Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Gianfranco Zigoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianfranco Zigoni
Gianfranco Zigoni - AC Hellas Verona 1973-74.jpg
Zigoni al Verona nella stagione 1973-1974
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Ala sinistra, centravanti)
Ritirato 1987 - giocatore
Carriera
Giovanili
1954-1958 non conosciuta Patronato Turroni
1958-1961 Pordenone
Squadre di club1
1961-1964 Juventus 4 (1)
1964-1966 Genoa 58 (16)
1966-1970 Juventus 82 (22)
1970-1972 Roma 48 (12)[1]
1972-1978 Verona 139 (29)
1978-1980 Brescia 40 (4)
1980-1983 Opitergina 42+ (4+)
1983-1987 600px 3 stripes Yellow HEX-FFFF00 Black.svg Piavon ? (4+)
Nazionale
1967 Italia Italia 1 (0)
Carriera da allenatore
1987-1997 Opitergina Giovanili
1997-2005 Arancione e Nero.svg Ponte di Piave Giovanili
2005-2009 600px Rosso e Blu3-Flag.svg Basalghelle Giovanili
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

« Metto fuori classifica io, Pelé e Maradona perché calcisticamente siamo tre extraterrestri.[2] »

(Gianfranco Zigoni)

Gianfranco Cesare Battista Zigoni (Oderzo, 25 novembre 1944) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Ha al suo attivo 265 presenze e 63 gol in Serie A con le maglie di Juventus, Genoa, Roma, Verona, oltre a tre convocazioni in Nazionale, con la quale scese in campo solo una volta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Oderzo, ha trascorso l'infanzia nel Quartier Marconi, zona ai margini meridionali della città, provenendo da una numerosa famiglia contadina.

Ha avuto quattro figli: di questi, Gianmarco ha intrapreso anch'egli la carriera di calciatore, così come alcuni suoi nipoti.

Nel 2002 ha pubblicato, per le edizioni Biblioteca dell'Immagine di Pordenone, il libro Dio Zigo pensaci tu, un'irriverente e romanzata biografia, scritta dall'amico e collega Ezio Vendrame.

Si è procurato con gli anni una reputazione di ribelle ed eccentrico a causa del suo amore per l'alcol, le donne e i motori e per alcuni suoi comportamenti piuttosto bizzarri.[3] Divenne per questo uno dei calciatori simbolo degli anni 1970[4].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Da adolescente giocò nel Patronato Turroni, la squadra giovanile dell'oratorio. Notato dagli osservatori della Juventus, entrò nelle giovanili del Pordenone, all'epoca società satellite dei bianconeri, quindi si trasferì a Torino, debuttando in prima squadra il 10 dicembre 1961 in campionato contro l'Udinese a diciassette anni. All'epoca giocò anche un'amichevole con il Real Madrid, persa dagli juventini per 3-1: si dice che al termine della gara José Santamaria, difensore del Real, lo paragoni a Pelé con tanto di bestemmia annessa[2]. Nel 1972, con la maglia della Roma, giocò proprio contro Pelé in amichevole contro il Santos[2].

Zigoni, in tre anni alla Juventus, giocò in campionato quattro partite in Serie A segnando un gol.

Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1964 si trasferì al Genoa. Nella sua prima stagione in Liguria segnò, in media, un gol ogni tre partite: saranno 8 in tutto al termine della stagione in cui la squadra retrocesse.

Nella stagione successiva giocò quindi in Serie B, segnando 8 gol in 34 incontri: la squadra non ottenne la promozione per due punti, classificandosi quinta.

Ritorno alla Juventus[modifica | modifica wikitesto]
Zigoni con la maglia della Juventus nel 1966

Al termine del prestito Zigoni fece ritorno alla Juventus contribuendo con 8 gol in 23 partite alla vittoria dello scudetto 1966-1967. Nella stagione successiva giocò le sue uniche partite in Coppa dei Campioni.

Anche nelle stagioni successive le sue presenze in campo non furono mai più di 22-23 all'anno, complici anche le frequenti squalifiche dovute al suo temperamento irrequieto.[senza fonte] Calarono anche i gol: 7 nella stagione 1967-1968, 3 in quella successiva, 4 (in 14 gare) nella stagione 1969-1970, l'ultima con la casacca bianconera.

In totale con la Juventus Zigoni segnò 35 gol in 122 partite.

Roma[modifica | modifica wikitesto]
Zigoni alla Roma nel 1971

Nel 1970 va a giocare nella capitale, alla Roma allenata da Helenio Herrera.

Nei suoi due anni con la Roma mise a segno 12 gol in 48 partite, ottenendo un sesto e un settimo posto in Serie A. Nella sua seconda stagione giallorossa vinse la Coppa Anglo-Italiana, contribuendo con un gol in finale, nel 3-1 contro il Blackpool il 24 giugno 1972.

Verona[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1972, a ventotto anni, venne ingaggiato dal Verona. Negli anni passati in Veneto segnò meno che nelle stagioni precedenti, ma sia per le sue giocate sia per alcuni gesti clamorosi divenne un idolo della tifoseria[5]. Una volta Valcareggi lo lasciò in panchina e lui, non approvando la decisione, ci andò in pelliccia e cappello[6] Nel corso di un'amichevole di fine stagione Verona-Vicenza, dopo una partita in cui non brillò, a venti minuti dalla fine saltò in dribbling quattro avversari e infilò il pallone all'incrocio dei pali, salvo poi andare dritto negli spogliatoi, imitato dai tifosi che abbandonarono lo stadio.[7]

Zigoni in pelliccia durante una gara del Verona passata in panchina

Il 20 maggio 1973, ultima giornata di campionato, il Milan in testa alla classifica doveva vincere a Verona per vincere lo scudetto. I veronesi vinsero per 5-3, permettendo alla Juventus di superare di un punto i rossoneri e vincere il quindicesimo titolo. Zigoni in quella gara fornì gli assist a Livio Luppi. Questo fu il primo dei due episodi[8] che fece diventare la città scaligera per i milanisti la Fatal Verona.

Nel 1974 la squadra venne retrocessa d'ufficio all'ultimo posto per illecito sportivo: Zigoni contribuì nella stagione successiva all'immediata promozione con 9 gol, il massimo numero di reti da lui segnato nelle sei stagioni veronesi. Nelle due annate successive segnò 2 gol in 18 presenze e 6 gol in 26 presenze: la squadra si classificò rispettivamente undicesima e nona. Nella stagione 1975-1976 la squadra raggiunse la finale di Coppa Italia, perdendola.

Nella stagione 1977-1978, l'ultima a Verona, andò a segno una volta in 26 partite.

Brescia[modifica | modifica wikitesto]
Zigoni al Brescia

Nel 1978, trentaquattrenne, passò al Brescia, sodalizio di Serie B guidato in panchina da Luigi Simoni. Durante il suo primo anno segnò 4 gol in 21 partite e la squadra arriva ottava.

Nella stagione successiva i lombardi ottennero il terzo posto e la promozione in Serie A. In quella stagione Zigoni non andò mai in rete in 19 presenze, uscendo quindi dai piani della società.

Nell'ultima stagione bresciana si rifiutò di giocare contro il Verona[9].

Opitergina e Piavon[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1980, quella dello scandalo del "Totonero", Zigoni fu contattato di nuovo da Luigi Simoni, nuovo allenatore del Genoa, per tornare a giocare in Liguria, ancora in Serie B. Zigoni, trentaseienne, preferì tornare a Oderzo abbandonando il professionismo e andando a giocare nella squadra della sua città, ritrovandosi in squadra il suo concittadino Renato Faloppa. Nella cittadina trevigiana giocherà tre anni[10].

La dirigenza biancorossa finì il campionato di Serie D al penultimo posto. Nella stagione 1981-1982 la squadra perse la promozione allo spareggio contro il Pro Gorizia, mentre l'anno successivo arrivò terza.

Nel 1983 si trasferisce al Piavon, squadra di Terza Categoria dove ottiene una promozione in Seconda Categoria.

A Piavon, frazione comunale di Oderzo, terminò la carriera a quarantatré anni, contribuendo alla salvezza della squadra: l'ultima partita della carriera, nel maggio del 1987, la giocò contro il Musile di Piave, segnando quattro gol: la gara finì 5-4[11].

Nello stesso periodo gestiva un negozio di articoli sportivi a Oderzo sempre insieme a Faloppa.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Gioca la sua unica partita in nazionale il 25 giugno 1967, nella vittoriosa trasferta 1-0 sulla Romania.

Verrà convocato altre due volte senza scendere in campo.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro entrò come allenatore nel settore giovanile dell'Opitergina. Una decina di anni dopo lasciò la società per andare ad allenare le formazioni "Giovanissimi" nel Ponte di Piave e nel Basalghelle, due società dilettantistiche della zona.

In seguito è divenuto responsabile della Scuola Calcio del Basalghelle a lui intitolata, ed è stato spesso invitato a partecipare come opinionista in trasmissioni calcistiche in televisioni locali.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Totale
Campionato Presenze Reti Presenze Reti
1961-1962 Italia Juventus A 1 0 1 0
1962-1963 A 2 1 2 1
1963-1964 A 1 0 1 0
Totale Juventus 4 1 4 1
1964-1965 Italia Genoa A 24 8 24 8
1965-1966 B 34 8 34 8
Totale Genoa 58 16 58 16
1966-1967 Italia Juventus A 23 8 23 8
1967-1968 A 22 7 22 7
1968-1969 A 23 3 23 3
1969-1970 A 14 4 14 4
Totale Juventus 82 22 82 22
1970-1971 Italia Roma A 24 5 24 5
1971-1972 A 24 7 24 7
Totale Roma 48 12 48 12
1972-1973 Italia Hellas Verona A 21 7 21 7
1973-1974 A 15 4 15 4
1974-1975 B 33 9 33 9
1975-1976 A 18 2 18 2
1976-1977 A 26 6 26 6
1977-1978 A 26 1 26 1
Totale Hellas Verona 139 29 139 29
1978-1979 Italia Brescia B 21 4 21 4
1979-1980 B 19 0 19 0
Totale Brescia 40 4 40 4
1980-1981[12] Italia Opitergina D ? ? ? ?
1981-1982 Int. 25 2 25 2
1982-1983 Int. 17 2 17 2
Totale Opitergina[13] 42+ 4+ 42+ 4+
1983-1984[12] Italia Piavon TC ? ? ? ?
1984-1985[12] SC ? ? ? ?
1985-1986[12] SC ? ? ? ?
1986-1987[14] SC ? 4+ ? 4+
Totale Piavon[15] ? 4+ ? 4+
Totale carriera[16] 413+ 92+ 413+ 92+

Cronologia presenze in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
25/06/1967 Bucarest Romania Romania 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1968 -
Totale Presenze 1 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]
Juventus: 1962-1963
Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Juventus: 1966-1967
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Juventus: 1963
Roma: 1972

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Profilo su almanaccogiallorosso.it
  2. ^ a b c G. Zigoni, Dio Zigo pensaci tu, 2000.
  3. ^ Zigoni: «Io, il vero ribelle del calcio italiano: 40 sigarette, whisky, pistole. E il Che», su Video Corriere. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  4. ^ Si vedano a proposito alcune interviste:
    Zigoni, il genio ribelle con Juve e Roma nel cuore gazzetta.it
    Gianfranco Zigoni pagine70.com
    Gianfranco Zigoni tra Che Guevara e Padre Pio storiedicalcio.altervista.org
    Gli eroi in bianconero: Gianfranco ZIGONI tuttomercatoweb.com
    Protagonisti gialloblu: Gianfranco Zigoni primoluglio2004.it
    Due intervista a Gianfranco Zigoni asromaultras.org
  5. ^ Verona: maglie per dire no al razzismo repubblica.it
  6. ^ «Se mi lascia fuori vado in panchina con la pelliccia...» larena.it
  7. ^ Gianfranco Zigoni tra Che Guevara e Padre Pio storiedicalcio.altervista.org
  8. ^ L'altro risale al 1990.
  9. ^ Pistole, pellicce e diserzioni. Il derby di Zigoni l'eretico brescia.corriere.it
  10. ^ http://www.usopitergina.it/pagine/articolo.cfm?arcodice=26[collegamento interrotto]
  11. ^ News » Ciao Radio
  12. ^ a b c d Non si conoscono i dati sulle presenze e le reti in questa stagione.
  13. ^ Dati parziali. Non si conoscono i dati sulle presenze e reti nella stagione 1980-1981.
  14. ^ Non si conoscono i dati sulle presenze e i dati sulle reti sono parziali.
  15. ^ Dati parziali. Non si conoscono i dati sulle presenze nelle stagioni 1983-1984, 1984-1985, 1985-1986, 1986-1987. Non si conoscono i dati sulle reti nelle stagioni nelle stagioni 1983-1984, 1984-1985, 1985-1986. I dati sulle reti nella stagione 1986-1987 sono parziali.
  16. ^ Dati parziali. Non si conoscono i dati sulle presenze e le reti nelle stagioni 1980-1981, 1983-1984, 1984-1985, 1985-1986. Non si conoscono inoltre i dati sulle presenze nella stagione 1986-1987. I dati sulle reti nella stagione 1986-1987 sono parziali.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]