José María García-Aranda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

José María García-Aranda Encinar (Madrid, 1956) è un arbitro di calcio spagnolo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nella Liga spagnola all'età di 33 anni nel 1989, e tre anni più tardi venne promosso internazionale. Ebbe una carriera costellata da numerosi riconoscimenti e finali importanti. Nel 1997 diresse la finale di ritorno della Coppa UEFA tra Inter e Schalke 04, e nello stesso anno fu designato per la finale di Coppa Intercontinentale tra Borussia Dortmund e Cruzeiro.

Nel 1998 ebbe l'onore di arbitrare la semifinale dei Mondiali di calcio 1998 tra Francia e Croazia, durante la quale espulse il capitano dei bleus Laurent Blanc per una condotta violenta, impedendogli di giocare la finalissima; nello stesso torneo diresse anche la gara inaugurale tra Brasile e Scozia e l'ottavo di finale tra Paesi Bassi e Jugoslavia.

Al campionato europeo di calcio 2000 arbitrò due partite: Italia-Belgio e il quarto di finale tra Paesi Bassi e Jugoslavia, mentre nell'edizione del 1996 aveva svolto le funzioni di IV Ufficiale di gara. Fu impiegato anche alle Olimpiadi di Atlanta 1996. Due le gare dirette: la prima a Washington il 23 luglio tra Italia e Ghana (2:3): direzione largamente insufficiente ( Giuseppe Toti sul " Corriere della Sera " gli diede voto 3 ), con un rigore per parte inventato e la ingiusta espulsione di Fabio Galante. Diresse poi la semifinale del 30 luglio a Athens tra Nigeria e Brasile, con vittoria degli africani per 4 a 3 con il " Golden Goal " di Kanu al 94', dopo che lo stesso giocatore aveva pareggiato al ... 90'.

Vanta anche la direzione in una semifinale di UEFA Champions League 1995-1996 (Panathinaikos-Ajax Amsterdam) e in una semifinale di Coppa UEFA 1999-2000 (RC Lens-Arsenal).

Terminò virtualmente la propria esperienza a livello internazionale in modo disastroso, con l'ottavo di finale di Coppa UEFA 2000-2001 tra Liverpool e Roma, in aperta polemica coi giallorossi per aver assegnato loro un calcio di rigore al minuto 76 per un netto fallo di mano di Markus Babbel difensore numero 6 del Liverpool su un cross di Montella, per poi inspiegabilmente revocarne subito dopo la decisione. Decisione che ha segnato irrimediabilmente la carriera del buon Josè Aranda ed ha decretato l'eliminazione della squadra giallorossa dal torneo.

È stato direttore tecnico a disposizione del Settore arbitrale della FIFA, mentre dall'aprile 2011 assume l'incarico di advisor degli arbitri russi.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]