Parma Associazione Calcio 2000-2001

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Parma Football Club 2000-2001)
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Parma Calcio 1913.

Parma Associazione Calcio
Stagione 2000-2001
AllenatoreItalia Alberto Malesani
Italia Arrigo Sacchi[1]
Italia Renzo Ulivieri[2]
PresidenteItalia Stefano Tanzi
Serie A4º posto (in Champions League)
Coppa ItaliaFinalista
Coppa UEFAOttavi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Buffon (34)
Miglior marcatoreCampionato: Di Vaio (15)
StadioEnnio Tardini
Abbonati13 344[3]
Maggior numero di spettatori27 148 vs. Juventus (22 aprile 2001)[3]
Minor numero di spettatori14 872 vs. Udinese (12 novembre 2000)[3]
Media spettatori19 009[3]¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 17 giugno 2001

Questa voce raccoglie le informazioni del Parma Associazione Calcio nelle competizioni ufficiali della stagione 2000-2001.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2000, la società parmense cedette Hernán Crespo alla Lazio per la cifra record di 100 miliardi di lire.[4][5] Anche senza il loro centravanti, i ducali ottennero buoni risultati avanzando in Coppa UEFA.[6][7][8][9][10]

Sul fronte del campionato, un ciclo di prestazioni negative comportò - a gennaio - l'esonero di Malesani[11]; fu sostituito da Arrigo Sacchi[12], il quale lasciò l'incarico dopo poche settimane per l'accumulo - a suo dire - di eccessivo stress.[13][14] Allenata da Ulivieri, la squadra fu eliminata negli ottavi di finale dal PSV Eindhoven per i gol incassati in casa.[15][16] La domenica successiva alla disfatta europea si riscattò in campionato, ottenendo contro il Perugia una vittoria per 5-0 che corrisponde alla più larga affermazione gialloblu in Serie A.[17] Sorretto da una buona organizzazione collettiva[18], il Parma raggiunse la finale di Coppa Italia eliminando agevolmente Venezia e Inter per poi avere ragione - con più difficoltà - dell'Udinese.[19] Sconfitti dalla Fiorentina nel primo incontro[20], i ducali non andarono oltre un pareggio nel ritorno.[21] Il campionato si concluse con il quarto posto, che consentì la partecipazione ai preliminari di Champions League.[22]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Il fornitore di materiale tecnico per la stagione 2000-2001 fu Champion, mentre gli sponsor ufficiali furono Parmalat e Mr. Day.[23]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Davide Micillo
2 Italia D Luigi Sartor
3 Italia D Antonio Benarrivo
4 Ghana C Stephen Appiah
6 Argentina D Néstor Sensini
6 Italia C Dino Baggio
7 Italia C Diego Fuser
8 Francia C Sabri Lamouchi
9 Jugoslavia C Savo Milošević
10 Brasile A Márcio Amoroso
11 Portogallo C Sérgio Conceição
13 Italia C Giampiero Maini
14 Francia C Alain Boghossian
16 Brasile C Junior
17 Italia D Fabio Cannavaro
18 Francia C Johan Micoud
19 Italia D Stefano Torrisi
N. Ruolo Giocatore
20 Italia A Marco Di Vaio
21 Francia D Lilian Thuram
22 Italia A Emiliano Bonazzoli
25 Argentina C Matías Almeyda
26 Colombia C Johnnier Montaño
28 Italia D Paolo Cannavaro
29 Colombia C Jorge Bolaño
33 Italia C Gianluca Falsini
70 Camerun A Patrick Mboma
77 Italia P Gianluigi Buffon
99 Italia P Matteo Guardalben
Italia D Michele Tagliavini
Italia D Carlalberto Ludi
Brasile C Alex
Italia C Simone Basso
Italia C Alessio D'Imporzano
Italia C Manuel Saccani

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2000-2001.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Parma
1º ottobre 2000
1ª giornata
Parma2 – 2
referto
FiorentinaStadio Ennio Tardini (19000 spett.)
Arbitro:  Domenico Messina

Brescia
15 ottobre 2000
2ª giornata
Brescia0 – 0
referto
ParmaStadio Mario Rigamonti (12000 spett.)
Arbitro:  Danilo Nucini

Perugia
22 ottobre 2000
3ª giornata
Perugia3 – 1
referto
ParmaStadio Renato Curi (8000 spett.)
Arbitro:  Angelo Bonfrisco

Parma
1º novembre 2000
4ª giornata
Parma2 – 0
referto
MilanStadio Ennio Tardini (21572 spett.)
Arbitro:  Graziano Cesari

Bari
5 novembre 2000
5ª giornata
Bari0 – 1
referto
ParmaStadio San Nicola (14000 spett.)
Arbitro:  Angelo Bonfrisco

Parma
12 novembre 2000
6ª giornata
Parma2 – 0
referto
UdineseStadio Ennio Tardini (15748 spett.)
Arbitro:  Gennaro Borriello

Bologna
19 novembre 2000
7ª giornata
Bologna2 – 1
referto
ParmaStadio Renato Dall'Ara (25000 spett.)
Arbitro:  Pasquale Rodomonti

Parma
26 novembre 2000
8ª giornata
Parma2 – 0
referto
LazioStadio Ennio Tardini (24000 spett.)
Arbitro:  Roberto Rosetti

Parma
3 dicembre 2000
9ª giornata
Parma2 – 0
referto
AtalantaStadio Ennio Tardini

10 dicembre 2000
10ª giornata
Juventus1 – 0
referto
Parma

Parma
17 dicembre 2000
11ª giornata
Parma0 – 2
referto
VicenzaStadio Ennio Tardini

23 dicembre 2000
12ª giornata
Napoli2 – 2
referto
Parma

Parma
7 gennaio 2001
13ª giornata
Parma0 – 2
referto
RegginaStadio Ennio Tardini

14 gennaio 2001
14ª giornata
Inter1 – 1
referto
Parma

Parma
21 gennaio 2001
15ª giornata
Parma1 – 1
referto
LecceStadio Ennio Tardini

28 gennaio 2001
16ª giornata
Verona0 – 2
referto
Parma

Parma
4 febbraio 2001
17ª giornata
Parma1 – 2
referto
RomaStadio Ennio Tardini

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

11 febbraio 2001
18ª giornata
Fiorentina0 – 1
referto
Parma

18 febbraio 2001
19ª giornata
Parma3 – 0
referto
Brescia

25 febbraio 2001
20ª giornata
Parma5 – 0
referto
Perugia

4 marzo 2001
21ª giornata
Milan2 – 2
referto
Parma

11 marzo 2001
22ª giornata
Parma4 – 0
referto
Bari

18 marzo 2001
23ª giornata
Udinese1 – 3
referto
Parma

1º aprile 2001
24ª giornata
Parma0 – 0
referto
Bologna

8 aprile 2001
25ª giornata
Lazio1 – 0
referto
Parma

14 aprile 2001
26ª giornata
Atalanta0 – 1
referto
Parma

22 aprile 2001
27ª giornata
Parma0 – 0
referto
Juventus

29 aprile 2001
28ª giornata
Vicenza0 – 1
referto
Parma

6 maggio 2001
29ª giornata
Parma4 – 0
referto
Napoli

13 maggio 2001
30ª giornata
Reggina2 – 0
referto
Parma

20 maggio 2001
31ª giornata
Parma3 – 1
referto
Inter

27 maggio 2001
32ª giornata
Lecce1 – 2
referto
Parma

10 giugno 2001
33ª giornata
Parma1 – 2
referto
Verona

17 giugno 2001
34ª giornata
Roma3 – 1
referto
Parma

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2000-2001.

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Venezia
17 settembre 2000
Andata
Venezia1 – 1
referto
ParmaStadio Pierluigi Penzo (4311 spett.)
Arbitro:  Paolo Bertini

Parma
17 dicembre 2000
Andata
Parma5 – 1
referto
VeneziaStadio Ennio Tardini (8000 spett.)
Arbitro:  Paolo Bertini

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Parma
29 novembre 2000, ore 20:45
Andata
Parma6 – 1
referto
InterStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Alfredo Trentalange

Milano
14 dicembre 2000, ore 21:00
Ritorno
Inter0 – 0
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Riccardo Pirrone

Semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Udine
1º febbraio 2001, ore 18:00
Andata
Udinese2 – 1
referto
ParmaStadio Friuli
Arbitro:  Daniele Tombolini

Parma
8 febbraio 2001, ore 21:00
Ritorno
Parma1 – 0
referto
UdineseStadio Ennio Tardini (4500 spett.)
Arbitro:  Pasquale Rodomonti

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Parma
24 maggio 2001, ore 20:55
Andata
Parma0 – 1FiorentinaStadio Ennio Tardini (17685 spett.)
Arbitro:  Gennaro Borriello (Mantova)

Firenze
13 giugno 2001, ore 20:55
Ritorno
Fiorentina1 – 1ParmaStadio Artemio Franchi (37664 spett.)
Arbitro:  Massimo De Santis (Tivoli)

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 2000-2001.
Turno Casa Ospite Andata Ritorno
Primo turno FK Pobeda Parma 0-2 0-4
Secondo turno Parma Dinamo Zagabria 2-0 0-1
Sedicesimi di finale Parma Monaco 1860 2-2 2-0
Ottavi di finale PSV Parma 2-1 2-3

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

600px Bianco e Nero (Croce) e Blu e Giallo (Strisce).png
Presenze
  • 34: Buffon
  • 33: F. Cannavaro
  • 30: Thuram
  • 29: Lamouchi, Micoud
  • 27: Di Vaio
  • 26: Fuser
  • 25: Conceiçao
  • 23: Amoroso
  • 21: Milošević, Torrisi
  • 20: Mboma
  • 19: Junior, Sartor, Sensini
  • 16: Almeyda
  • 15: Appiah
  • 13: Falsini, Benarrivo
  • 12: Bolano, Boghossian
  • 5: Montaño
  • 4: P. Cannavaro
600px Bianco e Nero (Croce) e Blu e Giallo (Strisce).png
Marcatori
  • 15: Di Vaio
  • 8: Milošević
  • 7: Amoroso
  • 5: Conceiçao, Mboma
  • 4: Micoud
  • 3: Junior, Lamouchi
  • 1: Torrisi
600px Bianco e Nero (Croce) e Blu e Giallo (Strisce).png
Ammonizioni
  • 9: Almeyda
  • 5: Sensini, Lamouchi, Milošević
  • 4: Di Vaio, Conceiçao
  • 3: Bolano, Micoud
  • 2: Torrisi
  • 1: Appiah, Buffon, Falsini, Fuser, Junior, Sartor, Sensini, Thuram

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Subentrato dalla 14ª giornata.
  2. ^ Subentrato dalla 17ª giornata.
  3. ^ a b c d (EN) Statistiche Spettatori Serie A 2000-2001, su stadiapostcards.com. URL consultato il 12 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2018).
  4. ^ Massimo Vincenzi, Crespo alla Lazio affare da 110 miliardi, su repubblica.it, 11 luglio 2000.
  5. ^ (EN) Paddy Agnew, Crespo to join Lazio in record £36m transfer, in The Guardian, 12 luglio 2000.
  6. ^ Conceicao lancia il Parma, in la Repubblica, 15 settembre 2000, p. 67.
  7. ^ Parma s'allena con i macedoni del Pobeda: 4-0, in la Repubblica, 29 settembre 2000, p. 65.
  8. ^ Enrico Currò, I gol di Amoroso salvano Malesani, in la Repubblica, 27 ottobre 2000, p. 64.
  9. ^ Emilio Marrese, Il Parma si fa rimontare Ora ci vuole l'impresa, in la Repubblica, 24 novembre 2000, p. 63.
  10. ^ Il Parma vince a Monaco e passa il turno, su repubblica.it, 5 dicembre 2000.
  11. ^ Salta Malesani Eriksson a rischio, su repubblica.it, 8 gennaio 2001.
  12. ^ Sacchi torna in campo riparte da Parma, su repubblica.it, 9 gennaio 2001.
  13. ^ Andrea Di Nicola, Troppo stress Sacchi lascia, su repubblica.it, 1º febbraio 2001.
  14. ^ Giovanni Egidio e Emilio Marrese, Lo stress ferma Sacchi, in la Repubblica, 2 febbraio 2001, p. 12.
  15. ^ Il Parma si aggrappa alla rete di Mboma, su repubblica.it, 15 febbraio 2001.
  16. ^ Emilio Marrese, Il Parma delle follie rimonta, vince, è fuori, in la Repubblica, 23 febbraio 2001, p. 52.
  17. ^ Emilio Marrese, Con la cura Ulivieri il Parma adesso va, in la Repubblica, 26 febbraio 2001, p. 45.
  18. ^ Andrea Schianchi, Parma lancia la cooperativa del gol Già 9 giocatori a segno, in La Gazzetta dello Sport, 10 marzo 2001.
  19. ^ Parma: Ulivieri rimane un'altra stagione, su repubblica.it, 15 maggio 2001.
  20. ^ Coppa Italia, la Fiorentina espugna il Tardini, su repubblica.it, 24 maggio 2001.
  21. ^ Coppa alla Fiorentina col pareggio più bello, su repubblica.it, 13 giugno 2001.
  22. ^ Gaetano Imparato e Stefano Boldrini, «Il giorno più bello della mia vita», in La Gazzetta dello Sport, 18 giugno 2001.
  23. ^ Melegari, 2002, p. 76

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutto Campionato 2001, edizioni Panini, pagg. 66-74

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio