Intorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In analisi matematica e in topologia, un insieme è detto intorno di un punto se contiene un insieme aperto contenente il punto.[1]

Si tratta di un concetto fondamentale che è alla base delle nozioni di funzione continua e limite. Un intorno di un punto  x è intuitivamente un insieme di punti "vicini" al punto  x . Ogni intorno individua un insieme differente di vicini. Spesso per tradurre in linguaggio matematico l'idea che una proprietà debba essere verificata per punti che sono arbitrariamente vicini a  x si dice che vale "per ogni intorno di  x ".

Il concetto di intorno è strettamente connesso al concetto di insieme aperto.

Retta reale[modifica | modifica sorgente]

Un intorno di un punto x_0 della retta reale \mathbb{R} è un insieme della retta che contiene un intervallo aperto del tipo

 (x_0-\varepsilon , x_0+\varepsilon)

dove \varepsilon >0 è un numero positivo. In particolare:

  • L'intorno è aperto se è un insieme aperto
  • L'intorno aperto di raggio r è l'intervallo aperto  (x_0 - r , x_0 + r).

Un intorno non è necessariamente aperto. Ad esempio, l'intervallo  [x_0 - r , x_0 + r ] con  r>0 è un intorno chiuso di  x_0 .

La definizione di intorno si estende anche alla retta estesa: un intorno di +\infty è un insieme che contiene un intervallo aperto della forma  (M , +\infty) , per qualche  M reale. Analogamente un intorno di -\infty è un insieme contenente ( -\infty , M).

Spazio euclideo[modifica | modifica sorgente]

Il concetto di intorno si estende dalla retta reale al generico spazio euclideo \R^n di dimensione n. Nello spazio euclideo, un intorno di  x_0 è sempre un insieme contenente un insieme aperto  U , contenente a sua volta  x_0 . In particolare:

  • Un intorno sferico aperto di raggio r è l'insieme
\{x\in\R^n\ |\ d(x,x_0)<r\}

dove si fa uso della distanza euclidea.

  • Un intorno rettangolare è un intorno del tipo
I_1\times\ldots\times I_n

dove ciascun I_i è un intervallo in \R , intorno della coordinata i-esima di  x_0 .

Il concetto di intorno sferico si estende a qualsiasi spazio metrico, come descritto più sotto.

Spazi topologici[modifica | modifica sorgente]

In un generico spazio topologico  (X,T), un intorno di un punto x è un insieme V che contiene almeno un insieme aperto U \in T contenente x:

 x \in U \subseteq V .[1] (abbreviazione di x \in U e U \subseteq V)

L'insieme V non è necessariamente un insieme aperto o un insieme chiuso. Nel caso in cui V è aperto, si parla di intorno aperto e quando V è chiuso di intorno chiuso.

Intorni sferici[modifica | modifica sorgente]

Nel caso di uno spazio metrico (X,d) si possono considerare intorni caratterizzati da richieste sulla distanza. In particolare risulta utile considerare l'intorno sferico (o circolare) aperto di un punto x in X di raggio r>0 definito come l'insieme:


B(x,r) = \{y\in X \ :\ d(y,x)<r\}.

L'insieme in questione viene detto anche palla aperta, o disco aperto, di centro x e raggio r>0 (per avere un disco chiuso basta sostituire al simbolo < il simbolo \leq nella definizione di B(x,r). Se si indica con \overline S la chiusura di un insieme S, allora è coerente indicare con \overline B(x,r) il disco chiuso di centro x e raggio r). Un esempio è l'intorno di raggio r citato nel caso della retta reale, quando cioè si considera X=\mathbb{R}, che risulta poi essere un intervallo contenente x del tipo ]x-r,x+r[, o [x-r,x+r], ovvero, aperto o chiuso, a seconda che, rispettivamente, B(x,r) sia aperto o chiuso in \mathbb{R}. I dischi aperti tornano molto utili nell'Analisi e nella Topologia per diversi motivi. Innanzitutto, è possibile definire l'intorno di un punto x\in X come un qualunque sottoinsieme U di X tale che esista un r>0 in corrispondenza del quale B(x,r)\subseteq U . Così facendo, tra l'altro, discende naturalmente che lo stesso disco aperto è un intorno del suo centro. In secondo luogo, un qualsiasi disco aperto (ma anche chiuso) definito in uno spazio metrico derivante da uno spazio normato (cioè uno spazio normato visto come spazio metrico, dove la metrica è quella indotta dalla norma), è convesso. Sia infatti (X,||\ ||) uno spazio normato, x\in X e r>0. Se y,z\in B(x,r), e \gamma:[0,1]\rightarrow X è la curva \gamma(t)=(1-t)y+tz, allora, posto \xi =\xi(t)=\gamma(t), si ha

d(\xi,x)=||\xi-x||=||(1-t)y+tz-(1-t)x-tx||\leq|1-t|||y-x||+|t|||z-x||,

e quindi, tenendo conto che per ogni t\in[0,1] risulta |1-t|+|t|=1, si ha

d(\xi,x)\leq|1-t|||y-x||+|t|||z-x||<r(|1-t|+|t|)=r,

qualunque sia \xi\in\gamma([0,1]). Ne segue che B(x,r) è convesso. Da quanto abbiamo appena dimostrato discende che B(x,r) è semplicemente connesso.

Base di intorni[modifica | modifica sorgente]

Una base di intorni (o anche sistema di intorni) è un insieme di intorni di un punto fissato  x "arbitrariamente piccoli": una base di intorni identifica la "struttura topologica locale" del punto.

Più precisamente, una base di intorni è un insieme di intorni tale che qualsiasi intorno aperto di  x contiene uno di questi intorni.

Una base di intorni è utile a definire le proprietà locali di un punto, come ad esempio la connessione locale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b M. Manetti, op. cit., p. 42

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica