Pantera Nera (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pantera Nera
Pantera Nera, disegnato da John Romita Jr.
Pantera Nera, disegnato da John Romita Jr.
Universo Universo Marvel
Nome orig. Black Panther
Lingua orig. Inglese
Alter ego T'Challa
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. luglio 1966
1ª app. in Fantastic Four n. 52
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 23 gennaio 1973
app. it. in Fantastici Quattro n. 48
Sesso Maschio
Etnia africano
Luogo di nascita Wakanda (Nordafrica)
Abilità
  • abile ginnasta e acrobata
  • sensi supersviluppati
  • eccellente combattente nelle arti marziali africane e nella capoeira
  • genio della biologia
  • resistenza e agilità sovraumane
Parenti
  • T'Chaka (padre, deceduto)
  • N'Yami (madre)
  • Shuri (sorella)
  • Khanata, Joshua Itobo, Ishanta, Zuni (cugini)
  • Jakarra (fratellastro)
  • Ororo Munroe (Tempesta, moglie)
  • Azary (figlio nel futuro di Next Avengers)

Pantera Nera (Black Panther), il cui vero nome è T'Challa, è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee (testi) e Jack Kirby (disegni) nel 1966, pubblicato dalla Marvel Comics.

Fu uno dei primi supereroi di colore a comparire sulle pagine dei fumetti, figlio del movimento sulla parità dei diritti che cominciava a germogliare nella società americana tra la fine dei anni sessanta e l'inizio dei settanta.[senza fonte]

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il Wakanda è uno stato immaginario dell'Africa settentrionale, è l'unico paese al mondo che detiene un grande giacimento di vibranio, l'unico metallo che è capace di assorbire l'energia cinetica; per questo motivo nell'universo Marvel è una delle nazioni più ricche della Terra. È da secoli difeso dalla Pantera nera, un eroe nazionale dalle eccezionali qualità guerriere, dovute ad un severo addestramento e ad una foglia che dà a chi la ingerisce abilità sovrumane.

Il manto della Pantera nera è tramandato di generazione in generazione tramite una severa selezione tra i migliori guerrieri della Nazione; l'ultimo esponente di questa grande tradizione è T'Challa, il figlio del Re del Wakanda.

Suo padre fu ucciso da un cacciatore d'avorio di nome Ulysses Klaw (trasformatosi poi nel supercriminale chiamato Klaw), che voleva impadronirsi delle scorte del paese del prezioso vibranio. Un addolorato T'Challa giurò vendetta e riuscì a fermare il raid dell'assassino. Durante il combattimento il giovane principe distrusse la mano di Klaw.

Successivamente andò in America per motivi di studio e tornò in Wakanda molti anni dopo con una laurea in fisica, impaziente di reclamare la sua eredità. T'Challa, come vuole la tradizione, dovette sconfiggere i più abili guerrieri del suo paese per poter mangiare l'erba a foglia di cuore che dà ai sovrani del paese di Wakanda la loro forza.

Dopo aver superato la prova ed essere divenuto re, T'Challa decise di rendere nota al mondo l'esistenza del vibranio e grazie al commercio di quest'ultimo riuscì a far diventare il Wakanda uno dei paese più ricchi del mondo.

T'Challa fu invitato da Capitan America in persona a unirsi ai Vendicatori e il re, ritenendo i Vendicatori un potenziale pericolo per il suo paese, accettò, in modo da poterli tenere d'occhio. Durante la permanenza tra le loro file però Pantera Nera capì che i Vendicatori agivano per il bene dell'umanità e non per scopi egoistici, divenendo per loro un grande amico e alleato; non è raro che T'Challa, al pari di Tony Stark, metta spesso le sue risorse economiche e scientifiche al servizio della squadra. Tornato in patria T'Challa dovette riconquistare la fiducia dei suoi sudditi e lavorare duro per far riconoscere il Wakanda a livello mondiale.

Dopo il primo conflitto tra Kree e gli Skrull, Pantera Nera ospitò nel suo palazzo a Wakanda Iron Man, il Dottor Strange, Reed Richards, Namor il Sub-Mariner, Charles Xavier e Freccia Nera: nella discussione che ne conseguì, Stark propose di ritrovarsi segretamente per discutere delle grandi questioni come la guerra appena conclusa; tutti i partecipanti la ritennero una brillante idea, solo T'Challa rifiutò, ritenendola una decisione arrogante e ingiusta verso i propri alleati, pronosticando pericolosi dissapori qualora non trovassero un accordo su qualche questione.

T'Challa recentemente ha aiutato gli X-Men a svelare il mistero di alcune creature mostruose che minacciavano il Niganda. Durante l'avventura, T'Challa ha sconfitto il Fantasma rosso, con le sue superscimmie, un pericoloso scienziato; ha inoltre salvato la vita a Polaris degli X-Men ed ha iniziato una relazione amorosa con Tempesta, che sfocerà in matrimonio.

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Civil War (fumetto).

Durante Civil War, Pantera tenta di riallacciare i rapporti tra Iron Man e Capitan America invitandoli al suo matrimonio con Tempesta.

Insieme a lei compie un lungo viaggio diplomatico, che lo porterà ad incontrare il Dottor Destino, Namor, gli Inumani e il presidente degli Stati Uniti d'America, nel vano tentativo di porre fine alla guerra civile fra supereroi. Dopo la morte di Bill Foster si schiera al fianco di Capitan America, contro l'Atto di Registrazione dei superumani.

