgo come sua reisdenza parigina, dove dava magnifici banchetti. Uno particolarmente fastoso venne tenuto in occasione della visita di sua zia, Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans, duchessa consorte di Lorena.

La chiusura al pubblico dei Giardini del Lussemburgo la rese impopolare ai parigini. Dopo aver nascosto le gravidanze diverse, è morta 21 luglio 1719, tre mesi dopo essere stato partorito un bambino nato del suo amore con il capitano della sua guardia, il conte di Riom. Secondo Saint-Simon l'autopsia ha rivelato che la duchessa era di nuovo incinta.

Titoli nobiliari[modifica | modifica sorgente]

  • 16951710: "Sua Altezza Serenissima" Mademoiselle d'Orléans
  • 17101714: "Sua Altezza Reale" la Duchessa di Berry
  • 17141719: "Sua Altezza Reale" la Duchessa vedova di Berry

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Maria Luisa Elisabetta di Borbone-Orléans Padre:
Filippo II di Borbone-Orléans
Nonno paterno:
Filippo I di Borbone-Orléans
Bisnonno paterno:
Luigi XIII di Francia
Trisnonno paterno:
Enrico IV di Francia
Trisnonna paterna:
Maria de' Medici
Bisnonna paterna:
Anna d'Asburgo
Trisnonno paterno:
Filippo III di Spagna
Trisnonna paterna:
Margherita d'Austria-Stiria
Nonna paterna:
Elisabetta Carlotta del Palatinato
Bisnonno paterno:
Carlo I Luigi del Palatinato
Trisnonno paterno:
Federico V Elettore Palatino
Trisnonna paterna:
Elisabetta Stuart
Bisnonna paterna:
Carlotta d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Guglielmo V d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Amalia Elisabetta di Hanau-Münzenberg
Madre:
Francesca Maria di Borbone-Francia
Nonno materno:
Luigi XIV di Francia
Bisnonno materno:
Luigi XIII di Francia
Trisnonno materno:
Enrico IV di Francia
Trisnonna materna:
Maria de' Medici
Bisnonna materna:
Anna d'Asburgo
Trisnonno materno:
Filippo III di Spagna
Trisnonna materna:
Margherita d'Austria-Stiria
Nonna materna:
Françoise-Athénaïs di Montespan
Bisnonno materno:
Gabriel de Rochechouart de Mortemart
Trisnonno materno:
Gaspard de Rochechouart
Trisnonna materna:
Louise de Maure
Bisnonna materna:
Diane de Grandseigne
Trisnonno materno:
Jean de Grandseigne
Trisnonna materna:
Catherine de La Béraudière

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 65892285 LCCN: n2006013091

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie