Oscuri Vendicatori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oscuri Vendicatori
gruppo
Gli Oscuri Vendicatori, disegnati da Mike Deodato Jr.
Gli Oscuri Vendicatori, disegnati da Mike Deodato Jr.
Universo Universo Marvel
Nome orig. Dark Avengers
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. marzo 2009
1ª app. in Iron Man e gli Oscuri Vendicatori n. 20
Editore it. Panini Comics - Marvel Italia
app. it. novembre 2009
Formazione

in passato

Capo/Leader Iron Patriot
Dark Avengers
fumetto
Speciale Lucca Comics 2009: Iron Man e gli Oscuri Vendicatori n. 20, disegnato da Mike Deodato Jr.
Speciale Lucca Comics 2009: Iron Man e gli Oscuri Vendicatori n. 20, disegnato da Mike Deodato Jr.
Autori
Disegni
Editore Marvel Comics
1ª edizione * marzo 2009–luglio 2010
Collanaed.
  • Dark Avengers (vol. 1) n. 1
Periodicità mensile
Albi 17 (completa) (1 Annual)
Rilegatura spillato
Editore it. Panini Comics - Marvel Italia
1ª edizione it. novembre 2009 – gennaio 2011
Collanaed. it.
  • Iron Man e i Potenti Vendicatori n. 20-34
  • Gli incredibili X-Men nn. 239-240
Albi it. 16 (completa)
Rilegatura it. spillato
Genere supereroi
« Il mio nome è Norman Osborn e approvo questi Vendicatori. »
(Iron Patriot)

Gli Oscuri Vendicatori (Dark Avengers) sono un supergruppo dell'universo Marvel, creato da Brian Michael Bendis (testi) e Mike Deodato Jr. (disegni), apparsi per la prima volta in Dark Avengers n.1 nel marzo 2009.

In seguito a Secret Invasion, Norman Osborn ottiene poteri speciali dal governo degli Stati Uniti d'America; decide allora di formare una sua squadra di Vendicatori, formata principalmente da supercriminali incalliti ai suoi ordini, che indossano i costumi e portano il nome di celebri supereroi.

La creazione degli Oscuri Vendicatori sono il primo passo del Dark Reign di Osborn.

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Appena investito del suo nuovo ruolo, Norman Osborn scioglie lo S.H.I.E.L.D. sostituendolo con l'organizzazione H.A.M.M.E.R., una nuova task force per il mantenimento della pace mondiale; una settimana dopo Osborn si impossessa della Stark Tower e dà vita ad una nuova formazione di Vendicatori ai suoi ordini.

Il nuovo team è formato da alcuni ex Thunderbolts come Bullseye, Moonstone e Venom, due membri della formazione precedente, Ares e Sentry, a cui si uniscono il ribelle kree Noh-Varr e il mutante nippo-canadese Daken.

Su suggerimento di Ares, Norman si accorge che alla sua formazione manca qualcosa, il carisma di una figura simbolica come Capitan America e Iron Man; così Osborn si impossessa di una delle armature di Tony Stark e, dipingendola con i colori patriottici della bandiera U.S.A. assume il comando della squadra con il nome in codice di Iron Patriot.

Così, facendo assumere ai suoi i costumi di celebri Vendicatori del passato, Osborn presenta alla stampa questa formazione:

Dopo Secret Invasion il dittatore dello Stato di Latveria Victor Von Doom viene riportato a casa dai Thunderbolts per ordine di Norman Osborn.

Una volta arrivato a casa Von Doom trova però ad aspettarlo la strega Morgana Le Fay, sua acerrima nemica. Parte subito uno scontro tra i due mentre, negli Stati Uniti, Osborn presenta ufficialmente i suoi Vendicatori.

Visto l'accordo di alleanza della Cabala creata da Norman Osborn, e di cui fa parte anche Von Doom, Norman Osborn e i suoi Vendicatori partono per la Latveria in aiuto di Doom.

La battaglia è molto difficile, i Vendicatori perdono quasi subito Sentry che viene fatto esplodere e scomparire nel nulla dalla strega, dopo che Sentry stesso la uccide decapitandola; la strega riesce a tornare poiché la stessa Morgana - ma di un'epoca passata - stava seguendo la battaglia e quindi decide, una volta che si è vista sconfitta, di viaggiare ed andare avanti nel tempo per poter continuare la battaglia. Norman Osborn e Victor Voon Doom decidono allora di usare una tattica simile, vanno indietro nel tempo grazie all'utilizzo della magia di Von Doom e fermano la Morgana del passato nel castello della strega nel 690 d.C. spedendola in Inghilterra un milione di anni AC. Quindi tornano nel presente. Nel frattempo i Vendicatori hanno sconfitto la Morgana del presente e si apprestano quindi a tornare a casa. Durante la battaglia in Latveria, negli Stati Uniti il Vendicatore Clint Barton è andato in diretta TV mondiale e senza mezzi termini ha accusato Norman Osborn di essere un pazzo criminale circondato da pazzi criminali.

Osborn decide di fissare un'intervista per controbilanciare la cosa; tuttavia, durante il ritorno un'esplosione attira l'attenzione dei Vendicatori che si trovano di fronte al loro elivelicolo niente meno che Sentry, si scopre quindi che quest'ultimo non è affatto morto.

In seguito Karla Sofen, dopo aver passato la notte con Noh-Varr gli rivela, senza pensare, che in realtà i Vendicatori messi insieme da Iron Patriot sono dei criminali spietati. Il Kree quindi decide di andarsene, senza dare spiegazioni. Tempo dopo, Osborn riesce a rintracciarlo e gli manda contro Sentry, ma l'alieno riesce a fuggire e l'intelligenza suprema Kree lo nomina protettore della Terra, come lo fu in passato il vero Capitan Marvel.

Utopia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Utopia (fumetto) e Utopia.

Per aumentare il potere a sua disposizione, Osborn crea la sua formazione di X-Men, gli Oscuri X-Men, sotto il comando di Emma Frost, sua socia nella Cabala. Nel gruppo sono presenti Mystica, Mimo, Bestia Nera, Arma Omega, Cloak e Dagger, Daken (membro degli Oscuri Vendicatori) e Namor, anch'egli membro della Cabala. Inoltre Osborn imprigiona ad Alcatraz Bestia e il Professor X, permettendo a Mystica di assumere le sue sembianze in televisione.

In seguito Bullseye e Daken litigano perché il figlio di Wolverine appartiene a due diversi team e si scontrano, ma vengono separati da Emma. Tutto sembra andare bene, finché gli X-Force non invadono Alcatraz per liberare i prigionieri e si battono con gli Oscuri X-Men. Durante lo scontro, Emma e Namor rivelano il loro doppio gioco e, mettendo fuori combattimento Daken e Mimo, fuggono insieme a Cloak e Dagger, che non vogliono più stare dalla parte di Osborn perché lo reputano un criminale. Ciclope, l'autore del piano, dichiara tramite una diretta televisiva l'indipendenza dei mutanti dal governo degli Stati Uniti. Norman Osborn, furioso per l'umiliazione, parte insieme agli Oscuri Vendicatori e agli Oscuri X-Men per sconfiggere definitivamente i mutanti.

Durante la battaglia, Osborn malmena violentemente Ciclope, Daken viene sconfitto da Pixie, X-23 e Corazza, Occhio di Falco affronta Arcangelo mentre Namor tiene occupato Sentry. Purtroppo gli X-Men sono superiori di numero e per vincere bisognerebbe ucciderli tutti, ma sarebbe impossibile, quindi Iron Patriot decide di ritirarsi insieme ai suoi compagni.

Post Utopia: Conflitto con l'Uomo Molecola[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Uomo Molecola.

Dopo gli eventi di Utopia, Ares scopre che suo figlio Alexander, alias Phobos (il dio greco della paura), fa parte dei Secret Warriors di Nick Fury, prendendo abbastanza bene la cosa, pur decidendo di rimanere dalla parte di Osborn, senza rivelare nulla su Fury.

In seguito, dopo la sparizione di due ragazze nella cittadina di Dinosaur, Iron Patrior si reca lì insieme agli Oscuri Vendicatori, ma viene improvvisamente separato dal gruppo e spogliato dalla sua armatura. Si trova faccia a faccia con Zarathos, Mefisto, l'Arcano, l'Incantatrice e il loro capo, uno degli esseri più potenti dell'universo, l'Uomo Molecola, alias Owen Reece; gli altri sono solo un'illusione creata da Molecola, per intimidire Osborn. Owen, controllando le molecole del suo cervello, fa avere a Norman visioni orribili e contemporaneamente sconfigge uno a uno tutti gli Oscuri Vendicatori: Sentry viene dissolto, Ares e Miss Marvel rimangono immobilizzati, Venom viene ridotto in una pozzanghera nera, Occhio di Falco e Daken si trasformano rispettivamente in acqua e in una pianta.

Sembra finita, ma improvvisamente Sentry ricompone le sue particelle e attacca con tutto il suo potere Molecola; dopo avergli fatto rimettere tutto a posto (il resto dei Vendicatori, le persone scomparse, ecc.), lo distrugge, manifestando un potere di controllo molecolare. Osborn e il resto del gruppo rimangono interdetti e Karla Sofen si impone come psicologa di Bob, per fare in modo che non gli succeda la stessa cosa successa a Scarlet.

Assedio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Assedio (fumetto).

Norman Osborn, sotto l'influenza di Loki, il Dio vichingo degli inganni, decide di attaccare con tutte le forze a disposizione Asgard, la dimora degli dei norreni, governata da Balder. Alcuni criminali al servizio di Hood (gli U-Foes), su ordine di Osborn, distruggono lo stadio di Chicago facendo ricadere la colpa su Volstagg, uno dei membri dei Tre Guerrieri. Norman riesce a convincere la popolazione che gli Asgardiani sono una minaccia e usa questa scusa per attaccarli.

Dopo aver radunato tutti i suoi alleati, gli Oscuri Vendicatori, H.A.M.M.E.R., l'Iniziativa, i Thunderbolts e il Sindacato dei Criminali di Hood, Iron Patriot parte per invadere Asgard. Durante l'attacco, l'esercito di Osborn sembra in vantaggio rispetto all'armata degli asgardiani, ma Ares si accorge che Osborn lo ha ingannato e che dietro all'assalto ad Asgard ci sono lui e Loki. Infuriato, il Dio della Guerra si scaglia contro Iron Patriot per eliminarlo, ma viene fermato da Sentry, che sotto l'influenza di Void e Osborn, lo apre in due, uccidendolo.

Nello stesso momento, irrompono sulla scena i Nuovi Vendicatori, i Giovani Vendicatori, Secret Warriors e i Potenti Vendicatori, guidati da Nick Fury e Capitan America, venuti in soccorso di Thor e degli Dei. Dall'altra parte del paese, il Presidente riconsidera la sua opinione contro Norman Osborn e i suoi alleati e ordina di farli arrestare. Durante la battaglia, i Vendicatori sconfiggono i criminali al servizio di Iron Patriot e la sua armatura viene messa fuori uso da Tony Stark, approdato nel conflitto grazie all'armatura portata da Speed; poco dopo sarà l'Uomo Ragno a dargli il colpo di grazia.

Ma Sentry è caduto totalmente nell'influenza di Void e distrugge Asgard. Poco dopo Loki sacrifica la propria vita per fermarlo. I Vendicatori riescono a farlo ritrasformare in Robert Reinolds, che supplica loro di ucciderlo, prima che uccida qualcun altro; Thor è costretto a togliergli la vita per fermarlo, come fece in passato con Wasp.

Dopo la battaglia, Norman Osborn e gli Oscuri Vendicatori vengono definitivamente imprigionati e Steve Rogers viene eletto nuovo capo dello S.H.I.E.L.D., dopo che l'atto di registrazione dei superumani viene abrogato.

Età degli eroi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Età degli eroi.

Dopo Assedio, gli Oscuri Vendicatori vengono incarcerati, tranne Daken, che riesce a fuggire. Victoria Hand, vice-direttore di H.A.M.M.E.R. entra a far parte dei Nuovi Vendicatori. In seguito, durante Shadowland, Bullseye scappa e cerca di affrontare nuovamente Devil, ma viene trafitto al cuore, come lui stesso, in passato, aveva trafitto Elektra.

Qualche tempo dopo Norman Osborn forma una nuova squadra, composta da

  • Trickshot alias Barney Barton, il fratello di Occhio di Falco
  • June Convington, nei panni della strega Scarlet
  • Ragnarok, il clone - robot di Thor
  • Skaar, il figlio di Hulk
  • Ai Apec, il dio - ragno
  • Superia, nei panni di Ms Marvel

Dopo lo scontro con i Thunderbolts di Luke Cage, John Walker stava portando i criminali al Raft, il carcere di massima sicurezza per i superumani, ma il jet su cui stavano viaggiando viene assorbito da un misterioso portale che li porta in una terra dalla realtà distorta. Guidati da Walker, guarito dalle proprie menomazioni e tornato al ruolo di U.S.Agent, e con l'aggiunta di Moonstone (tornata ad indossare il costume da Ms. Marvel) il team torna a casa e decide di restare unito in cerca del proprio riscatto.

Versione Ultimate[modifica | modifica sorgente]

Nell'Universo Ultimate, il personaggio di Kang la Conquistatrice forma un gruppo denominato Ultimates Oscuri (Dark Ultimates) unendo Reed Richards, Hulk e Quicksilver, allo scopo di rubare il Guanto dell'Infinito.

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics