Lao (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lao / Mercure
Lao / Mercure
Stato Italia Italia
Regioni Basilicata Basilicata
Calabria Calabria
Lunghezza 51 km
Portata media 12,1 m³/s
Bacino idrografico 601 km²
Altitudine sorgente 2181 m s.l.m.
Nasce Serra del Prete
Sfocia nel Mar Tirreno presso Scalea

Il Lao è un breve ma importante fiume a corso perenne del versante tirrenico della Calabria. Nasce in Basilicata con il nome di fiume Mercure.

Prende il nome dall'antica città Laos, città della Magna Grecia.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Lungo oltre 50 km, nasce in Basilicata nel Parco nazionale del Pollino su Serra del Prete, altura del Massiccio del Pollino ad oltre 2.000 m di quota, nel territorio di Viggianello (PZ). Nel territorio lucano ha la denominazione di fiume Mercure, e percorre la parte centro-meridionale della Valle del Mercure.

Qui il fiume ha andamento prevalente da E-NE a O-SO. Entrato in territorio calabrese presso i centri di Laino Borgo e Laino Castello accoglie le acque degli affluenti Battendiero e Jannello mutando qui il nome in Lao. Da questo punto, copioso di acque tutto l'anno, entra in una spettacolare gola scorrendo estremamente incassato per svariati km. Giunto nei pressi di Orsomarso riceve da sinistra il fiume Argentino, suo principale tributario, ed esce dal tratto ingolato allargandosi notevolmente nel proprio alveo, dove si dirama a mo' di delta in svariati bracci secondari per sfociare nel Tirreno nel territorio del comune di Scalea.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Pur avendo un regime spiccatamente torrentizio con notevolissime variazioni di portata (specialmente in autunno quando può dar luogo a piene imponenti), il Lao si distingue nettamente dagli altri corsi d'acqua della regione per la copiosità delle sue portate medie (oltre 12 m³/s, il quarto della regione dopo Crati, Neto e Coscile) e minime (anche in estate difficilmente scende sotto i 5 m³/s), ciò grazie alla notevole permeabilità di gran parte del suo bacino.

Proprio per queste sue caratteristiche peculiari ed anche per la purezza delle sue acque, la bellezza e la lunghezza del suo tratto ingolato, il fiume è una famosa meta frequentatissima dagli appassionati di rafting e canoa.

Il Lao inoltre dà il nome alla Riserva naturale Valle del Fiume Lao, istituita nel 1987 all'interno del Parco nazionale del Pollino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nell'antichità il fiume era chiamato Laus (o Laos, Λαός in greco); era uno dei fiumi che segnava il confine tra i Lucani e i Bruzi. L'altro era il Chratis (Crati) nella parte terminale della foce, ma soprattutto lungo il corso del suo affluente Sybaris (Coscile), che nasce nel massiccio del Pollino, relativamente vicino alle sorgenti del Lao. Sboccava nel Sinus Laus (Golfo di Policastro), nel Inferum mare.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]