James Boswell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Boswell in un dipinto di Sir Joshua Reynolds

James Boswell, 9th Laird of Auchinleck (Edimburgo, 29 ottobre 1740Londra, 19 maggio 1795), è stato uno scrittore, giurista e aforista scozzese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un giudice scozzese, fu indirizzato agli studi in legge e svolse l'avvocatura dapprima presso il Foro scozzese e poi in quello inglese.

Dopo un viaggio europeo decise di stabilirsi in Scozia, dove si sposò ed ebbe due figli.

Intervistò vari personaggi, da Voltaire a Pasquale Paoli e proprio quest'ultimo lo ispirò per "Un resoconto dalla Corsica" pubblicato nel 1768 e che gli diede notorietà a livello europeo.

È conosciuto soprattutto per la sua biografia di Samuel Johnson (Vita di Samuel Johnson) pubblicata nel 1791. Il suo nome è passato nella lingua inglese ad indicare un fedele compagno ed osservatore (Boswell, Boswelliano, Boswellismo). L'opera raccoglie dati, informazioni, eventi, idee e emozioni del protagonista espressi nella forma insolita del dialogo. Attraverso l'indagine acuta del protagonista, Boswell apre al lettore la porta della società inglese del Settecento.

Dal 1777 al 1783 scrisse una settantina di saggi per il London Magazine di notevole importanza non solo per la qualità artistica e autobiografica, ma anche dal punto di vista medico, per la descrizione delle crisi depressive ed ipocondriache dell'autore.

Nel 1785 pubblicò il Diario di un viaggio alle Ebridi, resoconto del viaggio svolto assieme al Dr. Johnson.

Boswell è anche ricordato per i dettagliati e sinceri diari che scrisse per lunghi periodi della sua vita, e che rimasero inediti fino agli anni venti del XX secolo. Questi includevano voluminose note sul grand tour d'Europa che egli compì da giovane e sul giro della Scozia insieme a Johnson. Il suo diario registra anche le sue conversazioni con eminenti personalità del The Club, che includono Lord Monboddo, David Garrick, Edmund Burke, Joshua Reynolds e Oliver Goldsmith.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F.A.Pottle, The Yale Edition of the Private Papers of J.Boswell, New York, 1950

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64002337 LCCN: n79018795