Birmingham Journal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Samuel Johnson.

Birmingham Journal
Stato Regno Unito Regno Unito
Periodicità Settimanale
Fondatore Thomas Warren
Fondazione 1732
Chiusura 1741
Sede Birmingham
Editore Thomas Warren
 
L'unica copia superstite del Birmingham Journal, datata 21 maggio 1733

Il Birmingham Journal fu il primo giornale ad essere pubblicato a Birmingham in Inghilterra. Poco si sa di questo giornale essendone rimaste poche tracce, infatti ne sopravvive una singola copia conservata nella Birmingham Central Library: il Num. 28, datato Lunedì 21 maggio 1733.[1] In base a questo reperto si presume che il primo numero risalga al 14 novembre 1732.[2]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Il giornale veniva stampato settimanalmente (il giovedì) da Thomas Warren, un uomo d'affari e libraio di Birmingham, nella sua abitazione sita sulla Swan Tavern in High Street.[3] Fra i collaboratori della redazione vi era Samuel Johnson, che alloggiava presso Warren nel 1733; gli articoli scritti per il giornale rappresentano i primi scritti originali pubblicati da parte dello scrittore.[4] James Boswell così ha scritto nella Life of Johnson:

« Il signor Warren era il più noto libraio di Birmingham, e seguì con interesse Johnson, che egli presto ritenne potesse essere di grande aiuto per la preparazione letteraria di cui era dotato nella sua attività di libraio; ottenne anche che Johnson scrivesse degli articoli da stampare nel giornale di cui Warren era proprietario. Pur essendomi interessato, non sono riuscito a recuperare alcuni di quei primi esemplari del modo in cui Johnson scriveva, quello stile col quale poi egli tanto si distinse.[5] »

La pubblicazione del Birmingham Journal terminò nel 1741.[6]

Il ruolo di Johnson[modifica | modifica wikitesto]

Non vi è alcun documento che attesti in che modo Johnson svolse un ruolo nella stesura del Journal.[3] Si sa che Johnson venne invitato da Warren a lavorare per il giornale e che Warren ammirasse la vasta preparazione di Johnson al punto da volerla utilizzare per il Journal.[3] Si sapeva nella comunità dei librai di Birmingham che Johnson faceva da "aiutante" di Warren e che scrisse diversi articoli per il giornale.[3] Tuttavia, tutto ciò non può essere verificato perché nessuno dei giornali stampati durante i mesi di collaborazione di Johnson con il Journal sono giunti sino a noi.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Johnson in Birmingham in Revolutionary Players of Industry and Innovation, Museums, Libraries and Archives - West Midlands. URL consultato il 5 gennaio 2008.
  2. ^ Harold Whates, The Birmingham Post, 1857-1957 : a centenary retrospect, Birmingham, Birmingham Post & Mail, 1957, OCLC 2671825.
  3. ^ a b c d e Walter Jackson Bate, Samuel Johnson, New York, Harcourt Brace Jovanovich, 1977, ISBN 0151792607. p. 134
  4. ^ J.D. Fleeman, A Bibliography of the Works of Samuel Johnson: 1731-59 Vol 1, Oxford, Clarendon Press, 2 marzo 2000, p. 3, ISBN 0-19-812269-1.
  5. ^ trad. da J. Boswell, Life of Johnson, 1987 p.61
  6. ^ W.B. Stephens, Economic and Social History: Social History before 1815 in A History of the County of Warwick: Volume 7: The City of Birmingham, Victoria County History, 1964, pp. 209–222.
    «There was sufficient demand, too, in the 18th century for the publication of many local newspapers. The Birmingham Journal, published by Thomas Warren, was first issued in 1732, one of its contributors being Samuel Johnson. It had ceased to exist by 1741».