Luna Maximoff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luna
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego

Luna Maximoff

Autore John Byrne
Editore Marvel Comics
1ª app. marzo 1982
1ª app. in Fantastici Quattro n. 240
Editore it. Editoriale Corno
Sesso Femmina
Luogo di nascita Attilan
Abilità

empatia

Parenti
  • Pietro Maximoff (padre)
  • Crystallia Amaquelin, Crystal (madre)
  • Erik Magnus Lehnsherr, Magneto (nonno)
  • Magda Lehnsherr (nonna,deceduta)
  • Anya Lehnsherr (zia, deceduta)
  • Wanda Maximoff, Scarlet (zia, scomparsa)
  • Lorna Dane, Polaris (zia)
  • William "Billy" Kaplan, Wiccan (cugino)
  • Thomas Shepherd, Speed (cugino)
  • Medusa, (zia)
  • Freccia Nera (zio)
  • Ahura (cugino)
  • Gorgon, Karnak e Triton (cugini)


Luna, il cui il vero nome è Luna Maximoff, è un personaggio dei fumetti creato da John Byrne per la Marvel Comics, la prima apparizione avviene su The Fantastic Four n. 240.

È figlia del mutante Quicksilver e dell'inumana Crystal.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Come figlia di Quicksilver e Crystal è il primo ibrido tra mutanti e inumani. Nonostante questo alla nascita Luna non presenta super poteri. I genitori si separano quando è ancora piccola. Dopo l'esposizione da parte del padre alle Nebbie Terrigene ha acquisito il potere dell'empatia. Dopo che Quicksilver ha rubato i Cristalli Terrigeni per permettere ai mutanti depotenziati dalla decimazione di riacquistare i propri poteri, gli inumani hanno esiliato Pietro e Crystal ha sciolto definitivamente il loro matrimonio.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Luna possiede il potere di vedere le emozioni degli altri come colori. Ha sviluppato questo potere e può anche manipolare queste emozioni Ha dimostrato altri poteri mentali che simulano la telepatia e la chiaroveggenza.

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics