Tortora (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tortora
comune
Tortora – Stemma Tortora – Bandiera
Tortora – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Cosenza-Stemma.png Cosenza
Amministrazione
Sindaco Pasquale Lamboglia (Lista Civica Impegno Comune) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 39°58′00″N 15°48′00″E / 39.966667°N 15.8°E39.966667; 15.8 (Tortora)Coordinate: 39°58′00″N 15°48′00″E / 39.966667°N 15.8°E39.966667; 15.8 (Tortora)
Altitudine 300[1] m s.l.m.
Superficie 57,88[2] km²
Abitanti 6 186[3] (31-12-2010)
Densità 106,88 ab./km²
Frazioni Vedi: elenco montane, elenco marittime
Comuni confinanti Aieta, Laino Borgo, Lauria (PZ), Maratea (PZ), Praia a Mare, Trecchina (PZ)
Altre informazioni
Cod. postale 87020
Prefisso 0985; in alcune frazioni montane 0973
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 078149
Cod. catastale L305
Targa CS
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona C, 1 325 GG[4]
Nome abitanti tortoresi (in dialetto locale turturisi)
Patrono san Biagio santo Patrono[1] - sant'Antonio da Padova santo Protettore
Giorno festivo 3 febbraio[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tortora
Posizione del comune di Tortora all'interno della provincia di Cosenza
Posizione del comune di Tortora all'interno della provincia di Cosenza
Sito istituzionale

Tortora è il primo comune della Calabria nord occidentale che si affaccia sul Mar Tirreno, al confine con la Basilicata, paese di notevole importanza per il turismo balneare. Il suo territorio prevalentemente collinare è incluso in gran parte nel Parco nazionale del Pollino, confina sul versante nord con i comuni di Maratea e Trecchina, a nord-est con Lauria, ad est con Laino Borgo, a sud con Aieta e Praia a Mare e ad ovest con il Mar Tirreno. Il territorio è diviso in tre realtà antropiche: il centro storico che conta circa 550 abitanti, le frazioni montane con circa 550 abitanti e la marina con circa 4900 abitanti.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Orografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Monte Cifolo 842 m s.l.m.
  • Timpone Cornutello 954 m s.l.m.
  • Monte Cucuzzata di Tortora 1.088 m s.l.m.
  • Monte La Destra di Pizinno 1.084 m s.l.m.
  • Monte Rossino 1.238 m s.l.m.
  • Monte Rotondella 839 m s.l.m.
  • Monte Sellata 745 m s.l.m.
  • Monte Serramale 1.274 m s.l.m.
  • Monte Vallina 751 m s.l.m.

Galleria fotografica delle montagne[modifica | modifica wikitesto]

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Torrente di Pizinno
in Località Tufarelli

Bacino Idrografico del Fiume Noce:

Bacino Idrografico del Fiume Lao:

Grotte di Tortora[modifica | modifica wikitesto]

Elenco di tutte le cavità naturali tortoresi note e regolarmente censite (aggiornamento al 1º settembre 2007). La sigla "Cb" significa "Calabria" e il numero che l'accompagna indica la posizione della cavità relativa nel Catasto delle Grotte della Calabria.[5]

  • Cb 11 - Grottiello di Torre Nave
  • Cb 80 - II Grotta di Torre Nave
  • Cb 81 - Grotta di Camerelle

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Tantissime sono le specie animali che compongono la fauna tortorese, con bestie appartenenti a tutte le classi del regno animale.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La flora è la tipica macchia mediterranea composta da arbusti quali, il lentisco, i profumati mirto ed alloro, la ricercata erica, i pungenti ginepro e biancospino oltre al corbezzolo. Dal litorale fino ai 600 metri di quota le principali piante ad alto fusto sono la roverella ed il leccio, oltre alla sughera che per lo più cresce nella località Rosaneto. In montagna troviamo boschi di castagno, maggiormente concentrati nella zona di San Quaranta e Carro, il resto del territorio boschivo è composto dall’acero campestre, l'acero di Lobelio, l'acero di monte, l'acero napoletano, l'acero d'Ungheria, il carpino nero, il carpino bianco, il cerro, il faggio, l’ontano napoletano e l’orniello. Lungo i torrenti la lussureggiante vegetazione è composta dal pioppo tremolo, dal pioppo nero, ai quali si arrampicano centinaia di funi di vitalbe. Fiori e bacche multicolori adornano il palcoscenico tortorese quali il giglio selvatico, facilmente reperibile sul monte Cucuzzata, il romantico vischio che con le sue bacche citrine cresce sulle piante di roverella, il natalizio pungitopo, mentre molto di rado si possono ammirare splendidi esemplari di agrifoglio. Il sambuco cresce prosperoso nel bosco che dal suo antico appellativo prende il nome di “Savacu”. Tra le rosacee facilmente ci possiamo imbattere in folti cespugli di rovi, mentre solo in alta montagna cresce il lampone, molto diffuse anche la gustosa fragolina di bosco e la rosa. Infine sono numerosissime le piante officinali che crescono allo stato spontaneo nel territorio, tra queste annoveriamo: la borragine, la camomilla, la cicoria, la lavanda, la malva, l'ortica, la salvia e la valeriana rossa.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Tortora avendo un vasto territorio che si estende dal Golfo di Policastro fino ai confini con Lauria e Laino Borgo, ha un clima ben diverso in base alla zona. La marina edificata quasi al livello del mare ha inverni miti ed estati molto calde, diversamente nelle frazioni montante poste in alta montagna, si hanno estati brevi e fresche ed inverni rigidi, dove la temperatura non di rado scende al disotto dello zero. Un clima mite durante tutto l'anno si ha nel centro storico e nelle frazioni adiacenti, dove solo in rare eccezioni in inverno la temperatura scende al di sotto dello zero, le estati sono sostanzialmente fresche ed arieggiate, ma non mancano picchi di alte temperature.

Tabella delle temperature[modifica | modifica wikitesto]

Medie annuali registrati a Tortora Marina:[7]

Praia a Mare/Tortora Marina Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 13,7 14,2 15,5 19,0 22,6 25,3 27,7 29,5 26,6 21,3 18,3 15,3 14,4 19,0 27,5 22,1 20,8
T. min. mediaC) 8,5 8,3 9,5 12,7 16,9 18,9 21,5 23,4 21,6 15,0 11,9 9,3 8,7 13,0 21,3 16,2 14,8

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preistoria[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio tortorese ha visto la presenza dell'uomo fin dagli albori della storia umana. Nella località Rosaneto è stato trovato un giacimento preistorico all'aperto risalente al Paleolitico Inferiore datato a circa centocinquantamila anni fa[8], uno dei più antichi siti preistorici italiani. In questo sito sono stati rinvenuti un migliaio di strumenti litici, tra i quali 140 choppers, 67 amigdale ed alcuni hachereaux[9]. La presenza umana sul territorio è continuata anche nei millenni a seguire come dimostrano gli scavi avvenuti ai piedi della falesia calcarea di Torrenave. Negli strati inferiori degli scavi sono stati recuperati strumenti litici prodotti dall'uomo di Neanderthal nel Paleolitico Medio, mentre in quelli superiori compaiono gli strumenti tipici dell'homo sapiens sapiens (Paleolitico Superiore). Nella grotta della fiumarella sono riemerse ceramiche incise dell'età del bronzo dall'Eneolitico fino al Bronzo medio.[10]

Blanda[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Blanda.

I primi segni di civiltà risalgono al popolo degli Enotri, che dimorò sul territorio fino dal VI secolo a.C. al IV secolo a.C. provenienti probabilmente dal Vallo di Diano[10], la loro presenza sul territorio è stata accertata dal ritrovamento di 38 tombe con corredi funerari enotri, da una stele litica e da un piccolo centro abitato. In seguito, agli Enotri si sostituì apparentemente senza scontri bellici, il forte popolo italico dei Lucani, che nel comune di Tortora sul colle Palecastro ampliarono e fortificarono il centro abitativo di origine enotria di Blanda[10]. Intorno al IV secolo a.C. i Lucani erano i signori incontrastati del territorio che si estendeva fino alle rive del fiume Lao a sud dell'odierna Scalea. Come riportato dallo storico romano Tito Livio, Blanda fu espugnata nel 214 a.C.[11] dal console romano Quinto Fabio Massimo, per essersi schierata con Annibale nella seconda guerra punica. Da quanto riportato da Tito Livio, si può dedurre che Blanda era un centro lucano di primaria importanza. Dopo la conquista romana Blanda visse per oltre centocinquant'anni una vita stentata fino alla metà del I secolo a.C., quando divenne un centro amministrativo romano ed assunse il nome di Blanda Julia in onore di Gaio Giulio Cesare. La vita di Blanda continuò ad essere tranquilla fino alla metà del II secolo, quando iniziò una lenta ma continua decadenza. Durante i primi secoli del Cristianesimo, Blanda fu sede vescovile, e in questo periodo fu edificata la chiesa paleocristiana in località Pianogrande. Si tratta di una chiesa a pianta centrale con ingresso ad ovest e tre absidi, circondata da sepolture, databile tra il VI e il VII secolo. Nel 592 Blanda subì un'incursione longobarda, e la sede episcopale dovette essere ripristinata dal vescovo Felice di Agropoli, su preciso mandato di papa Gregorio Magno. Nel 601 fu vescovo di Blanda un certo Romano, come ne attesta la sua presenza al Sinodo Romano. Nel 649, anno in cui si svolse il Sinodo Romano, continuò ad essere sede vescovile, come dimostra la presenza del suo vescovo Pasquale. Nell'VIII secolo Blanda passò in mano ai Longobardi. Un altro Sinodo indetto da papa Zaccaria nel 743 fu sottoscritto da Gaudiosus Blandarum Episcopus. A partire dal IX secolo Blanda, sottoposta a continue incursioni e saccheggi da parte dei predoni Saraceni, fu definitivamente abbandonata. Alcuni dei suoi abitanti si rifugiarono nell'entroterra e fondarono su uno sperone roccioso il primo nucleo di Tortora, chiamato, in onore dell'antica città, Julitta. Oggi i ritrovamenti dell'antica città di Blanda possono essere ammirati nella mostra perenne "Archeologia per Tortora: frammenti dal passato", sita nel palazzo Casapesenna a Tortora Centro Storico.

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Origini del Nome
Disegno di una tortora.

Il nome del paese deriva dal latino turtur, -uris, ossia tortora. La tortora selvatica è raffigurato anche sullo stemma comunale.[12]

Tra l'VIII ed il X secolo d.C. a Tortora, come nel resto della Calabria, in seguito all'editto di Leone III l'Isaurico, che propugnava l'iconoclastia ed alla conquista araba della Siria e dell'Egitto, giunsero decine di monaci basiliani provenienti dalla Cappadocia, dal Peloponneso, dalla Palestina e dalla Siria, che qui venivano per estraniarsi dal mondo e vivere in pienezza il contatto con Dio. E proprio in queste terre scarsamente popolate, trovarono luoghi idonei al loro culto, dove edificarono decine di piccole cappelle e laure eremitiche basiliane, che ancora oggi a mille anni di distanza danno il nome alle località in cui furono edificate: Caritàti (Carità), Chijericalài, Sant'Elia, Sànta Gàda (Santa Ada), Sàntu Lèu (San Leo), Sàntu Linàrdu (San Leonardo), Sàntu Micìelu (San Michele), Sàntu Nicòla (San Nicola), Sàntu Pàulu (San Paolo), Sàntu Pìetru (San Pietro), Sàntu Prancàtu (San Brancato), Sàntu Quarànta (Santi Quaranta Martiri), Sàntu Sàgu (San Saba) e Sàntu Stèfanu (Santo Stefano).

A partire dai primi anni del secondo millennio il piccolo borgo di Julitta iniziò una lenta espansione ed assunse il nome di Tortora, dal volatile omonimo che in quel periodo abbondava nei boschi adiacenti. Nella Bolla del 1079, con cui Benedetto Alfano arcivescovo di Salerno consacrò Pietro Pappacarbone vescovo di Policastro, compare per la prima volta nella storia religiosa il nome di "Turtura" accanto a quelli di Agrimonte (Agromonte di Latronico), Arriusu, Abbatemarcu (antico paese sito nel comune di Santa Maria del Cedro), Avena (Avena di Papasidero), Camerota, Caselle (Caselle in Pittari), Castrocuccu (Castrocucco di Maratea), Didascalea (Scalea), Lacumnigrum (Lagonegro), Laeta (Aieta), Languenum (Laino), Latronucum (Latronico), Mandelmo, Marathia (Maratea), Mercuri (Mercurion), Portum (Sapri), Regione, Revella (Rivello), Rotunda (Rotonda), S. Athanasium, Seleuci (Seluci di Lauria), Trosolinum, Turraca (Torraca), Turturella (Tortorella), Triclina (Trecchina), Uria (Lauria), Ursimarcu (Orsomarso) e Vimanellum (Viggianello), che facevano parte della Diocesi di Policastro, oggi Policastro Bussentino (frazione di Santa Marina).[13]

Tra i primi signori di Tortora ci furono i Cifone, che la tennero fino al 1284. Dal 1284 al 1496 Tortora appartenne ai Lauria, di cui il personaggio più rappresentativo fu l'ammiraglio Ruggero di Lauria; nel 1496 Ferdinando II d'Aragona la donò a Giovanni De Montibus. In seguito passò ai Martirano, poi agli Ossonia nel 1565, agli Exarques nel 1602, ai Ravaschieri nel 1692. Dal 1707 al 1821 i signori di Tortora furono i Vitale.

Età Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Nel XVI e XVII secolo tra le attività principalmente diffuse nella Marina di Tortora troviamo la coltura del baco da seta e della canna da zucchero.

In questi secoli Tortora conobbe grandi epidemie, fra cui la terribile peste di Colera del 1656 che dimezzò la popolazione; nel 1770 per epidemia perirono 136 persone, nel 1778 morirono per il vaiolo 60 persone, nel 1794 da aprile a giugno morirono 77 bambini tra uno e dieci anni. Epidemie e colera falciarono vittime anche nel 1802, 1804, 1837 e 1849. Il problema delle morti di massa fu definitivamente risolto nel 1866, quando furono abolite le risaie nei territori di Tortora ed Aieta.[14] Il 13 dicembre 1806 giunsero a Tortora le truppe francesi del re Giuseppe Bonaparte, le stesse che avevano devastato Lagonegro e Lauria, ma diversamente da altre popolazioni i tortoresi, per evitare devastazioni e saccheggi, non opposero resistenza all'invasore francese, che risparmiò per questo la vita dei cittadini e non operò razzie; lasciata Tortora le milizie si diressero verso la vicina Aieta, che era stata abbandonata dai suoi abitanti. Gli stessi soldati in seguito bruciarono il palazzo Spinelli di Scalea e distrussero la cittadina di Cirella. Il 3 settembre del 1860 a Tortora sostò Giuseppe Garibaldi insieme ai suoi generali Agostino Bertani, Nino Bixio, Enrico Cosenz e Giacomo Medici, ospiti della famiglia Lo Monaco Melazzi, durante la conquista del meridione d'Italia. In questa occasione Garibaldi investì il tortorese Don Biagio Maceri capitano della Guardia Nazionale.[13]

Nel 1928, con R.D. 29 marzo e con Decreto Prefettizio del 16 aprile il Comune di Tortora, dopo una plurisecolare esistenza autonoma, venne soppresso ed accorpato, insieme al comune di Aieta, al nuovo comune di Praia a Mare, che fino a quel momento era stata frazione di Aieta. Nel 1937 riacquistò in data 18 luglio la propria autonomia.[14]

Stemma comunale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Tortora.
« D'azzurro a due tortore al naturale affrontate e sostenute dalle vette laterali di tre monti all'italiana d'argento, quello centrale più elevato e sormontato da una stella d'oro raggiata di otto, accompagnata in capo da una corona all'antica pure d'oro. Ornamenti esteriori da Comune. »
(Fonte[15])

Gonfalone comunale[modifica | modifica wikitesto]

Il gonfalone del comune di Tortora.
« Drappo partito di bianco e di giallo riccamante ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma civico con la iscrizione centrata in argento: Comune di Tortora. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d'argentoFonte[15] »

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Tortora sono presenti dieci chiese.

  • Chiesa di San Pietro Apostolo in Piazza Plebiscito (Tortora Centro Storico)
  • Chiesa dell’Annunziata Piazza Monastero (Tortora Centro Storico)
  • Chiesa delle Anime del Purgatorio in Piazza Dante Alighieri (Tortora Centro Storico)
  • Cappella di Materdomini Via Materdomini (Tortora Centro Storico)
  • Chiesa di Santo Stefano Via Santo Stefano (Tortora Marina)
  • Cappella della Madonna delle Grazie Via Madonna delle Grazie (Tortora Marina)
  • Chiesa Stella Maris Piazza Stella Maris (Tortora Marina)
  • Chiesa della Madonna dell’Addolorata in frazione Acqualisparti (Zona Montana)
  • Chiesa del Gesù Risorto in frazione Pizinno
  • Cappella del Cristo Re in frazione Massacornuta
Galleria fotografica delle chiese[modifica | modifica wikitesto]

Altri monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Portali litici[modifica | modifica wikitesto]

Per le stradine del centro storico di Tortora si incontrano pregevoli portali litici, che ornano gli antichi palazzi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica pre-Unità d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1276: 538 abitanti
  • 1535: 600 abitanti (120 fuochi)
  • 1545: 665 abitanti (133 fuochi)
  • 1561: 855 abitanti (171 fuochi)
  • 1648: 625 abitanti (125 fuochi)
  • 1669: 315 abitanti (63 fuochi)
  • 1692: 700 abitanti (140 fuochi)
  • 1796: 1557 abitanti[14]

Evoluzione demografica post-Unità d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[16]

Dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto tortorese fa parte dei dialetti meridionali napoletani Ha termini di origine antichissima, anche se prevalentemente è composto da vocaboli di origine latina. Come la maggior parte dei dialetti meridionali ha inglobato nel corso dei secoli termini provenienti da tutte le lingue con cui è venuto a contatto: arabo, greco, francese, goto, latino, longobardo e spagnolo.

Eventi e feste[modifica | modifica wikitesto]

  • 2 febbraio - Festa di San Biagio - Tortora Centro Storico
  • 13 giugno - Festa di Sant'Antonio da Padova - Tortora Centro Storico
  • 1º maggio - Festa 1º maggio Tortorese - Tortora Marina "Piazza Stella Maris" -Associazione 1Maggio Tortora -[17]
  • Terza domenica di luglio - Festa Madonna delle Grazie - Tortora Marina "Località Poiarelli"[18]
  • Seconda decade di agosto - agosto Piccante dell'Accademia Nazionale del Peperoncino - Tortora Marina[18]
  • Terza domenica di agosto - Sagra della Trippa - Frazione Acqualisparti[18]
  • Ultima domenica di agosto - Festival della Pizza dell'A.P.I. - Tortora Marina[18]
  • dicembre - Presepe Vivente - Tortora Centro Storico[19]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca comunale[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale è stata inaugurata il 10 maggio 2008 ed è ubicata in Tortora centro storico.

Museo[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo.png Mostra Permanente "Archeologia per Tortora: frammenti dal passato" - Corso Garibaldi, Tortora Centro Storico

La mostra permanente "Archeologia per Tortora: frammenti dal passato" è stata inaugurata il 18 aprile 1998 ed ampliata il 7 luglio 2001[20], è conserva al suo interno i reperti provenienti dagli scavi della necropoli di San Brancato della antica città italica di Blanda

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

I piatti tipici della cucina locale sono:

Persone legate a Tortora[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Tortora ha un territorio prevalentemente collinare/montuoso di natura calcarea ed è ricco di corsi d’acqua. È costituito da tre realtà antropiche:

Tortora Centro Storico[modifica | modifica wikitesto]

Rioni storici del centro storico[modifica | modifica wikitesto]

nomi in dialetto
  • Carròli
  • Càsa di la Vècchia
  • Chìazza
  • Cummèndi
  • Fùossu
  • Mariganìeddu
  • Matriddòmini
  • Mbàla la Tèrra
  • Mballatùru
  • Ngràstu
  • Nzàrra
  • Pòndi
  • Ramètta
  • Sànt'Andrìa
  • Sànta Dumìnica
  • Sàntu Iaculu
  • Tirròni
  • Vìa di Mìenzu
  • Vìa Grànni

Tortora Marina e zone limitrofe[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lido di Tortora.

Tortora Marina si estende su una pianura che si affaccia sul Golfo di Policastro, conta ad oggi circa 4900 abitanti e dalla metà degli anni ottanta è divenuta centro amministrativo del comune di Tortora, con lo spostamento del municipio da Tortora Centro Storico a Tortora Marina . Si è sviluppata in modo esponenziale verso la fine degli anni settanta, inizialmente era suddivisa in dieci frazioni che poi si sono unificate. Le frazioni originarie erano: Benefici, Crisosa, Cutura, Girone, Impresa, Falconara, Pantani, Pergolo, Poiarelli e Riviera.

Frazioni marine[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni montane[modifica | modifica wikitesto]

Veduta panoramica delle frazioni montane[modifica | modifica wikitesto]

Territori montani disabitati[modifica | modifica wikitesto]

  • Cammarèdde
  • Carità (Caritàti)
  • Castèllo (Castìeddu)
  • Cersòsa
  • Cirìenu
  • Comìercio (Cumìerciu)
  • Còsta Nocìlla
  • Elcìosa (Ilicìosa)
  • Fràssi
  • Giardìno (Iardìnu)
  • Grassàta
  • Làcco
  • Lossatùnna
  • Montagnòla
  • Moscatùra (Muscatùra)
  • Pènsola (Appìenzulu)
  • Pinzùni
  • Pizarròni
  • Pizzutànu
  • Pònte di Mèzzo (Pòndi di Mìenzu)
  • Pràsti
  • Pràto
  • Quèrce (Cèrsi)
  • Rischìera
  • Sànda Gàda
  • Sàn Lèo (Sàndu Lèo)
  • Sàn Pàolo (Sàndu Pàolu)
  • Saracìna
  • Scarpalèggia
  • Scrudùosu
  • Sèrra Vìola
  • Spànu
  • Speroncèlla: Sprungèdda
  • Vàlle del Mònaco (Vàdda di lu Mònacu)
  • Vàlle di Cardìo (Vàdda di Càrdio)
  • Vàlle Marzìero (Marzìeru)
  • Vàlle Scùra (Vàdda Scùra)
  • Vernòsa
  • Zàzera

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

Aereo Gli aeroporti più vicini sono:

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Le principali arterie per il comune di Tortora sono:

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Lo scalo ferroviario di Tortora è lo scalo delle (Ferrovie dello Stato) Praja-Aieta-Tortora ubicato in Praia a Mare a 2 km da Tortora Marina.

Autolinee[modifica | modifica wikitesto]

  • Da Tortora nei pressi della stazione di servizio Tamoil parte un servizio di autolinee regionali da e per Cosenza che attraversa tutta la costa tirrenica cosentina.
  • Nei pressi della stazione di servizio Agip sulla SS18 parte un servizio di autolinee per le principali città del Nord Italia.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Basket
La squadra di basket di Tortora è il A.S.Dil. Julitta Basket, fondata nel 1997[21], che attualmente milita nel campionato di Promozione Calabrese. La squadra è stata una fucina di talenti negli anni passati per il basket semi-professionistico, tra tutti Angelo Toselli, Simone Lo Tufo e Guido Bergamo.[22]
Calcio
La squadra di calcio di Tortora è l'S.S.D. Tortora, fondata nel 1966, che attualmente milita nel campionato di Promozione Calabrese Girone A.[23] Nel 2007/2008 vince la Coppa Calabra.[24]
Lo stadio comunale di calcio è denominato Umberto Nappi ed è sito in località Sicilione.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Forze di Polizia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Tratto da tuttitalia.it. URL consultato il 30-03-2010.
  2. ^ [1]
  3. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  5. ^ Centro Regionale di Speleologia Enzo Dei Medici. URL consultato il 15-05-2008.
  6. ^ Classificazione climatica Calabria, dati Confedilizia. URL consultato il 12-05-2008.
  7. ^ Stazione di Rilevamento Meteo, dati twd meteo. URL consultato il 23-09-2008.
  8. ^ Gioacchino Francesco La Torre, Emanuele Greco, Blanda Laos Cerillae, Paestum, Pandemos e Fondazione Paestum, 1999, p. 79.
  9. ^ Tortora nel periodo del Paleolitico Inferiore di Michelangelo Pucci URL consultato il 16-05-2008
  10. ^ a b c Fabrizio, Mollo, Archeologia per Tortora frammenti dal passato, Potenza, S.T.E.S. s.r.l. di Zafarone & Di Bello, 2001.
  11. ^ Archeologia per Tortora "Frammenti dal passato" URL consultato il 14-05-2008
  12. ^ Descrizione di Tortora a cura di www.comuni-italiani.it URL consultato il 13-05-2008
  13. ^ a b Amedeo, Fulco, Memorie Storiche di Tortora, Soveria Mannelli, Rubettino Industrie Grafiche ed Editoriali, 1960.
  14. ^ a b c Giuseppe, Guida, Amedeo Fulco, Napoli, Loffredo Editore, 1982.
  15. ^ a b Descrizione degli stemmi a cura di www.comuni-italiani.it URL consultato il 13-05-2008
  16. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  17. ^ Periodico il Faro URL consultato il 16-05-2008
  18. ^ a b c d www.prolocotortora.it URL consultato il 16-05-2008
  19. ^ L'Eco di Basilicata URL consultato il 16-05-2008
  20. ^ Archeologia e museo a cura del Comune di Tortora URL consultato il 14-05-2008
  21. ^ Sito del giornale l'Eco. URL consultato il 12-05-2008.
  22. ^ Sito della A.S.D. Julitta Basket. URL consultato il 05-03-2009.
  23. ^ Sito internet della SSD Tortora. URL consultato il 24-07-2008.
  24. ^ Sito internet della SSD Tortora. URL consultato il 12-05-2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Amedeo Fulco, Giuseppe Guida, Napoli, 1982
  • Archeologia per Tortora: frammenti dal passato, Fabrizio Mollo, Scalea (CS), 2001
  • Blanda Laos Cerillae, Emanuele Greco e Gioacchino Francesco La Torre, Paestum, 1999
  • Memorie storiche di Tortora, Amedeo Fulco, 1960
  • Peregrinazioni Storiche, Giovanni Celico, 1980
  • Rilievo Aerofotogrammetrico I.R.T.E.F., Firenze, 1959

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]