Associazione Calcio Femminile Milan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A.C.F. Milan
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).svg Rosso e nero
Simboli Diavolo
Dati societari
Città Milano
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Inattiva
Fondazione 1965
Scioglimento2013
Stadio
( posti)
Palmarès
ScudettoScudettoScudettoScudetto Coppa ItaliaCoppa ItaliaCoppa Italia Supercoppa italianaSupercoppa italiana
Scudetti 4
Trofei nazionali 3 Coppe Italia
2 Supercoppe italiane
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Femminile Milan, abbreviata in A.C.F. Milan e citata anche semplicemente come Milan, fu una società calcistica femminile italiana con sede a Milano. La società, che non aveva affiliazioni o collaborazioni con il Milan maschile pur riprendendone denominazione e colori sociali, ha dichiarato la sua inattività alla FIGC alla fine della stagione sportiva 2012-2013.

L'A.C.F. Milan non è da confondere con l'A.C.F. Milan 82 di Milano, altra società con cui ha condiviso per molte stagioni denominazione e colori sociali, ma non lo stesso campo di gioco; il campionato di Serie A 1987-1988 è l'unico disputato da entrambe le squadre.

Dopo la sua dichiarazione di inattività due società sportive milanesi già esistenti hanno cambiato colori sociali ed assunto una denominazione simile a quella della cessata A.C.F. Milan, non avendo tuttavia alcuna attinenza con la società.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Mediolanum Milan Associazione Calcio Femminile
  • 1965 - Valeria Rocchi fonda l'Associazione Calcio Femminile Milano.
  • 1965-1968 - Amichevoli e esibizioni in tutto il nord Italia.[1]
  • 1968 - Partecipa al primo campionato organizzato dall'Unione Italiana Sport Popolare ad Abano Terme, cambiando denominazione in Abano Associazione Calcio Femminile Milano.
  • 1968 - 2º nel campionato U.I.S.P.. A fine stagione cambia denominazione in Associazione Calcio Femminile Sanyo Milano e s'iscrive alla FICF.
  • 1969 - 9º in Serie A.
  • 1970 - Valeria Rocchi cede la presidenza all'industriale medese Luciano Baserga[2] e il club si trasferisce a Meda assumendo la denominazione Associazione Calcio Femminile Gommagomma Milano. A maggio Baserga cambia la denominazione in A.C.F. Gommagomma Meda.
  • 1970 - Scudetto.svg Campione d'Italia (1º titolo).
  • 1971 - Non disputa nessun campionato ma alcune componenti della squadra si aggregano ai nuovi club Peco Saronno e Brembatese.
  • 1972 - Viene ripristinata l'Associazione Calcio Femminile Milano e si iscrive al campionato di Serie A.
  • 1972 - 10º nel girone B della Serie A.
  • 1973 - Scudetto.svg Campione d'Italia (2º titolo).
  • 1974 - La società si fonde con l'Associazione Calcio Femminile Ambrosiana Milano e in seguito con il Calcio Femminile Peco Bergamo, diventando Unione Sportiva Lombarda Calcio.[3]
  • 1974 - 5º in Serie A. Cambia denominazione in Unione Sportiva Femminile Milan.[4]
  • 1975 - Scudetto.svg Campione d'Italia (3º titolo).
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (1º titolo). Cambia denominazione in Associazione Calcio Femminile GBC Milan.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (2º titolo).
  • 1977 - 3º in Serie A.
  • 1978 - 6º in Serie A. Cambia denominazione in Associazione Calcio Femminile Mediolanum Milan.
  • 1979 - 5º in Serie A. Cambia denominazione in Associazione Calcio Femminile Milan.

  • 1980 - 3º in Serie A. Rinuncia al campionato successivo e si iscrive al campionato di Serie C lombardo.
  • 1981 - 1º nel girone A della Serie C lombarda. Cambia denominazione in Unione Sportiva Femminile Nuvola Milan.
  • 1982 - 1º nel girone unico della Serie C Lombarda. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie B. Cambia denominazione in Unione Sportiva Femminile Milan Trezzano.
  • 1983 - 6º nel girone A della Serie B.
  • 1984 - 7º nel girone B della Serie B. Cambia denominazione in Associazione Calcio Femminile Milan Trezzano.
  • 1985 - 4º nel girone B della Serie B.
  • 1985-1986 - 4º nel girone A della Serie B. Cambia denominazione in Associazione Calcio Femminile Milan mantenendo la sede a Trezzano sul Naviglio.
  • 1986-1987 - 1º nel girone A della Serie B. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie A. Assume la nuova denominazione Associazione Calcio Femminile Milan Jolly Sport.
  • 1987-1988 - 15º in Serie A. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie B.
  • 1988-1989 - 11º nel girone A della Serie B. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C lombarda.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (3º titolo).
Supercoppaitaliana.png Vince la Supercoppa italiana (1º titolo).

Finalista in Coppa Italia.
Supercoppaitaliana.png Vince la Supercoppa italiana (2º titolo).
Semifinale in Coppa Italia.
Primo turno in Coppa Italia.
Ottavi di finale in Coppa Italia.
Fase a gironi in Coppa Italia.

Secondo turno in Coppa Italia.
Terzo turno in Coppa Italia.
Ottavi di finale in Coppa Italia.
Primo turno in Coppa Italia.
  • 2013 - Dichiara alla F.I.G.C. la propria fine attività alla fine della stagione sportiva 2012-2013.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Calciatrici[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatrici dell'A.C.F. Milan

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le amichevoli sono state pubblicate dal settimanale sportivo Milaninter conservato nella Biblioteca nazionale braidense di Milano.
  2. ^ Felice Asnaghi, A.C. Meda cento anni e più di storia - Meda, dicembre 2015 - pag. 93 in "Gli albori del calcio femminile". Industriale e proprietario della società Gommagomma di Meda, Luciano Baserga, dopo essersi offerto di sponsorizzare la squadra portandola a giocare sul campo dell'M.T.C. Meda, ne diviene il padre padrone. Valeria Rocchi abbandona la squadra a metà campionato. A fine campionato tutte le ragazze lasciano la squadra che viene sciolta.
  3. ^ Comunicato ufficiale n. 11 del 9 febbraio 1974 della F.I.G.C.F. conservati dal Comitato Regionale Lombardia della F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti a Milano in Via Pitteri 95/2.
  4. ^ Comunicato ufficiale n. 14 del 6 marzo 1975 della F.I.G.C.F. pagina 9 al punto 26 "Cambiamenti denominazione sociale", conservati dal Comitato Regionale Lombardia della F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti a Milano in Via Pitteri 95/2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il pallone d'oro - Prima enciclopedia storica del calcio mondiale - Volume 7°, Il calcio femminile in Italia e nel mondo da pag. 2000 a pag. 2056 - Perna Editore, Via Mario Pagano 41 Milano - 1969 e 1970.
  • Annuario del calcio femminile 1999-2000 di Luca Carboni e Gabriele Cecchi, Mariposa Editrice - Fornacette (PI) - 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]