Renzo Corni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renzo Corni
Samp69 70.jpg
Corni (in piedi, terzo da destra) nella Sampdoria della stagione 1969-1970
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mediano
Carriera
Giovanili
Torino
Squadre di club1
1965-1966 Torino 0 (0)
1966-1967 Reggiana 35 (4)
1967-1969 Torino 19 (0)
1969-1972 Sampdoria 50 (2)
1972-1973 Modena 21 (1)
1973-1974 Reggina 19 (0)
1974-1975 Marsala 27 (0)
1975-1978 Nocerina 59 (5)
Carriera da allenatore
1976-1977Nocerina
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Renzo Corni (Ravarino, 9 luglio 1944) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo mediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Torino, viene ceduto in prestito alla Reggiana con cui disputa da titolare (35 presenze e 4 reti) il campionato di Serie B 1966-1967. Rientrato a Torino riesce ad affacciarsi in prima squadra (esordio in Serie A il 24 settembre 1967 in occasione della sconfitta esterna con il L.R. Vicenza), ma senza riuscire ad imporsi come titolare (19 presenze in due stagioni), contribuendo però alla conquista della Coppa Italia 1967-1968.

Nell'estate 1969 si trasferisce quindi alla Sampdoria, dove dopo una stagione a mezzo servizio (17 presenze e 2 reti) si impone come titolare nella stagione 1970-1971 (29 presenze), mentre nella stagione successiva l'allenatore Heriberto Herrera gli preferisce nel ruolo il giovane Roberto Casone[1] e finisce fra i rincalzi (4 sole presenze).

Nel 1972 scende quindi in Serie C passando al Modena, per poi tornare in Serie B con la Reggina per la stagione 1973-1974. Dopo la retrocessione dei calabresi a fine stagione esce dal calcio ad alto livello. Nel 1975 si accorda con la Nocerina, squadra nella quale resta per due stagioni, svolgendo anche le mansioni di allenatore nella stagione 1976-77 dopo l'esonero di Rino Santin.[2]

In carriera ha collezionato complessivamente 69 presenze e 2 reti in Serie A e 54 presenze e 4 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha allenato la Nocerina nella stagione 1976-1977, nella quale ha ricoperto il doppio ruolo di giocatore e tecnico.

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1978-1979 ha iniziato a lavorare come direttore sportivo, ricoprendo tale incarico alla Nocerina;[3] in seguito ha svolto il medesimo ruolo in formazioni quali Rimini, Brescia, Padova, Prato, Reggiana,[4] SPAL, Torino, Livorno e Pisa, dove ha terminato l'attività nel 2005.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia: 1

Torino: 1967-1968
Nocerina: 1977-1978 (girone C)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piero Sessarego, Sampdoria ieri oggi domani, Nuove Edizioni Periodiche, 1991, pag. 428
  2. ^ Mattiello, Di Serio, Bruno, Rosso e Nero, Cuomo Editore, 2011, p. 75
  3. ^ Nocerina 1978-1979 Adamoli.org
  4. ^ 20 anni dopo la A, nel ricordo di Chiarino Archiviato il 29 aprile 2014 in Internet Archive. Reggianacalcio.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]