Promozione (calcio femminile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Promozione femminile
Altri nomiSerie D (fino al 2018)
Promozione (2018-)
SportFootball pictogram.svg Calcio
TipoClub
FederazioneFIGC
PaeseItalia Italia
OrganizzatoreLega Nazionale Dilettanti
CadenzaAnnuale
FormulaGironi all'italiana A/R
Promozione inEccellenza
Sito Internetlnd.it
Storia

La Promozione femminile è il quinto livello dilettantistico del campionato italiano di calcio femminile, il secondo livello a carattere regionale, organizzato dalla Lega Nazionale Dilettanti. La sua organizzazione è affidata ai Comitati Regionali della F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti. Fino alla stagione 2017-2018 ha avuto il nome di Serie D, allorché è stato ratificato il cambio di denominazione in Promozione femminile[1].

Trattandosi di campionati disputati molto spesso da squadre piccole, dalla società di paese che decide di tentare l'avventura nel calcio femminile al gruppo di amiche che vuole cimentarsi nell'esperienza di un campionato ufficiale, c'è l'esigenza di ridurre al minimo le distanze e quindi i costi delle trasferte. È in base a tali criteri che il Comitato Regionale sceglie il numero dei gironi, solitamente uno o due dato l'esiguo numero delle squadre partecipanti.

Al termine di ogni stagione agonistica le squadre che vincono i campionati di Promozione (Serie D fino al 2018) accedono al campionato di Eccellenza (Serie C fino al 2018), massima divisione a livello regionale solitamente a girone unico, venendo rimpiazzate dalle retrocesse, le quali variano a seconda del numero di gironi della Promozione (Serie D fino al 2018) e quindi delle promosse da sostituire. Essendo l'ultimo gradino del campionato italiano di calcio femminile, non sono previste retrocessioni per le squadre che arrivano nelle ultime posizioni del torneo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CU 3 - Denominazione Campionati, criteri di promozione alla Serie B 2019/2020, Campionato Juniores 18/19 (PDF), su calciofemminile.lnd.it, 19 luglio 2018. URL consultato il 21 luglio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]