Erich Linemayr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erich Linemayr
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Professione operaio

Erich Linemayr (Linz, 24 gennaio 19336 giugno 2016[1]) è stato un arbitro di calcio austriaco.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente dalla rinomata scuola arbitrale austriaca, Linemayr è stato uno dei più importanti arbitri degli anni Settanta, come testimoniato dal costante impiego nei tornei e nelle finali più prestigiose.

Nominato arbitro nel 1953, nel 1963 arriva il debutto nella Bundesliga austriaca e tre anni più tardi conquista i gradi da internazionale: avrebbe mantenuto tale qualifica per un quindicennio.

Si ricordano, in particolare ed in rapida successione, i seguenti riconoscimenti:

- nel 1973 dirige la finale di andata di Coppa UEFA tra Liverpool e Borussia Mönchengladbach;

- nel 1974, in occasione dei Mondiali di calcio in Germania Ovest, gli vengono affidate Svezia-Uruguay e Germania Ovest-Polonia;

- nel 1977, per la seconda volta, è protagonista della finale di Coppa UEFA, ovvero il ritorno tra Athletic Bilbao e Juventus;

- nel 1978, durante la seconda partecipazione ai Mondiali di calcio, disputatisi in Argentina, arbitra l'incontro Scozia-Olanda ed è soprattutto in scena nella finalissima di Buenos Aires, affiancando l'italiano Sergio Gonella in qualità di guardalinee (l'altro collaboratore era l'uruguayano Ramon Barreto);

- nel 1979 raggiunge l'apice della carriera con la direzione della finale del torneo per club più ambito, la Coppa dei Campioni, tra Nottingham Forest e Malmö FF;

- nel 1980, agli Europei di calcio in Italia, gli toccano prima Spagna-Inghilterra e poi la finale per il terzo e quarto posto tra Italia-Cecoslovacchia;

- infine la sua carriera si chiude nel 1981, dirigendo la finale del Mundialito per nazioni, il trofeo organizzato dalla Federazione uruguayana e destinato alle Nazionali vincitrici di una Coppa del Mondo (l'Inghilterra, contraria al regime autoritario appena insediatosi in Uruguay con un colpo di Stato, rinunciò a favore dell'Olanda). La finale fu Uruguay-Brasile. Nello stesso torneo diresse anche la sfida fra Brasile e Argentina.

Vanta anche ben quattro semifinali in Coppa dei Campioni (nel 1971, 1972, 1975 e 1976) e due semifinali in Coppa delle Coppe (nel 1974 e nel 1980).

Nel 1985 la FIFA gli conferisce il prestigioso "FIFA Special Award".[2]

Di professione è stato operaio in una fabbrica di coloranti, ed in gioventù era stato campione locale in alcune distanze del mezzofondo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]