Jean-Baptiste-Louis Gresset

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Baptiste-Louis Gresset

Jean-Baptiste-Louis Gresset (Amiens, 29 agosto 1709Amiens, 16 giugno 1777) è stato un poeta e drammaturgo francese. È conosciuto soprattutto per aver scritto la poesia Vert-Vert.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante gli ultimi venticinque anni della sua vita ha deplorato la frivolezza della sua giovinezza che gli ha consentito di scrivere la sua poesia più nota, Vert-Vert. Gresset fu allevato dai gesuiti di Amiens. Accettato come novizio a diciassette anni, fu mandato al Lycée Louis-le-Grand di Parigi e completati gli studi all'età di diciannove anni, fu nominato come assistente in un college di Rouen.

Gresset pubblicò Vert-Vert nel 1734 a Rouen. Questa poesia è la divertente storia di un pappagallo cresciuto in un convento di Nevers. Le suore del convento lo chiamato Vert-Vert e lo definiscono un "pappagallo devoto" perché si esprime in un linguaggio realmente cristiano. Così. Vert-Vert viene trasferito in un altro convento a Nantes grazie all'aiuto di un barcaiolo della Loira. Nel tragitto, però, il pappagallo apprende dal marinaio un linguaggio volgare e giunto a Nantes le suore decidono di rispedirlo a Nevers.

Divenuto famoso, Gresset lascia Rouen per Parigi dove scrive la sua seconda poesia, La Chartreuse. Ben presto, i padri gesuiti rimangono offesi dalle sue poesie, le quali sono considerate anticlericali e così decidono di trasferire il poeta di Amiens al collegio gesuita di La Flèche. Poco dopo questa decisione, Gresset lascia l'Ordine (30 settembre 1735) senza esser stato ordinato prete. A causa di questa difficile scelta, Gresset scriverà Adieux aux Jésuites.

Nel 1740, torna a Parigi e scrive Edouard III, una tragedia (1740) e Sidnei, una commedia (1745). A queste opere fece seguito Le Méchant, considerato da Ferdinand Brunetière come la più grande commedia in versi francese del XVIII secolo. Nel 1748, Gresset fu ammesso all'Académie française. Dopo il suo matrimonio, avvenuto nel 1751 con la figlia di un ex sindaco di Amiens, decide di ritirarsi a vita privata nella sua città natale. Muore il 16 giugno 1777.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Seggio 5 dell'Académie française Successore
Antoine Danchet 1748 - 1777 Claude-François-Xavier Millot

Controllo di autorità VIAF: 41861940 LCCN: n83041888