Inumani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inumani
gruppo
Nome orig. Inhumans
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. dicembre 1965
1ª app. in The Fantastic Four n. 45 - I serie
Editore it. Editoriale Corno
app. it. in Fantastici Quattro n. 41
! Formazione

Gli Inumani (Inhumans) sono una specie immaginaria di individui geneticamente superiori agli esseri umani, nati dalla fantasia di Stan Lee (testi) e Jack Kirby (disegni) e pubblicati dalla Marvel Comics. Sono apparsi la prima volta nella collana The Fantastic Four (prima serie) n. 45, nel 1965.

La loro patria, la città di Attilan, è stata citata per la prima volta nel 1941 in Tuk the Caveboy, realizzato da Jack Kirby e incluso in Captain America Comics n. 1.

In seguito gli Inumani hanno avuto diverse serie e miniserie dedicate a loro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La razza degli Inumani nasce circa venticinquemila anni fa da una sperimentazione genetica effettuata dalla razza extraterrestre Kree sui terrestri. Il loro scopo era apparentemente quello duplice di trovare una soluzione alla loro stagnazione genetica e quello di creare una razza di mutanti dai grandi poteri che potessero essere usati come arma contro gli odiati Skrull. Nonostante gli esperimenti avessero avuto successo, i Kree abbandonarono le proprie creazioni al proprio destino. Gli Inumani, resi più evoluti del resto della popolazione umana, si organizzarono in una società isolata che sviluppò un'avanzata tecnologia. Anni più tardi, uno scienziato di nome Randac scoprì che l'esposizione alla sostanza chiamata nebbie terrigene era in grado di attivare il potenziale mutageno del genoma inumano, trasformandoli in individui con poteri e caratteristiche particolari. Non si tratta pertanto di mutanti naturali (come gli X-Men), ma di mutati. Da allora gli Inumani hanno iniziato a vedere l'esposizione alle nebbie, la cosiddetta Terrigenesi, come ad un rito religioso cui sottoporsi una volta raggiunta l'adolescenza.

Son of M[modifica | modifica wikitesto]

Negli eventi di Son of M, Quicksilver ruba i cristalli Terrigeni nel tentativo di riacquistare i suoi poteri e di curare mutanti depotenzianti dopo l'M-Day e si rifugia a Genosha. La famiglia reale Inumana subito si mobilita per recuperarli, venendo a scontrarsi con dei mutanti ripotenziati (i cui poteri sono tornati in modo incontrollabile, costringendoli alla resa e portando alcuni di loro alla morte). L'esercito degli Stati Uniti, temendo una rappresaglia inumana, confisca i cristalli. Questo atto, spinge Freccia Nera a dichiarare Guerra agli U.S.A.

Silent War[modifica | modifica wikitesto]

Per recuperare i cristalli, Gorgon guida un commando inumano a New York, finendo però per essere catturato e diventando una cavia per l'esercito che sta cercando di sfruttare le nebbie terrigene per potenziare i propri soldati. Per liberare il compagno, Freccia Nera attacca il Pentagono. In risposta, gli Stati Uniti mandano ad Attilan un commando di Marines potenziati dalle Nebbie. L'attacco però si rivela solo un diversivo per poter introdurre una bomba all'interno della città lunare. La mini serie termina con Attilan rasa al suolo e Maximus che, approfittando del difficile momento di Freccia Nera, diventa il nuovo re.

Secret Invasion[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Secret Invasion e Illuminati (fumetto).

Nelle prime fasi dell'invasione Skrull viene rivelato che Freccia Nera era stato sostituito da un impostore Skrull, mentre l'originale è prigioniero degli alieni mutaforma, che ne vogliono utilizzare la voce come arma finale. Scoperto ciò, il resto della famiglia reale, dopo aver respinto un attacco alla loro città, parte al salvataggio. Grazie all'aiuto dei Kree, con i quali stipulano un trattato di pace, Freccia Nera torna a casa come legittimo sovrano, preferendo però condividere il trono con il fratello Maximus.

War of Kings[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una vita passata da reietti, Freccia Nera decide di assicurare al suo popolo un futuro di grandezza. trasformata Attilan in una gigantesca nave spaziale, l'intera razza inumana si reca su Hala, capitale dell'impero Kree, prendendone il controllo politico. La loro leadership si scontra con le mire espansionistiche degli Shi'ar, guidati da Vulcan e tra i due imperi scoppia una sanguinosa guerra. Il conflitto termina con un confronto tra i due sovrani. Lo scontro genera una gigantesca faglia spazio-temporale, ma alla fine gli Inumani e i Kree sono i dominatori incontrastati.

Membri della razza Inumana[modifica | modifica wikitesto]

Esistono numerosi altri Inumani, ma pochi di questi hanno avuto un ruolo rilevante nei fumetti. Gli esponenti più famosi sono i membri della famiglia regnante di Attilan. Essa è composta attualmente da dieci individui.

Famiglia reale[modifica | modifica wikitesto]

Medusa, come sua sorella Crystal, è stata temporaneamente uno dei componenti dei Fantastici Quattro in sostituzione di Susan Storm.

Inumani secondari[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni, altri membri della razza inumana sono apparsi nell'Universo Marvel.

  • Aireo
  • Carthus
  • Devlor
  • Dewoz
  • Dinu
  • Falcona
  • Glytra
  • Iridia
  • Kalikya
  • Kurani
  • Leonus
  • Mala
  • Nadar
  • Marak
  • Nahrees
  • Neifi
  • Stallior
  • Telv
  • Thraxton
  • Timberius
  • Tonaja

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Le modifiche Kree hanno dato agli Inumani delle caratteristiche superiori. La loro vita media è di 150 anni e un individuo in buone condizioni fisiche possiede forza, tempo di reazione, velocità e resistenza di molto superiori a quelli umani. Raggiunta la maturità, ogni inumano viene esposto alle Nebbie Terrigene, che ne scatena la mutazione. La mutazione è imprevedibile, motivo per cui tutti gli esponenti della razza Inumana, sono tra loro molto diversi.

Base operativa[modifica | modifica wikitesto]

La base operativa degli Inumani è Attilan, che è anche la loro patria. Nel corso delle avventure ha subito vari eventi, come la miniaturizzazione, l'intrappolamento nella Zona negativa e il trasferimento sulla Luna, nella Zona blu. Quest'ultima è un'area immaginaria del satellite del pianeta Terra dell'Universo Marvel, in cui è possibile la vita grazie alla presenza di una bolla di ossigeno. Nella miniserie War of Kings, grazie alle modifiche di Maximus, la città si è trasformata in un'astronave in grado di navigare nello spazio grazie a dei motori alimentati dalla voce di Freccia Nera. Al momento Attilan si trova su Hala, pianeta madre dei Kree e nuova capitale dell'Impero.

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics