Laino Castello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laino Castello
comune
Laino Castello – Stemma
Vista del nuovo centro abitato dal Monte La Destra
Vista del nuovo centro abitato dal Monte La Destra
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Cosenza-Stemma.png Cosenza
Amministrazione
Sindaco Giovanni Cosenza (Insieme si cresce) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 39°56′10″N 15°58′40″E / 39.936111°N 15.977778°E39.936111; 15.977778 (Laino Castello)Coordinate: 39°56′10″N 15°58′40″E / 39.936111°N 15.977778°E39.936111; 15.977778 (Laino Castello)
Altitudine 545 m s.l.m.
Superficie 37,33 km²
Abitanti 872[1] (30-09-2012)
Densità 23,36 ab./km²
Frazioni Angritano, Aria della Valle, Buongianni, Campicello, Carreto, Feliceta, Filomato, Fiumarito, Fornace, Fornari, Gallarizzo, Molinaro, Pantani, Pianolacorte, Pianolaria, Pretiorio, San Costantino, San Liguori, San Nicola, Santa Maria, Santo Ianni, Simonella, Umari, Veltro
Comuni confinanti Aieta, Laino Borgo, Mormanno, Papasidero, Viggianello (PZ), Rotonda (PZ)
Altre informazioni
Cod. postale 87015
Prefisso 0981
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 078064
Cod. catastale E419
Targa CS
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti lainesi
Patrono san Teodoro
Giorno festivo 9 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Laino Castello
Posizione del comune di Laino Castello all'interno della provincia di Cosenza
Posizione del comune di Laino Castello all'interno della provincia di Cosenza
Sito istituzionale

Laino Castello (Castièddru in calabrese[2]) è un comune italiano di 872 abitanti della provincia di Cosenza.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il centro abitato di Laino Castello è situato ad un'altitudine di 545 metri s.l.m. su una collina sul versante calabro della Valle del Mercure.

L'intera superficie comunale ricade all'interno dell'area del Parco nazionale del Pollino con circa 1000 Ha all'interno della "zona 1: di rilevante interesse naturalistico, paesaggistico e culturale con limitato grado di antropizzazione", mentre la restante parte del territorio è in "zona 2: di valore naturalistico, paesaggistico e culturale con maggiore grado di antropizzazione"[3]. La morfologia del territorio è piuttosto complessa con quote che vanno dai 1291 metri del monte La Destra ai 175 metri della parte bassa del fiume Lao. Proprio a causa della sua particolare conformazione vi è la presenza di numerosi corsi d’acqua, dei quali però solo due possono considerarsi veri e propri fiumi (fiume Lao e fiume Battendiero).

Caratteristica del comune di Laino Castello è quella di avere numerose contrade rurali che coprono la quasi totalità del territorio e nelle quali risiedono all'incirca i 2/3 della popolazione.

Centro storico[modifica | modifica wikitesto]

Poco distante dal nuovo centro sorge il vecchio centro storico, situato su un colle denominato San Teodoro, in onore del santo patrono di Laino Castello, alla cui sommità sorge l'omonima basilica. Nel 1960 a seguito a dei problemi di natura idrogeologica, con decreto del Ministro dei LL.PP. emesso in data 3 giugno 1960, l’abitato di Laino Castello venne dichiarato da trasferire in altro luogo e da allora cominciò un lento ed inesorabile declino dell'intero centro. Il vecchio centro fu abitato fino al 1982 quando, a causa di un violento terremoto, la popolazione ha dovuto abbandonare definitivamente le proprie case e trasferirsi su un pianoro poco distante sito in località Pornìa – Scolari dove già erano state realizzate le prime infrastrutture e le prime abitazioni.

Oggi il vecchio centro storico si presenta come un insieme di case abbandonate che si fondono con la natura che li circonda. Questi pochi resti vengono sovrastati dai ruderi del castello che, in seguito al famoso decreto napoleonico, l'editto di Saint Cloud del 1814, fu adibito a cimitero del paese. Queste poche costruzioni, fanno da cornice ad uno scenario bellissimo durante le stagioni calde e fungono da set per la rappresentazione della nascita di Gesù, un vero e proprio presepe vivente, il quale si tiene il 26 dicembre ed il 6 gennaio di ogni anno.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2012.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 341.
  3. ^ {{Sito istituzionale - Il Comune}}
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calabria