Con la fine del conflitto, lui e Tempesta si uniscono per un breve periodo ai Fantastici Quattro in sostituzione di Mister Fantastic e della Donna invisibile, che hanno deciso di prendersi un periodo di riposo per riconciliarsi fra loro; dopo la breve vacanza di Reed e Sue, i due fanno ritorno in Wakanda.

La nuova Pantera Nera[modifica | modifica wikitesto]

Al ritorno in Wakanda, Pantera Nera e Tempesta affrontano i mutaforma alieni Skrull, che si erano infiltrati durante la loro "Secret Invasion", piano ideato per conquistare la Terra.

Successivamente il principe Namor tenta di reclutare T'Challa per la Cabala, un consiglio segreto ideato da Norman Osborn. Attaccato dalle forze di un altro membro della Cabala, il Dottor Destino, T'Challa viene ferito e rimane in coma.

Il manto passa a sua sorella Shuri, che fin dall'adolescenza si è allenata per divenire la prossima Pantera Nera; anche dopo che T'Challa si risveglia dal coma e cerca di guarire dalle ferite riportate, il passaggio di testimone diventa ufficiale.

Chi è Pantera Nera?[modifica | modifica wikitesto]

Scritta dal regista cinematografico Reginald Hudlin e disegnata da John Romita Jr., la miniserie "Chi è Pantera Nera?" rinarra la storia delle origini del personaggio fin dall'epoca in cui regnava ancora suo padre T'Chaka.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Marvel Zombi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Marvel Zombi.

Nella realtà Marvel Zombi T'Challa è l'unico supereroe della Terra rimasto umano: è tenuto prigioniero in gran segreto da Giant-Man, che lo ha mutilato di un braccio e una gamba per nutrirsi ma lo ha anche risparmiato per studiare una cura per la loro condizione, celando la sua esistenza agli altri zombi perché questi altrimenti lo avrebbero divorato interrompendo i suoi esperimenti.

Quando Wasp viene apparentemente uccisa da Pym (voleva svelare il suo segreto agli altri), Pantera convince la sua testa (decapitata ma ancora viva) a liberarlo. T'Challa e Wasp vengono infine trovati da Forge (ex X-Man) e dagli Accoliti di Magneto, sopravvissuti all'epidemia zombi perché rifugiati sull'asteroide M in orbita intorno alla Terra.

Forge sostituirà il braccio e la gamba di Pantera con delle protesi bioniche.

Ultimates[modifica | modifica wikitesto]

In Ultimates 3 appare come nuovo membro anche la Pantera Nera, con un aspetto più simile alla versione classica che a quella apparsa nel cartone animato Ultimate Avengers 2.

Il principe T'Challa, rimasto gravemente ferito nella "Prova della Pantera", viene consegnato dal padre al progetto Arma X allo scopo di farlo guarire: l'operazione ha successo e, pur rimanendo muto, T'Challa acquisisce capacità fisiche potenziate e la visione notturna. Ingaggiato da Nick Fury, viene addestrato da Capitan America, col quale stringe una profonda amicizia: così, dopo un periodo di aggregazione agli Ultimates, Steve Rogers gli permette di tornare nel natio Wakanda, sostituendosi a lui.

Amalgam[modifica | modifica wikitesto]

Pantera Nera, nell'universo Amalgam, viene fuso col personaggio DC Comics Bronze Tiger, che ha in comune con T'Challa l'essere anch'esso un formidabile combattente di colore.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Pantera Nera, grazie alla foglia ingerita in gioventù, possiede dei sensi acutissimi da animale cacciatore, come la vista notturna , l'udito acutissimo e l'olfatto animalesco . Inoltre è un'eccezionale combattente corpo a corpo, dotato di una agilità straordinaria e dell'abilità di sapersi muovere senza emettere alcun rumore. Pantera nera è dotato di un buon fattore rigenerante permettendogli di guarire più rapidamente di un normale essere umano.

T'Challa usa sempre quando è in missione un costume realizzato in fibra di vibranio, resistente alle esplosioni e ai proiettili oltre che alle armi da taglio, provvisto di artigli in grado di tagliare il metallo e altre armi o invenzioni che gli possono essere utili nei combattimenti. Ha anche dimostrato diverse volte di essere abile nello spionaggio ed anche nel rubare .

T'Challa, oltre a essere un superbo lottatore nelle arti marziali africane e nella capoeira; inoltre è anche un geniale scienziato, al pari di Henry Pym, Tony Stark o di Reed Richards (il leader dei Fantastici Quattro). Infatti è stato in gran parte grazie a lui se Wakanda è stata riconosciuta per la propria abilità nella tecnologia .

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

Pantera Nera è apparso in numerose serie animate della Marvel Comics:

Home Video[modifica | modifica wikitesto]

Pantera Nera è uno dei personaggi principali del film animato Ultimate Avengers 2; è menzionato anche in Next Avengers: eroi di domani dove appare suo figlio Azari, avuto dalla moglie Tempesta. Azari ha tutte le caratteristiche di pantera nera ( eccetto per le armi in vibranio ) ma riesce a controllare l'elettricità sparando fulmini , saette , raggi elettrici ed è in grado di generare pantere di elettricità giganti per abbattere i nemici .

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Pantera Nera è un personaggio giocabile in Marvel: La Grande Alleanza e Marvel: La Grande Alleanza 2.

Inoltre possiamo usarlo in Lego Marvel Super Heroes.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 ottobre 2014 i Marvel Studios annunciano che il film di Pantera Nera sarà previsto per il novembre del 2017 e che il personaggio sarà interpretato da Chadwick Boseman.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Avengers Animated in Newsarama, 2 giugno 2010. URL consultato il 2 giugno 2010.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics