Serie A 1969 (calcio femminile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serie A Femminile 1969
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore F.I.C.F. e U.I.S.P.
Date dal 4 maggio 1969
al 21 dicembre 1969
Luogo Italia Italia
Risultati
Vincitore ACF Roma (FICF) (1º titolo)
Bologna (UISP) (2º titolo)
Secondo (2º titolo)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Serie A 1968 Serie A 1970 Right arrow.svg

L'edizione 1969 (equivalente al campionato maschile 1968-1969) è stato il secondo campionato italiano di Serie A femminile di calcio organizzato dalla F.I.C.F. (Federazione Italiana Calcio Femminile).

Campionato F.I.C.F.[modifica | modifica wikitesto]

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Rosa Città Stadio o Campo Stagione 1968
600px Giallo e Blu.svg A.C.F. Ambrosiana SNIA dettagli Varedo (MI) Campo SNIA Varedo
Rosso Blu coi 4 mori.png A.C.F. Cagliari dettagli Cagliari (CA) Stadio Amsicora
Flag of Fiorentina 3D.svg A.C.F. Fiorentina Elettroplaid dettagli Firenze (FI) ???
Bisection vertical White HEX-FF0000.svg A.C.F. Genova dettagli Genova (GE) ???
600px bisection vertical White HEX-78D3F7.svg A.C.F. Lazio dettagli Roma (RM) ???
Flag blue HEX-539ADE.svg F.C. Napoli dettagli Napoli (NA) ???
Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Piacenza A.C.F. dettagli Travo (PC) Campo Rivergaro e Barriera Genova a Piacenza
Bianco e Granata (Diagonale).png A.C.F. Real Torino dettagli Torino (TO) Parco Ruffini
Giallo e Rosso2.svg A.C.F. Roma dettagli Roma (RM) Campo di Ostia Lido
non conosciuta A.C.F. Sanyo Milano dettagli Milano (MI) Campo di ???

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
Scudetto.svg 1. ACF Roma[1] 31 18 13 5 0 61 12 5,083
2. 600px Red White HEX-EE3123 HEX-FFFFFF.svg Genova 31 18 14 3 1 56 9 6,222
3. 600px Giallo e Blu.svg Ambrosiana SNIA 26 18 11 4 3 35 16 2,187
4. Bianco e Granata (Diagonale).png Real Torino 17 18 5 7 6 27 17 1,588
5. Piacenza 17 18 6 5 7 28 22 1,272
6. Cagliari 17 18 6 5 7 26 31 0,838
7. Flag of Fiorentina 3D.svg Fiorentina Elettroplaid 16 18 6 4 8 20 33 0,606
8. Flag blue HEX-539ADE.svg Napoli 15 18 3 9 6 19 27 0,703
9. 600px diagonal HEX-007B39 Black.svg Sanyo Milano 8 18 2 4 12 12 49 0,244
10. Bianco e Celeste con aquila.svg Lazio 1 18 0 1 17 1 68 0,014

Legenda:

      Campione d'Italia.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Non erano previste retrocessioni.
A parità di punti valeva il quoziente reti per definire i pari merito.

Verdetti finali[modifica | modifica wikitesto]

  • Scudetto.svg Roma Campione d'Italia 1969 (F.I.C.F.).
Squadra campione
  • Adriana Federici, portiere titolare (18 presenze, 5 gol attivi, 9 passivi + 2 autogol);
  • Olga Amerini, terzino destro (20, 0);
  • Loredana Wödl, terzino sinistro (17, 0);
  • Patrizia De Grandis, mediano destro (20, 1);
  • Barbara Ostili, mediano (14, 3);
  • Lucia Gridelli, centromediano (18, 1);
  • Carla Alliegro, mediano sinistro (12, 0);
  • Mirella Angeletti, ala destra (20, 9);
  • Anna Nati, mezz'ala destra (18, 7);
  • Gloria Simonetti, centravanti (19, 8);
  • Anna Maria Taddei, mezz'ala sinistra (13, 0);
  • Stefania Medri, ala sinistra (17, 24);
  • Maria Esposito, secondo portiere (1, -1);
  • Rosalba Lonero, ala destra (14, 1);
  • Clara Donninelli, mezz'ala destra (8, 0);
  • Anna Accaputo, (5, 1);
  • Patrizia Scoffone, (3, 0);
  • Elena Schiavo, (3, 0).

Allenatore: Nello Ciangola.

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

1ª giornata
4 mag. 1969 13 lug. 1969
1-3 Cagliari-Roma 0-8
1-0 Genova-Piacenza 5-1
0-2 Napoli-Ambrosiana 0-1
1-1 Real Torino-Firenze 0-6
0-4 Lazio-Milano 0-3


4ª giornata
25 mag. 1969 3 ago. 1969
2-0 Firenze-Milano 1-0
0-2 Piacenza-Napoli 1-1
5-3 Ambrosiana-Cagliari 2-0
6-0 Genova-Lazio 3-0
3-1 Roma-Real Torino 1-1


7ª giornata
15 giu. 1969 14 set. 1969
1-1 Ambrosiana-Roma 0-0
7-0 Genova-Firenze 2-1
1-1 Napoli-Milano 4-1
0-0 Piacenza-Cagliari 0-1
0-5 Lazio-Real Torino 0-5
2ª giornata
11 mag. 1969 20 lug. 1969
2-0 Ambrosiana-Real To 1-0
0-1 Firenze-Cagliari 0-1
6-1 Roma-Milano 4-1
5-0 Piacenza-Lazio 3-0
6-0 Genova-Napoli 1-1


5ª giornata
1º giu. 1969 31 ago. 1969
5-0 Ambrosiana-Lazio 2-0
0-0 Napoli-Firenze 2-2
1-0 Piacenza-Milano 6-0
4-0 Real Torino-Cagliari 0-1
2-1 Roma-Genova 1-1


8ª giornata
22 giu. 1969 21 set. 1969
0-0 Real Torino-Napoli 3-0
2-1 Firenze-Ambrosiana 1-3
3-0 Cagliari-Lazio 4-0
2-0 Roma-Piacenza 1-1
0-4 Milano-Genova 0-7
3ª giornata
18 mag. 1969 27 lug. 1969
1-2 Cagliari-Genova 0-2
0-3 Lazio-Firenze 0-1
0-0 Milano-Ambrosiana 1-5
1-3 Real To-Piacenza 1-1
1-2 Napoli-Roma 0-2


6ª giornata
8 giu. 1969 7 set. 1969
2-2 Cagliari-Napoli 2-2
0-4 Lazio-Roma 0-10
2-1 Genova-Ambrosiana 3-0
0-0 Milano-Real Torino 0-3
1-2 Firenze-Piacenza 2-1


9ª giornata
29 giu. 1969 28 set. 1969
1-5 Firenze-Roma 1-6
1-1 Real Torino-Genova 0-2
1-2 Piacenza-Ambrosiana 2-2
0-1 Lazio-Napoli 1-1
1-1 Milano-Cagliari 0-5

Spareggio-scudetto: all'Ardenza di Livorno, 8 dicembre 1969 ore 14,30: Roma-Genova 0-0[2]

  • Roma: Federici; Amerini, Alliegro; De Grandis, Gridelli, Simonetti; Angeletti, Nati, Schiavo, Lonero (59' Ostili), Medri. A disposizione: 12 Scoffone, 13 Wödl. Allenatore: Tamilia.
  • Genova: Mignone; Gallione, Massari; Liliana Gerwien, Dasso, Tessadori; Lertora, Maria Grazia Gerwien, Colelli (45' Rosasco), Gaggero, Fabbri. A disposizione: 12 Le Rose, 13 Coli. Allenatore: Ugo Mignone.
  • Arbitro: Arturo Longhi di Bergamo.

Ripetizione dello spareggio-scudetto: a Grosseto, 21 dicembre 1969 Roma-Genova 1-0[3]

  • Roma: Federici; Amerini, Alliegro; De Grandis, Gridelli, Simonetti; Schiavo, Nati, Lonero, Angeletti, Ostili. A disposizione: 12 Scoffone, 13 Wödl, 14 Accaputo. Allenatore: Tamilia.
  • Genova: Mignone; Gallione, Massari (55' Liliana Gerwien); Giambelli, Rosasco, Fabbri; Gaggero, Dasso, Maria Grazia Gerwien, Colelli, Arrighi. A disposizione: 12 Le Rose, 13 Coli. Allenatore: Ugo Mignone.
  • Arbitro: Alberto Sicco di Torino.
  • Rete: 69' Ostili.

Campionato U.I.S.P.[modifica | modifica wikitesto]

Un campionato alternativo fu organizzato sotto l'egida della UISP (Unione Italiana Sport Popolare) da sette società che decisero ancora una volta di non aderire alla F.I.C.F., e fra queste la neo-costituita A.S.C.F. Olimpic Lazio sponsorizzata Zucchet.

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Scudetto.svg Bologna C.F. Campione d'Italia (U.I.S.P.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Campione d'Italia dopo spareggio con il Genova: Roma-Genova 1-0 (0-0 nella prima partita poi mandata a ripetere).
  2. ^ Corriere dello Sport Archiviato il 9 gennaio 2013 in Internet Archive. di martedì 9 dicembre pagina 8.
  3. ^ Corriere dello Sport Archiviato il 9 gennaio 2013 in Internet Archive. di lunedì 22 dicembre pagina 6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno Migliardi, Storia del Calcio Femminile (1968-1973) - Stab. Grafico Edigraf, Roma 1974 (ha pubblicato la classifica e il calendario con tutti i risultati).
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile 1999-00 - Mariposa Editrice, Fornacette (PI) (ha pubblicato tutte le classifiche finali).