Cuspide (matematica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di cuspide

In analisi matematica, si dice che in un punto x_0 del dominio di una funzione di variabile reale f(x), la curva C parametrizzata da (y=x; f(x)) nel piano cartesiano, ha una cuspide se si verifica la seguente condizione

\lim_{h \to 0^+}{{f(x_0+h)-f(x_0)}\over{h}} =\pm \infty, \lim_{h \to 0^-}{{f(x_0+h)-f(x_0)}\over{h}}= \mp \infty

ovvero i limiti destro e sinistro del rapporto incrementale in x_0 sono divergenti (tendenti a ±∞) con segno opposto. Geometricamente, si può osservare come le semitangenti destra e sinistra siano verticali e formino un angolo nullo.

In geometria esistono tre specie di cuspidi, a seconda della molteplicità d'intersezione tra l'unica retta tangente e la curva nel punto, che può essere uguale a 3, 5 o 7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica