Torcia Umana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio della Golden Age, vedi Torcia Umana (originale).
La Torcia Umana
La Torcia Umana, disegnato da Tony Harris e Tom Feister
La Torcia Umana, disegnato da Tony Harris e Tom Feister
Universo Universo Marvel
Nome orig. Human Torch
Lingua orig. Inglese
Alter ego Jonathan Lowell Spencer Storm
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. novembre 1961
1ª app. in Fantastic Four n. 1
app. it. giugno 1966
app. it. in Linus Estate supplemento al n. 15 di Linus
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Abilità
  • Pirocinesi
  • combustione spontanea (fino a raggiungere il calore di una nova)
  • Volo
  • Capacità illimitata di assorbimento o emanazione di calore ad un corpo
  • Abile combattente corpo a corpo
Parenti
(EN)
« Flame on! »
(IT)
« Fiamma! »
(Il tipico grido di battaglia della Torcia)

La Torcia Umana (Human Torch), il cui vero nome è Jonathan "Jonny" Lowell Spencer Storm, è un personaggio dei fumetti, creato da Stan Lee (testi) e Jack Kirby (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics; è uno dei più forti, dei più coraggiosi e il più affascinante del gruppo dei Fantastici Quattro.

La prima apparizione del personaggio, come per tutti gli altri componenti del supergruppo, fu in Fantastic Four n.1 (novembre 1961). È morto in una delle battaglie del gruppo nella zona negativa[1].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Jonathan Storm non ebbe un'infanzia facile in quanto la madre morì in un incidente d'auto lasciando soli lui e sua sorella Sue. Questo tuttavia non impedì a Johnny di diventare un inguaribile corteggiatore e un amante delle macchine da corsa. La corsa più importante della sua vita fu quando salì assieme alla sorella nell'astronave di Reed Richards guidata da uno scontroso Ben Grimm. Il viaggio si rivelò un fallimento totale, i raggi cosmici colpirono i quattro donandogli dei poteri fantastici. Alla fine l'astronave fece un atterraggio d'emergenza, dopo essere atterrati si manifestarono i cambiamenti: Johnny poteva coprire il suo corpo di fiamme senza rimanere ustionato e lanciare fiammate. All'epoca aveva circa 16 anni.

Johnny inizialmente, tra mille avventure come la Torcia, continuava a studiare al liceo. Quando i Fantastici Quattro divennero eroi pubblici si trasferì nel Baxter Building e continuò per anni a essere un membro del gruppo, vivendo numerose avventure e diverse storie d'amore. Tra le più importanti c'è quella con Crystal degli Inumani, lunga e tormentata, terminata solo quando lei decise di sposare il Vendicatore Quicksilver. Johnny per un po' fu sposato con una skrull di nome Lyja (convinto che questa fosse in realtà Alicia Master, ex ragazza di Ben Grimm, della quale ne aveva assunto l'identità), ma il matrimonio fu annullato quando lui scoprì la vera natura di lei.

Agli inizi la sua rivalità con l'Uomo Ragno era una ossessione ricorrente: vedere il Ragno sulle prime pagine dei giornali al posto suo o accorgersi che gli altri eroi si fidavano più di lui, lo conduceva ad affrontare i nemici dell'Arrampicamuri per dimostrare che era meglio di lui o affrontare il tessiragnatele stesso. In seguito però tra i due, pressappoco coetanei, si sviluppò un'amicizia e del rispetto reciproco.

La Torcia affrontò assieme ad altri eroi la minaccia di Onslaught e finì assieme alla sua famiglia in un mondo parallelo inventato dal nipote Franklin Richards.

Dopo essere tornato dovette sostenere una battaglia contro il Celestiale dormiente e alla recita fatta da Reed per far credere che il Dottor Destino era lui. Reed impazzì e per poco non distrusse il suo matrimonio affermando che Sue era inutile come madre, dovette conquistare la fiducia di molti eccetto Johnny.

Quando un alieno arrivò sulla terra per usare Sue Storm come arma contro Galactus, Reed fece uno scambio di poteri tra Johnny e Sue. Così per un po' Johnny divenne un araldo del divoratore di mondi finché gli altri assieme a Quasar non lo salvarono.

Come membro dei Fantastici Quattro, Johnny è una star internazionale, fama che lui sfrutta per corteggiare belle ragazze o per partecipare a party esclusivi. Ha tutti gli atteggiamenti e i vizi dei Vip, e cerca sempre di farsi pubblicità per apparire su riviste famose o per tentare di sfondare nel cinema. Ma nonostante questo atteggiamento immaturo, da eterno "Peter Pan", nei panni della Torcia Umana si è sempre mostrato come un supereroe coraggioso e compagno di squadra affidabile.

House of M[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi House of M.

Quando Scarlet riplasmò il mondo fece sì che Johnny Storm fosse uno dei gladiatori che combattevano in un'arena guidando enormi robot con le sembianze dell'armatura di Iron Man. Il compito di questi spericolati piloti era intrattenere il pubblico con spettacolari duelli fra questi sofisticati robot, creati appositamente da Tony Stark e da suo padre.

Il suo posto nello shuttle fu preso da John Jameson, che morì con Richard e Sue a causa dei raggi cosmici mentre Ben fu trasformato in un essere che Victor Von Doom avrebbe ribattezzato Massa. Al posto della Torcia Umana esiste la Torcia Inumana, ossia Kristoff, figlioccio del Dottor Destino potenziato dal padre.

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Civil War (fumetto).

Dopo l'incidente di Stamford, Storm viene aggredito da una folla imbestialita contro gli eroi e, colpito alla testa, finisce in coma. Risvegliatosi dal coma, la Torcia Umana ritorna al Baxter Building ed assieme alla sorella iniziano a combattere dalla parte di Capitan America.

World War Hulk[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi World War Hulk.

Durante la guerra mondiale di Hulk, essendo Mister Fantastic uno degli obiettivi della vendetta del Golia Verde, la Torcia Umana si schiera dalla parte degli Illuminati e attacca Hulk, quando egli giunge al Baxter Building. Colpisce il nemico con un colpo a tutta forza della sua potentissima fiamma Nova (combinata ai fulmini a piena potenza di Tempesta) ma il Gigante di Giada sopravvive e stende Storm con i suoi fortissimi colpi.

Secret Invasion[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Secret Invasion.

Durante Secret Invasion, la Donna Invisibile si rivela uno Skrull e cerca di distruggere il Baxter Building. Johnny, però riesce a salvarsi proteggendo i nipoti Franklin e Valeria.

Dark Reign[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dark Reign.

Morte e ritorno[modifica | modifica wikitesto]

La "casa delle idee" ha deciso la morte della Torcia Umana, che è avvenuta nel numero 587 della testata Fantastic Four (uscito il 26 gennaio 2011 con data di copertina marzo 2011), annunciato anche come ultimo numero della serie che sarà sostituita dalla nuova testata: FF (acronimo di [The] Future Foundation).[2][3][4] La Fondazione Futuro scopre però che la Torcia Umana è vivo e che gli insetti impiantati in lui da Annihilus lo rianimarono. La Torcia Umana rimase sorpreso di scoprire che i suoi compagni di squadra avevano costituito la Fondazione Futuro senza la sua presenza.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

La Torcia Ultimate
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ultimate Torcia Umana.

La Torcia Umana compare anche in Ultimate Fantastic Four. Come tutti i personaggi Ultimate egli è molto ringiovanito, e dato che nei Fantastici Quattro originali poteva avere 22 o 23 anni all'inizio, qui ne dovrebbe avere circa diciotto o diciannove. Viene infettato da un mostro della zona N che una volta uscito da lui infetterà il Dottor Destino e porterà alla morte dei Fantastici Quattro zombi (vedi Marvel Zombi). Entra a far parte della cerchia di amici di Peter Parker e instaura una relazione con Liz Allen. Durante Ultimatum viene inizialmente dato per disperso e infine viene ritrovato dalla sorella e dall'amico Ben Grimm intrappolato nel medaglione di Dormammu, che ne assorbiva i poteri distruggendo la città.

Dopo Ultimatum, va a vivere a casa di Peter Parker, cioè Spider-Man.

MC2[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Universo alternativo MC2, in seguito alla (presunta) scomparsa di Susan Storm, in realtà gravemente inferma e sottoposta a cure nella Zona Negativa, ed alla trasformazione di Reed Richards nel cyborg "Big Brain" (in realtà un robot usato da Reed Richards per vegliare contemporaneamente sulla moglie inferma e sulla sua famiglia), Johnny Storm ha preso il comando dei "Fantastici Cinque", riappacificandosi con la consorte Lyja (che introduce nel team come "Ms. Fantastic") ed acquisendo una mentalità più matura. Inoltre, ha avuto un figlio dall'affascinante aliena, Torus Storm, che riunisce in sé i poteri di metamorfosi della madre e quelli di autocombustione del padre, nonché la determinazione materna ed il lato più impulsivo ed immaturo della personalità del giovane Johnny, con somma costernazione di entrambi i genitori.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Jonathan Storm riceve i propri superpoteri, come i suoi compagni dei Fantastici Quattro, in seguito a un accidentale bombardamento di raggi cosmici ed acquisisce la capacità di prendere fuoco volontariamente, in qualunque momento, attraverso la sostituzione dell'ATP presente nelle sue cellule con una sostanza di potenza maggiore che genera una fissione nucleare pulita, fino a raggiungere il calore di una nova che può raggiungere i 6000 °C di media, toccando i 500.000 °C come estremo. Il conseguente riscaldamento degli ioni dell'aria intorno al suo corpo gli conferisce anche il potere di volare a grandi velocità. Può assorbire qualsiasi quantità di calore, lanciare fiamme, creare oggetti di fuoco (da proiettili sferici fino a doppioni di sé per trarre in inganno i nemici) e scatenare serie esplosioni (sia esplosioni di piccola grandezza che esplosioni ancor più devastanti di quelle nucleari) .

Poiché i poteri della Torcia Umana sono legati alle fiamme, egli ne è privo in ambienti senza ossigeno. Se rimane a lungo infuocato, ha bisogno poi di tempo per rigenerare le proprie energie. Le sue fiamme non possono danneggiare l'adamantio. In alcune vecchie storie[senza fonte] si commise l'errore di far infiammare Johnny fuori dall'atmosfera terrestre, dove è noto che non vi è ossigeno.

Johnny ha dimostrato di possedere buone abilità di combattimento dovute ad allenamenti con l'amico Ben Grimm: è stato infatti in grado di sconfiggere l'Uomo Sabbia pur non potendo contare sui suoi poteri di Torcia[5] e di mettere in seria difficoltà Namor[6].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

La Torcia Umana apparve in quasi tutte le serie a cartoni animati dedicate al quartetto:

Nel 1978 fu prodotta una serie a cartoni animati sul quartetto dal titolo "Fantastic Four" dove il personaggio della Torcia Umana fu sostituito dal robottino H.E.R.B.I.E.

Il personaggio è apparso anche in Spider-Man: The Animated Series e in Marvel Super Hero Squad.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Marvel: La Grande Alleanza, Marvel: La Grande Alleanza 2, I Fantastici 4 (videogioco), Ultimate Spider-Man (videogioco), Spider-Man: Il Regno delle Ombre e Spider-Man (videogioco 2000).

La Torcia Umana è stato protagonista di numerosi videogiochi: Fantastic Four (1997), I Fantastici 4 (2005) e I Fantastici 4 & Silver Surfer (2007).

Il personaggio è apparso anche nel videogioco Spider-Man: The Animated Series, Spider-Man and Venom: Maximum Carnage, The Amazing Spider-Man 2, Spider-Man e Ultimate Spider-Man.

Viene menzionato anche in Spider-Man: Il Regno delle Ombre.

La Torcia Umana è giocabile anche in Marvel: La Grande Alleanza, Marvel: La Grande Alleanza 2, Marvel Nemesis: l'ascesa degli Imperfetti, Questprobe featuring the Human Torch and the Thing ed in un videogioco tutto proprio per Game Boy Advance dal titolo Fantastici 4: Flame On.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fantastic Four n. 587, marzo 2011.
  2. ^ (EN) Andy Khouri, Fantastic Four Get a New Name, New Costumes and an Old Spider-Man, ComicsAlliance, 9 febbraio 2011. URL consultato il 7 aprile 2011.
  3. ^ (EN) Albert Ching, Associated Press Spoils FANTASTIC FOUR #587 Hours Before Comic Goes on Sale, Newsarama, 25 gennaio 2011. URL consultato il 7 aprile 2011.
  4. ^ Alfredo Goffredi, Fantastic Four: the final issue, 28 gennaio 2011. URL consultato il 7 aprile 2011.
  5. ^ I Fantastici Quattro n.14, ottobre 1971, Editoriale Corno, La Torcia Umana contro l'Uomo Sabbia
  6. ^ I Fantastici Quattro n.9, luglio 1971, Editoriale Corno, La Torcia Umana contro Sub-Mariner
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics