Hodge (gatto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua di Hodge (con immancabile ostrica) nel cortile antistante la casa del Dr Johnson, 17 Gough Square, Londra.

Hodge era uno dei gatti di Samuel Johnson, immortalato in uno stravagante brano della Life of Johnson di James Boswell. Sebbene ci sia noto ben poco di Hodge, come la sua vita, la sua morte o qualsiasi altra informazione, ci è invece ben noto l'affetto di Johnson per il suo gatto, atteggiamento che distingueva Johnson da quello tenuto verso gli animali dalla gente del XVIII secolo.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle informazioni su Hodge ci provengono dalla narrazione di Boswell. Dal brano di seguito riportato si evince l'affezione che Johnson riservava agli animali in genere, o almeno a quelli che teneva in casa:

Non sarebbe giusto, a questo punto, passare sotto silenzio la predilezione che egli ha mostrato per gli animali che aveva preso sotto la sua protezione. Io non dimenticherò mai l'indulgenza con cui trattava Hodge, il suo gatto: per il quale egli stesso andava a comprare le ostriche, per timore che il personale di servizio seccato per quell'incombenza se la prendesse poi con quella povera bestiola. Io sono, purtroppo, uno di quelli che non hanno in simpatia i gatti, così che mi trovo a disagio quando in una camera c'è un gatto; ed io stesso ho spesso sofferto molto per la presenza dello stesso Hodge. Io lo ricordo un giorno che si arrampicava sul petto del Dr. Johnson, a quanto sembrava con grande soddisfazione, mentre il mio amico sorridente gli strofinava la schiena e lo tirava per la coda; quando feci notare che era un bel gatto, Johnson rispose, 'Certo è vero, ma io ho avuto gatti che mi piacevano più di questo;' e poi quasi accorgendosi che Hodge non era soddisfatto, aggiunse, 'ma questo è un gatto molto bello, davvero molto bello.'

Questo mi ricorda quel ridicolo racconto che egli narrò a Bennet Langton, riguardante la spregevole condizione di un giovane di buona famiglia. 'Quando ho sentito parlare di lui recentemente, mi hanno detto che andava in giro per la città sparando ai gatti.' Quindi in una sorta di benevola fantasticheria, si ricordò del suo gatto preferito e disse, 'Ma Hodge non sarà ucciso; no, no, Hodge non deve morire.'[1]

Johnson comprava le ostriche per il suo gatto. Oggigiorno, le ostriche sono un alimento costoso riservato a pochi, ma nel XVIII secolo le ostriche abbondavano lungo le coste dell'Inghilterra ed erano così a buon mercato da essere un alimento ordinario per i poveri. Johnson non permetteva che il suo cameriere, Francis Barber, andasse a comprare il cibo per Hodge, perché temeva che il cameriere, seccato per una tale incombenza, potesse prendersela con il gatto, quindi andava personalmente a comprare il cibo per Hodge.[2] Da Boswell sappiamo che Johnson andò ad acquistare la valeriana per alleviare le sofferenze di Hodge in procinto di morire.[3] Anche se Hodge non era l'unico gatto in casa di Johnson, comunque era Hodge il preferito. Hodge è stato ricordato in varie forme letterarie, da quella biografica a quella poetica. Alla sua morte, il necrologio di Hodge fu una elegia scritta da Percival Stockdale. In questa poesia le parole "sable fur" ci dicono che Hodge era di pelo nero; inoltre, il fatto che Stockdale fosse un vicino di Johnson a partire dal 1769 ci suggerisce che Hodge era vivo a quel tempo.

...[Hodge] che, quando veniva accarezzato dal suo padrone, calorosamente esprimeva la sua gratitudine, e mai mancava di ringraziare facendo le fusa, ogni volta che veniva accarezzata la sua nera pelliccia.[3]

Oggi, Hodge è ricordato da una statua in bronzo,[4] inaugurata dal Sindaco della Città di Londra nel 1997, collocata davanti alla casa di Johnson in Gough Square, Londra.[5] La statua mostra Hodge seduto su un grosso volume rappresentante il famoso Dizionario di Johnson e con un paio di gusci di ostrica vicino, l'iscrizione recita "veramente un bellissimo gatto".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Boswell, 1987 pp.1216-1217
  2. ^ Wain 1974, p. 375
  3. ^ a b c "100 Cats Who Changed Civilization: History's Most Influential Felines", Sam Stall, p. 88-89, Quirk Books, 2007, ISBN 1-59474-163-8
  4. ^ "Statua del gatto Hodge" [1]
  5. ^ "The A-Z of Samuel Johnson", BBC News, 30 March 2005, retrieved 16 June 2009 [2]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Boswell, James. Life of Johnson, (ed. R.W. Chapman), Oxford: Oxford University Press, 1987
  • Wain, John (1974), Samuel Johnson, New York: Viking Press

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

gatti Portale Gatti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di gatti