Associazione Sportiva Roma 1969-1970

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Sportiva Roma.

Associazione Sportiva Roma
1969–70 Associazione Sportiva Roma.jpg
Una formazione dell'AS Roma nella stagione 1969-1970.
Stagione 1969-1970
AllenatoreArgentina Helenio Herrera
PresidenteItalia Alvaro Marchini
Serie A10º posto
Coppa ItaliaQuarti di finale
Coppa delle CoppeSemifinale
Coppa di Lega Italo-IngleseFinale
Maggiori presenzeCampionato: Ginulfi, Santarini (30)
Totale: Ginulfi, Santarini (46)
Miglior marcatoreCampionato: Peiró (5)
Totale: Capello (7)
StadioOlimpico
Media spettatori50 625[1]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Sportiva Roma nelle competizioni ufficiali della stagione 1969-1970.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione segna l'addio, per volontà di Herrera, del capitano Giacomo Losi, che, dopo anni di militanza con la maglia giallorossa, non vuole più vestire nessun'altra maglia e si ritira dal mondo del calcio rimanendo per sempre "Core de Roma". Lo stesso anno la Roma è protagonista della sfortunata uscita nella semifinale della Coppa delle Coppe contro i polacchi del Górnik Zabrze; i due incontri finiscono entrambi con un pareggio e si svolge così lo spareggio in campo neutro a Strasburgo. Finito anche questo in parità, a decidere le sorti dell'incontro è il sorteggio con la monetina che condanna la Roma. In campionato i giallorossi arrivano decimi.[2]

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

La squadra con la classica maglia rossa, da questa stagione stabilmente declassata a divisa di cortesia — dopo quanto già avvenuto nella seconda metà dell'annata precedente.

La divisa primaria è costituita da maglia bianca bordata di giallorosso, così come nei pantaloncini e calzettoni; in trasferta viene usata una maglia rossa con colletto a polo, pantaloncini bianchi, calzettoni rossi. I portieri usano una maglia nera bordata di giallorosso abbinata a calzoncini neri e calzettoni bianchi bordati di rosso. Tutte le divise presentano cucite sul petto la coccarda della Coppa Italia.[3]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'organigramma societario.[2]

Area direttiva
Area tecnica
Area sanitaria
  • Medici sociali: Massimo Visalli
  • Massaggiatori: Roberto Minaccioni

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la rosa.[4]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Alberto Ginulfi
Italia P Adriano Zanier [5]
Italia D Aldo Bet
Italia D Giovanni Bertini
Italia D Liborio Liguori [6]
Italia D Francesco Cappelli
Italia D Francesco Carpenetti [7]
Italia D Sergio Petrelli
Italia D Sergio Santarini
Italia D Francesco Scaratti
Italia D Luciano Spinosi
Perù C Víctor Morales Benítez
N. Ruolo Giocatore}
Italia C Fabio Capello
Italia C Walter Franzot
Italia C Armando Colafrancesco [6]
Italia C Giacomo La Rosa
Italia C Franco Cordova
Italia C Elvio Salvori
Italia A Renato Cappellini
Spagna A Joaquín Peiró (capitano)
Italia A Lucio Bertogna
Italia A Giorgio Braglia
Italia A Fabio Enzo [7]
Italia A Fausto Landini

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito il calciomercato.[4]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Adriano Zanier Casertana definitivo[5]
D Giovanni Bertini Ostiense definitivo
D Sergio Petrelli Verona definitivo (120 Mln. £)[8]
C Walter Franzot Inter definitivo
C Giacomo La Rosa Messina definitivo (38 Mln. £)[8]
A Renato Cappellini Varese definitivo (230 Mln. £)[8]
A Giorgio Braglia Modena definitivo (140 Mln. £)[8]
A Fabio Enzo Mantova fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Pier Luigi Pizzaballa Verona definitivo (130 Mln. £)[8]
D Francesco Carpenetti[7] Fiorentina definitivo
D Giacomo Losi - fine carriera
D Paolo Sirena Verona definitivo
C Vito D'Amato Cesena definitivo (140 Mln. £)[8]
C Sergio Ferrari Verona definitivo (120 Mln. £)[8]
C Luciano Giudo - svincolato
C Bruno Nobili Del Duca Ascoli prestito
A Angelo Orazi Verona definitivo (62 Mln. £)[8]
A Fabio Enzo Cesena definitivo [7]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1969-1970.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Bari
14 settembre 1969, ore 16:30
1ª giornata
Bari1 – 0
referto
RomaStadio della Vittoria (circa 46.000 spett.)
Arbitro:  Vacchini (Milano)

Roma
21 settembre 1969, ore 16:00
2ª giornata
Roma1 – 0
referto
BresciaStadio Olimpico di Roma (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  Giunti (Arezzo)

Verona
28 settembre 1969, ore 15:00
3ª giornata
Verona2 – 0
referto
RomaStadio Marcantonio Bentegodi (circa 28.000 spett.)
Arbitro:  Gonella (Asti)

Roma
5 ottobre 1969, ore 15:00
4ª giornata
Roma2 – 1
referto
InterStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Francescon (Padova)

Napoli
12 ottobre 1969, ore 15:00
5ª giornata
Napoli0 – 0
referto
RomaStadio San Paolo (circa 70.000 spett.)
Arbitro:  Angonese (Mestre)

Milano
16 ottobre[9] 1969, ore 15:00
6ª giornata
Milan2 – 3
referto
RomaStadio San Siro (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  Monti (Ancona)

Roma
26 ottobre 1969, ore 14:30
7ª giornata
Roma2 – 1
referto
LazioStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Toselli (Cormons)

Cagliari
9 novembre 1969, ore 14:30
8ª giornata
Cagliari1 – 0
referto
RomaStadio Amsicora (circa 30.000 spett.)
Arbitro:  Francescon (Padova)

Roma
16 novembre 1969, ore 14:30
9ª giornata
Roma3 – 3
referto
SampdoriaStadio Olimpico di Roma (circa 45.000 spett.)
Arbitro:  Vacchini (Milano)

Roma
30 novembre 1969, ore 14:30
10ª giornata
Roma0 – 0
referto
TorinoStadio Olimpico di Roma (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  Branzoni (Pavia)

Vicenza
7 dicembre 1969, ore 14:30
11ª giornata
Lanerossi Vicenza3 – 0
referto
RomaStadio Romeo Menti (circa 18.000 spett.)
Arbitro:  Mascali (Desenzano del Garda)

Firenze
14 dicembre 1969, ore 14:30
12ª giornata
Fiorentina2 – 2
referto
RomaStadio Comunale (circa 30.000 spett.)
Arbitro:  Monti (Ancona)

Roma
21 dicembre 1969, ore 14:30
13ª giornata
Roma1 – 1
referto
PalermoStadio Olimpico di Roma (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Picasso (Chiavari)

Roma
28 dicembre 1969, ore 14:30
14ª giornata
Roma0 – 3
referto
JuventusStadio Olimpico di Roma (circa 70.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Bologna
3 gennaio 1970, ore 14:30
15ª giornata
Bologna1 – 1
referto
RomaStadio Comunale (circa 15.000 spett.)
Arbitro:  Gonella (Asti)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Roma
11 gennaio 1970, ore 14:30
16ª giornata
Roma1 – 0
referto
BariStadio Olimpico di Roma (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Brescia
18 gennaio 1970, ore 14:30
17ª giornata
Brescia0 – 1
referto
RomaStadio Mario Rigamonti (circa 20.000 spett.)
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Roma
25 gennaio 1970, ore 14:30
18ª giornata
Roma1 – 1
referto
VeronaStadio Olimpico di Roma (circa 50.000 spett.)
Arbitro:  Gussoni (Varese)

Milano
1º febbraio 1970, ore 14:30
19ª giornata
Inter2 – 0
referto
RomaStadio San Siro (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Roma
8 febbraio 1970, ore 14:30
20ª giornata
Roma2 – 1
referto
NapoliStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Gonella (Asti)

Roma
15 febbraio 1970, ore 15:00
21ª giornata
Roma0 – 1
referto
MilanStadio Olimpico di Roma (circa 70.000 spett.)
Arbitro:  Angonese (Mestre)

Roma
1º marzo 1970, ore 15:00
22ª giornata
Lazio1 – 1
referto
RomaStadio Olimpico di Roma (circa 70.000 spett.)
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Roma
8 marzo 1970, ore 15:00
23ª giornata
Roma1 – 1
referto
CagliariStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Angonese (Mestre)

Genova
15 marzo 1970, ore 15:00
24ª giornata
Sampdoria2 – 0
referto
RomaStadio Luigi Ferraris (circa 15.000 spett.)
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Torino
22 marzo 1970, ore 15:00
25ª giornata
Torino0 – 0
referto
RomaStadio Comunale (circa 22.000 spett.)
Arbitro:  Vacchini (Milano)

