San Basile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Basile
comune
San Basile – Stemma San Basile – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Cosenza-Stemma.png Cosenza
Amministrazione
Sindaco Vincenzo Tamburi (San Basile futura) dal 09/06/2009
Territorio
Coordinate 39°49′00″N 16°10′00″E / 39.816667°N 16.166667°E39.816667; 16.166667 (San Basile)Coordinate: 39°49′00″N 16°10′00″E / 39.816667°N 16.166667°E39.816667; 16.166667 (San Basile)
Altitudine 540[1] m s.l.m.
Superficie 18 km²
Abitanti 1 062[2] (30-09-2012)
Densità 59 ab./km²
Comuni confinanti Castrovillari, Morano Calabro, Saracena
Altre informazioni
Cod. postale 87010
Prefisso 0981
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 078111
Cod. catastale H765
Targa CS
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti sambasilesi (in arbëreshë Shënvasilotë)
Patrono San Giovanni Battista e Santa Maria Odigitria
Giorno festivo 25 maggio, martedì dopo la Pentecoste
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Basile
Posizione del comune di San Basile nella provincia di Cosenza
Posizione del comune di San Basile nella provincia di Cosenza
Sito istituzionale

San Basile (Shën Vasili in arbëreshë[3]) è un comune italiano di 1.062 abitanti della provincia di Cosenza in Calabria.

Sorge alle falde del Monte Pollino, nel versante nord/est della catena costiera nel Parco nazionale del Pollino. È una comunità arbëreshë (minoranza etno-linguistica albanese) d'Italia, che mantiene la lingua, i costumi, il rito bizantino-greco, le tradizioni e la cultura propria.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Clima[modifica | modifica sorgente]

San Basile gode di un clima prevalentemente temperato e su questa classificazione incidono senza dubbio almeno due fattori: l’altitudine di media collina e la particolare orografia del territorio. Il paese è situato ad un'altitudine che varia dai 540 m ai 570 m e sorge ai piedi del complesso montuoso più occidentale del Parco del Pollino, ciò in estate garantisce temperature diurne non eccessivamente calde e serate fresche. L’autunno è piovoso ma con temperature gradevoli. La stagione invernale grazie alla barriera offerta a nord dalla vicina catena del Pollino non è particolarmente fredda, tuttavia non sono rare le nevicate. Segue una primavera generalmente tranquilla, con temperature miti e qualche pioggia specie nella parte iniziale. La stagione delle piogge va da novembre a marzo e la ventilazione è generalmente modesta.

Storia[modifica | modifica sorgente]

San Basile è uno dei comuni di origine greco-albanese presenti sul territorio calabrese. Fu fondato da una comunità di albanesi verso il 1475-1480, giunti in Italia al seguito di Giorgio Castriota Scanderbeg per sfuggire alla conquista turca dei Balcani e della Grecia. Sorse intorno al cenobio di San Basilio Craterete, da cui deriva anche il nome, e popolò intorno al monastero basiliano oggi Santuario di Santa Maria Odigitria, uno dei soli tre monasteri di rito greco-bizantino esistenti in Italia. Il primo documento che testimonia la presenza di albanesi sono i Capitoli stipulati con il Vescovo di Cassano allo Ionio (Marino Antonio Tomacelli) risalenti al 1510. Il paese andò costituendosi a nord dell'antico cenobio, e le prime abitazioni vennero costruite al di sopra del rione (gjitonia) Kroj che in arbëresh significa sorgente. Proprio per le sue origini la maggioranza della popolazione parla la lingua albanese (arbëreshë) e professa la religione cattolica con rito greco-bizantino. Fu feudo dei duchi di Castrovillari, di Nicola Interzato da Cariati, di Francesco Campolongo di Altomonte ed ancora della famiglia Rende di Bisignano [4] . Nel 1617 passò al duca di Saracena, quindi all'abate di Castrovillari e infine, ai principi di Scalea. La coscienza di appartenere ad una stessa etnia, ancorché dispersa e disgregata, si coglie tra l'altro in un motto molto diffuso, che i parlanti albanesi spesso ricordano quando si incontrano: "Gjaku jonë i shprisht", che vuol dire "Il sangue nostro sparso".

Tra i suoi figli più illustri ricordiamo: Angelo Bellizzi (sec. XVIII) sacerdote, teologo, storiografo e poeta; Costantino Bellizzi (sec. XIX), eroe risorgimentale.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Etnie e Minoranze Straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 31 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Albania Albania 25 2,28%

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Chiese[modifica | modifica sorgente]

Chiesa di San Giovanni Battista[modifica | modifica sorgente]

La Chiesa di San Giovanni Battista è stata costruita dopo la venuta degli albanesi, verso la metà del XVIII secolo, precisamente nel 1791 come testimonia la data che si trova scolpita sul cornicione dell'edificio stesso. Secondo le testimonianze orali, fu edificato dalle maestranze locali e dagli abitanti del paese, che per giorni trasportarono i materiali utilizzati. Lavori ben più ampi furono eseguiti sulla costruzione per interessamento della Curia Vescovile di Cassano da cui San Basile dipendeva, per questo motivo, lo stile della Chiesa non è bizantino, ma tardo-barocco. L'esterno dell'edificio, si mostra semplice, con un campanile non molto alto, dotato di campane costruite nel 1500, sicuramente appartenute al Monastero di Colloreto. L'ingresso principale è costituito da tre porte di legno, opera di artigianato locale. La planimetria della Chiesa è con tre navate e con l'altare maggiore posto sotto l'arco trionfale. L'architettura interna è tipicamente barocca con fregi e figure angeliche. Per adattare lo stile alle particolari esigenze del rito bizantino, nel 1930 è stato abbattuto l'altare maggiore per la sua struttura irregolare e sostituita da un quadrato sormontato da un baldacchino. Con la forma quadrata, il prezioso Corpo e Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo, viene distribuito ai quattro punti cardinali della terra. L'altare, è separato dal resto della chiesa da un tramezzo ligneo detto iconostasi, simbolica finestra dell'eternità. L'iconostasi è ricca di icone e dipinti di valore.

Monastero di Santa Maria Odigitria[modifica | modifica sorgente]

Il Monastero basiliano di Santa Maria Odigitria è la continuazione dell'antico monastero di San Basilio Craterete, fondato tra la fine del X secolo e l'inizio dell'XI secolo. Sorge in una panoramica posizione alle pendici di monti boscosi tra il maestoso massiccio del Pollino a nord e la sottostante piana di Sibari ad est. Si dice che uno dei monti che sovrasta il Monastero e il paese sia il cratere di un vulcano, da qui la denominazione "craterete" data anticamente al Monastero di San Basilio (secondo il prof. B. Cappelli "craterete" da crateròs, il forte, il potente: attributo per San Basilio il Grande).

La Chiesa di Santa Maria Odigitria conserva gelosamente, di fronte all'altare maggiore, un affresco che rappresenta il busto di una madonna vestita di azzurro sotto il manto rosso e con la testa coronata e da cui scende fin sulle spalle un velo verde chiaro campeggiante su una grande aureola giallo oro. È un pezzo dell'intero affresco, salvato nel XIII secolo, ed unico resto dell'antico cenobio di San Basilio che esisteva già da almeno tre secoli. L'iconostasi, alta transenna che separa il Vima o Santuario dalla navata, viene chiamata così perché è decorata di sacre icone. È la caratteristica delle chiese di rito bizantino ed ebbe origine in seguito alla restituzione del culto delle sacre immagini (anno 843).

Altri luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Sul territorio sono inoltre presenti la Chiesa di Sant'Anna (Kopela Sandë Anës - ka Konëza) e Kopela Rinucit.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Costumi femminili arbëreshe esibiti durante la tipica Vallje.

Il 25 maggio si celebra la festa del patrono San Giovanni Battista. Il mercoledì dopo la Pentecoste, in onore della Madonna della Misericordia, si svolge una sfilata con il singolare costume albanese della zona. Nel periodo pasquale (për Pashkët), si svolgono le vallje (danze) in onore all'eroe Skanderbeg, tradizione popolare che oggi, insieme alla lingua, rischia di perdersi.

Persone legate a San Basile[modifica | modifica sorgente]

  • Pietro Bellizzi (XVIII secolo), sacerdote di rito greco e poeta.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Caratteristica è la coltivazione delle viti da cui si ottiene il vino delle "Murge", nobile e prelibato.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 2010, il paesino è balzato agli onori della cronaca grazie all'iniziativa "Una casa a San Basile" dell'attuale sindaco Vincenzo Tamburi, che consiste nel vendere alcune case disabitate partendo da cifre pari a 5000 €, col fine di favorire il ripopolamento del centro abitato arbëreshë, riavvicinando così chi ha dovuto, in tempi passati, abbandonare il proprio paese natale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.comuni-italiani.it, San Basile: Clima e Dati Geografici.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 568.
  4. ^ Cfr. G.B. PACICHELLI, Il Regno di Napoli in prospettiva, cit. in F. VON LOBENSTEIN, Nobiltà e città calabresi infeudate, Chiaravalle Centrale, Frama Sud, p. 23.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calabria