Roma
28 marzo 1970, ore 15:00
26ª giornata
Roma1 – 0
referto
Lanerossi VicenzaStadio Olimpico di Roma
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Roma
5 aprile 1970, ore 15:30
27ª giornata
Roma0 – 1
referto
FiorentinaStadio Olimpico di Roma (circa 45.000 spett.)
Arbitro:  Gussoni (Varese)

Palermo
12 aprile 1970, ore 15:30
28ª giornata
Palermo2 – 2
referto
RomaStadio La Favorita (circa 12.000 spett.)
Arbitro:  Giunti (Arezzo)

Torino
18 aprile 1970, ore 21:15
29ª giornata
Juventus1 – 1
referto
RomaStadio Comunale (circa 30.000 spett.)
Arbitro:  Branzoni (Mestre)

Roma
26 aprile 1970, ore 15:30
30ª giornata
Roma1 – 2
referto
BolognaStadio Olimpico di Roma (circa 40.000 spett.)
Arbitro:  Porcelli (Lodi)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1969-1970.

Primo turno - Gruppo 8[modifica | modifica wikitesto]

Terni
31 agosto 1969, ore 17:30
1ª giornata
Ternana0 – 0
referto
RomaStadio Libero Liberati (circa 20.000 spett.)
Arbitro:  Torelli (Milano)

Roma
3 settembre 1969, ore 21:00
2ª giornata
Roma2 – 1
referto
PerugiaStadio Flaminio (30.000 circa spett.)
Arbitro:  Branzoni (Pavia)

Roma
7 settembre 1969, ore 21:00
3ª giornata
Lazio0 – 2
(A tavolino[10][11])

referto
RomaStadio Olimpico di Roma (circa 80.000 spett.)
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Fase ad eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Roma
31 dicembre 1969, ore 14:30
Quarti di finale - Andata
Roma0 – 1
referto
CagliariStadio Olimpico di Roma (circa 15.000 spett.)
Arbitro:  Torelli (Milano)

Cagliari
24 febbraio 1970, ore 15:00
Quarti di finale - Ritorno
Cagliari2 – 0
referto
RomaStadio Amsicora (7.260 spett.)
Arbitro:  Giunti (Arezzo)

Coppa delle Coppe[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa delle Coppe 1969-1970.
Belfast
17 settembre 1969, ore 17:00
Sedicesimi di finale - Andata
Ards0 – 0
referto
RomaThe Oval (circa 5.000 spett.)
Arbitro: Belgio Shaut

Roma
1º ottobre 1969, ore 21:00
Sedicesimi di finale - Ritorno
Roma3 – 1
referto
ArdsStadio Olimpico di Roma (circa 15.000 spett.)
Arbitro: Austria Linemayr

Roma
12 novembre 1969, ore 14:30
Ottavi di finale - Andata
Roma1 – 0
referto
PSVStadio Olimpico di Roma (circa 30.000 spett.)
Arbitro: Francia Halles

Eindhoven
26 novembre 1969, ore 19:30
Ottavi di finale - Ritorno
PSV1 – 0
(d.t.s.)
Roma qualificata per sorteggio.
referto
RomaPhilips Stadion (circa 23.000 spett.)
Arbitro: Ungheria Emsberger

Roma
4 marzo 1970, ore 15:00
Quarti di finale - Andata
Roma2 – 0
referto
GöztepeStadio Olimpico di Roma (circa 18.000 spett.)
Arbitro: Polonia Eksztajn

Smirne
18 marzo 1970, ore 21:15
Quarti di finale - Ritorno
Göztepe0 – 0
referto
Romaİzmir Alsancak Stadium
Arbitro: Paesi Bassi van Ravens

Roma
1º aprile 1970, ore 21:30
Semifinali - Andata
Roma1 – 1
referto
Górnik ZabrzeStadio Olimpico di Roma (60.000 circa spett.)
Arbitro: Bulgaria Betchirov

Chorzów
15 aprile 1970, ore 17:30
Semifinali - Ritorno
Górnik Zabrze2 – 2
(d.t.s.)
referto
RomaStadion Śląski (circa 100.000 spett.)
Arbitro: Spagna Ortiz de Mendíbil

Strasburgo
22 aprile 1960, ore 20:30
Semifinali - Replay
Górnik Zabrze1 – 1
(d.t.s.)
Górnik Zabrze qualificato per sorteggio.
referto
RomaStadio della Meinau (circa 19.000 spett.)
Arbitro: Francia Machin

Coppa di Lega Italo-Inglese[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa di Lega Italo-Inglese 1969.
Roma
27 agosto 1969, ore 21:15
Finale - Andata
Roma2 – 1
referto
Swindon TownStadio Olimpico di Roma (circa 40.000 spett.)
Arbitro: Inghilterra Howley

Swindon
10 settembre 1969, ore 21:30
Finale - Ritorno
Swindon Town4 – 0
referto
RomaCounty Ground (11.978 spett.)
Arbitro: Italia De Marchi

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito le statistiche di squadra.[2]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 28 15 6 5 4 16 16 15 2 7 6 11 20 30 8 12 10 27 36 -9
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia 2 1 0 1 2 2 3 1 1 1 2 2 5 2 1 2 4 4 0
Coppacoppe.png Coppa delle Coppe 4 3 1 0 7 2 5[12] 0 4 1 3 4 9 3 5 1 10 6 +4
Coppa di Lega Italo-Inglese.pngCoppa di Lega Italo-Inglese 1 1 0 0 2 1 1 0 0 1 0 4 2 1 0 1 2 5 -3
Totale - 22 11 6 5 27 21 24 3 12 9 16 30 46 14 18 14 43 51 -8

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
Luogo T C T C T T C T C C T T C C T C T C T C C T C T T C C T T C
Risultato P V P V N V V P N N P N N P N V V N P V P N N P N V P N N P
Posizione 11 6 12 6 6 4 2 4 5 5 7 8 9 10 10 9 8 8 8 7 7 7 8 8 8 8 8 8 9 10

Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Desunte dai tabellini del Corriere dello Sport, de La Stampa e de L'Unità.[13]

Giocatore Serie A Coppa Italia Coppa delle
Coppe
Coppa di Lega
Italo-Inglese
Totale
Presenze Reti Presenze Reti Presenze Reti Presenze Reti Presenze Reti
Ginulfi, A. A. Ginulfi 30-365-49-62-546-51
Zanier, A. A. Zanier 0-00-00-00-00-0
Bet, A. A. Bet 280309010410
Bertini, G. G. Bertini 6010100080
Liguori, L. L. Liguori 1000000010
Cappelli, F. F. Cappelli 251506110372
Carpenetti, F. F. Carpenetti 0010102040
Petrelli, S. S. Petrelli 160202000200
Santarini, S. S. Santarini 300509020460
Scaratti, F. F. Scaratti 181207110282
Spinosi, L. L. Spinosi 253408020393
Benítez, V. V. Benítez 5000100060
Capello, F. F. Capello 264508320417
Franzot, W. W. Franzot 81103000121
Colafrancesco, A. A. Colafrancesco 3000000030
La Rosa, G. G. La Rosa 3000200050
Cordova, F. F. Cordova 230516020361
Salvori, E. E. Salvori 272507320415
Cappellini, R. R. Cappellini 264408011395
Peiró, J. J. Peiró 245409120396
Bertogna, L. L. Bertogna 0000100010
Braglia, G. G. Braglia 71006010141
Enzo, F. F. Enzo 1021102162
Landini, F. F. Landini 242508110383

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Media spettatori Serie A dal 62-63 al 73-74, su stadiapostcards.com.
  2. ^ a b c Romano, 1965-1973 L'era dei maghi: da Oronzo Pugliese a Helenio Herrera.
  3. ^ Castellani, Ceci, de Conciliis, pp. 114-116.
  4. ^ a b Rosa AS Roma - Saison 69/70, su transfermarkt.it. URL consultato il 10 aprile 2018.
  5. ^ a b Acquistato durante la sessione autunnale di calciomercato.
  6. ^ a b Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  7. ^ a b c d Ceduto durante la sessione autunnale di calciomercato.
  8. ^ a b c d e f g h Il calciomercato stringe i tempi. (JPG), su asromaultras.org.
  9. ^ Prevista per il 19 ottobre, anticipata a causa della partecipazione del Milan alla Coppa Intercontinentale.
  10. ^ Vittoria assegnata a tavolino alla Roma per interruzione dell'energia elettrica.
  11. ^ Il giudice ha deciso: Roma-Lazio 2-0, su asromaultras.org.
  12. ^ Lo spareggio con il Górnik Zabrze, giocato in campo neutro, viene considerato fuori casa.
  13. ^ A completamento dei dati vanno conteggiati 3 autogol in campionato e una vittoria a tavolino per 2 a 0 in Coppa Italia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Castellani, Massimilano Ceci e Riccardo de Conciliis, La maglia che ci unisce. Storia delle divise dell'AS Roma dalla nascita ai giorni nostri, Roma, Goalbook Edizioni, 2012, ISBN 978-88-908115-0-0.

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuela Romano (a cura di), La storia della A.S. Roma (10 DVD-Video), Corriere dello Sport, Rai Trade, 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]